mercoledì 3 febbraio 2016

Roma: Santa Messa antica con Padre Pio

E' un piccolo miracolo che sta per succedere. Don William Barker, sacerdote della Fraternità San Pietro, celebrerà questo venerdì 5 febbraio, alle ore 7 del mattino, la Santa Messa nella Chiesa ausilaria del Giubileo di San Salvatore in Lauro (via dei Coronari) in occasione dell'esposizione dei corpi di San Padre Pio da Pietrelcina e di San Leopoldo Mandic, poco prima che vengano trasferiti in San Pietro.

Con questa Santa Messa secondo la forma straordinaria del rito romano, saranno una decina le Messe celebrate nella parrocchia condotta da don Pietro Bongiovanni nell'arco di men che 24 ore. Vari Francescani dell'Immacolata sono attesi sia in San Salvatore in Lauro che nei giorni successivi in San Pietro per onorare Padre Pio che, ricordiamolo, fu il padre spirituale di tutta la famiglia di Padre Stefano Manelli.

In questa bella occasione, preghiamo Padre Pio perché i suoi dilettissimi figliuoli possano anch'essi attingere alla misericordia divina e vengano liberati dalla menzogna e dalla calunnia.

65 commenti:

  1. Veramente una bella notizia per quanti possono parteciparvi e chi sta vicino Roma.
    Viva il "padovano" san Leopoldo Mandic e padre Pio daPietralcina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro mio..San Leopoldo non era padovano!

      Elimina
    2. Padovano nel senso che gran parte del suo ministero al confessionale lo ha esercitato a Padova. Saluti

      Elimina
  2. Viva Padre Pio!
    Anche se alla bestia che viene dal mare e che proferisce parole di orgoglio e di bestemmia è stato permesso di fare guerra ai santi e di vincerli e colui che deve andare in prigionia andrà in prigionia e colui che deve essere ucciso di spada di spada sia ucciso.
    In questo sia la costanza e la fede di resistere alla bestia pericolosa come come una pantera che però si muove in maniera goffa come un orso e con la bocca del leone proferisce bestemmie ereticali.
    La terra intera ,presa d'ammirazione,andò dietro alla bestia e gli uomini adorarono il drago perchè aveva dato il potere alla bestia ed adorarono la bestia dicendo:"Chi è simile alla bestia e chi può combattere con essa?".
    Una delle teste della bestia sembrò colpita a morte , ma la sua piaga mortale fu guarita come tra l'altro hanno detto i giornali smentendo la storia del medico giapponese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La bestia aveva sette teste e dieci corna...

      https://w2.vatican.va/content/francesco/it/letters/2013/documents/papa-francesco_20130928_chirografo-consiglio-cardinali.html

      Elimina
  3. San Pio appartiene ad un'altra Chiesa: la chiesa cattolica.

    La chiesa conciliare che si alimenta del nuovo rito non è compatibile con Padre Pio (che non volle celebrare il rito di Paolo VI) preferendogli fratel(?) Enzo Bianchi, padre Cantalamessa, don Mazzi, don Farinella, don Ciotti...

    Basta strumentalizzare San Pio: Egli era un santo cattolico NON conciliare (del tipo tanto tutto va bene, pecca pure che alla fine c'è la misericordia).

    Croce e sacrificio: avete mai sentito queste due parole dopo il Concilio?

    Se non fanno più parte della pastorale di questa chiesa, la stessa dovrebbe avere il pudore di dire che San Pio rappresenta un'altra epoca, un'altro Magistero, un'altra pastorale.... un'altra Chiesa appunto.

