domenica 2 marzo 2014

Si sta semplicemente a guardare la fine dei Francescani dell'Immacolata?


La notizia di un piano per integrare i frati
nell'Ordine dei Cappuccini



 “Una delle problematiche centrali viene dalla minaccia di una certa autoreferenzialità, cioè nel desiderio di sottolineare a tutti i costi la propria peculiarità caratterizzante. Ritengo invece prova certa di maturità cercare di superare tale atteggiamento, riconoscendo con spirito umile e francescano l’edificazione della Chiesa come referente ultimo della propria esperienza carismatica”
 
Queste parole che P. Fidenzio Volpi OFM Cap., il Commissario dei Francescani dell'Immacolata, scriveva nella sua prima comunicazione dell'estate del 2013, potrebbero rivelare nei prossimi giorni o mesi la natura di un vero e proprio testo programmatico.
Una fonte sicura ci fa infatti sapere dalla Germania che sarebbe allo studio il piano di fare confluire forzosamente i frati francescani dell'Immacolata nell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini cancellando di fatto e di diritto la Congregazione fondata da Padre Manelli.

Affidiamo in ogni caso alle preghiere di tutti coloro che ci leggono e all'intercessione della Santa Vergine la salvezza della Congregazione dei Francescani dell'Immacolata la cui opera per la restaurazione dell'ortodossia nella Chiesa ha dato grandi frutti e ha destato le speranze dei cattolici di tutto il mondo.

Fonte: Vigiliae Alexandrinae

65 commenti:

  1. La cosa era abbastanza chiara sin dall'inizio di tutta la vicenda...non mi sorprende affatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero!!!! tutti pensavano al vetus ordo mentre il problema era la distruzione dell'ordine cattolico integro in piena espansione

      Elimina
  2. Non avendo vocazioni, hanno trovato il rimedio. Il carisma dei FFI annegherebbe in un francescanesimo oggi d'accatto quanto ieri glorioso. Del resto anche nel periodo glorioso non mancano i casi di cappuccini convertiti al protestantesimo.
    A questo punto indubbiamente ai FFI vien posta una drammatica opzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i frati fedeli a manelli si staccheranno e faranno un'altro ordine

      Elimina
  3. Non avendo vocazioni, hanno trovato il rimedio. Il carisma dei FFI annegherebbe in un francescanesimo oggi d'accatto quanto ieri glorioso. Del resto anche nel periodo glorioso non mancano i casi di cappuccini convertiti al protestantesimo.
    A questo punto indubbiamente ai FFI vien posta una drammatica opzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra Matteo da Bascio, uomo di grande pietà e fondatore dei Cappuccini passò in effetti al protestantesimo. Conoscendo le mali arti di Roma non mi sento di giudicarlo.

      Elimina
    2. O Anonimo delle 14.16 l'hai buttata troppo grossa! Il Servo di Dio Frate Matteo da Bascio, al secolo Matteo Serafini (1495-1552), fondatore dei Cappuccini non passò mai al protestantesimo!!! Dove hai letto una tale castroneria? Il generale dei Cappuccini che divenne luterano era Bernardino Ochino (1487-1564).

      Elimina
  4. Infatti l'opzione è o rimanere "normalizzato" nei Cappuccini o andarsene, uscendo ora dall'Istituto francescani dell'Immacolata. Sembra che parecchi di loro abbiano già fatto domanda per andarsene o siano in procinto di farlo. Ormai non c'è speranza di tornare all'originale carisma, complice la volontà del Papa che in questa vicenda sembra sempre più il mandante della persecuzione. Si sta avviando ad una scelta non solo per i F.I. ma anhce per i fedeli tutti: o con l'attuale autorità ecclesaiastica a deriva protestante, con parecchi richiami alla Teoria della Liberazione, che vuole "adeguarsi" al mondo di oggi, oppure uno scisma di fatto, volgendo lo sguardo alla Tradizione della Chiesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la perseguzione e' partita molto tempo prima del pontificato di bergoglio

