Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 22 settembre 2022

La nostra Cattedrale non è una palestra! I fedeli di Metz invitano ad una preghiera di riparazione

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 885 bis pubblicata da Paix Liturgique il 16 settembre 2022, in cui si racconta che lunedì 5 settembre, dalle ore 19:00, (mons. Philippe Ballot, nuovo Vescovo di Metz, ha preso possesso della Cattedrale il giorno precedente) la Cattedrale di Santo Stefano a Metz, capolavoro del Neogotico, è stata stravolta e destinata ad accogliere la serata di presentazione ufficiale della squadra femminile di pallamano Dragonnes
Come descritto sul sito della squadra, la serata condotta da Guy Keckhut, con ingresso gratuito e prenotazione del posto obbligatoria (200 posti disponibili), ha visto i discorsi delle autorità civili e religiose, la sfilata delle pallavoliste in abbigliamento sportivo e da sera, intermezzi musicali a cura della Maîtrise de la Cathédrale de Metz e, infine, il coro delle Dragonnes ha eseguito due brani.
Immediata è stata la giusta indignazione dei fedeli, che hanno organizzato una pubblica preghiera in riparazione del sacrilegio compiuto nella loro cattedrale, che purtroppo costituisce una tappa importante nella scristianizzazione della diocesi lorenese, il cui seminario interdiocesano, all’inizio dell’anno accademico 2021, ha chiuso e gli ultimi 17 seminaristi si sono trasferiti vicino a Parigi.

L.V.

I fedeli di Metz invitano ad una preghiera di riparazione sabato 17 settembre alle ore 11:00

Il 5 settembre, il giorno dopo l’insediamento del nuovo vescovo di Chambéry, Mons. Ballot, la Cattedrale di Metz è stata privatizzata e chiusa ai fedeli prima del solito, la sera, per ospitare… la serata di presentazione della nuova squadra femminile di Pallamano di Metz, le Dragonnes, senza il nuovo vescovo, ma con l’aiuto del clero di Metz, del sindaco di Metz, François Grosdidier, e del presidente del dipartimento della Mosella, Patrick Weiten.

L’autocelebrazione dell’evento da parte delle autorità civili, dei media e della diocesi contrasta con il sentimento di indignazione che prevale tra i fedeli e la popolazione di Metz – visibile in particolare nelle reazioni sui social network alle pubblicazioni ditirambiche.

Su iniziativa dei fedeli di Metz, il 17 settembre alle ore 11 si terrà un raduno e una preghiera di riparazione davanti alla cattedrale.

Il sensum fidei sconvolto dall’uso della cattedrale come teatro

Sotto le pubblicazioni apertamente ditirambiche delle autorità locali, del club di pallamano e di vari membri del clero locale – curiosamente, non c’è nulla sull’evento sulla pagina Facebook della diocesi – le reazioni dei fedeli di Metz sono molto meno lusinghiere. Una selezione.


Non sono d’accordo. La cattedrale non è fatta per questo tipo di eventi. Forse sono retrò… o forse non ho capito”, ha scritto Patrick R, sostenuto da altre tre persone sotto il suo commento. “La pallamano nella cattedrale, ho dei problemi”, ha reagito Christine. “Bella iniziativa ma non è il posto giusto! Una cattedrale non è fatta per questo, non è un teatro”, ha scritto Pierre L. “Sto sognando o cosa? Perché non facciamo le partite anche lì?”, dice Serge T.


Un giorno accolgono il nuovo vescovo e il giorno dopo sfilano in abiti sportivi”, si stupisce Jean-Louis M., “Incomprensibile. Non sono affatto d’accordo. Questo è un luogo sacro”, ha reagito Marie-Thèrèse B. sotto la pubblicazione della città di Metz sull’argomento. “I valori dello sport sono il rispetto delle regole! A Metz la pallamano si gioca nell’Arena, non nella Cattedrale”, ha reagito Louis Marie. “M’sieur le Maire, la prossima volta penserà a fare le sue stupidaggini altrove”, consiglia Amir J.


Ma domenica abbiamo assistito alla messa di insediamento del nostro nuovo vescovo, e poi questo? No, mi dispiace, ma le chiese e le cattedrali non sono fatte per questo, così come altri luoghi di culto, per rispetto. Sono luoghi di preghiera e di sacralità, non luoghi di intrattenimento. Per questo c’è lo stadio, che sarebbe stato perfetto per questo tipo di evento”, dice Marie-Reine. “Non ci sono più palazzetti dello sport a Metz? Sono davvero scioccata dall’utilizzo di un luogo di culto per questo tipo di evento”, chiede Danièle.