    VIVA SAN PIO DEFINITO DA PAPA PACELLI LA SALVEZZA DELL'ITALIA

    RispondiElimina
  4. Padre Pio ci aiuti ad amare Papa Francesco (lui che da lassù certamente ama) e ad essere, sull'esempio di San Francesco, costruttori di pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. costruttori di pace non di divisioni dottrinali

      Elimina
  5. Anonimo 10.49. Solo chi non conosce la storia di Padre Pio può dubitare del suo grande amore per Paolo VI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il quale Beato Paolo VI però spalancò le porte al maligno per poi accorgersi che il fumo di satana era entrato da qualche parte.
      Chissà chi era che aveva rotto la finestra.....
      https://www.youtube.com/watch?v=7ok8HSbbDO8


      Elimina
    2. Anonimo 12:12, ma non vi stancate mai di calunniare? È angosciante sentire, fra gente che si ritiene cristiana, simili commenti, privi di fondatezza ( e di carità)

      Elimina
    3. E chi avrebbe dovuto almeno sostituire il vetro?

      Elimina
    4. ci ha pensato Lutero !!

      Elimina
  6. Cosa c'entrano padre Leopoldo e padre Pio col concilio di Montini e col giubileo di Bergoglio?
    Quelli amavano la verità prima di ogni altra cosa: per questo erano misericordiosi e giusti, come dice il Salmo 84:"Misericordia et veritas obviaverunt sibi: iustitia et pax osculatae sunt. Veritas de terra orta est et iustitia de caelo prospexit". TEOFILATTO

    RispondiElimina
  7. Ripeto, per gli ostinati, che chi conosce la storia di Padre Pio sa quanto amasse Paolo VI. Questa è la verità! Ma pare che in questo blog ne siate (della verità) parecchio allergici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però Paolo VI si lamentava dei modernisti con Padre Pio e poi li lasciava fare impunemente.

      Elimina
    2. Fonti da cui emerge la stima di P. Pio per il Concilio e Paolo VI?

      Elimina
    3. Si puo' leggere la biografia di Fernando da Riese Pio X. Tradotta all spagnolo: Padre Pio, un crucificado sin cruz. Madrid 1975. Nell libro si puo' leggere la lettera di gratitudine scritta dal Padre Pio a Paolo VI prima di morire il 23 settembre 1968, per l' enciclica Humanae Vitae ed altre testimonianze di Papa Paolo VI verso il capuccino dell Gargano.

      Elimina
    4. E anche la Biografia del Padre Pio dall storico francese Yves Chiron.

      Elimina
    5. Di Paolo VI sono documenti dottrinali validi e, seppur senza le dovute forme, da ritenersi dotati dalla nota dell'infallibilità perché ribadiscono la dottrina sempre professata dalla Chiesa, l'Humanae vitae, la Mysterium fidei ed il Credo del Popolo di Dio. Lo sottolineava anche mons. Lefebvre.
      Ma il suo pontificato è stato tragico anche per la sua debolezza e la sua formazione liberale e modernista che si ritrovano in altri testi ed in molte iniziative ecumeniche e addirittura i contatti con la massoneria in pubblico.
      Risulta che P. Pio abbia lodato la gran parte dei documenti e delle iniziative di Paolo VI?

      Elimina
    6. Si, caro signore Dante Pastorelli. Padre Pio ha scritto una Lettera di gratitudine a Paolo VI per la Humanae Vitae. Ma, come dice lo storico Yves Chiron il Papa del Concilio, uomo moderno, e il cappuccino del Gargano, uomo trafitto da Cristo, son tanti allontanati per temperamento.
      Suo fedele servitore,
      Jose Ricardo Simeon Vives.

      Elimina
  8. Vorrei le prove documentate che Padre Pio AMASSE Paolo VI. TEOFILATTO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti il Santo del Gargano era strumentalizzato dai modernisti.
      Paolo VI vietò la contraccezione nell'enciclica Humanae Vitae dicendo che Padre Pio lo aveva impedito ed in effetti non pubblicò più encicliche per dieci anni dalla morte terrena del Santo sino all morte terrena del Papa (non so se sembra normale).
      Il cardinale Lercaro si scoprì come cardinale protettore perchè voleva che Padre Pio legittimasse quella buffonata della Messa Nuova.

