Post in evidenza

Un parroco in Diocesi di Fidenza coraggioso sulla S. Comunione in bocca

L'arciprete di Castelvetro e Croce S. Spirito (PC), in Diocesi di Fidenza ma alle porte di Cremona, spiega perchè darà la S. Comu...

giovedì 18 agosto 2011

A Trieste, un 'triduo' straordinario




Riceviamo e ben volentieri pubblichiamo:

Sono stati tre giorni indimenticabili quelli vissuti tra il 13 ed il 16 agosto dalla Comunità parrocchiale della Beata Vergine del Rosario a Trieste. Quest'anno, infatti, la solennità dell'Assunzione di Maria SS.ma ha visto la presenza di un illustre concittadino, mons. Guido Pozzo, segretario della Pontificia commissione Ecclesia Dei, da parecchi anni lontano dalla propria città natale: il prelato ha quindi colto l'invito rivoltogli dall'amministratore parrocchiale, don Stefano Canonico, celebrando così la messa solenne della IX domenica dopo Pentecoste (alle 19.00 di sabato 13) ed assistendo in veste corale alla messa solenne dell'Assunta, cantata da un sacerdote novello, durante la quale ha tenuto l'omelia.

Mons. Pozzo ha anche voluto dedicare una breve conferenza ai giovani che assicurano il servizio liturgico parrocchiale – assieme agli altri amici giunti per l'occasione da altre parti d'Italia – nel corso della quale si è discusso intorno all'attuale movimento suscitato dalmotu proprio di Benedetto XVI alla luce della recentissima istruzione emanata poche settimane fa dalla Commissione Ecclesia Dei. Grande è la speranza che il relatore ha infuso nei presenti.

Altrettanto lucide ed incisive sono state le parole da lui pronunciate in predica, centrate sulle sfide che la contemporaneità pone alla Chiesa, superabili soltanto con la fedele adesione al "depositum fidei", esplicata nella testimonianza coerente del dettato evangelico, resa preziosa proprio dalle ostilità con cui oggi i cristiani debbono per forza fare i conti.

Anche la sua meditazione sulla dignità del ministero sacerdotale, nel corso della messa officiata dal neomista don Marek Gabrowski, della Fraternità Sacerdotale S. Pietro, ha commosso i numerosi fedeli, che al termine si so no accostati alla balaustra per baciare le mani del prete novello, ancora olezzanti dell'unzione sacra, ricevendone la benedizione.

Le solenni celebrazioni liturgiche – come oramai da quattro anni – sono state arricchite dal canto del "Sonore Vocal Ensemble", un coro inglese composto da 16 elementi, alunni dei prestigiosi Colleges di Oxford, diretti da Thomas Primrose, con all'organo il triestino Gabriele Damiani. Per la messa di mons. Pozzo è stata eseguita una messa a quattro voci di William Byrd, mentre l'indomani è stata la volta di Giovanni Pierluigi da Palestrina (missa brevis), con mottetti di de Victoria, Palestrina ed altri maestri dell'antica polifonia.

Il pomeriggio del 15 agosto don Gabrowski ha officiato i secondi vesperi solenni, in sette piviali, mentre il coro eseguiva i falsibordoni musicati da Tomàs Luis de Victoria, con il Magnificat di Sebastiàn Aguilera de Heredia, ad 8 voci per cori battenti, trascritto in edizione moderna proprio in omaggio alla nostra Chiesa e Cappella Civica della B. V. Del Rosario. Alla sera non si poteva contare il numero degli intervenuti al concerto corale, nell'ambito della nostra rassegna "Musica per lo Spirito 2011", ove il coro ha proposto un excursus negli ultimi cinque secoli della polifonia europea, da Tye a Bibl, passando attraverso Bruckner, Britten e Messiaen, mentre il maestro Damiani proponeva due momenti organistici sulle note di Frescobaldi e Bach (la celebre "Bergamascha" dai Fiori musicali, seguita dal preludio e fuga in do maggiore BWV 545).

Un caloroso ringraziamento – oltre all'ospite d'onore e a don Stefano che ha voluto e reso possibile l'organizzazione dell'evento – va a tutti gli amici sacerdoti e chierici provenienti da Germania e Polonia, oramai di casa tra noi, al concittadino mons. Mauro Cionini della Nunziatura di New York, agli altri sacerdoti presenti, al servizio liturgico e ai soci dell'associazione Amici della Musica Luigi e Federico Ricci di Trieste, al coro ed ai fedeli.

