mercoledì 27 giugno 2018

Nuovo libro della TFP. "Il 'cambio di paradigma' di Papa Francesco. Continuità o rottura nella missione della Chiesa? Bilancio quinquennale del suo pontificato"

Dai cari amici della TFP italiana.
QUI è il link al libro in formato flipbook.
QUI il link alla versione Kindle, QUI il  link al cartaceo,  acquistabili su Amazon.
QUI il link per scaricarlo in PDF.
L


PAPA FRANCESCO E IL CAMBIO DI PARADIGMA: UNA CAPITOLAZIONE DAVANTI ALLA MODERNITÀ?
Il “cambio di paradigma” di Papa Francesco. Continuità o rottura nella missione della Chiesa? Bilancio quinquennale del suo pontificato. Questo il titolo del libro scritto dallo studioso José Antonio Ureta ed edito dall’Istituto Plinio Corrêa de Oliveira, che è stato presentato il 23 giugno a Roma, presso l’Hotel Massimo D’Azeglio, in occasione del congresso “Vecchio e nuovo modernismo: radici della crisi nella Chiesa”.
A cinque anni dall’elezione di Papa Francesco, l’autore traccia un bilancio di questo lustro alla luce del “cambiamento di paradigma”, concetto più volte utilizzato dallo stesso Pontefice e da alte autorità ecclesiastiche per indicare la volontà e la necessità di adattare radicalmente la dottrina, la disciplina e la struttura stessa della Chiesa ai bisogni e al sentire del mondo contemporaneo.
Lo studio offre una panoramica generale dei temi su cui si è concentrato finora il pontificato di Francesco e che più hanno suscitato scalpore tra i fedeli per la loro carica di innovazione rispetto ai papati precedenti
. Non sembra esagerato supporre che probabilmente ad oggi non esiste un esame di questi cinque anni di Papa Bergoglio in una visione d’insieme così vasta.
Il libro spazia dalla marginalizzazione riservata da Francesco ai valori non negoziabili (vita, famiglia, educazione) ai rapporti intrattenuti con regimi, movimenti ed esponenti di sinistra di tutto il mondo, dalla promozione dell’agenda ecologista e di quella immigrazionista sino alla predicazione di una morale soggettivista non più vincolata alle regole universali delle leggi divina e naturale.
Discepolo dell’intellettuale cattolico brasiliano Plinio Corrêa de Oliveira, nel suo studio e nei suoi intenti José Antonio Ureta si colloca sulla stessa scia del maestro, che nel 1974 pubblicò un Manifesto di resistenza alla Ostpolitik del Vaticano con i regimi comunisti.
L’autore individua come denominatore comune di tutte le scelte in cui l’attuale pontificato ha optato per il “cambiamento di paradigma” la volontà di un abbraccio totale e definitivo della Chiesa con la Modernità, intesa come secolare processo rivoluzionario anticristiano.  
Di fronte ad una tale situazione di crisi, Ureta cerca di rispondere a domande sempre più pressanti nella coscienza di innumerevoli cattolici: è legittimo per i fedeli resistere in determinate circostanze all’autorità ecclesiastica, incluso a quella del Sommo Pontefice? È possibile che oggi ci troviamo in una situazione analoga a quella che portò l’Apostolo San Paolo a resistere al primo Papa (Gal 2,11)?
Evitando gli opposti estremismi del sedevacantismo e di una adesione cieca e assoluta che prescinde dall’uso della ragione, l’autore propone una via intermedia di resistenza a questo “cambiamento di paradigma”: mantenere integri i legami di fedeltà che uniscono i fedeli ai legittimi Pastori, ma allo stesso tempo prendere le misure prudenziali necessarie alla preservazione dell’integrità della propria fede evitando ad esempio la convivenza abituale con i prelati autodemolitori e portatori di questa nuova visione della Chiesa.





DICHIARAZIONE DELL’ISTITUTO PLINIO CORRÊA DE OLIVEIRA
Di fronte al “cambio di paradigma” di Papa Francesco: resistere come insegna San Paolo

