Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

sabato 24 dicembre 2022

Gli orrori di p. Rupnik. Continua la descrizione. Lettera della ex suora "Anna" al Vaticano: esclusiva di Diane Montagna

Pubblichiamo l’articolo di Diane Montagna, su The Remnant, in cui si descrivono gli orrori di p. Rupnik e si pubblica copia della lettera originale con cui la ex suora (presunta vittima di p. Rupnik) il 5 giugno 2022 aveva inviato alla S. Sede e ai Gesuiti per chiedere conto della propria denuncia contro il gesuita e del perchè non fossero stati presi provvedimenti nei suoi confronti.
Sulla copertura di questa vicenda vedere, su La Nuova Bussola Quotidiana, QUI sulla conferma degli esercizi a Loreto, QUI su come è diventato “artistar”, QUI un editoriale del direttore Cascioli sul surreale Comunicato del Card. De Donatis.
QUI un'analisi di Marco Tosatti.
Se pensano che questa vicenda cada nel dimenticatoio si sbagliano di grosso.
QUI i post pubblicati sul caso Rupnik da MiL.
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi


ESCLUSIVO: La presunta vittima di Rupnik scrive una lettera aperta
ai Gesuiti e al Vaticano
Diane Montagna, The Remnant, giovedì 22 dicembre 2022

CITTÀ DEL VATICANO - The Remnant ha ottenuto una copia di una lettera inviata sei mesi fa da una presunta vittima dell'artista gesuita Padre Marko Ivan Rupnik ai vertici della Chiesa, in cui si chiedeva perché non fosse stato preso alcun provvedimento, visto che il sacerdote sloveno continuava a essere considerato un insegnante affidabile nella Chiesa.
La lettera, datata 5 giugno 2022 e inviata da un'ex religiosa chiamata con lo pseudonimo di Anna - che all'inizio di questa settimana ha rilasciato un'intervista esplosiva ai media italiani descrivendo nei dettagli la portata delle depravazioni che avrebbe subito - è stata indirizzata al superiore generale dei Gesuiti, Padre Arturo Sosa, e inviata in copia a 17 leader della Chiesa e funzionari del Vaticano.
Tra questi, il cardinale gesuita Luis Ladaria, prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede, il cardinale Angelo De Donatis, Vicario di Roma, e il vescovo gesuita Daniele Libanori, Vescovo Ausiliare di Roma che la Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) ha incaricato di condurre un'indagine preliminare sulla comunità religiosa co-fondata da padre Rupnik.
La lettera è pubblicata integralmente di seguito con il permesso della vittima.

Anna inizia la sua missiva sottolineando che sta cercando "ancora una volta di rompere il cerchio del silenzio e dell'esclusione in cui mi sono trovata per molti, troppi anni: ventotto, dopo la mia prima denuncia di costrizione e abuso psico-fisico-spirituale, subiti nella mia relazione con Padre Marko Rupnik".

"Sono sconcertata dal fatto che nonostante le gravi accuse che gli sono state rivolte, e per le quali sono stata chiamata a testimoniare nuovamente, Padre Rupnik continui a tenere conferenze in giro per l'Italia e a postare le sue catechesi su YouTube", ha proseguito la donna, citando un ritiro che il gesuita sloveno ha tenuto per i sacerdoti a Larino, in Italia, il 10 maggio 2022 (vedi altri esempi QUI).

Nell'intervista rilasciata il 18 dicembre ai media italiani, Anna aveva descritto i nove anni di abusi subiti come una "discesa all'inferno" e aveva detto che "l'ossessione sessuale di Padre Rupnik non era estemporanea, ma profondamente legata alla sua concezione dell'arte e al suo pensiero teologico".

Nella sua lettera di giugno, la donna ha scritto: "Chiedo alla Chiesa di vedere la mia sofferenza" e ha aggiunto: "Come vittima e come cristiana, sento il dovere di perdonare Padre Rupnik, ma allo stesso tempo ho diritto a una parola di verità da parte della Chiesa sui fatti riportati".

Ha concluso la sua lettera dicendo: "Sono confortata dal desiderio di trasparenza più volte dichiarato dalla Chiesa riguardo a questioni come quelle che ho subito, e attendo una risposta".

La lettera, inviata per posta certificata sei mesi dopo aver testimoniato su richiesta del vescovo Libanori durante un'indagine preliminare della CDF, non ha ricevuto alcuna risposta.