      Elimina
  5. Stare a guardare? Loro sono i primi a non volersi difendere: perché li debbono difendere gli altri se loro non muovono un dito pur potendo? Potrebbero disobbedire e occupare le loro case continuando come prima, o meglio minacciare di passare alla FSSPX (cosa che Roma eviterebbe a tutti i costi, perché si tratta di due o tre centinaia di sacerdoti con frati conversi e suore).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se così facessero riceverebbero immediatamente la sospensioen "ad divinis" per disobbedienza, cosa che Volpi auspica nel suo intimo. Loro non possono far altro che chiedere di uscire, non possono disobbedire, sarebbero automaticamente fuori ...sospesi. E il passaggio alla FSSPX seppur lecita sul piano della fede comporterebbe un facile "visto, che vi dicevo, sono lefebvriani !" da parte di Volpi e Co. e scomunicati, cosa che un F.I. non potrebbe oggi sopportare, perchè ancora troppo ligi al nr. 1, come Tradizione insegna. Ci vuole tempo per digerire che il nr. 1 sta portando la Chiesa alla deriva, allo sfacimento, all'allontanamento dall'ortodossia cattolica.

      Elimina
    2. La FSSPX non è affatto scomunicata. La scomunica è una pena inventata dalla Chiesa non è certo de iure divino! I papi nel medioevo si scomunicavano a vicenda. I cattolici e gli ortodossi idem. quindi piantatela con sta trita e ritrita storiella. Mons. Lefebvre era un santo e ha sempre lavorato per la Chiesa, non mi sembra poter dire lo stesso di altri.

      Elimina
    3. La FSSPX, piaccia o no, è sospesa a divinis.

      Elimina
    4. ...piaccia o no, però, sia la sospensione a divinis sia la scomunica colpiscono PERSONE non ISTITUTI, dunque, tutti i preti ordinati dalla FSSPX sono automaticamente sospesi a divinis in quanto ordinati senza lettere dimissorie. Non sono scomunicati. Scomunicati erano i 4 vescovi, per essere stati ordinati illecitamente, ma ora non lo sono più, in quanto la scomunica è stata rimossa. Restano sospesi a divinis. Ma son cose differenti.

      Elimina
    5. ma falla finita di dire queste sciocchezze

      Elimina
  6. Non credo che la soluzione sia entrar nella S. Pio X. Dalla padella nella brace. Se avessero voluto una soluzione del genere l'avrebbero assunta da tempo.
    Se non si difendono, almeno all'apparenza, avranno buoni motivi. Resta il fatto grave che la congregazione si spaccherà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Non credo che la soluzione sia entrar nella S. Pio X. Dalla padella nella brace."

      Ben detto.

      Elimina
    2. le proposte idiote che danno ai frati come ribbellarsi o entrare nella FSSPX sono penose ,ho pieno rispetto per la FSSPX ma queste forme da curva di stadio danno fastidio solo a sentirle

      Elimina
  7. I F.I. sono da sempre contemplativi, pregano seraficamente, vivono in una dimensione diversa dalla nostra. Per loro è stato uno shock sentire le accuse infami e fasulle portarte al loro fondatore, apprendere dal komissario che il Papa è con lui e approva le sue iniziative distruttive, vedere l'annientamento del loro ordine. Cosa si pretende, che prendano i forconi ? Che facciano lo sciopero della fame alla Pannella ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravissimo chi pretende questo non ha capito niente ma non dei F.I della fede stessa

      Elimina
  8. Evidentemente se i frati non hanno mosso un dito è perché erano pienamente consapevoli della veridicità e fondatezza delle accuse delittuose con le quali la Chiesa ha accusato il loro fondatore.

    Ser

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora siamo arrivati alle presunte accuse delittuose ? Roba da codice penale ! Povero e santo padre fondatore ! Siamo tutti con lei attraverso la preghiera .

      Elimina
    2. Guai a voi scribi e farisei ipocriti !,Che fabbricate sepolcri ai profeti ed ornate le tombe dei giusti e dite:" Se fossimo vissuti ai tempi dei nostri padri non saremmo stati loro complici nel versare il sangue dei profeti".

