mercoledì 4 gennaio 2017

ULTIM'ORA - Mons A. Schneider: "Mons. Lefebvre avrebbe accettatosenzaesitazione la proposta di una prelatura personale. Ho chiesto aMons. Fellay di accettare, per il bene della Chiesa"

Pubblichiamo la traduzione di una sintesi dell'intervista esclusiva concessa da Mons. Athanasius Schneider a Sonia Vásquez, per il blog Adelante La fe
Tratto dal sito Radio Spada /4.1.2017)


IN PRIMO PIANO

"Ci sono molti posti dove i sacerdoti agiscono più come ministri protestanti che sacerdoti cattolici"

"Ci sono famiglie che devono viaggiare più di 100 km per andare a una Messa dignitosa e sentire la sana dottrina"

"I fedeli devono chiedere ai sacerdoti per avere degli inginocchiatoi per poter stare in ginocchio"

"Abbiamo una malattia "Eucaristica", e finché non riusciremo a guarire, l'intero corpo rimarrà malato e non produrrà frutti"

"Nel clima di oggi, è un vero miracolo che abbiamo vocazioni"

"L'ideologia di genere è una depravazione, una forma definitiva del marxismo"

"Ideologia di genere... Se possono, i genitori dovrebbero ritirare i propri figli dalle scuole in cui si insegna"

"C'è una mentalità di relativismo radicale all'interno della Chiesa"

"Dovremmo farci sentire, in modo che il Magistero possa parlare chiaramente"

"Con il relativismo morale, soprattutto per quanto riguarda la ricezione della Comunione da parte dei divorziati risposati, vogliamo che Dio faccia la nostra volontà, e non noi fare la sua"

"Un diaconato femminile sacramentale contraddice la natura della Chiesa"

"Dobbiamo amare il papa in modo soprannaturale, pregando per lui, non praticare una forma di papolatria"

CIRCA LA FRATERNITÀ SAN PIO X
MONS. LEFEVBVRE

"Sono convinto che nelle attuali circostanze, mons. Lefebvre avrebbe accettato la proposta canonica di una prelatura personale senza esitazione."

"Mons. Lefebvre è stato un uomo con un profondo sensus ecclesiae"

"Le ordinazioni episcopali sono state fatte nel 1988, perché in buona coscienza, pensava che doveva farlo, come un atto estremo, e allo stesso tempo, ha detto che questa situazione non sarebbe dovuta durare a lungo"

"Se si rimane canonicamente autonomi per troppo tempo, si corre il rischio di perdere una caratteristica della Chiesa cattolica, cioè, ad essere soggetti al Papa"

"Non possiamo fare la nostra sudditanza al Vicario di Cristo in base a chi è il Papa; questo non sarebbe fede. Non si può dire che "io non credo in questo papa, non mi sottometto, ho intenzione di aspettare fino a quando non ne sopraggiunge uno che mi piace." Questo non è cattolico, non è soprannaturale; è umano. Si tratta di una mancanza di soprannaturalità e fiducia nella Divina Provvidenza: è Dio colui che guida la Chiesa. Questo è un pericolo per la Fraternità San Pio X "

"Ho chiesto a mons. Fellay non ritardare la sua accettazione più a lungo, e ho fiducia nella Provvidenza, anche se non è possibile avere certezza al 100% "

"È mio grande desiderio che la Fraternità San Pio X possa essere riconosciuta e stabilita all'interno della struttura regolare della Chiesa nel più breve tempo possibile, e questo sarà per il bene di tutti, per loro e per noi. In realtà sarà una nuova forza in questa grande battaglia per la purezza della fede"

"Ho detto a mons. Fellay: "Monsignore, abbiamo bisogno della vostra presenza, di unirci con tutte le forze buone della Chiesa, per raggiungere questa unità."

MESSA TRADIZIONALE

"Il movimento per ripristinare la tradizionale Messa è opera dello Spirito Santo, ed è inarrestabile"

"Se i Padri del Vaticano II assistessero ad una Messa come quello che conosciamo oggi e ad una Messa tradizionale, la maggioranza direbbe che la Messa tradizionale è ciò che vogliono, e non il contrario"

La liturgia tradizionale è la liturgia del Vaticano II, magari con piccole modifiche.