venerdì 14 febbraio 2014

"Padre Livio rimuove Roberto de Mattei da Radio Maria"


radio-maria

Il 13 febbraio Padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria, ha chiuso la rubrica “Radici Cristiane” che il prof. Roberto de Mattei conduceva dal 17 febbraio 2010, ogni terzo mercoledì del mese a Radio Maria. La ragione del provvedimento è l’articolo dello stesso de Mattei 2013-2014. Motus in fine velocior apparso su “Corrispondenza Romana” del 12 febbraio. Riportiamo di seguito lo scambio di corrispondenza tra padre Livio e Roberto de Mattei.


13 febbraio 2014 – Padre Livio Fanzaga al prof. Roberto de Mattei
Caro Prof. Roberto De Mattei,
ho letto il suo recente articolo “Motus in fine velocior” e ho notato come si stia sempre più accentuando la sua posizione critica nei confronti del Pontificato di Papa Francesco.  Ne sono molto dispiaciuto e avrei desiderato che Lei mettesse la sua grande preparazione culturale al servizio del Successore di Pietro.
Lei comprende, caro Professore, che la sua posizione è incompatibile con la presenza a Radio Maria la quale prevede, nei suoi  Principi guida,  l’adesione non solo al Magistero della Chiesa, ma anche il sostegno all’azione pastorale del   Sommo Pontefice.
Con rincrescimento e per dovere di coscienza, devo sospendere la sua trasmissione mensile, mentre la ringrazio, anche a nome degli ascoltatori, per  l’impegno profuso, a titolo di volontariato,  alla ricerca delle radici cristiane dell’Europa.
Caro Professore, se il suo atteggiamento verso l’attuale Pontificato dovesse cambiare e divenire più positivo,  non ci sarebbe nessuna difficoltà che Lei possa riprendere la sua trasmissione.
Cordialmente
Padre Livio Fanzaga  (Direttore)

13 febbraio 2014 – Roberto de Mattei a padre Livio Fanzaga

Caro padre Livio,
Con una e-mail del 13 febbraio Lei mi comunica di aver deciso di sospendere la trasmissione “Radici Cristiane” a Radio Maria perché si starebbe “sempre più accentuando” la mia “posizione critica nei confronti del Pontificato di Papa Francesco” . “La sua posizione – mi scrive – è incompatibile con la presenza a Radio Maria la quale prevede, nei suoi  Principi guida,  l’adesione non solo al Magistero della Chiesa, ma anche il sostegno all’azione pastorale del   Sommo Pontefice“.
Innanzitutto la ringrazio per l’invito che Lei mi fece, quattro anni fa, a condurre la trasmissione “Radici Cristiane” a Radio Maria. Da allora allo scorso 15 gennaio, ogni terzo mercoledì del mese, ho cercato di svolgere al meglio il compito che mi aveva affidato, sviluppando temi di carattere storico, apologetico, spirituale e morale in difesa della Chiesa e della Civiltà cristiana. La ringrazio anche per avermi pubblicamente difeso quando a causa di alcune trasmissioni fui violentemente attaccato dalla stampa laicista. Tutta la mia attività e il mio apostolato  è stato e rimane al servizio della Chiesa e del Romano Pontefice, al quale ho dedicato il mio ultimo volume Vicario di Cristo. Il Papato tra normalità e eccezione. La devozione al Papato costituisce una parte essenziale della mia vita spirituale.
            La dottrina cattolica ci insegna però che il Papa è infallibile solo a determinate condizioni e che può commettere errori, nel campo ad esempio, della politica ecclesiastica, delle scelte strategiche, dell’azione pastorale e perfino del magistero ordinario. In questo caso non è un peccato, ma un dovere di coscienza per un cattolico rimarcarlo, purché lo faccia con tutto il rispetto e l’amore che si deve al  Sommo Pontefice. Così fecero i santi, che devono essere il nostro modello di vita.
            La Chiesa lascia questa libertà di critica ai suoi figli e non pecca chi, con la dovuta riverenza, sottolinea le mancanze delle gerarchie ecclesiastiche. Pecca invece chi tace, per viltà o conformismo. Il dramma della Chiesa di oggi sta proprio nella paura dei sacerdoti e dei vescovi, che costituiscono la pars electa della Chiesa, di denunciare la terribile crisi in atto, di risalire alle cause, di proporre rimedi.
            Ho riletto l’articolo che costituisce la ragione del mio allontanamento e non mi sembra che ci sia nulla di irriguardoso nei confronti del regnante Pontefice, ma solo alcune considerazioni di carattere storico più che teologico, mosse da puro amore della Verità. Non ho inoltre esposto le mie preoccupazioni sulla attuale situazione della Chiesa nella mia trasmissione mensile di  Radio Maria, ma su un’agenzia di informazioni da me diretta.
            Caro padre Livio, rientra nella sua piena libertà il congedarmi dalla sua emittente, ma sarebbe stato meglio che Lo avesse fatto senza motivazioni, piuttosto che addurre ragioni così deboli e, se mi permette, infondate. Lei non esce bene da questa vicenda e sinceramente me ne dispiace. Il moto degli eventi si fa sempre più veloce e prima o poi il vortice coinvolgerà anche Lei e Radio Maria, costringendola ad assumere, in un senso o nell’altro, posizioni che Lei si illude possano essere schivate. Vengono momenti  però in cui bisogna schierarsi. Per quanto mi riguarda continuerò ad esercitare la mia libertà di cristiano per difendere la fede che ho ricevuto con il mio battesimo e che costituisce il mio bene più caro. Che lo Spirito Santo mi aiuti a non cedere mai ad alcuna pressione o lusinga, a non cessare mai di dire la verità e a dirla tanto più forte quanto più grande è il silenzio di chi dovrebbe esserne voce.
Con devoto ossequio
Roberto de Mattei

14 febbraio 2014 – padre Livio Fanzaga a Roberto de Mattei

Caro Professore,
la ringrazio per la sua pacata risposta. Il suo articolo mi è stato segnalato con preoccupazione da qualche ascoltatore che la segue. Certe decisioni si prendono con sofferenza. E’ mia ferma convinzione che la Chiesa ,  possa uscire dal travaglio odierno seguendo la Madonna e il Papa. Come ci insegna Benedetto XVI, è più che mai l’ora della preghiera.
Con stima Padre Livio

Fonte: "Corrispondenza Romana" - 14 febbraio 2014

192 commenti:

  1. "..sarebbe stato meglio che Lo avesse fatto senza motivazioni, piuttosto che addurre ragioni così deboli e, se mi permette, infondate. Lei non esce bene da questa vicenda e sinceramente me ne dispiace".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le stimavo malgrado le bestialita' che diceva commentando i giornali, devo ricredermi..

      Elimina
  2. E’ mia ferma convinzione che la Chiesa , possa uscire dal travaglio odierno seguendo la Madonna e il Papa. Come ci insegna Benedetto XVI, è più che mai l’ora della preghiera

    RispondiElimina
  3. Speriamo che adesso non ci tocchi firmare anche per questo!

    RispondiElimina
  4. SPEGNETE RADIO MARIA. BOICOTTAGGIO TOTALE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da parte mia gia' fatto dopo l'immonda presa di posizione contro Palmaro

      Elimina
    2. E chi ascolta Radio Maria??

      Elimina
    3. io quando mi voglio inc........

      Elimina
  5. Ora è il turno del prof. Roberto de Mattei
    di Paolo Deotto
    http://www.riscossacristiana.it/padre-livio-rimuove-roberto-de-mattei-da-radio-maria/

    RispondiElimina
  6. Una volta la ascoltavo volentieri, ma dal marzo 2013 è diventata inascoltabile, monotematica, le catechesi, se così le vogliamo chiamare, del vdr passano 2 o 3 volte al giorno, non parliamo poi del commento alla stampa, minculpop d'antan, spiace dirlo, ma c'è modo e modo di essere 'fedeli' al papa, questa è la proscinesi più abietta, peccato perché molte trasmissioni erano belle ed interessanti. Fine trasmissioni.

    RispondiElimina
  7. La Santa Sede bussa a denari a Padre Fanzaga che risponde a bastoni.
    La Santa Sede vuole delle golose partecipazioni al bussines di Medjugore senza però pronunciarsi sulla soprannaturalità dell'evento.
    Fanzaga ,giustamente, senza marchi Vaticani ufficiali non ammolla neanche un euro però ,in segno di distensione, butta fuori tutti i tradizionalisti da Radio Maria.
    La Santa Sede tornerà a bussare a denari, Fanzaga risponderà a coppe e Papa Francesco ,nella sua tenerezza, lo sbatterà a pulire i gabinetti di Santa Marta.

    RispondiElimina
  8. Livio Fanzaga appartiene a quella classe della società che il Parini chiama dei Cavalier serventi...lasciamo stare. Prima o poi anche lui sarà costretto ad andare a Canossa. Purtroppo nelle Chiesa cattolica manca una vera libertà se pensi in modo non dico difforme ma appena non conforme ai dettami del capo vieni cacciato via. La libertà che concedono è quella che lasciarono ai poveri catari provenzali, a Galileo o a Giordano Bruno, sottomettersi o andare al rogo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Padre Livio Fanzaga, nel messaggio n. 1234/A della Madonna di Medjugore è contenuto pure l'iban del conto IOR dove versare sostanzioso obolo(la Madonna ha detto sostanzioso).
      Le finanze vaticane non sanno che farsene della testa dei vari Gnocchi,Palmaro e De Mattei.

      Elimina
    2. è vero l'ho sentia anche io

      Elimina
  9. Antonio Peschechera da Barletta14 febbraio 2014 17:41

    Quale Madonna proteggerà la Chiesa cattolica? forse quella di Medjugorie? cioè la Madonna di padre Livio Fanzaga? quello che recentemente ha fatto l'attore su un canale televisivo, in cui andava a trovare uno che dice di vedere la Madonna e che nel frattempo ha la guardia del corpo e un abito molto ma molto costoso? Padre Livio è quello che parlava di merletti e pizzi parlando della Messa Tridentina? non serve a nulla il sale che diventa insipido....

    RispondiElimina
  10. Tutta la mia solidarietà e preghiera al Prof. de Mattei.
    Che la Vergine lo protegga per il bene che ha fatto alle povere anime disorientate e per il bene che farà. Coraggio dio è più forte della cattiveria degli uomini. i preti dovrebbe adottare il motto che ho letto nello stemma del Card. titolare di Santa Maria della Vittoria in Roma: Metti im pratica quel che predichi!
    Il coraggio non si può comprare, la viltàè una componente della natura umana . Predicano bene, razzolano male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non parlerei di tragedia per il prof. De Mattei. Ricordiamo tutti le sue profonde convinzioni teologiche espresse nel momento del terremoto del Giappone. Il suo Dio è grande e potente: di fronte alla grande ingiustizia subita da questo suo inviato, Egli certamente punirà le colpe dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione. Il male oggettivo causato provocherà senz'altro una adeguata vendetta e punizione da parte del suo Dio: forse manderà un terremoto oppure farò esplodere il Vesuvio. Speriamo solo che non sbagli mira e colpisca le persone sbagliate. Tremate gente! Nascondetevi voi che siete in sintonia con Papa Francesco. Ricordatevi che dovete morire...

      Elimina
  11. catari provenzali, a Galileo o a Giordano Bruno? ma perfavore....ètuttaunaltrastoria

    RispondiElimina
  12. Chi ascolta di frequente Radio Maria sa che principio irrinunciabile della Radio è quello di seguire e di essere fedeli, oltre al Magistero, anche alla pastorale del Papa. Chi è critico verso la pastorale può avere tutte le sue ragioni, ma non può collaborare se non condivide tale principio. Giusificarsi dicendo che nelle trasmissioni non sono state mai esposti pensieri o considerazioni di tale tipo non basta, perchè non si può parlare in un modo da una parte e in un altro modo dall'altra. Ci vuole sempre coerenza. Radio Maria ha sempre detto di fare un servizio alla Chiesa perchè la parola del Papa e della Chiesa giunga nelle case. Io che la ascolto da anni, se fossi un conduttore col pensiero di De Mattei, Gnocchi o Palmaro, avrei lasciato già da tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vuole sempre coerenza, anche quando si parla di tolleranza, solo la profonda cattolicità dei personaggi epurato impedisce loro di adire le vie legali: sono già due casi chiarissimi di discriminazione personale e in un caso anche sul posto di lavoro. Ma lasciamo queste cose ai modernisti ultratolleranti.

