lunedì 3 ottobre 2011

Sintesi del Convegno su Assisi



“Il Santo Padre ha voluto sottolineare il concetto di pellegrinaggio verso la verità: non uno stare insieme per pregare insieme in un modo disparato con il rischio di confondere la fede rivelata soprannaturale con le credenze religiose umane e naturali, ma un camminare insieme verso l’unica Verità”. Con queste parole il Card. R.L. Burke è intervenuto al Convegno “Pellegrini della Verità verso Assisi“, organizzato dall’Associazione Catholica Spes e tenuto il 1° ottobre a Roma, per evidenziare il significato della prossima giornata convocata il 27 ottobre ad Assisi.
Durante i lavori del convegno si è sviluppato un dibattito interessante rispetto al modo in cui i fedeli cattolici possono avvicinarsi a questo incontro per la pace e la giustizia nel mondo. Questo tipo di eventi causa fondate preoccupazioni, infatti, ancora il Card. Burke rileva che“non sono pochi i rischi che un tale incontro può sollevare quanto alla comunicazione mass-mediatica dell’evento di cui - come è chiaro - il Pontefice è ben cosciente. I mezzi della comunicazione mass-mediale diranno, anche solo con le immagini, che tutte le religioni si sono trovate insieme per chiedere a Dio la pace. Un cristiano poco formato nella fede può trarvi la conclusione gravemente erronea che una religione valga l‘altra e che Gesù Cristo è uno dei tanti mediatori di salvezza.”
Questa preoccupazione è stata rilevata anche dagli organizzatori. Nell’introduzione ai lavori il coordinatore, Lorenzo Bertocchi, ha reso noto un interessante estratto di una lettera personale del Santo Padre inviata lo scorso 4 marzo 2011 al pastore luterano, Prof. Peter Beyerhaus. Quest’ultimo, infatti, in virtù di una lunga amicizia che risale ai tempi dell’insegnamento del Card. Ratzinger a Tubinga, nel febbraio scorso inviò una lettera al Santo Padre in cui manifestava la sua perplessità circa il rischio sincretistico di una nuova convocazione della giornata di Assisi. Per questo chiedeva a Benedetto XVI quali fossero le sue intenzioni nel parteciparvi. La risposta del Papa al prof. Beyerhaus era già stata richiamata, sebbene non letteralmente, in un’intervista allo stesso professore realizzata dal giornale tedesco “Kichliche Umschau” nell’aprile scorso.
Oggi, dopo aver ricevuto una autorizzazione da parte di Beyerhaus, gli organizzatori possono rendere noto il passaggio letterale richiamato nell‘intervista:
“Comprendo molto bene - scrive Benedetto XVI il 4 marzo 2011 - la sua preoccupazione rispetto alla partecipazione all’incontro di Assisi. Però questa commemorazione doveva essere festeggiata in ogni modo e, dopo tutto, mi sembrava la cosa migliore andarvi personalmente per poter provare in tal modo a determinare la direzione del tutto. Tuttavia farò di tutto affinchè sia impossibile un interpretazione sincretista o relativista dell’evento ed affinchè rimanga che sempre crederò e confesserò ciò che avevo richiamato all’attenzione della Chiesa con la Dominus Iesus”.
Dopo la S.Messa, celebrata nella forma extraordinaria da Mons. Pozzo, hanno preso avvio i lavori del convegno con un intervento di P. Serafino Lanzetta sull’unicità salvifica di Cristo e della Chiesa così come presentati dalla Dominus Iesus. A seguire Don Mauro Gagliardi ha puntualizzato l’interpretazione magisteriale e quella mass-mediale delle giornate di Assisi. L’intervento di don Alessandro Olivieri Pennesi ha fornito un chiaro quadro del cosidetto “super-market religioso” con particolare riferimento ai cosiddetti movimenti religiosi alternativi. Nel pomeriggio, dopo la già citata prolusione del Card. Burke, vi è stato l’intervento di S.E. Mons. Hon Tai-Fai Savio Segretario della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli.
Il dibattito conclusivo ha visto impegnati Don Nicola Bux (Noi adoriamo quello che conosciamo (Gv 4,22). Verità, Chiesa e salvezza), Don Manfred Hauke (“Semina Verbi”, oppure opera diabolica? I Padri della Chiesa sulle religioni pagane.) e il prof. Corrado Gnerre (Pellegrini della Verità verso Assisi).
Nella lettera citata, inviata al prof. Beyerhaus, Sua Santità chiedeva all’amico di prestare totale fiducia nella sua persona sul fatto che si sarebbe impegnato ad evitare una flessione sincretista e relativista della giornata.
Gli organizzatori del convengo e i relatori si sono trovati concordi, pur nella diversità delle prospettive, ad accordare la propria fiducia nel Santo Padre e a cooperare affinché queste sue intenzioni trovino effettiva realizzazione. Il convegno di sabato 1° ottobre è stato un esempio in tale direzione. Nei prossimi giorni verranno redatte on-line delle brevi sintesi dei singoli interventi a cui seguirà la tempestiva pubblicazione degli atti grazie alla collaborazione delle edizioni Fede&Cultura di Verona.

Associazione Catholica Spes

102 commenti:

  1. Be, non so cosa succederà ad Assisi, ma almeno le intenzioni del papa e della Chiesa ufficiale sono chiare: nessun sincretismo o indifferentismo. E sono consapevoli dei rischi. Quindi anche se viene normale dire "ma non si faceva prima non facendola proprio questa Assisi 3?", se non altro potranno correggere le interpretazioni sbagliate, che sicuramente ci saranno lo stesso nonostante le loro precauzioni. Meglio di niente.

    RispondiElimina
  2. Amministratore Apostolico3 ottobre 2011 09:33

    Piena fiducia nei vertici vaticani. compresa l'ambigua e silente segreteria di stato, da noi invece questa volta apprezzata.
    Nessuna fiducia nei Religiosi Francescani e nel clero che attuerà , pur conoscendo le direttive papali e vaticane, l'incontro.
    Sfiducia completa nei giornalisti  e nelle super potenze mediatiche.
    Faranno passare " fischi per fiaschi" l'iniziativa di Assisi .
    Noi, comunque, quel giorno celebreremo una Santa Messa Votiva B.M.V.

    RispondiElimina
  3. Io ho solo pregato perché il Santo Padre, recandosi ad Assisi, ponesse dei paletti ben visibili al fine di evitare la deriva sincretista di Assisi 1. Il papa, nella lettera citata in questo articolo, ribadisce la sua linea, che è quella già riportata nella Dominus Iesus. Allora comprendo bene che non sono sicuramente state le mie deboli prehiere ad aiutare il Santo Padre in questa ferma e chiara impostazione che intende dare all'incontro di Assisi. Ma pregare per il Papa, va sempre bene ... a prescindere. Piuttosto un timore: al di là delle ferme e chiare intenzioni del Papa, quale sarà il messaggio che i media faranno veicolare in tutto l'orbe dell'incontro di Assisi? Anche per questo dovremmo pregare: che, almeno quelli cattolici, riportino fedelmente le intenzioni del Santo Padre!!!

    RispondiElimina
  4. Ma cosa può venire di buona da un'orgia di false religioni, supportate da cattocomunisti, pacifisti, ecologisti, abortisti e chi più ne ha più ne metta? Queste quattro parole sarebbero meglio di niente? Dobbiamo essere lì a manifestare contro queste eresie con la dovuta forza altrimenti siamo complici. Christus Rex.

    RispondiElimina
  5. Simon de Cyrène3 ottobre 2011 10:18

    Ringrazio di gran cuore MIL per averci fatto parte dei risultati di questo convegno riassunti da Catholica Spes.
    E' bello vedere l'atteggiamento di approccio razionale e rispettoso che hanno i cattolici veramente tradizionalisti: non evitano le domande scomode ma al tempo stesso si danno i mezzi per trovare le risposte e aiutare il Magistero a non essere, o a meno essere, frainteso.
    Fa piacere vedere i nomi conosciuti e di gran reputazione che hanno partecipato al convegno. Preghiamo per il Santo Apdre e le sue intenzioni. I.P.

    RispondiElimina
  6. e siccome molti (compresi i sacerdoti che sostengono la necessità di tale evento)  continuano a dire, su qeusto blog e su quasi tutti i media che dobbiamo seguire la volontà del Papa e il suo MAGISTERO , io chiedo ai sacerdoti qui presenti, che per favore ci spieghino chiaramente  CHE COSA  ci insegna  il Papa Benedetto con questo suo ATTO DI MAGISTERO, e come tale atto si collochi nella Tradizione della Chiesa Cattolica,  compresa l'enciclica ricordata di PIO XI.
    Gradirei che i volonterosi bloggers chiarificatori dell'intenzione MAGISTERIALE DEL PAPA, dessere una spiegazione  dell'insegnamento che   scaturisce  da ASSISI3, in parole  semplici e chiare, che io le possa ripetere a ragazzi di 10-12 anni.
    Grazie a chi vorrà rispondere.

