mercoledì 29 giugno 2011

LX Ordinazione Sacerdotale del Santo Padre


Il 29 giugno 1951, solennità dei Santi Pietro e Paolo, nella cattedrale di Freising, per l'imposizione delle mani dell Cardinal Arcivescovo, S. Em.za Michael von Faulhaber e per la preghiera consacratoria della Chiesa, sono ordinati sacerdoti i giovani fratelli don Joseph e don George Ratzinger.

Cerchiamo di sintetizzare, dal sito della Santa Sede, i passi che la Provvidenza fece percorrere a don Joseph, e ai loro superiori, fino all'ascesa al Soglio di Pietro.

Nel 1953 divenne dottore in teologia con la tesi “Popolo e casa di Dio nella dottrina della Chiesa di Sant’Agostino”.

Nel 1957, sotto la direzione del noto professore di teologia fondamentale Gottlieb Söhngen, ottenne l’abilitazione all’insegnamento con una dissertazione su: “La teologia della storia di San Bonaventura”.

Dal 1959 al 1969 insegnò teologia dogmatica e fondamentale a Frisinga, a Bonn, a Münster e a Tubinga, Nel 1969 divenne cattedratico di dogmatica e storia del dogma all’Università di Ratisbona, dove ricoprì al tempo stesso l’incarico di vicepresidente dell’Università.

Dal 1962 al 1965 dette un notevole contributo al Concilio Vaticano II come “esperto”; assistette come consultore teologico del Cardinale Joseph Frings, Arcivescovo di Colonia.

Nel 1972, insieme ad Hans Urs von Balthasar, Henri de Lubac ed altri grandi teologi, dette inizio alla rivista di teologia “Communio”.

Il 25 marzo del 1977 il Papa Paolo VI lo nominò Arcivescovo di Monaco e Frisinga;

Il 28 maggio 1977 ricevette l’Ordinazione episcopale.
Come motto episcopale scelse “collaboratore della verità”.

Nel concistoro del 27 giugno 1977 Paolo VI PROVVIDENZIALMENTE lo creò Cardinale, con il titolo presbiterale di “Santa Maria Consolatrice al Tiburtino”. In quella stessa occasione, Montini lo definì un «insigne maestro di teologia».
Il 25 novembre 1981 Giovanni Paolo II lo nominò Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e Presidente della Pontificia Commissione Biblica e della Commissione Teologica Internazionale.

Il 5 aprile del 1993 venne elevato dal Pontefice all’Ordine dei Vescovi, e gli fu assegnata la sede suburbicaria di Velletri - Segni.

E’ stato Presidente della Commissione per la preparazione del Catechismo della Chiesa Cattolica, che, dopo sei anni di lavoro (1986–1992), ha presentato al Santo Padre il nuovo Catechismo.

Il 6 novembre 1998, Giovanni Paolo II, approvò la sua elezione a Vice Decano del Collegio cardinalizio da parte dei Cardinali dell’Ordine dei Vescovi.

Il 30 novembre del 2002, il Papa approvò la sua elezione a quella a Decano del Collegio cardinalizio con la contestuale assegnazione anche della sede suburbicaria di Ostia.

Il 25 marzo 2005, Venerdì santo, guidò le meditazioni della tradizionale Via Crucis al Colosseo. In tale occasione pronunciò forti parole riguardanti la Chiesa, denunciando una cristianità «stancatasi della fede ha abbandonato il Signore».

Ed è proprio in veste di Decano del Collegio Cardinalizio che lo ricordiamo durante la Sede Vacante del 2005, sollecito e solerte guida spirituale e morale del Conclave, e nella famosa omelia ai Sigg.ri Cardinali nella S. Messa pro eligendo Pontificem del 18 aprile che ricordiamo ancora per l'accusa al relativismo imperante che scuote la piccola barca del pensiero dei Cristiani.

Il 19 aprile 2005, il Cardinal Ratzinger fu eletto papa durante il secondo giorno del conclave del 2005, al quarto scrutinio.


