Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

sabato 17 settembre 2022

Quale futuro per la Messa tradizionale? #traditioniscustodes

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 883 pubblicata da Paix Liturgique l’8 settembre 2022.
Sabato 24 settembre si terrà a Parigi una conferenza organizzata da importanti associazioni cattoliche tradizionali, che darà voce ai molti fedeli «cattolici che desiderano fortemente non essere espropriati dei riti liturgici che hanno santificato i loro padri e che trovano nella liturgia tradizionale il nutrimento della propria anima e il mezzo della propria santificazione».
Nella intervista che segue, Jean-Pierre Maugendre, presidente di Renaissance catholique (una delle associazioni organizzatrici), prendendo spunto dal programma della conferenza, evidenzia le criticità dei (fallimentari e falliti) tentativi di far scomparire la Santa Messa tradizionale, la cui difesa è «difesa del bene comune della Chiesa».

L.V.

Colloquio a Parigi sabato 24 settembre
Intervista con Jean-Pierre Maugendre

Seguendo l’offensiva lanciata lo scorso anno da Traditionis custodes, il 24 settembre si terrà a Parigi, presso la Maison de la Chimie, rue saint Dominique 28 bis, un colloquio organizzato da Renaissance catholique e sostenuto da Una Voce, Oremus-Paix liturgique, Lex Orandi, Notre Dame de Chrétienté. Abbiamo intervistato il nostro amico Jean-Pierre Maugendre, presidente di Renaissance catholique, a proposito di questo vasto forum in cui i cattolici affezionati alla Messa tradizionale, di cui si sta cercando di eliminare l’uso, faranno sentire la loro voce.

Louis Renaudin - Qual è il contesto di questo simposio sul futuro della Messa tradizionale?

JEAN-PIERRE MAUGENDRE - La notizia recente di questo colloquio è, ovviamente, la promulgazione, e poi l’attuazione, del motu proprio Traditionis custodes, il cui obiettivo dichiarato è quello di procedere alla scomparsa di tutte le forme liturgiche precedenti alla riforma del 1969. Questo desiderio lascia stupiti per tre motivi. In primo luogo, i risultati della riforma liturgica non sembrano essere così positivi e meravigliosi da far sì che qualsiasi altra forma liturgica del rito romano, specialmente quella che ha santificato la Chiesa per secoli, debba essere disdegnata e ostracizzata. In secondo luogo, da più di cinquant’anni questa riforma liturgica è oggetto di interrogativi dottrinali che attendono ancora risposte. L’argomento che consiste nel ripetere: “La liturgia data dalla Chiesa non può essere carente” (La Nef n. 350, settembre 2022) sembra un po’ corto. Infine, questa intenzione di rompere con la Tradizione della Chiesa segna un chiaro cambiamento con la politica di Benedetto XVI su questo tema e molto probabilmente segna la morte della cosiddetta ermeneutica della continuità cara al Papa emerito. Sembra difficile uscire dal seguente dilemma: o la riforma liturgica è in continuità con le forme liturgiche precedenti, e non c’è motivo di ostracizzare queste forme antiche, che sarebbero in ritardo di soli cinquant’anni, che non sono molti nella storia della Chiesa. Questa era la posizione di Benedetto XVI. O la riforma liturgica del 1969 è manifestazione di una nuova ecclesiologia, o addirittura di una nuova concezione della Messa, quella della “Chiesa conciliare”, per usare la famosa espressione del cardinale Benelli, e allora è perfettamente coerente il desiderio di veder scomparire una liturgia portatrice di un’altra ecclesiologia e teologia. Questa è la posizione di Papa Francesco. Non c’è una via d’uscita logica a questa alternativa. La Messa tradizionale, che avrebbe dovuto scomparire, spazzata via dal diluvio impetuoso ed entusiasta della “nuova Pentecoste della Chiesa”, non è scomparsa. Al contrario, nel campo di macerie dottrinali, morali e liturgiche che è diventata la Chiesa post-conciliare, essa suscita l’infatuazione di molti giovani, chierici e laici, presi dalla sua bellezza e trascendenza, dalla coerenza e dall’esigenza che anima la loro vita attraverso di essa.

Louis Renaudin - Qual è l’obiettivo di questa conferenza?

JEAN-PIERRE MAUGENDRE - L’obiettivo di ogni conferenza è alimentare le riflessioni, trasmettere informazioni, confrontarsi e condividere esperienze. È quello che cerchiamo di fare, sapendo che molti dei nostri contemporanei, cattolici o meno, praticanti o meno, “trad” o meno, stanno facendo la loro parte per cogliere gli aspetti positivi della situazione attuale che, vista da lontano, appare un po’ surreale: il mondo tradizionale è una delle rare componenti della Chiesa e l’unica che suscita un interesse così attivo da parte della gerarchia ecclesiastica. È vietata la Messa tradizionale, ma è tollerato quello che Padre Lorans chiamava “rito nautico”, cioè il sacerdote che celebra la Messa in mare con un materiale gonfiabile come l’acqua. Gli stand delle associazioni organizzatrici: Una Voce, Lex orandi, Notre-Dame de Chrétienté, Renaissance catholique e Oremus-Paix liturgique accoglieranno i partecipanti. Una grande libreria religiosa offrirà libri sulla spiritualità, la Messa e la crisi liturgica. In questo giorno, le Edizioni Contretemps pubblicheranno l’ultimo libro di mons. Schneider: La Messa cattolica: La Messa cattolica. Rimettere Dio al centro della liturgia. Un’opera molto dottrinale e di rara elevazione spirituale.