    RispondiElimina
  7. Condivido il ringraziamento a Messa In Latino per la pubblicazione di questa importantissima precisazione del Papa. Ora nessuno potrà più dire che il Santo Padre promuova in qualsiasi modo il sincretismo religioso. Creo che sia invece legittimo almeno un rilievo sul piano della forma e della comunicazione. Occorrevano le obiezioni di un luturano per consentire la Papa di precisare che "Tuttavia farò di tutto affinchè sia impossibile un interpretazione sincretista o relativista dell’evento ed affinchè rimanga che sempre crederò e confesserò ciò che avevo richiamato all’attenzione della Chiesa con la Dominus Iesus”? Sembra quasi che Benedetto XVI si continuamente costretto a trovare il modo per porre in qualche modo rimedio agfli effetti di una deriva che tende in una direzione diversa dalla sua.

    RispondiElimina
  8. <span>Cara Delia,  
    mi pare che i nostri interventi si sono incrociati.  
    Prova a leggere quello che ho scritto più su, poco prima di te.</span>

    RispondiElimina
  9. Comunque mi turba che nel mio intervento ci sia il placet di Simon de Cirène e nel tuo quello di Cesare. 
    La cosa mi mette in allarme ;) e anche in discussione...

    RispondiElimina
  10. come spesso mi accade, da qualche mese, leggo e basisco....
    <span> le intenzioni del papa e della Chiesa ufficiale sono chiare: nessun sincretismo....</span>

    ah le intenzioni chiare, già....come quelle del concilio21.mo, che voleva essere solo pastorale e DI FATTO ha squinternato la Chiesa ?
    le intenzioni di cui parlate, nel riunirsi  gli  adoratori di Cristo e di Belial, mi sembrano come le buone intenzioni di uno che andasse in fraterna compagnia di drogati e spacciatori, dicendo:  io però sarò fermo, non assaggerò quella roba !  dobbiamo cercare insieme la via della disintossicazione...., mentre dirò loro: continuate pure a fumare LIBERAMENTE LA VOSTRA DROGA, io non ve lo impedirò !
    qui si sta dimenticando che di <span>buone  intenzioni è lastricata la via dell'inferno !</span>

    RispondiElimina
  11. cara mic, è proprio quel campanello d'allarme che volevo risuonasse in te, e che mi spiace ora sia messo OFF, di fronte all'illusione di questo meeting, secondo me pericolosissimo, quanto più esso sembra innocuo  !

    RispondiElimina
  12. <span>cara Mic, quella risposta che  hai dato sopra per me non è convincente per vari motivi:  
    - dire così :<span> aspettiamo e vediamo che cosa accade, </span>mi pare una forma di sperimentalismo applicata ad un gesto, gravido di conseguenze sulla Fede di  milioni di piccoli (già confusi da decenni), che già dal Magistero perenne (ditemi se sbaglio ) è stato condannato in anticipo,  cioè PREVIENE IL MALE, alla radice, prima che si compia, conoscendone bene le recondite motivazioni, che sono in contrasto con la Fede Cattolica, o no ?  
    mi pare che il Signore nella Bibbia dica : Chi ama il fuoco (cioè il pericolo) in esso perirà !  
    dire "proviamo" è come se questo Papa dicesse a Pio XI: Quello che tu hai scritto vale per il PASSATO, ORA SONO in atto TEMPI nuovi, che ci IMPONGONO di sperimentare queste cose, io le ricondurrò a buon fine , anche se all'inizio, nelle PREMESSE ESSE SONO CATTIVE... ci rendiamo conto di questo pericolo, o lo sento solo io, che sono diffidente delle novità ? e chiedeo di nuovo : la parola infallibile del Papa PIO XI vale ancora o  non vale più ?  
    il Magistero di Pio XI è presente, è da ritenersi perenne, degno di ossequio e OBBEDIENZA DAI PAPI SUCCESSIVI, con tutto il Gregge, o DEVE ESSERE SUPERATO da questo esperimento ?</span>

    RispondiElimina
  13. Simon de Cyrène3 ottobre 2011 11:09

    Forse sono sacerdote, ma forse no; forse sono padre di famiglia, ma forse no: comunque le do degli elementi di risposte che lei può benissimo verificare da sola, anche se sospetto, visto il suo stile e tono, che lei non leggerà le proposte di risposte per capirle ma che farà il solito muro di gomma.
    (1) La Mortalium animos NON si riferisce a questo tipo di evento : (a) si riferiva alla teoria allora di moda detta del "pancristianesimo" che supponeva tutte le religioni cristiane egualmente valide; (b) riaffermava il principio di esistenza/sussistenza della Chiesa di Cristo, concetto che sarà riutilizzato dal S.S. CVII e rispiegato in dettaglio e con più gran precisione nella Dominus Jesus. ("<span>Necessariamente, quindi, non solo la Chiesa di Cristo deve sussistere oggi e in ogni tempo, ma anzi deve sussistere [exsistat, ndr] quale fu al tempo apostolico, se non vogliamo dire — il che è assurdo — che Cristo Signore o sia venuto meno al suo intento, o abbia errato quando affermò che le porte dell’inferno non sarebbero mai prevalse contro la Chiesa"); (c) la sede Apostolica vi condannava le riunioni di preghiera con le altre religioni SE compiute in particolari condizioni, che sono: "</span><span> di voler ben volentieri trattare con la Chiesa Romana, ma con eguaglianza di diritti, cioè da pari a pari; e certamente se potessero così trattare, lo farebbero con l’intento di giungere a una convenzione la quale permettesse loro di conservare quelle opinioni che li tengono finora vaganti ed erranti fuori dell’unico ovile di Cristo ... </span><span>Come dunque si potrebbe concepire una Confederazione cristiana, i cui membri, anche quando si trattasse dell’oggetto della fede, potessero mantenere ciascuno il proprio modo di pensare e giudicare, benché contrario alle opinioni degli altri?"</span>
    (2) (a) L'evento di Assisi non è un evento "pancristiano" perchè tutte le religioni compresi i non cristiani e gli atei vi sono invitati; (b) esso non va contro il principio di sussistenza della sola Chiesa di Cristo nella sola Chiesa cattolica; (c) non vi è nessuna intenzione di negoziare o trattare con eguaglianza di diritti con queste altre religioni alfin di creare una Confederazione di religioni (cristiane) ma solo un camminare assieme verso l'unica Verità, come fece Gesù a tempo Suo sulle strade della Palestina prima e dopo la Sua Resurrezione con ogni tipo di interlocutore
    (3) La sua ultima domanda non ha risposta: non c'è nessuna intenzione magisteriale particolare del Papa di cui io sia a conoscenza, in quanto questo di Assisi 3 è un semplice pellegrinaggio sulle strade della vita che noi tutti pellegrini facciamo su questa terra con i nostri compagni di strada atei, infedeli, amici e nemici. Il solo significato "nuovo" che vedo è il desiderio del Santo Padre di rimettere la religione nel gioco della società attuale che vuole eliminarla dal dominio pubblico e ridurla a pura esperienza privata: penso che il Papa ricerchi qui un messaggio comune da trasmettere alla società attuale e cioè che le religioni possono essere un fattore di pace e di stabilità nelle nostre società occidentali. I.P.

    RispondiElimina
  14. cara mic
    e cari bloggers, che vi sentite e vi dite cattolici,
    io voglio farvi una domanda molto, molto  ingenua:
    su questa promessa che leggo, riferita del Papa: <span><span>sempre crederò e confesserò....ecc.</span></span>
    egli sta promettendo di CONFESSARE....ma che cosa, precisamente ?
    se il Papa è Vicario di Cristo, e come tale è il PRIMO SUO TESTIMONE, che nella Chiesa e davanti al mondo intero deve professare la sua Fede, allora potrà e dovrà dire, in quel meeting:
    CREDO IN UN SOLO DIO, PADRE ONNIPOTENTE, CREATORE E SIGNORE DEL CIELO E DELLA TERRA.....
    e tutto il resto del Credo Cattolico che noi, 2 miliardi di cattolici recitiamo ad alta voce in Chiesa ad ogni Santa Messa,  da ben  1978 anni da quando Gesù Cristo Nostro Signore ha fodnato la sua Santa Chiesa, affidandone le Chiavi a S. Pietro, Primo Papa ?
    potrà recitare il CREDO CATTOLICO ad alta voce, davanti ai pagani idolatri ed atei provenienti da tutto ilmondo, per insegnar loro CHI SIA IL VERO UNICO DIO, RIVELATOSI IN NOSTRO SIGNORE, Incarnato, Crocifisso, Morto e risorto per la salvezza di tutti gli uomini ?
    <span> farà a voce alta </span>questa professione di Fede nell'Unico Vero Dio, per portare quelle anime di uomini schiavi del peccato originale a conversione, a chiedere il Santo Battesimo, nel Nome di Gesù Cristo Crocifisso per i peccati del mondo ?
    Ditemi, vi prego :  se non potrà farlo, perchè ?
    CHI O CHE COSA  glielo impedirà ?