Da allora, tra momenti lieti e alcune difficoltà, è felicemente regnante, dando umano compimento al disegno di Dio che lo ha voluto 265° Vicario di Suo Figlio in Terra, per il bene nostro e di tutta la Sua Santa Chiesa.

9 commenti:

  1. :-[  con due video vi offriamo la sintesi del Sacerdozio di Benedetto XVI nell'insegna MARIANA, nella personale sua Consacrazione a Maria, e di come fin dalla sua Prima Comunione il giovane Ratzinger Joseph sentì il seme di quella Chiamata che coronò con l'Ordinazione Sacerdotale e sempre fedele a quel Cristo che in quel Pane -Ostia-Santa caratterizza, ancora oggi, il Suo Ministero....

    http://www.gloria.tv/?media=162534

    http://www.gloria.tv/?media=163782

    Auguri Santo Padre! Il mondo Cattolico sta praticando le 60 0re di Adorazione Eucaristica per festeggiare degnamente questo evento, voglia il Signore accogliere queste Preghiere e nel Rosario di Maria, unisca tutte le sante intenzioni portandole a compimento...
    :)

    RispondiElimina
  2. :-D   W W W SAN PIETRO E PAOLO E QUINDI BENEDETTO XVI SUO SUCCESSORE!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Auguri Santo Padre; che il Signore, per il bene della Sua Santa Chiesa, possa conservarLa così illuminato ancora a lungo.

    RispondiElimina
  4. Vorrei un attimo di raccoglimento e di sdegno per la recente reintroduzione della tortura nello stato pontificio.

    Infatti Mozart è stato appena martoriato da un povero bambino (non è colpa sua) messo là da un incompetente che scambia la Santa Messa per il saggio dei bambini dell'asilo. E già che c'è quell'incompetente si assicuri almeno che i suoi solisti abbiano terminato la digestione a tempo debito, e non ruttino all'interno del canto.

    Che schifo!

    RispondiElimina
  5. E' una grande consolazione avere Benedetto XVI alla guida della barca di Pietro. Prego il Signore che lo mantenga forte e saldo e che possa ad multos annos esserci maestro e padre santo. Auguri Santità.

    RispondiElimina
  6. In realtà il nome di Ratzinger, nel concistoro del 1977, venne aggiunto solo per "far numero" (con ogni probabilità sarebbe stato creato cardinale anni dopo). Nel '77, infatti, contrasti nella curia romana spinsero Paolo VI ad allontanare Giovanni Benelli, all'epoca sostituto della Segreteria di Stato, offrendogli la sede di Torino o quella di Firenze. Benelli, toscano di origini, scelse Firenze. Per non lasciarlo senza porpora, Paolo VI convocò un "mini concistoro" all'ultimo minuto (l'ultimo era stato convocato soltanto l'anno prima). Dato che un concistoro per un solo cardinale pareva brutto, si raccolsero altri tre nomi (Gantin, Ratzinger, Ciappi).

    RispondiElimina
  7. Bel regalo gli ha fatto oggi Palombella al Papa!! Basta veramente però, è una vergogna, UNA VERGOGNA!! Questo è un post di gioia, chiedo umilmente perdono alla redazione per il piccolo fuori tema, ma stavolta non potete non darmi ragione: il massacro della musica cattolica e della papae Marcelli che avevo profetizzato solo tre mesi fa si è avverato, e ha superato ogni immaginazione!MANE NOBISCUM, DOMINE!!!

    RispondiElimina
  8. Per la prima volta, con la Messa moderna, ho notato che il Papa e a seguire i Cardinali e Vescovi, si sono SEDUTI per il canto del Credo....

    RispondiElimina
  9. Sì purtroppo Palombella ha colpito ancora: è come Cattivik....!
    Durante il Credo si sono seduti per prudenza: al Gloria  qualcuno era caduto a terra....

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.