sabato 23 gennaio 2016

Papa Francesco: "Non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione"



DISCORSO [vedi qui] DEL SANTO PADRE FRANCESCO
 
IN OCCASIONE DELL'INAUGURAZIONE DELL'ANNO GIUDIZIARIO 

DEL TRIBUNALE DELLA ROTA ROMANA,
Sala Clementina,  Venerdì, 22 gennaio 2016



Cari fratelli,


vi do il mio cordiale benvenuto, e ringrazio il Decano per le parole con cui ha introdotto il nostro incontro.

Il ministero del Tribunale Apostolico della Rota Romana è da sempre ausilio al Successore di Pietro, affinché la Chiesa, inscindibilmente connessa con la famiglia, continui a proclamare il disegno di Dio Creatore e Redentore sulla sacralità e bellezza dell’istituto familiare. Una missione sempre attuale, ma che acquista particolare rilevanza nel nostro tempo.

Accanto alla definizione della Rota Romana quale Tribunale della famiglia[1], vorrei porre in risalto l’altra prerogativa, che cioè essa è il Tribunale della verità del vincolo sacro. E questi due aspetti sono complementari.

La Chiesa, infatti, può mostrare l’indefettibile amore misericordioso di Dio verso le famiglie, in particolare quelle ferite dal peccato e dalle prove della vita, e insieme proclamare l’irrinunciabile verità del matrimonio secondo il disegno di Dio. Questo servizio è affidato primariamente al Papa e ai Vescovi.
Nel percorso sinodale sul tema della famiglia, che il Signore ci ha concesso di realizzare nei due anni scorsi, abbiamo potuto compiere, in spirito e stile di effettiva collegialità, un approfondito discernimento sapienziale, grazie al quale la Chiesa ha – tra l’altro – indicato al mondo che non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione.
Con questo stesso atteggiamento spirituale e pastorale, la vostra attività, sia nel giudicare sia nel contribuire alla formazione permanente, assiste e promuove l’opus veritatisQuando la Chiesa, tramite il vostro servizio, si propone di dichiarare la verità sul matrimonio nel caso concreto, per il bene dei fedeli, al tempo stesso tiene sempre presente che quanti, per libera scelta o per infelici circostanze della vita,[2] vivono in uno stato oggettivo di errore, continuano ad essere oggetto dell’amore misericordioso di Cristo e perciò della Chiesa stessa.
La famiglia, fondata sul matrimonio indissolubile, unitivo e procreativo, appartiene al “sogno” di Dio e della sua Chiesa per la salvezza dell’umanità.[3]
Come affermò il beato Paolo VI, la Chiesa ha sempre rivolto «uno sguardo particolare, pieno di sollecitudine e di amore, alla famiglia ed ai suoi problemi. Per mezzo del matrimonio e della famiglia Iddio ha sapientemente unite due tra le maggiori realtà umane: la missione di trasmettere la vita e l’amore vicendevole e legittimo dell’uomo e della donna, per il quale essi sono chiamati a completarsi vicendevolmente in una donazione reciproca non soltanto fisica, ma soprattutto spirituale. O per meglio dire: Dio ha voluto rendere partecipi gli sposi del suo amore: dell’amore personale che Egli ha per ciascuno di essi e per il quale li chiama ad aiutarsi e a donarsi vicendevolmente per raggiungere la pienezza della loro vita personale; e dell’amore che Egli porta all’umanità e a tutti i suoi figli, e per il quale desidera moltiplicare i figli degli uomini per renderli partecipi della sua vita e della sua felicità eterna».[4]
La famiglia e la Chiesa, su piani diversi, concorrono ad accompagnare l’essere umano verso il fine della sua esistenza. E lo fanno certamente con gli insegnamenti che trasmettono, ma anche con la loro stessa natura di comunità di amore e di vita. Infatti, se la famiglia si può ben dire “chiesa domestica”, alla Chiesa si applica giustamente il titolo di famiglia di Dio. Pertanto «lo “spirito famigliare” è una carta costituzionale per la Chiesa: così il cristianesimo deve apparire, e così deve essere. È scritto a chiare lettere: “Voi che un tempo eravate lontani – dice san Paolo – […] non siete più stranieri né ospiti, ma concittadini dei santi e familiari di Dio” (Ef 2,19). La Chiesa è e deve essere la famiglia di Dio».[5]
E proprio perché è madre e maestra, la Chiesa sa che, tra i cristiani, alcuni hanno una fede forte, formata dalla carità, rafforzata dalla buona catechesi e nutrita dalla preghiera e dalla vita sacramentale, mentre altri hanno una fede debole, trascurata, non formata, poco educata, o dimenticata.
È bene ribadire con chiarezza che la qualità della fede non è condizione essenziale del consenso matrimoniale, che, secondo la dottrina di sempre, può essere minato solo a livello naturale (cfr CIC, can. 1055 § 1 e 2). Infatti, l’habitus fidei è infuso nel momento del Battesimo e continua ad avere influsso misterioso nell’anima, anche quando la fede non è stata sviluppata e psicologicamente sembra essere assente. Non è raro che i nubendi, spinti al vero matrimonio dall’instinctus naturae, nel momento della celebrazione abbiano una coscienza limitata della pienezza del progetto di Dio, e solamente dopo, nella vita di famiglia, scoprano tutto ciò che Dio Creatore e Redentore ha stabilito per loro. Le mancanze della formazione nella fede e anche l’errore circa l’unità, l’indissolubilità e la dignità sacramentale del matrimonio viziano il consenso matrimoniale soltanto se determinano la volontà (cfr CIC, can. 1099). Proprio per questo gli errori che riguardano la sacramentalità del matrimonio devono essere valutati molto attentamente.
La Chiesa, dunque, con rinnovato senso di responsabilità continua a proporre il matrimonio, nei suoi elementi essenziali – prole, bene dei coniugi, unità, indissolubilità, sacramentalità [6] –, non come un ideale per pochi, nonostante i moderni modelli centrati sull’effimero e sul transitorio, ma come una realtà che, nella grazia di Cristo, può essere vissuta da tutti i fedeli battezzati. E perciò, a maggior ragione, l’urgenza pastorale, che coinvolge tutte le strutture della Chiesa, spinge a convergere verso un comune intento ordinato alla preparazione adeguata al matrimonio, in una sorta di nuovo catecumenato - sottolineo questo: in una sorta di nuovo catecumenato - tanto auspicato da alcuni Padri Sinodali.[7]
Cari fratelli, il tempo che viviamo è molto impegnativo sia per le famiglie, sia per noi pastori che siamo chiamati ad accompagnarle. Con questa consapevolezza vi auguro buon lavoro per il nuovo anno che il Signore ci dona. Vi assicuro la mia preghiera e conto anch’io sulla vostra. La Madonna e san Giuseppe ottengano alla Chiesa di crescere nello spirito di famiglia e alle famiglie di sentirsi sempre più parte viva e attiva del popolo di Dio. Grazie.
 
