sabato 18 ottobre 2014

La vendetta di Bergoglio

Card. R. Burke
Sandro Magister, in un documentato articolo, ricostruisce tutti i passaggi (non diremo 'le trame') con cui il Papa, Kasper, Baldisseri e lo sprovveduto Bruno Forte, hanno preparato il Sinodo della Famiglia per indirizzarlo nel senso eversivo che conosciamo. Bergoglio, contrariamente alla consuetudine, assiste ai lavori del Sinodo; resta in silenzio ma, a quanto riferisce Katolisches.info, non manca di passare pizzini e papelli al card. Baldisseri, Segretario Generale del Sinodo, probabilmente per indirizzarlo mentre dirige la discussione.

Ma l'intento perseguito dagli organizzatori e in primis dal Papa è, almeno per il momento, deragliato. Ed uno dei più coraggiosi oppositori contro la deriva ereticale che si voleva imprimere al Sinodo sulla Famiglia, è il card. Burke.

Quest'ultimo era da tempo caduto in disgrazia agli occhi di Bergoglio, per le sue coraggiose prese di posizione contrarie a derive dottrinali. In conseguenza era stato rimosso dalla Congregazione dei Vescovi; restava e resta Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, la massima istanza giurisdizionale della Chiesa, ruolo cui era stato nominato nel 2008 da Papa Benedetto.

Per inciso: i Tribunali vaticani rivestono agli occhi di Bergoglio il ruolo di discarica degli indesiderati, visto che alla Penitenzieria Apostolica è stato relegato il reietto card. Mario Piacenza, rimosso dall'incarico di Prefetto della Congregazione per il Clero.

Ma perfino in un posto defilato come la Segnatura il card. Burke dà fastidio al papa, in particolare dopo che è stato accolto un ricorso delle suore Francescane dell'Immacolata avverso alcuni abusi commessi nel procedimento volto a sottoporle a commissariamento.

Si sapeva da oltre un mese che Bergoglio voleva togliere ogni residuo incarico in Vaticano al pugnace presule americano, per relegarlo come cardinale patrono presso l'Ordine di Malta; ruolo puramente onorifico. Pur sempre a Roma, ma fuori del Vaticano. Il Papa - che in merito ha parecchi pregiudizi - deve aver ritenuto appropriato, per qualcuno aduso ad indossare la cappa magna, di finire in mezzo a dame e cavalieri di sangue blu in un'istituzione che sa tanto di 'vecchia e stanca Europa'. Era stato chiesto in tal senso il placet del Gran Maestro dell'Ordine, una formalità consuetudinaria prima della nomina. 

Bergoglio avrebbe voluto fare tutto in tempo onde togliere allo scomodo cardinale, oltre al posto in Segnatura, anche la possibilità di partecipare al Sinodo.

Tuttavia la pubblicazione a sorpresa, in settembre, di un testo sui temi del Sinodo a firma congiunta di Burke, Mueller, Cafarra, De Paolis e Brandmueller, oltre ad attirare l'ira del card. Kasper che l'ha definito senza mezzi termini un attacco alle tesi sue e del Papa, ha reso poco politicamente opportuno che venisse escluso dal Sinodo, all'ultimo momento, proprio uno dei 'capi dell'opposizione di Sua Maestà'. Sarebbe sembrata una prepotenza di Bergoglio contro chi non la pensa come lui, sicché la punizione dovette essere rinviata.

Ieri, tuttavia, Burke ha rivelato in un'intervista di aver ricevuto notizia, per ora solo informale, della sua prossima cacciata. Ecco il testo:

-Devo chiederLe circa le voci per cui Lei sta per essere rimosso dalla Segnatura. Che messaggio manda tutto ciò? Pensa di essere rimosso per aver parlato a voce alta sui temi del Sinodo?
Il problema... So di quelle voci, naturalmente. Io non ho ancora ricevuto un trasferimento ufficiale. Ovviamente, queste cose dipendono da atti ufficiali. Intendo dire, possono avermi detto che sarò trasferito a nuovo incarico, ma finché non avrò una lettera di trasferimento in mano è difficile per me parlarne. Non sono libero di commentare sul perché penso che ciò possa avvenire.

- Le è stato detto che sarà trasferito?
Sì. 

- Lei è una persona molto rispettata. La cosa dev'essere sgradevole.
Beh, devo dire, l'area in cui lavoro è un campo per cui sono preparato e ho tentato di dare un ottimo servizio. Mi è piaciuto molto e sono stato felice di dare questo servizio, per cui è una delusione lasciarlo. D'altro canto, nella Chiesa come preti dobbiamo essere sempre pronti ad accettare qualunque incarico. E così confido che accettando quell'incarico, Dio mi benedirà, e quella è la cosa più importante. E anche se mi sarebbe piaciuto continuare a lavorare alla Segnatura Apostolica, mi dedicherò a qualunque nuovo incarico.

