domenica 10 gennaio 2016

UN CORRIERE BEN POCO IMMACOLATO


in difesa delle Francescane dell'Immacolata
La redazione online del Corriere della Sera è notoriamente propensa a promuovere tutto ciò che tende a distruggere la società tradizionale e cattolica, a cominciare dalle unioni omosessuali e dagli “studi di genere”, per proseguire con rassegne su miss transessuali e pseudo discussioni aperte sull'utero in affitto.

Di solito, come ad esempio sul blog la 27 ora, si tratta di una propaganda bianca che ci vuol convincere dell'ineludibile necessità di legiferare su alcuni sedicenti diritti civili. Oltre a questo, da qualche mese, Il Corriere online si è lanciato in una spudorata operazione di denigrazione di tutto ciò che per la linea editoriale della sua redazione è troppo cattolico (e ci vuole poco a dir il vero).

E' Il Corriere ad aver organizzato l'outing del povero Charamsa alla vigilia del Sinodo sulla Famiglia ed è Il Corriere online ad avere pubblicato il 4 novembre scorso un video di una presunta ex Suora dell'Immacolata che, 23 anni fa!, avrebbe scritto e firmato un patto col proprio sangue al suo ingresso nella fiorente congregazione.

E mentre l'accusa di truffa rivolta a Padre Manelli si è sgonfiata in dicembre con il dissequestro confermato dalla Cassazione dei beni legati alla sua congregazione (1), Il Corriere ha rilanciato il 4 gennaio la sua campagna di diffamazione con un nuovo video che parla di un altro patto di sangue che rimonterebbe al 1996.

Insomma, in più di tre anni di tempesta attorno ai Frati e alle Suore dell'Immacolata, Il Corriere online non è riuscito a scovare altro che due testimonianze anonime che si riferiscono a fatti avvenuti più di 20 anni fa, ossia prima che la congregazione delle Suore Francescane dell'Immacolata venisse riconosciuta di diritto pontificio nel 1998. Inoltre, questi fatti, se realmente accaduti, non sarebbero altro che tipici fenomeni marginali di esaltazione sregolata così come, purtroppo, si verifica in tanti gruppi umani emergenti (religiosi e non). Eppure Il Corriere ne fa di continuo i suoi titoli.

Viene da chiedersi perché?

Romano Disma

(1) Dissiquestro del quale Il Corriere si è ben guardato dal dare notizia mentre aveva dato invece grande pubblicità al sequestro.



3 commenti:

  1. Vi chiedete il perché? Quel giornale deve essere supportato da liberal-massonici nemici della Chiesa Cattolica. Ma è squallido che la gerarchia di Bergoglio non solo non smentisce simili diffamazioni ma continua a perseguitare i francescani dell'Immacolata contro la stima e l'affetto per loro di tutti i fedeli.

    RispondiElimina
  2. Piantatela di leggere Il corriere della serva, è la voce del padrone....

    RispondiElimina
  3. Scusate , ma dove c'e fuoco c'è anche fumo

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.