martedì 10 giugno 2014

Ecclesia Dei o Congregazione per il Culto Divino ? Lo spiritello romano si è spostato a nord …

Dopo  l'articolo di ieri sull'ipotetico futuro della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, qualcuno ha elaborato un breve scritto " romano " à six mains  . 
La millenaria  saggezza  della Chiesa suggerisce : " Non voler sapere chi l'ha detto ma poni mente a ciò ch'e' detto " ( Im.Cr ) 
A.C. 

Ormai non dovremmo cascarci più … 
Invece ci caschiamo sempre. 
Ad ogni vigilia di un normale trasferimento di un Prefetto di Congregazione ( con relativa nomina del successore) vengono fuori  gli " spiritelli romani " che si scatenano annunciando catastrofistici accorpamenti di dicasteri o svolte clamorose  nell’ambito liturgico – il lato più sensibile dei nostri gruppi , grazie al dono divino che abbiamo ricevuto  , per il quale noi saremmo disposti a fare qualsiasi sacrificio o penitenza. 
Stavolta lo spiritello romano si è spostato al di là della Manica per ispirare un articolo allarmistico sulle naturali sorti della Pontificia Commissione Ecclesia Dei senza però far squillare i nostri telefoni o ispirare uno dei  suoi adepti a scrivere , come altre volte,  simili notizie niree  su un noto social network
Perché, soprannominateci babbei o normalisti, non vogliamo più credere  quello che dice lo spiritello romano :  ci ha già stressato nei mesi scorsi con delle false notizie con  delle bufale clamorose … 
Nell'ambito della ristrutturazione della Curia Romana ovviamente diverse Pontificie Commissioni e altrettanti Pontifici Consigli saranno  accorpati. 
Non è mistero per nessuno che questo sarebbe accaduto in un qualsiasi Pontificato, con un qualunque Papa succeduto all'iper rispettoso e garbatissimo Benedetto XVI. 
I Dicasteri curiali da Papa Paolo VI in poi difatti erano aumentati considerevolmente...
Anche la Pontificia Commissione Ecclesia Dei verrà  accorpata ? 
Speriamo di no !
Però questa possibilità era già parzialmente emersa nel Pontificato di Benedetto XVI quando la cosiddetta “ questione lefebvriana “ era stata affidata direttamente alla Congregazione per la Dottrina della Fede togliendola dalle competenze dell'Ecclesia Dei, nata nel 1988 specificatamente  per riportare nell’ovile romano alcuni "fuoriusciti" dalla Fraternità Sacerdotale San Pio X .
Se proprio la Pontificia Commissione Ecclesia Dei dovesse essere accorpata  il  vasto e variegato mondo liturgico tradizionale potrebbe essere finalmente inquadrato in un normale Dicastero  : la  Congregazione per il Culto Divino,  che vanta diversi preparatissimi Officiali che costituiscono, per cultura e per specchiata dedizione pastorale, un indiscusso vanto della Curia Romana. 
Le pratiche che vengono esaminate dalla Congregazione per il Culto Divino hanno il guinnes del primato di celerità di risoluzione e di risposte rispetto agli altri Dicasteri Romani . 
Noi fedeli dei gruppi legati alla Santa Tradizione Liturgica,  forma extra ordinaria della Chiesa,  abbiamo " de facto" il " nostro "  Dicastero liturgico  : la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti.

Sappiamo che allo spiritello romano, che  guarda spesso  al numero 10 di Piazza Pio XII , tutto questo dispiacerebbe assai ...

14 commenti:

  1. Gli anonimi han sempre torto. A nome di chi parla costui?

    RispondiElimina
  2. A nome di se stesso, suppongo. In caso di soppressione dell'ED molti tradizionalisti dovrebbero stappare lo champagne, visto che l'hanno sempre sbeffeggiata e vituperata (lo facevano anche con Benedetto XVI, che oggi fingono di rimpiangere).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che il mondo tradizionalista sia frazionato in mille correnti e spesso contraddittorio non è una novità...

      Elimina
    2. Il meglio è sempre nemico del bene, e i tradizionalisti non fanno eccezione. Lei piuttosto è sicuro di non essere del gruppo di chi auspica il meglio contro il bene e di biasimare i tradizionalisti perché inesperti nella sottile arte di non sbagliare mai?

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Dante Pastorelli10 giugno 2014 22:00
    L'Ecclesia Dei non era inutile, e qualcosa ha fatto, ma non sempre ha agito con forza e sollecitudine. Troppo diplomatica. Benedetto ha molti meriti, ma purtroppo da una parte sosteneva il pieno diritto di celebrare l'antico rito, mai abrogato, per la sua grande sacralità e bellezza, ricchezza di tutta la Chiesa e dall'altra diceva che aveva soltanto voluto accontentare pochi vecchietti nostalgici. E intanto gli istituti tradizionali fiorivan di vocazioni.
    Unicuique suum. E questo ha fatto paura a molti.

    RispondiElimina
  5. Se sopprimeranno ED la colpa è come sempre dei tradizional-integral-cripto-fondamentalisti e champagnisti, la Spectre a tutti nota che in questi anni ha impiegato le sue forze occulte a lanciare anatemi contro la povera commissione e contro Benedetto XVI, il quale, è notorio, si è dimesso perché troppo affranto dalle continue critiche della potentissima lobby integralista. Non siamo ossessionati dal complotto fondamentalista che vediamo dietro ogni cosa, credeteci: è la verità! Bisogna agire prima che sia troppo tardi!

    RispondiElimina
  6. Sign.Pastorelli ce la fa ad essere meno polemico e a leggere quello che e' stato scritto ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu chi sei? ombra vana anche nell'aspetto. Declina le tue generalità e poi ti rispondo a tono.

      Elimina
  7. E' un vezzo tutto italiano rimpiangere sempre chi non c'e' piu' o chi viene rottamato. Se invece che Bergoglio fosse stato eletto Papa Scola ci sarebbero stati lo stesso questi,piagnistei ? E' meglio stare in un recinto oppure nello spazio comune ?

    RispondiElimina
  8. Dovrebbero ringraziare a vita papa Benedetto che ha permesso a tutti di riavere il culto in latino, che ci ha rimesso salute e pontificato per il SP, e invece vomitano insulti e cattiverie su di lui.......è mai venuto in mente alle ali più estremiste che il vdr non li considera neppure degni di attenzioni e che quando BXVI tornerà alla casa del Padre del SP non rimarrà traccia?

    RispondiElimina
  9. Nessuno del clero, siano essi sacerdoti o vescovi, ha capito o voluto capire lp spirito del summorum pontificum per cui la Messa Tridentina non avrebbe dovuto essere confinata in riserve indiane e celebrata da confraternite costituite ad hoc ma avrebbe dovuto affiancarsi alle celebrazioni col Messale di Paolo VI proprio per un vicendevole arricchimento (o meglio per riportare il N.O ad una celebrazione più dignitosa). Nelle parrocchie questo non è stato volutamente o meno accettato buttando a mare quanto di buono Benedetto XVI aveva tentato. L'unica soluzione è che salga al soglio pontificio un Papa che ripristini finalmente come unico Rito della Chiesa Cattolica quello del 1962.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. " affiancarsi alle celebrazioni col Messale di Paolo VI" con questo tipo di tradizionalisti italiani che cacciano preti e fedeli dalla chiesa ?
      Prima cambiare il cuore e la mente dei tradizionalisti e poi passare " ad un vicendevole arricchimento (o meglio per riportare il N.O ad una celebrazione più dignitosa)".

      Elimina
  10. Ripristino del Rito Tridentino subito senza se e senza ma!!!!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.