      Elimina
    3. Bravo ! Hai perso un'occasione per stare zitto ! Quando uno non sa o non vuol sapere o ancora quando si è in malafede si scrivono cialtronate come le tue. Che il Signore ti perdoni (perchè Padre Stefano Manelli ti ha già perdonato, conoscendolo ...) !!!

      Elimina
    4. Non mi risultano accuse precise e circostanziate. Tutto vago o vagolante nel nulla. Se esistono motivi gravi si rendano pubblici. Il commissario non lo fa perché niente ha in mano.

      Elimina
  9. Preghiamo intensamente San Francesco, possibilmente in latino, come ci hanno insegnato da piccoli. E se ci resta del tempo guardiamo a quello che succede nel mondo per consolarci. Ad esempio, l'Ucraina dice niente? E i cristiani che ogni giorno muoiono per la verità? E il fatto che siamo costretti ogni giorno a dare a certe esecrabili realtà nomi che non sono quelli veri? In omaggio, evidentemente, alla "correttezza"...

    RispondiElimina
  10. Ma non è venuto in mente a nessuno che se invece di attaccare a testa bassa i fantomatici modernisti di tramare contro i FFI si fosse serenamente posto l'accento sulle possibili ricadute sulla Messa in latino di alcuni provvedimenti disciplinari oggi la situazione non sarebbe così tesa? Davvero credete che i continui attacchi alla De Mattei contro le gerarchie ecclesiastiche rosoleranno la situazione invece che di radicalizza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavolta il Nuovo ha fatto una considerazione stranamente saggia .

      Elimina
    2. Un altro che dovrebbe farsi rosolare!!!!!

      Elimina
    3. A me viene in mente che attaccare i modernisti è dovere di tutti i cattolici e non solo di de mattei, viene pure in mente che non si tratta affatto di presenza fantomatiche ma reali e tangibilissime con tanto di nome e cognomi e cariche vescovili e porpore e persino borse nere e papaline sfarfallanti.

      Che la situazione si vada radicalizzando è tanto evidente quanto positivo, perché alla fine di questo sbrago in accelerazione progressiva la chiesa
      finirà per schiantarsi contro il muro della realtà e coi pochi pezzi che resteranno si potrà ricostruire il cattolicesimo, il resto sarà solo sincretismo e protestantesimo fusi nella religione unica mondiale che la massoneria propugna e che la deriva sudamericana in atto favorisce.

      Polimar

      Elimina
    4. pienamente d'accordo con Polimar, ormai siamo alle porte coi sassi veramente, tra poco tempo vedremo cosa sarà rimasto della Fede cattolica...

      Elimina
    5. Grandioso Polimar !
      Come sempre !

      Elimina
  11. Rosolati nell'olio bollente, tonto di un NUOVO.

    RispondiElimina
  12. Finitela di litigare o fate il gioco di chi vi è contro, anche magari in buona fede. In chiesa si entra in silenzio e con tutto il rispetto dovuto al luogo e ai suoi Guardiani. Se qualcosa cambierà in meglio saremo tutti contenti. Certo che il diavolo si sta sempre dando da fare e ha tanti di quegli emissari in giro...lo sappiamo da un pezzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In chiesa si entra in silenzio e con tutto il rispetto dovuto al luogo e ai suoi Guardiani
      ---------------------

      Allora tutte o quasi le parrocchie e le chiese non parrocchiali dovrebbero chiudere.

      Elimina
  13. transtiberim3 marzo 2014 16:42

    Un organismo malato ha bisogno di cellule sane. Hanno fatto moltiplicare per quaranta anni "piastrine" buone per poi tentare di reimpiantarsele nel loro plasma languente. Se è così, speriamo almeno che funzioni, se invece così non fosse, allora lasciate in pace i F.I. "Qualcuno" ha detto, però, che non si mette vino nuovo in botti vecchie!!

    RispondiElimina
  14. Quello che deciderà la sede apostolica sarà dovere di tutti rispettare oppure vorrà dire che qualcuno sarà contro tu es PETRUS è sarà considerato anatema e scismatico. W papa francisco w la santa chiesa w san pietro w il concilio vaticano 2

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo facilmente si scherza con le socomuniche e gli scismi. Se guardiamo alla storia della Chiesa quanti mea culpa in quest'ambito i papi moderni così sensibili dovrebbero fare!

