Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

venerdì 11 settembre 2020

Irlanda: ordinazioni sacerdotali al St. Patrick College. Ieri (più di novanta l'anno) e oggi (solo 1)


Dopo le foto della fluviale ordinazione (842 sacerdoti) spagnola del 1952, altre belle immagini dell'ordinazioni sacerdotali al St. Patrick College di Maynooth (Irlanda) il 09.05.1963. Quando anche l'Irlanda era (veramente) cattolica. 
Il vescovo ordinante era  il primate cattolico d'Irlanda e arcivescovo di Dublino John Charles McQuaid presiede la cerimonia di ordinazione di quasi 90 diaconi. Il culmine di
sette anni di preparazione da parte dei seminaristi, è pieno di musica, preghiera e rito. Fonte RTE.
Il Maynooth College era stato fondato nel 1795 per istruire ed ordinare almeno 500 sacerdoti ogni anno. Era il più grande seminario cattolico del mondo. Dall'inizio del XX secolo subì un lento ma inesorabile decadimento che lo portò ad avere, nel 2017, solo SEI seminaristi. 
Nel 2020 (il 26 agosto) è stato ordinato UN solo prete  in tutta l'Irlanda. (fonte GloriaTV) (2 irlandesi sono stati ordinati per la FSSPX). 
Ora non c'è più un seminario per decisione dell'attuale Arcivescovomons. Diarmuid Martin di trasferirlo a Roma, al Collegio Irlandese.  
Non ci dilunghiamo oltre sulle stagioni della Chiesa... le foto di allora parlano chiaro. 
E basta: che dire di più...  
Roberto

2 commenti:

  1. Il CV2 ha moltiplicato il pane ed i pesci.Dai frutti si riconosce l'albero.Buona domenica.

    RispondiElimina
  2. C'+ ancora una cosa da dire di più .... i casi di pedofilia e non sono certo solo tra i pochi ordinati nel post concilio.... andate a vedere i report sull'Irlanda e meditate cosa c'era proprio nel seminario cattolico più grande del mondo

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione