venerdì 8 luglio 2016

No allo scempio nella Basilica di San Bernardino (L'Aquila) petizione popolare

L'Aquila. Nei giorni scorsi MiL aveva dato , purtroppo, notizia ( QUI ) della "comparsa" nel presbiterio della splendida Basilica di San Bernardino - da poco riaperta al culto dopo essere stata competentemente restaurata da mani esperte e sensibili - di due monoliti, che,  non avendo compreso cosa fossero, avevamo chiamato U.F.O.
Siamo stati poi informati che i due monoliti/UFO, ideati e realizzati- così dice la stampa locale- dall'organizzazione Apostolato Liturgico, dovrebbero essere "altare" e "ambone".
Gli Aquilani ancora ignorano se la Soprintendenza  abbia autorizzato veramente il desposito dei due
moliti/UFO nella Basilica il cui restauro è stato finanziato con fondi pubblici.
Da parte nostra continueremo a segnalare questo e altrui casi alla competente congregazione vaticana nella (vana) attesa che dalle belle parole si passi ai fatti. 
Nostri amici e fratelli Aquilani ci hanno segnalato la nobilissima iniziativa di firmare una petizione per la rimozione immediata dei monoliti/UFO dal presbiterio della Basilica di San Bernardino. 
Buona firma a tutti ! 
AC 

No allo scempio nella Basilica di San Bernardino 

L'altare e l'ambone appena installati nella Basilica di San Bernardino all'Aquila, oltre a denotare gravi incongruenze liturgiche e storiche (basti pensare allo stravolgimento del trigramma IHS, privato della nativa croce), costituiscono un oltraggio intollerabile al decoro del più prezioso monumento cittadino e alla dignità stessa della popolazione, oltreché un pericoloso precedente in tema di recupero dei beni storico-artistici dopo i disastri causati dal sisma. 
Invitiamo tutti a sottoscrivere per rimuovere con urgenza questo scempio 

4 commenti:

  1. attenzione miei cari vi informo che è in fase embrionale avanzata il realizzo di un nuovo Altare nella Parrocchia di Villalago in provincia dell'AQUILA .
    Chiedo più serietà , più competenza non si possono più accettare questi scempi . E che dire del proclama solenne del Cardinale prefetto del Culto Divino "cari presbiteri celebrate AD ORIENTEM dalla prima Domenica di Avvento 2016 .
    E si continua a distruggere a profanare ........................

    RispondiElimina
  2. Sono bellissimi!

    Non capite l'arte moderna!

    Non possiamo fare solo cose vecchie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'arte in chiesa non è fine a se stessa ma ancella della teologia, quindi non può essere quella di ambienti profani del tutto diversi.

      Elimina
  3. Brutto e costoso bancone degno di un moderno mercato del pesce.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.