Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

giovedì 23 aprile 2020

Coronavirus Parigi. Mons.Aupetit:"gli agenti di polizia NON possono entrare in una chiesa con le armi!"

Parigi. A seguito di una "spiata" tre poliziotti armati hanno fatto irruzione nella chiesa di Saint-André-de-l'Europe, Parigi (VIII), cercando di interrompere la celebrazione della Messa domenicale. 
Si tratta dello stesso copione  sacrilego  che è avvenuto a Gallignano ed in altre parti d'Italia in questo tempo di coronavirus.
C'è però una variante cattolica differenzia le conclusioni degli episodi analoghi: grazie a Dio a Parigi c'è  un Arcivescovo che anzichè "scaricare" pavidamente un suo parroco, vigliaccamente abbandonato alle azioni penali e al pubblico dileggio, ha tuonato con forza denunciando pubblicamente il gesto sacrilego compiuto dalla polizia francese! 
AC
  Tre poliziotti armati hanno fatto 
irruzione in una chiesa parigina per far cessare la celebrazione della Messa.
L'arcivescovo Aupetit ha denunciato con forza l'incidente, 
ricordando che la legge proibisce 
"agli agenti di polizia di entrare in una chiesa con le armi". 

Padre Philippe de Maistre, parroco della Parrocchia di Saint-André-de-l'Europe,  Parigi (VIII)  dovendo stare confinato nella sua chiesa come gli altri confratelli, trasmette in diretta ogni domenica sui social network  la celebrazione della messa per i suoi parrocchiani che  dall'inizio della diffusione della pandemia del coronavirus non possono recarsi in chiesa.
Domenica scorsa, 19 aprile, mentre stava celebrando  il sacerdote ha avuto l'amara sorpresa di vedere degli agenti di polizia che hanno fatto irruzione in chiesa nel mezzo della celebrazione eucaristica per intimargli
di interrompere la messa. 
Ancora scioccato  padre Philippe de Maistre ha poi raccontato:"Eravamo sette persone: io, un ministrante, un cantore, l'organista e tre parrocchiani per le letture e le risposte. A metà Messa, tre poliziotti armati sono entrati  in chiesa! Nel nostro ordinamento l'unica autorità in chiesa è  il parroco! A parte i vigili del fuoco, la polizia non può entrare se non viene chiamata dal parroco. " 
Dopo l'episodio il sacerdote ha  subito informato l'arcivescovo di Parigi, monsignor Michel Aupetit, che ( ieri ) mercoledì 22 aprile ha fortemente e prontamente denunciato l'incidente  parlando su Radio Notre Dame: "La polizia è entrata armata in una chiesa dove vige rigorosamente il divieto alla polizia di entrare portando le armi all'interno di una chiesa. Non c'erano dei terroristi! Dobbiamo mantenere il sangue freddo e fermare queste buffonate. Se è necessario prenderemo la parola e (...) abbaieremo molto forte!"
Padre de Maistre, alla fine, non sarà sanzionato. 
D'altra parte, scandalizzato per questo incidente avvenuto proprio nel cuore della celebrazione, padre Philippe de Maistre si è recato al Municipio dell'ottavo distretto  parlando anche con il responsabile della stazione di polizia che "ha reagito rapidamente scusandosi per l'accaduto" .  
E' poi seguito uno scambio cordiale di parole tra il parroco e il sovrintendente: "gli ho ricordato che la polizia non avrebbe dovuto  interrompere una celebrazione, sarebbero dovuti restare fuori  della chiesa se  proprio avevano la volontà di verbalizzare". ( Quante analogie con la triste vicenda di Gallignano!!! N.d.R. QUI )
Secondo il parroco di Saint-André-de-l'Europe, l'incidente potrebbe essere stato causato da
un vicino del quartiere che avrebbe avvisato la polizia per aver sentito suonare l'Organo. 
"Ho trovato un messaggio registrato sulla mia segreteria telefonica di una persona che urlava: 'C'è una messa clandestina a Saint-André!" Ha rivelato il parroco. 
"L'idea che le persone forniscano delle informazioni false per denunciare le presunte messe clandestine... Avevamo chiuso per questo le porte della chiesa per dissuadere i parrocchiani di venire rispettando la quarantena a casa. Tuttavia, questo si rivolge contro di noi, perché la gente ha la sensazione che stiamo facendo qualcosa di nascosto! ” Ha sottolineato il sacerdote. 
"Stanno approfittando di questa crisi sanitaria per mettere in discussione la libertà di culto", è questo questo che preoccupa maggiormente il   parroco di Saint-André-de-l'Europe Padre Philippe de Maistre.
Il quadro giuridico è poco chiaro (come in Italia... N.d.R.)
Lo stato di emergenza sanitaria non ha imposto la chiusura dei luoghi di culto per la preghiera individuale dei fedeli. 
Il sito web del Governo, nelle sue domande frequenti, indica che puoi andare nel tuo luogo di culto ma che "non può accogliere assemblamenti dei fedeli". 
Le disposizioni governative specificano  che "solo la celebrazione di un funerale può dar luogo all'accoglienza della famiglia immediata, entro il limite di 20 persone e questo nel rispetto dei gesti e delle barriere della distanza".  
Ma nel decreto n. 2020-293 del 23 marzo 2020 non è nebuloso sulla possibilità di celebrare le messe nelle chiese: nel suo articolo 8 -IV, specifica infatti che "Gli edifici di culto (...) sono autorizzati a rimanere aperti . Qualsiasi raduno o riunione al loro interno è vietata ad eccezione delle cerimonie funebri entro il limite di 20 persone. Ora,  "l'incontro" o un "incontro" non sempre corrispondono a una celebrazione religiosa, tanto più se quest'ultimo ... rimane privato. 
Il 17 marzo, nella sua raccomandazione ai vescovi, mons. Éric de Moulins-Beaufort, presidente della Conferenza Episcopale Francese (CEF), ha specificato che "nessuna messa con un'assemblea, di qualsiasi dimensione, deve essere celebrata ” vale a dire nessuna messa pubblica. 
Tuttavia, "le messe (private, ndr) non sono vietate", ha sottolineato la Diocesi di Parigi a Le Figaro, ma "devono essere celebrate a porte chiuse, senza la presenza dei fedeli e rispettando le distanze". 
Che cosa, quindi, delle messe celebrate in una chiesa chiusa, con un parroco e i suoi concelebranti, trasmesse sui social network? 
"Non assimiliamo una messa celebrata a porte chiuse da un parroco e dai suoi vicari a un incontro o una  riunione " è stata la considerazione della diocesi di Parigi: la messa può essere celebrata a porte chiuse,
L'ambiguità rimane quindi sulla presenza di alcuni fedeli, come questi tre parrocchiani presenti nella chiesa di Saint-André-de-l'Europe, ma anche durante molte altre messe trasmesse sui social network in Francia
Su richiesta de Le Figaro, il Ministero dell'Interno ha fornito questo chiarimento: all'interno del luogo di culto "non dovrebbero esserci possibilità di raggruppamenti o di raduni organizzati. Una cerimonia di culto è come un raduno organizzato. ” 
Tuttavia, specifica il ministero, "un ufficio liturgico può essere celebrato da un ministro del culto, ma a porte chiuse, per essere trasmesso dai media. Il sacro ministro può essere assistito da poche persone, se necessario e nel minor numero possibile, per procedere alla registrazione della cerimonia. In questo caso, queste persone "debbono essere in possesso del certificato di deroga su cui deve essere spuntata la casella" viaggio professionale "(1 °  dell'articolo 3) Il sacro ministro può essere assistito da poche persone, se necessario e nel minor numero possibile, per registrare la cerimonia". 

