venerdì 17 giugno 2011

Le catechesi del guru di Bose


Enzo Bianchi, priore della Comunità interconfessionale di Bose

"Uomini e Profeti" è il titolo di una trasmissione settimanale di RAI-RADIOTRE che si propone di trattare temi di cultura religiosa. Il taglio, come è naturale in una emittente di Stato laico, è dichiaratamente "aconfessionale" e scevro da ogni dogmatismo teologico.

Quale migliore ospite dunque, per impostare una conversazione "non condizionata" e "non canonica" che il grande monaco ecumenico enzo Bianchi?
E di fatti, non poteva essere che così, l'ineffabile priore di Bose risulta ospite pressochè fisso, specialmente la domenica mattina, dalle ore 9,30 alle 10,15, quando la rubrica si dedica in particolare alla lettura della Bibbia.
Chi allora si volesse dilettare nell'ascolto degli sproloqui del Bianchi può benissimo scaricarsi i file sonori in podcast sul fornitissimo sito di RAI-RADIOTRE. Basta digitare su un motore di ricerca "RAI RADIO TRE UOMINI E PROFETI" e tutte le lezioni del grande "guru" ci verranno messe a disposizione in abbondanza.  
Il 5 giugno, solo per fare un esempio, nella puntata intitolata "Il mantello di Eliseo" il nostro si preoccupa subito di "demitizzare" i miracoli. Questi, a suo dire, non ci stanno a mostrare "la potenza di Dio, quasi come se i profeti fossero dei maghi". I racconti erano adatti ad una società "incantata", abituata a credere a un costante intervento del soprannaturale. Noi oggi dobbiamo invece per forza leggere questi racconti in modo diverso... come dei segni indicanti un messaggio ulteriore e spirituale".  Ovvero: poveri scemi quei creduloni. Meno male che oggi ci sono io che vi dico come stanno realmente le cose!
Del resto, all'inizio della medesima puntata, in fase di presentazione del profeta Elia, già era partita una bordata contro coloro che rievocano la sua figura per scagliarsi contro le altre religioni "cosa questa, a dire il vero, presente anche in alcune letture religiose cristiane".

Ma basta avere un po' di pazienza e di queste "perle" se ne possono trovare a bizzeffe.
Non poteva però mancare l'attacco frontale al prof. Roberto De Mattei. Questo è arrivato, con grande aura di esegesi vetero-testamentaria, nella puntata del 12 giugno.
Il professore ovviamente non viene mai citato per nome... evidentemente sarebbe stato troppo intellettualmente onesto. Bianchi si limita, si  fa per dire, a pontificare che, sulla questione dei cosiddetti castighi divini,  è di recente intervenuto "un folle" che ha detto "cose indecenti" (minuto 23 circa). A scanso di equivoci la compassata conduttrice gli fa eco citando il terremoto in Giappone e lo tzunami.
E Bianchi incalza subito dopo: "Un Dio che castiga meriterebbe piuttosto di essere negato che non creduto". In realtà Dio è LUI, Enzo Bianchi. Lui sa cosa Dio può fare o non fare.
Ma tutta questa trasmissione del 12 giugno è davvero un delirio. Subito all'inizio il monaco torna sulla questione dei miracoli e, sia pur con le solite formulazioni equivoche, stigmatizza aspramente quei preti che nelle omelie non intervengono a precisare il vero significato di certi racconti:
"Certo Gesù" - afferma - "svolse in qualche modo una attività di taumaturgo o guaritore (sic)... Ma i racconti poi si arricchivano di particolari e sovrastrutture di tipo 'liturgico'" (cosa vuol dire?)

Sappiamo che l'attacco e finanche l'insulto al prof. De Mattei è ormai lo sport preferito di certi "cattolici in piena comunione". Io francamente preferisco rimanere nella mia "non piena comunione" ma dire la Verità.
Per questo ritengo che sia doveroso mobilitarsi per difendere il coraggio e la cristallina chiarezza di Roberto De Mattei. Le parole del Bianchi infatti sono dei veri e propri insulti gratuiti. Chissà se Radio Tre gli concederà una replica. Ne dubito.

Marco BONGI

234 commenti:

  1. Tristemente leggo:
    Noi oggi dobbiamo invece per forza leggere questi racconti in modo diverso...

    :'( sic!
    è esattamente il CONTRARIO di ciò che insegnano i Santi e la Chiesa.... non è la Scrittura che deve adeguarsi all' "oggi", ma è sempre l'uomo che in ogni tempo deve adattarsi alla Scrittura.... lo sanno anche i bambini.... lo sanno anche coloro che rifiutano di credere e che proprio per questo rigettano la Scrittura....perchè sanno che i Discorsi di Dio, i Dieci Comandamenti, le Parabole del Cristo....TUTTA LA SCRITTURA non può essere letta in modo diverso da come la Chiesa ce l'ha spiegata.... e come rammenta la stessa Lettera di Pietro: In esse (Lettere di Paolo) ci sono alcune cose difficili da comprendere e gli ignoranti e gli instabili le travisano, al pari delle altre Scritture, per loro propria rovina....2Pt 3,16....

    (spero non sia in triplice copia, il servizio risposta appare inceppato di nuovo )

    RispondiElimina
  2. vi consiglio cara redazione di MIL di dare una spulciata profonda al sito della COmunità di Bose: ci sono anche commenti "cerchiobottisti" sul motu proprio e la liturgia antica

    RispondiElimina
  3. E' la linea dei vari Ravasi & C. Non credo proprio che si dia la possibilità di replica al prof. De Mattei, figuriamoci! Questi progressisti. come ormai si sa, sono democratici a parole, intolleranti nei fatti.Ma è proprio il caso di continuare a sipravvalutare questo tipo?
    Non sarebbe meglio ignorarlo?