      Per quanto riguarda Fanzaga, gli sarò sempre grato per aver iniziato la mia personale conversione sulle onde di Radio Maria, ma gli avvenimenti degli ultimi anni stanno travolgendo tutto e tutti, anche lui.
      Non gliene faccio una colpa, siamo uomini, immagino che preferisca sacrificare pochi per il bene di molti che in radio ci lavorano ed hanno famiglia e non hanno altre valide alternative.
      Tuttavia fa una certa impressione sentire certe cose dall'autore di testi come "Quelli che non si vergognano di Gesù Cristo" oppure "Non praevalebunt. Manuale di resistenza cristiana". Testi meravigliosi, che oggi purtroppo ricascano sullo stesso Fanzaga come macigni. Ora è il momento della prova.
      Faccio gli auguri non tanto al buon prof. De Mattei, il quale secondo il beatitudini evangeliche ha già la sua grossa ricompensa nei cieli, quanto piuttosto al povero Fanzaga che mostra tutta la sua umanità e che sono sicuro vive con non poca frustrazione la situazione attuale, ben consapevole che i tempi andranno comunque peggio per la sua Radio, ormai non molto dissimile da un megafono di regime,della specie di quello che perseguitava i parrocchiani di medjugorie nei primi anni delle apparizioni.
      Situazione veramente paradossale.
      E se padre Livio si dimettesse da direttore di Radio Maria? Tecnicamente penso che potrebbe farlo, anche per l'età che non aiuta, se si è dimesso il Papa penso possa tranquillamente farlo lui, salverebbe almeno la coscienza, avendo guidato la radio per tanto tempo al servizio di Maria e rimettendo il mandato alle competenti autorità come atto di obbedienza. Ma credo che la sua indole pugnace, che in linea di principio a me piace e che a suo tempo mi conquistò, non gli permette di staccarsi dal lavoro quotidiano.
      Prego per lui perché Maria santissima sappia suscitargli decisioni sagge per il bene della Chiesa Cattolica.

      Elimina
    2. Preghiamo per la conversione del Fanzaga, è su una brutta strada...

      Elimina
    3. "... se fossi un conduttore col pensiero di De Mattei, Gnocchi o Palmaro, avrei lasciato già da tempo." Già, peccato che costoro siano cattolici, veramente cattolici. Del Fanzaga incomincio a dubitarne. Ha ragione l'anonimo qui sopra: "Preghiamo per la conversione del Fanzaga, è su una brutta strada... "

      Elimina
  13. a forza di epurare tutti quelli che, con devoto rispetto, si permettono di criticare il Santo Padre quando non parla "ex chatedra Petri", fra un po' Padre Livio si troverà in compagnia solamente di Nicola Vendola e Wladimir Luxuria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ti aspetti da uno come lui che non fa altro che ingannare la gente con Medjugorie dove sono stati tutti sospesi a divinis .

      Elimina
    2. e Marija Pavlovic.
      E dovrebbe reclutare Brosio

      Elimina
  14. Altra notizia bomba : Dino Boffo è stato licenziato! Il rullo della nouvelle èglise procede implacabile. il prossimo chi sarà Padre Livio? Si dimetterà prima che lo mettano alla porta? Misteri della carità argentina. Guardate la fine miseranda riservata ai Francescani dell'Immacolata.

    RispondiElimina
  15. Dopo de Mattei han licenziato pure Dino Boffo! Poi toccherà a don Livio ...resterò solo la rivista dei gesuiti! Tutto il potere ai Soviet! (Lenin)

    RispondiElimina
  16. Dino Boffo no dai! ditemi che è uno scherzo. L'ho sentito ad una trasmissione di sat2000, non lo conoscevo e anzi avevo un po' di pregiudizi, invece mi ha conquistato: al di la delle opinioni personali in ambito politico, mi sembra un uomo molto serio e preparato, conosce la dottrina, sa esporla arrivando addirittura a valorizzare le opinioni personali di Bergoglio.
    Insomma mi sembra uno che è sempre meglio non averlo contro, in senso buono intendo.

    RispondiElimina
  17. Boffo via dalla direzione di TV2000, emittente Cei. L'editore: "Risolto il contratto, necessario riassetto"
    http://www.repubblica.it/cronaca/2014/02/14/news/boffo_rimosso_da_direzione_tv2000-78599525/

    RispondiElimina
  18. http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/14/dino-boffo-rimosso-dalla-direzione-di-tv2000-lemittente-dei-vescovi-italiani/881443/

    allora è vero.
    Che schifo di persone questi sepolcri imbiancati, che predicano amore e tolleranza e poi ti pugnalano alle spalle perché non gli hai fatto il salamelecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si vede che non lo segui a tv2000, di salamelecchi al papa ne ha fatti da far schifo, facendo il confronto tra l'aria nuova di Francesco e il vecchiume di Benedetto, non si poteva piu' ascoltarlo

      Elimina
  19. Le estremizzazioni portano allo stesso risultato, da una parte e dall'altra. De Mattei con la sua reiterata e estenuante critica pregiudiziale dalla parte tradizionalista e Boffo a fare il tifo da ultras Bergogliano dall'altra. Ambedue fuori.
    Contrariamente a voi credo sia un buon segno
    Giorgio Severo

    RispondiElimina
  20. Er nipote der Belli14 febbraio 2014 18:32

    TV2000?...Per carità! A parte il Rosario da Lourdes e qualche trasmissione interessante sull'arte sacra si è ridotta a mandare in onda ogni giorno le puntate di Happy Days e dell'ispettore Kojak! Dall'emittente dei vescovi italiani un fedele si aspetta ben altro! In quanto a Boffo sarebbe stato opportuno rimuoverlo già quando, subito dopo l'elezione di Bergoglio, disse in diretta: "Ecco che il Papa non ha indossato la mozzetta per non sentirsi ridicolo", con chiara allusione a Benedetto XVI (e forse, a tutti i Papi precedenti...).

    RispondiElimina
  21. In sostituzione di De Mattei, inizieranno una serie di trasmissioni sulla figura ormai fondamentale di RAIMONDO DI SANGRO, tenute dal celeberrimo scrittore-esegeta-ingegnere L.L.. Pochi conoscono che perfino un grande cantautore ha dedicato un brano allo scrittore partenopeo.

    http://m.youtube.com/watch?v=CsBHxxWd_ys&feature=kp

    RispondiElimina
  22. Si può servir la Chiesa soltanto aderendo in toto alla verità. Se il papa espone opinioni equivoche o erronee non si deve tacere. Persino il cautissimo amico Pietro de Marco è uscito dal coro plaudente. Il rispetto per il Papa (funzione del Papa) non vien meno se si rimarcano suoi errori o ambiguità. Non so se p. Livio abbia allontanato de Mattei sua sponte o se vi siano state richieste in tal senso.
    :La risposta di de Mattei è serena e ferte. La papolatria e l'infallibilismo son di grave nocumento per la Chiesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non mi rispondi più?
      Beatrice Pastorella

      Elimina
    2. Perché è ancora in Purgatorio. ...speriamo..

      Elimina
    3. Pastorelli, vada a fare la schedina del totocalcio che è meglio

      Elimina
    4. "Si può servir la Chiesa soltanto aderendo in toto alla verità." "La papolatria e l'infallibilismo son di grave nocumento per la Chiesa."

      Sottoscrivo in pieno

      Angel

      Elimina
  23. Ora spetta a Gallizia.

    RispondiElimina
  24. Speriamo che adesso non ci tocchi firmare anche per questo e per quest'alto!

    RispondiElimina
  25. Speriamo che adesso non ci tocchi firmare anche per questo e per quest'altro!

    RispondiElimina
  26. cacciarlo anche dall'U.E.

    RispondiElimina
  27. Per cercare di tirarlo su, gli ho spedito gratuitamente una copia del best-seller di L.L.. Questa è la dedica che lo scrittore manda al de Mattei

    http://m.youtube.com/watch?v=upLJ3oPkb5E

    RispondiElimina
  28. Anonimo14 febbraio 2014 19:28
    Perché non mi rispondi più?
    Beatrice Pastorella
    ------------------
    perché sei un trans.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la dedico, vita mia.

      http://m.youtube.com/results?q=beatrice%20pastorella&sm=






      Elimina
  29. Anonimo14 febbraio 2014 20:21
    Perché è ancora in Purgatorio. ...speriamo..
    --------------
    per te non c'è speranza

    RispondiElimina
  30. Piena solidarietà a Roberto De Mattei! Non darò più un centesimo a Radio Maria d'ora in avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che ti prosciugavi prima. ...

      Elimina
    2. Concordo con Anonimo 20:53. Boicottaggio totale di radio maria! Anch'io non darò più il mio prossimo 5 per mille a radio maria ma lo destinerò ad altri. Che vada a chiedere i soldi a Checco per sopravvivere.

      Elimina
  31. Molto dispiaciuta per De Mattei e gli manifesto la mia solidarietà dal 13 marzo 2013 Radio Maria non è più ascoltabile per me per tanti anni ho versato il 5 per mille da quest'anno non lo farò più.

    mentre sono molto contenta per il licenziamento di Dino Boffo spero vivamente che tv 2000 possa avere una impostazione più cattolica e un profilo più elevato dal punto di vista culturale anzichè essere una brutta copia del chiacchiericco e della mediocrità tipica di tutte le altre tv e sono a ancora più contenta per il fatto che il licenziamento è avvenuto sotto il pontificato di Papa Francesco per il quale questo personaggio aveva la bava alla bocca (da far venire il vomito all'ascoltatore) mentre in più occasioni ha manifestato livore per Papa Benedetto 16.

    Il fatto che la Chiesa pagasse lo stipendio a questo personaggio mi ha indotto insieme anche ad altri motivi quali il finanziamento da parte della cei alla costruzione di Chiese che sono dei veri obbrobri a non versare più l'8 x mille alla chiesa cattolica

    Saluti Lorella

    n.b. questo si che è un buon vento di primavera

    RispondiElimina
  32. Si faccia una petizione urbi et orbi, soprattutto orbi, di tutte le associazioni militanti con l'elmetto lancia in resta per tutto il globo terraqueo!
    !à la guerre comme a la guerre!

    RispondiElimina
  33. Breaking News. Licenziato Dino Boffo
    http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/02/14/breaking-news-licenziato-dino-boffo/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure Dino Boffo pensava che ore e ore di salamelecchi al Papa potessero distrarre la Sede Apostolica dai dovuti oboli da versare come retrocessione del mercato pubblicitario.

      Elimina
  34. Piena solidarietà al prof. De Mattei fuori le persone intelligenti dentro gli ebeti.
    Fuori i credenti dentro i diversamente credenti
    Caro Padre Livio l'amore vero convince
    l'adulazione no

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla fine si trovera' con le sole telefonate delle povere vecchiette che non hanno niente di meglio..

      Elimina
    2. è già un bel pezzo che è così

      Elimina
  35. Padre Livio disennato e disennatore. Boffonchio apriva troppo la bocca e usava in modo spropositato la sua lingua biforcuta. Che bel regalo in occasione dell'infausto anniversario....ora commenti la sua di cacciata.

    RispondiElimina
  36. Propongo lo scrittore partenopeo L.L. come nuovo direttore della radio, che assumerà il nome di RADIO DI SANGRO. Alla redazione di Sat2000 andrà il mio caro fratello Alighieri Pastorelli, il quale inaugurerà il "Grande Fratello a Santa Marta" per controllare strettamente l'operato del Papa.
    Montale Fattorelli

    RispondiElimina
  37. Il Papa si può criticare quando è fallibile cioè quando parla senza l'infallibitas in docendo cioè fuori dalla cattedra e senza il predellino se poi si porta appresso la cattedra anche senza predellino e parla allora non falla cioè volevo dire non fallisce ma se non parla come dovrebbe ci vuole chi lo fa parlare e se parla troppo ci vule chi lo fa tacere e se parlando senza fallo fallisce come la mettiamo? Ecco dimostrato che ci vuole chi lo controlli onde per cui non capisco perché ve la prendete tanto col Sommo Pastorelli anzi lo dovreste ringraziare
    punto

    RispondiElimina
  38. Boffo licenziato? Non ci posso credere e dire che si è consumato i polpastrelli a furia di applaudire la nouvelle église! del resto era un tristo basta leggere le lettere pubblicate da Nuzzi:minaccia non troppo velate alla Cei per essere assunto a quel posto da cui papa francesco lo ha schiodato. Anche lui nel cimitero dei rottamati.

