lunedì 13 agosto 2018

Bologna. Lo strano "condominio parallelo con gli islamici " di Mons.Zuppi

La bella Bologna "la Dotta, la Grassa, la Rossa" privata, nel nome di un falso ecumenismo, di ogni difesa dottrinale e tradita dai suoi stessi pastori e dai suoi stessi governanti sembra essere inesorabilmente condannata ad un destino di futura città islamica. 
Mons.Zuppi dovrebbe leggere e ascoltare l'accorato appello rivolto a noi "occidentali" dai suoi Confratelli Vescovi del Medio Oriente o dell' Africa prima di dire frasi assurde come "condominio comune con gli islamici". L'Arcivescovo è certamente a conoscenza, perchè non abita nell'iperuranio, che i musulmani non hanno mai fatto ne' mai lo faranno dei condomini con i cristiani!
Sembra che un pactum sceleris preternaturale  vuole la resa della cristiana Bologna prostrata ai piedi dell'Islam: se così avverrà ci sarà anche molto da divertirsi  per l'immediata sorte che subiranno le Associazioni LGBT quelle, tanto per rinverdire la memoria, che avevano oltraggiato con immagini e con espressioni bestiali il Mistero della Passione e Morte del nostro Redentore" .
Ricordiamo come   fu la reazione immediata e forte del compianto Cardinale Arcivescovo Carlo Caffarra allora  Pastore della Chiesa Bolognese e con lui i Sacerdoti, i Religiosi e i fedeli accorsi in massa per l'atto di riparazione contro l'orrenda blasfemia mai accaduta dentro le mura di Bologna "...con che dispiegamento di forze si cerca di far passare l’idea che il cristianesimo e il cattolicesimo in particolare, siano i nemici della libertà, delle giuste rivendicazioni, del progresso scientifico, della laicità, della democrazia. Ogni ideologia che non riesce a farsi alleata la Chiesa, la perseguita ferocemente, sia uccidendo i cristiani sia insultando ciò che essi hanno di più caro" ( Cfr.Omelia del Card. Caffarra QUI ).
Per la cronaca: il PM di Bologna dopo due anni ha chiesto l’archiviazione del caso. Secondo il PM, infatti, non si tratta di vilipendio o blasfemia, bensì -leggete bene, sono testuali parole!!!- “espressione, in forme certo criticabili per la qualità dei contenuti umoristico-satirici, delle istanze culturali e sociali promosse dall’associazione”.
A noi il compito di pregare e di fare penitenza ma anche il cristianissimo dovere  di lanciare l'allarme "porta a porta": il cancello del pascolo è misteriosamente rimasto aperto e  il gregge è in pericolo!

Madonna di San Luca, San Petronio, San Procolo, San Domenico e San Francesco proteggete la  comunità cattolica di Bologna! 


Polemiche moschea
... per Zuppi ( ovverosia Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Matteo Zuppi, Arcivescovo Metropolita di Bologna N.d.R.) 'Dobbiamo imparare a vivere insieme: "siamo troppo paralleli,
dobbiamo imparare a vivere insieme agli altri, il che vuol dire qualcosa di più di un condominio. 
Vuole dire anche imparare, all'interno della Chiesa e fuori dalla Chiesa, a trovare sempre quello che unisce e mettere da parte quello che ci divide".

Fonte: Bologna to day QUI 

10 commenti:

  1. Peccato che ciò che ci divide sia la Fede in Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo. In pratica Zuppi predica l'apostasia.

    RispondiElimina
  2. MiL oramai sta prendendo le sembianze di una Famiglia Cristiana per moderati tradizionalisti da sacrestia. Non vi rendete conto che ci hanno venduti? NOn vedete che si tratta di due religioni diverse? Con i progressisti non ci può essere dialogo in quanto sono persecutori della Verità. Non si dialoga con i nemici nè si fanno le rivoluzioni con i guanti di seta.

    RispondiElimina
  3. il satanico modernismo massonico sta mostrando il suo vero volto proprio nei pastori che tradiscono l'unzione sacerdotale e vogliono portare con sè troppe anime nell'abisso. Che Maria assunta in Cielo ci salvi e ci conduca a suo Figlio

    RispondiElimina
  4. Siamo paralleli? Allora mons. Zuppi, di nascita paolosestino, ora allineatosi alla ' misericordia bergogliana', deve essere strabico. Povera Bologna, sede di arcivescovi di grande livello dottrinale e pastorale. Che tonfo dopo Biffi e Caffarra! Papa Lambertini si rivolta nella tomba.

    RispondiElimina
  5. O tempora o mores…..

    RispondiElimina
  6. Quanto in poco conto questi nostri vescovi, arcivescovi tengono il Vangelo.Io credo che non lo leggono piu',da tanto tempo da averlo dimenticato! A monsignor ( ma non troppo!) Zuppi, vorrei ricordare che tralasciare cio' che divide, vuol dire tralasciare la Verita'!

    RispondiElimina
  7. Simo troppo para...lleli

    RispondiElimina
  8. Io penso solo una cosa! Voi siete matti!

    RispondiElimina
  9. ah e mi riferivo a voi del sito e non a Mons. Zuppi che uno dei più grandi arcivescovi e pastori della chiesa italiana!

    RispondiElimina
  10. Pensi veramente che possiamo vivere fianco a fianco con gli islamici "più che in un condominio"? Solo se non tieni in gran conto la Verità! Gli islamici non lo farebbero mai e questo la dice lunga di quanta importanza diamo a Gesù Cristo!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.