    RispondiElimina
  4. Filippo Burighel17 giugno 2011 01:43

    Ma chi è quello nella foto, un satiro o proprio Belzebù? E' più mefistofelico persino di Ballantini quando imita La Russa! :-D

    RispondiElimina
  5. Andrea Carradori17 giugno 2011 06:46

    Sono pienamente d'accordo con quanto ha scritto Marco Bongi.
    La Redazione di Uomini e profeti, che solo "in verbis" dice di gradire e mail di commento in verità è ermeticamente chiusa ad ogni sollecitazione esterna che non provenga dal solito orto ( cattocomunsta).
    Dopo diverse e mail. fax e telefonate che feci per cercar sol per far capire a quegli eccelsi signori e signore della Redazione che esistevamo anche noi, cattolici fedeli al Magistero di sempre, anche se pochi, poveri e brutti ( ma non cattivi ) mi sono arreso : la democrazia, così fortemente sbandierata da quei signori, era solo un pretesto !
    Buona giornata a tutti io vado a "far gli esami " .

    RispondiElimina
  6. Cari amici queste cose tristi ci servono purtroppo ad aprire sempre di più gli occhi.
    L'eresia è entrata da tempo nella Chiesa e la porta è stata ed è l'esegesi: è l'uomo che pretende di farsi arbitro di quello che è scritto nella Sacra Scrittura e lo modifica a piacimento....... poi questa eresia come un cancro si è estesa alla liturgia che viene usata non come qualcosa che viene dall'alto, ma come uno strumento espressivo dell'uomo e della comunità e ognuno la gestisce come gli pare.......

    Purtroppo questo cancro viene tollerato anzi a volte favorito dagli attuali pastori........ potrei portare tante prove, ma è inutile perdere tempo a scrivere.......
    Spero che qualcuno cominci a insorgere contro questa gente, il Papa ha cominciato timidamente a farlo, ma la vedo dura se non si prendono provvedimenti più seri........
    don bernardo

    RispondiElimina
  7. ma per favore, occupiamoci di cose più serie che non delle cretinate neomoderniste del telemonaco ecumeniaco.

    RispondiElimina
  8. Più che degli attacchi-insulti a De Mattei, che sono sì inammissibili se restano senza possibilità di replica, mi occupperei del fatto che da quel guru, come da altri guru..., vanno vescovi e cardinali che fanno loro quegli sproloqui per poi a loro volta trasmetterli.

    RispondiElimina
  9. Più che degli attacchi-insulti a De Mattei, che sono sì inammissibili se restano senza possibilità di replica, mi occupperei del fatto che da quel guru, come da altri guru..., vanno vescovi e cardinali che fanno loro quegli sproloqui per poi a loro volta trasmetterli.

    RispondiElimina
  10. <span>Più che degli attacchi-insulti a De Mattei, che sono sì inammissibili se restano senza possibilità di replica, mi occuperei del fatto che da quel guru, come da altri guru..., vanno vescovi e cardinali che fanno loro quegli sproloqui per poi a loro volta trasmetterli.</span>

    RispondiElimina
  11. <span>Domanda: veramente merita il nome di "monaco" uno che va in giro parlando con i giornalisti, parlando in radio, tv, giornali, riviste, convegni...? Cioè, dove hanno finito la solitudine, il silenzio, l'isolamento caratteristico dei monaci. Monaci veri sono quelli di Minucciano o gli eremiti di Texas, i certosini che pubblicano libri mettendo la parola "anonimo" al posto del suo nome.</span>

    RispondiElimina
  12. spiegatemi ......17 giugno 2011 07:59

    ...... come mai è invitato nei seminari a tenere giornate di spiritualità ? come mai alle sue lezioni vescovi , sacerdoti, frati sono in prima fila ?....... io sono un povero " ignorante"..... ma in questo caos non capisco piu' nulla............. il mio vecchio parroco ( santo uomo) mi aveva insegnato altro................................

    RispondiElimina
  13. Strabo Lombardus17 giugno 2011 08:02

    SI SCRIVE "BOSE" E SI TRADUCE "MALIGNO"... VEDI UN QUALSIASI LANGENSCHEIDT!!!

    RispondiElimina
  14. Il Commercialista di Bose ha colpito ancora. Ciò che lascia sgomenti è il seguito che trova nel mondo pretesco post cattolico.

    RispondiElimina
  15. Purtroppo é una cosa seria la processione di giovani fedeli, oltre che di religiosi (vedi Luisa nel suo intervento qui sotto) che si recano a Bose. Questo modo di intendere la "comunità dei credenti" é ciò che sta conducendo alla dissoluzione del cattolicesimo. L'unica cosa che si vuol avere, temporaneamente, é un pancristianesimo infarcito di buonismo e superficialità. Lo so Antonello che sarebbe più interessante investire il tempo santificandoci e ricercando la grazia divina, ma purtroppo siamo in "guerra" e oltre che pensare a rinforzare le proprie difese, la fede e la propria anima, é pure necessario combattere il nemico (le sue idee o eresie).

    RispondiElimina
  16. Siete proprio sicuri che il sig. Enzo Bianchi sia un monaco? A quale ordine monastico apparterebbe il suddetto signore? A me non risulta........

    RispondiElimina
  17. I racconti erano adatti ad una società "incantata", abituata a credere a un costante intervento del soprannaturale

    Se il priore di bose facesse un salto a Lanciano potrebbe constatare che il miracolo Eucaristico è permanente e non legato ad una società "incantata". Tuttavia, credo che per chi ha portato il cervello all'ammasso nemmeno i fatti oggettivi possano significare qualcosa qualora questi contrastino con le ideologie di riferimento.
    Auspico che "BOSE" possa quanto prima ritornare a identificare SOLO una famosa multinazionale di prodotti elettronici.