    RispondiElimina
  39. A chi dice che bisogna seguire non solo il magistero, ma anche la pastorale del papa, rimproverando De Mattei di non averlo fatto:
    osservo che allora bisogna obbedire al papa e alla chiesa con estrema coerenza e non come fa il disobbedientissimo Padre Livio, che, nonostante tutte le disposizioni contrarie, continua ad ingannare i fedeli dando per sicure le presunte parole (quante parole!) che la Vergine del silenzio direbbe a Medjugorje e in giro per il mondo. Essere preti non lo autorizza a far credere alla gente che la Regina della pace ha detto questo, la Gospa ha detto quest'altro. La santa sede ha ordinato a tutti i sacerdoti di astenersi assolutamente dall'esprimere in pubblico pareri definitivi, ma Padre Livio si concede il lusso di fare le pulci a De Mattei e di disobbedire al Papa. Bella coerenza! Meriterebbe la fine degli ipocriti e dei falsari... ma l'augurio più bello è che lui si converta davvero, invece di voler convertire gli altri.

    RispondiElimina
  40. Auguro sinceramente ogni bene all'illustre professor De Mattei.
    Alcuni suoi spunti sono sicuramente interessanti, ma in un contraddittorio con persone di pari preparazione. Come relatore di area "cattolica"(?) lo trovo più dannoso che utile.
    Ma mi rincuora vederlo allontanato da Radio Maria, per non avendo una gran considerazione del buon Padre Livio. (si sveglia solo quando proprio...)

    RispondiElimina
  41. Egregio prof. De Mattei, il problema di fondo non è se/quanto è "fallibile" un papa, ma quanto è "fallibile" lei.
    Lei è liberissimo di avere le sue idee e di esprimerle.
    Mi piacerà sempre poterle leggere qui o in siti di analoga ispirazione, ma ero dispiaciuto di sentirla per radio Maria.
    Le auguro ogni bene nel Signore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le "idee" di de Mattei sono la Tradizione e la Dottrina. Non ha mai espresso altro. Quindi l'arrogante cacciata di de Mattei equivale alla negazione di queste. Fanzaga è ancora cattolico?

      Elimina
  42. Devo avere ancora la mail che scrissi a tv 2000 durante gli sproloqui del suo ex direttore nel corso della Messa coi cardinali del 14 marzo 2013. Era così entusiasta della mise umile del Papa, che gli scappò che "quell'altro più roba si metteva meglio stava", testuali parole, al massimo al posto di "roba" c'era "cose". Credo che abbia letto in diretta le mie proteste per la sua mancanza di delicatezza nei confronti del Papa emerito, peraltro vivo e con un carattere diverso da quello attuale e non per il carattere si giudica l'operato di un Papa. Maneggiava lo smartphone con un'espressione infastidita e poi ha infilato nel suo discorso che non è questione di carattere ma di stile.
    Non lo conoscevo se non per la storia dello scandalo del 2009, ma più l'ho ascoltato più mi ha disgustato.
    Il palinsesto della tv è terribile, tolto il Rosario da Lourdes e pure le vecchie serie tv ed i vecchi film, ci sono talk show tristi,programmi di cucina con un religioso e inviati in Piazza San Pietro, dal dubbio orientamento sessuale, che fanno domande idiote ai pellegrini. Spero che il successore non sia peggio, al peggio non c'è mai fine. Ma se qualcuno facesse pulizia dei programmi imbarazzanti non sarebbe male. Ne ho abbastanza dei ritratti di cattolici fatti dalla tv, così banali e banalizzanti come i canti desacralizzanti dai testi terribili e le schitarrate che spesso si ascoltano a Messa. Essere perseguitati per la Fede va bene, ma farsi etichettare così no, mi dispiace, essere cattolici non è quello, non per forza i bambini ed i ragazzi devono imparare canzonette, balletti e parlare col gergo proprio del gruppo, non rinnegano il Signore se non vogliono farlo, deve esserci una scelta di spiritualità per tutti.
    Passando a Padre Livio, beh, io su Radio Maria posso ascoltare il Rosario di mezzanotte in latino con l'accetto germanico, ma quando sento parlare lui cambio. Radici cristiane l'ho beccato più volte per caso e mi era molto piaciuto, era decisamene diverso dallo stile della radio e veramente interessante. Se poi p. Livio vuole mettere le mani avanti epurando chiunque muova qualche critica al Papa, beh, piano piano resterà da solo. Radio Maria ha il pregio di portare la Messa a chi è a casa, insieme alle altre preghiere inserite nel palinsesto, ma ormai è solo quello. Diffusione e potenziale altissimi, poco coraggio e risultati deludenti, proprio come sat 2000.
    Mi dispiace se un uomo perde il lavoro, ma per quel posto Dino Boffo non era proprio adatto.

    RispondiElimina
  43. Così se ne vanno da TV2000 anche tutti quei ragazzotti e signorine che ci intrattengono ad imitazione della rai anni 70... ora guardatevi Fonzy e il tenente Kojak bizzocche belle?
    O che gioia, che bello! Forza Galantino, cum Petro et sub Petro!!

    RispondiElimina
  44. Boffo era diventato insopportabile e arrogante e offensivo nei confronti di papa Benedetto XVI.Protetto da Ruini pensava di star lì in eterno, impiegherà dei giorni per liberare la sua scrivania. Un consiglio a don Livio tenga pronte le valigie che il prossimo a sloggiare sarà lei...siam tutti servi inutili anche se qualcuno si ritiene indispensabile.

    RispondiElimina
  45. E così finisce il castello boffiano. Persona in sé non degna di biasimo o di lode talmente insignificante e misera. Riuscì a salire i gradini della Cei semplicemente oliando i cardini giusti ma senza meriti. La sua mediocrità era nota a tutti tranne che a Ruini. Guardava gli interlocutori dall'alto in basso, odiava papa Benedetto XVI e non ne faceva mistero. Si reputava cristiano! Rimuovendolo Papa Francesco ha fatto solo giustizia!

    RispondiElimina
  46. Comunuqe nel 2009 da Boffo si pretesero le dimissioni e solo dall'Avvenire. Indipendentemente dal merito, questo papa la forma non sa cosa sia: qui si licenzia e basta, accampando la mancata fiducia, cioe' il non allineamento. Quando mai papa Benedetto avrebbe fatto una cosa simile. Persino a De Mattei, padre Livio ha scritto una lettera per spiegare almeno formalmente.
    Forse a Sat2000 arrivera' un fanciulla, tipo Immacolata. Eufemia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Papa forse non saprà la forma (?), lei invece è sicuro che non sa di cosa parla.
      Imputare al Papa il licenziamento repentino di Boffo è fuori da ogni realtà. Casomai potrebbe dire Bagnasco o Galantin.
      Giorgio Severo

      Elimina
    2. Ma non vi viene il dubbio che avesse ragione Feltri? E coloro che s'inventarono l'espressione "metodo Boffo" e la presunta persecuzione contro costui, cosa dicono oggi? E soprattutto, le note "insinuazioni" nei confronti dei comportamenti e delle "abitudini" del suddetto, sono vere o no? E, se vere e accertate, come dimostrò Feltri, quale peso hanno avuto nella decisione attuale?

      Elimina
    3. Che chieda a Vendola di intercedere per un
      posto a Lovelab ...

      Elimina
  47. Papa Benedetto non avrebbe mai fatto una cosa simile, questo è stata la debolezza del papa. Il limite è stata la sua gentilezza mal ripagata da Boffo che più volte l'ha sbeffeggiato impunemente dopo le dimissioni. La vicenda di de Mattei per quanto dolorosa è dovuta alla mens di don Livio che pensa di interpretare per parare i colpi visto che sta per piombare su di lui il macigno Medjigorie che lo seppellirà. I gesuiti sono un treno inarrestabile se si tratta della gloria di Dio e della salvezza delle anime. Papa Francesco è davvero bravo!

    RispondiElimina
  48. Se arriva Immacolata, che del resto è già arrivata perché supervisiona la comunicazione con altri esperti con gli attributi, state certi che non ci sarà da annoiarsi su TV2000, la finiranno con le scemenze. Lo spero proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e Fanzaga ha capito l'antifona, mica è fesso, prima che passi il treno a Medjiugorie si metterà di lato e saluterà con la manina. Quello è un prete come si deve.

      Elimina
  49. Ha ragione da vendere De Mattei quando profetizza la fine del lercio Fanzaga. Come fu per Verzè, e come sarà per feccia come Kiko. La misericordina del sudamericano dalla sfonda scarpa è venefico per tutti quelli che la assumono da tempo, sia con che senza ricetta vaticana. Gli unici che risultano indenni da questa intossicazione (e le epurazioni lo dimostrano) sono proprio i tradizionalisti sporchi brutti e cattivi che si annidano qua e là tra francescani dell'Immacolata e altrove "Pelagiani DOC bollati col marchio siae del vescovo di Santa Marta" ... sono i nuovi "monatti" indenni a questa peste.

    Polimar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non prendere lucciole per lanterne Polimar. Quelli che nomini non sono per niente INDENNI dall'intossicazione.... sono i portatori sani del virus infettante che sta logorando l'organismo Chiesa. Sono loro che spargano quest'infezione in ogni luogo dove passano, in ogni cosa che toccano. Infezione dissociativa mortale ai più. Chi la prende comincia a dividersi, e poi ancora a dividersi, e poi ancora a dividersi come è facile constatare in certi movimenti e come accade su questi Blog, dove ogni tradizionalista rappresenta al massimo se stesso. Da ORGANISMO ben articolato il Cattolico una volta contratto il VIRUS TRAD diviene in poco tempo nuova forma di vita monocellulare.
      Dopo ricerche accurate parrebbe essere stato individuato il focolaio principale in un luogo impervio in Ferno, conosciuto molto bene e frequentato dai nuovi pelagiani tradi-tristi esteti cultori di trine e solo-forma.
      Per i convalescenti di questa terribile malattia c'è oggi una nuova speranza: basterà più volte al giorno ber GOLGLIO e il male in poco tempo sparirà.
      Giorgio Severo

      Elimina
    2. Poi Caro Giorgio Severo, verranno anche a casa tua a farti bere l'olio che dici e porteranno pure il manganello e poi capirai quali sono le pene dell'anima redenta.

      Elimina
    3. Perfetta l'analisi di Giorgio Severo, complimenti.
      La prova provata è che questo sito che dovrebbe contribuire a far conoscere ed amare la Santa Messa Gregoriana, a causa dei molti organismi unicelluari che vi guazzano contribuisce invece potentemente ad allontanarne le persone.

      Elimina
    4. Grazie a Giorgio Severo per l'analisi e l'arguzia

      Elimina
    5. Siete proprio un gruppo organizzato !
      Ma non siate puerili !

      Elimina
    6. Della venefica piaga modernista la chiesa non ha che farsene e se le tossine di tale piaga le propala gente come farinella o qualche oriundo sudamericano in vacanza a roma la questione cambia poco.

      Non è fingendo di essere cattolici che si è cattolici e non fingendo di essere papi che si è papi.

      Sul presupposto poi della divisione che secondo tali profeti di sventura è malanno e che invece l'eresia nella unità è rimedio, dico solo:

      Nel Vangelo della scorsa domenica Nostro Signore ci ricorda che è meglio strapparci un'occhio o tagliarci una mano che dà scandalo giungendo monchi o ciechi alla salvezza piuttosto che salvare le membra e finire nel fuoco eterno.... indi: meglio pochi ma buoni e della feccia modernista più o meno "severa" se ne faccia scarto e incendio.

      Chi poi ritiene che questo sito allontana le persone dimostri coi fatti quello che sostiene e si allontani, sarà gradevole commiato.

      Polimar

      Elimina
  50. Il treno di Medjugorie è già deragliato!
    Povero padre Livio malgrado i divieti del vescovo di Mostar e della Santa Sede lui continua imperterrito ...invoca coerenza per gli altri e non per sé!
    Con Papa Francesco sorge il nuovo Ordine degli Intoccabili Rottamati

    RispondiElimina
  51. Su Boffo non capisco la sorpresa.... l'aveva già detto il turista per caso sull'aereo che lo riportava a Santa Marta dopo
    il megaconcerto GMG... chi sono io per giudicare un gay ... che cerca Gesù?????

    ...e infatti mica lo giudica, lo licenzia soltanto.... quindi???

    andrà a cercare Gesù in qualche altro alto incarico "paracuriale" dove la "paraculità" di cui dispone possa essere messa a frutto no???? Magari va a sostituire Ricca allo IOR???? ahahahahahaa

    Polimar

    RispondiElimina
  52. L' "uomo di Ruini", come lo chiama qualche giornalista, se l'aspettava. Infatti non se l'é presa, la vita continua e se i modi di Papa Francesco sono spicci tanto meglio, peggio per chi se l'é meritato.