    RispondiElimina
  15. Nessuno lo dimentica. Si sta solo rilevando che, essendo le intenzioni del papa chiare, è ovvio che le loro azioni faranno attenzione ad evitare ogni sincretismo. E siccome l'evento ormai si farà, che cosa conviene? Continuare, anche se ben intenzionati, a sbraitare soltanto, oppure darsi da fare, a cominciare dal papa stesso (e lui intende farlo) affinchè Assisi 3 non sfoci nell'eresia, correggendo le interpretazioni sbagliate che sicuramente ci saranno?
    La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni? Certo, ma finché ci sono quelle, la possibilità di rimediare ci sarà sempre.

    RispondiElimina
  16. ancora una domanda MOLTO ingenua, permettemi:
    se uno degli scopi è quello di chiedere la pace al Vero Dio, e sapendo che Gesù è il Principe della Pace, non quella che dà il mondo (o peggio, gli idoli), potrà il Papa fare un'invocazione AD ALTA VOCE a Nostro Signore, Datore della vera pace, e a Maria Ss.ma, Madre di Gesù, e Regina della Pace, alla quale tutta la Chiesa IERI ha rivolto la supplica, quella famosa alla Madonna di Pompei, proprio chidendo il<span> "trionfo della Religione" (l'unica vera, la Cattolica) in tutto il mondo,</span>  vincendo, Lei Vergine potente contro il male, tutte le pesti spirituali e gli errori che ammorbano il mondo e la Santa Chiesa, e interceda presso Gesù Cristo perchè doni al mondo la Sua Pace  ?

    potrà il Vicario di Cristo invocare AD ALTA VOCE, davanti agli idolatri ed atei la Materna intercessione di Maria ss.ma, Mediatrice di tutte le Grazie Divine, compresa la Pace di Cristo sul mondo afflitto ed oscurato da peccati, guerre e ateismo ? invocare Lei, la Corredentrice, che il Signore Gesù Cristo doni la sua Divina Benedizione e la conversione a LUI di tutti quei popoli che giacciono nel buio del paganesimo e dell'ateismo ?
     e ditemi,...se NON POTRA'  fare questa invocazione  AD ALTA VOCE al Vero Dio e alla Sua SS.ma Madre,  perchè ?
    CHI O CHE COSA glielo impedirà ?

    RispondiElimina
  17. <span>...e nel tuo quello di Cesare</span>

    Scusa, potresti dirmi perché?
    Perché non dovrei associarmi alla richiesta di una spiegazione in parole semplici e chiare da parte dei '<span>molti (compresi i sacerdoti che sostengono la necessità di tale evento)'?</span>
    Sono convinto che il Papa si guarderà bene dal rivolgere ai partecipanti un appello alla conversione alla fede cattolica, quindi a che serve?

    RispondiElimina
  18. <span>Penso che questo esperimento non dovrebbe asssolutamente realizzare il superamentoi di cui parli (e così si è voluto sostenere al concvegno),</span>
    <span>Per quanto mi riguarda, dico quello che a me sembra spassionatamente senza 'PIEGARE' LA MIA COSCIENZA A QUELLO CHE VORREI CHE FOSSE.  
    Ebbene, ho l'impressione che a volte il Papa (questo come i precedenti papi post conciliari) dica cose molto cattoliche e poi, nei fatti, le smentisca.   
    Poiché non so cosa ci sia nel suo animo e poiché desidero rimanere in questa Chiesa che sta vivendo il suo Getsemani che però, più che salvarla la soffoca, come dice acutamente mons. Gherardini, perché l'unica Passio che salva è quella di Cristo, sospendo il mio giudizio e vado avanti, continuando comunque a fondarmi sul Magistero di sempre.    
    Ma è un discorso che sento che dentro di me dovrò ancora approfondire e chiarire fino in fondo. Non è facile, ma con l'aiuto del Signore ci riuscirò...</span>

    RispondiElimina
  19. San Paolo: ''Vagliate ogni cosa e trattenete il bello''. Il Papa si è trovato più o meno tra i piedi questa storia di Assisi. Non può (lo di ce lui e mi fido) sbaraccare tutto dall'oggi al domani. Quindi, secondo l'insegnamento di San Paolo, vaglia tutto e cerca di indirizzarlo al meglio. E' ovvio che se si vive il cristianesimo come idologia, facendosi usbergo di questa o quella costituzione, questa o quella enciclica, spesso mal letta e peggio compresa, non si riesce ad andare oltre la sterile ed inutile polemica, che appaga solo la propria voglia di essre sempre arrabbiati.  

    RispondiElimina
  20. Io spero proprio che trovi il modo di farlo perché non basta che abbia scritto ciò che confessa al suo amico luterano.
    Puoi leggere quanto ho scritto più su?

    RispondiElimina
  21. <span>usbergo di costituzione ? usbergo di niente che sia umano:  
    qui si tratto solo di testimoniare Cristo Crocifisso per la salvezza del mondo, a voce alta e chiara, davanti al mondo che non Lo conosce e non crede in Lui unico Vero Dio Trinitario . Far LUCE AL MONDO: Testimoniare Gesù Cristo a voce alta, come hanno fatto i Santi, i Martiri e i Papi Testimoni  =martyres= di tutta la storia  (fino al 1986).  
    Se no, che vuol dire "luce del mondo"  ?</span>
    che cosa impedisce al Papa di portare ad es. un grande Crocifisso per mostrare e insegnare ai pagani CHI E' IL VERO DIO che essi non conoscono, insegnando ciò che Egli ha fatto per loro, e  obbedendo al comando di Nostro Signore:   ANDATE, PREDICATE, BATTEZZATE, fate discepole tutte le genti  ?
    perchè non può fare questo atto in qualità di Pietro Apostolo ? 
    chi glielo vieta ?
    se non vuole o non può farlo, allora perchè la Chiesa si chiama Chiesa Apostolica ?

    RispondiElimina
  22. grazie,  mic, leggerò tutto ....

    RispondiElimina
  23. ma anche la nostra Passione personale è necessaria, Gesù ci chiede di seguirlo sulla Via Crucis, lo chiede ad ogni cristiano, cominciando da Pietro, o no ?  chi vuol venire dietro a Me.....non è S. Paolo che dice: "Completo nella mia carne ciò che manca alla Passione di Cristo" ?  anche S. Paolo è superato, ed è fuori dal discorso Assisi ?
    è  fuori questione  il suo monito  "che c'è in comune tra Cristo e Belial" ? tutto superato, tutto FUORI  da Assisi ?
    ma allora, Assisi, che discorso  è ?
    rientra o non rientra nell'essere fedeli a Cristo ? e come si configura questa FEDELTA'  ?

    RispondiElimina
  24. <span>Caro Cesare,  
    proprio perché ti so attento e fedele a quanto io stessa condivido, questo tuo placet mancato a quel che avevo affermato mi mette in discussione, soprattutto in presenza di un altro...  :) </span>
    Sulla tua conclusione speravo ci si potesse aspettare qualcosa di diverso, invece.

    RispondiElimina
  25. Assisi rientra nell'essere fedeli a Cristo solo nell'ottica che il posto rilevante dato alla piazza pubblica d Giovanni Paolo II (poi forse sfuggitogli di mano) fin dalle prima giornate dipende dal fatto che le religioni non sono solo un fatto privato. E tuttavia occorre fare in modo che non si determinino ambiguità e la nostra Fede venga confessata apertamente, perché non è un optional e, poi, che anche l'informazione corretta trovi adeguata diffusione nelle diverse pubbliche Agorà.
    In fondo non c'era certo bisogno di ripetere Assisi se non, forse, per invertire il senso che ha preso il cosiddetto "spirito-di-Assisi". Ed è in questo che mi sento di dar fiducia al Papa.

