sabato 24 dicembre 2016

ULTIM'ORA: Card. Brandmuller: "Chiunque ritenga compatibile la Comunione con l'adulterio è eretico e promuove uno scisma"

Il Card. Brandmuller, uno dei 4 porporati dei dubia, in una intervista al quotidiano tedesco Der Spiegel del 23.12.2016 ha rimarcato l'impossibilità di aprire alla C
omunione ai risposati: chi lo facesse sarebbe eretico e promuoverebbe uno scisma.
Il porporato ha ricordato le parole di Gesù sull'adulterio e, citando san Paolo, ha detto che i preti sono amministratori dei misteri di Dio, ma non hanno il diritto di modificarli.
Questo è riportato dal LifeSitenews di ieri 23.12.2016 

 Roberto

 da LifeSiteNews del 23.12.2016

ROMA, 23 dicembre 2016  - In una nuova intervista con il giornale tedesco Der Spiegel, uno dei quattro cardinali della dubia ha detto: "Chi pensa che l'adulterio persistente e la ricezione della Santa Comunione sono compatibili è un eretico e promuove scisma."
Il cardinale Walter Brandmüller fatto l'osservazione, mentre parlava con il giornalista dello Spiegel, Walter Mayr, sui dubia [...]
In un'altra intervista rilasciata oggi da Radio Vaticana, lo stretto collaboratore del papa il papale cardinale Walter Kasper ha detto che il Papa è stato chiaro nel Amoris Laetitia e che ha confermato il suo intento nella lettera ai vescovi argentini in merito alle loro scelte. Nella lettera ai vescovi argentini a cui si riferisce il Cardinale Kasper, Papa Francesco ha detto che quello dei vescovi argentini è l'autentico modo per interpretare Amoris Laetitia per permettere la santa Comunione in casi limitati alle coppie divorziati risposati senza possibilità di annullamento.

Dal punto di vista cattolico, invece, la comunione è impossibile per coloro che vivono in adulterio secondo le parole di Cristo stesso: (Lc 16,18) "Ogni uomo che ripudia la propria moglie e ne sposa un'altra, commette adulterio; e chi sposa una donna ripudiata dal suo marito, commette adulterio. "Nel loro insieme, le due diverse dichiarazioni dimostrano la netta differenza tra gli approcci dei vari cardinali al dubia. Mentre per alcuni l'apertura a cambiare la Chiesa sulla questione dei risposati comporterebbe un'eresia a titolo definitivo,
per gli altri si tratterebbe di una evoluzione "guidata dallo Spirito", necessario almeno per la prassi pastorale.Il cardinale Brandmüller ha detto invece al Der Spiegel che il clero non ha alcun diritto di modificare gli insegnamenti di Cristo. "Siamo, secondo l'Apostolo san Paolo, gli amministratori dei misteri di Dio, ma non abbiamo il diritto di disporrne".La netta differenza tra i principali leader della Chiesa cattolica non è evidentemente stata ignorata dal Papa: Mayr di Der Spiegel riporta un aneddoto che Francesco avrebbe detto a una ristrettissima cerchia di confidenti":  "Non è da escludere che farò entrare nella Storia come colui che divide la Chiesa cattolica".