    RispondiElimina
  53. Boffo chi? ....non lo conosco! Forse è uno come Carneade?

    RispondiElimina
  54. Non posso dire che mi dispiaccia per boffo....per radiomaria dico solo che ascolto sempre con piacere il rosario in latino pronunciato con un dolce accento germanico, che non perdo mai, il resto......laissons tomber...

    RispondiElimina
  55. "sono i portatori sani del virus infettante che sta logorando l'organismo Chiesa. Sono loro che spargano quest'infezione in ogni luogo dove passano, in ogni cosa che toccano. Infezione dissociativa mortale ai più"

    Mi sono perso una puntata: ero rimasto a quella in cui si diceva che eravano tre gatti che aspettavano il quarto per giocare a poker, ora vengo a sapere che siamo tremendi e infettiamo di tutto e di più... Mo' non riesco più a seguire il telefilm, accidenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, ti devi decidere. Non si può aver da ricamare metri di strascichi a Burke e da mane a sera dargli di pizzi e merletti e al contempo prestare attenzione alla televisione: o il lavoro o l'informazione!
      fil

      Elimina
    2. Fai piangere ...

      Elimina
  56. Inconcepibile! Non ascolterò mai più Radio Maria.

    RispondiElimina
  57. Ben fatto, Padre Livio. De Mattei era un soggetto imbarazzante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Svegliati ! Di imbarazzante c'e` solo lui che dice : << la Madonna a Medjugorje ha detto...>>
      .

      Elimina
  58. E anche Boffo era imbarazzante.

    RispondiElimina
  59. La mia totale, incondizionata solidarietà al Professor de Mattei per l'ignominiosa cacciata da radio Maria. Cacciando Gnocchi, Palmaro e ora de Mattei, l'ineffabile Fanzaga non caccia solo questi bravi e ortodossi intellettuali: espelle la Tradizione e la Dottrina. Radio Maria è ancora cattolica?
    Poi, questi modernisti alla Fanzaga, non sono "soi disant" tolleranti e liberali? O forse il liberalismo è molto più intollerante di quanto noi pensiamo?
    E cosa dire della deontologia giornalistica? E' ammissibile che un autore venga cacciato da una testata per delle opinioni espresse su un'altra testata?
    Infine: dallo scambio di corrispondenza, a fronte dell'untuosa ipocrisia del Fanzaga, sovrasta la dignità, la competenza teoretica, la cortesia personale del Professor de Mattei.
    Interessante dimostrazione della superiorità morale, intellettuale e antropologica dei "tradizionalisti" (che poi sono semplicemente cattolici) rispetto ai modernisti (che cattolici non sono).

    RispondiElimina
  60. Ho sempre sostenuto che i modernisti, quelli veri ,sono avversari leali c'è invece da aver paura dei don abbondio alla Fanzaga, dei vari và dove ti porta il vento. I giorni di Fanzaga son contati , non sono un "profeta" come lui ma farà la fine di fra Boffo stiamo solo assistendo agli ulltimi giorni di Pompei....

    RispondiElimina
  61. Dopo la Defenestrazione di Praga abbaiamo assistito alla Defenestrazione di de Mattei. Caro don Livio, Papa Francesco ha detto che la Madonna non è il capoufficio delle Poste che invia tutti i giorni messaggi pertanto...obbedisca!

    RispondiElimina
  62. sono un insegnante di religione e in questi anni ho apprezzato moltissimo gli studi e l'analisi sempre lucidissima che il prof. de Mattei fa della Chiesa, del contesto ecclesiale odierno e della società in generale. ce ne fossero di persone così! oltre ad esprimere qui la mia totale solidarietà a Roberto de Mattei, voglio esternare la mia colossale delusione per quanto riguarda padre Fanzaga e di conseguenza Radio Maria. é davvero un peccato che questo sacerdote, nei confronti del quale avevo - e sottolineo: avevo - un enorme stima e fiducia,si comporti ora in questo modo. ma evidentemente le persone,anche quelle considerate le più coerenti, cambiano a seconda del soffiar del vento. peccato davvero! dopo gli ottimi Mario Palmaro e Alessandro Gnocchi,è ora la volta di Roberto de Mattei...Bene padre Livio,continuiamo pure così! eccola qui la "misericordia" oggi tanto di moda! ma si ricordi che "chi di spada ferisce di spada perisce"!..cordialmente: un suo ex estimatore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. grazie mille anonimo!! seguirò ben volentieri il tuo consiglio!! prima voglio però dirti una cosa: di gente come te ne conosco e ne ho conosciuta fin troppa!..e mi diverte enormemente "dialogare" con voi! si xchè siete gente che quando qualcuno mette sul piatto (tanto x stare in tema di piatti,visto che mi accusi di "sputarci"dentro) un problema reale,serio e concreto che però non garba al vostro schema mentale,reagite tutti allo stesso modo: con battutacce da osteria che evidentemente denotano la vostra vera natura e con una veemenza verbale che è frutto di paura,infantilità ma soprattutto IMPREPARAZIONE! la realtà è che non avete argomenti! e non riuscendo a controbattere con concretezza e obiettività a chi vi sta di fronte e che solleva senza offendere nessuno dei problemi reali reagite tutti allo stesso modo!! ripeto: l'hai letto l'articolo "incriminato"? se non lo hai letto vattelo a cercare,poi ne riparliamo!....voglio vedere se e quali argomenti tiri fuori x giustificare la scelta di p. Fanzaga! e poi vediamo CHI E' che sputa nel piatto!!....ti aspetto!..ma con argomenti concreti e convincenti però,sia chiaro!...

      Elimina
    5. Rieccomi, anche se non so se verrà pubblicato questo, dato che sta ripassando la censura e i miei post sono i primi a cadere. Sarai pure professore di religione, ma questo non è segno di preparazione teologica. Non so con quale preparazione sei giunto a svolgere questo mestiere: forse è bastata una lettera di presentazione da parte del Parroco al competente ufficio della tua Curia. Anch'io ho insegnato religione, ma dopo un regolare curriculum che mi ha condotto a conseguire i gradi accademici. Nella mia carriera mi sono sempre attenuto scrupolosamente agli insegnamenti della Chiesa ed anche a quelli del Vangelo. Di De Mattei ho ascoltato (e conservato) le sue esternazioni CONTRO il Dio cristiano durante i tragici eventi del terremoto in Giappone. Pertanto mi domando cosa tu possa aver insegnato di cristianamente buono ai tuoi alunni e come hai espletato il mandato ricevuto da parte della Chiesa. Non puoi dire: io ho il posto, nessuno mi sposta, dico quello che voglio! Visto che l'Europa ha già intimato all'Italia di togliere l'8 per mille alla Chiesa Cattolica, non penso che tu possa ritenerti al sicuro!
      A parte questo io non HO MAI approvato l'operato di Padre Livio quando era "tradizionalista"; anche ora che ha cambiato bandiera non approvo il suo operato. Questo non mi esime dal rimanere della mia idea: le affermazioni di De Mattei, Gnocchi, Palmaro, del Foglio ecc ecc non le condivido

      Elimina
    6. Gentile redazione:
      fiutate un po' l'aria e ditemi se i commenti come quelli dell'anonimo delle 20:33 e delle 23:22 possono essere accolti senza una parola di commento e di presa di distanza da parte vostra. Sono situazioni come queste, che istigano a battibecchi interminabili, a rendere illeggibile questo blog.

      Elimina
    7. Noto adesso nel postare il commento, che in questo topic i commenti sono moderati. Si deve supporre quindi che le parole dell'anonimo di cui ho parlato prima siano state da voi positivamente approvate?

      Elimina
    8. gentilissimo anonimo! vedo con piacere che mi hai risposto!!..e noto con altrettanto piacere,misto a piacevolissima ilarità,che non trovando altro argomento x rispondermi,la butti immediatamente sull'offesa personale! bene! è esattamente come dicevo ieri! CVD!!..che tradotto sta x "come volevasi dimostrare". Sulla mia preparazione e ortodossia voglio da subito rassicurarti!..non sono certo un teologo,ma ti garantisco che ciò che insegno ai miei alunni è ed è sempre stato in perfetta sintonia con il Vangelo,con la retta Dottrina cattolica e col costante Magistero della Chiesa. questa è la mia principale preoccupazione: fedeltà assoluta a Dio e alla Chiesa.dormi quindi sonni tranquilli! il sottoscritto non dice ciò che vuole!! ma soprattutto NON E' come certi suoi colleghi/e che dubitano ad esempio della Resurrezione di Cristo,della reale presenza di Cristo nell'Eucaristia,della Verginità di Maria ecc...e non è mai stato ne sarà MAI favorevole ad aborto,divorzio,unioni o matrimoni tra invertiti ecc ecc ...potrei continuare l'elenco ancora x molto ma mi fermo qui! Ne conosco tanti, sai, di personaggi così,magari con fior fior di curriculum,laurree e baccalaureati a gogò, ma che poi propugnano e diffondono idee che di cristiano e cattolico non hanno proprio NIENTE! qui bisognerebbe fare una seria analisi su ciò che si va ad insegnare in certi seminari e atenei che si dicono "cattolici", ma ora non è il momento! Comunque x tua conoscenza posso affermare con convinzione di aver conosciuto persone col solo diploma elementare infinitamente più istruiti da un punto di vista etico e morale di tanti super studiati con la puzza sotto il naso!!!a proposito di curriculum: voglio rassicurarti anche qui! x insegnare religione ho fatto tutti gli studi necessari e che si richiedonno all'uopo, sai!? in quanto a "raccomandazioni" invece,mi spiace deluderti ma non ho mai avuto il "piacere" di beneficiarne!.. nè conto di avvalermene mai in futuro! E tu? per quel che riguarda poi il "futuro" del mio mestiere,beh..mi affido come sempre alla Provvidenza! le sparate dell'unione europea sempre ossessionata a dar addosso a tutto ciò che è cattolico e x contro a garantire presunti diritti a pervertiti e depravati di ogni sorta e non ultimo a "consigliare" o meglio "intimare" alla Chiesa di cambiare la sua Dottrina, non mi preoccupano più di tanto! o meglio,mi preoccupano sì,ma da credente quale sono ,so che Qualcuno ci penserà e prima o poi farà Giustizia! in ogni caso,ancora non hai risposto a ciò che ti chiedevo: di analizzare cioè l'articolo "incriminato" e dirmi dove secondo te de Mattei ha sbagliato così tanto da giustificare un così drastico provvedimento nei suoi confronti. poi sei liberissimo di non apprezzarlo,così come anche x Gnocchi ,Palmaro e padre Livio. ma alla mia osservazione ancora non hai risposto!..

      Elimina
    9. @stefano
      Io cerco di scrivere quello che posso e che mi lasciano scrivere. Normalmente i miei post vengono censurati con precisione chirurgica: è per questo che non li puoi leggere! Io rispondo sempre in modo aspro oppure dolce, tanto vengono censurati ugualmente. Ti ho già scritto sopra che cosa non mi va di De Mattei: non è il caso che te lo ripeta. Non è bello argomentare per mezz'ora di scrittura e poi vedere non pubblicato o stravolto il proprio post. Agisco come anonimo anche se Andrea sa benissimo chi sono e siamo anche amici (o quasi, di questi tempi...). Mi ha anche avvisato che questo sito è monitorato dalla questura di Roma e che lui si serve del "braccio secolare" (sic!): quindi figurati se non sanno chi sono! Ma d'altra parte, di cosa devo avere paura? Vuoi che mi arrestino perché difendo il Papa contro gli sproloqui e gli insulti di questi figuri? Mi devo nascondere per non prendere io gli insulti al suo posto?

      Elimina
  63. dimenticavo: ho letto l'articolo "incriminato". Vorrei chiedere a p. Fanzaga: ma dove sono secondo Lei le "offese" al Papa?? cos'ha di "scandaloso" o di "irriverente" questo lucidissimo e drammaticamente veritiero articolo???

    RispondiElimina
  64. Spadaro al posto di boffo, last news....

    RispondiElimina
  65. Finalmente un uomo di pensiero che esprime chiaramente il proprio credo in questo clima di "regime" imperante. Padre Livio ci ha fatto "una capa tanta" coi suoi Segreti di Medjugorje, ed ora che i fatti stanno per innescarli, vilmente si schiera dalla parte sbagliata, replicando la figuraccia rimediata con Gnocchi e Palmaro. Ho spento Radio Maria dal 13 marzo scorso e non me ne pento. La accendo soltanto per ascoltare quelle poche parti veramente cattoliche - rosari, Messe - che sono sopravvissute alla cura a base di olio di ricino somministrata a questa sfortunata emittente radiofonica dal ridanciano padre scolopio.

