venerdì 10 ottobre 2014

Nel Sinodo sta vincendo la Dottrina Tradizionale?

Al Sinodo sta vincendo la Dottrina Tradizionale?
da Cordialiter del 09.10.2014

Dalle prime indiscrezioni trapelate dal Sinodo dei Vescovi, sembra che la maggioranza dei Padri sinodali stia difendendo la tradizionale Dottrina sulla famiglia. Pare che i Vescovi africani siano i più compatti nel difendere eroicamente la Legge Eterna di Dio.

Insomma, nonostante sui media la propaganda progressista stia strombazzando “aperture” su tutti i fronti (persino sulle unioni omosessuali), in realtà le cose si stanno mettendo male per coloro che auspicavano una “rivoluzione dottrinale” all'interno della Chiesa. Continuiamo a pregare affinché le tesi moderniste non sfondino la “linea del Piave” della dottrina tradizionale sulla famiglia.

53 commenti:

  1. Aspettiamo a cantar vittoria....dobbiamo solo pregare...

    RispondiElimina
  2. Secondo alcune notizie trapelate (saranno autentiche?), oggi, i vescovi, avrebbero riflettuto sulla base degli scritti sulla famiglia di Raimondo Di Sangro. Il nuovo teologo LiLi (ormai la voce più autorevole della teologia ed esegesi contemporanee) ha illustrato davanti al sinodo le proprie conclusioni, partendo proprio dagli scritti del suddetto scrittore.
    Speriamo bene e preghiamo.
    Quasimodo Pecorelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pardon, Quasimodo Agnelletti

      Elimina
    2. STULTUS IN RISU EXALTAT VOCEM SUAM !

      Elimina
    3. Vox Raimondi di Sangri...

      Elimina
  3. La dottrina tradizionale non esiste, esiste la dottrina cattolica e basta
    (che tiene conto della Tradizione per definizione), il resto sono solo eresie e vaneggiamenti.

    RispondiElimina
  4. Il sinodo non può sfodare un bel niente, perchè non è normativo.

    Nè questo straordinario nè quello ordinario del prossimo anno.

    L'unico che può fare danni seri ha già cominciato assai prima del sinodo con le sue telfonate in libertà e vista la malaparata
    dovrà rifare meglio i suoi conti, la pedina kasper ormai è stata sacrificata
    ma non ha ottenuto i risultati voluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leggendo questo post mi viene in mente una canzone di battisti:

      ... non è francesca!!!!

      e mò riscatta la censura????

      Elimina
    2. Può essere .Sono dei cagasotto pazzeschi.
      Qui bisogna dar ragion al nuovo:))))))

      Elimina
    3. Quanta sciochezza ! Debole cervello !

      Elimina
  5. A proposito del sinodo secretato in corso... lo sapete che le librerie paoline
    hanno scelto di boicottare e censurare il libro di socci?

    Però se volete un bel libro sul buddismo o sul corano.... non c'è problema.... anzi a catalogo ci sono pure i libri scritti dai massoni...
    socci invece no... censurato!!!

    mesà che presto bergoglio rimette pure l'indice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bergoglio non può andare oltre il dito medio alzato altro che l'indice!
      E poi cacciasse li sordi che si è fregato.
      bergoglio sputa il malloppo!

      Elimina
  6. Come si fa a ragionar con gli estensori di commenti di tale altezza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti curar di lor, ma guarda e passa

      Elimina
    2. Non ragioniam di lor....
      Questa è la citazione esatta.

      Elimina
    3. Sono d'accordo con Pastorelli.
      Questi commenti esagitati e volgari fanno male alla causa della tradizione.
      Nonostante le difficoltà è necessaria sempre educazione ,moderazione e carità.
      Si possono sostenere tesi estreme (tipo che quel mentecatto di bergoglio non è papa) ,ma sempre con tatto ed argomentando senza acredine.

      Elimina
    4. Ho un dubbio. Due persone nella Chiesa possono portare il nome di Papa e lo zuchetto bianco nella Messa? E questo una rinunzia vera.? AUT CESAR AUT NIHIL!

      Elimina
    5. AUT CAESAR AUT NIHIL !

      Elimina
    6. En los Concilios se habla de la SINGULAR PRERROGATIVA QUE JESUCRISTO CONCEDIO A SAN PEDRO. Sin querer dirimir ninguna cuestion, me pregunto como se compagina esto con el firmarse SUMO PONTIFICE Emerito. Pues lo que vale es el sustantivo, no el adjetivo zaguero. Me pregunto como una persona tan inteligente como el Cardenal Ratzinger puede prestarse a esta INDIGNA COMEDIA.