-Che è poi quello di cancelliere all'Ordine di Malta, vero?
Si dice patrono del Sovrano Militare Ordine di Malta, vero.

Comunque, l'impressione del Vostro cronista è che quel trasferimento non avverrà così presto, sempre per il motivo che ora apparirebbe come una punizione per aver contrariato le tesi appoggiate dal Papa, proprio dopo che questi aveva raccomandato la massima libertà di espressione. Forse, il trasferimento potrebbe persino essere accantonato anche se, dopo questa imprudente intervista di Burke, temo che ciò sarà più difficile.

Enrico

65 commenti:

  1. Tutto il nostro affetto al card. Burke Dio benedirà sempre il suo lavoro. ovunque si troverà seminerà il Vangelo di Cristo. La persecuzione e poi la soppressione non ha insegnato nulla ai gesuiti la loro misericordia è solo per chi la pensa come loro. Non angutiamoci. La storia è formata da corsi e ricorsi...
    la vergogna più grande per me è il silenzio assordante di Benedetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benedetto non può parlare, ci mancherebbe altro!
      Vogliamo mica tornare alle lotte tra papi e antipapi.
      E comunque, per una volta, che il sensus Ecclesiae dei padri sinodali che parla per lui.

      Elimina
    2. Ma che razza di chiesa volete?E'lo Spirito Santo che ha mandato questo Papa. quindi o vi allineate alla Sua volontà o ve ne andate a fare gli integralisti insieme ai musulmani e magari vi piacerebbe fare quello che fanno loro in nome non so di quale dio.

      Elimina
    3. A questo punto, e con questo ragionamento, lo Spirito Santo vuole pure le eresie..... Peccato che la storia della Chiesa sin dai suoi inizi dica ben altro, rispetto a questo passivismo malato....

      Elimina
    4. È LO SPIRITO SANTO CHE ELEGGE IL PAPA? COSI RISPONDEVA IL GRANDE RATZINGER...

      Oggi Avvenire riporta un’interessante risposta che Joseph Ratzinger diede nel 1997 alla domanda sull’azione dello Spirito Santo in Conclave.

      È lo Spirito Santo il responsabile dell’elezione del Papa?, gli fu domandato.

      Ratzinger, non rinunciando nel finale a una certa ironia, rispose così: «Non direi così, nel senso che sia lo Spirito Santo a sceglierlo. Direi che lo Spirito Santo non prende esattamente il controllo della questione, ma piuttosto da quel buon educatore che è, ci lascia molto spazio, molta libertà, senza pienamente abbandonarci. Così che il ruolo dello Spirito dovrebbe essere inteso in un senso molto più elastico, non che egli detti il candidato per il quale uno debba votare. Probabilmente l’unica sicurezza che egli offre è che la cosa non possa essere totalmente rovinata. Ci sono troppi esempi di Papi che evidentemente lo Spirito Santo non avrebbe scelto».

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Poveri noi cristiani, saranno tempi terribili per chi crede DAVVERO in Cristo Gesu'. Che il Signore dia a tutti noi la forza di sopravvivere perché fa un po non potremo che essere derisi e additati come eretici. Che il Signore guardi la nostra sofferenza e ci mandi pastori che non temano la giustizia dell'uomo ma quella di Dio: l'importante non e' essere scomunicati dal falso profeta ma da DIO PADRE. Chiunque cambi le leggi del Signore lo fa perché si sente superiore: FINO ALLA FINE CON GESU

    RispondiElimina
  4. Ahi, cade anche l'estremo baluardo! Che ne sarà di noi, poveri figli senza padre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non esagerare, la situazione non è così disperata! E poi disperare non si addice a un vero credente.

      Elimina
  5. È lui, Burke l'Atanasio del nostro tempo! Ormai siamo alla fine! L'altra sera, mentre guardavo una televendita di pentole, pensavo a quella bellissima pagina dell'Orlando furioso in cui Astolfo visita la figlia del cavaliere nemico: la strategia del sinodo è del tutto simile. Ma la Tradizione ci può ancora salvare. L'importante è il nostro comune impegno, tradizionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parli del 34° canto dell' Orlando ? Un paragone un po' lambiccato, ma interessante. Chi sono, secondo te, i personaggi odierni da accostare ai personaggi poetici ?

