mercoledì 1 giugno 2016

Card. Sarah: Dopo l'offertorio la Messa deve essere celebrata "ad orientem". E' questo ciò che veramente volevano i Padri Conciliari"

In un'intervista pubblicata dal settimanale Famille Chrétienne il 23 maggio 2016 il cardinale Robert Sarah, ribadendo esplicitamente la sua posizione quale Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, fornisce indicazioni sulla nuova traduzione del Messale Romano in lingua francese ma soprattutto deuncia la deriva liturgica presa dalle celebrazioni liturgiche che sono diventate autocelebrazioni degli uomini, incontri amichevoli, e accusa la celebrazione "rivolta al popolo" che ha finito per eliminare Dio dalla Messa e la dimensione sacrificale propria dell'Eucarestia. 
Per correggere questi errori egli spiega che, dalla lettura dei testi e dei lavori preparatori del Concilio Vaticano II, non emerge affatto la volontà dei padri conciliari di "girare" il prete verso i fedeli, ma piutto è chiara la loro decisione di voler conservare l'orientamente coram Deo almeno dall'offertorio in poi, quando cioè il sacerdote inizia a rivogersi a Dio. Se durante la prima parte della Messa e letture era stato permesso di rivolgersi al popolo (per favorirne la partecipazione e la comprensione), l'atto penitenziale, il Gloria e tutta la parte dall'offertorio in poi, si sarebbero dovuti dire conservando la posizione del sacerdote rivolto alla croce. "Questo era veramente nelle intenzioni del Concilio".
Con parole esplicite e inequivocabili come non mai, quindi il Cardinal Sarah incoraggia con forza la celebrazione della Messa con il sacerdote "spalle al popolo", o meglio, rivolto "ad Deum". 
Ringraziamo il Cardinal Prefetto per questa decisiva e granitica presa di posizione che è destianta di sicuro a essere una pietra miliare nel pur lentissima - ma ormai intrapresa - sterzata della Chiesa in materia di "riforma benedettiana".
Roberto

Il Card. Sarah incoraggia la "messa ad orientem"
di Marie Malzac avec Famille Chrétienne, da La Croix del 27.05.2016
(Traduzione di MiL)

In occasione di un'intervista con Famiglia Cristiana, il cardinale Robert Sarah, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, è tornato sulla questione della nuova traduzione del Messale Romano, ma ha anche molto insistito sulla necessità, secondo lui, di riscoprire la Messa "tutti rivolti nella stessa direzione: verso il Signore che viene", con il sacerdote "con le spalle al popolo".
" 'Con-vertirsi' è di 'rivolgersi a Dio'. Sono profondamente convinto che i nostri corpi devono essere coinvolti in questa con-versione", ha detto il Cardinale. "Non si tratta, come a volte si dice, di celebrare con le spalle ai fedeli o meno: Il problema non è lì. Si tratta di essere tutti rivolti verso l'abside, che simboleggia l'Oriente, dove troneggia la Croce del Signore risorto"

Questo modo di celebrare, ha detto il cardinale Sarah, "è legittimo e conforme alla lettera e allo spirito del Concilio". "Come capo della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, voglio ricordare che la celebrazione versus orientem è autorizzato dalle rubriche, che specificano i tempi in cui il celebrante deve voltarsi verso i fedeli"
Il cardinale Sarah cita anche un articolo pubblicato da L'Osservatore Romano, nel mese di giugno 2015, in cui ha proposto "che i sacerdoti e i fedeli si voltino ad Orientem almeno
durante il rito della penitenza, durante il canto del Gloria, le orazioni e la preghiera eucaristica".
"A più di cinquant'anni dalla chiusura del Concilio Vaticano II, è urgente leggere veramente i suoi testi! Il Concilio non ha mai chiesto di celebrare rivolti al popolo!" ribadisce nuovamente il cardinale. Secondo il capo del dicastero responsabile per la liturgia, si tratta semplicemente di un 'mezzo' che si trova dalla Chiesa per realizzare la partecipazione necessaria dei fedeli alla liturgia voluta dai Padri conciliari.Ma durante l'offertorio, è "essenziale" guardare "ad orientem" .
Tuttavia, "celebrare di fronte alle persone è diventata una possibilità, ma non un obbligo." "La liturgia della Parola può giustificare il faccia-a-faccia tra lettori e gli ascoltatori, il dialogo e la pastorale del sacerdote verso il suo gregge. Ma non appena si raggiunge il momento in cui ci si rivolge a Dio - dal dell'offertorio in poi - è essenziale che il sacerdote e fedeli guardino insieme verso Oriente ". "Questo si adatta perfettamente a ciò che volevano i Padri conciliari".
In questa intervista, il cardinale Sarah chiede il ritorno al sacro e si rammarica del fatto che molte liturgie siano diventate "intrattenimento".
"Spesso il sacerdote non celebra più l'amore di Cristo mediante il Suo sacrificio, ma un incontro tra amici, un pasto conviviale, un momento di fraternità. Nel cercare di inventare liturgie creative e di festa si corre il rischio di un culto troppo umano, per soddisfare i nostri desideri e le mode del momento", denuncia il cardinale "Se le stesse celebrazioni eucaristiche si trasformano in autocelebrazioni umane, il pericolo è immens: perché Dio sparisce."

12 commenti:

  1. Parole davvero ammirevoli e, vista la situazione, il Cardinale Sarah fa il meglio che può; ma - mi chiedo - è proprio così necessario citare sempre il CVII, come se prima non ce ne fossero stati di altrettanto autorevoli e infinitamente più chiari? Mi ricorda tanto dei gerarchi nazisti, che dovevano sempre stare attenti a iniziare e finire il discorso con un "Heil Hitler!"

    RispondiElimina
  2. Caro cardinale..incominci Lei a celebrare la S. Messa versus Deum!! Altrimenti saranno le solite parole..parole...! E che dire di avere due altari nel Presbiterio?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farà molto presto nel primo comune non istriano verso occidente

      Elimina
  3. Vado spesso in visita ad amici a Londra dove mi reco volentieri a Messa presso l'Oratorio di S. Filippo Neri - Chiesa dell'Immacolata. Qui si celebra sempre ad Orientem come appunto raccomandato dal Card. Sarah, come anche in altre Chiese di Londra (S. Beda p.es.). Senza dubbio la celebrazione ad Orientem e la cura nei dettagli, il coro che contribuisce con appropriate polifonie scritte appositamente per la liturgia, la maestria degli accoliti e la stessa architettura classica della chiesa contribuiscono a riscoprire quel senso profondo del sacro che si perde nel chiacchericcio dell'assemblea comunitaria che assiste a una Messa celebrata ad Populum. Se poi il celebrante ha anche la mania di protagonismo e magari è anche prolisso in discorsi che nulla hanno a che fare con il culto per arrivare agli annunci di attività varie della parrocchia...etc, etc, veramente il tutto diventa penitenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scusi, DOVE si trovano queste Chiesa a Londra?

      Elimina
    2. Brompton Oratory http://www.bromptonoratory.co.uk/

      Elimina
  4. bla bla bla...parole parole parole...abbiamo lo spirito del concilio in salsa conservatrice...

    RispondiElimina
  5. Scrivete come se i padri conciliari siano stati fraintesi ecc... ma sono stati loro stessi o no, già nei giorni dopo, a celebrare verso il popolo?

    Smettetela con queste diatribe noiose.

    RispondiElimina
  6. EMINENZA FACCIA PRESTO AD APPLICARE QUANTO DETTO E MI PERMETTO DI SOLLECITARE TUTTI I PASTORI /VESCOVI DELLA BELLA ITALIA A VIGILARE E A NON APPROVARE INTERVENTI/PROGETTI PER Realizzare Nuovi ALTARI RIVOLTI AL POPOLO FINENDO DI DISTRUGGERE L'AUTENTICITA' E LA BELLEZZA DELLE NS. CHIESE ITALIANE .. lE SUGGERISCO UN CASO IN FASE EMBRIONALE AVANZATA :
    CHIESA PARROCCHIALE DEL COMUNE DI VILLALAGO IN PROVINCIA DELL'AQUILA " . GRAZIE .

    RispondiElimina
  7. ... poveri parroci di mezzo mondo: come faranno ora che hanno già fatto costruire la "mensa" fissa versus populum?! ;-)

    RispondiElimina
  8. Io so soltanto che più il tempo passa e più che comprendo Le Febvre...

    RispondiElimina
  9. Che aria fritta! La messa protestante diventa cattolica se ti giri dall'altra parte?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.