    RispondiElimina
  18. Ma è chiaro! Adesso che me l'ha detto Bianchi sono convinto: gli <span>ebrei</span> erano un popolo di creduloni e ignoranti. Per fortuna Enzo non ha paura dei possibili attacchi che riceverà dalla stampa mondiale per aver insultato il popolo ebraico. O:-) O:-) O:-) O:-)

    RispondiElimina
  19. <span>Come il monaco di Bose (che non mi piace per niente!) dice quel che Dio  deve fare e no, anche il Sig.Bongi fa parte di coloro che sanno benissimo cosa il Papa deve fare e cosa non fare, permettendosi di negare la comunione al Sommo Pontefice in nome della Verità (o piuttosto della verità....?)!
    </span>

    RispondiElimina
  20. Bianchi si definisce: "un povero monaco laico".

    RispondiElimina
  21. Buona giornata a tutti io vado a "far gli esami "

    *********
    :'(  mi raccomando!! sii TOLLERANTE E CLEMENTE!!! anche in questo campo la presa di posizione di certi professori sta rovinando famiglie e giovani....
    purtroppo la mia non è una battuta... vedo giovani BRILLANTI puniti irrimediabilmente solo per la loro TIMIDEZZA, esclusi dagli esami solo per un cinque in una materia sola.... io non dico di promuoverli ad occhi chiusi, ma santo cielo, almeno di fargli giocare la partita FINO ALL'ULTIMO....e invece no, alcuni vengono esclusi prima ancora e senza una reale motivazione, almeno per i casi di mia conoscenza diretta....
    l'anno scorso un ragazzo venne ammesso agli esami di maturità, un professore gli fece capire che se fosse stato per lui lo avrebbe bocciato...e agli esami si è rivelato un perfido a tal punto da metterlo in difficoltà e BOCCIARLO....incontrandolo gli disse: " cosa credevi che ti avrei davvero promosso? POVERO ILLUSO!!"
    Scusami lo sfogo Andrea, non ce l'ho con te, magari tu fossi stato prof di questi giovani.... anche se molti non meritano l'aiuto, c'è sempre chi paga la frustrazione di alcuni tuoi colleghi....

    PREGHIAMO PER I GIOVANI SOTTO ESAME.....

    RispondiElimina
  22. ...ed ha pure nascosto "l'aureola satanica" (¨)... ;)

    RispondiElimina
  23. Dalle mie parti il signor Bianchi, più che monaco, lo definirebbero mona, senza co.

    RispondiElimina
  24. Se non vado errato "bose" in tedesco vuol dire "cattivo" (la pronuncia e' circa la stessa, non so se e' scritto uguale) :-D

    RispondiElimina
  25. Scusate, ma proprio dal cuore:

    mavaffanGURU

    RispondiElimina
  26. ..nella Sacra Scrittura vi è scritto....
    I FALSI PROFETI E LE LORO OPEREIERI ED OGGI

    ...detto tutto! argomento chiuso.

    RispondiElimina
  27. Caro stendec, in questi tempi di apostasia galoppante,
    ANCHE i miracoli eucaristici saranno negati e rinnegati, i nuovi empi ministri di Dio e teologi atei negheranno l'evidenza, e si avvereranno le parole del Vangelo:
    "Neanche se uno risucitasse dai morti gli crederebbero".
    Questo è il tempo del rinnegamento del Cristo Morto e Risorto, realmente Presente nel Santo Sacramento dell'altare, in tutti i Tabernacoli del mondo: l'apostasia è cominciata dall'alto clero e dal clero passerà ai piccoli fedeli, se essi non sapranno resistere all'assalto dell'empietà e dell'ateismo, DENTRO la Chiesa.
    Vi sembra che io stia esagerando ?
    Bene, qualcuno mi spieghi perchè da illustri ecclesiastici è stata negata la natura soprannaturale del miracolo eucaristico di Ostina-Firenze, da TANTI anni....

    http://www.youtube.com/v/xJ95utsnvEI" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140


    lo chiedo soprattutto alla sig.ra Caterina, che conosce bene l'ambiente delle curie italiane, e vorrei sapere se secondo lei o secondo i ministri di Dio che lo hanno osteggiato e disprezzato, quel "fenomeno" possa essere un inganno diabolico.....

    RispondiElimina
  28. Antifumo, sono daccordo con lei. Purtroppo il video non lo posso vedere (il firewall non vuole), lo farò appena potrò.

    RispondiElimina
  29. Antifumo, sono daccordo con lei. Purtroppo il video non lo posso vedere (il firewall non vuole), lo farò appena potrò.

    RispondiElimina
  30. E' in linea con i 'falsi profeti' che vengono 'mandati' per la "nuova evangelizzazione".
    Se volete documentarvi qui E' un esempio agghiacciante di catechesi sull'Eucaristia... 

    RispondiElimina
  31. Giorni fa due miei commenti sono stati cancellati (non mi faccio illusioni... non c'è due senza tre) solo perchè in essi suggerivo di smetterla di frignare e, a fronte di 'certe' dichiarazioni di 'certi' esponenti, siano essi laici o chierici, di questa nuova e strana Chiesa, passare dalle parole ai fatti. FATTI non cruenti, ma non per questo meno efficaci.
    Insisto e stavolta porto un esempio:


    http://www.youtube.com/v/k4e6x_LucIE" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140

    RispondiElimina
  32. Caro amico,
    il pernacchio ci sta tutto; ma è solo uno sfogo personale.
    Quel che ci vuole è la preghiera e l'impegno in senso opposto.

    RispondiElimina
  33. Te lucis ante terminum17 giugno 2011 11:06

    E Enzo Bianchi sarebbe cristiano cattolico??? Per giunta monaco??