      Elimina
    2. Mah, questo vezzo di metterla in letteratura è un po' stucchevole. Guardiamo le cose per quello che sono, senza cercare di sfoggiare cultura libresca che è soltanto pedanteria e autoincensamento (vabbè che sei un turiferario, però non esagerare)

      Elimina
  6. E' un grande onore ed un grande merito essere cacciati affinchè dopo adulterio e sodomia il vdr possa aprire all'aborto.

    RispondiElimina
  7. Concordo in tutto e credo che "imprudente" sia da intendersi secondo il significato di una certa romanità curiale deviata che maschera dietro alle parole "prudenza" e diplomazia la pavidità e il rispetto umano. Io la definirei coraggiosa e anche opportuna, perché i tempi che viviamo soprattutto "mediaticamente" richiedono chiarezza estrema da parte dei nostri Pastori. Non dice nulla di contrario alla verità e lo dice con carità, com'è il suo stile totalmente evangelico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'Imprudente' nel senso che, ora, il trasferimento dovrà avvenire, anche se non subito, altrimenti un ripensamento sarebbe percepito come un segno di debolezza di Bergoglio.

      Ora il papa dovrà soppesare tra la brutta figura di rimuovere qualcuno che non la pensa come lui e il fatto che l'intenzione di rimuoverlo non è più un rumor, ma confermata dall'interessato, per cui una marcia indietro avrebbe il sapore di una sconfitta.

      La mia previsione è, quindi, che il trasferimento avverrà, ma tra qualche mese.

      Elimina
    2. Si può solo sperare che non vada a fare il patrono, ma qualcosa di più utile. Non so, la guida di un pontificio consiglio, che non conta niente, ma almeno consente di partecipare al prossimo sinodo.

      Elimina
  8. lacrime agli occhi, ferita nel cuore e rosario perennemente in mano.... con il rosario si sconfiggono le eresie e questo tempo è di gran lunga peggiore di quello dell'arianesimo.
    Leggetevi i molteplici messaggi dal Cielo (specialmente quelli che il maligno non ha fatto riconoscere dalla finta chiesa), tutto sta uscendo alla luce. In questo sinodo si è visto chi è con Cristo e chi gli è contro.

    RispondiElimina
  9. Un nuovo Marcel Lefebvre? sarebbe ora..

    RispondiElimina
  10. Non credo si possa definirla imprudente. Burke non è Kasper. Se ha parlato vuol dire che poteva farlo. Anche se non c'è nessuna disposizione ufficiale.

    RispondiElimina
  11. Tempo qualche mese poi cadranno diverse teste, dopo Burke, Mueller, poi Gaenswein, Cafarra è vicino all'età pensionabile, gli altri sono già tutti stesi a tappetino nella più bieca proscinesi davanti al jefe, per quel che riguarda Ratzinger, non so se si è capito che è praticamente 'confinato' e sono elegante, al Mater Ecclesiae, e che domani sarà esibito ancora una volta per dar credito alla storiella della continuità.......magari potesse parlare, ma non può, non vuole,non deve, a meno che alla conclusione del vat3.......preghiamo, non ci resta altro da fare, mala tempora currunt, nunc tempus tacendi est.

    RispondiElimina
  12. Burke è ancora giovane. Francesco molto meno. E comunque è e resta un cardinale che, privo d'incarichi curiali, potrà anche esser più libero di esprimere il suo pensiero, insieme ad altri confratelli coraggiosi.

    RispondiElimina
  13. Ma, verranno anche rimossi coloro che si sono opposti ai progetti di Kasper & Co.?

    RispondiElimina
  14. Il card. Burke, che fino a poco tempo fa poteva passare per un ingenuo giurista piuttosto codino, sta uscendo da questa storia in tutta la sua statura di uomo dritto e coraggioso... secondo me è una sorpresa anche per lui trovarsi suo malgrado a rappresentare nel modo più nobile la resistenza alla follia di questi tempi... Dio ci prova come l'oro nel crogiuolo: Burke sia esempio per tutti noi, quando siamo presi dallo sconforto...

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  16. Onestamente, non vedo nessuna possibilità di evitarsi lo scisma.

    RispondiElimina
  17. Fra Giorgio , Kasper, Forte e Baldisser...leggetevi San Paolo e studiate il catechismo, negli ultimi tempi...ma che vi è preso alla vostra età dovreste avere i sensi e l'intelletto pacificato invece di avere desideri infami e legittimare unioni civili, omosessuali e comunione ai divorziati ...udite udite il loro verbo molinista martiniano nel peccato secondo ci sono i semina verbi! Dobbiamo peccare per provare la redenzione. Rasputin e i klysti in Russia sostenevano la stessa per cui furono condannati dal Santo Sinodo come eretici

    RispondiElimina
  18. la nostra vita non è nelle nostre mani e Dio scrive sempre dritto anche se tutto è storto.
    Il card. Burke h detto bene:"E così confido che accettando quell'incarico, Dio mi benedirà, e quella è la cosa più importante. "
    solo questo conta: il giudizio di Dio.