    RispondiElimina
  66. Boffo lingua bifolcuta uno della casta era ora ho molto piacere per il suo licenziamento.
    Spero stessa fine facciano tutte le donzelle scollate di Sat 2000 veline docet, e annessi giovanotti senza cervello
    era ora

    RispondiElimina
  67. Boffo è un vile infingardo che uccise un uomo morto Benedetto XVI, con la calunnia la peggiore delle armi.
    Grazie, papa Francesco . reduce da una vicendavergognosa e mai chiarita su un tema delicato e sensibile con la faccia tosta stava li in TV per mandato dei vescovi a sproloquiare sul grande papa Benedetto XVI!
    Uomo Vile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso tu debba ringraziare Papa Francesco per il siluramento di Boffo. Inoltre non sono neppure certo che Benedetto XVI sia un uomo morto ucciso una seconda volta da Boffo, dato che è vivo e (quasi) vegeto.
      Ne abbiamo avuto la prova a mezzogiorno con l'Angelus del Papa. Il nuovo arrivato (che non so neanche chi sia) ha pensato bene di mandare in onda invece dei precedenti commenti (generosi) nei confronti di Papa Francesco un'interessantissima trasmissione sulle orchidee con le scritte in sovraimpressione un invito a tutti i fidanzati questo pomeriggio in piazza S. Pietro per un presunto incontro col Papa (che ovviamente non c'è)
      Della serie: Boffo è stato silurato dai nemici di Papa Francesco e quindi della Chiesa. Come inizio della nuova gestione non c'è male... chi ben comincia è a metà dell'opera!

      Elimina
  68. Due anni fa sono stato a Medjugorje e ho visto quanto basta...
    Tanti auguri, caro padre Livio!...
    Credo ne avrà proprio bisogno!!!
    D’altronde,
    chi di spada ferisce…,
    Di spada perisce!!!

    RispondiElimina
  69. Credo di essere facile profeta, immaginando che tra non molto padre Livio farà la fine di Boffo e Radio Maria quella dei Francescani dell'Immacolata.Anche Boffo si sperticava in lodi cortigianesche nei confronti di Bergoglio, ma non gli è servito a conservare il posto. Sono veramente deluso da padre Livio: ero un fedele ascoltatore dei suoi programmi, e sono veramente rattristato a vedere la piega che sta prendendo Radio Maria, con queste epurazioni staliniane nei confronti di persone di fede provata e di grande preparazione, che hanno avuto solo il torto di aver avanzato, rispettosamente, riserve nei confronti di alcuni atteggiamenti del Papa, senza averne mai peraltro criticato il Magistero. Un cristiano è tenuto ad obbedire a Pietro, non a Simone, e un sacerdote che come padre Livio vanta un dottorato in teologia dovrebbe saperlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un dottore in teologia dovrebbe anche sapere che continuare ad ogni trasmissione a dire:
      "lo ha detto la Madonna"... "lo dice la Madonna", "insegna la Madonna", "il Papa ribadisce quello che dice la Madonna", fino ad arrivare ad enormità quali: "lo ha canonizzato la Madonna" è pura e semplice ERESIA.

      Si può anche essere dei gonzi e credere che il lercio fanzaga non lo sappia, invece lo sa eccome e la verità è che è un ERETICO, ignobile ipocrita e traditore, che epura quelli che non gli fanno guadagnare punteggio con bergoglio ma se ne fotte di essere obbediente al magistero quando spaccia per dichiarazioni della Madonna le sue filippiche e gli spoloqui a tempo dei vari sedicenti veggenti.
      Questo è quanto.

      Polimar

      Elimina
  70. Chi guida veramente la Chiesa è Gesù Cristo …Lui ha detto “Tu sei Pietro e su questa Pietra edifichero’ la mia Chiesa ” e poi ha detto ” e le porte degli inferi NON prevarranno contro di essa”…quindi perchè preoccuparci di strane dietrologie…la cosa piu’ bella è essere fedeli a Gesù (quindi al suo Vicario che non dimentichiamo lo Spirito Santo HA GUIDATO il Conclave ad eleggere), nella preghiera e nel sostegno …Gesù premia la fedelta’ non sul cosa è giusto o sbagliato perchè cosa è giusto o sbagliato si capira’ solo alla fine…quindi tranquillamente seguiamo quello che ha detto Gesù nel modo in cui ognuno di noi puo’, essendo CERTI che tanto le porte degli inferi non prevarranno sulla Chiesa!! L’ha detto Gesù !! Quindi assolutamente sostegno al Papa nella preghiera perchè lo Spirito Santo lo illumini sempre di piu’ nella sua difficile Missione e sostegno pieno a Padre Livio che porta avanti questa fedelta’

    Rispondi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli di Medjugorie son tutti scomunicati! Ribelli e disobbedienti al loro vescovo e agli ordini della Santa Sede! Aprite gli occhi.

      Elimina
    2. Tra quelli che scomunichi, oltre a Gesù Cristo, c'è anche la Madonna?

      Elimina
    3. Asino! documentati!

      Elimina
    4. La Chiesa insegna che si deve obbedire al vicario di Cristo e al suo vicario locale. Voi l'avete fatto ? C'è un divieto del vescovo di Mostar, avete obbedito?
      Avete chiarito la storia di Jozo?

      Elimina
    5. E il Vicario di Cristo ha detto che bisogna obbedire a Gesù Cristo, alla Madonna e a Dio. Gli asini conoscono bene queste cose. Soprattutto gli asini sanno che De Mattei non è nessuno ed è solo un incompetente da un punto di vista teologico. Il suo Dio è un'infamante caricatura del Dio cristiano. Noi asini siamo come le pecore e seguiamo il Pastore: il Signore è il mio Pastore, cantiamo in Chiesa (addirittura con le chitarre) e ne andiamo fieri. Noi non sappiamo se credere alle apparizioni di Medjugorie oppure no: tuttavia sappiamo che i presunti messaggi contengono comunque insegnamenti utili. A voi questi insegnamenti non servono: va bene! Ascoltando Gesù diciamo: Scuotiamo le vostre polveri velenose dai nostri calzari. Un'ultima cosa: noi asini non abbiamo bisogno di qualche punto in più nei voti scolastici e quindi non ci sentiamo neppure in doveri di adulare e leccare i piedi dei "professori"

      Elimina
    6. Papa Francesco:La Madonna non è il capoufficio delle Poste che manda messaggi tutti i giorni.

      Elimina
    7. Certamente! Infatti i capuffici delle poste non sanno mandarne neppure uno e a volte si preoccupano di far sparire quelli mandati dagli altri. A me piacerebbe che invece la Madonna e Gesù attraverso lo Spirito santo fossero ancora più prodighi di messaggi di pace e gioia per tutti coloro che desiderano ascoltarli. A noi basterebbe che mandassero delle intuizioni anche alla gente comune, senza bisogno di effetti speciali: ma sappiamo di non essere noi a comandare e raccogliamo quanto viene inviato. A noi asini non interessano i segnali di guerra e di sfida mandati da coloro che pensano che la salvezza arrivi dalle misure delle tovaglie da mettere sull'altare, dagli strali di Pio IX o X o XII, dalle giaculatorie da recitare magicamente senza capirne il senso o dagli insulti dei tradizionalisti alla DeMattei ed altri oscuri personaggi...

      Elimina
    8. Certo che il postino del Laus deve averne fatti molti di kilometri e precisamente per ben 54 anni,suvvia abbiate pazienza, perbacco che fretta.

      Elimina
    9. Papa Francesco ha proprio ragione.La Madonna i messaggi li da il 2 e il 25 di ogni mese.Ma che abbia scambiato il postino con c'è posta per te?

      Elimina
    10. Oh ! Finalmente ti e` entrato in testa che siete un branco di asini !
      Qualche letturina l' hai data ...
      ma come si puo` far passare quella roba ridicola per messaggi della madre di Dio!
      Solo gli asini potrebbero!

      Elimina
    11. Anonimo testa di legno,per entrare in una chiesa per pregare ,anche a Medjugorje, non necessita il permesso del Papa ,del vescovo locale o il tuo,salvo effettive disposizioni che in tal senso non ci sono,anzi.....Stai in pace.

      Elimina
    12. ULTIME DIRETTIVE UFFICIALI DELLA SANTA SEDE SU MEDJUGORJE

      "Le dichiarazioni del vescovo di Mostar riflettono un'opinione personale, non sono un giudizio definitivo e ufficiale della Chiesa".
      Questa dichiarazione taglia le gambe a tutti coloro che si avvalgono delle dichiarazione del Vescovo di Mostar per attaccare Medjugorje in nome della Chiesa.

      "Nel frattempo sono permessi i pellegrinaggi privati con un accompagnamento pastorale dei fedeli".
      I pellegrinaggi privati sono quelli organizzati privatamente dai fedeli, o da agenzie laiche, e si specifica che è bene che siano accompagnati dai sacerdoti. Questa precisazione è molto importante, sopratutto per il servizio delle confessioni.

      "Infine, tutti i pellegrini cattolici possono recarsi a Medjugorje, luogo di culto mariano dove è possibile esprimersi con tutte le forme devozionali".
      Viene qui ribadita l'assoluta libertà dei pellegrini di recarsi a Medjugorje, specificando che la Chiesa lo ritiene un luogo di culto mariano, dove è possibile partecipare alla Santa Messa, Confessarsi, fare la Via Crucis, l'Adorazione al Santissimo Sacramento...e così via.

      Questa, è la posizione ufficiale della Santa Sede su Medjugorje e queste sono le sue direttive, espresse dal Cardinale Segretario di Stato e avvalorate dal Santo Padre in persona.

      Poi un' altra cosa ...ma perchè siete quasi tutti anonimi?

      Elimina
    13. " MEDJIUGORJE. : UN FALSO DEI CARISMATICI . "
      Su Salpan .org

      Elimina
  71. Bravo p.Livio.
    Ora fuori anche Dante Pastorelli

    RispondiElimina
  72. cattolico integrale16 febbraio 2014 01:25

    Troppo tardi, andava mandato via ben prima.
    Nessuna tolleranza per i criptosedevacantisti.

    RispondiElimina
  73. La misercordia dei bergogliani è come l'ipocrisia dei farisei.

    RispondiElimina
  74. Sembra che voglia chiudere lo IOR .Menem e la Fernandez han fatto fallire l'Argentina lui farà fallire il Vaticano.

    RispondiElimina
  75. Anonimo16 febbraio 2014 01:03
    Bravo p.Livio.
    Ora fuori anche Dante Pastorelli
    --------------------------
    Infatti, vo proprio fuori ora, dopo un breve pisolino.
    Vo ad aprir la mia chiesa, ieri onorata dalla presenza del card. Betori che v'ha tenuto una riunione con tutti i diaconi della diocesi.
    Betori ha parlato in modo preciso e forte sulla Verità che non si può modificare, anche in relazioner alle presunte aperture a divorziati risposati e matrimoni gay.
    Le idiozie di Pasqualino ed altri mentalmente non attrezzati camminanti sono così eclatanti che perfino riderci sopra è un onore.

    PS. Non ho mai seguito radio Maria. Neppure quando vi parlava l'amico p. Serafino Tognetti, il braccio destro di don Divo Barsotti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bravo a Dante Pastorelli, anch'io non ho mai seguito radio Maria e non ne sento la mancanza. I cristiani per 1980 e più ani non hanno mai seguito radio Maria ...siamo in buona compagnia.

      Elimina
    2. Se non l'hai mai seguita Radio Maria come fai a sentirne la mancanza ? Magari se l'ascolti poi la senti !

      Elimina
    3. Qual'è il colmo di questo blog?
      Il Pastorelli che controlla il Pastore.
      "A lui darò le chiavi (della cattedrale)".
      Poste e Telecomunicazioni

      Elimina
  76. Sono un osservatore esterno e le beghe ecclesiastiche non mi intereso. noto che Francesco continua a non parlare di teologia, il che è indice di una formazione culturale mediocre, mi sembra un retrò attardato sessantottino del tipo el pueblo unido degli Intillimani. I suoi discorsi all'uomo del 2014 suonano obsoleti.Mi chiedo se ha capito che vive in Europa e che l'Europa non può gestirla alla chavez o meglio alla maniera sudamericana.