    “Verranno giorni in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa di nuovo, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole. (s. Paolo<span><span>)</span></span><span></span>

    RispondiElimina
  34. Te lucis ante terminum17 giugno 2011 11:08

    Scusa redazione, ho fatto confusione con un copia e incolla...cancella pure. Chiedo ancora venia :-[

    RispondiElimina
  35. Poveretto, quante inutile superfetazioni e complicazioni mentali. La folla seguiva Cristo perchè vedeva e credeva ai suoi miracoli. Anche oggi! Solo chi crede ai suoi miracoli si salva. Qualcuno, "autorevolmente", glielo dica.

    RispondiElimina
  36. Redazione di Messainlatino.it17 giugno 2011 11:32

    Riscriva pure il commento, facendo più attenzione.

    RispondiElimina
  37. Te lucis ante terminum: scusa se intervengo ma direi che, più che confusione col copia - incolla, hai mostrato la chiarezza e la coerenza delle argomentazioni del multimonaco bosiano, appena inquinate dal riferimento paolino finale.

    RispondiElimina
  38. Appunto, spiegandomi meglio, cattivo si dice böse (con la dieresi sulla o)!

    RispondiElimina
  39. Sappiamo che l'attacco e finanche l'insulto al prof. De Mattei è ormai lo sport preferito di certi "cattolici in piena comunione". Io francamente preferisco rimanere nella mia "non piena comunione" ma dire la Verità.

    Condivido toto corde, d.a.m.

    RispondiElimina
  40. ed ecco l'immancabile accenno cnc 

    RispondiElimina
  41. Già, i miracoli... chissà se il multimonaco crede che Cristo sia risorto... perché se ci crede, ammettere avvenimenti che dal punto di vista biologico e fisico appaiono meno eclatanti non dovrebbe essere un problema, salvo voler decidere che cosa Dio può o meglio deve fare e non fare; oppure, di fronte all'evidenza, comportarsi come l'esploratore che, incontrata per la prima volta una giraffa, disse immediatamente all'animale: "Non mi inganni, tu con quel collo così lungo non esisti!".

    RispondiElimina
  42. Tra De Mattei ed Enzo Bianchi sceglierei Bianchi. Tra un Lefreviano e don Giorgio De Capitani sceglierei Don Giorgio De Capitani. Sì, almeno essi ammettono di essere critici e non si ritengono autentici depositari della verità. Tra tutti sceglierei un prete serio, ortodosso, aperto ai poveri, cattolico romano e buono d'animo.

    RispondiElimina
  43. Alla fine, provvidenzialmente ha chiuso il cerchio scegliendo un lefebvriano.

    RispondiElimina
  44. Strabo Lombardus17 giugno 2011 12:23

    Elisa, lei è una marziana?

    RispondiElimina
  45. Strabo Lombardus17 giugno 2011 12:27

    Un puro segno grafico... quando per le lande tedesche sapevano ancora riconoscere il maligno (e lo dipingevano negli incunaboli più o meno con la faccia di Bianchi), si scriveva BOSE. E ciò bastava, per intendersi.

    RispondiElimina
  46. O è la figlia (spirituale) del priore della Comunità interconfessionale di Bose?

    RispondiElimina
  47. micapizza&fichi17 giugno 2011 12:45

    Bose oggettivamente è un problema...
    Qualcuno dovrebbe avere il coraggio di arrivare ad un chiarimento.
    Altrimenti il caos sarà anche peggiore.

    RispondiElimina
  48. ohibo'! sei una temeraria: fra chi possiede in tasca la carta d'identità di Dio (sa che Egli castiga ... forse anche come e quando)  e chi invece dice che Dio è il Mistero e la Luce verso sui dobbiamo camminare ... tu osi preferire i secondi?
    Non ti eccita l'idea che ci siano delle belle definizioni già fatte che ti danno la risposta ad ogni evento della vita?...guarda che se scavi a fondo in quel sistema di idee trovi la spiegazione e giustificazione anche del raffreddore che prendi tutti gli inverni...  

    RispondiElimina
  49. Rombo di tuono17 giugno 2011 13:06

    Non ci sto. Il lefebvriano Bongi sfrutta la faccia da coddaprocusu di Enzo Bianchi per susicitare simpatie per il nemico del Concilio (che poi è pliniano e non lefebvriano, ma Bongi non ci bada) De Mattei. Non basta essere attaccati da Enzo Bianchi per essere fedeli al Papa. Io sono contro Enzo Bianchi, contro De Mattei, contro Bongi, per il Papa e per il Cagliari

    RispondiElimina
  50. Elisa, il guaio è appunto che chi non si dice depositario della verità si comporta come se fosse tale e rinnega l'unica Verità di Dio piegandola al proprio narciso

    RispondiElimina
  51. <span>Elisa, il guaio è appunto che chi non si dice depositario della verità si comporta come se fosse tale e rinnega l'unica Verità di Dio piegandola al proprio narciso; in più, a chi non si adegua, vengono riservati giudizi sprezzanti e insulti: quelli rivolti a De Mattei da chi non è stato minimamente capace di confutarne le affermazioni con uno straccio di argomentazione teologica e logica ma al massimo con uscite degne degli ultras calcistici
    </span>

    RispondiElimina
  52. Vedo che i commenti si sono inbcrociati e preciso che il riferimento agli ultras non era riferito al commento precedente, che pure non condivido ma che è espresso civilmente

    RispondiElimina
  53. Più che far dietrologia é bene parlar chiaro: sì, sì, no, no, il resto viene dal demonio...

    RispondiElimina
  54. Dovrebbe essere un laico povero, ma pare un povero laico.

    RispondiElimina
  55. ... non si ritengono autentici depositari della verità? Per forza: secondo loro non esiste!