      Elimina
    7. QUO VADIS, DOMINE ?
      EO ROMAM ITERVM CRVCIFIGE !
      E SAN PIETRO RITORNO
      DOVE OGGI SI VEDE LA MAESTOSA CUPOLA DI SAN PIETRO SI VEDEVA LA CROCE DOVE IL PRINCIPE DEGLI APOSTOLI FU CROCIFISSO.

      Elimina
    8. QUO VADIS, DOMINE ?
      EO ROMAM ITERVM CRVCIFIGI !

      Elimina
  7. La cosa più allucinante è che oggi Kasper & Co. hanno viscidamente tirato in ballo persino e proprio San Pio X annoverandolo tra le loro fila di progressisti e innovatori per aver consentito a suo tempo ai bambini di assumere la Comunione. Cose da pazzi.
    La cosa più assurda però è che ci si sia ridotti a dover adesso ragionare della Chiesa in termini democratici-parlamentari, facendo addirittura la conta di "Maggioranza e Opposizione" nella speranza che prevalga una parte su di un'altra. Allucinante pensare che nella Chiesa a guidare, a dettare legge e dottrina, dovrebbe essere il Vicario di Cristo, non certo un'assemblea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come lo sa Lei. H a una sedia privata nellAula Sinodale ?

      Elimina
    2. I Vicario di Cristo non deve dettare nulla, solo seguire la dottrina di Cristo. Lui e il Vicario non il Padrone. E anche i Sinodi e i Concili sono veramente utili. Pensiamo ai Concili Plenari come quello Latinoamericano nell pontificato di Leone XIII. Manca solo il buon senso e la raggione.

      Elimina
    3. L'ho già detto, il sinodo non può emetter documenti definitori, a meno che il Papa non li faccia propri e li emani ex cathedra.
      Quanto al dettar legge e dottrina, ho già spiegato il ruolo del Papa. Come capo di stato può emanar leggi, sempre tenendo presente la particolarità dello stato Vaticano. Non può "dettar" dottrina nuova, inventata, tipo ravasianamente che Cristo non è asceso al cielo, ma può approfondire la dottrina precedente esprimendola più chiaramente ed argomentatamente, ma sempre senza modificarne la sostanza. La dottrina, e ci metto dentro anche il dogma, si evolve non intrinsecamente, ma estrinsecamente, soggettivamente. Che significa? Significa che se ne può approfondire la conoscenza, ritrovandovi , portando in luce aspetti in passato non sviscerati. Insomma, deve procedersi eodem sensu eademque sententia. In quest'ambito è permesso l'evolversi della dottrina e del dogma.

      Elimina
    4. Anche io sono per la linea rigorista.
      Non si può dare la comunione a color che sono in una situazione di peccato permanente considerato lo status in cui si trovano.
      Bergoglio,Kasper e altri sono dei vescovi che non riescono a non dire eresie e bestemmie ereticali poiché è come pretendere che dei conviventi o dei divorziati risposati si mantengano in castità.
      Le violazioni del sesto comandamento da parte dei divorziati risposati e del secondo comandamento da parte di vescovi eretici sono inevitabili perché è come lasciare la marmellata ai bambini.
      Non alla comunione a bergoglio ,kasper ,marx !

      Elimina
    5. Come i pubblici concubini non possono essere assolti in confessionale fino a che non cessa il pubblico scandalo così i pubblici eretici non possono essere assolti fino a che non facciano pubblica abiura delle loro tesi.
      L'eretico il concubino o l'adultero sono nella stessa situazione e ciò hanno abbandonato la promessa indissolubile pronunziata dinanzi all'Altissimo.
      Come si può consacrarsi a Gesù e poi amoreggiare con dei stranieri ,esoterismi o ritrovati filosofici?
      Bergoglio non può fare la Comunione sino a quando con il cappello a punta non abbandonerà pubblicamente la sua eresia.
      Se non lo farà continuerà a mangiare e bere la sua condanna.

      Elimina
    6. Se i concubini vivono castamente, come fratello e sorella, possono esser assolti se pentiti, e possono accostarsi ai sacramenti meglio se in località dove non è nota la loro convivenza. Su questo decide il confessore.

      Elimina
    7. Come sei bravo a condannare gli altri!

      Elimina
    8. Ma oggi giorno a chi interessa la dottrina cattolica sul matrimonio. Nelle grandi citta del nord italia i giovani son tutti pubblici concubini e non gliene frega nulla.

      Elimina
  8. Piu" attuale: "Non ti curar di IOR, ma guarda e passa".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E,no, in tal ambito c'è da tener ben aperti gli occhi!

      Elimina
  9. Ecco il Concilio Vaticano III

    RispondiElimina
  10. Treinta años de juanpablismo nos trajo al payaso mayor que ahora ocupa Roma. Porque reconozcamos que jp2 también era un payaso.

    RispondiElimina
  11. Trent'anni di juanpablismo ci ha portato all'ingrosso pagliaccio ora occupare Roma. Perché riconosciamo che jp2 è stato anche un clown

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Los cristeros mejicanos ya le hubieran pasado una sablada por el cuello al payasín mayor... jeje...

      Elimina
    2. Si però il beato Woytila era almeno Papa.
      Adesso abbiamo solo il ciarlatano.

      Elimina
    3. Piaccia o meno (legittime entrambe le posizioni) è SAN Giovanni Paolo II, non più il beato Woytila.
      Tommaso Pellegrino - Torino
      www.tommasopellegrino.blogspot.com

      Elimina
  12. Che tristezza questi umorali commenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono affatto umorali anche perché per tenerci quel venditore di pentole senza coperchi dobbiamo rischiare magari un doloroso e lacerante scisma.
      Se ne andasse subito ,tanto non ha alcun diritto di sedere sul Trono di Pietro ,prima che i danni(anche economici)diventino irreparabili.

      Elimina
    2. Profonda amarezza, signor Dante, profonda amarezza e vergogna nell leggere questi commenti !

      Elimina
    3. E l'amarezza s'approfondisce col venditore di pentole. Argomentate le vostre opinioni, gl'insulti non son che umorali sterili quanto stupidi sfoghi degl'impotenti.

      Elimina
  13. San Juan Pablo II ha cometido, ciertamente muchos errores. No sere yo quien lo niegue. Pero su santidad personal, su buena voluntad, su fidelidad al Dogma Catolico (no hablo de actos disciplinares ni de hechos historicos erroneos que todos conocen), basta leer las Actas de su Pontificado demuestran que al menos lo intento. Asi se deduce de los primeros tiempos de su Pontificado. Asi se deduce de la Carta del Obispo de Ciudad del Este (Paraguay) al Prefecto de la Congregacion de los Obispos, Cardenal Ouellet en la que se queja de las irregularidades, nunca vistas antes, en los procedimientos del Papa Francisco. Esto no sucedia antes ni con Juan Pablo II ni con el anterior Pontifice Benedicto XVI. Ahora palabras y hechos claman al Cielo.

    RispondiElimina
  14. @ Dante Pastorelli. Egregio professore, la mia battuta sullo IOR era solo un modo per sfogare l'umore scuro in questi tempi di apparente allegria. Non possoe non voglio dire di piu'. I miei rispetti, sinceri al massimo grado.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti sembra questo il momento di sfoggiar un'allegria del genere? Stiamo assistendo ad un assalto mortale alla nostra santa Chiesa ed a Nostro Signore di cui si ripudiano le parole. Ecco, finché c'è da scherzare si scherza, anche qui, ora è tempo di serietà. Salvo l'eventuale prenderci un po' in giro tra di noi al fine di non ritenerci importanti. Il pentolaio può aver anche pentole di buon acciaio o d'alluminio corroso.
      Ricambio il rispetto, ma non sempre riesco a tacer ciò che urge dentro.

      Elimina
  15. Su quanto riferito da Anonimo 10 ottobre ore 18:11 - In effetti, ieri mi ero recato presso l'Editrice San Paolo di Firenze per acquistare, tra gli altri, anche il libro di Socci, sul merito del quale sono perplesso, ma preferisco informarmi. Ho guardato tutto il negozio, ma del libro di Socci nemmeno l'ombra. Ho capito che non poteva essere una coincidenza, ma una scelta. Certo, vi erano libri di tutte le religioni, perfino Mancuso, Bianchi, Augias, etc. Ma Socci no. Mi sono limitato a comprare due piccoli rosari, poi sono andato in altra libreria, non cattolica, dove ho potuto comprare i libri che desideravo. Temo che non tornerò più dalle Paoline: non è accettabile che si vendano libri riguardanti tutte le religioni, compresa quella che prescrive di tagliare la testa ai cristiani, ma non ospitare il libro di uno scrittore cattolico che non è mai stato denunciato per motivi di dottrina e che finora ha sempre difeso la Chiesa di Gesù Cristo. Mi è sembrata un'infamia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo.Stiamo tornando all'Inquisizione .E non solo per questo specifico fatto.....

      Elimina
  16. Secondo il gesuita Fessio Kasper si è autonominato apostolo degli immorali il papa lo avrebbe mandato in avanscoperta per...bruciarlo e stanare il covo. staremo avedere spero prenda una bella tramvata in faccia e non si faccia più vedere se non nella valle di Giosafat.

    RispondiElimina
  17. Dopo il Sinodo sia lui che Kasper dovranno far le valige ...

    RispondiElimina
  18. credo che in questa burrasca favorevole solo al Demonio,anche se preannunciata con precisione e dettagli impressionanti da profeti come s.Nilo e Katharina Emmerick,secoli or sono,l'unica soluzione si la preghiera intensa e lo sguardo rivolto a Gesù.Mal che vada resta sempre la CHiesa Ortodossa.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.