venerdì 16 ottobre 2015

Andrea Tornielli, il vaticanista di successo. Dalla Tradizione e Pio XII a Kasper





Pubblicato 14 ottobre 2015 | Libertà e Persona (vi consigliamo caldamente di andare sul sito per vedre le significative immagini di questa triste storia), di Francesco Agnoli


Non la pensava così, solo pochi anni fa…“. Così mi dice uno dei monsignori cui Andrea Tornielli, oggi coordinatore di Vatican Insider, faceva le sue telefonate, all’epoca di Benedetto XVI, per fare due chiacchiere…
No, non era così. Ieri il vaticanista Tornielli era un ratzingeriano di ferro, oggi è un po’ la punta di diamante dello schieramento pro Kasper e pro rinnovamento dottrinale. Il cardinal Martini, per intenderci, è diventato un “profeta”, e Kasper il suo successore.
Con molta grinta Tornielli non lesina le legnate virtuali ai cardinali che in quest’anno si sono spesi per argomentare, con dei libri, la loro posizione riguardo al matrimonio.
Tornielli non era imparziale un tempo, e non lo è oggi. Il ruolo di cronista gli sta stretto: preferisce mescolarlo a quello di opinionista. Nulla
di male, anzi, se non fosse che questo espone, però, a molte considerazioni. Perchè chi fa l’opinionista è poi giocoforza che finisca nella “guerra” delle opinioni. Soprattutto se ha cannoni potenti con cui sparare; se poi abbraccia con tanto vigore le tesi minoritarie all’interno della Chiesa, anche di oggi, ma maggioritarie nel mondo, inevitabile che finisca per scontrarsi con chi non comprende nè perchè la Chiesa dovrebbe cambiare idea su principi fondamentali che ha sempre professato, nè perchè Tornielli stesso abbia cambiato così fieramente e tempestivamente, secondo qualcuno, “sponda”.
Divorziati risposati

Non tanto tempo fa, Benedetto XVI regnante, proprio riguardo alla comunione ai divorziati risposati, Tornielli scriveva:
Talvolta si rischiano generalizzazioni, come quella di pensare che i divorziati siano in quanto tali esclusi dalla comunione. Non è vero. Lo sono soltanto i divorziati che essendosi sposati in chiesa la prima volta, hanno contratto dopo la separazione un nuovo matrimonio civile oppure convivono stabilmente con un nuovo compagno o compagna. Pur essendo la prassi dell’esclusione molto antica, ancora nei primi anni Settanta, la Congregazione per la dottrina della fede ammetteva la «probata praxis in foro interno», cioè l’ammissione ai sacramenti per scelta di coscienza approvata dal confessore. Le rigorose norme attuali risalgono all’esortazione apostolica «Familiaris Consortio», di Giovanni Paolo II (1981) e sono state ribadite da Benedetto XVI nella «Sacramentum Caritatis» (2007). Papa Ratzinger, che più di una volta ha mostrato attenzione al problema, raccogliendo le indicazioni emerse dal Sinodo dei vescovi definisce «situazioni dolorose» quelle «in cui si trovano non pochi fedeli che, dopo aver celebrato il sacramento del matrimonio, hanno divorziato e contratto nuove nozze». Un problema pastorale «spinoso e complesso, una vera piaga dell’odierno contesto sociale che intacca in misura crescente gli stessi ambienti cattolici». Ma ribadisce la prassi della Chiesa, «fondata sulla Sacra Scrittura», di non ammettere ai sacramenti i divorziati risposati. Ratzinger invita comunque i divorziati risposati, «nonostante la loro situazione», ad appartenere alla Chiesa, «che li segue con speciale attenzione, nel desiderio che coltivino, per quanto possibile, uno stile cristiano di vita attraverso la partecipazione» alla messa.
L’argomento era spinoso: il suo datore di lavoro, Berlusconi, aveva chiesto di ricevere la comunione, pur essendo, appunto, risposato; il papa di allora, cui un vaticanista non può non guardare con simpatia, la pensava diversamente. Occorreva districarsi tra Berlusconi e Benedetto, e Tornielli seppe farlo.
Su Il Timone del febbraio 2012 però Tornielli parla chiaro, in un articolo contro i “ribelli” a Benedetto XVI: Le Chiese del nord e del centro Europa sono attraversate da venti di ribellione. C’è chi lo chiama «scisma silenzioso», chi invece minimizza. Di certo di tratta di un fenomeno preoccupante, che interessa Paesi di antica tradizione cattolica, come l’Austria o il Belgio. 
Succede persino questo, udite udite: In Belgio, ad esempio, oltre duecento sacerdoti, spalleggiati da migliaia di fedeli, chiedono per iscritto l’ammissione dei divorziati risposati alla comunione, l’ordinazione sacerdotale di uomini sposati ma anche delle donne, nonché la possibilità per i laici di tenere l’omelia durante la messa domenicale….
Se così la pensava ieri, e oggi all’opposto,  cosa è successo?

Gli inizi della carriera

Sarà bene allora tornare indietro nel tempo, quando Tornielli era collaboratore del mensile ciellino 30 Giorni. Cl era allora la “destra” della Chiesa, e Tornielli, stava, appunto, saldamente a “destra”. Cioè un po’ all’angolo.
Sul numero di 30 Giorni del giugno 1992 si può trovare un suo dossier sulla liturgia. Il titolo, in copertina: La massoneria e l’applicazione della riforma liturgica. Il titolo, all’interno: Una babele cercata. All’interno dell’articolo il giovane Tornielli accenna anche alla presunta affiliazione massonica di mons. Annibale Bugnini e ricorda come la sua spedizione in Iran fosse stata proprio una punzione a causa delle frequentazioni massoniche del principale artefice della riforma liturgica. Nel dossier compare poi un lungo articolo dell’allora Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, J. Ratzinger, così intitolato: Una messa degenerata in show.
Parole e concetti, come si vede, molto forti, di cui Tornielli si è fatto portatore per anni. Non per nulla era allora considerato dalla Fraternità san Pio X, un giornalista “amico”. Oggi sembra che le idee dell’illustre vaticanista siano cambiate, o almeno molto più prudenti.

Al Giornale di Silvio Berlusconi

Mentre si fa le ossa a 30 Giorni e al Sabato, dopo una collaborazione al giornale diretto da Giuliano Ferrara, il Foglio, Tornielli approda al quotidiano di casa Berlusconi.
Vi rimane circa 15 anni, scrivendo quello che scrive un vaticanista del Giornale: non sono previste esaltazioni degli ecclesiastici pauperisti, nè di quelli sinistrorsi.
Stare a fianco di Berlusconi e fare il vaticanista di “destra” sta bene, nell’epoca dei “principi non negoziabili”, della legge 40 e nell’era Ruini.
Arrivano così gli anni di papa Benedetto. Tornielli può vantare un crescente numero di informatori che si fidano di lui, in Vaticano. Le sue interviste di allora privilegiano non i martiniani o i progressisti, ma i consevatori, i tradizionalisti, i ratzingeriani. E fioccano anche gli scoop, senz’altro legati alle buone amicizie vaticane.
Sotto Benedetto Tornielli esce piano piano dal ghetto della destra, diventa un vaticanista accreditato, e con Paolo Rodari, allora vaticanista del Foglio, finito poi con un doppio salto mortale a Repubblica, scrive un libro apologetico e coraggioso: Attacco a Ratzinger. Accuse e scandali, profezie e complotti contro Benedetto XVI.

Anche l’intrallazzone Bertone va difeso: è pur sempre Segretario di Stato. Oggi è, giustamente, tra gli impresentabili
Benedetto è, allora, il nume. Oggi sembra sia urgente capovolgere l’indirizzo da lui dato in campo etico, e non di poco.
Il Timone e la Bussola

Sono gli anni in cui Tornielli si scopre fervente apologeta. L’apologetica lo vede infatti in prima fila, soprattutto nella difesa di un papa tradizionale come Pio XII. Tornielli scrive libri storicamente pregevoli, e i suoi fans crescono. Sono gli anni in cui collabora al mensile di apologetica il Timone, non propriamente un mensile kasperiano o pregressista: il mensile che ha organizzato in questi giorni a Roma, per il sinodo, un incontro pubblico con i cardinali Burke e Caffarra.
Tornielli viene invitato a presentare i suoi libri a destra e a manca. Poco, o nulla, a sinistra. Uno che scrive sul giornale di Berlusconi, difende Pio XII… non è molto apprezzato in certi ambienti.
Dal mondo del Timone nasce la Bussola quotidiana: Tornielli diviene il primo direttore (caporedattore Cascioli, collaboratori: Messori, Negri, Palmaro…). Sembra che qualcuno oggi glielo ricordi, quando si lamenta per le molte interviste a cardinali non kasperiani presenti su quel quotidiano (un po’ rinnovato, si chiama oggi la nuova Bussola, ma sostanzialmente ha gli stessi collaboratori di un tempo e la stessa linea ideale).
E’ anche l’epoca della grande e fugace amicizia tra Tornielli e Vittorio Messori, il cattolico retrogrado, il giornalista apologeta, che aveva dedicato un libro all’odiato prefetto Ratzinger quando era solo il panzer tedesco. Tornielli e Messori duettano di continuo, sino a scrivere un libro intervista insieme.
Messori è, all’epoca, un uomo stimato da Bendetto XVI, e tenuto in considerazione da eminenti prelati.
Oggi Messori è uscito di scena: sia da quella ecclesiastica, sia dalle interviste tornielliane. L’unico accenno a Messori, da parte di Tornielli, sarà una critica per alcune sue considerazioni consegnate alla nuova Bussola, alla fine del 2014.
Sono tanti gli “amici” che si perdono per strada: sopra, un Tornielli da poco a Vatican Insider, in piena era Benedetto, intervista (lo farà più volte) il ratzingeriano mons. Nicola Bux, per difendere il cardinal Muller dalle critiche tradizionaliste: sia Muller che Bux sono oggi spariti da Vatican insider, sostituiti da Kasper, Riccardi, Enzo Bianchi…
In politica arriva l’epoca in cui si apre la crisi di Berlusconi: l’uomo perde molti colpi ogni giorno, viene travolto dagli scandali sessuali, strumentali quanto si vuole, e il vaticanista del Giornale si sforza di difendere il suo editore. Dando voce agli ecclesiastici molto alternativi alla sinistra, che esprimono dubbi su quanto sta accadendo… 
Poi cambiano gli editori (Tornielli viene assunto da la Stampa), cambiano i papi, e anche idee e frequentazioni possono, diciamo così…rinnovarsi….
-Un approfondimento:
Tornielli approda a la Stampa, da il Giornale, nel marzo 2011; il 19 gennaio intervista Messori sul il Giornale, in un articolo sostanzialmente a difesa di Berlusconi (le domande di Tornielli sono imbarazzate, ma accomodanti, come questa: C’è chi dice: meglio un politico disordinato nella vita privata ma che fa buone leggi, piuttosto che un politico irreprensibile nel privato che fa leggi contro i «principi non negoziabili. Che cosa ne pensa?; Messori è scelto proprio affinchè dica perchè ritiene l’attacco a Berlusconi strumentale);
il 20 febbraio, cioè solo un mese dopo l’intervista a Messori su Il Giornale e un secondo prima della partenza dal Giornale stesso, lo sguardo di Tornielli sugli scandali del suo ormai ex editore è cambiato. Come ha modo di dire, nella solita chiacchierata (di allora) con Messori, questa volta però sulla Bussola.
Messori dice le stesse cose già dette pochi giorni prima al Giornale; lo stile delle domande e delle affermazioni di Tornielli, invece, si è molto indurito: Non trovi un po’ imbarazzante che vi siano cattolici pronti a giustificare il Cavaliere sempre e comunque?… Questa situazione sta oggettivamente danneggiando l’Italia sulla scena internazionale…. Io trovo quanto è emerso di una tristezza e di uno squallore senza fine…