Sono curioso di sapere chi ha avuto questa idea stupida e irrispettosa di organizzare questo tipo di evento in questo luogo sacro di culto. Suggerisco al municipio che i prossimi eventi di questo tipo siano organizzati nella futura grande moschea grazie a questo cosiddetto sindaco di destra”, reagisce Flav Flav Kerdro, mentre un altro cittadino di Metz propone di tenere l’evento l’anno prossimo nel Temple Neuf.


Claude P preferisce ironizzare: “Il Metz Hb [pallamano] si affida a Dio. Quindi, in questa nuova stagione, preghiamo tutti il Signore di proteggerci, amen”.


È un peccato costruire nuove sale congressi e così via per poi ritrovarsi a fare questo nella cattedrale, a meno che le prossime messe non siano sponsorizzate da GL Event? Prossimo passo, l’elezione di Miss Lorena nella cattedrale o di Miss Saint-Etienne”, chiede Stephane Behr.


Isabelle concorda con la pubblicazione di Riposte Catholique sull’argomento, “con tali vescovi e canonici tocchiamo il fondo. Vergogna alla diocesi per aver profanato questo luogo sacro. Quando ci sarà una messa di riparazione?”.


È scioccante, inappropriato e irrispettoso in questo luogo di alta spiritualità. È un peccato che le autorità [politiche, ma non solo…] siano state all’origine di un’impresa di dissacrazione e di commistione di generi. Sono scioccato, indignato e lo proclamo forte e chiaro”, reagisce Sylvain Tarantino.

Un’iniziativa dei fedeli all’origine della preghiera di riparazione

Il 17 settembre, una preghiera di riparazione sarà organizzata dai fedeli alle ore 11 davanti alla cattedrale di Metz.


Sui social network, gli organizzatori spiegano: “Ci si chiede perché i luoghi di culto cristiani vengano utilizzati per cerimonie che non hanno nulla a che fare con la religione, quando non mancano altri siti per ospitarle. È così che le giocatrici di pallamano hanno potuto sfilare in abiti leggeri davanti all’altare, sotto gli applausi dei funzionari eletti e dei chierici complici, facendo ciascuno un piccolo discorso di autocompiacimento. Seguono link nei media locali.


Affinché queste persone si rendano conto della gravità del loro atto, e soprattutto per implorare il perdono del Cielo di fronte a questa sfacciata profanazione, i fedeli cattolici si riuniranno questo sabato 17 settembre alle 11 davanti alla cattedrale per una preghiera di riparazione […] siamo numerosi nel difendere il rispetto dovuto alla Religione e nell’affidarci alla protezione di Nostro Signore.

Potete anche chiedere al Vescovo di Metz perché ha scelto di accettare questo evento nella cattedrale e perché vi ha partecipato” [seguite l’indirizzo del sito web diocesano e l’e-mail della comunicazione diocesana]


Abbiamo contattato uno degli iniziatori di questa preghiera di riparazione, un metropolita affermato. “L’ex vescovo aveva detto che la cattedrale avrebbe dovuto organizzare due o tre eventi all’anno. Hanno già fatto una cosiddetta elettro massa, ora la mano. Di solito le autorità organizzano eventi laici nell’ex abbazia di Saint-Vincent, culla del canto messinese.

Sono sinceramente scioccato da questa iniziativa di presentare un club di pallamano, e ho notato che nel mio entourage, anche altri fedeli di parrocchie messinesi o persone che non praticano e che hanno reagito sui social network erano scioccati. Questa serata di pallamano offende il buon senso e il carattere sacro del luogo, e vogliamo renderlo noto e pregare per la riparazione di questo atto.

Qui c’è un contesto particolare, con sacerdoti pagati dallo Stato grazie al Concordato, una diocesi benestante e non molto conflittuale. Detto questo, diversi sacerdoti hanno reagito per testimoniare la loro incomprensione e quella dei loro fedeli a padre Dominique Thiry, canonico della cattedrale [il cui discorso pieno di autocompiacimento e metafore sportive è online sul sito diocesano], e sono stati mandati alle corde in modo piuttosto veemente, dicendo che non avevano capito nulla. Capire cosa esattamente? Che per il clero diocesano e le autorità civili la cattedrale è uno stadio o un teatro?”.

Il contesto concordatario non giustifica tutto

Nella maggior parte delle diocesi francesi – secondo la legge del 1905 – l’elezione di Miss Francia o la presentazione di una squadra di calcio nella cattedrale sono a priori impossibili. La legge del 1905 specifica che i luoghi di culto devono essere utilizzati solo per attività religiose e l’articolo 13 stabilisce addirittura che se vengono distolti dal loro scopo religioso, possono essere dismessi e ceduti al loro proprietario – generalmente il comune, o lo Stato nel caso delle cattedrali.

Tuttavia, in Alsazia e Mosella questi divieti non si applicano a causa del Concordato.