Articolo di Bénédicte Lutaud

Fonte: Le Figaro QUI

Le parole di Mons.Aupetit a Radio Notre-Dame


In pieno confinamento, la polizia , armata, è entrata in una chiesa.  
L'Arcivescovo di Parigi Mons. Aupetit ha condannato l'episodio ricordando che un simile atto era avvenuto negli anni '40 : "un'epoca che pensavo fosse finita.."
L'evento è accaduto domenica 19 aprile nella Chiesa di Saint-André-de-l'Europe, nell'ottavo arrondissement di Parigi. 
Per  risentire le cronache dell'MGR Michel Aupetit su Radio Notre Dame https: //www.paris.catholique.fr/chron ... 
Sin dalla promulgazione  delle leggi di laicità del 1905 e del 1907, che garantiscono la libertà di culto,  la persona responsabile di un luogo di culto gode di poteri decisamente molto grandi. 
Quindi il prete è l'unico responsabile della polizia all'interno della sua chiesa, purché si tratti di preservare l'esercizio del culto. 
La polizia può quindi intervenire in un luogo di culto solo su richiesta espresso del parroco, con una sola eccezione: se l'ordine pubblico è minacciato;, questo può costituire un grave problema di sicurezza, di tranquillità dell'ordine pubblico o di igiene, come specificato in un decreto del Consiglio di Stato del 1993. 
La giurisprudenza specifica inoltre che la polizia deve consentire le persone coinvolte ad abbandonare liberamente l'edificio prima di fare uso della forza. 
Una messa a porte chiuse, con meno di dieci persone, costituisce un "Disturbo dell'ordine pubblico"? Difficile da credere ...

Youtube QUI


Foto 2: l'Organo  della Chiesa di Saint-André-de-l'Europe  QUI

La notizia è riportata anche su Tempi QUI 

2 commenti:

  1. Una domanda...quindi se c'è un prete che celebra una messa a porte chiuse con fedeli, questi devono essere multati ma all'uscita della chiesa? O è permesso eliminare l' assembramento ?
    Sono due problemi diversi il fatto che non sono possibili cerimonie religiose con fedeli e che le forze dell'ordine non possono entrare in chiesa armate se non chiamate?
    Ci vorrebbe un po' di chiarezza dal punto di vista legale, indipendentemente dal fatto di condividere o meno l'atteggiamento della CEI nei confronti dello stato....anche io sono del parere che ci si poteva organizzare per fare celebrazioni in sicurezza, ma mi sembra che in tutti gli stati salvo rare eccezioni, si faccia nello stesso modo.

    RispondiElimina
  2. I regimi francesi da sempre orgogliosamente (!?!)laicisti non dimenticano mai le imprese profanatrici giacobine.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.