Quattro mesi dopo, nell'ottobre 2022, il caso è stato archiviato dopo la decisione di non procedere per prescrizione, nonostante padre Rupnik fosse stato scomunicato temporaneamente nel maggio 2020 per il reato di aver usato il confessionale per assolvere una donna con cui aveva avuto rapporti sessuali.

Mons. Libanori aveva scoperto i presunti abusi seriali quando la CDF (ora Dicastero per la Dottrina della Fede - DDF) lo aveva inviato in Slovenia per indagare sulla comunità religiosa a cui Anna apparteneva dal 1987 al 1994.

Nella sua deposizione, resa il 10 dicembre 2021, l'ex religiosa ha raccontato "gli eventi dolorosi che mi hanno ripetutamente gettato nella disperazione fino al punto di cercare la morte fuggendo dalla Comunità".

"A quel tempo, non potevo immaginare che ci fossero così tante altre sorelle coinvolte negli abusi", afferma.

Seconda lettera

Oltre alla lettera di Anna, The Remnant ha ottenuto anche una seconda missiva inviata agli stessi dirigenti della Chiesa da un'altra ex religiosa della stessa comunità, che chiamiamo "Teresa" per proteggere la sua identità. La donna ha dichiarato di essere stata "indirettamente" coinvolta nelle denunce presentate contro padre Rupnik e ha confermato le affermazioni di Anna.

Anna ha confermato l'autenticità della seconda lettera.

Nella lettera di Teresa, indirizzata al cardinale Ladaria con copia a Padre Sosa e agli stessi destinatari della lettera di Anna, scrive che grazie al suo ruolo nella comunità è venuta a sapere che Padre Rupnik "stava sfruttando il suo ruolo di confessore e padre spirituale per stabilire, attraverso la manipolazione, relazioni intime di natura sessuale".

In quell'occasione, ha detto di essere "venuta gradualmente a conoscenza di un numero sempre maggiore di suore coinvolte in questa relazione malsana, a causa della quale molte di loro hanno avuto la vita distrutta".

In una dichiarazione sorprendente, scrive: "All'epoca dei fatti raccontati, a mia conoscenza, di tutte le sorelle con voti, almeno la metà era coinvolta in questo tipo di relazione con Padre Rupnik".

La pubblicazione della lettera di Anna arriva pochi giorni dopo che l'Associated Press ha riportato una lettera che il vescovo Libanori ha scritto ai sacerdoti di Roma, dicendo che le vittime di Padre Rupnik meritano di essere credute, che la verità completa deve ancora emergere e che coloro che hanno protetto Padre Rupnik devono farsi avanti.

"Le persone ferite e offese, che hanno visto la loro vita rovinata dal male subito e dal silenzio complice, hanno il diritto di veder restituita la loro dignità anche pubblica ora che tutto è venuto alla luce", ha scritto Mons. Libanori. "Noi Chiesa abbiamo il dovere di fare un serio esame di coscienza, e i responsabili devono riconoscerlo e chiedere umilmente al mondo di perdonare lo scandalo".

Qui di seguito, con il permesso della vittima, è riportata una copia della lettera originale, insieme a una traduzione in inglese. L'originale è stato redatto per proteggere la sua identità.

***
 [Traduciamo la lettera predisposta in inglese da Diane Montagna, l'originale in italiano sotto in foto]

Da:
[Nome]

A:
P. Arturo Sosa Abascal, S.J., Superiore Generale della Compagnia di Gesù

CC:
Cardinale Luis Ladaria, S.J., Prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede
P. Benjamin Earl, Procuratore generale OP
Card. Angelo De Donatis, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma
Padre Johan Verschueren, S.J., Delegato delle Case Interprovinciali di Roma
Sua Eccellenza il Rev.mo Daniele Libanori, S.J.,
P. Benoît Malvaux, S.J., Procuratore della Compagnia di Gesù
P. Roberto Del Riccio, S.J., Superiore Provinciale della Provincia Euro-Mediterranea
P. Hans Zollner, S.J., Preside dell'Istituto di Antropologia
Monsignor John Joseph Kennedy, Segretario della Sezione Disciplinare del Dicastero per la Dottrina della Fede
Sua Eccellenza il Rev.mo Stanislav Zore, OFM, Arcivescovo di Lubiana, Slovenia
Padre Miran Žvanut, S.J., Provinciale della Compagnia di Gesù in Slovenia
Maria Campatelli, Direttrice del Centro Aletti
Padre Milan Žust, S.J., Superiore della Residenza della Santissima Trinità (Centro Aletti)
Padre Marko Rupnik, S.J., Centro Aletti, Roma
Padre Ivan Bresciani, S.J., Centro Aletti, Roma
Michelina Tenace, Centro Aletti
Marina Štremfelj, Equipe Santa Severa - Centro Aletti
Manuela Viezzoli, Centro Aletti
Reverendo Padre Generale