    RispondiElimina
  56. ehm... Lettere di SAN Pietro, Lettere di SAN Paolo, non facciamo i tradiprotestanti!!!

    RispondiElimina
  57. ed ecco la spulciatrice ova.
    ma che due ova!

    RispondiElimina
  58. Caro don Bernardo, qui c'è gente che ancora crede mons. Lefebvre eretico e questa gente autentici profeti (non santi per carità, aboliamo questo linguaggio medieval-cattolico!)...

    RispondiElimina
  59. Caro don Bernardo, qui c'è gente che ancora crede mons. Lefebvre eretico e questa gente autentici profeti (non santi per carità, aboliamo questo linguaggio medieval-cattolico!)...

    RispondiElimina
  60. pare ci vadano anche tanti giovani. credo che Bose sia una piccola Taizè italiana.

    RispondiElimina
  61. Certo che la foto che è stata messa sul blog è proprio idonea:
    - Faccia da perfido
    - Sguardo torvo
    - Proprio come il demonio ingannato e ingannatore
    - Lupo travestito da agnello

    RispondiElimina
  62. Guardate bene la foto, fisicamente Bianchi assomiglia a un caprone...con questo penso di aver detto tutto. :)

    RispondiElimina
  63. Speriamo che prima o poi qualcuno si occupi dei creduloni del III millennio che credono che da un monaco senza co possano uscire parole di verità. Bose è una delle tante piaghe inferte al Corpo mistico di Cristo che invece il Corpo Mistico scambia per ricchezza spirituale.

    RispondiElimina
  64. <span>Tra tutti sceglierei un prete serio, ortodosso, aperto ai poveri, cattolico romano e buono d'animo.</span>

    puoi abbreviare con: <span>Tra tutti sceglierei un prete della FSSPX.</span>

    RispondiElimina
  65. ...o Labronicus...forse è il caso che tu legga un po' di piu' il Vernacoliere e un po' meno altre rivistacce.. E' una questione di sensibilità personale: alcune persone parlano al cuore più di altre:io ho ascoltato dal vivo diversi interventi di Bianchi e mi sono anche commosso  (di recente ho ascoltato Caffarra e mi è cascata la dentiera). Come ognuno ha un carisma diverso nel fare in egual modo ognuno ha predisposizione e bisogni diversi nell'ascoltare

    RispondiElimina
  66. Andrea Carradori17 giugno 2011 16:12

    Cara Caterina, ha scritto delle cose sagge che stamperò per i miei colleghi.
    Io, anche per il fatto che non ho figli, sono fin troppo buono e indulgente con gli alunni. Forse è un male. Ne parleremo. Grazie

    RispondiElimina
  67. Andrea Carradori17 giugno 2011 16:16

    Non vanno solo i giovanetti.
    Vanno anche religiosi e preti per riscoprire il senso della liturgia.
    C'è un modo per rinoscere questi indottrinati di Bose : come incensano.
    Non più il modo virile e romano di incensare con la fierezza di rendere lode a Dio anche attraverso la propria prestanza fisica ( ricordo un Sacerdote malato che radunava tutte le rimanenti energie per incensare, al modo romano, le Olate, la Croce e l'Altare . ammirevole e commovente).
    A Bose pare che insegnano un modo di incensare deboluccio, deboluccio ....

    RispondiElimina
  68. Nessun  cristiano, buono e umile, andrebbe ad una trasmissione che s'intitola in modo preuntuoso e settario "Uomini e profeti"

    Da evitare come la peste "a prescindere"!

    Molto meno pericoloso "Tamarreide" :)

    RispondiElimina
  69. E tra Cristo e il demonio cosa scegli ? Ho paura di saperlo.

    RispondiElimina
  70. Purtroppo le corna e la coda non appaiono. 

    RispondiElimina
  71. caro ospite...se leggesse le catechesi di Benedetto XVI che usa dire "nella Lettera di SAN..." eviterebbe di dire castronerie e di dare del protestante al Papa medesimo...

    RispondiElimina
  72. OT
    incontro a Venezia con il professore De Mattei e il dott. Alessandro Gnocchi.... FANTASTICI!!!!! 8-)
    c'è stato anche un grosso temporale mentre eravamo in riunione... UN ROMBO DI TUONO.... UN FORTE VENTO....GAJARDO!!!
    Il Professor De Mattei è davvero una persona UMILISSIMA, disponibile al confronto e al dialogo, PAZIENTISSIMO!!!
    forte è il dott. Alessandro Gnocchi.... mi piacciono già i suoi libri, ma ascoltarlo dal vivo è davvero IMPERDIBILE...
    ;)

    RispondiElimina
  73. Elisa ha respirato abbondantemente il fumo di Satana.

    RispondiElimina
  74. Ho avuto la fortuna di conoscere il prof. Introvigne, ora spero tanto di poter conoscere anche il prof. De Mattei, Alessandro Gnocchi e anche Mario Palmaro.

    RispondiElimina
  75. Enzo Bianchi scatena proprio tutte  le vostre frustrazioni, non è vero? Che sabba di urla, imprecazioni, offese, piagnistei. Se la messa in latino non avesse altri difensori che questi invasati, ci sarebbe da piangere. Ma forse è meglio mettersi a ridere.

    RispondiElimina
  76. Bosiano....risponda alle affermazioni di Bianchi quando afferma, CONTRO CIO' CHE INSEGNA LA CHIESA, che L'INTERPRETAZIONE, in sostanza, degli eventi e i fatti nella Scrittura sono soggetti  A MODIFICHE....
    se lei si ferma a fare opinione, finisce per ledere il diritto altrui di opinionare a loro volta.... risponda invece con argomenti se ne è capace, specialmente MAGISTERIALI....dimostri che Benedetto XVI e la Chiesa danno ragione a Bianchi...