      Elimina
    2. Esatto "buffonata" è l'aggettivo più adatto

      Elimina
    3. Esatto "buffonata" è l'aggettivo più adatto

      Elimina
    4. Anonimo 12:03, le prove le trova leggendosi l'ultima lettera che Padre Pio scrisse a Papa Paolo VI (pochi giorni prima di morire). La legga, le farà molto bene.

      Elimina
    5. La lettera del 1 Settembre del 1969 in cui il Santo del Gargano ringraziava il Papa per l'encliclica Humanae Vitae pubblicata però il 24 Luglio 1968.
      Io non capisco perchè dopo la beatificazione di Montini ancora si insiste a farla legittimare dal Santo del Gargano ma non basta il decreto della Congregazione delle Cause dei Santi?
      Pure questo Giubileo deve essere legittimato dal Santo del Gargano.
      Forse viene il dubbio che persino i modernisti si rendono conto che le loro peripezie non si reggono in piedi da sole?

      Elimina
    6. Anonimo 12:46, guarda che Padre Pio è morto nel 1968.

      Elimina
    7. E' vero scusa mi confondo sempre.
      Comunque rimane la sostanza della strumentalizzazione per il Giubileo.
      Dico Papa Francesco afferma che anche l'ateo va in Paradiso e poi ci si meraviglia che persino il lettore medio cerebroleso di Repubblica se ne frega dell'indulgenza.
      Allora si portano a Roma due Santi Cappuccini martiri del confessionale.Non capisco.E' solo una questione di soldi come al solito?

      Elimina
    8. Anonimo 3 febbraio 13:14 (scusami del ritardo), ti invito a leggere i punti 846 e 847 del Catechismo della Chiesa Cattolica (vedrai che poi tutto ti sarà più chiaro).

      Elimina
    9. La ringrazio Anonimo delle 23.53,ma forse Lei intendeva 826 e 827?

      Elimina
    10. No, intendevo proprio 846 e 847. 846- Come bisogna intendere questa affermazione... 847- Questa affermazione non si riferisce a coloro...

      Elimina
  9. Paolo sesto era un massone..!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO. Ha esiliato mons. Bugnini al Iran (Persia) nell 1976 proprio all scoprire che forse Bugnini era massone. Lo racconta lo stesso Bugnini nell suo libro La Riforma Liturgica. Papa Paolo VI ha tante colpe, ma mai fu massone. E' una calunnia. Fu accusatto anche il Cardinale Jean Villot, segretario di Stato ( Mino Pecorelli ) ma se smente da solo. Nell testamento del Porporato si ordinano Sante Messe per sua anima. Questo un massone non lo fa.

      Elimina
    2. Si decise a cacciare Bugnini quando si accorse che aveva scorrettamente tradotto "pro multis" con "per tutti" e le copie erano ormai state rilasciate per tutto l'orbe cattolico.

      Elimina
    3. State parlando di Bugna?
      Bugna ah ah ah
      E quì con me e penso che ne avrà ancora per un pò.
      Potrà uscire solo quando avrà raccolto tutti i manipoli che sono stati buttati nella spazzatura.

      Elimina
    4. Papa Paolo non ha voluto mai onorare con la Sacra Porpora ad Anibale Bugnini. E lui la aspettava da tempo per il suo lavoro nella Comissione Liturgica da Pio XII e anche per Ephemerides Liturgicae dove ha scritto molte volte. Invece fu onorato Fra Ferdinando Antonelli O.F.M. uomo dotto e pio. Prova che Paolo VI sapeva cosa faceva.

      Elimina
    5. Andate a vedere la tomba dei suoi genitori...tutta con simboli massonici, sulla porta all' ingresso della basilica era rafigurato Paolo sesto..sulla mano la stella a 5 punte...!!??? La statua a Sacro Monte di Varese con la pecora a 5 zampe...!!??? Chi poteva stravolgere la Santa Messa...?? Solo i massoni come lui!