      Elimina
    2. God bless Watican Council 2nd!

      Elimina
  15. Inchinatevi tutti davanti al successore di pietro canonicamente eletto papa Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi nega che sia stato canonicamente eletto? quello ch'è irrazionale è la presenza di un vescovo di Roma in servizio attivo ed un Papa emerito, perché papa si è sempre e per sempre. Mah! Il Papa emerito ha rinunciato solo al servizio attivo. E se domani si ricredesse, cambiasse idea? Mah!

      Elimina
    2. dante sii serio, pensi davvero che Benetto XVI possa cambiare idea?

      Elimina
    3. Caro Dante, ipotizziamo che un papa canonicamente eletto cadesse in errore manifesto e perseverasse nella sua posizione. Sappiamo bene che non sarebbe più papa.

      In tale caso resterebbe vescovo di roma, perché non potrebbe essere rimosso da altri, ma il cattolico non sarebbe affatto tenuto ad obbedirgli (altro che inchini), perché sarebbe un usurpatore.

      Magari la situazione appena ipotizzata somiglia a cronache recenti?

      Polimar

      Elimina
    4. Yes indeed God Bless Francis and his friends mgr. Ricca !

      Kiss from a Gay bar in Montevideo.

      Elimina
    5. Anonimo, che mi richiami alla serietà - l'ironia talvolta è più seria di un tono cattedratico - il papato non è un sacramento, quindi che possa continuar ad esistere anche dopo la rinuncia un papato "passivo" accanto ad uno attivo è inaudito. Quando si rinuncia al papato il successore è legittimamente il nuovo Papa, se la nomina sia stata canonicamente corretta.
      Non credo che Benedetto voglia reclamar diritti che non ha più. Ma io mi servivo dell'attualità per porr'un problema più generale.
      A volte bisogna prestar attenzione a ciò che si legge.

      Elimina
    6. caro polimar, a nome di tutti i frequentatori di questo blog ti imploro di assumere le redini di qeusta chiesa ormai allo sbando più totale e guidarla nel terzo millennio. la tua fedeltà all'ortodossia cattolica è ormai conclamata, mi domando come si possano ancora eleggere papi di tal fatta quando in giro c'è un alter christus come te!

      Elimina
    7. Polimar, tu mi poni una domanda per me troppo difficile. Io non son l'anonimo di sopra che sa tutto.
      Un Papa può cadere in eresia? Fior di teologi ne han trattato, almeno a partir dal 1500. Gli si deve obbedire? Ovviamente no se l'eresia è conclamata e tale giudicata non da me o da te, ma da teologi colti e da vescovi e cardinali. In tal caso, come avvenne poer Giovanni XXII i cardinali potrebbero costringer il Papa a ritrattare. Ma io credo che sia difficile, se non impossibile, nella realtà che il Papa cada in eresia formale. In tal caso, in caso di eresie nel magistero, il magistero erroneo non sarebbe del papa ma del dottore privato. Ricordiamoci che l'infallibilità, che non è infallibilismo, è data al Papa in ben precisi limiti. Nel dubbio la retta cosicienza deve guidarci, ed attenerci a ciò ch'è ci è sempre stato insegnato. Poi Cristo soccorrerà la sua Chiesa.

      Elimina
  16. Il fatto che Francesco sia Papa non significa rinnegare la Dottrina, il Magistero, la Tradizione. Non significa approvare i metodi stalinisti messi in opera da Volpi e i suoi mandanti, per quanto in alto siano nella gerarchia ecclesiastica. Non significa adeguarsi al piattume della massa che sbrodola per un pontefice che telefona al ciabattino o alla suora di qualche sperduto monastero. Non significa essere obbligati allo scambio della pace, a subire la preghiera dei fedeli, a sopportare le canzonette neo-cat o le sbrodolate di certe omelie molto TdL e poco Cattoliche. Se scisma deve essere che sia, ma non tradisco ciò che per quasi 2000 anni tanti santi ci hanno insegnato. Amen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Se scisma deve essere che sia, ma non tradisco ciò che per quasi 2000 anni tanti santi ci hanno insegnato". la parola obbedienza ti dice nulla?