Grande infatti è stato il numero di coloro che hanno preso parte alle sante messe, per lo più "straordinarie", susseguitesi tra domenica e lunedì, a dimostrazione che l'antico rito conserva intatta la sua attrattiva in chi vi accede senza inutili preconcetti, animato esclusivamente dal desiderio di trovare uno spazio per il raccoglimento e la preghiera.

Martedì 16, memoria di S. Gioacchino padre della Vergine Maria, il neomista don Daniel Kretschmar ha cantato la messa solenne, accompagnato dal coro parrocchiale diretto da Elia Macrì, al termine della quale è stata impartita l'assoluzione al catafalco, a suffragio di tutti i defunti.

8 commenti:

  1. <span>EVENTI STRAORDINARI A BIANCAVILLA - CON LA PRESENZA DI DON NICOLA BUX</span>
    <span></span>
    <span>Volevo informare i molti amici-lettori di questo seguitissimo blog, che insieme ad alcuni giovani amici dell’Associazione “Maria SS. Dell’Elemosina” di Biancavilla (Ct), il 26 agosto prossimo stiamo promuovendo una santa Messa solenne e una conferenza spirituale con la straordinaria presenza di don Nicola Bux sul tema "Adorare Dio in Spirito e Verità - riflessioni sul libro dell'autore:m Come andare a Messa e non perdere la fede". </span> 
    <span>E' la prima volta, dai tempi della riforma liturgica, che a Biancavilla si celebra in forma straordinaria e nella grande Basilica Santuario. Nell'occasione si celebra in ringraziamento per i 60 anni di sacerdozio del Santo Padre Benedetto XVI.</span>  
       
    <span>Piccola nota storico-devozionale su Biancavilla:</span>  
    <span>La Comunità venera come Patrona principale e Protettrice la Madre di Dio, raffigurata nelle sembianze di un’icona bizantina del sec. XIV (in greco “Elèusa”, in latino “Elemosina”), recata da una colonia di profughi greco-albanesi, in fuga dall’invasore turco, che sul finire del ‘400 fondò la città ai piedi dell’Etna, a 30 km da Catania (tra il mare e la montagna).</span>  
    <span> </span>  
    <span>Avremmo molto piacere di accogliere amici provenienti da varie parti della Sicilia e anche d'Italia. </span><span> </span>  

    <span>Chiedendo, per quanto possibile, di dare notizia dell’evento anche attraverso il blog, rinnovo le più vive congratulazioni per il proficuo lavoro di apostolato.</span>  

    RispondiElimina
  2. Ecco i miei riferimenti personali:

    Alessandro Scaccianoce
    tel. 340 669 57 41
    alexscax@interfree.it

    RispondiElimina
  3. N.B. Notare che hanno chiamato a cantare allievi della scuola musicale di Oxford. E' da tempo che la polifonia romana trova i migliori insegnanti e allievi al di là della Manica. Riflettiamo (invito rivolto anche alla Palombella rossa...)

    RispondiElimina
  4. A Trieste spesso la liturgia antica, nella Chiesa del Rosario, è accompagnata  da una musica sacra che aiuta la preghiera e la meditazione, peccato ciò non sia compreso dalla maggioranza dei celebranti e dei laici che prediligono al c9ontrario liturgie emusiche che invece di elevare gli animi, li appiattiscono.

    RispondiElimina
  5. Ciò che rileva Teofilo è vero. Il ricorso a cori d'Oltremanica, al di là di scelte di "scuola", è imposto dall'assenza in loco di cori di livello che oltre ad essere bravi siano anche disponibili e dotati di un repertorio che soddisfi le esigenze rituali. Non basta cantare bene (e ciò non è nemmeno scontato): occorre la consapevolezza di mettere la propria arte a servizio della liturgia tradizionale e questa mens oggi, per ovvi motivi, è materia prima assai rara. Chissà che l'esempio offertoci dagli amici inglesi stimoli anche i nostri devoti di s. Cecilia nella santa causa della restaurazione della musica sacra.

    RispondiElimina
  6. Ma, stando alla prima foto, ci sono 3 altari in quel presbiterio?????

    RispondiElimina
  7. Facciamo due e mezzo. Quello in fondo e' l'altare originale. Quello di mezzo (aggiunto) e' l'altare moderno, stile tavola, che si usa per le Messe in novus ordo. Quello in primo piano sembra un altare, ma e' un inginocchiatoio che serve per i fedeli che si accostano alla Comunione, e viene poi spostato discretamente a lato da qualche parrocchiano nerboruto.

    RispondiElimina
  8. Qui si vede meglio

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.