lunedì 11 maggio 2020

Francia: gli Istituti Ecclesia Dei ricorrono al Consiglio di Stato per riavere la Messa

Continua anche in Francia la proibizione delle Messe pubbliche, benché anche oltralpe si sia avviata proprio oggi una sostanziale "Fase 2". Gli Istituti Ecclesia Dei non sono rimasti a guardare, e ieri, 10 maggio, il Distretto di Francia della Fraternità Sacerdotale S. Pietro, l’Istituto del Buon Pastore, la Provincia di Francia dell’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote e la Fraternità San Vincenzo Ferrer hanno rilasciato il comunicato, di cui pubblichiamo di seguito la traduzione, con cui annunciano di aver presentato ricorso al Consiglio di Stato.
ER


COMUNICATO 
Giovedì 7 maggio, il Primo Ministro ha confermato la conclusione del confinamento del popolo francese e la ripresa delle attività per il prossimo 11 maggio. 
Tuttavia, il culto pubblico resta ancora proibito. 
Tale divieto lede gravemente la libertà di culto, libertà di valore costituzionale. Esso costituisce inoltre un'ingerenza manifesta dello Stato che, anche se le chiese sono aperte, interferisce illegalmente nell'esercizio del culto, in spregio alla laicità. 
L'11 maggio la popolazione sarà liberata dall’isolamento e potrà circolare liberamente di nuovo nelle strade pubbliche. Le scuole elementari, le biblioteche, le mediateche e molti musei riapriranno. Tuttavia, l'esercizio del culto pubblico rimarrà vietato così come la possibilità di seppellire degnamente i nostri morti. 
I cittadini francesi, i laici come i pastori, non possono accettare misure che violano a tal punto i loro diritti fondamentali. 
Per questo ci associamo senza riserve al ricorso presentato da alcuni di noi presso il Consiglio di Stato contro il recente decreto che ha formalizzato le anticipazioni del 28 aprile e del 7 maggio, affinché il giudice cautelare faccia cessare queste gravi violazioni della fondamentale libertà di culto. 
Per la Fraternità Sacerdotale S. Pietro, Don Benoît Paul-Joseph, Superiore del Distretto di Francia
Per l’Istituto del Buon Pastore, Don Philippe Laguérie, Fondatore e Superiore Generale Emerito
Per l’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote, Can. Louis Valadier, Provinciale di Francia
Per la Fraternità San Vincenzo Ferrer, il Reverendissimo Padre Louis-Marie de Blignières 

Con il sostegno di:
Dom Louis-Marie, Abate del Monastero di S. Maddalena di Le Barroux
Padre Marco, Priore del Monastero di S. Maria di Lagarde
Jean de Tauriers, Presidente dell’Associazione Notre-Dame de Chrétienté
Jean-Pierre Maugendre, Presidente dell’Associazione Renaissance Catholique
Guillaume Jourdain de Thieulloy, Direttore responsabile di Salon Beige
Philippe Maxence, Redattore capo di L’Homme Nouveau