Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 20 settembre 2022

I vescovi fiamminghi “benedicono” le coppie gay. L’omoeresia sale in cattedra (episcopale) invocando Amoris Laetitia.

Apprendiamo da un tweet odierno di Diane Montagna: una settimana prima della visita ad limina a Roma e basandosi sulla "Amoris Laetitia" di Papa Francesco, la Conferenza episcopale belga dà il via libera alla benedizione delle coppie gay e pubblica un servizio di preghiera. 
Ne parla anche il Corriere online: Belgio, sì dei vescovi alla benedizione delle coppie gay: strappo con il Vaticano, ricordando che nel 2021 l’allora Congregazione per la Dottrina della Fede aveva detto no alla «legittimazione religiosa» delle unioni omosessuali. 
La notizia è di per sé drammatica; anzi, tragica. Ma aggettivi così impegnativi non riescono a descrivere la sensazione di sbigottimento e di angoscia che traiamo dal documento dei Vescovi fiamminghi. Mai avremmo immaginato di trovarci di fronte ad un atto di magistero episcopale (rectius: che vorrebbe essere tale) che, nonostante sia segnato dalla pochezza e banalità delle solite argomentazioni psicosentimentaleggianti, non riusciamo a non definire sacrilego.
Ve lo proponiamo – con qualche imbarazzo, vogliamo confessarlo – nella nostra traduzione. Se, leggendolo, vi verrà di pensare (per l'ennesima volta, ahimè!) a Matteo, 24, 15-18, sappiate che non siete i soli: Cum ergo videritis abominationem desolationis, quæ dicta est a Daniele propheta, stantem in loco sancto, qui legit, intelligat: tunc qui in Judæa sunt, fugiant ad montes: et qui in tecto, non descendat tollere aliquid de domo sua: et qui in agro, non revertatur tollere tunicam suam (Quando dunque vedrete l'abominio della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, stare nel luogo santo, chi legge comprenda, allora quelli che sono in Giudea fuggano ai monti, chi si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa, e chi si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello).
Non cessiamo, però, di confidare nella Provvidenza, e preghiamo che tanto scempio valga almeno a suscitare la ferma e inequivocabile reazione della Sede Apostolica.
ER
Essere pastoralmente vicini agli omosessuali
Per una Chiesa accogliente che non escluda nessuno

Da anni la comunità di fede cattolica del nostro Paese, in tutte le sue sezioni, lavora con altri attori sociali per creare un clima di rispetto, riconoscimento e integrazione. Molte di esse, inoltre, sono impegnate in un contesto ecclesiastico o in un'istituzione cristiana. I vescovi incoraggiano i loro collaboratori a continuare su questa strada. Si sentono sostenuti in questo dall'esortazione apostolica "Amoris Laetitia", che Papa Francesco ha scritto dopo il Sinodo dei vescovi del 2015. Distinguere, accompagnare e integrare: queste rimangono le parole chiave principali.

Con queste parole, il 17 marzo 2021, noi vescovi del nostro Paese abbiamo pubblicato un comunicato sui rapporti pastorali con le persone e le coppie omosessuali. In Amoris Laetitia, Papa Francesco afferma esplicitamente che ogni persona, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con rispetto (AL 250). Vogliamo continuare su questa strada dando a questa pastorale un carattere più strutturale.

Assistenza e guida pastorale
L'attenzione pastorale della comunità ecclesiale riguarda innanzitutto le persone omosessuali stesse. Nel percorso, a volte complesso, del riconoscimento, dell'accettazione e del vivere positivamente il proprio orientamento, vogliamo restare vicini a loro. Alcuni rimangono celibi. Meritano il nostro apprezzamento e il nostro sostegno. Altri scelgono di vivere in coppia, in un'unione duratura e fedele con un partner. Anche loro meritano il nostro apprezzamento e il nostro sostegno. Perché anche questa relazione, pur non essendo un matrimonio in chiesa, può essere fonte di pace e di felicità condivisa per le persone coinvolte.

Anche i loro familiari e parenti meritano questa attenzione e guida pastorale. Un atteggiamento di comprensione e apprezzamento è essenziale. Papa Francesco chiede esplicitamente di offrire a queste famiglie una consulenza pastorale rispettosa, affinché i loro membri che manifestano un orientamento omosessuale possano godere del sostegno necessario per comprendere e realizzare pienamente la volontà di Dio nella loro vita (AL 250).

La nostra attenzione deve essere rivolta anche alla società e alla comunità ecclesiale in generale. Nonostante il crescente riconoscimento sociale dei compagni omosessuali, molti restano dubbiosi. Allo stesso tempo, la violenza omofobica può fare capolino. Una migliore comprensione può favorire una migliore integrazione.

Ancoraggio strutturale
I vescovi fiamminghi vogliono ancorare strutturalmente il loro impegno pastorale nei confronti delle persone e delle coppie omosessuali. L'équipe politica del Servizio interdiocesano per la pastorale familiare (IDGP) disporrà di un ulteriore membro del personale che si occuperà di questo aspetto. I vescovi hanno nominato a questo scopo Willy Bombeek. Inoltre, ogni diocesi nominerà una persona che si occuperà dello stesso obiettivo pastorale della pastorale familiare diocesana. Sarà il punto di contatto per quella diocesi. In qualità di coordinatore interdiocesano, Willy Bombeek lavorerà con loro e fornirà loro la formazione e la guida necessarie.

Pastorale dell'incontro
Questa pastorale si concentra sull'incontro e sul dialogo. Anche i credenti che vivono una relazione omosessuale stabile desiderano rispetto e apprezzamento all'interno della comunità di fede. Fa male quando sentono di non appartenere o di essere esclusi. Vogliono essere ascoltati e riconosciuti. Ecco di cosa tratta questo approccio pastorale: la loro storia di incertezza verso una crescente chiarezza e accettazione; le loro domande sulle posizioni della Chiesa; la loro gioia nel conoscere un partner stabile; la loro scelta di una relazione esclusiva e duratura; la loro determinazione ad assumersi la responsabilità l'uno dell'altro e il loro desiderio di essere al servizio della Chiesa e della società.

In questo approccio pastorale, c'è spazio per il discernimento spirituale, per la crescita interiore e per le decisioni coscienziose. Papa Francesco chiede di valorizzare e sostenere la coscienza delle persone, anche nelle situazioni di vita che non corrispondono pienamente all'ideale oggettivo del matrimonio: questa coscienza può riconoscere con sincerità e onestà ciò che per il momento è la risposta generosa che si può offrire a Dio, e scoprire con una certa sicurezza morale che quella è la donazione che Dio stesso sta richiedendo in mezzo alla complessità concreta dei limiti, benché non sia ancora pienamente l’ideale oggettivo (AL 303).

L'incontro con un responsabile pastorale o un accompagnatore è un importante collegamento all'integrazione nella comunità di fede per le persone o le coppie omosessuali. A proposito di questa integrazione, Papa Francesco scrive: si tratta di integrare tutti, si deve aiutare ciascuno a trovare il proprio modo di partecipare alla comunità ecclesiale, perché si senta oggetto di una misericordia “immeritata, incondizionata e gratuita”. Nessuno può essere condannato per sempre, perché questa non è la logica del Vangelo! Non mi riferisco solo ai divorziati che vivono una nuova unione, ma a tutti, in qualunque situazione si trovino (AL 297).

Preghiera per l'amore e la fedeltà
Durante gli incontri pastorali, spesso si chiede un momento di preghiera per chiedere a Dio di benedire e perpetuare questo impegno di amore e fedeltà. Il contenuto e la forma che questa preghiera può assumere concretamente sono meglio discussi dalle persone coinvolte con un responsabile pastorale. Questo momento di preghiera può avvenire in tutta semplicità. La differenza deve rimanere chiara anche rispetto a ciò che la Chiesa intende per matrimonio sacramentale.

Ad esempio, questo momento di preghiera potrebbe essere il seguente. 
o Discorso di apertura
o Preghiera di apertura
o Lettura delle Scritture
o Impegno delle due persone coinvolte. Insieme esprimono davanti a Dio il loro impegno reciproco. Ad esempio:

Dio di amore e fedeltà,
oggi siamo davanti a Te
circondato da familiari e amici.
Ti ringraziamo perché siamo riusciti a trovarci.
Vogliamo essere presenti l'uno per l'altro
in tutte le circostanze della vita.
Esprimiamo con fiducia
che vogliamo lavorare sulla felicità dell'altro,
giorno per giorno.
Preghiamo: concedici la forza
di essere fedeli l'uno all'altro
e approfondire il nostro impegno.
Sulla tua vicinanza confidiamo,
dalla tua Parola vogliamo vivere,
donati l'un l'altro per il bene.

o Preghiera comunitaria. La comunità prega affinché la grazia di Dio possa operare in loro per prendersi cura gli uni degli altri e della comunità più ampia in cui vivono. Ad esempio:

Dio e Padre,
oggi circondiamo N. e N. con le nostre preghiere.
Voi conoscete i loro cuori e la strada che percorreranno insieme d'ora in poi.
Rendere forte e fedele il loro impegno reciproco.
Che la loro casa sia piena di comprensione,
tolleranza e cura.
Che ci sia spazio per la riconciliazione e la pace.
Che l'amore che condividono li delizi
e renderli utili alla nostra comunità.
Dacci la forza di camminare con loro,
insieme sulle orme del tuo Figlio
e rafforzati dal tuo Spirito.

o Intercessione
o Padre nostro
o Preghiera finale
o Benedizione

Bruxelles, 20 settembre 2022

I vescovi fiamminghi