Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 22 gennaio 2021

Presentazione del volume di Paolo Feuchot "Il Divino Sacrificio"

Una segnalazione da alcuni nostri lettori su un nuovo sussidio liturgico (QUI).
Luigi

Il gruppo UNA VOX di Torino ha curato la pubblicazione del libro di Paolo Feuchot “Il Divino Sacrificio”, Spiegazione delle Preghiere e delle Cerimonie della Santa Messa ad uso dei Sacerdoti, delle Comunità Religiose e delle anime pie che vivono nel mondo.

Il libro, che riguarda il Rito Antico o Extraordinario della Santa Messa, è composto da 280 pagine di spiegazioni accompagnate da 71 foto esplicative; e da un appendice di 105 pagine che contiene l’Ordinario del Vetus Ordo Missae, gli spartiti della Missa de Angelis e delle Antifone della Santissima Vergine Maria.

Il libro è corredato da un DVD che contiene i seguenti filmati: le istruzioni per celebrare la Santa Messa; la celebrazione di una Santa Messa letta; i canti, con spartito, della Missa de Angelis e delle Antifone della Santissima Vergine Maria.

Il contributo minimo per ricevere il libro, pp. 385 in formato 17 x 24, compreso il DVD, è di € 25,00.

Richiedere a unavox@cometacom.it o telefonicamente al 349.7706437 – 011.5623677


Testo della quarta di copertina

Quest’anno 2019 ricorre il cinquantesimo anniversario dell’entrata in vigore del Novus Ordo Missae, promulgato dal Papa Paolo VI con la Costituzione Apostolica Missale Romanum del 3 aprile 1969 ed entrato in vigore il 30 novembre dello stesso anno, prima Domenica di Avvento, inizio dell’anno liturgico.

Con il successivo Motu Proprio Summorum Pontificum del Papa Benedetto XVI, del 7 luglio 2017, si è avuto il ritorno parziale all’uso del Vetus Ordo Missae unitamente alla opportuna precisazione che tale rito non era mai stato abrogato.

Il Vetus Ordo Missae è il rito della Santa Messa che risale agli Apostoli e la cui teologia risale ai Padri della Chiesa.

In questa ottica, il gruppo Una Vox, di Torino, ha deciso di riproporre ai fedeli due importanti documenti altrimenti difficilmente reperibili:

1) lo studio condotto alla fine del 1800 dal sacerdote Paul Feuchot (1860-1895), che fu vicario arcivescovile della diocesi di Digione, in Francia.
Non stupisca la data di redazione di questo studio, sia perché il rito e la teologia della Santa Messa non hanno una data che li renda obsoleti, sia perché tale data pone lo studio distante da ogni recente controversia e lo conferma come un ottimo strumento per comprendere il senso della celebrazione eucaristica. Don Paul Feuchot segue passo passo tutto il rito tradizionale presentando insieme le motivazioni cerimoniali e quelle teologiche; il tutto con linguaggio semplice, facile da seguire e atto a far cogliere l’essenziale del culto che la Chiesa rende a Dio.
I diversi articoli sono corredate da 71 foto che introducono visivamente il relativo testo.

2) il testo dell’Ordinario del Vetus Ordo Missae, gli spartiti della Missa de Angelis, del Credo III e delle Antifone della Beata Vergine Maria, con notazione sia gregoriana sia moderna.

Il libro è corredato da un DVD che contiene due filmati: le istruzioni per celebrare la Santa Messa e la celebrazione di una Santa Messa “bassa” (celebrante e ministro); nonché i canti, con spartito, del Kyriale della Missa de Angelis, del Credo III e delle Antifone della Beata Vergine Maria.

Nell’offrire questo valido lavoro ai fedeli, l’intento è duplice:

1°) aiutare a comprendere le importanti differenze tra l’antico e il nuovo rito della Santa Messa, soprattutto in relazione alla teologia;


2°) aiutare ad assistere alla Santa Messa con lo spirito, la disposizione e il dovuto raccoglimento interiore che sono stati quelli dei nostri padri.


Dalla prefazione dell'Autore

Non bisognerà dunque cercare in queste pagine, altra cosa di quello che io ho voluto mettervi. Questa non è un’opera letteraria. Io ho espresso i miei pensieri con semplicità, ho buttato le mie frasi senz’arte, seguendo la disposizione del momento. …

Ancor meno ho avuto l’intenzione di fare un trattato di spiritualità. Non mancano autori che hanno scritto su questo bel soggetto con autorità incontestabile. … Lungi da me la pretesa di imitarli.

Ma la maggior parte di queste opere sono precedute da lunghe introduzioni, oppure consistono in considerazioni generali sulla natura del Sacrificio, la sua eccellenza, le disposizioni che si richiedono al Ministro che lo celebra.
Ho soppresso questi preamboli, la cui lettura, per quanto sia edificante, fa indugiare l’anima impaziente di arrivare alla Messa vera e propria e di gustare le meraviglie che essa racchiude. Subito sono entrato nel cuore stesso del soggetto senza alcun preambolo; ho soppresso il vestibolo e introduco il sacerdote direttamente nel Santuario. Lasciando le alte cime dei princípi, io entro nei dettagli e índico con quali preghiere e con quali cerimonie la Chiesa adora, ringrazia, implora la misericordia di Dio e sollecita i Suoi favori. In una parola, io riferisco allo stesso testo liturgico le spiegazioni dogmatiche e le applicazioni morali che ne derivano.

Per ultimo, questa non è un’opera di scienza. Sotto questo rapporto vi sono degli autori competenti, che hanno a loro disposizione il talento ed il materiale necessario, e non lasciano a desiderare nulla di meglio.
Io mi sono posto unicamente dal punto di vista della pietà. Lo scopo che mi sono proposto è di facilitare la fervente celebrazione del Santo Sacrificio. Ho lasciato dunque da parte tutto ciò che si riferisce alla scienza: non vi ho fatto alcun appello se non nella misura necessaria a capire il testo liturgico.

Possa questo libro eccitare nei sacerdoti un ardente desiderio di celebrare bene la Santa Messa; e contribuire ad accrescere la loro devozione per mezzo di questa grande azione!

Possa esso dare anche ai fedeli un’alta idea dell’augusto Mistero dell’altare ed aiutarli ad assistervi con intelligenza e con pietà!


Esempii di pagine:


gennaio 2020