    RispondiElimina
  26. <span>Forse è il caso di agitarsi di meno e pregare di più, dando più fiducia a Dio. Troppe maiuscole, troppi grassetti e punti esclamativi. Come si fa a chiedere il significato dell'insegnamento di una cosa, Assisi3, che non è ancora avvenuta, con la presunzione poi di scartare risposte, per altro velleitarie? Qui si chiacchiera su segnali, su paure varie, sulle aspettative... Tutti già sembrano sapere quello che avverrà o non avverrà, in positivo e in negativo. C'è troppa aspettativa nei gesti umani. Si aspetti e poi, a bocce ferme, si potrà dare un giudizio pacato. Tanto non è Assisi3 che risolverà o aggraverà la crisi della Chiesa. Questa è l'unica cosa certa.  </span>

    RispondiElimina
  27. Ospite parla di Assisi3 come se non avessimo sulle spalle l'eredità di 25 anni dello "spirito di Assisi" !
    La sola interpretazione, fino ad ora, di Assisi é quella che condivide più dell'80% della Chiesa nel mondo: IL SINCRETISMO!

    Provate a chiedere a un vescovo francese, tedesco... cos'é per lui Assisi.

    RispondiElimina
  28. Poirot, stai ignorando il cambio di direzione che il Papa dichiara di voler imprimere.
    Credo che davvero dobbiamo aspettare che l'evento si combia per verificare se il cmbiamento che si vuole imprimere sia quello che tutti vorremmo!

    RispondiElimina
  29. <span>Cara mic, </span><span>il "cambio di direzione" ecumenico l'ho già visto abbastanza a Erfurt : é una retta che va all'infinito.</span>
    Diciamo che se Assisi3 non sarà troppo male saremo forse  solo 1-1 con Erfurt.

    <span>Quindi anche se ho detto "fino ad ora" per fare il bravo mi aspetto sempre che :
     
    1) si sconfessino i primi 2 Assisi come gravissimi errori classificandoli una volta per sempre tra i momenti più bui del cristainesimo  
    2) si celebrino messe VO di riparazione su tutti gli altari della basilica  
    3) si lodi pubblicamente Maria chiedendole la conversione dei pagani durante Assisi3</span>

    RispondiElimina
  30. ho la netta sensazione che tanta gente qui vuole

    * chiudere un occhio per non vedere la realtà oggettivamente disatrosa di Erfurt
    * spalancare l'altro per vedere la fanta-realtà (tanto sperata ma ancora immaginaria) di un Assisi3 non troppo disastroso.

    RispondiElimina
  31. Insomma e con parole povere, spero non irrispettose, è un pò come se il Papa dicesse: personalmente avrei fatto a meno di andare a Assisi, ma dal momento che in ogni modo (dunque inevitabile)quell`anniversario doveva essere commemorato=festeggiato (che cosa ci sia da festeggiare non lo so ma transit) tanto vale che sia io a prendere le cose in mano e tentare di dare la direzione che voglio, a dire il vero il Papa è meno affermativo perche dice "per poter provare", non sembra poi così sicuro del risultato ma ci proverà, possiamo essere certi che farà, come lo scrive, "di tutto affinchè sia impossibile un interpretazione sincretista o relativista dell`evento".
    Wait and see dunque, se ho fiducia nel Papa ne ho nettamente meno nei media internazionali, e spero anche che gli organizzatori locali non saranno i primi a tradire le direttive e intenzioni del Papa.
    Comunque Assisi3 è e resta un evento ad alto rischio di ripercussioni negative, non sentiamo il bisogno di un surpiù di confusione, relativismo e sincretismo, ma dal momento che comunque avrà luogo è il tempo di pregare e affidare il Papa e le sue intenzioni alla Vergine Santissima.

    RispondiElimina
  32. ...poi c'é anche il problema di sapere se il papa pensa anche lui che tutte le preghiere salgono gradite a Dio (cioé l'Assis3 alla padre Cavalcoli)
    che nella situazione in cui siamo é una posizione purtoppo vista come molto conservatrice. AIUTO !

    RispondiElimina
  33. <span>ma il papa non puo' continuare a incensare la santa collegialità del santo concilio e poi dire candidamente provero' <span>"</span><span>di tutto affinchè sia impossibile un interpretazione sincretista o relativista dell`evento</span><span>"  
    </span>  
    Il papa é il monarca ASSOLUTO della Chiesa secondo il magistero infallibile anti-CVII.  Lui deve DIRE COSA FARE , non tentare di correggere il tiro delle centinaia di insubordinati che gli disubbidiscono !  
    Questo é amare il papa, essere con lui, questo é il vero Ubi Petrus Ibi Ecclesia: chiedere al papa di tornare, dopo 50 anni, a fare ancora </span><span>il papa !</span>

    RispondiElimina
  34. La teologia del Federalismo della Salvezza !!!!

    RispondiElimina
  35. continuità del concilio3 ottobre 2011 14:52

    "dare fiducia a Dio" non si può tradurre col calpestare il I e sommo Comandamento:
    IO SONO IL SIGNORE DIO TUO: NON AVRAI ALTRO DIO FUORI DI ME.
    Altrimenti, se uno bypassa il I comandamento, restando in silenzio davanti agli idolatri, è  = chi tace acconsente.
    E allora, chedere aiuto a Dio nel tacerLO, nel dis-conoscerLO, significa  TENTARE DIO !  cioè buttarsi dal pinnacolo nel buio della non-fede e poi superbamente, con pretesa inaudita, dire a Dio: Adesso manda i tuoi angeli a risolvere questa situazione ! ....
    esattamente come la tentazione di Nostro Signore nel deserto :
    bella roba ! Gesù Cristo ha cacciato via satana che gli proponeva quella tentazione !

    RispondiElimina
  36. Voi siete il sale della terra; ora, se il sale diviene insipido, con che lo si salerà? Non è più buono a nulla se non ad esser gettato via e calpestato dagli uomini.
    Voi siete la luce del mondo; una città posta sopra un monte non può rimaner nascosta; e non si accende una lampada per metterla sotto il moggio;
    anzi la si mette sul candeliere ed ella fa lume a tutti quelli che sono in casa.
    (Matteo 5:14-15)
    <span>
    </span>
    Ma a chi gliene frega ancora in Vaticano di cosa dice il Vangelo ??? ormai la Chiesa pensa come il mondo e come gli uomini...

    RispondiElimina
  37. continuità del concilio3 ottobre 2011 15:02

    senta, ospite, visto che a lei danno fastidio le maiuscole io glielo chiedo senza grassetto:  un papa deve essere Vicario che fa l'Apostolo e testimone di Cristo  (posso usare la maiuscola per Nostro Signore oppure no?....)
    o uomo politico come tanti potenti terreni,  che mette in un cantuccio la sua Fede  (o fede)  per politico rispetto verso i diversi, cioè gli adoratori di belial ?
    siccome qualcuno ripete che  >> lo scopo di Assisi3 sarebbe quello di  contrastare   coloro  che vogliono relegare la fede nel privato, allora  perchè  il papa deve  tacere -quindi lasciare privata- proprio la fede cattolica  ?  ma non vi accorgete della folle contraddizione:  si vuole rendere pubblica la fede cattolica, in che modo ? silenziando  il suo fondamento
     e fondatore, cioè proprio col tacere  il Nome di Gesù Cristo  ?
    ma siamo dunque alla follia totale, sempre per adorare il dio-concilio ?

    PS lei non ha mai fatto l'insegnante, altrimenti capirebbe lo scopo delle evidenziazioni usate da qualcuno, a vantaggio di chi non riesce proprio a vedere le cose  evidenti come il sole  !

    RispondiElimina
  38. continuità del concilio3 ottobre 2011 15:07

    poi , chi dice "zitti...silenzio, bboni... non vi agitate, tutto OK...." mi fa sempre l'effetto di quelli che, mentre l'aereo precipita (o le Twion-towers)  si sentono dire dalle fvarie hjostess: "allacciate le cinture e state calmi...tutto OK!....vietato guardare fuori dall'oblò....o dalle finestre !...volete una bibita ' patatine...? e vai, pensaimo alla salute (del corpo of course), finchè c'è...musica, maestro ....."

    RispondiElimina
  39. continuità del concilio3 ottobre 2011 15:08

    <span>poi , chi dice "zitti...silenzio, bboni... non vi agitate, tutto OK...." mi fa sempre l'effetto di quelli che, mentre l'aereo precipita (o le Twin-towers)  si sentono dire dalle varie hostess: "allacciate le cinture e state calmi...tutto OK!....vietato guardare fuori dall'oblò....o dalle finestre !...volete una bibita ' patatine...? e vai, pensiamo alla salute (del corpo of course), finchè c'è...musica, maestro ....carpe diem....."</span>

    RispondiElimina
  40. la lettura di Mortalium Animos è quella di uno che NON la ha letta (o di uno che la vuole distorcere a piacimento)

    RispondiElimina
  41. dunque:....LE   religioni  false e idolatriche sarebbero  un fattore di pace e di stabilità....

    davvero ? e da quando in qua ?
    ma allora a che serve  la pace di Cristo, quella che Lui stesso annuncia così :
    vi lascio la MIA pace, vi dò la MIA PACE;  NON come la dà il mondo, IO la dò  a voi     ?

    Assisi3, se questa è la sua impostazione, finalizzata a chiedere la pace alle varie false religioni, dimostra di NON AVER ALCUN BISOGNO DI CRISTO SALVATORE DEL MONDO;  dichiarerà coi fatti - con le immagini , con tutto l'apparato e la scenografia multicolorfolk- di poterne e volerne fare a meno.
    Come   ? semplice:   tacendolo.
    Come quando Pietro alla domanda rivoltagli da quelle persone, rispose : non LO conosco.
    E Assisi 3 sarà la III volta che Pietro mostrerà di non conoscerLO.
    E comincerà  la Via Crucis del Corpo Mistico.

    RispondiElimina
  42. <span><span><span> si sconfessino i primi 2 Assisi come gravissimi errori classificandoli una volta per sempre tra i momenti più bui del cristainesimo    </span></span>  
     
    questo sarebbe un segno di vero pentimento e di conversione, cioè di voler tornare sui passi sbagliati, al punto GIUSTO E VERO dal quale ci si è allontanati,  cambiando strada, uscendo dalla Strada Maestra per andare a perdersi in una terra  "senza nome" , terra di  nessuno creduta "terra promessa", un folle miraggio !  
    ma come in ogni vero pentimento , sarebbe necessario chiamare l'errore col suo giusto nome, ovvero "peccato" : peccato contro Dio che si è rivelato a noi 2011 anni fa nel Suo Figlio Dilettissimo, fatto UOMO per la nostra salvezza; peccato di aver fatto finta di non conoscerlo, invece di annunciarlo a tutto il mondo, come LUI aveva comandato.  
    Ma poichè quel gesto errato e ingiusto verso Dio è stato compiuto da un Papa già proclamato beato, come può ora la Chiesa sconfessarlo ? ecco che allora Assisi3 non farà altro che SANTIFICARE quell'errore, come atto di un Beato, quindi lo ripeterà e mostrerà come atto venerabile.  
    Il Papa attuale non può sminuire o smentire la<span> luce </span>di beatificazione del suo predecessore, dunque lo elogerà  e  confermerà nella "bontà" di quell'atto, rendendogli omaggio, non certo contraddicendolo.  
    Semplicemente e verosimilmente non potrà che essere così.</span>

    RispondiElimina
  43. Omelia di Benedetto XVI incontro Ecumenico (Erfurt, 23 settembre 2011)  http://it.gloria.tv/?media=198169

    ha parlato tanto del grande dono dell'unità,
    ha parlato dell'importanza dell'uomo
    ha parlato dell'unione lurterano-cattolica nella profonda fede comune
    ha parlato dell'importanza della solidarietà tra gli uomini
    ha parlato della difesa della dignità dell'uomo
    ha ringraziato lo stato tedesco per l'impegno nel garantire la pace,
    ha ringraziato il card. Lehmann (vedere colonna a destra) per aver aperto la via dell'ecumenismo con i luterani tedeschi
    ha parlato del compito comune di testimoniare insieme il dio vivente (chiaramente con GEsu' <span>ma senza Maria e senza i Santi</span> )
    ha chiesto di pregare per fortificarci a vicenda nella fede (cio' chi non ce l'ha la fede fortifica chi ce l'ha ???)
    ha parlato indistintamente di noi cristiani per indicare lurterani + cattolici
    ...

    e ovviamente non ha citato una sola volta la Mediatrice di tutte le grazie, la Regina degli Angeli e del Paradiso,
    Maria: la creatura che da sola ha più perfezioni che il più elevato degli angeli...

    ... ma dove credete che stiamo andando con questi discorsi ?????   nel baratro,  senza Maria si puo' andare solo nel baratro.

    RispondiElimina
  44. <span><span><span>senza Maria la Chiesa puo' andare solo nel baratro ... </span>    
    <span>e sono 50 anni che per le migliori ragioni ecumeniche Maria resta in panchina (o meglio in tribuna, non convocata...)  </span></span>  
     
    e siamo qui a sperare che un convegno (nel quale neanche qui si cita Maria) possa rendere buono un Assisi3
    che sarà per validissime ragioni diplomatiche ancora una volta SENZA LA MADONNA !!</span>

    Un contadino del 17° secolo sarebbe bastato per farvelo capire : dove non c'é Maria, non c'é Chiesa.

    RispondiElimina
  45. prima del concilio avevamo cristiani che smettevano di esserlo se rinunciavano a un solo articoletto di fede.
    oggi abbiamo padri e fratelli maggiori che negano la divinità di Gesu' Cristo e fratelli lutertani-ma-cristiani che non sono più figli di maria.

    RispondiElimina
  46. detto molto sottovoce, ma vi rendete conto che sono ormai anni che ripetete sempre le solite cose tra le solite persone, con le solite lamentele, le solite citazioni, i soliti autori, le solite rivelazioni apocalittiche, e in più credete anche di essere gli unici veri cristiani, mentre papi, vescovi, preti, teologi, e presumo la gran massa dei fedeli avrebbero smesso di esserlo? Siete così superbamente sicuri di conoscere, voi soli, Cristo, da far dubitare che alla fine Cristo  riconosca voi.

    RispondiElimina
  47. Luisa? No, Stanislao Mounlinsky3 ottobre 2011 19:08

    Ancora una volta il mio ineffabile concittadino ci ammanisce i suoi inutili ammaestramenti pieni di supponenza. Il solito atteggiamento sornione e inultante, sempre al riparo dagli interventi della Redazione, che evidentemente ha deciso di non censurarlo mai. Parla di approccio razionale, quando non sa dove la ragione stia di casa. Di quale magistero sta parlando? Certo non di quello della Chiesa cattolica... ... ... ;)

    RispondiElimina
  48. Stanislao Mounlinsky3 ottobre 2011 19:10

    <span>mi turba che nel mio intervento ci sia il placet di Simon de Cirène e nel tuo quello di Cesare</span>

    Per la serie: non abbiamo pregiudizi!

    RispondiElimina
  49. Stanislao Mounlinsky3 ottobre 2011 19:18

    Ma caro Scoto, sono persone di fede, loro. Credono profondamente... di essere cattolici. Peccato che tra l'esserlo e il credere di esserlo ci sia un piccolo oceano. Ma non importa. Credono profondamente... di averlo da varcato una volta per tutte. Che ci vuoi fare, sono contenti così, e alla fine non fanno male a nessuno, fuorché, forse, a se stessi.

    RispondiElimina
  50. grazie amici, che avete capito tutto, avete capito ognuno di noi al punto da credere che siamo tutti uguali (ma almeno le discussioni che ci sono un dubbio dovrebbero mettervelo). E soprattutto, caro Scoto, caro Satanislao, grazie di esistere, i veri cattolici siete voi. Scusate, mi faccio piccolo davanti alla pienezza di grazia e divinità che è in voi, venuti a giudicare i vivi e i morti. Beneditemi, vi prego

    RispondiElimina
  51. Scusate a che categoria magisteriale appartiene la lettera privata del Papa a un pastore luterano? è necessaria, sufficiente, superflua a spiegare un evento pubblico come Assisi? se l'avesse sussurrato al segretario che valore magisteriale avrebbe avuto? Simon e altri esperti del magistero certamente me lo spiegheranno

    RispondiElimina
  52. <span>cari cattolici (sedicenti) , qual è il fastidio che vi dà  Maria SS.ma Regina del Cielo e della terra e Madre della Chiesa ?  
    vogliono scartare Lei, come scartarono Gesù: Ella precede il Figlio Divino nell'essere pietra scartata dai costruttori del NUOVO MONDO fraterno-religioso del  "dio comune"  !  
    non vi rendete conto che vogliono costruire una nuova Chiesa dove non si venerano nè la Madonna nè i Santi e dove un giorno sarà abolito il SS.mo Sacramento dell'altare, perchè è il grande OSTACOLO alla fraternità universale: infatti quale comunione c'è tra cattolici e luterani,  che rifiutano la Presenza REale di GEsù e disprezzano la Santa Messa Cattolica (di sempre), oltre a disprezzare e rifiutare la MADONNA E LA COMUNIONE DEI SANTI  ?   
    ...certo, quella Messa riformata NO gli va anche bene, certamente, lo dissero subito, appena fu "fabbricata", ricordate le felicitazioni di vari esponenti del protestantesimo?....e visto che piano piano farà perdere la vera Fede ai cattolici, e allora gli è congeniale,  la si potrà celebrare in comune, con riti catto-luterani, come già accade in alcune chiese: cercate e ne vedrete i primi esempi, dato che anche le nostre messe sono diventate allegre cene tra amici.  
    Ecco   ormai chiaro e lampante il motivo per cui le gerarchie della Chiesa hanno rifiutato dal 1960 di divulgare al mondo intero ed eseguire la richiesta di Maria SS.ma, che chiedeva l'estensione della devozione nel mondo a Lei e il Trionfo del suo Cuore Immacolato, previa consacrazione a Lei della Russia, che era Volontà precisa del Padre Celeste Onnipotente;  
    ma no,...impossibile !  non si poteva contrastare l'ost-politik, già nel concilioV2, ed ecco perchè i papi  misero a tacere i contenuti di Fatima e scelsero l'ecumenismo, i  cui felici   approdi sono questi , dopo 50 anni di dialogo onni-inclusivo, eccoli: perdita dell'identità cattolica e  fraternità mondiale della  ONU-religions indifferenziata !   
    Ed ecco perchè S. Massimiliano Kolbe disse, nel 1917 :   L'ecumenismo  è il nemico dell'Immacolata .  
    E' tutto chiaro.</span>

    RispondiElimina
  53. e vai ... mi scuso allora con Scoto, sarà anche un mio limite ma credo sempre che nessun Papa si sarebbe mai sognato di dire quello che ha pronunciato BXVI a Erfut.
    Lutero uno che ha devastato l’Europa con le sue false dottrine, uno che fu condannato infallibilmente come eretico
    per preservare la verità del cattolicesimo e continuare cosi' a salvare le anime <span>é oggi diventato un riformatore!</span> 

    scusi sa ma dopo questo non ho più voglia di parlare di Assisi: per me Assisi3 c'é già stato a Erfurt ... non vedo cosa si possa fare di peggio.

    RispondiElimina
  54. bene! primo timido passettino, vedremo comunque il ruolo che avrà Maria a Assisi... siamo in ritardo sparatissimo.

    RispondiElimina
  55. ma dica, sig. Stanislao, che straparla di oceani....
    dica se un cattolico può essere tale senza venerare la Madonna !  Lutero, grande maestro di spiritualità, venerava la Madonna e i Santi  ? per lei, chi è Maria Ss.ma, una statuina che sta lì sul comò ? ...o una donna delle fiabe antiche, narrate dalle nonne nelle sere d'inverno ?
    O è la Madre di Dio e dell'intera Chiesa, i cui figli Ella soltanto genera  come generò Nostro Signore ?
    Lo sapete che non si va a Gesù Cristo  senza Maria SS.ma, per precisa volontà del Salvatore stesso sulla Croce  ?
        e Lutero, cari bloggers gonfi di superbia,   adorava Gesù nel tAbernacolo ?
    I luterani adorano Gesù Cristo Presente nell'Ostia Consacrata, prima durante e dopo la Santa Messa ?

    RispondiElimina
  56. <span>A Erfurt il cardinale tedesco Kasper, presidente del Pontificio consiglio per l’unità dei cristiani spiega:  
     
    "Da Lutero abbiamo molto da imparare, a cominciare dall’importanza attribuita alla parola di Dio.  
    (come se la messa NO da 50 anni non avesse già dato fin troppa importanza alla Parola che ha pure elavato a Liturgia... ) 
    Da tempo nella Chiesa cattolica si sta affermando una visione più positiva,  una concezione meglio articolata di Lutero
    come figura che ha anticipato aspetti che la Chiesa ha nel tempo riscoperto e inscritto nel proprio percorso"
     
     
                                                                                        ... per vomitare seguire la freccia             >></span>

    RispondiElimina
  57. Simon de Cyrène3 ottobre 2011 20:04

    <span> :-D </span> :-D <span><span> :-D  per un istante ho creduto che fosse l'"originale". Ottima parodia</span></span> :)    Grazie!  I.P. 

    RispondiElimina
  58. Temo che il "successo" che i mezzi di informazione ricosceranno all'evento sarà usato dai modernisti per colpire noi tradizionalisti e relegarci una volta di più in un angolo. Noi veri fedeli dovremmo invece manifestare vigorosamente contro Assisi III, recandoci lì e facendo sentire la nostra voce. Cristo ci guiderà nella nostra battaglia. Non farlo significa solo essere dei pavidi e dei complici.

    RispondiElimina
  59. Simon de Cyrène3 ottobre 2011 20:10

    Continua pure a fare il furbo hpoirot: intanto i tuoi capi ti stanno (alquanto fumosamente nel discorso ma chiaramente nel fine) spiegando che firmeranno il preambolo dottrinale
    http://laportelatine.org/international/maison/communiques/pfluger111002/rome111002.php
    Preparati a convertirti volens nolens come ai tempi di Carlo Magno. ;-)  I.P.

    RispondiElimina
  60. Simon de Cyrène3 ottobre 2011 20:14

    Indubbiamente se lei ci va a manifestare con un bel gruppo di mardunolbi e altri cesare e hpoirot senza dubbio alcuno i mezzi di informazione non vi relegheranno in un angolo, anzi! E i modernisti non oseranno mai più colpirvi, di certo. Lei ha capito tutto, si vede e si sente!  :-P   I.P. nonetheless

    RispondiElimina
  61. <span><span><span>aspetti che la Chiesa ha nel tempo riscoperto e inscritto nel proprio percorso"    </span></span>  
     
    credo che gli aspetti che la Chiesa Cattolica ha riscoperto siano questi, che il papa ha detto a Erfurt:  
    ...Ed è un omaggio storico, quello di Benedetto XVI, che di Lutero elogia «la passione profonda, molla della sua vita e dell’ intero suo cammino» per «la questione su Dio», aggiunge che «il suo pensiero, l’ intera sua spiritualità era del tutto cristocentrica», spiega che «la sua scottante domanda: come mi trovo davanti a Dio?» deve «diventare di nuovo, e certo in forma nuova, anche la nostra domanda».  </span>
    <span>.....</span>
    <span>diventare<span> di nuovo </span>la nostra domanda ? ma i Santi in 2000 anni, quale domanda si facevano nel loro cuore davanti a Gesù Crocofisso  ? 
    allora dobbiamo imparare a pregare da Lutero la spiritualità cristocentrica, e non dalla Madonna e dai Santi di 2000 anni ?  ? come mai quest'uomo che aveva Gesù al centro del suo cuore ha detto quella bellissima definizione della Santa Messa istituita da Nostro Signore, definizione  immortalata nei libri di storia  qui seg. ?  
    Io dichiaro - scrive lutero nell’Omelia della I di Avvento - che tutti i postriboli, gli omicidi, i furti, gli assassinii e gli adulteri sono meno malvagi di quell’abominazione che è la messa papista” .  
    E nel “Contra Henricum”: Quando la messa sarà distrutta, penso che avremo distrutto anche il papato... Infatti il papato poggia sulla messa come su una roccia. Tutto questo crollerà necessariamente quando crollerà la loro abominevole e sacrilega messa”.  
    -----------  
    Uno che dice di avere "fede" e che ha Cristo al centro del suo cuore parla così della Divin Liturgia, dove Gesù è Sacerdote e Vittima perfetta ? ?  
    Servito, il Maestro spiritual-Lutero ! servito nel suo AUSPICIO  e vaticinio, di tutto punto, su un vassoio d'argento, dalla riforma liturgica postcv2, in poi, con un crollo a precipizio (osservato e denunciato in anni passati dallo stesso card. Ratzinger,  e questo è il tragico mysterium della situazione in atto.........);  
    prima lenta frana della Fede-Dottrina-Liturgia, ora crollo verticale, tale che  i cattolici al 99%  non sanno più che vuol drie questa parola, e  la applicano a tutti gli eretici, kiko in primis !  
    servito fino a questo punto, in avveramento progressivo, dal 1960 in poi (fenomeno osservabilissimo da noi con rilievi continui, negli ultimi anni):  
    Infatti il papato poggia sulla messa come su una roccia. Tutto questo crollerà necessariamente quando crollerà la loro abominevole e sacrilega messa”.</span>

    RispondiElimina
  62. So per esperienza personale che in America Latina abbiamo mantenuto la Vera Fede fin quando c'è stata la volontà di opporci al modernismo e alle idee balzane che dei senza Dio volevano contrabandare per carità cristiana. Quando abbiamo mollato la presa c'è stato lo sfacelo che è sotto gli occhi di tutti. Questi sono fatti, non chiacchiere di sacrestia.

    RispondiElimina
  63. non hai capito proprio niente... come se mi dispiacerà criticare pesantissimamente (per non dire sputare sul) CVII da dentro !

    RispondiElimina
  64. sempre  meglio, hpoirot, ahinoi, da una scoperta alla'altra......ma siamo nelle mani di Dio e Lui certo ancora permetterà che lo sfacelo giunga al suo culmine;  questo è il castigo annunciato a Fatima, come lamentò San P. PIo:  il crollo della Fede. la perdita di tante anime e di tanti sacerdoti.....
    ....e come  ripeto spesso,  credo proprio che il carrozzone-postcv2 debba arrivare fino al fondo della china, prima che giunga il pietoso soccorso dell'Onnipotente, per l'intercessione dei Maria SS.ma, e possa iniziare la risalita , la riabilitazione e purificazione della Sua Chiesa. Per ora è discesa a rotta di collo nel baratro.
    Si avverereanno così tutte le profezie, dall'A.T. , al N. T., a S. Paolo, fino a quelle moderne, specie la visione della B. Emmerich:
    <span>“Vidi una forte opposizione tra due Papi… e vidi quanto funeste sarebbero state le conseguenze di quella falsa Chiesa… Essa diventava sempre più grande; eretici di ogni sorta arrivavano alla città di Roma; i chierici accrescevano il proprio lucro, vi era una grande oscurità... Vidi che la Chiesa di Pietro veniva minata dal piano di una setta”.
    “La Chiesa si trova in grande pericolo. Dobbiamo pregare perché il Papa non vada via da Roma, verranno mali innumerevoli se lo fa… Quando sarà prossimo il regno dell’Anticristo, comparirà una religione falsa che andrà contro l’unità di Dio e della sua Chiesa. Questo causerà il più grande scisma mai visto nel mondo”.
    ....Era come se la gente fosse divisa in due fazioni..... ”
    “Vidi che un certo numero di pastori accettavano idee pericolose per la Chiesa. Costruivano una grande, strana e stravagante Chiesa. Chiunque veniva accettato a fine di unirsi e avere gli stessi diritti: evangelisti, cattolici, sette di qualunque credo. Tale doveva essere la Nuova Chiesa... ma Dio aveva altri progetti...”
    “Vidi un’altra volta quella enorme e strana chiesa che veniva costruita là, in Roma. Non vi era in essa nulla di santo. Vidi questo, ma anche un altro movimento guidato da ecclesiastici, al quale collaboravano Angeli, Santi e altri Cristiani.”
    “Ma lì, nella strana grande Chiesa, tutto il lavoro veniva fatto meccanicamente secondo regole stabilite e formulate. Tutto era fatto secondo l’umana ragione... </span>
    <span>Vidi ogni sorta di gente, di cose, dottrine e opinioni. Vi era un certo orgoglio, presunzione e violenza, e sembravano riuscire in tutto. Non vidi nemmeno un Angelo, e neppure un Santo aiutando in quel lavoro. Ma nel più profondo del sottosuolo, vidi un popolo selvaggio armato di lance, e una figura che rideva e diceva: “Edificatela il più solido che potete, che noi la distruggeremo”.</span>
    <span> Vidi ancora la nuova e disordinata chiesa che cercavano di costruire...</span>
    <span>* * In essa non vi era nulla di santo. C’era gente che ammassava il pane in una cripta sotto quella chiesa; ma non avrebbe lodato, né ricevuto il Corpo di Nostro Signore, soltanto sarebbe stato pane. Quelli che erano nell’errore, involontariamente, e quelli che piamente e ardentemente attendevano il Corpo di Cristo, sarebbero stati consolati, ma non per mezzo dell’Ostia.** </span>
    <span>Allora la mia Guida (Gesù) disse: “Questo è una Babele”. Vidi cose deplorevoli: vidi gente che [...]

    RispondiElimina
  65. mi dà molto da pensare quella frase che ho messo tra **...
    ma mi conforta la parte finale:
    <span>“Tempi assai cattivi verranno quando i non cattolici porteranno molta gente per la via del male. Ci sarà molta confusione. Vidi una battaglia. I nemici erano superiori in numero, ma il piccolo esercito di fedeli sconfiggeva intere file di soldati nemici. Durante la battaglia, <span> la Vergine Benedetta restava in piedi su una collina, indossando un’armatura. Fu una terribile guerra</span>. Alla fine, soltanto pochi giusti sopravvissero, ma di essi fu la vittoria.”</span>
    LA CHIESA RISULTERÀ VITTORIOSA, RINFORZATA E PIÙ CHE MAI GLORIOSA.
    <span>“Ero così angosciata, che piangendo implorai misericordia a Gesù.</span>
    ** <span>Egli disse, tra le altre cose, che il trasferimento della Chiesa da un posto ad un altro sarebbe sembrato il segno della sua completa disfatta, ma che di nuovo si sarebbe rialzata. E che, anche se fosse rimasto un solo cattolico, avrebbe conquistato tutto, perché non è fondata su consiglio né su intelligenza umana”. **
    “Quando la Chiesa sarà distrutta nella maggior parte dalla setta segreta e quando solo il santuario e l’altare saranno rimasti in piedi, i demolitori entreranno nella Chiesa con la Bestia. Dopo trovai una donna di nobile aspetto, che camminava piano, il che mi fece pensare che fosse incinta. Nel vederla, i nemici furono preda dal terrore e la Bestia non riuscì a fare un solo paso avanti. Allungò il suo collo, come se stesse per divorarla, ma la donna si prostrò davanti all’Altare, toccando con la fronte il pavimento. La Bestia fuggì volando verso il mare, un’altra volta, e i nemici furono abbandonati in una grande confusione. A grande distanza si avvicinava una grande legione, a capo della quale veniva un Uomo cavalcando un cavallo bianco. Tutti i nemici furono perseguitati. Immediatamente, la Chiesa fu ricostruita e fu più magnifica di quanto fosse mai stata”.</span>

    RispondiElimina
  66. Magari con i fucili dell'esercito e i machete degli squadroni della morte

    RispondiElimina
  67. Roberto Martelli4 ottobre 2011 00:17

    Ma va là! I potenti della terra, con le loro divisioni economiche e massmediatiche, con i loro mercenari ed i loro lacchè, saranno con voi ad Assisi a celebare la pace senza Cristo

    RispondiElimina
  68. No, cara Mic. Lei non ha affatto spiegato perché BXVI deve commemorare l'evento di Assisi. Ha solo detto che è plausibile che voglia servirsene per ricondurlo su un alveo non ambiguo. Per sciogliere le ambiguità poteva scegliere un'altra modalità non ambigua. Resta la domanda: Perché si DEVE commemorare?

    RispondiElimina
  69. Dice cose cattoliche? E poi le smentisce? Scusi se è poco! Per fortuna che deve confortarci nella fede. Sarebbe meglio tacere del tutto senza contraddirsi. Per forza che il gregge è sbandato. Comunque ha ragione in una cosa: fondarsi sul Magistero di sempre per restare nell'unica vera Chiesa.

    RispondiElimina
  70. Rimettere la religione nel gioco della società...
    Quale religione? Le ha invitate tutte!

    RispondiElimina
  71. La teoria del pancristianesimo andava di moda solo al tempo della "Mortalium animos"? Non è forse sempre più diffusa l'idea che tutte le confessioni cristiane si equivalgano? Certamente a parole gli ultimi papi non l'hanno detto, ma coi fatti sì.

    RispondiElimina
  72. Giovanni XXIII non ha forse dissuaso alcuni giovani greci e ortodossi che volevano convertirsi al cattolicesimo? Benedetto XVI ha forse invitato i luterani a convertirsi? Lui che esplicitamente ha detto di condividere in pieno la teoria dell'unità nella diversità di Oscar Cullman?

    RispondiElimina
  73. Il cardinal Ratzinger non disse forse al pastore Paolo Ricca che condivideva il progetto di una chiesa futura che comprendesse tutte le denominazioni cristiane? Evitò astutamente di usare il termine già condannato di "Confederazione cristiana", ma la ricetta conteneva gli stessi ingredienti.

    RispondiElimina
  74. Simon, Simon, Simon:
    convértere ad Dòminum Deum tuum.
    Sei in mala fede.

    RispondiElimina
  75. Preghiamo e preghiamo molto per il Papa, perché si ricordi dei giuramenti pubblici che ha fatto e si dimentichi delle sue idee personali.

    RispondiElimina
  76. Sì certo, aspettiamo. Però finora alle dichiarazioni non hanno mai seguito le dimostrazioni.
    Continuiamo a pregare.

    RispondiElimina
  77. Purtroppo semplicemente e verosimilmente non potrà che essere così.

    RispondiElimina
  78. Chissà perché a nessun Papa è venuto in mente di commemorare lo schiaffo di Anagni, o il sacco dei Lanzichenecchi, o la deportazione di Pio VI, o la fuga a Gaeta?

    RispondiElimina
  79. Ierusalem, Ierusalem,
    convertere ad Dominum Deum tuum.