    La Messa in latino l'ha difesa IL PAPA BENEDETTO XVI dandole un MP... e poi il Papa DICE MESSA IN LATINO, se non altro la parte centrale del Canone, la Messa detta Paolo VI E' ANCHE IN MESSA IN LATINO...non si confonda con la Messa nella forma Straordinaria...a forza di stare con Bianchi anche lei rischia di andare nel pallone...gonfiato...gonfiandole....
    si rammenti della trave nel suo occhio, tollerando LA PAGLIUZZA degli altri....

    Di Bianchi non si parlava di trave o pagliuzza, ma di catechesi AMBIGUE E AL DI FUORI DI CIO' CHE INSEGNA LA CHIESA.... argomenti ordunque, la leggiamo!

    ;)

    RispondiElimina
  77. A molti degli interventi si applica proprio bene il salmo: Peccator videbit et irascetur, dentibus suis fremet et tabescet, desiderium peccatorum peribit (quanto ad 'opinionare' prima di difendere il latino sarebbe bene imparare ad usare l'italiano)

    RispondiElimina
  78. Ma come ??

    Uno che ha occasione di parlare ovunque, è presente sui media un pelo al di sotto del Papa, gira con il patentitno di "profeta" e parla "profeticamente" sarebbe una vittima di noi cattivoni?

    Non ci piace la sua teologia,non ci piace la sua Cristologia, non ci piace la sua autoreferenzialità.

    Tutto qui.

    Pensi piuttosto all'ostracismo reale subito da gentucola come Romano Amerio o Giovannino Guareschi. 

    RispondiElimina
  79. <span>Se la messa in latino non avesse altri difensori che questi invasati, ci sarebbe da piangere</span>

    La difesa della 'Messa in latino' è purtroppo ormai secondaria. Ciò che occorre difendere da quanto propangandano le sette, frutto del concilio del '63, da quanto predicano certi chierici apertamente eretici quando non palesemente apostati e da quanto ahinoi credono ormai la maggior parte dei sedicenti fedeli (a che?), è la DOTTRINA CATTOLICA.

    RispondiElimina
  80. e intanto evita di rispondere con serietà.... furbetto lei.... 8-)

    RispondiElimina
  81. Cara Caterina,

     cosa pensa che dovrei rispondere con serietà a chi definisce Enzo Bianchi 'caprone' 'satiro' 'belzebù', 'maligno' e anche 'mona'? Se volessimo aprire una vera e seria discussione sulle interpretazioni diverse e variabili della Scrittura, ne sarei felicissimo. Un solo esempio: i sette giorni della creazione vanno presi letteralmente o, come già pensava Agostino, metaforicamente? Ci sarebbe veramente materia per un confronto intellettualmente onesto.

    RispondiElimina
  82. Non siete obbligati a leggere Enzo Bianchi, nè tantomeno a seguirlo alla televisione o sulla radio, fate come me, quando inavvertitamente mi compare in televisione o alla radio, cambio subito canale o programma. La Dottrina della Chiesa è una sola, quindi gruppi, gruppini e gruppetti non mi interessano e con la sua comunità così pure tante altre nate specialmente nel Post Concilio. Dobbiamo liberarci dai finti profeti, che oggi credono di aver scoperto l'acqua calda. Gli Editori di libri e così pure televisione e radio amano far diventare divi certe persone per il proprio interesse di mercato. Sta a noi a non acquistare libri e a non seguire programmi. Allez cordialmente.

    RispondiElimina
  83. Nonostante fosse positivista, credo che alcune teorie del Lombroso non siano così ignobili... 

    RispondiElimina
  84. Lasci stare Agostino. La domanda è molto semplice: il "monaco", "padre" Bianchi, è cattolico?

    RispondiElimina
  85. ...Padre Enzo Bianchi è uomo di fede , è uomo di preghiera, è una brava persona, mite e la foto non gli fa giustizia, ma questi sono dettagli......a Bose si respira il Sacro, è piu' in linea Lui con la Chiesa di Roma piu' di tanti altri.
    E' vero ha delle posizioni personali ...ma sono in una prospettiva di elevare l'uomo e di portarlo in comunione con Dio.
    Andate una settimana a Bose e vedrete che vi ricrederete......NON E' UN GURU.....è un uomo di Dio che ha dedicato la Sua intera vita al Signore alla preghiera e a fondare una comunità sulle orme dei Grandi Padri del Deserto.....
    Si è un Monaco nel piu' alto dei significati !

    RispondiElimina
  86. L'interpretazione autentica della Sacra Scrittura ci è data dalla Chiesa, Una Santa Cattolica Apostolica. l'unica Chiesa di Cristo, Romana, fedele al suo divin Fondatore ed alla Tradizione fondata sulla Rivelazione e tramandataci dagli Apostoli e dai loro legittimi successori.
    Altro che "interpretazioni diverse (diverse da che cosa? ah già da quella autentica) e variabili (variabili ? e in base a cosa, all'eresia di turno?).

    RispondiElimina
  87. Lasci stare Agostino ...L'interpretazione unica ci è data etc. etc.  E' il trionfo dell'ignoranza. Ma lo sa Marco quante interpretazioni sono state date del primo versetto della Genesi, e tutte accettabili? Leggetelo Agostino, al posto di Gherardini e Mattei! Questa è la vera tradizione, non le pseudorivelazioni di qualche esaltata

    RispondiElimina
  88. O dubbioso il fatto che ti sia cascata la dentiera dimostra che hai una certa età e quindi devo trattenermi, anche perchè sembreresti essere di lacrimazione. Non è questione di carismi è questione di ortodossia. Le poesie commuoventi le scrivono in tanti, ma non per questo entrano a far parte della dottrina cattolica. E' invece palese il tentativo di usare i sentimenti e l'emotività per scardinare la dottrina e la fede. 

    RispondiElimina
  89. Caro Rombo, non pensa che si possa contemporaneamente apprezzare Plinio Correa de Oliveira, apprezzare Msg. Lefebvre e la FSSPX e magari persino (...) il Papa (i puntini di sospensione sono per chi non capisce l'ironia e l'autoironia), rimanendo perfettamente coerenti con la Tradizione, che è l'unica, vera, perenne "pietra di paragone"?.

    RispondiElimina
  90. L'ignoranza di chi? L'alternativa è semplice: o il pensiero del suo guru è coerente con la Tradizione di sempre, o non è cattolico. E il suo guru non lo è. Fine della discussione.

    RispondiElimina
  91. povero non credo proprio...

    RispondiElimina
  92. ;) Bosiano, mi dica, ha mai letto nel Vangelo Gesù che si sofferma sul FRASARIO o per le offese DI OPINIONE?
    Lei si scandalizza per il frasario, ma perde di vista la gravità delle parole di Bianchi.... ha idea di quante anime vengono CORROTTE dalle catechesi di Bianchi? Ha idea di quante ANIME crederanno che la Scrittura è soggetta a modifiche di interpretazione?
    Questo è il vero scandalo......

    Per salvare l'ANIMA, mi dica, è indispensabile sapere se i 7 giorni furono letteralmente sette e non magari 7 anni o 7 millenni o un nulla di giornaliero? :-[
    Ma Bianchi dice ben altro, parla ANCHE DI ALTRI FATTI E DELLE PARABOLE DEL CRISTO...parla di una interpretazione della Scrittura, NUOVA, AGGIORNATA ALL'OGGI....
    Ora, ascoltando Pio XII sulla Sacra Scrittura e Benedetto XVI, mi dica, trova lei corrispondenza nel Magistero dei Papi a quanto dice Bianchi?
    il resto sono DISTRAZIONI.... ;)

    RispondiElimina
  93. Gentile mi intrometto....
    anche Lutero, Calvino, Martin Luther-King, Gandhi a modo suo....erano tutte persone: DI FEDE, DI PREGHIERA, BRAVE PERSONE....e in quanto al PREGARE E ALL'ESSERE BRAVE PERSONE....erano in linea senza dubbio perfino con la Chiesa....a parte lo schiribicchio di Lutero verso l'ex suora.... :-D

    Ma lei dimentica che il concetto di ERESIA non si fonda sulla FEDE PERSONALE O LE OPINIONI PERSONALI... ma proprio in quel DISCORDARSI DA CIO' CHE INSEGNA LA CHIESA.... seguendo il suo discorso Gandhi dovrebbe essere beatificato immediatamente....

    MONACO... facciamo attenzione agli appellativi:
    Enzo Bianchi NON è diacono, non è sacerdote, non è monaco... egli decise di intraprendere UNA VIA NUOVA DI MONACHESIMO MODERNO NEL MONDO.... ma il termine stesso tradisce la qualità perchè il monachesimo che nasce con san Benedetto, ha ben altre mete, ben altra vita, ben altro fine....
    essendo Bianchi il fondatore di questa COMUNITA', termine più appropriato.... è semplicemente UN LAICO che la guida, punto!

    Lei stesso/a dice: E' vero ha delle posizioni personali ...ma sono in una prospettiva di elevare l'uomo e di portarlo in comunione con Dio...
    ***
    mi perdoni....ma il compito del Battezzato non è quello di PORTARE GLI ALTRI AD UNA PERSONALE OPINIONE DI DIO.... :-[
    Benedetto XVI sta denunciando da anni la mancanza di ECCLESIALITA'....DI COMUNIONE CON LA CHIESA....
    la grande apostasia del nostro tempo è proprio questa: spingere gli uomini VERSO UN DIO CREATO DALLE PROPRIE OPINIONI E INTERPRETAZIONI....
    secondo alcuni sondaggi di AVVENIRE il giornale dei Vescovi italiani eh! non è vero che la gente manca di fede, quanto piuttosto sta crescendo la percentuale di gente che si affida  AD UN DIO PERSONALE....E NON ACCETTA PIU' L'INTERPRETAZIONE DELLA CHIESA....
    Bose costituisce una piccola parte di questa TENDENZA....e non poche comunità tendono oggi, anche se nella Chiesa, DI FARSI LITURGIE PROPRIE , PREGHIERE PERSONALIZZATE....CATECHESI BASATE SULLE PROPRIE OPINIONI ED INTERPRETAZIONI...
    ci rifletta!!

    :-[

    RispondiElimina
  94. Bosiano...dica la verità....lei è un Pentecostale? :-D
    se è per questo in Genesi troviamo DUE CREAZIONI dell'uomo.... e per duemila anni non hanno mai messo in discussione l'interpretazione UNICA che ne ha dato la Chiesa.... persino per la morte di Giuda ci sono due finali diversi, cosa ne dovremmo dedurre?
    Sant'Agostino è stato forse ignorato dal Concilio di Trento? o da Pio XII sulla sua spiegazione di come va usata la Bibbia?
    si LEGGA I PONTEFICI senza i quali sant'Agostino non potrebbe essere citato, perchè sono loro che l'hanno confermato!.... ;)