      Elimina
    2. La parola antipapa invece che dice? La parola impostore che dice? La parola eretico che dice? nulla????

      Elimina
  17. La problematica che esce da questa storia dei francescani dell'Immacolata si trova nella FALSA obbedienza!
    Obbedienza perche e a chi ????
    ...per la distruzione di un ordine cattolico e a ''superiori'' indegni, incapaci ...e che portano la Chiesa Romana allo sfacelo!
    NO.

    Non e la vera opbbedienza...

    RispondiElimina
  18. se proprio volete imparare dai santi vi consiglio di leggervi santa caterina da siena, che al papa in fuga ad avignone (non certo un esempio di santità) si rivolgeva chiamandolo “ Dolce Cristo in terra” non certo insultandolo ogni tre per due su un blog! se proprio volete bene alla Chiesa ( a più riprese dimostrate di non volerne al papa) pregate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se solo Papa Francesco possedesse l'1% dell'ortodossia cattolica dei Papi avignonesi saremmo già sulla buona strada.....

      Elimina
  19. I Francescani dell'Immacolata ingiustamente perseguitati ed impediti a celebrare la S. Messa tradizionale in violazione del motu proprio di Papa Benedetto XVI che parla di S. Messa mai abrogata, hanno queste opzioni:

    1) Unirsi alla FSSPX. Il vantaggio è di poter continuare a celebrare il VO e di non essere più soggetti a persecuzioni. La FSSPX ha mezzi propri e può sostenerli nel loro cammino. Questa soluzione non viene da loro accettata perché i Francescani dell'Immacolata non si riconoscono nelle posizioni della FSSPX: il riconoscere che il NO è cattivo ed illegittimo in sé stesso, benché valido. Inoltre la FSSPX ritiene che i testi del CVII siano viziati da gravi errori, non sono da espressioni ambigue. Certo è che i modernisti esulterebbero di fronte a questa notizia e direbbero che in fondo avevano ragione nel dire che i Francescani dell'Immacolata sono uguali o quasi uguali alla FSSPX.

    2) Obbedire fino a quando l'autorità non si deciderà a porre fine alla persecuzione e a rispettare il motu proprio di Papa Benedetto XVI. Questa è la soluzione da loro scelta. In fondo un biritualista non ha problemi a scegliere un rito anziché l'altro. Il problema è che rimane il dolore di non poter celebrare per ora il VO. Il problema è che i Francescani dell'Immacolata sperano in futuro che la situazione cambierà in loro favore. A mio avviso invece la situazione potrà solo peggiorare per lo meno finché durerà il pontificato di Papa Francesco ostile alla S. Messa VO e al semplice fatto che non è mai stata abrogata. E' vero che Roma può imporre ad un Sacerdote in via di diritto la celebrazione del NO (questo è il problema dell'IBP, ma qui sono OT), ma non può impedire ad un Sacerdote di celebrare il VO, visto che non è mai stato abrogato.

    3) Affermare il proprio diritto con forza e creare delle comunità resistenti da Roma. I Francescani dell'Immacolata potrebbero mettere la parola fine alle persecuzioni e celebrare i due riti (non scordiamoci che sono bi-ritualisti), quindi senza accettare la posizione della FSSPX. Una specie di terza via indipendente da Roma ed indipendente dalla FSSPX. Qui bisogna vedere se hanno i mezzi materiali per fare una simile scelta e penso proprio di no. Sono molto poveri. Inoltre questa scelta è pericolosa perché con il passare del tempo si rischia di radicalizzare le posizioni di entrambe le parti e di attirarsi delle condanne da Roma. Agli occhi dei fedeli apparirebbero come scismatici, anche se in via di diritto hanno ragione.


    L'unica via è forse quella di tentare di affermare i propri diritti in via legale, ma visto che è il Papa a perseguitarli ed il Papa è la massima autorità in terra, ormai si possono appellare a Dio.
    Speriamo che Papa Francesco apra gli occhi, oppure che si dimetta in breve tempo.
    Non voglio scrivere la terza opzione, che mi ripugna.

    Spero nella prima.