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fare lo spiritoso ,ci sono le foto della manzardina delle buone arie.......e poi chi sei tu per giudicare?

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. Stai guardandoti allo specchio?

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    6. Basterebbe andare a vedere l'entrata di un certo appartamentino, di proprietà del Vaticano, vicino al Quirinale al sabato sera.... O di un certo localaccio schifoso vicino alla fermata Cavour... Sai prelati progressisti che ci bazzicano? Ma quelli, come dice il Sinodo-porcata, pensano che "Senza negare le problematiche morali connesse alle unioni omosessuali si prende atto che vi sono casi in cui il mutuo sostegno fino al sacrificio costituisce un appoggio prezioso per la vita dei partners." Schifo.

      Elimina
    7. Come l'Occidente dista dall'Oriente così il cuore di chi non lo apre al Vangelo della Misericordia e non della Legge.

      Elimina
  20. Mi chiedo perché vogliono cambiare tutto. Hanno forse avuto una rivelazione divina sul fatto che in duemila anni di storia sono solo state propalate scempiaggini? Dio è forse apparso loro e gli ha detto che non esiste? In questo caso, dovremmo ringraziarli se ci vogliono consegnare ad una vita di bagordi da impenitenti. Sono dei veri benemeriti dell’umanità. Se dopo non c’è nulla, infatti, chi se ne frega di tutto?
    Resta il fatto che per me, semplice cristianuccio, cattolico soprattutto se non soltanto perché così erano i miei genitori e nonni (e bis-, tris- ecc.) e non perché gratificato di una speciale illuminazione, il loro parere conta. E conta molto.
    E se loro improvvisamente cambiano tutto, sta a significare che sono stato preso in giro da sempre; e non solo in merito alla bontà o meno dell’adulterio o della sodomia. Chi mi dice che tra un po’ non faranno fuori anche gli altri Comandamenti? Ma certo! Anche un furtarello o una rapinuccia, che saranno mai! Ripeto, se tutto cambia, o se nulla esiste, cosa dovrebbe trattenermi? Meglio, anzi, non farmi incazzare troppo: si rischierebbe la pelle!
    Insomma, ora sono veramente solo e se non mi arriva una illuminazione, sono cazzi! Per pregare, prego, infatti. Ma i miei dubbi restano sempre, e continuo a non udire alcuna voce. Mi rinfrancava la solidità di quella fede in un Dio che non vedevo né sentivo ma che mi dicevano esserci, rassicurante nella sua immobilità. Ma ora?
    Spero che abbiano torto. E che Dio esista. E che li punisca!

    RispondiElimina
  21. su un sito spagnolo lo spostamento di Burke era stato pubblicato a settembre e veniva specificato che sarebbe avvenuto dopo il sinodo. Quindi le vostre sono dietrologie senza senso

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. caro raffaello la madre degli idioti e' sempre gravida !!!

      Elimina
    3. e anche i padri contribuiscono.

      Elimina
  23. Che Dio protegga il Cardinale Burke affinché possa confermare i fedeli nella fede , quella di Cristo, sarebbe compito di un altro, ma questi è interessato solo ad ottenere il plauso del mondo ed alla sua gloria tutta umana, tra non molto sarà davanti al tribunale Divino e dovrà rispondere delle anime a lui affidate, non solo della sua. Poveri quei fedeli che non vedono l'inganno satanico.

    RispondiElimina
  24. Sto seguendo il rito della beatificazione di Paolo VI trasmesso alla televisione,un senso di profonda angoscia mi ha accompagnato durante tutta la celebrazione, oggi si è celebrata l'eresia nella chiesa, beatificando colui che ha avviato la rovina della chiesa , i frutti si si son visti con il sinodo sulla famiglia. Ho costantemente invocato l'arcangelo S. Michele, questo è l'inizio della fine.

    RispondiElimina
  25. Oggi speravo di vedere Benedetto XVI meno sorridente, mi sono illuso aspettando una sua reazione a quello che sta avvenendo nella chiesa, ma...sono rimasto deluso.

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  27. Signore liberaci dai cristiani con acredine come l'anonimo delle 12:37, apri i suoi occhi ed il suo cuore.

    RispondiElimina
  28. Non ho potuto vedere alla televisione la palestra di sociologia cristiana. E' stata tranquilla e impegnativa?

