venerdì 1 novembre 2019

Chi spaccia nelle parrocchie i testi dei riti pagani? A Verona l'adorazione della Pachamama e cerimonie animiste!

Nel santo giorno della Festa di Tutti i Santi  con la forza che ci viene dalla "Fede della Chiesa  e noi ci gloriamo di confessarla in Cristo Gesù Nostro Signore. Amen." non solo gridiamo allo scandalo per l'inaudita blasfemia dell'adorazione della dea Pachamama  nella chiesa della Parrocchia del Sacro Cuore di Verona ma invochiamo la doverosa  preghiera di riparazione pubblica e privata dei Consacrati e dei fedeli.
Quel che è accaduto nella parrocchia ultra-progressista di Verona è  il  risultato sincretista del martellamento ad opera delle potenti organizzazioni ecclesiali, alcune delle quali collegate direttamente alla CEI, che da diversi mesi fa, in vista del Sinodo Amazzonico, diverse diocesi italiane, hanno prodotto in laboratorio un repertorio rituale pagano ( vedi ad esempio QUI ) facendo proprio lo slogan di Mons. David Martinez de Aguirre "Lasciamoci modellare dai popoli dell' Amazzonia". 
Le organizzazioni progressiste/post marxiste/ecologiste tendono a riportare l'orologio della civiltà cristiana   indietro di millenni ovviamente calpestando il comando evangelico alla conversione ed irridendo il sangue innocente dei Martiri della Fede che non vollero sacrificare agli "dèi falsi e bugiardi"!  (Leggi sotto alcuni testi)
La velocità con cui sono stati redatti gli opuscoli sacrilegamente pagani, spacciati poi dai  pusher nelle parrocchie, è sbalorditiva e indica che già da tempo girava il tam-tam tra le varie diocesi: per molti non è stato difficile aderire all'apostasia della vera fede, visto il sistematico lavaggio del cervello a cui
sono stati sottoposti con un intruglio sballante misto di post marxismo ed ecologia "avanzata". ( Leggi ad esempio QUI))
Quelli invece  che, per grazia di Dio,  non hanno voluto abbandonare , seppur schifati, il salvifico recinto della martoriata Chiesa ripetono eroicamente in cuor loro: resistenza, resistenza, resistenza
Sono  chiaramente scaraventati nel politeismo e nel sincretismo religioso quelli che si rivolgono alla  Pachamama come se fosse una  dea: chi partecipa a quei riti pagani si auto-esclude volontariamente o involontariamente da Cristo perché compie un atto di evidente apostasia. 
Leggendo il testo   del "rito - pagano N.d.R.- del pachamama" ad un certo punto si legge che: "...Vi sono due campanelle che vengono suonate durante la cerimonia. Il loro suono serve a richiamare la presenza di tutti gli spiriti delle montagne sacre (Apu) e della terra". ( Cfr.Momento di spiritualità insieme alla Pachamama, Diocesi di Sant'Angelo dei Lombardi
"Siamo addirittura all'animismo! A questo punto a che serve la Rivelazione di Gesù Cristo di cui i vescovi dovrebbero essere custodi e guardiani?"  ha commentato con dolore un fedele.

Maria, Regina di Tutti i Santi, prega per noi!
AC

Verona, in chiesa preghiera alla divinità Inca. 
I fedeli protestano con il vescovo 
Alla parrocchia Sacro Cuore di Gesù: «Invocazione pagana» 
di Davide Orsato 

VERONA In una chiesa di Roma, sulla Traspontina, è arrivata sotto forma di statuette: qualcuno, all’alba, le ha rubate per poi gettarla nel Tevere. 
Il video è diventato virale nonché uno degli esempi dei «mal di pancia» che circolano nella Chiesa e tra alcuni fedeli, mentre era in corso (si è concluso domenica) il sinodo sull’Amazzonia convocato da papa Francesco. In una chiesa di Verona, nella parrocchia Sacro Cuore di Gesù, quartiere Pindemonte, zona Ponte Crencano, è stata al centro di una preghiera in una veglia dedicata alle missioni del mondo. 
Il soggetto è sempre lo stesso Pachamama, antica divinità inca (il nome, letteralmente, significa Madre Terra: è la sposa di Inti, dio del sole). 
Nell’intenzione dei sacerdoti che avevano esposto le statuette, una forma di spiritualità. 
Per altri, un culto pagano, che dunque non c’entra nulla con il Cristianesimo.
Nel corso della veglia, che si è celebrata venerdì, nella chiesa veronese, non c’erano statue. In compenso, è stata letta la seguente preghiera: «Pachamama di questi luoghi, bevi e mangia a volontà quest’offerta, affinché sia fruttuosa questa terra». 
La preghiera 
Seguono altri versi in cui si chiede, sempre a Pachamama che «i buoi camminino bene», che il «gelo non distrugga la semente»: il tutto si conclude con l’invocazione «Sii propizia, sii propizia». 
Abbastanza da lasciar interdetti alcuni fedeli. 
Fatto sta che tra sabato e ieri, la parrocchia è stata bersagliate di telefonate. 
Diverse mail sono arrivate anche in Curia, chiedendo spiegazioni al vescovo Giuseppe Zenti. 
Tra i presenti alla cerimonia, anche l’ex candidato sindaco per il Popolo della Famiglia (e già presidente della Seconda circoscrizione) Filippo Grigolini. 
Anche lui ha segnalato la cosa in vescovado. 
«Hanno fatto pregare giovani e adulti con un’invocazione pagana - ha denunciato con un post su Facebook- magari sono gli stessi che se chiedi la benedizione della casa ti danno del superstizioso». 
«Non intendo fare polemica - precisa comunque Grigolini una volta contattato al telefono - ma come cristiano che è stato battezzato, comunicato e che si è perfino sposato in quella chiesa sono rimasto perplesso: ho chiesto al vescovo un chiarimento e spero di averlo nella forma che lui ritiene più opportuna, pubblicamente o privatamente». 
Alle richieste di alcuni fedeli, la parrocchia, retta da don Claudio Castellani, ha risposto che si trattava di un modo di «pregare Dio», quello dell’Antico e del Nuovo Testamento, naturalmente. 
Non tutti, però, si sono detti soddisfatti della spiegazione. 


Fonte: Corriere del Veneto QUI 

Il resto dell'opuscolo (a parte l'inquietante rito) non si presenta certo diverso dal materiale diffuso dalla Fondazione Missio che è un organismo della CEI: QUI 
Mentre c'è dell'altro materiale problematico QUI 

Immagine 1 da Facebook: i sacrifici umani in America Latina prima dell'arrivo dei Missionari cattolici.


Leggere su Chiesa e post concilio QUI un approfondito esame teologico della problematica.

5 commenti:

  1. Dov'è la sorpresa? Vaticano II e cena montiniana: il binomio distruttore della fede cattolica. Uno, dieci, cento, mille Monsignor Lefebvre! Si veda https://www.radiospada.org/2019/10/il-microfono-spento-e-il-discorso-interrotto-del-cardinale-ottaviani-in-difesa-della-messa-romana/

    RispondiElimina
  2. "Chi spaccia nelle parrocchie i testi dei riti pagani?". Bisognerebbe chiedersi chi è che negli ultimi sessant'anni ha spacciato lo spirito, anzi lo spiritismo ecumenista assisiano, altrimenti può sembrare che l'amazzonismo sia spuntato di notte come un fungo.

    RispondiElimina
  3. Il vescovo Kräutler: “Si potrebbe integrare Pachamama nella liturgia Cattolica” (cfr. https://www.radiospada.org/2019/10/)

    RispondiElimina
  4. Bergoglio non festeggia Halloween ma fa adorare pachamana...

    RispondiElimina
  5. Non è idolatria, Bergoglio ? Se come dici non lo è, spiegaci cosa intendi per idolatria, visto che non è un concetto cambiato in questi ultimi anni che ben conoscevano chi ha evangelizzato la tua America del Sud.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.