Quarantaquattro anni fa il pensatore cattolico brasiliano Plinio Corrêa de Oliveira sentì il dovere di prendere posizione pubblicamente di fronte alla détente della Santa Sede con i governi comunisti di allora. Lo fece con una dichiarazione che si intitolava La politica di distensione vaticana verso i governi comunisti: cessare la lotta o resistere? Era un momento culminante della Guerra Fredda, in cui l’ideologia rossa stava conquistando parti considerevoli del pianeta. Alla luce della storia, l’innalzarsi di quella voce di rispettosa resistenza all’autorità ecclesiastica costituì un gesto di grande chiaroveggenza.
In questi decenni nessuno ha mai contestato né la legittimità né il diritto che spetta ai fedeli cattolici di assumere una posizione simile, visto che, come recitava all’epoca la menzionata dichiarazione: “La Chiesa non è, la Chiesa non è mai stata, la Chiesa non sarà mai un tale carcere per le coscienze. Il vincolo di ubbidienza al Successore di Pietro, che mai romperemo, che amiamo dal più profondo della nostra anima, al quale tributiamo il meglio del nostro amore, questo vincolo noi lo baciamo nel momento in cui, macerati dal dolore, affermiamo la nostra posizione. E in ginocchio, fissando con venerazione la figura di S.S. Papa Paolo VI, noi gli manifestiamo tutta la nostra fedeltà. Con questo atto filiale diciamo al Pastore dei Pastori: la nostra anima è Vostra, la nostra vita è Vostra. Ordinateci ciò che desiderate. Solo non comandateci di incrociare le braccia di fronte al lupo rosso che attacca. A questo si oppone la nostra coscienza”.
Come discepoli del leader cattolico brasiliano che prendono a modello quello stesso spirito filiale e al contempo sincero e leale, i membri dell’Istituto Plinio Corrêa de Oliveira (IPCO) seguono con grande attenzione la vasta gamma di dichiarazioni e di fatti che hanno contraddistinto questi cinque anni di pontificato di Papa Francesco, alcuni dei quali hanno una portata ancor più significativa della Ostpolitik vaticana di quegli anni.
Nel presente contesto, l’IPCO ritiene necessario analizzare e discernere i limiti inerenti ai pronunciamenti non investiti della formula “ex cathedra” o che semplicemente non riguardano direttamente la Missione affidata da Nostro Signore ai suoi apostoli. Già la citata dichiarazione scritta nel 1974 evidenziava che l’assistenza garantita dallo Spirito Santo affinché il Papa possa parlare con il privilegio dell’infallibilità, ha confini ben definiti dal Concilio Vaticano I, fuori dei quali “in certe materie o circostanze la debolezza cui sono soggetti tutti gli uomini può influenzare e persino determinare (la) attuazione (del Papa)”.
È con questo decisivo presupposto che l’IPCO presenta oggi il libro del suo collaboratore José Antonio Ureta, intitolato “Il ‘cambio di paradigma’ di Papa Francesco. Rottura o continuità nella missione della Chiesa? Bilancio quinquennale del suo pontificato”.
Basato su un ricco apparato di fonti, lo studio constata come, nelle parole dello stesso Pontefice, si vanno facendo largo concetti quali “cambio di paradigma” e “rivoluzione culturale” per definire le profonde innovazioni che si stanno introducendo. Sulla scia di tali espressioni, alcuni teologi e pastori arrivano a sostenere la necessità di tornare a concepire in modo radicalmente nuovo la Chiesa nella sua struttura, nella sua dottrina, nella sua prassi pastorale e nel suo modo di rapportarsi con il mondo contemporaneo.
Ciò costituisce una sfida per la coscienza di un numero crescente di cattolici che intravedono nel “cambiamento di paradigma” una discontinuità con un magistero e una disciplina rimasti immutabili per secoli, il che li porta a domandarsi: è legittimo per i fedeli resistere in determinate circostanze all’autorità ecclesiastica, incluso a quella del Sommo Pontefice? È possibile che oggi ci troviamo in una situazione analoga a quella che portò l’Apostolo San Paolo a resistere al primo Papa (Gal 2,11)? Nelle pagine del libro, insieme ad una visione panoramica di cinque anni di pontificato, il lettore troverà risposte chiare e argomentate a queste domande, nell’ambito della dottrina e in quanto alla condotta da tenere.
Tanto l’autore del libro quanto l’IPCO che lo promuove vorrebbero in ogni caso formulare dette risposte in armonica continuità con le stesse parole che Plinio Corrêa de Oliveira aveva utilizzato nell’anno 1974: “Che fare? (…) Padri della Chiesa, Dottori, moralisti e canonisti - molti dei quali elevati agli onori degli altari - sostengono la legittimità della resistenza. Una resistenza che non è separazione, non è rivolta, non è acrimonia, non è irriverenza. Al contrario, è fedeltà, è unione, è amore, è sottomissione. (…) Nel senso in cui San Paolo resistette, il nostro stato è di resistenza. E in questo trova pace la nostra coscienza”.

San Paolo, 23 giugno 2018, vigilia della Festa di San Giovanni Battista

4 commenti:

  1. Ma è proprio giusto ed utile continuare a porsi tanti interrogativi da accademico trattenimento? L'ideologia bergogliana è quella vecchia e stantia che vuole subordinare l'evangelizzazione ( chiamiamola così ! ) all'inculturazione e quindi a qualsiasi cambiamento e adattamento ai tempi. Ne consegue il devastante relativismo dottrinale e morale sostenuto da una forte corrente gesuitica facente capo ad Arrupe e Martini il quale affermava che la Chiesa era rimasta indietro di due secoli cioè non aveva abbracciato le ideologie liberal massoniche e relativistiche anticristiane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con Anonimo delle 13:46. Questi vanno combattuti e basta, se ne fregano delle parole, finora siamo stati troppo buoni, ora bisognerebbe agire.

      Elimina
  2. La chiesa di Bergoglio incassa 1,8 miliardi dallo Stato italiano per ospitare 18.000 migranti nei propri hotel. Qui siamo agli antipodi dell'accoglienza spontanea ventilata dal Vangelo, che è rivolta al singolo pellegrino, al singolo bisognoso. Invece, di fronte a ciò che sta avvenendo oggi in Italia, potremmo dire: "gratta l'accoglienza e trovi il business migranti. Fiumi di denaro in cambio di merce umana". Si distrugge a livello dottrinale e si lucra a livello fattuale.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.