    RispondiElimina
  29. Siete, tutti voi che scrivete queste cavolate, una vergogna. E voi sareste la chiesa? E lo sarebbe burke vestito da cappuccetto rosso? Ma siate umili e cristiani nei fatti e no nelle "dottrine" indottrinate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E senti chi parla di vergogna! E senti chi parla di umiltà e di essere cristiani nei fatti. Hai citato cappuccetto rosso, anche tu mio caro schizofrenico puoi rientrare tranquillamente nella favola. Magari crederai illusoriamente di poter assurgere alla parte del lupo cattivo che vorrebbe mangiate cappuccetto rosso? Troppa grazia Sant'Antonio! Semplicemente tu sei te stesso cioè il minchione represso che vuole dare agli altri lezioni di cristianesimo e invece sei un sepolcro imbiancato. Stavolta non nella favola ma nella realtà. Guardati allo specchio e di a te stesso: ma che bocca grande che hai! E dati la risposta: per mangiarti meglio pezzo di un idiota represso, moralizzatore del nulla. E abbi rispetto per un uomo di Dio, che è tutt'altro che apparenza, al contrario di te cristiano adulto sepolcro imbiancato, fariseo mostra moneta.

      Elimina
  30. Intanto ieri è stato sventato il pervertito attacco di Kasper & Co. alla Chiesa e alla sua Dottrina, per la somma frustrazione degli ignoranti pseudo-cattolici distruttori che non sanno nulla della Chiesa, di Gesù Cristo e dei suoi insegnamenti; soggetti che non pensano ad altro che a deviare il Cattolicesimo per poter fare i loro disgustosi porci comodi.

    RispondiElimina
  31. Anonimo delle 13,49, sei un ignorante.
    Vai a vedere che significato hanno i paramenti rossi dei cardinali e già che ci sei cerca anche il significato delle scarpe rosse che il tuo papa Bergoglio si rifiuta di portare.
    Forse l'umiltà non sai nemmeno cosa sia visto che la tua ignoranza ti acceca

    RispondiElimina
  32. Tutti a stracciarsi le vesti per questo Sinodo che stava stravolgendo la dottrina cattolica, ed ecco cosa ne è venuto fuori.

    Il "no" alle unioni gay è rimasto. E non poteva essere diversamente, purtroppo.
    Sulla comunione ai divorziati risposati si dovrà ancora discutere, ma il matrimonio rimane indissolubile. E non poteva essere diversamente.

    Ma davvero qualcuno si aspettava che avrebbero approvato le unioni gay? O che avrebbero detto "per 2000 anni abbiamo scherzato, il matrimonio non è indissolubile"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, kasper e Forte

      Elimina
    2. Non aveva senso fare un sinodo e spendere un sacco di soldi solo per ripetere che il bianco è deve rimanere bianco e il nero è e deve rimanere nero. Se lo hanno fatto avevano l'intenzione di variare almeno un poco l'ordine delle carte in tavola. E' da scemi non ritenerlo...

      Elimina
    3. Ovviamente un sinodo lo si fa per prendere delle decisioni. Ovviamente qualcosa cambia. Ma è assurdo aspettarsi che un sinodo stravolga la dottrina cattolica.
      La Chiesa cambia da sempre. Cambiano alcune credenze (vedi limbo), la morale, i precetti della Chiesa, i riti. Solo non si possono abolire dei dogmi, altrimenti la Chiesa dovrebbe ammettere di non essere infallibile.

      Elimina
  33. Francisco
    Summo Pontifici
    et Univerali Patri.
    Pax, Vita et Salus Perpetua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si, vabbeh, adesso che hai fatto la tua leccatina quotidiana vai a cantare in un altra corte.

      Elimina
  34. Sono Cattolico. Sto con il Papa. Con Pio XII, con San Giovanni XXIII, con il Beato Paolo VI, con Giovanni Paolo I, con San Giovanni Paolo II Magno, con Benedetto XVI, con Francesco. Sempre con Pietro, sempre con la Chiesa. Non saranno i Calvino, i Lutero, i Lefèbvre, i novelli scismatici a scalfire la Chiesa fondata da Nostro Signore.
    Con il Papa. Sempre. Comunque.

    RispondiElimina
  35. Vallo a dire a Sant'Atanasio o a Santa Caterina da Siena ;)

    RispondiElimina
  36. Cari amici fedeli della Chiesa voluta da Cristo (non dal sig. Bergoglio), abbiate Fede: presto questo incubo finirà (preghiamo per questo),e sicuramente avremo un Vicario di Cristo degno di guidare questa nostra Chiesa oggi così infangata dai suoi membri più potenti ed indegni...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.