 

[1] Pio XII, Allocuzione alla Rota Romana del 1° ottobre 1940: L’Osservatore Romano, 2 ottobre 1940, p. 1. [2] «Forse tutto questo flagello ha un nome estremamente generico, ma in questo caso tragicamente vero, ed è egoismo. Se l’egoismo governa il regno dell’amore umano, ch’è appunto la famiglia, lo avvilisce, lo intristisce, lo dissolve. L’arte di amare non è così facile come comunemente si crede. A insegnarla l’istinto non basta. La passione ancor meno. Il piacere neppure» (G.B. Montini, Lettera pastorale all’arcidiocesi ambrosiana all’inizio della Quaresima del 1960).
[3] Cfr Pio XI, Litt. enc. Casti connubii, 31 dicembre 1930:  AAS 22 (1930), 541.
[4] Paolo VI, Discorso alle partecipanti al XIII Congresso Nazionale del Centro Italiano Femminile, 12 febbraio 1966: AAS 58 (1966), 219. San Giovanni Paolo II nella Lettera alle famiglie affermava che la famiglia è via della Chiesa: «la prima e la più importante» (Gratissimam sane, 2 febbraio 1994, 2: AAS 86 [1994], 868).
[6] Cfr Augustinus, De bono coniugali, 24, 32; De Genesi ad litteram, 9, 7, 12.
[7] «Questa preparazione al matrimonio, noi pensiamo, sarà agevolata, se la formazione d’una famiglia sarà presentata alla gioventù, e se sarà compresa da chi intende fondare un proprio focolare come una vocazione, come una missione, come un grande dovere, che dà alla vita un altissimo scopo, e la riempie dei suoi doni e delle sue virtù. Né questa presentazione deforma o esagera la realtà» (G. B. Montini, Lettera pastorale all’arcidiocesi ambrosiana, cit.).