Mi chiamo [NOME], sono nata a [CITTÀ] il [DATA DI NASCITA]. Scrivo questa lettera aperta per cercare ancora una volta di rompere il cerchio del silenzio e dell'esclusione in cui mi trovo da tanti, troppi anni: ventotto, dopo la mia prima denuncia di costrizione e abuso psico-fisico-spirituale, subiti nella relazione con p. Marko Rupnik.

Sono sconcertata dal fatto che, nonostante le gravi accuse che gli sono state rivolte, e per le quali sono stata chiamata a testimoniare nuovamente, p. Rupnik continui a tenere conferenze in giro per l'Italia e a pubblicare le sue catechesi su YouTube. Questa triste realtà mi fa dubitare di essere stata creduta. Ho il bisogno di sapere - credo sia legittimo, dopo tante sofferenze - se la Chiesa considera p. Rupnik un maestro affidabile.

Sembrerebbe di sì, visto che nel maggio di quest'anno ha tenuto una conferenza su "La creatività nel sacerdozio e nel matrimonio" - lo stesso uomo che mi ha costretto, con pressioni e ricatti, a fare cose che ho denunciato tempestivamente e nella sede appropriata. È con estrema difficoltà che ancora oggi scrivo della mia esperienza, ma sento il dovere morale, per quanto mi è possibile, di aiutarvi a capire il suo livello di pericolosità.

Circa un anno fa p. Daniele Libanori SJ, vescovo ausiliare di Roma, mi ha chiesto, in seguito al commissariamento della Comunità religiosa di cui sono stata membro dal 1° ottobre 1987 al 31 marzo 1994, se fossi disposta a testimoniare sulle manipolazioni e gli abusi fisici, psicologici e spirituali che ho subito nel rapporto con p. Marko Rupnik SJ come direttore spirituale e confessore. Mi riferisco alla mia relazione e testimonianza rilasciata durante l'indagine preliminare per la CDF il 10 dicembre 2021 - il racconto degli eventi dolorosi che mi hanno ripetutamente gettato nella disperazione fino al punto di cercare la morte fuggendo dalla Comunità.

A quel tempo, non potevo immaginare che ci fossero tante altre sorelle coinvolte negli abusi. Dopo la mia prima denuncia, nessuno mi aiutò, né la Comunità, né l'Arcivescovo di Lubiana di allora, né p. Tomaš Špidlik, SJ, direttore spirituale di p. Rupnik, con il quale parlai e cercai di spiegare cosa stava succedendo. Tutti loro - oltre a p. Špidlik c'erano anche i padri gesuiti che erano i diretti superiori di p. Rupnik e coloro che erano a conoscenza dei fatti - decisero di coprire tutto con una coltre di silenzio. È stato facile perché ero troppo malata e completamente sola.

Per questi motivi è stato difficile e doloroso ricordare e testimoniare la mia esperienza con p. Rupnik, e per questi motivi oggi chiedo alla Chiesa di vedere la mia sofferenza.

Non ho alcun desiderio di vendetta per ciò che ho subito, ma un'aspettativa di giustizia per una persona di vent'anni, studentessa di medicina, che ha visto la sua vita irrimediabilmente stravolta.

Sono passati mesi da quando, con dolore e fatica, ho reso la mia deposizione, e vedo p. Rupnik continuare nel suo ruolo di maestro nella Chiesa.

Come vittima e cristiana, sento il dovere di perdonare p. Rupnik, ma allo stesso tempo ho diritto a una parola di verità da parte della Chiesa sui fatti riportati.

In conclusione, vorrei esprimere la mia profonda preoccupazione che p. Rupnik possa fare del male a qualcuno.

Sono confortata dal desiderio di trasparenza più volte dichiarato dalla Chiesa riguardo a questioni come quelle che ho subito, e attendo una risposta.

In fede, [NOME]

Originali italiani qui sotto:






1 commento:

  1. Il silenzio del Papa e la defesa del suo vicario. Vergogna

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione