Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 10 dicembre 2020

L'arcivescovo di San Francisco Cordileone: ancora sulla libertà di culto

Una bella intervista tutta da leggere tratta dal Blog di Sabino Paciolla.
Su Cordileone QUI MiL e QUI la Bussola..
Luigi


L’arcivescovo Cordileone discute di libertà religiosa, restrizioni COVID e parità di trattamento
 Wanda Massa Dicembre 6, 2020


L’arcivescovo di San Francisco, mons. Salvatore Cordileone, ha riferito al National Catholic Register (Registro) che la continua disparità di trattamento del culto religioso rispetto ad alcune attività laiche è “oltraggioso”, oltre che incostituzionale.

L’articolo di Lauretta Brown è stato pubblicato il 4 dicembre 2020 sul National Catholic Register, e la traduzione è a cura di Wanda Massa.

La Corte Suprema ha annullato la sentenza della Corte del 9° Circuito contro le chiese californiane che avevano fatto causa per le restrizioni che proibivano del tutto il culto al chiuso, pur consentendo ad alcune aziende di rimanere aperte al 25% della capienza in aree di grave diffusione del coronavirus. Ciò ha fatto seguito alla decisione della scorsa settimana dell’Alta Corte nella causa Diocesi di Brooklyn contro Cuomo, in cui ha stabilito 5 su 4 che i luoghi di culto devono avere un provvedimento ingiuntivo contro i limiti di occupazione di 10 e 25 persone a New York nelle aree con una forte diffusione del coronavirus (vedi anche qui ).

L’arcivescovo di San Francisco, Salvatore Cordileone, è stato un acceso avversario delle opprimenti restrizioni del coronavirus rivolte alle chiese californiane nel corso dell’anno. A settembre, ha guidato una manifestazione e una processione eucaristica per “Liberare la Messa” (https://freethemass.com/ ), protestando contro le restrizioni COVID della città e dello Stato sulle chiese, quando alle imprese ritenute “essenziali” è stato permesso di operare con una capienza superiore. Il Dipartimento di Giustizia ne ha preso atto, avvertendo il sindaco di San Francisco London Breed che le regole di un solo individuo alla volta in un luogo di culto erano “incostituzionali“, e il limite è stato cambiato in non più di 100 persone alla volta per il culto al chiuso.

La settimana scorsa, San Francisco è stata designata “livello viola” a causa di un’impennata dei casi di COVID, che ha comportato il divieto di praticare il culto al chiuso. L’arcivescovo Cordileone ha parlato oggi con il Register sul perché ritiene che questa restrizione sia “offensiva” e “incostituzionale” e su cosa spera possa accadere alla luce della recente decisione della Corte Suprema di annullare la sentenza contro le chiese californiane.


Che effetto ha la decisione della Corte Suprema di giovedì sulle parrocchie della sua arcidiocesi e dello Stato? È prevista un’azione legale da parte dei vescovi?

Non c’è un effetto immediato. Dobbiamo aspettare e vedere cosa farà la corte distrettuale perché [la Corte Suprema] non ha concesso un provvedimento ingiuntivo, come ha fatto a New York nel caso della Diocesi di Brooklyn, ma ha annullato la decisione della corte distrettuale alla luce della decisione della Corte Suprema per l’ingiunzione nel caso della Diocesi di Brooklyn e ha chiesto alla corte distrettuale di rivedere la sua decisione alla luce di quel caso. Penso sia chiaro che la Corte Suprema ritiene che il tribunale distrettuale debba concedere questo provvedimento ingiuntivo sulla base di quella decisione della Corte Suprema, ma dobbiamo aspettare la decisione del tribunale distrettuale. Se il tribunale distrettuale fa la cosa giusta e agisce in modo tempestivo – cosa che di solito avviene in questi casi: fatto in modo tempestivo – potremo tornare al culto al chiuso con le opportune restrizioni.