16 commenti:

  1. Santita': Perche' oggi dice una cosa e domani fa un altra ? Io Vi domando con umilta', di parlare e agire con chiarezza. Come la Santita' Vostra dice: Evangelicamente.
    Dalla Santita Vostra figlio ubbidiente nella Fede ma anche ubbidiente ai Vostri Predecesori,
    Jose Ricardo Simeon Vives

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possiamo sapere il perché di tutto ...
      Fede, amore e pazienza ...

      Elimina
    2. Io invece,arrogantemente,penso di aver capito qualcosa.
      La Misericordia politica di Papa Bergoglio abbraccia tutti, dai drogati del Leoncavallo di Milano fino ai generali neofascisti della junta militare argentina passando ovviamente per i gay che si trovano equamente distribuiti anche nelle ale estreme.
      Gli unici esclusi sono i Cattolici tradizionalisti (detti anche pipistrelli)perchè ,ovviamente,Sua Santità non può fare vedere che è d'accordo con tutti e si è scelto come "avversari" i biechi propugnatori del latino che è una lingua morta espressione di un mondo morente fatto di pizzi e merletti e che contano meno di quelli che puliscono i cessi a Santa Marta che hanno pure il sindacato.

      Elimina
    3. ... Arrogantemente. Beato lei ! ...

      Elimina
    4. Il discorso, dati i precedenti ambigui, non può essere non sospetto di voler distrarre gli oppositori dal suo agire. Speriamo non si lascino ingannare!

      Elimina
  2. Sua Santità per una volta è stato chiarissimo con queste uscita casuale di basso peronismo a ridosso del Family Day.
    Sia ben chiaro che le migliaia di persone in piazza non manifestano contro Bergoglio ma solo contro i gay.
    Nello stesso tempo nessuno delle alte sfere vaticane deve partecipare ufficialmente alla manifestazione contro i gay perchè è chiaro che il Matrimonio Cattolico è una'altra cosa rispetto ai diritti civili delle unioni omosessuali.
    Comunque bisogna uscire da questi schemi triti e ritriti .Propongo che le prossime manifestazioni si chiamino "Family pride" e ,d'altro canto, "Family gay" così sua Santità potrà finalmente uscire dall'ambiguità che tanto ambascia ed angustia il cattolicuccio come me.

    RispondiElimina
  3. Sua Santita' Papa Francesco ha parlato magistralmente. Se sempre fosse cosi. Ha citato Pio XII e anche la Casti Connubi di Pio XI. Io non dimentichero' questo discorso. Se il Papa vuole, con l'aiuto di Dio, molte cose possono cambiare. Siamo anche a tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il solito pompiere fan.

      Elimina
    2. Hai letto il discorso? Di sicuro che no. Unicuisque suum. Per una volta ha parlato il PAPA.

      Elimina
    3. Sempre polemiche in questo blog.
      Sia ben chiaro che in Italia comanda il Papa e cioè Bergoglio.
      Se i gay avranno dei diritti lo deciderà il Vicario di Cristo altro che Renzi e la Boschi!
      Il Magistero parla chiaro contro i politicanti italiani e se le cose cambieranno si dovrà attingere invece alla Personale Misericordia del Papa.

      Elimina
    4. UNICUIQUE SUUM. NON PRAEVALEVUNT.

      Elimina
    5. Dal CVII la Chiesa tende ad all'adeguamento al mondo, invano frenato da GPII e soprattutto da Benedetto, ora esploso con Bergoglio il quale farà quello che hanno predicato massoni, modernisti marksisti e persone di governo laicista.

      Elimina
    6. Si ma dimentichiamo il popolo,el pueblo que unito hasta la victoria siempre!
      Cosa ci guadagna il popolino dalle unioni gay?
      Risposta:niente.
      Reazione:si può strillare in piazza con Kiko.
      Cosa ci guadagna il popolino con il divorzio e l'aborto?
      Risposta:non si sa mai.
      Reazione:gli strumenti democratici ,nel silenzio e segretezza delle urne, hanno scelto per la civiltà.

      Elimina
  4. Evviva ! ha detto qualcosa di cattolico !

    RispondiElimina
  5. Questo intervento viene a distanza di pochi giorni dal Family Day che finora è stato boicottato da Galantino e conseguentemente ignorato dalle parrocchie. Quindi non influirà sull'affluenza e salverà la faccia. Esattamente come per la Messa Tradizionale : a parole non la vieta, ma coi fatti perseguita chi la sostiene.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.