Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 10 febbraio 2022

Il Cardinal Hollerich, SJ: «L’omosessualità è peccato? Cambiamo la dottrina». «La Chiesa deve cambiare radicalmente».

Agghiacciati. Ovviamente è gesuita.
QUI Tosatti sulle voci che si rincorrono sul possibile cambiamento del Catechismo della Chiesa Cattolica in tema di omosessualità.
Mala tempora currunt sed peiora parantur.
Luigi

4 Febbraio 2022 Korazym.org
di Vik van Brantegem

La Chiesa Cattolica Romana deve cambiare la propria valutazione sull’omosessualità, ha detto il Cardinale Jean-Claude Hollerich, S.I., in una intervista alla KNA, nella quale gli è stato chiesto di valutare una campagna in cui circa 125 dipendenti della Chiesa Cattolica Romana in Germania, inclusi alcuni sacerdoti, si sono dichiarati LGBTQI+ e sugli insegnamenti della Chiesa sull’omosessualità. «Credo che il fondamento sociologico-scientifico di questo insegnamento non sia più corretto», ha detto Hollerich. «Penso che sia ora di fare una revisione fondamentale della dottrina». Senza approfondire quali aspetti dell’insegnamento della Chiesa ritenga necessario rivedere, Hollerich ha detto: «Credo anche che stiamo pensando al futuro in termini di dottrina. Il modo in cui il Papa si è espresso in passato può portare a un cambiamento nella dottrina”. Si ricorda che Bergoglio ha inviato messaggi di apprezzamento a sacerdoti e suore che prestano servizio ai cattolici omosessuali e ha detto che i genitori di bambini omosessuali non dovrebbero mai condannarli, mentre la Congregazione per la Dottrina della Fede, con l’approvazione di Papa Francesco, ha affermato che i sacerdoti cattolici non possono benedire le coppie dello stesso sesso.

Jean-Claude Hollerich, S.I. (Differdange, 9 agosto 1958) il 21 aprile 1990 è stato ordinato presbitero per la Compagnia di Gesù, nella quale era entrato nel 1981. È Arcivescovo di Lussemburgo dal 12 luglio 2011, Presidente della Commissione delle Conferenze Episcopali della Comunità Europea (COMECE) dall’8 marzo 2018 (la COMECE ha lo scopo di esaminare la politica e la legislazione dell’Unione Europea dal punto di vista della dottrina sociale della Chiesa Cattolica Romana), Relatore Generale della XVI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi dall’8 luglio 2021, Primo Vicepresidente del Consiglio delle Conferenze dei Vescovi d’Europa (CCEE) dal 25 settembre 2021, Membro della Congregazione per l’Educazione cattolica dal 29 settembre 2021.

Secondo il Cardinale Jean-Claude Hollerich, S.I., la Chiesa Cattolica Romana deve cambiare radicalmente. “Non possiamo dare le risposte del passato alle domande di domani”, ha affermato in una recente intervista all’Agenzia di stampa cattolica tedesca Katholische Nachrichten Agentur (KNA). La chiesa deve smettere di reagire e pensare invece a come vuole presentarsi in futuro. “Siamo nell’anno 0 dell’era digitale. E questo comporterà cambiamenti così gravi che moriremo se non ci posizioniamo in modo diverso”, ha affermato Hollerich. Ha definito l’attuale cambiamento di civiltà il più grande cambiamento dall’invenzione della ruota. La Chiesa Cattolica Romana è sempre stata al passo con i tempi e si è adattata. Tuttavia, oggi deve essere più veloce, altrimenti perderà il contatto e non sarà più capita. Ma anche nell’era digitale, il messaggio del cristianesimo può essere proclamato «essendo molto umano», ha detto Hollerich.

Nell’intervista alla KNA, il Cardinal Hollerich ha anche sostenuto un cambiamento nell’insegnamento cattolico sull’omosessualità, perché considera errata la valutazione come un peccato: «Credo che il fondamento sociologico-scientifico di questo insegnamento non sia più corretto». È tempo di una profonda revisione e il modo in cui Papa Francesco ha commentato in passato l’omosessualità potrebbe portare a un cambiamento nell’insegnamento, ha dichiarato.