    RispondiElimina
  77. Anonimo16 febbraio 2014 16:23
    ----------------
    Ma non per prevenzione, né per dissenso su posizioni espresse, dissenso impossibile dato che mai l'ho ascoltata. Semplicemente ho altre cose da fare e se voglio dire in pace il rosario so dove andare: in chiesa o per viuzze di campagna deserte.

    RispondiElimina
  78. L' errore di de Mattei è stato di iniziare una collaborazione con una radio il cui direttore
    I° non rispetta la gerarchia della chiesa diffondendo abusivamente i pizzini delle visionari
    II° sempre per dar credito ai sunnominati sposta arbitrariamente la vesta della nascita della S.V. Maria al 5 agosto e di conseguenza l' immacolata concezione al 5 novembre
    III° tace dell arricchimento indebito dei visionari vedasi Ivan Dravidecic e la sua casa con piscina a Boston acquistata per 800.000 dollari con un mutuo restituito in 6 MESI !!!!!!
    Per carita non vado oltre ma caro de Mattei non era meglio andar per citofoni che accettare un editore del genere ?
    Santa Madre di Dio ti chiedo perdono per tutti coloro che nel tuo nome si arricchiscono .
    Antonio da Spoleto

    RispondiElimina
  79. Ci siamo sfogati abbastanza mettiamo fine alle diatribe con la parola PAX. La lettera di Padre Livio anche se non condivisibile non è scortese ,malgrado le circostanze, lui rimane un estimatore del De Mattei. Il De Mattei esprime con correttezza il suo punto di sta in modo egualmente gentile. Anch'io ho espresso giudizi a dir poco severi sul Fanzaga e me ne dispiace, chiedo perdono. La vicenda Medjgorie è al vaglio della Chiesa che dovrà pronunciarsi, nessuno è scomunicato o interdetto. Il nostro fine è la santità ma per raggiungerla dobbiamo amarci come fratelli senza insulti e recriminazioni. Spero si metta fine a questa storia e gli interventi siano sempre rispettosi delle parti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jozo,Tomislav e Barbaric sono stati
      tutti e tre sospesi a divinis!!!!

      Elimina
  80. A Dio piacendo, anche padre Livio sarà rimosso.......

    RispondiElimina
  81. dante pastorelli17 febbraio 2014 16:29

    Anonimo17 febbraio 2014 06:12
    Qual'è il colmo di questo blog
    ----------------
    Intanto impara a scrivere: qual è, senza l'apostrofo. E' troncamento e non elisione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, anche lei però dovrebbe fare qualche ripasso: "È", voce verbale, si scrive con l'accento, non con l'apostrofo " E' ". Grazie

      Elimina
  82. MARCO CORVAGLIA " Medjugorje e` tutto falso " .

    www.lanuovachiesa.org " Lo scandalo di Medjugorje ".

    www.salpan.org. "Medjugorje: un falso dei carismatici " .

    www.chiesviva.org/medjugorje

    RispondiElimina
  83. Lo scopo della Chiesa Cattolica è Evangelizzare cioè convertire perchè la conversione è la salvezza dell'anima...Il Papa e Medjugorje operano continue conversioni sincere...persone lontanssime dalla Chiesa si sono e si stanno avvicinando...dovremmo sentire la gioia dentro per questo...salvare delle anime ha un valore immenso...non c'è niente di piu' grande...invece come sempre siamo accecati e ci perdiamo a discutere stando ben attenti a mettere il proprio "io" al primo posto ...e sì, perchè l'importante è spuntarla sempre ,riuscire a dire l'ultima parola...Il massimo è quando dite "Ah Padre Livio ha fatto così...bene io spengo Radio Maria e non la ascolto piu'" mi ricorda un po' quando eravamo piccoli che dicevamo " e io non gioco piu'" oppure " e io non ti faccio piu' mio amico" e chi se ne frega di tutto il lavoro ENORME fatto in quasi trent'anni di Radio Maria...tutto il bene immenso , le innumerevoli conversioni...l'aiuto morale e psicologico a malati , anziani, soli, carcerati, disperati, ...e chi se ne frega di tutti i migliaia di volontari che hanno lavorato e continuano a lavorare facendo sacrifici per garantire la voce di Gesù , della Madonna, e del Papa nelle case di milioni di persone...siamo proprio nell'era del consumismo piu' crudo...non mi servi piu'? e io ti butto via!...Mamma mia...terribile!...Grazie Padre Livio per tutto quello che hai fatto e per tutto quello che farai ...la Madonna ti tiene stretto al suo cuore...questa è la cosa piu' importante...le parole invece vanno e vengono a seconda del vento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, Lei ha ragione. Radio Maria in questi trent'anni ha fatto tantissimo bene, io ne sono stato un affezionato ascoltatore. Ma queste prese di posizione sono inquietanti, sono purghe di marca staliniana. Essere obbedienti al Papa significa obbedire, in gradi diversi a seconda dell'importanza del pronunciamento, al suo Magistero, e non mancargli di rispetto, non altro. Pretendere altro non è richiesto dalla dottrina cattolica. Questo Papa mi ha scocciato, sinceramente, e a mio modesto avviso, ad avviso della mia coscienza, che il Concilio Vaticano II considera inviolabile (Dignitatis Humanae) sta facendo molto male alla Chiesa. Chi lo difende a tutti i costi, chi si arrampica sui vetri per dimostrare la continuità con il luminoso Pontificato che l'ha preceduto o mente sapendo di mentire o ha fette di salame sugli occhi spesse alcuni centimetri. In un caso come nell'altro ai miei occhi perde ogni interesse.

      Elimina
    2. credo che i preti e vescovi modernisti che hanno sempre odiato Radio Maria ed anche padre Livio... la stiano, sotto sotto "spuntando" e piano piano, stranamente osannando e accarezzando padre Livio faranno "morire" Radio Maria in quanto alla lunga i sostenitori e finanziatori, che nella quasi totalità sono di stampo cattolico senza se e senza ma, continuando a ricevere "ceffoni morali in faccia" con l'estromissione di ottimi conduttori ed a sentirsi, un giorno si ed un giorno no, dare dei tradizionalisti, pelagiani, superbi, lefebriani, ecc. ecc. finiranno con non fare più alcun "sacrificio" e praticamente non daranno più un euro e quindi la radio, salvo in un primo periodo in cui verrà finanziata dai modernisti... poi di colpo "chiudera" per mancanza di risorse e così piano piano certe gerarchie risolveranno anche il problema delle apparizioni.... . Personalmente è una "pena" il vedere che padre Livio non si accorga che lo stanno usando per distruggere quanto ha costruito con una vita di scrifici. Insomma,sono ormai mesi e mesi che padre Livio continua a "ferire" quelli che sono stati i suoi difensori , che nella quasi totalità, se riescono perchè hanno la fortuna di avere un Ordinario che ha aiutato Benedetto XVI ed ha permesso che venisse attuato il Motu Proprio, vanno alla Messa Vetus..ed invece di aiutarci si è ormai schierato con i modernisti senza rendersi conto che quando ti "lisciano il pelo" c'è da preoccuparsi... e preoccuparsi molto!!!

      "Grazie Padre Livio per tutto quello che hai fatto e.. "
      gentile Sig.na Paola, sono pienamente in armonia di pensiero con Lei, ma non pensa che padre Livio dovrebbe tenere conto che la radio non è solo "sua" perchè anche io ed altri in tutti questi anni l'abbiamo finanziata,propagandata, diffusa scontrandosi spesso consacerdoti che la osteggiavano in ogni modo, sentendosi dire che padre Livio era "fuori dalla Chiesa", che era uno "svitato" ecc. e se coninua ad illudersi che il diavolo non sia "furbo" si sbaglia di grosso.... : non ha presente "i cedri del Libano".
      Gentile Paola, se non ci fosse stata Radio Maria forse oggi non saremmo qui a parlare ancora di fede, ma sbaglia il direttore ad avere "misericordia" con tutti tranne che se uno va per caso alla Santa Messa in latino o la difende -come hanno fatto Nuara,n Gnocchi, Palmro, De Mattei, Bux ecc. difendendo in tal modo anche il Pontefice Emerito che non penso sarà tanto contento di come le gerarchie hanno proibito ai Francescani dell'Immacolata di celebrare col rito "Straordinario" e poi chiuso il loro Seminario, trasferito con diffamazioni al seguito i frati definiti "ribelli" perchè celebravano Vetus in perfetta armonia con le Leggi della Chiesa tuttora vigenti e con l'auspicio di Benedetto XVI... . Converrà, gentile Paola, che padre Livio, in tutta quest'ultima vivenda non ha fatto una parola, come se questi frati non appartenessero alla Chiesa Cattolica: non è per caso che De Mattei lo abbia "silurato" proprio perchè di tali frati ha trattato e molto?.

      Elimina
    3. Radio Maria segue una linea ben precisa : diffusione del Vangelo, fedelta' alla Chiesa cattolica e ovviamente al Papa. Qui la coerenza è fondamentale e a volte puo' costare molto ma solo così si puo' essere credibili e Gesù Cristo ha bisogno di persone credibili per essere suoi apostoli. Percio' capisco la scelta di Padre Livio , una scelta scomoda che non cerca sicuramente applausi ma che tutela la coerenza e la credibilita' di radio Maria davanti a milioni di ascoltatori di ogni grado sociale (non dimentichiamoci l'innegabile taglio popolare che ha questa Radio che peraltro è l'aspetto che mi piace di piu') dove magari idee contrastanti possono creare confusione col pericolo di fermare un percorso di conversione: una grossa responsabilita' che va' rispettata

      e poi volevo dire di leggere questa omelia del Papa :

      OMELIA DEL PAPA

      Papa Francesco: dicotomia assurda amare Cristo senza la Chiesa

      “Non si capisce un cristiano senza Chiesa”: lo ha affermato stamani Papa Francesco durante la Messa presieduta a Santa Marta. Il Pontefice ha indicato tre pilastri del senso di appartenenza ecclesiale: l’umiltà, la fedeltà e la preghiera per la Chiesa.
      L’omelia del Papa è partita dalla figura del re Davide, come viene presentata dalle letture del giorno: un uomo che parla col Signore come un figlio parla con il padre e anche se riceve un “no” alle sue richieste, lo accetta con gioia. Davide – osserva Papa Francesco – aveva “un sentimento forte di appartenenza al popolo di Dio”. E questo – ha proseguito – ci fa chiedere su quale sia il nostro senso di appartenenza alla Chiesa, il nostro sentire con la Chiesa e nella Chiesa:

      “Il cristiano non è un battezzato che riceve il Battesimo e poi va avanti per la sua strada. Il primo frutto del Battesimo è farti appartenere alla Chiesa, al popolo di Dio. Non si capisce un cristiano senza Chiesa. E per questo il grande Paolo VI diceva che è una dicotomia assurda amare Cristo senza la Chiesa; ascoltare Cristo ma non la Chiesa; stare con Cristo al margine della Chiesa. Non si può. E’ una dicotomia assurda. Il messaggio evangelico noi lo riceviamo nella Chiesa e la nostra santità la facciamo nella Chiesa, la nostra strada nella Chiesa. L’altro è una fantasia o, come lui diceva, una dicotomia assurda”.

      Il “sensus ecclesiae” – ha affermato - è “proprio il sentire, pensare, volere, dentro la Chiesa”. Ci sono “tre pilastri di questa appartenenza, di questo sentire con la Chiesa. Il primo è l’umiltà”, nella consapevolezza di essere “inseriti in una comunità come una grazia grande”:

      “Una persona che non è umile, non può sentire con la Chiesa, Umiltà: siamo una piccola parte di un grande popolo, che va sulla strada del Signore”.

      Il secondo pilastro è la fedeltà, “che va collegata all’ubbidienza”:

      “Fedeltà alla Chiesa; fedeltà al suo insegnamento; fedeltà al Credo; fedeltà alla dottrina, custodire questa dottrina.

      Il terzo pilastro – ha detto il Papa – è un servizio particolare: “pregare per la Chiesa”. “Che il Signore –ha concluso il Papa - ci aiuti ad andare su questa strada per approfondire la nostra appartenenza alla Chiesa e il nostro sentire con la Chiesa”.

      Comunque volevo ringraziarvi per la bella discussione ...o meglio dialogo con rispetto...poi è ovvio ognuno rimane delle proprie idee ma penso che a chi legge faccia piacere vedere ci si possa rispettare anche pensandola diversamente...è un po' mettere in pratica la Pace di Gesù

      Elimina
    4. Anche in Argentina, l'unico luogo che conosce visto che Roma l'Italia e l'europa son per lui la luna, diceva cose contraddittorie era d'accordo con tutti .Ma non si può volere la botte piena e ,a moglie ubriaca .Cristo ha detto il vostro parlare sia: si si, non no!

