Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

mercoledì 30 settembre 2020

L'oscuro legame Soros-gesuiti: un fiume sotterraneo di dollari

Un milione e mezzo di dollari: questo è il conto relativo alle cifre che Open Society di Soros ha destinato negli anni alle fondazioni dei gesuiti.
QUI, QUI e QUI ancora sulla vicenda.
Luigi

Francesco Boezi - Il Giornale  15/09/2020 

Le fondazioni dei gesuiti sostenute da Open Society di George Soros. Un legame legittimo che però non era noto alle cronache. E che può aiutare a chiarire quali siano i punti di contatto tra due realtà che operano in campi diversi.
Magari una volta erano differenti, mentre ora il terreno d'azione può anche essere divenuto comune: favorire una società senza muri e confini, nel nome del multiculturalismo e dell'immigrazione. I gesuiti, in specie quelli americani, sono per una direttrice progressista. Vale per i focus della dottrina, ma pure per il tipo di mondo da promuovere. Uno spazio "aperto", appunto. Un globo terreste dove la diversità delle identità rappresenti un valore. Oppure, stando alle rimostranze dei conservatori, un mondo dove le tradizioni e le specifiche dei popoli finiscano col soccombere, mischiandosi. Ma è più o meno dal 68' che i gesuiti nordamericani vanno predicando la svolta. E pazienza per il "relativismo".

Si tratta di 1.702.577 di dollari. Aciprensa ne è sicura. Vengono citate pure delle fattispecie. Nel caso della Fondazione servizio dei Gesuiti per i Rifugiati, la voce di riferimento è "sostenere il lavoro del beneficiario sui diritti dei migranti", mentre la cifra sfiora i 180mila dollari. La notizia balza sulla stampa durante la campagna elettorale per le presidenziali americane. Quelle più importanti per il destino ideologico occidentale. Soros, che negli States ha un certo ruolo e che non ha mai nascosto le sue simpatie per il progressismo, non è un sostenitore di Trump, che è osteggiato dalle frange di sinistra della Chiesa cattolica, con i gesuiti in prima linea. C'è il problema che Joe Biden è un abortista. Ma per James Martin, gesuita e consulente della segreteria per la Comunicazione del Vaticano, non sembra poi così discriminante: "Mr. Biden è un cattolico battezzato. Dunque è un cattolico", ha fatto sapere il consacrato su Twitter. Giusto per fare un esempio di come due universi, per quanto paralleli, possano incontrarsi in nome di una "società aperta". Biden e Chiesa cattolica, ma anche Open Society e fondazioni dei gesuiti. E non è un discorso che attiene giocoforza agli Stati Uniti d'America.

"Da parte sua - si legge sempre sulla fonte sopracitata - , il Servizio dei Gesuiti per i Migranti - Spagna (SJM - Spagna), ha ricevuto 75mila dollari dalla fondazione di George Soros nel 2016 e 151.125 nel 2018.". Anche i gesuiti che operano nella Spagna d Pedro Sanchez sono stati favoriti. E poi gli Usa, con il Jesuit Worldwide Learning Higher Education at the Margins che viene chiamato in ballo per queste cifre: 410mila dollari due anni fa e 890mila dollari quattro anni fa. La sensazione è che le due visioni del mondo - quella gesuitica e quella sorosiana - siano almeno compatibili. La "Chiesa in uscita" di papa Francesco è per gli "ultimi". Rifugiati e migranti sono tra quelli. Si potrebbe spiegare così, ma anche nella Chiesa c'è chi intravede un piano per destrutturare l'Occidente. Jorge Mario Bergoglio è per le "periferie economico-esistenziali". E tutto il resto? La domanda che proviene dal lato destro dell'Ecclesia è sempre questa. Poi sì: papa Francesco è un gesuita. Un elemento che si presta e si è prestato a numerose disamine sul futuro del cattolicesimo. Ma questo è un altro discorso.

Il multiculturalismo non può non essere. Lo pensano i sorosiani ed anche molti gesuiti. Padre Artur Sosa, superiore della Compagnia di Gesù, nel 2019 è arrivato a parlare di "volto multiculturale di Dio". Non che gli alti consacrati scelti dal pontefice durante il suo regno la vedano in maniera tanto differente: i cardinali scelti per l'ultimo Concistoro sono tutti più o meno accomunati dal contrasto al sovranismo. É il tipo di Chiesa promossa di questi tempi. Il controcanto, nel frattempo, si è piuttosto affievolito. Pure Soros sarebbe un abortista. Così come Kamala Harris, la donna che il candidato dei Democratici Joe Biden ha scelto come vicepresidente in caso di vittoria a novembre. Ma le mura - gli ostacoli dottrinali - in questa storia non esistono proprio più. Il totale dei finanziamenti ricevuti dalle fondazioni dei gesuiti supera il milione e mezzo.

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.