lunedì 6 maggio 2019

Il Vescovo tedesco Overbeck: "Sinodo sull'Amazzonia sarà rottura nella Chiesa. Nulla sarà più come prima"

Apprendiamo dal quotidiano tedesco Katholisch.de una notizia allarmante e terribile. 
Il 2 maggio 2019 il Vescovo Franz Josef Overbeck (il cui sguardo arcigno dice tutto...) ha dichiarato che il sinodo sull'Amazzonia (che si terrà a Roma a fine ottobre 2019) sarà un punto di svolta per l'intera Chiesa. 
E noi non facciamo fatica a crederlo, anche perché ci sono già tutte le avvisaglie che si voglia preparare una bufera Rivoluzionaria epocale, che in confronto Amoris Laetitia è da considerarsi un alito. 
Riproponiamo qui una nostra traduzione dell'articolo tedesco, e speriamo davvero di averlo tradotto male...
Roberto
"Niente sarà più come prima"...


La struttura gerarchica è sotto esame, così come la moralità sessuale, l'immagine del sacerdote e il ruolo delle donne: secondo il vescovo della Ruhr Franz-Josef Overbeck, il prossimo sinodo amazzonico sarà un evento decisivo per la Chiesa.

Secondo le parole del vescovo di Adveniat Franz-Josef Overbeck, il previsto Sinodo dell'Amazzonia d' ottobre a Roma porterà a una "rottura" nella Chiesa cattolica. "Niente sarà più come prima", ha detto il Vescovo, responsabile dell'organizzazione di soccorso cattolico dell'America Latina Adveniat di fronte ai giornalisti di Essen. La struttura gerarchica della chiesa è sotto esame tanto quanto la sua moralità sessuale e l'immagine del sacerdozio. Anche il ruolo delle donne nella Chiesa deve essere riconsiderato.

Altri problemi sono, secondo Overbeck, il declino dei credenti - non solo in Europa, ma
soprattutto in America Latina. Inoltre, la chiesa deve rispondere all '"immenso sfruttamento" della natura e alla violazione dei diritti umani. "Si parlerà di tutto all'Amazon Synod", ha detto il vescovo presentando i conti annuali di Adveniat.

Papa Francesco invitato al Sinodo delle Amazzoni dal 6 al 27 ottobre in Vaticano. Il raduno episcopale si concentrerà su ecologia, teologia e pastorale, questioni indigene e diritti umani. Francesco, con la sua prospettiva sudamericana, ha assicurato la consapevolezza di queste sfide, ha detto Overbeck.

La "struttura eurocentrica" ​​della chiesa cambierà

La "struttura eurocentrica" ​​della Chiesa cattolica cambierà, ha spiegato il vescovo. Ciò è dimostrato dal fatto che in America Latina le chiese locali e il loro clero sarebbero diventati sempre più indipendenti. Finora, ci sono stati molti sacerdoti dall'Europa che ora non sono più disponibili. Allo stesso tempo, c'è anche una carenza di sacerdoti latinoamericani. Si sa di una diocesi ad esempio in cui un vescovo aveva a disposizione solo dieci sacerdoti per un'enorme area pastorale. Già, le chiese locali sono principalmente influenzate da donne religiose. "Il volto della chiesa locale è un volto di donne", ha detto il vescovo di Adveniat.

Overbeck ha fatto riferimento a cifre, secondo le quali, anche in Brasile, il più grande paese del Sud America, la proporzione di cattolici da 90 era già scesa a poco meno del 70 per cento. In altri paesi, è ancora vicino al 50 percento. Lo sviluppo si ferma. Qualcosa di simile è successo in Europa, dove in molti paesi solo circa la metà delle persone apparteneva a una chiesa cristiana. La chiesa deve reagire a tutto questo e trovare risposte, ha sottolineato il vescovo. La chiesa farà questo "passo dopo passo" attraverso diversi processi sinodali.

Anche se non è nell'agenda ufficiale, gli osservatori si aspettano che il celibato obbligatorio all'Amazon Synod sia messo in discussione. Il vescovo Stefan Oster di Passau ha recentemente dichiarato di sospettare che anche i cosiddetti "viri probati" siano un argomento . Questi sono "uomini provati" sposati che dirigono una chiesa da molto tempo e potrebbero quindi essere ordinati sacerdoti. (TMG / KNA)

9 commenti:

  1. "Niente sarà più come prima": è quel "sarà" che non è appropriato. Già da parecchio tempo niente è come prima.

    RispondiElimina
  2. sai che novità ,son 50 anni che tutto è cambiato

    RispondiElimina
  3. È meglio che cambi mestiere questo vescovo!

    RispondiElimina
  4. Stupendo, una Chiesa "svenduta" su Amazon.

    RispondiElimina
  5. Guido Misainen6 maggio 2019 19:07

    Prepariamoci a soffrire, e ad offrire, e ad una scelta da che parte stare che a chi è venuto prima di noi è stata risparmiata.

    RispondiElimina
  6. non metuens verbum7 maggio 2019 06:46

    Non sarà mica che il declino dei credenti, per codesti teutonici, vuol dire soprattutto declino della tassa ecclesiastica ?

    RispondiElimina
  7. Si svegliano adesso...pronto?

    RispondiElimina
  8. Il cattolicesimo è, da molto tempo, sostanzialmente, morto !
    Nella forma, sembra "un po' vivo", ma è solo una illusione !
    Il cattolicesimo non serve al popolo, ridotto ad una assoluta carestia spirituale e all'assoluta mancanza di conoscenza della parola di Dio !
    Il cattolicesimo non serve alla politica e ai potenti !
    Il cattolicesimo non ha più il bencè minimo appeal sulle masse !
    Il cattolicesimo serve solo a sperare di perpetuare se stesso e a sostenere (tramite il denaro dei cosiddetti "fedeli", colpevolmente ignoranti e complici) una schiere di 350.000 ecclesiastici, fannulloni e parassiti!
    Il cattolicesimo è stato già giudicato da Dio ! Il cattolicesimo è colpevole di miriadi di reati, il maggiore dei quali è aver nascosto e impedito la conoscenza di Dio e della sua volontà !
    Caro amico che stai leggendo, ... fino a che c'è tempo, ... esci dal cattolicesimo ! Fuggi da questa immonda e demoniaca organizzazione !
    Se non lo farai, sarai ritenuto complice delle sue malefatte e riceverai parte della punizione a lei destinata !

    RispondiElimina
  9. Il mio commento, naturalmente, non sarà approvato ! Nè, tantomeno, pubblicato !

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.