      Elimina
    5. Gentile Signora Paola , Medjugorie non opera nessuna conversione semmai la S.ma Virgo Maria Mater Dei intercede per noi e Dio dona la conversione dei cuori , ma questo avviene perché la gente prega non per il luogo in se stesso .Se considera che i pellegrinaggi sono vietati se presuppongono che li appare la S. V. Maria , vedrà che nessuno dei milioni di pellegrini vi si recherebbe se correttamente informato . Il problema è che in questo tempo di confusione , una radio dalla mattina alla sera propaganda i messaggi non autorizzati sottolineo NON AUTORIZZATI dal Vescovo titolare e dalla Conferenza Episcopale , ecco il fenomeno Medjugorie .
      Santa Maria Madre di Dio ora pro nobis peccatoribus

      Elimina
    6. Leggendo le lunghe difese di Paola Maestri mi si stringe il cuore, pensando che vi sono persone che credono di amare la Chiesa solo perché seguono alla lettera un regolamento. Eppure la tradizione dei santi ci ha insegnato che la santa obbedienza non significa dare l'assenso su cose non dovute, né il rispetto per l'autorità non esime dalla responsabilità di aiutare i pastori a discernere la via giusta, nelle materie discutibili, con le osservazioni responsabili, i dubbi della coscienza, l'umile critica, come ai laici compete ed è espressamente richiesto dai concili. Che pessimo servizio all'edificazione della Chiesa, che ristrettezza di vedute, che durezza di cuore, che pusillanimità questa pretesa di coerenza e di umiltà!

      Elimina
    7. Vede, che quando uno -od una- incomincia a dire "io comunque vado avanti per la mia strada, nonostante gli altri (il mondo..) sia contrario è già un'arrendersi al pensiero unico, è già essere condizionati . Intendo dire che c'è una "Verità" unica ed una sola Morale che la attua, un solo Magistero che mai deve essere in contrasto col Magistero della Tradizione. Insomma se uno segue Cristo, che è l'unica Verità, quella non è la "sua " strada ma l'unica vera strada, nella Verità: l’unica strada giusta cioè è quella non della “nostra” idea personale ma quella conforme a Cristo.
      Comunque se padre Livio voleva estromettere De Mattei non doveva prendere la scusa di quell'articolo su Corrispondenza Romana, perchè se uno è intellettualmente onesto e conscio della situazione reale dello stato un cui versa la Fede in tanta parte della Chiesa -basta vedere il ”sondaggio” del centro europa…- questo articolo riflette la cruda realtà e lo sgomento che ne consegue: posso peraltro comprendere che la Sua generazione non avendo visto la fede come era prima non valuti la misura dello sfacelo.
      Ora non mi sembra che nelle trasmissioni di De Mattei -ma neanche in quelle di Palmaro e Gnocchi- in radio ci siano stati degli scostamenti dalla Verità e dal Magistero e quindi era assicurato che non ci fossero cose contrastanti e scandalo per qualunque ascoltatore anche quello che Lei definisce "di taglio popolare..". punto!
      Quanto ai frati dell’Immacolata non capisce padre Livio la sofferenza degli stessi e dei loro genitori vedendoli così bistrattati? Perché è “vietato” difenderli? Non sarebbe un peccato di “omissione” il non parlarne quasi non esistano?
      Creda Sig.na Paola che scrivo con sofferenza queste cose di padre Livio il quale in tutti questi anni di Radio Maria mi ha plasmato nella radicalità della fede cattolica, cosa che in chiesa spesso mi veniva invece creata solo molta confusione. Senza contare poi il bene che ho ricevuto da Benedetto XVI che ha restituito ai fedeli di tutto il mondo la possibilità di andare alla Santa Messa nella forma Straordinaria, dove, checchè ne dicano i detrattor i (spero igoranti.. perchè altrimenti sono cattivi..) c'è un poco di pace -la Pace di Cristo come Lei la chiama giustamente.. - e non solo “il segno..”- grazie alla perfezione e completezza del Credo che incarna e della soavità della preghiera adorane anche nei “silenzi” tanto detestati dai modernisti che non capiscono più di essere sotto la Croce con la Madonna e San Giovanni che piangono il Sacrificio di Dio che si rende attuale e “vivo e Santo” quando sono a Messa.(senza contare che sono esclusi tutti gli “abusi” e le “creatività” spesso al limite dell’indecenza…, vera causa di tanto dolore per tutti).
      Gentile Paola, quanto spererei che non restasse della “Sua” idea od almeno incominciasse a comprendere la sofferenza di persone come mè ma anche come questi illustri studiosi estromessi dalla Radio soffrono e pregano incessantemente per la situazione di attacco alla Santa Chiesa che da anni crede e si illude che inseguire il “mondo” la preservi dall’attacco finale dei “figli del maligno”. Stringiamoci sì in difesa del Santo Padre ma preghiamo incessantemente affinchè anche lui scruti nei cuori di quelli che alla fine vedrà che saranno i suoi veri difensori, quando non potendo la Santa Chiesa rinnegare ai dettami di Cristo (..non prevarranno..) i nemici di Dio sferreranno la persecuzione (a quanto pare già vorrebbero decidere anche i programmi nelle scuole cattoliche..) ed anche non solo lontano da Roma usando i vari integralismi..(vedrà allora che tutti gli adulatori che oggi lo inneggiano mettendolo “in copertina” scapperanno passando sull’altro fronte). In unione di preghiera dunque esorto quindi voi giovani : estote parati !!!.

      Elimina
    8. A Michele.....leggendo la tua risposta ai miei commenti mi ha fatto molto dispiacere la tua opinione che ti sei fatto su di me...la durezza del mio cuore che tu hai detto presuppone una conoscenza profonda ...sono cose molto delicate, credimi ...sinceramente non trovo giusto giudicare in questo modo una persona dandogli del pusillanime ecc..Io ho espresso una mia opinione ho detto solo quello che Gesù ha detto "Tu sei Pietro e su questa Pietra edifichero' la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa" e ho detto anche che Gesù premia la nostra fedelta'....fedelta' a quello che ha detto Lui che non è un "regolamento" come dici tu ...è la Parola di Gesù...per quanto riguarda i Santi me ne viene in mente uno fra tanti ...Padre Pio...gli hanno fatto di tutto , gli hanno proibito persino di celebrare la Messa in pubblico eppure lui ha sempre umilmente ubbedito...poi non so' ...io sono quello che sono puo' darsi anche che abbia delle vedute ristrette ma credimi che il mio intento è di difendere la Chiesa naturalmente per quel poco che posso...Io figurati , se non era per l'incontro con la fede a quest'ora non ero certamente qui a discutere con te ...non oso pensare dove andavo a finire!...Radio Maria è stata fondamentale in questo! e sai quando trovi qualcuno che ti salva poi provi un grande affetto !! Poi per quanto riguarda la pretesa di umilta' anche lì è molto delicato...definire l'umilta' penso sia davvero difficile...ad esempio io leggendo il tuo commento ho trovato contrasto tra quello che dici che qui riporto...... "....Eppure la tradizione dei santi ci ha insegnato che la santa obbedienza non significa dare l'assenso su cose non dovute, né il rispetto per l'autorità non esime dalla responsabilità di aiutare i pastori a discernere la via giusta, nelle materie discutibili, con le osservazioni responsabili, i dubbi della coscienza, l'umile critica, come ai laici compete ed è espressamente richiesto dai concili." ....che devo dire mi è piaciuto e il tuo finale su di me....cioè tu hai parlato giustamente di "osservazioni responsabili,umile critica" e poi su di me dici tutte quelle cose ? Non mi sembra giusto...comunque la definizione piu' bella che abbia mai sentito sull'umilta' è questa : "L'umilta' è il profumo della viola calpestata dallo scarpone" ( notare...non la viola ma il suo profumo! )...un caro saluto

      Elimina
    9. Ad Anonimo del 18 febbraio 2014 alle ore 22,10.............
      Ma a me non sembra di aver detto "io vado avanti per la mia strada nonostante gli altri ecc...." come se degli altri me ne fregassi altamente....Io sinceramente cerco con tutti i miei limiti , con tutti i miei difetti di seguire la strada di Gesù e di difendere la sua Chiesa ...io ho detto che (secondo me naturalmente ) bisogna essere fedeli a quello che dice Gesù e quindi essere fedeli al Papa il suo Vicario...Per quanto riguarda la scelta di padre Livio penso che sia stata molto sofferta ma io la capisco perchè Radio Maria pur essendo una Radio colta ha innegabilmente un taglio popolare (che sinceramente è l'aspetto che mi piace di piu'....io personalmente adoro tutto quello che è popolare ....Gesù stesso non era popolare ? era semplice ...parlava attraverso parabole ...era chiaro, comprensibile a tutti...il fatto che Radio Maria sia comprensibile alle persone anziane che magari non hanno un livello culturale alto secondo me è meraviglioso perchè tanti anziani non avranno la laurea magari avranno solo la terza elementare ma hanno un'intera vita vissuta...un patrimonio da farne tesoro!! A me viene il nervoso quando in maniera dispregiativa si parla di Radio Maria come la radio delle vecchiette....a parte che non è così perchè l'ascoltano tantissimi giovani e persone di tutte le eta'....ma cosa c'è di male? Perchè i vecchietti cosa sono? per me sono bellissimi...io adoro stare con loro....c'è solo da imparare....) Avendo appunto questo taglio popolare, idee contrastanti possono creare confusione è questo puo' essere pericoloso per un cammino di fede...è una grossa responsabilita'....ma grossa veramente ...poi un'altra cosa...ma chi glielo dice che se io ho un'idea non penso anche a quelli che soffrono come ha detto lei? ...certo che ci penso ! E mi scuso se è parso il contrario ma mi creda lo stesso metro lo userei anche su di me o su mio figlio ...cerco di mettere nel mio piccolo Gesù e la sua Parola al primo posto e poi non so' ....mi rimetto nelle mani del Signore...ma volevo solo far capire che quando mi esprimo in maniera così decisa non è mio intento "scartare " tutti gli altri in modo superbo come se passassi sopra tutti fregandomene allegramente....ci mancherebbe altro! Nel mio cuore non c'è questo sentimento...assolutamente.... e chiedo scusa se ho dato questa impressione....Una cosa che mi ha fatto molto piacere invece è quando ha detto ....."Creda Sig.na Paola che scrivo con sofferenza queste cose di padre Livio il quale in tutti questi anni di Radio Maria mi ha plasmato nella radicalità della fede cattolica, cosa che in chiesa spesso mi veniva invece creata solo molta confusione." .........Anche a me Padre Livio mi ha plasmato nella radicalita' della fede cattolica e per questo mi sono salvata e di questo gliene sarò per sempre grata... perchè mi creda sono doni immensi......un caro saluto

      Elimina
    10. Ad Anonimo18 febbraio 2014 15:13.....
      certo , sicuramente è la preghiera del cuore che opera i miracoli della conversione...il fatto di credere se appaia oppure no sta alla coscienza di ognuno...ognuno è libero di credere o non credere ....io personalmente ho sempre sentito parlarne solo che bene di Medjugorje da parte di quelli che sono stati sul luogo ...tutti tornano contenti perchè sentono la Pace del cuore....file e file ai confessionali mentre nelle nostre Chiese non si confessa piu' nessuno....le innumerevoli conversioni sono innegabili ....I messaggi non fanno altro che parlare di Gesù , di pace, di amore , di preghiera, di perdono, di preghiera per i sacerdoti, di necessita' del pentimento, della confessione, della Comunione, di andare a Messa, ci mettono in guardia dal demonio...io li leggo sempre ....non c' una parola che vada contro o dica qualcosa di nuovo del Vangelo ....quindi perchè avercela tanto con Medjugorje... sinceramente non capisco...uno puo' dire " io non ci credo" basta... per il resto essere contenti perchè non fa che portare cose buone ! Oppure andare sul posto e sentire di persona cosa si prova....magari si cambia idea ....Il fatto che Radio Maria faccia conoscere questi messaggi anche lì non ci trovo niente di male ...nessuno della Chiesa ha mai impedito a Padre Livio di farlo...il silenzio è assenso....Poi non so' ...se un giorno glielo impedira' penso che lui obbedira'....mai se a lei da' tanto fastidio non l'ascolti

      Elimina
  84. Rocco.
    Non vorreri sbagliare, ma mi sembra che Radio Maria non dipenda nè dalla Diocesi e nemmeno dalla Santa Sede, perchè è indipendente. Perciò, Padre Livio, non può essere licenziato.

