Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

martedì 13 dicembre 2022

News, regalo di Natale: nuovo Prefetto modernista al Dicastero per la Dottrina della Fede?

Nostre fonti "in altissimo loco" ci confermerebbero ora (ma sappiamo che il S. Padre è imprevedibile fino all'ultimo) che il prossimo Prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede sarà Mons. Heiner Wilmer (qui), attuale Vescovo di Heildsheim, in sostituzione dell'attuale Prefetto Card. Luis Francisco Ladaria Ferrer, in prorogatio dal 1° luglio 2022.
Teologo,  dehoniano, molto conosciuto per le sue idee ultra progressiste, è arrivato ad affermare, in una delirante intervista sul Kölner Stadt-Anzeiger del 14 dicembre 2018 (qui da leggere tutta, soprattutto le risposte sul teologo Eugen Drewermann - spretato -, condannato dalla Chiesa: "Eugen Drewermann è un profeta del nostro tempo misconosciuto dalla Chiesa"), che "l'abuso di potere è nel DNA della Chiesa", tesi assurda ed eretica.
Purtroppo, se fosse confermato, questo sarebbe un pessimo regalo di Natale da parte di S. Marta, viste anche la sua approvazione alle posizioni ultra progressiste sostenute nel famigerato "sinodo" che si sta svolgendo in Germania.
Più che il Tempo di Natale per la Chiesa sembra che si stia entrando in un inverno inoltrato.
Luigi

19 commenti:

  1. La tradizione apostolica e il magistero perenne della Chiesa non si possono mettere in discussione perché in essi è racchiuso il pensiero di Cristo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto vale anche per il magistero di francesco

      Elimina
    2. se il "magistero" di francesco non è in accordo col magistero precedente *deve* essere messo in discussione

      Elimina
  2. Quando sarà confermato? Su quali fonti basano le loro informazioni?

    RispondiElimina
  3. Mi sembrano cose impossibili.

    RispondiElimina
  4. Si sta configurando sempre più chiaramente l'apostasia prevista dalla Chiesa stessa nel n.675 del Catechismo.

    RispondiElimina
  5. Senza il puparo i pupi non ballano......

    RispondiElimina
  6. Come per altri suoi famigerati similari non posso fare a meno di chiedermi perché questo personaggio debba per forza far parte della Chiesa Cattolica. Vada in qualche setta protestante che nel dna non abbia l’abuso di potere e non ci rompa le scatole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la stessa cosa che dico da anni ai tradizionalisti, ma loro si ostinano a dire di essere cattolici!

      Elimina
    2. la frase sull'abuso di potere era volutamente provocatoria e volta a stimolare una riflessione: nell'articolo lui concretamente chiede di istituire una serie di 'bilanciamenti e controlli' da parte dei laici al potere dei vescovi, che nel passato esistevano ed ora non più
      teoricamente mi trovo d'accordo, ma nell'applicazione concreta ho dei timori

      Elimina
    3. Dici che i tradizionalisti si ostinano a dirsi cattolici . Quindi secondo te i cristiani prima del cv2 non erano cattolici.Ti rendi conto di quello che scrivi ?

      Elimina
    4. i tradizionalisti di adesso non sono rappresentativi dei cristiani prima del Concilio, o al massimo sono eredi di quell'era, come lo sono gli altri cattolici

      Elimina
  7. Notizia inquietante. Bisogna pregare per una buona nomina del prefetto del DDF

    RispondiElimina
  8. Un decennio fa Muller, al momento della sua nomina alla CDF, venne accusato di essere un eretico
    Sappiamo tutti come è finita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gliene dissero di cotte e di crude, ricordo benissimo. Adesso sembra un campione della tradizione.

      Elimina
  9. Ma come vi permettete di giudicare la fede delle persone?
    C'è più apostasia in questi commenti...

    RispondiElimina
  10. Grazia a Dio, um vescovo inteligente, culto e santo. Dio benedica. Bello regalo do Natale.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione