venerdì 12 luglio 2013

Festa grande a Villatalla (Imperia) per S. Benedetto coi monaci benedettini dell'Immacolata

IMFESTA DI SAN BENEDETTO
Villatalla - Tavole (Im) 
diocesi di Albenga - Imperia
dei Benedettini dell'Immacolata

Giovedì 11 luglio 2013, festa di San Benedetto secondo il calendario tradizionale francese
i monaci del Monastero di S. Caterina da Siena, guidati dal loro fondatore Il rev.do padre Jean
hanno festeggiato il loro Padre Benedetto
con Pontificale celebrato nella forma tradizionale del Rito Romano
da Sua Ecc.za Mons. Mario Oliveri
Vescovo di Albena-Imperia
*
 preghiere ai piedi dell'altare
introito
*
canto dell'episola
*

amministrazione dell'incenso
*
canto del Vangelo
*

predica di sua Eccellenza
*

Credo
*

all'altare
*

Consacrazione
*
scambio del segno di pace
*

Comunione



Benedizione
*
Il Vescovo dopo aver salutato padre Jean O.S.B. Imm. (in primo piano a sinistra),
saluta il parroco di Villatalla, il Rev.do Prevosto Arciprete don Thomas Jochemcyk
*

Grazie all'amico Luigi per le belle foto!
 

14 commenti:

  1. Qulache altro notizio da Villatalla? Quanti sono?

    RispondiElimina
  2. Quanti sono adesso a Villatalla?

    RispondiElimina
  3. peccato che padre jan non accetti vocazioni sacerdotali....

    RispondiElimina
  4. Si contano una ventina di celebranti, e il gruppo dei fedeli? Non vorrei che fossero stati almeno pari ai celebranti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quali fedeli? Lì se la cantano e se la suonano da soli. Ad Albenga-Imperia si riuniscono sacerdoti da mezza Italia per celebrare in rito antico, ma alla popolazione dei fedeli non gliene frega granché.

      Elimina
    2. Fieramente anonimo21 luglio 2013 08:29

      Silver è superinformatissimo. Gli brucia, evidentemente, che "da tutta Italia" c'è chi si interessi al rito di sempre...meno male che, dopo attento censimento, ha stabilito che alla "popolazione dei fedeli" (alla quale, egli, evidentemente, non appartiene), non frega "granché".
      Grazie per queste preziosissime esposizioni.

      Elimina
  5. Villatalla ha 25 residenti....non ho idea di quanti avranno potuto essere ma di sicuro non migliaia!

    RispondiElimina
  6. Caro Sergio,

    a parte il fatto che il Celebrante è uno solo, cioè il vescovo, gli altri sono "assistenti", non esistendo nel rito gregoriano la concelebrazione, considerando che Villatalla è un paese di 20 anime, se - per ipostesi - in chiesa ci fossero state 10 persone, si sarebbe registrato il 50% di partecipazione popolare alla messa, oltre il doppio della media nazionale italiana (16%)!!!!
    Comunque, essendo stato presente, posso rassicurarla sulla presenza di una cinquantina di fedeli.
    saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai qualch altra notizia? Quanti sono adesso? Purtroppo non attualizzano regorlamente il loro sito :(

      Elimina
  7. Io conto un celebrante solo, anche se con una pluralità di ministri e di chierici che assistono in coro. Se poi si guardano le foto delle comunioni, si nota anche un buon numero di Fedeli laici che assistono alla Messa.
    E se nessun fedele avesse assistito alla Messa? Sarebbe forse stata sminuita in se stessa? Sarebbe stato un atto di culto imperfetto o inferiore? Non credo proprio...

    RispondiElimina
  8. Ricordiamoci che comunque si tratta di una celebrazione monastica,conventuale e pertanto la presenza di fedeli laici è comunque eventuale.

    RispondiElimina
  9. "Lì se la cantano e se la suonano da soli."
    Soli cum Deo. Dici nulla!
    L. Moscardò (in visita di passaggio)

    RispondiElimina
  10. Attualmente la comunità è composta dai primi due monaci fondatori, provenienti dall'abbazia di Le Barroux, Padre Jan e un altro confratello. Si sono aggiunti tre novizi, Fra Giuseppe, Fra Mariano e Fra Benedetto. In oltre aspettavano altri 4 giovani postulanti, di cui il primo ad entrare "Armando" è il primo italiano a far parte della comunità monastica. Probabilmente è il postulante che si vede nelle foto, sul lato sinistro di chi guarda, posto davanti a Padre Jan. Preghiamo per questi giovani e per il cammino intrapreso, nella fedeltà del loro carisma e nella perseveranza. La Vergine Maria li protegga sotto il suo manto, Gesù insegni loro la via dell'umiltà e della carità fraterna, Dio-Padre li riempi del suo AMORE e di ogni benedizione. In tempi come questi, dove tanti giovani si perdono per le strade del "mondo", è meraviglioso vedere fiorire vocazioni così radicali e quanto bene porta la loro preghiera costante notte e giorno, visto che hanno scelto una vita monastica, di preghiera e lavoro. Dio-Padre li Benedica. Daniela

    RispondiElimina
  11. Io mi sono trovato x puro caso in bici,mentre Tornaco verso valle saliva un auto con suore tenendo scrupolosamente la sinistra in pieno rettilineo alla destra avevano più di tre mt ....a momenti finivo sotto le suore....
    Saranno arrivate fino in paese?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.