    RispondiElimina
  85. Altro Anonimo17 febbraio 2014 17:29
    Ecco, anche lei però dovrebbe fare qualche ripasso: "È", voce verbale, si scrive con l'accento, non con l'apostrofo " E' ". Grazie
    ----------
    Il mio PC nell'email e nel blog non lo consente. Come in quest blog non consente di usar il "rispondi". Comunque ti posso dar tutte le ripetizioni d'Italiano, Latino e Greco di cui necessiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardi, lei faccia un bagno di umiltà, che ne ha bisogno

      Elimina
    2. Accidenti, prof. Pastorelli! Possibile che il suo computer sia del VO e non del Novus ordo?
      Eppure mi pare i caratteri ASCII sono sempre stati quelli!
      Comunque per avere é in maiuscolo anche in questo vetusto blog, deve premere il tasto ALT e contemporanemanete il numero 0200
      Così: È
      Provi: non è difficile!
      In cambio accetto qualche osservazione sul mio modo di scrivere...
      un anonimo diverso da Altro anonimo

      Elimina
    3. X altro anonimo come fa a predicare l' umiltà ?
      Prima la deve avere .
      Antonio da Spoleto

      Elimina
    4. Anonimo diverso, non so cosa siano i caratteri ASCII. Ma è inutile spiegarmelo perché in campo informatico, seppur elementarissimo, da un orecchio entra dall'altro esce.
      Ho fatto diverse prove ma senza esito. Per cui ti ringrazio del suggerimento. Riesco a scrivere, leggere, inviar email, far tabelle ed elenchi, per anni ho fatto un ricco bollettino, persino su due colonne, ora non mi chieder troppo. In una pagina normale so come fare per aver la "è" maiuscola, e talvolta anche per inserir parole in greco - ma che fatica! -.
      Ti ringrazio per la tua cortesia, e con altrettanta cortesia ti ricordo che si scrive "è" e non "é", così come spesso si scrive erroneamente perchè invece del corretto perché. Gli accenti son importanti per la pronuncia, aperta o chiusa...

      Elimina
  86. Lo scopo della Chiesa Cattolica è Evangelizzare cioè convertire
    -----------------
    dovrebbe, ma non è, oggi. Dall'alto arrivano continui moniti a non convertire e a non far proseliti. Addirittura ci si dice che gli ebrei si salvano grazie all'Antico Testamento e che nei loro riguardi non si deve attuar alcuna evangelizzazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ogni giorno leggo le omelie del Papa...evangelizza eccome!!...Leggo i Messaggi di Madjugorje ...anch'essi evangelizzano! Radio Maria ? Evangelizza!...Io mi sono convertita grazie a questa Radio!....il Parroco del mio piccolo paese ...evangelizza tantissimo! ecc...ecc...ecc...

      Elimina
    2. Gente coi paraocchi ...
      come i cavalli da morto ...

      Elimina
    3. Ad Anonimo19 febbraio 2014 17:12 e ad Anonimo19 febbraio 2014 17:15 (con tutti sti anonimi non si capisce piu' niente! ).....se dicendo "Obsoleta" e "Gente con i paraocchi come i cavalli da morto" vi riferite a me io posso rispondervi che comunque sia io sono una persona...una persona che ha delle idee magari diverse dalle vostre ma che sento in coscienza di dirle ...così tranquillamente senza insultare , ne' ridicolizzare ma semplicemente per dialogare ...tanto lo so'....è quasi impossibile che con un dialogo o con una discussione le persone cambino la loro idea ....ognuno rimane della sua opinione ma secondo me quello che puo' servire un dialogo (civile naturalmente) è provare a chi legge che ci si puo' rispettare anche se si hanno idee diverse....il solo fatto del rispetto è gia' mettere in pratica la pace....se no è inutile che si vanno a fare i cortei con le bandiere con i colori dell'arcobaleno con scritto pace e poi ci si insulti a vicenda solo perchè si hanno idee diverse !

      Elimina
  87. tutti i cuori di coloro che gli vogliono bene non lo licenziano...è sono un numero enorme

    RispondiElimina
  88. Chi volesse firmare online la petizione al Prdsidente RAI perché sospenda la comparsata del figuro a San Remo può farlo qui
    http://www.citizengo.org/it/4349-il-cantante-blasfemo-rufus-sanremo-coi-nostri-soldi?tc=gm&tcid=1990721
    Sono già diverse decine di migliaia le firme raccolte in difesa della nostra Fede
    Una volta tanto che non è de Mattei a chiedere firme facciamolo volentieri. 
    Giorgio Severo 

    RispondiElimina
  89. Padre Livio nel lo logo della radio ha un globo azzurro e non il Crocefisso come dovrebbe.

    Che altro aggiungere?

    RispondiElimina
  90. Altro Anonimo18 febbraio 2014 11:14
    Guardi, lei faccia un bagno di umiltà, che ne ha bisogno
    --------------------
    Legger te e gli anonimi cretini come te è non solo massima umiltà ma pure una vera via crucis.

    RispondiElimina
  91. Il Logo della Radio ha l'immagine grande della Madonna e il globo azzurro sotto indica che la Radio attraverso l'etere puo' raggiungere ogni parte del mondo...e poi si sa' la Madonna porta sempre a Gesù

    RispondiElimina
  92. i messaggi carucci e didascalici non escono dalla bocca della madre di Dio.
    Sono partoriti dai sedicenti veggenti.
    P.Livio ha l'esclusiva mondiale con Marja che da` in diretta ilmessaggio mensile.
    Questa tizia dice di avere anche le apparizioni giornaliere , dal1981,
    da 33 anni a questa parte.
    Questo e` approfittare della credulita` popolare e si configura come reato.

    RispondiElimina
  93. ........mamma mia!..... mamma miaaaa!.......

    RispondiElimina
  94. Il mio 5 per mille, da quando è stato istituito, lo do in piena coscienza all'Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote che ha la Casa Madre in Gricigliano (Pontassieve-FI) che segue il Motu Proprio "Summorum Pontificum" e la S. Messa Vetus Ordo...so che i miei soldi lì sono ben spesi!

    RispondiElimina
  95. Oggi 8 marzo festa della donna , il mio pensiero va alla piu’ grande di tutte le donne …la Madonna !Lei con il suo “sì” è stata la prima ad avere fede , una fede vera , totale….silenziosamente ha seguito suo Figlio fino in fondo e penso le sia costato tanto …lei ha VOLUTO essere fedele e per questo è stata colmata di Grazia…la fede, la fiducia, la sequela, nella preghiera…”Tu sei Pietro e su questa Pietra edifichero’ la mia Chiesa E LE PORTE DEGLI INFERI NON PREVARRANNO CONTRO DI ESSA”…è Gesù stesso che l’ha detto …di che cosa abbiamo paura ?…La goccia è importante …pensiamo piuttosto alla nostra vita , cercando sempre di compiere la volonta’ di Dio ( e questo lo dico per prima a me stessa)….tante gocce formano il mare…si parte dal poco , dal piccolo e lo si dona a Gesù sara’ poi Lui a renderlo grandioso…noi senza di Lui siamo ben poca cosa…quindi fede,fiducia, sequela in cio’ che Gesù ci ha detto …e’ Lui che guida veramente la Chiesa , Lui ne è il Capo…le porte degli inferi NON prevarranno MAI

    RispondiElimina
  96. credo a San Malachia e alle sue profezie, credo alla beata Catherina Emmerrich quando parla dei due papi e della strana e falsa Chiesa che si verra' a creare, credo a Garabandal quando la Madonna a Conchita le rivela che sarebbero riamasti solo tre papi ancora prima della fine (Benedetto xv1), credo ai messaggi di Anguera dove gia dal 2005 si dice "...verra' il giorno in cui ci saranno due troni ma solo su uno ci sara' il vero successore di POietro", credo alla Madonna di Medjugorie che dice che siamo alla fine dei tempi e che con cil compimento dei 10 segreti il demonio verra' scacciato, credo quindi alla fine dei tempi e al compimento di tutte le profezie compreso quelle di Fatima ".....sacerdoti contro sacerdoti, cardinali contro cardinali ,vescovi contro vescovi. La parola di Dio e' una e chiunque tenti di cambiarla lo fa perché' si sente superiore: Il papa come rappresentante di Cristo non puo' dire:"....chi sono io per giudicare se uno e' gay".Il papa ha il dovere e il compito di dire che chi e' gay non deve cadere in tentazione guardare alla verita' alla vita eterna e con la consapevolezza che quella prova sara' di una facilita' assoluta se vissuta con l'aiuto di Cristo. Non commettere adulterio e' parola di Dio, non commettere atti impuri e' parola di Dio e nessuno puo trasformarla a piacimento. Il Creatore viene prima della creatura.

    RispondiElimina
  97. perche fate i comenti da anonimo .Facile ,giu la mschera
    luca.

    RispondiElimina
  98. ma quanto è bravo questo "anonimo"..tutta la mia solidarietà a chi si è letto tutti questi commenti "anonimi" perchè per digerire così tante idiozie tutte insieme deve proprio avere solide "radici" cristiane.

    RispondiElimina
  99. Roberto de Mattei posso dare un.....
    mi spiace della vostra disaventura.....
    ma le dico: uscendo per forza maggiore....
    mi creda a solo guadagniato in salute......
    tanti auguri.......

    RispondiElimina
  100. Dalla parte di Dio4 gennaio 2015 10:07

    Paola, sei Grande!
    Poi vorrei aggiungere questo

    Mi fate solo pena. Atei sapientoni. State rinnegando Dio, cioè quello che padre Livio insegna. Ascoltandolo rimango meravigliata dalle sue parole e dal suo carisma. Siete la dimostrazione vivente , voi increduli, di Satana e come voglia distruggere Dio, la Madonna e la la Vera Chiesa. Tutto quest odio contro qualcosa di BUONO ne e' la prova. Bisogna guardare i FRUTTI, cari sapientoni, non i SOLDI. Siamo tutti umani e Qui si campa col denaro, c'e' poco da fare. Nessuno campa di aria, neppure P. Livio., Ma padre Livio, il denaro lo usa per far cosa? Per avere belle auto? Ville lussuose? Godersi un viaggio alle Maldive? NO, lui da anni ed anni, impiega tutto il suo tempo e la sua vita PER tutti NOI. Le sue parole hanno portato del bene e persone verso DIO e CRISTO.
    Mi basta solo sapere questo. Le parole contro di lui ALLONTANANO da DIo, la Madonna e Cristo, volete far perdere la mia fiducia o la fiducia di altri verso le cose giuste. Ed e' proprio questo che vi fa CADERE. Siete voi dalla parte del DEMONIO. Andate via, mi fate VOMITARE con le vostre misere vite senza Dio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in toto anche se trovo un pochino eccessivo il tono usato. Gli stessi concetti espressi con maggior pacatezza e senza quella violenza che traspare dalle tue parole avrebbero sicuramente sortito un effetto migliore. Purtroppo spesso i 'medjugorjani-estremi' si esprimono in tal guisa e ciò di certo non depone a favore della causa (che peraltro condivido) né della loro identità cristiana. Quindi, per cortesia, calma e rispetto per tutti signora 'Dalla parte di Dio'.

      Elimina
  101. Riconosco che Bergoglio e' fatto come gli pare,e certamente avere due papi non è una cosa usuale...per niente.
    In ogni caso Bergoglio nonostante la sua singolarità non ha mai detto eresie.E' la stampa che fa credere frottole e monta fa gossip etc.
    Il professore ha avuto il coraggio di dire ciò che pensava e HA FATTO BENE,Padre Livio pur con sofferenza come ha scritto e' stato costretto anche per motivi di prudenza a prendere la sua decisione,in quanto come prete e cattolico deve la sua obbedienza al Papa.
    Sono cose spiacevoli queste ma purtroppo succedono.
    Radio Maria e' una realtà terrena con le sue falle,ma ritengo molto più costruttivo guardare all'infinito bene che fanno queste radio cattoliche,ed invito chi fa le sue legittime critiche a essere obiettivo e non vomitare un veleno che non viene da Dio.

    Alberto Bertini

    RispondiElimina
  102. Prima di concentrarci sulla pagliuzza ritrovata nell'occhio del fratello, perche non esaminiamo quella grandissima trave che si trova nel nostro?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.