      Elimina
    6. Informati prima di scrivere. Nella web circolano molte calunnie senza nessun controllo. Persino la Madonna ha una Corona di dodici stelle come la bandiera di Europa. Bisogna controllare il cuore. Discernire, non so se lo dico bene. Usare la ragione o come diceva San Filippo Neri : mortificare il razionale. Ti consiglio di leggere una buona biografia critica di Paolo VI. Non quella agiografica di Carlo Cremona. Yves Chiron, che non e' montiniano, ha una molto buona, riveduta ed ampiata pochi anni fa Io ho la prima edizione in francese. Non so si e' tradotta in italiano. Buona sera e tranquillo. Papa Pio XII amava molto il Suo Prosegretario.

      Elimina
    7. sicuramente lo amava..quando l'ha spedito per punizione a guidare la diocesi di Milano.....informati te!!

      Elimina
    8. Niente di punizione. Tardini e Montini avevano rifiutatto la Porpora. Non saranno Cardinali ambidue fino a Papa Giovanni. Papa Pio XII ha voluto ordinarlo Vescovo personalmente. Ma non potendo farlo ha delegato nell Cardinale Decano Tisserant e sacro rito durante li ha inviato un bellissimo Messaggio di paterno amore. Siamo nell Anno Mariano 1954. Buona sera e tranquillo. Nell mio cuore trova spazio Pacelli, Tisserant, Tardini, Roncalli, Montini, Luciani e se Bergoglio volesse ... anche Lui.

      Elimina
    9. Vuole vuole.
      Quanto alle messe del porporato sapeva che ne erano necessarie molte...

      Elimina
    10. Puo' essere, signor Pastorelli. Anch'io lo ho pensato. Ma alla fine, se e' stato colpevole, si ha pentito come il Bonus Latro.
      Un cordiale saluto,
      Jose Ricardo Simeon Vives

      Elimina
  10. Vorrei sapere da persona più competente e afferrata come mai si reclamizza l'arrivo di s. Pio e nessuna televisione o rivista parli dell'umile san Leopoldo, al nord molto amato per la sua semplicità e vicinanza a peccatori e bisognosi. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplice. P. Pio era oggetto di venerazione o ironia da parte della stampa, un santo mediatico; s.Leopoldo ha operato in solitudine. Ma quello che conta è che tutt'e due sono santi davanti a Dio. Santi veri.

      Elimina
    2. Non capisco perchè in occasione del Giubileo straordinario ci si debba rivolgere a due Frati Cappuccini quando abbiamo due bei Papi Santi freschi freschi come Giovanni XXIII e Paolo VI.

      Elimina
    3. la cosa scandalosa è che i venerabili corpi dei due santi vengano spostati a Roma, per l'occasione giubilare...la trovo una trovata pubblicitaria di pessimo gusto.

      Elimina
    4. Padre Pio serve per fare "affari": non c'è stato programma televisivo che non abbia approfittato, in questi giorni, di reclamizzare l'arrivo del santo di Pietralcina! Ma quando ancora era venerabile i settimanali di gossip si rubavano le foto di divi ed attricette che si recavano a pregare sulla sua tomba. Questo me lo rende poco simpatico e non sono l'unico che vive questa sensazione. Noi "nordici" ci rispecchiamo volentieri in una spiritualità più sobria come quella di san Leopoldo, umile anche in questo suo trasferimento romano. Attendendo la beatificazione del grande Pio XII......