Nel marzo 2021 Rue 89 Strasbourg ha riportato il costo del Concordato in Alsazia-Mosella – 54,7 milioni di euro per quell’anno. L’ufficio di culto dell’Alsazia-Mosella contava 1214 dipendenti, che stanno lentamente diminuendo, di cui 925 per la religione cattolica – 600 sono alsaziani, 325 della Mosella. “I parroci, i rabbini e i pastori ricevono tutti uno stipendio tra i 1.621 e i 2.624 euro netti […] il vescovo dell’Alsazia, Mons. Ravel, riceve 4171 euro al mese”. D’altra parte, le amministrazioni ecclesiastiche sono responsabili della manutenzione dei luoghi di culto, con l’assistenza occasionale dei comuni per i lavori più importanti.

La diocesi di Metz, la quarta più grande della Francia, è suddivisa in 649 parrocchie servite da 287 sacerdoti diocesani, fidei donum e religiosi [al 1º gennaio 2021]. Ci sono anche 109 religiosi e 556 religiose, 49 diaconi permanenti e 143 operatori pastorali laici.

Tuttavia, come ha riassunto il Républicain Lorrain nel luglio 2021, nonostante il Concordato, la Mosella non è sfuggita né all’invecchiamento né alla decristianizzazione. “Il numero dei sacerdoti attivi è in forte calo: erano 280 nel 2014, 165 nel 2021 […] l’età media è vicina ai 75 anni”.

All’inizio dell’anno accademico 2021, il seminario interdiocesano di Metz, situato nell’imponente casa diocesana vicino alla stazione ferroviaria – la cui bella cappella costruita durante l’occupazione prussiana è decorata con vetrate realizzate a Monaco – ha chiuso. Gli ultimi 17 seminaristi, tra cui almeno sei della Mosella, si sono trasferiti a Issy les Moulineaux, vicino a Parigi. È vero che vi sono stati installati i propedeutici, portati da Nancy – erano sette persone nel giugno 2021 – ma si tratta di una tappa importante nella scristianizzazione della diocesi lorenese. Nel 2010, secondo le statistiche di Riposte Catholique, il suddetto seminario, che raggruppa le vocazioni delle diocesi di Metz, Nancy, Saint-Dié e Verdun, contava 21 seminaristi.

Ciononostante, la diocesi continua a ricevere ordinazioni, con l’aiuto di altri Paesi. Il 26 giugno 2022, un sacerdote vietnamita, Paul Van Doan Nguyen, è stato ordinato a Montigny-les-Metz dall’amministratore diocesano, mons. Vuillemin, a nome della sua diocesi di origine, Thanh Hoa. Nel 2020 sono stati ordinati due sacerdoti, Raphaël-Guillaume Chaigne e Sébastien Wenk. Nel 2018, Emmanuel Ecker è stato ordinato a Metz. Nel 2017, Mons. Lagleize ha ordinato un sacerdote togolese, Antoine Yakpo-Ossobe.

Nel 2011, la Mosella ha registrato un’annata eccezionale, con 8 sacerdoti ordinati, tra cui due religiosi vietnamiti - Loïc Bonisoli, Stephane Brucker, Johann Giardinelli, Jean-François Mertz, Sébastien Petitjean, Matthieu Schiebel e i religiosi vietnamiti Michel Ngo e Joseph Pham. All’epoca, il Républicain Lorrain era soddisfatto della “relativa salute della Chiesa della Mosella”. Come sembra lontano quel tempo…

Come promemoria, nell’agosto 1964, quando la rivista diocesana di Metz si interessò alla crisi vocazionale, 9 seminaristi ricevettero i secondi ordini minori, 8 i primi ordini minori, 14 la prima tonsura, 11 furono ordinati suddiaconi, 21 furono ordinati sacerdoti. Tuttavia, Mons. Izard, direttore del Centro nazionale vocazioni, è preoccupato per la diocesi di Metz: “1950, quattro seminaristi, 1958, quindici seminaristi, nel seminario maggiore. Ho chiesto in giro e nel 1964 alcuni di questi quindici seminaristi sono tornati nel mondo”.

Il vescovo Paul-Joseph Schmitt è preoccupato per il futuro: “Fino al 1939, la Chiesa di Metz era tra le diocesi francesi il cui futuro sacerdotale era più assicurato. Oggi è tra le diocesi in cui la successione dei sacerdoti è più compromessa”. Non è detto che trasformare la cattedrale in una palestra produca nuovi sacerdoti e converta gli uomini.

2 commenti:

  1. Signore son poveri diavoli ,se possono evitano anche di vestirsi da preti ,non è colpa loro se non capisco che una chiesa è la tua casa .Pietà di loro e un pochettino anche di noi che li dobbiamo sopportare .

    RispondiElimina
  2. Ci meritiamo tutto, perché abbiamo abbandonato Dio.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione