mercoledì 14 novembre 2018

Rumores dall'Assemblea della CEI: attacco al Motu Proprio Summorum Pontificum

Da qualche ora stanno circolando con insistenza voci provenienti dall'Assemblea della CEI, in corso in questi giorni e dedicata, come si sa, a temi liturgici, in base alle quali durante le discussioni sarebbe stato sferrato un violento attacco al Motu Proprio Summorum Pontificum: sia da parte di uno studioso, sia di un Vescovo, si sarebbe sostenuto che la sua struttura giuridica sia addirittura nulla (così si dice).

Attenzione! Allo stato si tratta solo di rumores, sicché possiamo sperare che le voci siano infondate o, quantomeno, esagerate. Purtroppo, però, non sono inverosimili: per cui ce n'è comunque abbastanza per aggrapparci al Rosario e pregare intensamente che i nostri Vescovi siano preservati da simili eccessi di inammissibile e irrazionale furore ideologico.

27 commenti:

  1. Ahimè, nella "Chiesa di Francesco" (I, II, III o IV che sia), la repressione anche giuridica della S. Messa di sempre è una questione di quando, non di se.

    RispondiElimina
  2. Il SP fu attaccato in modo violento con argomenti pretestuosi, accompagnati da veri e propri insulti a papa Benedetto, accusato quale nemico del ' miracoloso e ispirato' CVII, da parte dei novatori ancora viventi o dai loro epigoni.La persecuzione ,non certo nuova,contro gli Ordini 'tradizionalisti' e gli ostacoli di ogni genere alla celebrazione VO, stanno a dimostrare che non si vuole che si affermi e resti confinata a dei gruppi disprezzati perché contro il magistero (!?!) e come 'nostalgici', misericordiosamente tollerati. I fautori di una liturgia, sempre meno cattolica, sono poi allarmati perché tanti giovani sacerdoti anelano, impediti, a celebrare VO ma anche per molti fedeli stanchi delle profanazioni alle quali sono costretti ad assistere in chiese che non hanno più nulla di sacro e/o utilizzate, con il subdolo pretesto della carità e l'accoglienza indiscriminata, per manifestazioni da avanspettacolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo commento, condivido al 100%

      Elimina
  3. Se ci sarà qualche eresia dentro al messale la combatteremo! Molti dei nostri Cardinali e Vescovi hanno messo o stanno mettendo l'uomo al centro e Gesù Cristo fuori!!

    RispondiElimina
  4. L'importante è danzare e costruire "altari" con teste mozzate....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensando alle teste mozzate ho peccato. Me lo dovrò confessare.

      Elimina
  5. E se fosse vero ora voi che fate ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continuiamo a pregare UNA CUM . Prima o poi il Cuore Immacolato di Maria vincerà!

      Elimina
    2. Anonimo delle 20:38, continueremo in ogni caso a goderci le tue rosicate su questi schermi.

      Elimina
    3. Noi potremmo fare poco ma il Padre Nostro può fare tutto ciò che vuole.

      Elimina
    4. Pregare solo non basta.

      Elimina
    5. Continuerò a frequentare la Santa Messa V.O., oltre che quella N.O.. Continuerò a recitare il Padre Nostro per come l'ho sempre recitato, così come il Gloria! Non si può sostituire il Pensiero e la Parola di Dio con quella degli uomini. Questo è il mio pensiero. E cercherò, con l'aiuto di Dio, di progredire sempre più nella vita cristiana e cattolica. Come ha detto anonimo 15 novembre ore 07:23, il Cuore Immacolato di Maria vincerà, è solo questione di tempo. E mi piace sempre ricordare quello che disse - e dice, perché Lui è in principio, oggi e sempre - Gesù: "Non prevalebunt"! Questo per me è sempre di grande consolazione, specialmente in questo periodo storico!

      Elimina
    6. Forse sarebbe il caso di cominciare a pregare UNA CONTRA

      Elimina
    7. @ Anonimo16 novembre 2018 10:20 che ha scritto

      "Forse sarebbe il caso di cominciare a pregare UNA CONTRA"
      Esatto: UNA CONTRA il diavolo che vuole dividere la Chiesa
      UNA CONTRA il nostro orgoglio
      UNA CONTRA gli orrori dei modernisti
      UNA CONTRA la supinità della Chiesa nostra madre al mondo e alle sue tentazioni
      UNA CONTRA coloro che , con la scusa che le cose vanno male nella Chiesa - nostra Madre- vorrebbero che diventiamo dei tradi-protestanti (scomunicati)
      UNA CONTRA quelli che vorrebbero che noi non preghiamo per il Papa e per la Chiesa
      UNA CONTRA quelli che ci vogliono scippare la speranza dal nostro cuore

      Elimina
    8. Pregare ? ma quando mai, lei è un incorregibile e irrecuperabile tradizionalista, meriterebbe la scomunica. Il Vangelo non è affidabile, non esiste la registrazione del testo e il diavolo non esiste, l'ha detto padre Abascal capo dei gesuiti. E la preghiera non serve, l'ha detto papa Francesco alle monache di clausura, devono smetterla con queste pratiche medievali e uscire per strada. Io suggerirei alle monache di dimostrarsi ancora di più in sintonia con la chiesa aprendo i monasteri, potrebbero ospitare un gruppo di migranti, cucinare i loro piatti tradizionali, servirli a tavola, lavare i piatti, riordinare le loro stanzette e ogni domenica lavargli i piedi: Sarebbe un successo. Magari la superiora potrebbe essere anche invitata a tenere una catechesi Santa Marta.

      Elimina
    9. Forse sarebbe il caso di cominciare a pregare UNA PER la conversione al cattolicesimo dell'attuale vescovo di roma - lui stesso ha detto di sentirsi tale e non papa, papa si sente solo quando dà ordini - visto che forse cattolico non è mai stato dato che ha detto che non esiste il dio cattolico.

      Elimina
    10. Paura, amico?!

      Elimina
    11. Anonimo delle 9.07 BELLISSIMA! :-)

      Elimina
  6. Se fosse vero, sarebbe del tutto ininfluente. Il motu proprio è una legge universale della Chiesa è nessuna conferenza episcopale nazionale ha il potere di mutarne una sola virgola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo Anonimo delle 23:58 !!!

      Elimina
  7. Una cum? Con chi, insomma, dal momento che la formula completa è 'cum papa nostro'?

    RispondiElimina
  8. Ci va l'alcol test, l'esorcismo o l'inquisitore?

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. Semplice e naturale: UNA CUM PAPA NOSTRO FRANCISCO ( come Dio comanda! )

      Elimina
    2. Quale Papa ? noi non abbiamo un Papa. Jorge Bergoglio ha detto che lui non è il Papa ma il Vescovo di Roma. Infatti coerentemente non vive nell'appartamento papale in Varicano ma nell'hotel Santa Marta. Si ricorda solo di avere i poteri di un Papa quando impone il suo volere e il suo pensiero.

      Elimina
    3. Anonimo delle 17:21, con Bergoglio la vostra occasione l'avete avuta, e l'avete sprecata. Non te la prendere.

      Elimina
    4. Naturale per te...per molti no!!!

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.