      Elimina
  11. costruttori di pace non di divisioni dottrinali

    RispondiElimina
  12. È giusto perché padre Pio ha sempre adorato la Messa antica e continuo a celebre in latino anche dopo il concilio.
    Lo trovo un bel modo per ricordarlo

    RispondiElimina
  13. Grazie a mons. Bongionvanni, di cui posso testimoniare la spiritualità profondamente legata alla tradizione, per la disponibilità nei confronti di chi vuol celebrare Vetus Ordo nella chiesa di S. Salvatore al Lauro. Quanto a S. Padre Pio è fuori discussione il suo amore per il papa. Da cattolico degno di questo nome vi vedeva il legittimo successore di Pietro e il vicario di N.S.G.C. La santità di Padre Pio fu tale da "fargli baciare la mano che lo percuoteva". Preghiamo di saperne imitare l'esempio se necessario. Antiquario

    RispondiElimina
  14. Sapete se esiste qualche Santo o Beato che non ha mai celebrato la Santa Messa di Pio V?
    A parte le donne e i laici ovviamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Santa Messa di Paolo VI l'ha concelebrata con il Papa il Servo di Dio Cardinale Mindszenty all Sinodo dell 1971 che parlo' del Ministero Sacerdotale.

      Elimina
    2. Mi pare che il Primate d'Ungheria sia stato ordinato nel 1915 quindi ne ha celebrate un bel pò di vere Messe.
      Se non faceva quella pantomima in Vaticano non credo che Casaroli e Villot riuscivano a farlo usicre dall'amabsciata USA.
      A me peraltro risulta che il Cardinale Mindszenty riconobbe in una foto un Certo Frate Cppuccino del Gargano che gli aveva fatto da ministrante mentre si trovava imprigionato dai sovietici.
      Non ci siamo.

      Elimina
    3. Vuole Lei oltraggiare la Santa Memoria del Cardinal Mindszenty? Lei crede che il Cardinale ungherese si ha prestato ad una cosi indegna comedia nella Cappella Sistina concelebrando l'Augustissimo Sacrificio dell'Altare ? Lo credete lei capace di questo sacrilegio ? Per fortuna ho le sue Memorie. Li si dice di forma chiara la verita'.

      Elimina
    4. Quindi Lei ritiene che la cena di Paolo VI sia addirittura un sacrilegio?
      Non sia così drastico.
      La verità è che non è niente e se non fai niente come puoi fare una profanazione?
      Manca la materia.

      Elimina
    5. Ma come ha lei la testa ? Ha letto bene quello che ha scritto. Non ha logica !

      Elimina
    6. Effettivamente sono stato impreciso.
      La cena di Paolo VI è solo un momento di raccoglimento dei fedeli assiepati nell'assemblea presieduta dal ministro ordinato.
      Potrebbero forse esserci elementi materiali ma non mi sembra il caso di descriverli in questa sede.

      Elimina
    7. Mindszenty da chi fu esiliato? perché non volle mai dare le dimissioni da primate d'Ungheria.

      Elimina
    8. Hai ragione caro Dante. Montini e Casaroli hanno tradito il Santo Porporato, togliendoli la Sede Primaziale di Ezstergom. Fu un colpo basso, indengno, dopo averlo accolto come principe nella Vaticana Torre dei Venti. Ancora ricordo come il Cardinale parteva per Viena di Austria all Pazmaneum e Roma si innondava da pasquinate gridando Traditore Papa Paolo VI
      Jose Ricardo

      Elimina
    9. Padre Pio baciò la mano anche a Mons. Lefebvre, poi si ritirò a parlargli in privato. Esistono le foto.

      Elimina
    10. E volle, il cardinale martire, essere sempre vicino anche territorialmente al suo popolo. Una enorme macchia nera sul pontificato del recentemente beatificato pontefice.

      Elimina
  15. Con tutti i difetti, carenze, omissioni e aggiunte, la Messa di Paolo VI realizza la transustanziazione. Tutti i canoni devono ora riportare l'espressione "ut fiant" Corpus- Sanguis ecc. Quindi la vis verborum c'è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ut fiat....il sacramento è unico e una la Sostanza. Pastorelli, Pastorelli! Se osi replicare dimostri di essere un arrogante e ignorante e nella tua perseveranza diabolico. Non sei infallibile. Ammetti l'errore. Se no vatti a documentare.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.