Il Cardinal Hollerich ha detto di conoscere sacerdoti e laici omosessuali nell’Arcidiocesi di Lussemburgo: «E sanno che hanno una casa nella Chiesa. Nessuno viene licenziato da noi perché è gay, e nessuno è mai stato licenziato da noi per questo». Nella sua arcidiocesi sono attivi anche i divorziati risposati: «Non posso buttarli fuori. Diventerebbero disoccupati. Com’è possibile che una cosa del genere sia cristiana?», ha sottolineato il cardinale.

Vive la Chiesa cattolica in Germania come «molto divisa», ha detto Hollerich: “«Mi pento sempre quando vedo come la sinistra e la destra discutono su Facebook». È importante percorrere insieme lo stesso percorso – e talvolta trattenersi un po’: «Penso che si possa fare una riforma solo se si vive allo stesso tempo la missione della Chiesa», ha detto il cardinale. Ciò include, ad esempio, difendere le persone ai margini della società, i rifugiati e la giustizia sociale.

Secondo Hollerich, l’ascolto è all’ordine del giorno per i vescovi nel processo sinodale della Chiesa Universale proclamato da Papa Francesco. Questo percorso significa anche che «devo cambiare come vescovo. Che tutti dobbiamo cambiare in seguito all’ascolto». Non basta convincere una parte. È anche importante nel processo ascoltare le persone che sono lontane dalla Chiesa Cattolica Romana o appartengono a un «gruppo marginale». «Nella mia diocesi si è parlato anche del percorso sinodale in carcere. E per me era importante chiedere un parere all’associazione lesbica e gay», ha detto Cardinal Hollerich.

Hollerich è stato messo dal Papa in una posizione chiave nel Sinodo sulla sinodalità della Chiesa Cattolica Romana. Come Relatore Generale della XVI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, che verrà celebrata a Roma nell’autunno del 2023, sarà determinante nella preparazione dell’Istrumentum Laboris (il testo di lavoro). Aperto da Papa Francesco nell’autunno del 2021, fino al 2023 è previsto un percorso in più fasi sul tema “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione”.

In questi giorni è stato pubblicato anche un nuovo libro di interviste, in cui Hollerich parla con il giornalista Volker Resing, Capo Redattore di Herder Korrespondenz. e con il teologo Alberto Ambrosio della vita, della fede e del futuro della Chiesa Cattolica Romana. Nel libro Was auf dem Spiel steht. Die Zukunft des Christentums in einer säkularen Welt (Qual è la posta in gioco. Il futuro della Cristianità in un Mondo secolare) (Verlag Herder 2022, pp. 144), il Cardinale Jean-Claude Hollerich, S.I., parla in cinque capitoli di esperienze, interruzioni e colpi di scena della sua vita. Entra nel suo carattere cattolico nella “provincia del Lussemburgo”, nella sua decisione per i gesuiti e come il suo tempo in Giappone lo ha cambiato. Il contenuto si concentra sull’Europa, la migrazione, l’animazione socioeducativa e il futuro del cristianesimo. Il libro è presentato come un viaggio «verso realtà e modi di vita molto diversi dei cattolici in questo mondo».

Postscriptum

Siamo sulla via del “cammino sinodale” verso l’ignoto. L’eresiarca Martin Luther sta aspettando, mentre Erasmus van Rotterdam ammonisce.

Ricordiamo la risposta di Erasmus van Rotterdam all’eresiarca Martin Luther, che gli rimproverava di rimanere nella Chiesa Cattolica nonostante la corruzione che c’era in essa: «Fero igitur hanc Ecclesiam donec videro meliorem: et eadem me ferre cogitur donec ipse fiam melior [Sopporto questa Chiesa, in attesa che divenga migliore, dal momento che anch’essa è costretta a sopportare me, in attesa che io divenga migliore]» (Hyperaspistae Diatribes [Difensori del Dialogo], Libro I, marzo 1526).

Foto da Vatican News