Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 6 maggio 2022

Amazon rimborserà i dipendenti statunitensi che viaggiano per aborti e altri trattamenti

Con una tempistica immediatamente successiva alla pubblicazione della presunta bozza di parere della Corte Suprema statunitense (QUI la notizia su MiL) – il che desta più di un sospetto – un articolo di Jeffrey Dastin sull’agenzia di stampa Reuters ha reso nota la notizia secondo cui la società Amazon.comil secondo più grande datore di lavoro privato degli Stati Uniti») ha deciso di rimborsare ai dipendenti, con efficacia retroattiva dal 1º gennaio, i trattamenti medici, compresi gli aborti, che non siano disponibili entro 161 km dalla casa del dipendente, anche al fine di aggirare eventuali legislazioni statali che limitassero l’accesso all’aborto nel caso in cui la Corte Suprema ribaltasse la storica sentenza Roe v. Wade (QUI la prima analisi).
La notizia è stata poi ripresa anche Italia da varie testate, tra le quali – con toni molto neutrali – il settimanale Famiglia Cristiana.
Quando le divisioni corazzate si stanno posizionando sul campo, è la dimostrazione che una grande battaglia sta per iniziare: per quanto il nemico stia mostrando molta preoccupazione, non è il momento per abbassare la guardia, ma per intensificare la preghiera e ogni azione che possa essere utile alla giusta causa.

L.V.


2 maggio (Reuters) - Amazon.com Inc, il secondo più grande datore di lavoro privato degli Stati Uniti, ha detto al suo personale lunedì che pagherà fino a 4.000 dollari di spese di viaggio all’anno per trattamenti medici non pericolosi per la vita, compresi gli aborti, secondo un messaggio visto da Reuters.

La decisione rende il rivenditore online l’ultima azienda dopo Citigroup Inc, Yelp Inc e altri a rispondere alle leggi statali sostenute dai repubblicani che limitano l’accesso all’aborto, aiutando i dipendenti ad aggirarle. Mostra come le aziende sono desiderose di mantenere e attrarre talenti in luoghi che rimangono importanti per le loro operazioni nonostante i cambiamenti legali che hanno un impatto sulla salute dei dipendenti.

La Corte Suprema degli Stati Uniti deve pronunciarsi entro la fine di giugno in un caso che dà alla sua maggioranza conservatrice la possibilità di far retrocedere i diritti all’aborto o addirittura di rovesciare la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che ha legalizzato la procedura a livello nazionale. Circa due dozzine di stati, tra cui Oklahoma e Alabama, hanno leggi pronte a limitare l’accesso all’aborto se la sentenza Roe venisse ribaltata.

Il nuovo beneficio di Amazon, efficace dal 1º gennaio retroattivamente, si applica se un’operazione non è disponibile entro 100 miglia (161 km) dalla casa di un dipendente e l’assistenza virtuale non è possibile, dice il messaggio della società. È aperto ai dipendenti statunitensi o ai dipendenti coperti iscritti ai piani sanitari Premera o Aetna, sia che lavorino in un ufficio aziendale o in un magazzino.

I rimborsi che Amazon ha annunciato lunedì non sono specifici per l’aborto. Essi prevedono anche altri trattamenti che non minacciano la vita, come la cardiologia, le terapie genetiche cellulari e i servizi per i disturbi da abuso di sostanze. Separatamente, Amazon offre fino a 10.000 dollari in rimborsi annuali di viaggio per questioni che minacciano la vita.

La notizia è arrivata il giorno in cui Amazon ha smesso di offrire ferie pagate ai dipendenti statunitensi con diagnosi di COVID-19, permettendo loro invece di avere cinque giorni di congedo non pagato. I dipendenti di Amazon in un magazzino a New York stanno avendo i loro voti contati anche lunedì che determineranno se la struttura si sindacalizza. Un gruppo di lavoratori attuali ed ex, noto come Amazon Labor Union, ha spinto per una migliore retribuzione e sicurezza del lavoro.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione