sabato 20 dicembre 2014

Le “gravi difficoltà” economiche dei Frati Minori Francescani e l’imitazione “mediatica” del Papa

La Chiesa e l’Italia (in particolare) hanno un grande debito di riconoscenza nei confronti dei Frati Minori Francescani che assicurano la spiritualità francescana, l’assistenza materiale ai poveri ed ai malati e l’ininterrotta continuazione di una speciale predilezione per la cultura e per l’arte. 

L’inclito Ordine dei Frati Minori Francescani, particolarmente colpito in Italia dalle soppressioni delle Leggi eversive Sabaude Rattazzi-Siccardi, non ha mai smesso di effondere dal Sud al Nord il puro carisma francescano. 

Tanto è l'affetto nei confronti dei Padri Minori Francescani quanto è stato lo shock di moltissimi fedeli dopo aver ascoltato dai vari TG  il contenuto della lettera con la quale Padre Michael Perry, Ministro Generale OFM , ha rivelato ai suoi Confratelli  che: «La Curia generale si trova in una situazione di grave, sottolineo "grave", difficoltà finanziaria, con un cospicuo ammontare di debiti» . ( Avvenire. QUI
Un fulmine a ciel sereno! (Interessante a tal proposito l'analisi informativa di Corrispondenza Romana QUI)
Dall’Urbe sottolineano sommessamente, con francescana semplicità, due aspetti di quella lettera. 

Il Ministro Generale (che si presentò una volta ai Frati riuniti in Capitolo facendo una "catechesi" basata su una canzone di John Lenon -con tutto il rispetto per l'artista-): 
1) chiede scusa ad alcuni Provinciali dell'Ordine perchè non ha fatto in tempo ad informare tutti... è semplicemente ridicolo... piuttosto che scrivere una lettera e metterla sul sito, avrebbe potuto fare delle “ raccomandate” alle varie curie provinciali sparse per il mondo... ma evidentemente i Superiori degli Ordini Religiosi pensano che sia più efficace “copiare” lo stile di Papa Francesco: uomini da TG piuttosto che usare prudenza e discrezione; 
2) afferma che nè questo, nè il precedente definitorio generale sapesse nulla....  Il Buon Dio ci perdoni, ma non ci crediamo... 15... 20 anni che ci sono taluni frati a guida dell'economia... e si scrive di non sapere nulla... Fra' José Rodriguez Carballo (attualmente Arcivescovo Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica N.d.R.)   non è  stato un buon Generale ... e Fra' Giacomo Bini, prima di lui, era un puro idealista sessantottino...

Preghiamo il Signore perché renda questa purificazione  spiritualmente efficace ed i Frati Minori Francescani, verso i quali deve essere elavata la nostra grata preghiera quotidiana, continuino ad essere “una vera povertà francescana” ad imitazione del Serafico Padre Francesco. 

Επίσης, σε μας τους αμαρτωλούς ( A.C.)

6 commenti:

  1. Sarebbe bastato lasciar stare i Frrancescani dell'Immacolata invece di farli fuori. A volte è più l'autolesionismo che la volontà di andare avanti nella Vera Fede.

    RispondiElimina
  2. Chi di Francescani (dell'Immacolata) ferisce...di Generale dei Francescani perisce!

    RispondiElimina
  3. Sono contento che sia avvenuto! Almeno vivranno davvero in povertà, non da affaristi

    RispondiElimina
  4. Mi chiedo se la politica di chiudere conventi abbia a che fare più con la crisi economica che con la crisi di vocazioni...
    che tristezza vedere i frati che rinunciano all'apostolato e chiudono i rapporti con i laici per mantentere la sicurezza economica!

    RispondiElimina
  5. L'unico modo per far fuori questa gente è tagliare i cordoni della borsa....vedrete chela vena si esaurirà!

    RispondiElimina
  6. E finalmente saranno frati poveri.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.