Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

lunedì 8 marzo 2021

Comunicato dell’Associazione Internazionale Esorcisti su alcune esibizioni al Festival della Canzone Italiana di San Remo 2021

Dopo il durissimo e coraggioso comunicato di mons. Antonio Suetta, Vescovo di Ventimiglia - San Remo, e le altrettanto dure dichiarazioni di don Pasquale Traetta, «cappellano» del Festival, nell’intervista rilasciata al quotidiano Avvenire, sulla questione delle oscenità e blasfemie propinate in abbondanza in diretta sulla rete televisiva Rai 1 oggi è intervenuta con un comunicato l’Associazione Internazionale Esorcisti, fondata nel 1990 ed ufficialmente riconosciuta (unica nel suo genere) dalla Santa Sede nel 2014.
In particolare, la prestigiosa ed autorevole associazione ha stigmatizzato le degradanti performance del cantante Achille Lauro, ma non solo: con un tono che non ammette dubbi, quanto visto al festival di Sanremo viene definito «un livello di dissacrazione, di blasfemia e di vilipendio della fede cattolica davvero inaccettabile. […] una modalità meschina, cinica, e crudele di strumentalizzare la fede cristiana con i suoi contenuti universali per fare spettacolo, ottenere successo, e sbancare in denaro. […] Come cristiani non possiamo restare semplicemente “senza parole” ma abbiamo il dovere di far sentire pubblicamente la nostra disapprovazione, e il nostro sdegno. Non è libertà di opinione, quella che ferisce la coscienza altrui, fatta con meditata consapevolezza ed efferata determinazione».
La strada è stata indicata con chiarezza: ora non ci rimane che attendere – con fiducia e speranza – di leggere una altrettanto dura e chiara presa di posizione ufficiale da parte della Conferenza Episcopale Italiana, di cui vi daremo senz’altro immediata contezza.

L.V.



Ci uniamo a quanto ufficialmente comunicato dal Vescovo della Diocesi di Ventimiglia-San Remo Mons. Antonio Suetta su ciò che è avvenuto nel corso della 71ª edizione del Festival della Canzone Italiana.

Sito della Diocesi di Ventimiglia-San Remo:


Mentre l’umanità sta attraversando un periodo caratterizzato dal dolore e dalla sofferenza a causa della pandemia, sul palco dell’Ariston si è raggiunto un livello di dissacrazione, di blasfemia e di vilipendio della fede cattolica davvero inaccettabile.

Esibizioni che hanno leso la sensibilità e il credo di milioni di italiani e dei fedeli di tutto il mondo.

Una vera e propria escalation, dalla trasgressione estrema all’estremismo del “godimento”, il tutto veicolato da immagini, simboli e testi dove al sacro, e addirittura ad un “finto sentimento religioso”, si mischia il demoniaco. Basta leggere il testo del monologo andato in onda in una di queste serate: “Sono il rock and roll, trasgressione che entra nelle case di mezza America. Esplicito invito a lasciarsi andare. Una vecchia chiesa indignata per il credo dell’irriverenza. Nuovo tempio notturno del giovane e del proibito, tempo di giogo, demonio, divinità, juke box tappezzato di chiodi, ognuno in rituale con gli altri in un solo corpo danzante. Carne che chiede carne, uragano nei desideri sessuali. Scossa nel perbenismo familiare, promessa di piacere. Il sacro vincolo del godimento. Godere è un obbligo. Dio benedica chi gode”.

Il tutto con travestimenti dissacranti, scimmiottando contenuti, tra i più sacri della fede Cattolica; dalla corona di spine di Cristo, al suo Sacro Cuore, alla stessa Vergine Maria, poi diffuse e pubblicate sulle copertine delle più svariate riviste divulgative di mezzo mondo.

Una modalità che non fa mistero del suo obbiettivo di offendere, ferire e oltraggiare volutamente il sentimento religioso di chi vive la sua fede senza ricorrere a strategie di odio e di offesa nel difenderla.

Cosa nasconde tutto ciò?

Sicuramente niente che possa essere definito “culturale” e ancor meno “educativo” per le giovani generazioni, e non solo, sempre più vittime di messaggi mediatici inneggianti a pseudo-valori di libertà e diritti.

Una modalità meschina, cinica, e crudele di strumentalizzare la fede cristiana con i suoi contenuti universali per fare spettacolo, ottenere successo, e sbancare in denaro.

Il tutto su un palcoscenico nazional popolare, attraverso un canale televisivo pubblico, mantenuto con le tasse dei cittadini e tra questi non pochi credenti.

Come cristiani non possiamo restare semplicemente “senza parole” ma abbiamo il dovere di far sentire pubblicamente la nostra disapprovazione, e il nostro sdegno.

Non è libertà di opinione, quella che ferisce la coscienza altrui, fatta con meditata consapevolezza ed efferata determinazione.

Roma, 7 marzo 2021

Associazione Internazionale Esorcisti

2 commenti:

  1. Sì, ma invece di stare a scomodare gli esorcisti, pensate che chi ha ancora in casa quel maledetto televisore e paga il canone a "mamma rai" è complice di questo schifo. E sarebbe anche ora di non dare tanto risalto a queste porcate. Tanti come me che hanno cestinato la televisione da anni si devono trovare queste foto disdicevoli per ogni dove. Vogliono deprecarle e intanto le diffondono. Il silenzio sarebbe più utile, visto che è anche stato ammesso un caldo di ascolti (Deo gratias!) rispetto alle scorse edizioni.

    RispondiElimina
  2. Li avrei mandati tutti in Rus.si.a!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.