    RispondiElimina
  20. L'unica speranza è che ovunque vengano dispersi questi buoni religiosi possano portare frutto. Di fatto è un martirio bianco quello che stanno subendo e il sangue dei martiri è sempre nutrimento per nuove vocazioni. Ci vuole fede e pazienza, allora i frutti prima o poi si vedranno.
    Possono (e probabilmente devono) obbedire ai loro persecutori, ma l'importante è che obbediscano a Cristo e su questo sono convinto non mancheranno.
    Lo scioglimento di un ordine è un mero atto di governo della Chiesa e non chiama in causa una revisione dottrinale o quant'altro. Su questo il Papa ha sbagliato e continua a perseverare nell'errore e su questo aspetto non può nemmeno impegnare la sua infallibilità.
    La sentenza finale ai posteri...

    RispondiElimina
  21. L'unica speranza è che ovunque vengano dispersi questi buoni religiosi possano portare frutto. Di fatto è un martirio bianco quello che stanno subendo e il sangue dei martiri è sempre nutrimento per nuove vocazioni. Ci vuole fede e pazienza, allora i frutti prima o poi si vedranno.
    Possono (e probabilmente devono) obbedire ai loro persecutori, ma l'importante è che obbediscano a Cristo e su questo sono convinto non mancheranno.
    Lo scioglimento di un ordine è un mero atto di governo della Chiesa e non chiama in causa una revisione dottrinale o quant'altro. Su questo il Papa ha sbagliato e continua a perseverare nell'errore e su questo aspetto non può nemmeno impegnare la sua infallibilità.
    La sentenza finale ai posteri...

    RispondiElimina
  22. Risposte
    1. Grazie!
      (mi scuso se ho postato 2 volte lo stesso messaggio ma non mi aveva dato la conferma di invio...)

      Elimina
  23. io sento puzza di vendetta, vi dice nulla il nome di clemente XIV...

    RispondiElimina
  24. Poveri tradixionalisti siete messi male. Tra poco ci sarà il nuovo prefetto della congregazione per la liturgia mons marini vescovo. Fare chiudere tutte le cjiese che celebrano nel bo

    RispondiElimina
  25. Lasciamo in pace tanti frati che continuano a fare il loro dovere e cristianamente sono vicini agli ultimi.

    Padre Manelli facendo un passo indietro farebbe una grande cosa.

    Salverebbe un ordine che lui ha creato e che ora rischia di far morire.

    Solo in questo modo forse un giorno la storia metterebbe le cose a posto.

    Parlino le opere e non gli avvocati.Che Tristezza!!!!

    RispondiElimina
  26. Oggi, mercoledì delle Sacre Ceneri in cui inizia la Quaresima a.D. 2014, prego affinché Maria SS che scioglie i nodi (Knoten Loeserin) illumini il Santo Padre che Le è così devoto! I Francescani dell'Immacolata sono, come ha scritto ieri Giacomo, i martiri bianchi della nostra tormentata epoca. Ricordo bene la devozione cun cui erano permeate le Sante Messe Vetus Ordo in Ognissanti a Firenze. Che San Massimiliano Kolbe, martire ad Auschwitz, li protegga!

    RispondiElimina
  27. Scusate, io ho conosciuto i FI da vicino, molto vicino. Non ho niente contro loro, anzi li stimo, e non sono un fan sfegatato del papa, ma...IL PAPA E' IL PAPA. Questa vicenda da Agosto sta portando solo odio e disfatta, e sicuramente non è un vanto né per gli uni né per gli altri. Abbiate pazienza, ma voi difensori "martirizzabili" dei FI, che io adoro e stimo tantissimo, se fate così non siete poi tanto lontani dal "serpente insidiato" che presumente superbamente essere in persone o Consacrati. Talvolta si apprezzano cose sante, ma per fini e in modi non santi. Umiltà e preghiera, non criticate, non malignate, non sapete dove sia la verità, non sapete perché accadono queste cose. Pregate e siate pura carità con tutti, non solo con i vostri amici, ma soprattutto con i nemici. Gesù ha vinto il Male, abbiate fede e speranza.
    Pace e bene.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.