La California ha un sistema di livelli di colore simile a quello di New York. Dipende dalla contea, e ci sono quattro livelli. Il viola è il più restrittivo; quasi tutto lo stato è in viola ora. Ci sono tre o quattro contee in rosso; una è in realtà nell’arcidiocesi: La contea di Marin è in rosso. Il rosso permette il culto al chiuso al 25% della capienza o un limite massimo di 100, a seconda di quale dei due è il più basso, ma il livello viola non permette il culto al chiuso, mentre permette la vendita al dettaglio al chiuso al 25% della capienza.

Queste sono le restrizioni che abbiamo combattuto. Lo stato sta diventando sempre più severo a causa dell’impennata e delle infezioni. Ora analizzeranno le cose a seconda delle regioni, ma fino a poco tempo fa, questo è il modo in cui ha funzionato.


Quale direbbe che sia il problema principale del modo in cui la California e il governo locale di San Francisco hanno gestito le restrizioni COVID sul culto?

È profondamente offensivo, è oltraggioso, ed è incostituzionale dire che il culto non è essenziale. Il governo non ha l’autorità di dire alla Chiesa se è essenziale o meno, o quali dei suoi servizi sono essenziali o meno. Questa è la clausola di libero esercizio della Costituzione. Il governo non può impedirci di esercitare la nostra libertà religiosa. È una questione molto seria.

Ho sempre detto che il governo ha il diritto e la responsabilità di dirci cosa dobbiamo fare per proteggere la salute pubblica quando partecipiamo al culto. L’ho sempre detto, e noi accettiamo queste restrizioni. Abbiamo i nostri protocolli di sicurezza. Ogni diocesi del Paese sta seguendo questi protocolli, il modello che è uscito dall’Istituto Tomistico; li abbiamo adottati qui per San Francisco. È stato scientificamente provato che sono efficaci.

C’è stato quello studio fatto durante l’estate, un periodo di 14 settimane in cui hanno studiato 1 milione di Messe seguendo i protocolli di sicurezza, e non ci sono state epidemie. Ci impegniamo per la salute pubblica e per essere responsabili. Ma sono incostituzionali e stanno chiudendo il culto pubblico mentre permettono ad altre aziende di operare; anche nel livello viola, hanno persino consentito questi servizi che prevedono un contatto fisico prolungato, come i saloni di bellezza per capelli e unghie e i saloni di massaggi e tatuaggi.

Mi pare di capire che gli esperti sanitari direbbero che, anche se c’è un’infezione, non sarà un’epidemia – un’epidemia è un intero gruppo di infezioni; non è un raduno di gruppo, quindi non ci sarà un’epidemia. Ma non ci sono state epidemie nelle nostre funzioni religiose quando l’abbiamo fatto. Secondo questi protocolli, ci sono state epidemie, ma nessuna di queste epidemie si è verificata nelle chiese cattoliche. Ci sono stati alcuni che non hanno agito in modo responsabile, ma stanno giudicando tutti sulla base di questi pochi esempi.


Qual è, secondo lei, la migliore linea d’azione per i vescovi di queste zone, di fronte alle opprimenti restrizioni COVID? È la disobbedienza civile o il ricorso alla giustizia?

Ognuno ha un’opinione diversa al riguardo, quindi è difficile ottenere una certa unanimità di pensiero. Penso che tutte queste opzioni siano praticabili al momento opportuno, ma alcuni ritengono che giunto il tempo della disobbedienza civile; e io mi sento in empatia con loro, ma ci sono molti fattori da valutare. Uno è che c’è questa falsa impressione che i fedeli religiosi siano semplicemente irresponsabili – non ci interessa che la gente prenda il virus e muoia, e vogliamo solo fare la cosa che ci piace fare, a prescindere dalla salute pubblica; il che è assolutamente falso, naturalmente, ma alimenterebbe la narrazione, quindi c’è un rovescio della medaglia.

