Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 10 gennaio 2022

Traditionis Custodes nel mondo PRO Tradizione - l’arcivescovo di Cincinnati conferma tre chiese e ne aggiunge una. #traditioniscustodes

Fonte Cincinnati Republic. L’arcivescovo di Cincinnati ha confermato le tre chiese dove si celebrava la MTL e ne ha aggiunta una per andare in contro alle esigenze dei molti fedeli (lontani dalle altre tre).
Roberto 


Il 19 luglio l'arcidiocesi di Cincinnati ha pubblicato le norme per l'attuazione della Traditionis Custodes, il documento motu proprio di papa Francesco che limita notevolmente la Messa in latino tradizionale (TLM).

Un pezzo specifico del documento dell'arcidiocesi è notevole e sembra essere unico rispetto alle linee guida di altre diocesi. Il documento dell'Arcidiocesi designa quattro luoghi in cui si può celebrare la Messa secondo il Messale del 1962. Tre sono luoghi in cui è già offerta la TLM. Tuttavia, la quarta sede è elencata come TBD nella "Regione del Nord", con una nota che "dopo l'identificazione e la conferma della posizione, verranno emesse norme aggiornate che specificano questa posizione". Il Cincinnati Republic  non è a conoscenza di altre diocesi che abbia designato un luogo aggiuntivo per la Messa in latino. L'arcivescovo di Cincinnati, S.E. Mons. Dennis Schnurr, sembra prendere sul serio l'istruzione di Papa Francesco secondo cui "le indicazioni su come procedere nelle diocesi sono dettate principalmente da due principi", tra cui, "provvedere al bene di coloro che sono radicati nella precedente forma di celebrazione”. L'arcivescovo sembra riconoscere che non tutti coloro che sono attaccati alla messa latina risiedono vicino alle attuali messe latine nell'arcidiocesi. Provvedere al bene delle persone includerebbe assicurarsi che non vi sia un semplice accesso sulla carta, ma un accesso pratico per quei cattolici. Tuttavia, molte diocesi sembrano trascurare questo. Altre diocesi dovrebbero seguire l'esempio di Cincinnati.

L’autore ha raccolto dati da 297 sostenitori della Messa latina in un'altra diocesi dell'Ohio. Questi dati indicano che la maggioranza (65%) dei sostenitori della Messa in latino frequenterebbe il TLM più frequentemente se una Messa in latino fosse più vicino al loro luogo di residenza. Gli stessi dati mostrano che la maggioranza (64%) parteciperebbe più spesso se venissero offerti più orari TLM. Le città di residenza di coloro che hanno contribuito ai dati chiariscono che la maggior parte non abita vicino a una delle numerose parrocchie di quella diocesi che offrono la Messa di sempre.  Questo problema è probabilmente ancora più pronunciato in altre diocesi. Dall'introduzione della Messa del Novus Ordo le famiglie guideranno per oltre mezz'ora, a volte di più, per partecipare alla TLM. Un'altra area di interesse pastorale è la possibilità di messe e sacramenti in occasioni speciali diversi dall'Eucaristia. Ciò include battesimi, messe nuziali, ultimi riti, benedizioni e altri rituali. Traditionis Custodes incarica il vescovo locale “di designare uno o più luoghi in cui i fedeli … possono radunarsi per la celebrazione eucaristica”. Secondo il Messale del 1962, egli «stabilisca nei luoghi designati i giorni in cui sono consentite le celebrazioni eucaristiche» in questa forma di Messa.

Nell'arcidiocesi di Cincinnati, le norme rilevano che, «qualora dovessero sorgere particolari esigenze pastorali legate alla celebrazione di questi riti secondo il Rituale Romanum del 1962, tali preoccupazioni dovrebbero essere rivolte al delegato dell'Arcivescovo». La base per questa norma è che l'articolo 8 della Traditonis Custodes indica che "le precedenti norme, istruzioni, autorizzazioni e consuetudini non conformi alle disposizioni del presente Motu Proprio sono abrogate".

Tuttavia, sebbene questo autore non sia un giurista canonico, questa sembra essere un'interpretazione errata dell'articolo 8. Il motu proprio non dice nulla su riti o celebrazioni diverse dalla messa. Nel Codice di diritto canonico, il canone 18 recita: "Le leggi che stabiliscono una sanzione, limitano il libero esercizio dei diritti o contengono un'eccezione alla legge sono soggette a interpretazione restrittiva”. Inoltre, i canoni 20 e 21 recitano: “Una legge successiva abroga o deroga a una legge anteriore se lo afferma espressamente, è direttamente contraria ad essa o riordina completamente l'intera materia della legge anteriore. Una legge universale, tuttavia, non deroga in alcun modo a una legge particolare o speciale, a meno che la legge non disponga espressamente diversamente. In caso di dubbio non si presume la revoca di una legge preesistente, ma le leggi successive devono essere collegate a quelle precedenti e, per quanto possibile, devono essere armonizzate con esse”. Rigorosamente interpretata, Traditionis Custodes non limita i sacramenti o i rituali non eucaristici offerti nei modi più antichi, e leggi precedenti, vale a dire il Summorum Pontificum, davano diritto a tali usi. Alcune diocesi non hanno detto nulla di rituali diversi dalla Messa, ma alcune hanno imposto loro severe restrizioni. I cattolici potrebbero dover passare attraverso una burocrazia indeterminata e complicata per cercare di organizzare una messa funebre tradizionale in latino, ad esempio, per la persona amata. E proprio come è necessario un permesso speciale del vescovo per sposare un acattolico, ora sarà richiesto un permesso speciale per celebrare una messa in latino, una cerimonia nuziale e un matrimonio in alcune diocesi. In molti luoghi, sarebbe probabilmente più veloce e più facile ottenere la dispensa per sposare un non cristiano dal momento che questi sono comunemente autorizzati.

C'era una presunta preoccupazione che i sacerdoti stessero offrendo il TLM di propria iniziativa, senza un desiderio significativo da parte dei fedeli. Le messe in occasioni speciali, i sacramenti e altri riti richiesti dai fedeli sono la situazione opposta. Non dovrebbe essere difficile per i cattolici soddisfare queste richieste.

Papa Francesco «incoraggia i pastori della Chiesa ad ascoltarli [i fedeli che si trovano in situazioni complicate] con sensibilità e serenità, con un sincero desiderio di comprendere la loro condizione e il loro punto di vista, per aiutarli a vivere meglio vite e a riconoscere il proprio posto nella Chiesa». (Amoris Laetitia, 312). Secondo Papa Francesco, inoltre, la Chiesa dovrebbe essere “tesa verso tutti, bisognosa di aiutare ciascuno a trovare il proprio modo di partecipare alla comunità ecclesiale e vivere così l'esperienza di essere toccati da un 'immeritato, incondizionato e gratuito' Misericordia." (Amoris Laetitia, n° 296-297).

Data la severità e la severità della Traditionis Custodes e nello spirito di papa Francesco, i vescovi dovrebbero fare ogni sforzo per provvedere alle necessità pastorali dei fedeli devoti alla Messa tradizionale latina.

Segui l’ autore su Twitter: @16heintel

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.