    RispondiElimina
  80. Splendido! Non è difficile capire qual è la falsa e nuova chiesa e quale sia il movimento guidato da ecclesiastici che le resiste e alla fine la vince.

    RispondiElimina
  81. Infatti: chi pagherà Assisi III se non i potenti della terra?

    RispondiElimina
  82. <span>Ha mai letto l'episodio della barca nella tempesta, di Cristo che dorme e degli Apostoli, agitati come non mai? Sta nel Vangelo.  
     
    P.S. Sono insegnante, e  quando i "miei" rozzi adolescenti usano le maiuscole, sottolineano e fanno tutto il resto, suggerisco loro di usare  la forza dell'argomentazione per persuadere,  piuttosto che urlare graficamente in maniera scomposta. E' molto più convincente, anche perché il sole non è sempre evidente per tutti. C'erano quelli che non credevano neanche davanti a chi risuscitava i morti.  Allora, strillare le verità, reali o presunte, talvolta serve a poco. Ma mi pare che  Lei ami di più la parte del maestro in cattedra, più che quella dello scolaretto.  
     
    A proposito del dio-concilio, lo si può idolatrare in tanti modi: anche vedendolo come il male assoluto e matafisico, come fanno Lei e molti altri qui. Io cerco di leggerlo criticamente nell'ambito di tutta la storia della Chiesa, e talvolta non convince. Saluti.</span>

    RispondiElimina
  83. Roberto Martelli4 ottobre 2011 10:28

    Pulchra ut luna, electa ut sol, terribilis ut castrorum acies ordinata (Ct 6,9)

    RispondiElimina
  84. Stanislao Moulinsky4 ottobre 2011 11:14

    Ebbene sì, maledetto Carter/Luisa, hai vinto anche stavolta!

    Ha ragione, Luisa. Pensi che quando ho scritto "sornione" mi sono proprio detto: questo Luisa non l'ha mai utilizzato, è un elemento di novità: spero che adesso tra gli altri capi d'accusa non si aggiunga pretestuosamente quello di modernismo. *DONT_KNOW*

    Comunque Luisa e Simon, è brutto vedervi litigare sul piano personale. Secondo me alla fin fine davanti a una bella fondue o a una cioccolata calda con panna riuscireste a dialogare amabilmente, pur nella divergenza di opinione su alcuni punti specifici. Vogliatevi bene, e Stanislao non potrà che esserne felice.

    RispondiElimina
  85. Stanislao Moulinsky4 ottobre 2011 11:21

    P.S. I post di Simon tendo a non leggerli, perché sono troppo lunghi.

    Simon, da Luisa puoi imparare il dono della sinteticità. Molto meglio trenta interventi disseminati qua e là, magari sotto forma di ultima parola, invece di due o tre lenzuolate piene di neretti e sottolineature. Ma se non spiego a fondo, poi mi dicono che non argomento, dirà lei. Vabbè, ma lei crede davvero che a chi sta fieramente attaccato alle barricate importi alcunché di qualsiasi altro argomento all'infuori dei propri? Non faccia come la Caterina, che dice anche cose interessanti e intelligenti, ma in confezioni formato famiglia.

    RispondiElimina
  86. Stanislao Moulinsky4 ottobre 2011 11:28

    Ooohhh, memory. Su, non faccia così. Mica ho detto che Lutero è cattolico. E tanto meno ho detto che non bisogna venerare la Madonna! Certo non basta venerare la Madonna per dirsi cattolici, ma non si può essere cattolici senza venerare la Madonna. Su, si calmi, memory, faccia una decina di respiri profondi... ecco... così... uno... due... tre... ... vede che si sente già meglio?

    Solo Dio legge nei cuori e solo lui sa chi, al di là delle parole e degli atti verificabili, come direbbe il compianto Pastorelli, in foro esterno, solo lui sa chi è ortodosso e chi no, chi crede rettamente e chi no.

    RispondiElimina
  87. hpoirot, fatti un giretto a Sarsina4 ottobre 2011 11:30

    Sputi solo saliva o anche vomito verde e gomitoli?

    RispondiElimina
  88. Stanislao Moulinsky4 ottobre 2011 11:31

    ..."castrorum", appunto. <span>Non</span> "castronum"...

    RispondiElimina
  89. Redazione di Messainlatino.it4 ottobre 2011 12:21

    Non tutta la Chiesa.

    FZ

    RispondiElimina
  90. Caro Stanislao, apprezzo il suo humour e son certa che le sue intenzioni sono buone, mi avrebbe però fatto piacere vedere il suo talento dispiegarsi nel travestimento SdC, il materiale c`era.... ;) , comunque quello che lei chiama litigare è, almeno da parte mia, il rifiuto di lasciarmi insultare, lei sa che quella persona è scesa veramente molto in basso a quel livello, e, sì, sono stupita che la REDAZIONE non sia intervenuta, è anche rifiuto di lasciarsi rinchiudere in etichette, non solo sprezzanti ma false, che il "nostro" tenta incollare ai malcapitati che non condividono il suo pensiero, ma lei sa tutto ciò dunque non voglio tediarla più a lungo.
    Ancora grazie per la sua simpatica attenzione! :)

    RispondiElimina
  91. Redazione di Messainlatino.it4 ottobre 2011 12:38

    Da dentro, non si può sputare sul C. V. II.

    FZ

    RispondiElimina
  92. Correva l'anno 1987.
    Era in corso il tentativo di "Conciliazione" FSSPX/Vaticano, che, l'anno
    dopo portò al protocollo del 5 maggio. Protocollo di cui, poi Monsignore decise 
    di ritirarvi la firma, poichè ci vedeva dei rischi. E, tenuto conto della
    fine che hanno fatto coloro che lo hanno accettato, bisogna dire che fu
    Profeta. In quell'anno, la rivista fondata dal'ex dom Franzoni "Com-nuovi
    tempi", il giornale dei "Cristiani per il socialismo" pubblicò un
    articolo:"Forza Lefebvre, siamo tutti con te". Il senso di questo articolo
    era: premesso che non abbiamo nulla a che fare con questo nostalgico
    dell'OAS, su una cosa dobbiamo dire che ha perfettamente ragione, al 1000%.
    La Chiesa del Vaticano II è un qualche cosa di totalmente altro da quella di
    prima. Hanno voglia a Roma a dire il contrario. NON C'è ARRAMPIcaTA SUGLI
    SPECCHI che possa trovare una qualche vera e coerente "continuità" tra la
    riunione di Assisi dell'anno scorso e il Syllabo".
    Ed aggiunsero che, a Roma, hanno una tale faccia di bronzo che, quando
    approveranno il sacerdozio dei robot e l'ufficio del lettore ai
    pappagallini, avranno il barbaro coraggio di trovarvi delle pezze d'appoggio
    nel magistero precedente. NON C'è NE SONO!

    RispondiElimina
  93. Caro hpoirot, io spero sopratutto, grazie alla forza e alla profondità della vostra Fede, grazie alla vostra vita che si fonda sull`insegnamento immutabile della Chiesa, perchè è quello di Cristo, e con coerenza lo concretizza, che voi tutti, fratelli e sorelle della FSSPX, quando sarete ritornati in piena e intera e effettiva comunione con noi, contribuirete a portare un pò di pace e ordine in questa Chiesa disastrata, il che non vorrà dire stare zitti, non emettere alcuna critica, sapete che oramai non siete più soli,  sono tante le voci che si esprimono e lo fanno con rigore ma anche con rispetto, ci sono tante anime assetate che hanno bisogno di tutto il bene che avete conservato come un tesoro, non deludetele.

    RispondiElimina
  94. Compianto Pastorelli: in che senso?

    RispondiElimina
  95. Roberto Martelli4 ottobre 2011 14:52

    E questo è il preambolo .......

    RispondiElimina
  96. Roberto Martelli4 ottobre 2011 14:56

    Ha qualche problema con la Madonna?

    RispondiElimina
  97. chi ha interesse in Assisi3 se non i potenti della terra?

    RispondiElimina
  98. Redazione di Messainlatino.it4 ottobre 2011 17:34

    "<span>Solo Dio legge nei cuori e solo lui sa chi, al di là delle parole e degli atti verificabili, come direbbe il compianto Pastorelli, in foro esterno, solo lui sa chi è ortodosso e chi no, chi crede rettamente e chi no."</span>
    Appunto: cerchiamo di non sostituirci a Lui.
    (Pastorelli è "compianto" nel senso che, per sua scelta, non intervenire più su questo blog).

    FZ

    RispondiElimina
  99. Ah, meno male. Temevo il peggio. Grazie.

    RispondiElimina
  100. Purtroppo non c'è mai fine al peggio e satana in ciò è maestro.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.