Eppure al Giornale, sino a pochi giorni prima, il modo per barcamenarsi e impostare la difesa c’era stato eccome!
La notizia della settimana è stata certamente il rinvio a giudizio del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Ci sono state le manifestazioni di piazza per la dignità della donna, la temperatura nel Paese continua a salire. È paradossale che da settimane l’Italia si sia ridotta a parlare soltanto di prostitute, seppure denominate con il meno volgare termine di “escort”. Tu come giudichi la situazione?
Ti confesso, Andrea, tutto il mio imbarazzo. Anche il mio imbarazzo adesprimermi. Vedo innanzitutto delle contraddizioni pazzesche. In piazza con le donne indignate c’erano le ormai stagionate apostole della rivoluzione sessuale, della libertà totale, del sesso libero, dell’aborto à la carte. C’erano quelli che avevano fatta propria la distinzione, tipo l’Espresso, tra vizi privati e pubbliche virtù. Sui vizi privati non si doveva mettere il naso, contavano solo le virtù pubbliche. Ora questi libertari del sesso si indignano per Ruby, per il fatto che avesse 17 anni e mezzo. Sono vecchio abbastanza per ricordarmi che ai miei tempi la maggiore età era a 21 anni, e dunque che si tratta di una convenzione burocratica. Questo non certo per giustificare i rapporti con i minori, attenzione, ma per dire che trovo ipocrita che a indignarsi siano quelli che hanno fatto il ’68, che propagandavano il diritto-dovere dei bambini a vivere la loro sessualità, etc. etc. Perché va bene dire «l’utero è mio e me lo gestisco io» come facevano certe femministe in piazza, mentre Ruby non dovrebbe essere libera?
Capisco ciò che dici. Ma mi sembra che la questione sia un tantino più complessa: lei era minorenne, il premier ha telefonato in Questura per farla trattare con i guanti… Non credi insomma di minimizzare troppo prendendotela con chi s’indigna e va in piazza? Io trovo quanto è emerso di una tristezza e di uno squallore senza fine…
Beh, Andrea, dovevi lasciarmi finire. Non sto affatto giustificando il Cavaliere sul quale, in 16 anni, non ho scritto una parola, né in bene né in male. Come ho fatto, del resto, per un Craxi o per qualunque leader politico susseguitosi nella mia vita. Non ho mai fatto il cortigiano di alcuno e nessuno mi ha mai visto in piazza a inveire contro il potentedi turno. Stavo per aggiungere infatti che Berlusconi è comunque indifendibile. Non tanto per ragioni morali (che lascio al suo confessore, se ne ha uno) ma per opportunità, umana prima ancora che politica. Perché, come ha giustamente osservato il cardinale Angelo Bagnasco, a ogni ruolo che si ricopre deve corrispondere un comportamento adeguato. Se vuoi fare il presidente del Consiglio te ne devi assumere onori e oneri, devi avere un comportamento consono. O almeno, come ho già scritto, ricordarsi dell’avvertimento ai Principi dei gesuiti barocchi che, tra l’altro, molto amo: “nisi caste, tamen caute”…. – Nota mia: può essere resa  come “se non riesci a vivere in castità ialmeno sii prudente nelle trasgressioni e non destare scandali, vivi questa condizione peccaminosa con circospezione, cautela”. Confesso che non sono d’accordo su quest’ultimo punto. Non basta la logica dei vizi privati e delle publiche virtù -.
Non trovi un po’ imbarazzante che vi siano cattolici pronti a giustificare il Cavaliere sempre e comunque?
Come ti dicevo prima, a me viene da scuotere il capo e da stare in silenzio. Da una parte abbiamo un premier che sembra comportarsi come un qualunque padroncino con i soldi e il Suv, un appassionato di calcio e di donne giovanissime e vistose (ora le chiamano escort…), che sa svagarsi solo in un certo modo. Dall’altra abbiamo i nuovi, arcigni moralisti che fino a ieri erano per l’assoluto libertinaggio. Personalmente non sto né con i censori né con i cortigiani. Lascio a un Altro il giudizio. Come, del resto, dovremmo fare sempre