Inoltre, siamo persone di fede; non ci piace dover litigare per cose che dovrebbero essere comprensibili a tutti, quindi siamo stati collaborativi. Vogliamo essere collaborativi. Abbiamo cooperato, e ci piace, con gli altri per il bene comune. Non è nel nostro istinto di entrare in un rapporto conflittuale. E poi, come vescovi, abbiamo molte persone: Ho circa mezzo milione di cattolici nell’arcidiocesi e 90 parrocchie in tre contee, e probabilmente si tratta di una diocesi di dimensioni medie. Abbiamo un sacco di persone di diversi gruppi culturali e linguistici, di diverse convinzioni politiche, di diversi livelli socioeconomici. Cercare di mantenere l’unità tra tutti loro è a volte una sfida, e probabilmente ci saranno alcune persone sconvolte dalla disobbedienza civile. Deve essere fatto nel modo giusto, dove c’è molto capitale morale per sostenerci se facciamo questo passo.


Qual è la sua risposta ai critici che affermano che le chiese cattoliche e altri luoghi di culto religioso stanno ingiustamente cercando di usare i tribunali per ottenere un trattamento speciale per sè stessi, rispetto ai raduni più laici che anche le autorità pubbliche stanno regolando per controllare la pandemia?

Ci accontenteremmo di un trattamento equo, anche se in realtà è inadeguato, perché le attività laiche non sono un diritto del Primo Emendamento. Anche in questo caso, il governo non ha l’autorità di dire alla Chiesa che non possiamo praticare il culto. Quindi, secondo la Costituzione, siamo in una situazione privilegiata rispetto alle imprese o alle attività laiche. Ma a causa della preoccupazione di arginare la diffusione del virus, sarei felice se fossimo trattati allo stesso modo delle attività secolari.

Molti di noi si stanno esasperando, alcuni hanno già esaurito la pazienza, o la nostra pazienza si sta esaurendo. Ci viene detto ancora una volta che c’è un’ondata e che dobbiamo diventare più severi con le restrizioni per non sovraffollare gli ospedali, ma questo ci è stato detto tante volte in passato e gli ospedali non sono stati sopraffatti. Può essere vero questa volta, forse questa volta c’è davvero il rischio di sopraffare gli ospedali, ma l’abbiamo sentito più e più volte, e ci hanno tenuto chiusi per questo. Abbiamo sopportato questa ingiustizia per mesi e mesi.

C’è questo doppio standard. All’inizio dell’estate, quando c’erano tutte quelle proteste, abbiamo, abbiamo ancora un limite a San Francisco di 200 per gli incontri all’aperto – in alcune contee, non c’è un limite – ma loro permettevano che quelle proteste andassero avanti. A quel tempo a San Francisco il limite era di 12 per un raduno all’aperto. Avevano un centinaio o più di persone alle proteste, non solo lo permettevano, anche i funzionari che vi partecipavano – è questo doppio standard e mantenere la loro soppressione della religione perché ci vedono solo come non essenziali.


Quale sarebbe il suo consiglio ai fedeli che cercano di bilanciare le preoccupazioni per la sicurezza con l’osservanza religiosa in questo Avvento e nel periodo natalizio?

Accedere alla Messa come possono; accedere agli altri sacramenti. Ho chiesto ai miei sacerdoti di continuare a mettere a disposizione della gente la confessione. Poi di mantenere viva la fede nella loro casa, come sono sicuro che molti di loro hanno fatto quando non riescono ad arrivare alla Messa, per assistere virtualmente, ma anche a pregare, mantenendo viva la preghiera in casa. Ora, il periodo dell’Avvento, è molto ricco di simboli e di rituali: accendere la corona dell’Avvento, dire qualche preghiera, recitare il rosario in famiglia. Osservare le precauzioni di base per la sicurezza: indossare le maschere e mantenere la distanza sociale fuori casa e tutte le solite cose.