Louis Renaudin - Qual è il programma e chi saranno i relatori?

JEAN-PIERRE MAUGENDRE - Abbiamo cercato di trattare l’argomento in modo pedagogico e allo stesso tempo il più completo possibile. Il canonico Alban Denis, dell’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote, aprirà questo colloquio ponendo i dibattiti al loro vero livello: la Messa tradizionale, cibo per le nostre anime. Probabilmente non è incongruo ricordare qui che questo colloquio doveva inizialmente svolgersi nella chiesa di Saint Odile con la celebrazione della Santa Messa. Il parroco ci ha avvertito alla fine di luglio che “Monsignor Ulrich stesso ha chiesto di non ricevervi”. Vedete, con lui è per motivi suoi. La mia lettera al vescovo Ulrich per chiedere un incontro e informazioni su queste “giuste ragioni”, in un momento in cui il Papa ci invita a “incontrare, ascoltare, discernere”, è rimasta finora senza risposta.

Daremo poi uno sguardo alla storia con Cyril Farret d’Astiés, autore di “Un heureux anniversaire? Essai sur les cinquante ans du missel de Paul VI”, che sarà intervistato da Victoire De Jaeghere. Il tema sarà: “Storia della massa proibita (1969-2022)”.

Philippe Darantière, presidente di Lex orandi, condurrà poi una tavola rotonda con relatori provenienti da tutta la Francia che presenteranno lo stato della celebrazione della Messa tradizionale nelle loro diocesi. Verrà discussa la situazione a Grenoble, Le Mans, Bordeaux, Parigi, Versailles, ecc.

Una pausa pranzo permetterà di continuare gli scambi prima che Jean-Pierre Maugendre, di Renaissance catholique, cerchi di rispondere alla domanda: Che cos’è il tradizionalismo? La risposta si può riassumere in poche parole: una fedeltà. Una resistenza. La sofferenza.

Poi Cyrille Dounot, dottore in legge e laureato in diritto canonico, sarà interrogato da Jeanne Smits su un tema legittimo e cruciale: L’obbedienza nella Chiesa: cieca o lungimirante?

Infine, una tavola rotonda guidata da Laurent Dandrieu riunirà Yves Chiron, storico e autore di Histoire des traditionalistes, Luc Perrin, dottore in storia e docente di storia della Chiesa, l’abbé Barthe, vaticanologo e autore di diverse opere sulla liturgia, e l’abbé Grégoire Celier della Fraternità San Pio X. Il tema di questi eminenti relatori sarà: Mezzo secolo di riforme liturgiche. Valutazione e prospettive.

Infine, Jean de Tauriers, presidente di Notre-Dame de Chrétienté, trarrà le conclusioni di questa giornata. Una giornata di studio e preghiera, di incontri e scambi, ma anche di mobilitazione per la difesa del bene comune della Chiesa, la liturgia romana tradizionale.

Louis Renaudin - Concretamente?

JEAN-PIERRE MAUGENDRE - Il successo di questa giornata ci sembra importante per mostrare la determinazione dei cattolici che desiderano fortemente non essere espropriati dei riti liturgici che hanno santificato i loro padri e che trovano nella liturgia tradizionale il nutrimento della propria anima e il mezzo della propria santificazione. Nell’ultimo anno molti chierici e comunità religiose si sono pronunciati. È tempo che i laici, a loro volta, partecipino a questi dibattiti, soprattutto in un momento in cui si promuove la Chiesa sinodale… Speriamo che i fedeli e i sacerdoti non direttamente interessati dalle restrizioni della Traditionis custodes sostengano, con le loro preghiere e la loro presenza, i loro fratelli e sorelle perseguitati per la loro fedeltà alla stessa fede e agli stessi sacramenti. San Paolo ci esorta a questo nella prima lettera ai Corinzi: “Se un membro soffre, tutte le membra soffrono con lui” (1 Cor., 12, 26).

La conferenza si terrà sabato 24 settembre dalle ore 9:30 alle ore 18:00 presso la Maison de la Chimie, rue Saint Dominique 28 bis, 75007 Parigi. Si raccomanda vivamente di registrarsi in anticipo sul sito web: renaissancecatholique.fr. Per consentire il più ampio accesso possibile a questo evento, abbiamo stabilito una tariffa d’ingresso molto moderata, in particolare 10 euro per gli studenti. Questi prezzi non coprono gli ingenti costi di noleggio. Tutte le donazioni sono benvenute, sullo stesso sito. Ci auguriamo di vedere molti di voi a Messa, per la Chiesa, per Cristo.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione