Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 18 luglio 2021

La Porte Latine: Le prime reazioni, tra loro molto diverse #summorumpontificum #traditioniscustodes



Dal sito La Porte Latine, organo ufficiale della FSSPX in Francia (QUI).

La traduzione è nostra.
AZ





Le prime reazioni, tra loro molto diverse, al Motu Proprio Traditionis Custodes di Papa Francesco pubblicato il 16 luglio 2021 non si sono fatte attendere.
Eccone alcuni di cardinali, vescovi, superiori di comunità Ecclesia Dei e sacerdoti diocesani.

Leggete l'arcivescovo Mons. Lefebvre nel 1989: "Dopo i comizi, suonerà l'ora della verità".


Il sito del settimanale Famille chrétienne ha pubblicato il 17 luglio 2021 alcune reazioni prese sul posto:

"È un testo molto offensivo e violento", dice don Paul-Joseph, superiore del distretto francese della Fraternità San Pietro (FSSP), "Parla da un lato di un rifiuto del Concilio, ma la Fraternità di San Pietro non ha mai rifiutato il Concilio Vaticano II. Per noi, non presenta difficoltà fondamentali ma solo richieste di chiarimento su alcuni punti che interpretiamo alla luce della tradizione della Chiesa come raccomandato da Benedetto XVI", aggiungendo: "Non siamo pagati molto per la nostra obbedienza a Roma, un'obbedienza che è la pietra angolare della nostra fondazione". Ha sottolineato: "La Fraternità San Pio X in fin dei conti è trattata meglio di noi. Fin dalla nostra creazione, abbiamo cercato di essere in questo spirito filiale, con il diritto che ci è stato concesso di poter fare delle critiche costruttive, ma rimane tra alcuni un sospetto sulla nostra comunione ecclesiale, il nostro stato d'animo, la nostra obbedienza, il nostro riconoscimento della validità e fecondità del messale di Paolo VI, che non abbiamo mai messo in discussione".

Superiore della più grande comunità Ecclesia Dei in Francia, don Benoît Paul-Joseph è preoccupato per il futuro: "Non ci sarà più stabilità. Stiamo passando dalla benevolenza a un regime di tolleranza, illustrato in particolare dal fatto che le messe tradizionali non dovranno più essere celebrate nelle chiese parrocchiali, che non ci sarà più l'erezione di parrocchie personali e che i vescovi sono invitati a non accettare più richieste di nuovi gruppi. Questo è un movimento verso il messale unico di Paolo VI". Conclusione senza illusione: "Si tratta dunque di accompagnare in modo terapeutico, come in cure palliative, le ultime persone legate al messale di San Pio V".

Per don Mateusz Markiewicz, superiore del distretto europeo dell'Istituto del Buon Pastore (IBP), questo testo è un "atto contro la carità perché non sappiamo su quali basi si basano le accuse che ci vengono mosse in questi documenti, perché nulla di ciò che è scritto è conforme alla realtà", nota che "si puniscono i sacerdoti e i fedeli legati a una messa multisecolare, mentre i vescovi in Germania stanno praticamente producendo uno scisma".

Don Guy-Emmanuel Cariot, rettore della Basilica di Argenteuil, che celebra solo il nuovo rito, dice di provare "molta tristezza perché questo testo sembra spazzare via gli sforzi fatti da Benedetto XVI per mantenere l'unità della Chiesa e disprezzare gli sforzi fatti negli ultimi quindici anni dalle comunità tradizionaliste".

Don Timothy Pattyn, parroco della Trinità a Beaujolais ed ex membro della Fraternità San Pietro, ritiene che "questo metterà in crisi i fedeli e i sacerdoti che non si sentono compresi. Alcuni andranno alla Fraternità San Pio X, altri saranno in contrasto con i vescovi, alcuni vescovi riaccenderanno guerre dove non ce n'erano... Questo testo fa a pezzi gli artigiani dell'unità che celebrano volentieri la forma straordinaria, aderendo al Concilio, alla forma ordinaria e al magistero dei papi [postconciliare]". Aggiunge, "con questo testo, alcuni ora sentono di essere le brutte anatre, e di essere osservati da vicino".

Il cardinale Burke, che dice di non riuscire a capire come il nuovo Messale Romano sia "l'espressione unica della lex orandi del rito romano", ha anche messo in discussione sul National Catholic Register il tono del motu proprio, osservando che è "segnato da una durezza verso i fedeli che pregano nella forma straordinaria". Riguardo all'indagine a cui Francesco fa riferimento nel motu proprio, il cardinale ha detto che "data la natura drastica della legislazione, sembrerebbe giusto dare una relazione dettagliata del risultato dell'indagine, che verifichi anche la natura scientifica dell'indagine".

Il cardinale Sarah, da parte sua, ha rilasciato un terso tweet: "Preghiamo per un momento accanto al grande affresco di Michelangelo nella Cappella Sistina. Vi ha raffigurato il Giudizio Universale. Inginocchiamoci davanti alla maestà divina. I santi sono lì, portando gli strumenti del loro martirio. La sera si avvicina e già il giorno sta svanendo."

Sul sito del giornale La Croix, alcuni vescovi reagiscono anche.

Mons. Olivier Leborgne, vescovo di Arras (Pas-de-Calais), nota che il clima era generalmente sereno: "Nella grande maggioranza dei casi, le relazioni vanno bene, anche se qua e là ci può essere qualche rischio di divisione. Ma ci sono paesi in cui la situazione può essere più divisa."

Mons. Battut, vescovo di Blois, ha denunciato l'uso improprio del Motu proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI: "Consiste nel comportarsi come se lo stesso Concilio Vaticano II - da cui proveniva la Messa di Paolo VI - fosse stato squalificato. Certi ambienti hanno erroneamente compreso che la Forma Ordinaria è una forma liturgica di seconda classe, una sotto-massa... Persone senza scrupoli hanno usato il Motu Proprio di Benedetto XVI. Queste persone (che spesso non hanno nemmeno letto il Concilio) hanno detto in sostanza: "Roma ha già ceduto sulla Messa, quindi Roma tornerà presto indietro anche sul Concilio Vaticano II... Noi stiamo solo anticipando la negazione del Concilio da parte di Roma e il suo gettare via."

La dichiarazione della Conferenza Episcopale Francese (CEF), da parte sua, riprende semplicemente la decisione di Papa Francesco: "Ogni vescovo avrà a cuore di essere all'altezza delle sfide descritte dal Santo Padre", specificando che "questo sarà fatto attraverso il dialogo e richiederà tempo."