    RispondiElimina
  95. micapizza&fichi18 giugno 2011 09:02

    <span>Il monaco per il vocabolario è un appartenente ad un ordine monastico o un religioso di voti solenni. Quindi anche un dottore commercialista può essere tale, anche senza poter celebrare la santa messa ed amministrare i sacramenti. </span>
    <span>Un "uomo di Dio" non ha certo tra i suoi primi pensieri quello del look che gli viene attribuito, per cui non cincischierei con tali pettegolezzi malevoli e poco caritatevoli. </span>
    Un "uomo di Dio", fattosi o meno monaco, e con il carisma dell'annuncio della Parola ha però un obbligo: rispettarla non nel metterla al centro, ma nel non spingerne l'interpretazione oltre il lecito. Questo è da sempre il pendio scivoloso dell'eresia protestante. Questo fa di Enzo Bianchi un onesto cercatore di Dio, un sapiente in senso antico, ma anche un tentato ed un peccatore: che però delle proprie prerogative tre e quattro pare essere poco avveduto, soprattutto bazzicando le parrocchie cattoliche dove crede di poter fare facilmente  uno+uno e dirsi titolare (a pieno titolo) del diritto/dovere di reinterpretare ciò che altri (catechismo in primis) leggono assai diversamente. In questa immodestia ed in questo inganno sta il problema di Bose, inquinante molte parrocchie, tanto quanto è meritorio il proprio accostare con serietà i temi della Parola, della liturgia e della preghiera. Non da cattolici. Il che non è illecito. Ma è subdolo non dirlo e far sembrare "ecclesiale" in senso cattolico ciò che non lo è ed accusare con velata arroganza quei cattolici che ritengono quanto meno sdrucciolevole il terreno sul quale i "profeti" della nuova, aggiornata, riveduta e corretta teologia vorrebbero portare tutti quanti in gita, per tornare ad essere "cristiani"... E' una delle forme più subdole di errore, perchè sembra(SEMBRA) quasi (QUASI) tutto giusto.    

    RispondiElimina
  96. micapizza&fichi18 giugno 2011 09:13

    In particolare gli errori più gravi riguardano:
    -il peccato originale (non creduto "causa dell'inizio della presenza del male nella creazione", ma radice di un male non meglio identificato che l'uomo scopre in sè stesso), con il corollario che la morte è un fatto biologico, che c'è necessariamente sempre stata e non è subentrata a motivo del peccato.
    -il fatto che è la fede in Gesù a far credere le cose narrate dai vangeli e non le cose narrate dai vangeli a far nascere la fede in Gesù. Questo ribaltamento di prospettiva è pericolosissimo, tanto quanto rende abbastanza insignificante la storia rispetto all'idea.
    -la non necessità di porre dei paletti ben precisi, rendendo accettabile l'illecito (tutta l'apertura dialogica in tema di bioetica viene da lì) a patto che ci sia la solidarietà (tutta la simpatia politica per una parte, presuppone un surplus di eticità solidale nei "preferiti", nell'insignificanza dei "principi non negoziabili"), con il corollario che i "dogmi" sono "invenzioni della Chiesa" , argomenti obsoleti...
    Con tre travi del genere negli occhi, hai voglia a vedere dove stai andando: e se sei l'autista del pullmann....   

    RispondiElimina
  97. Concordo con mica pizza e fichi....
    e aggiungo, chiedendo venia...quanto scrissi addietro sempre sulle questioni SUSCITATE dal Bianchi:

    <span><span>Enzo Bianchi ha scritto un testo ALLARMANTE (per lui ) e drammatico su Jesus di aprile 2011, ... e nel quale si domanda: </span></span>
    <span><span>DOVE STA ANDANDO LA CHIESA?  
    la sua domanda è per LA DELUSIONE al fatto che il suo "credo" si stia sbriciolando....e tuttavia ci trascina dentro, con ottime ragioni, la Gerarchia....  
    il Bianchi si chiede, sulla Riforma che sta avvenendo:  
     
    Tanta fatica per cambiare, quasi cinquant’anni fa – uno sforzo compiuto con entusiasmo ma a volte anche a prezzo di sofferenza e sottomettendo le nostre nostalgie personali al bene della vita ecclesiale – secondo le indicazioni del concilio e del papa: e oggi? Perché ci sono presenze nella chiesa che vorrebbero spingerci a essere con il papa contro i vescovi oppure con i vescovi contro il papa, persino quando si tratta di celebrare l’eucaristia, luogo per eccellenza della comunione ecclesiale?  
    Si dice che il cammino ecumenico è irreversibile, ma poi vediamo che molti vorrebbero correggere la sua comprensione consegnataci dal Vaticano II.  
     Papi e vescovi ci hanno insegnato che il vero ecumenismo non significava ritorno alla chiesa cattolica, bensì cammino verso un’unità che i cattolici confessano essere un principio già presente nella loro chiesa, ma che deve essere ancora completata, in quanto mai piena nelle diverse forme e convergenze.  
    Abbiamo forse avuto vescovi e papi come “cattivi maestri”? E i “gesti” così eloquenti compiuti dagli ultimi papi erano forse temerari, favole da non prendere sul serio?  
     
    ****************  
    come dargli torto? :-[   
     </span></span>
    <span><span>continua....</span></span>

    RispondiElimina
  98. <span><span>gravissimo è quanto dice Bianchi qui, e che è VERO!!  
     
     Papi e vescovi ci hanno insegnato che il vero ecumenismo non significava ritorno alla chiesa cattolica, bensì cammino verso un’unità che i cattolici confessano essere un principio già presente nella loro chiesa, ma che deve essere ancora completata, in quanto mai piena nelle diverse forme e convergenze.  
    Abbiamo forse avuto vescovi e papi come “cattivi maestri”?  
     
    **********  
     
    qui non basta cambiare i vescovi quando ESCONO ALLO SCOPERTO..... è indispinsabile nominare Vescovi INCORROTTI!!!!  
    Vescovi che non insegnano l'ambiguità e il SINCRETISMO....  
    Bianchi avrà tutti i difetti di questo mondo, ma ciò che ha detto è la verità, quella verità SCOMODA che l'amata Gerarchia finge ancora di non vedere....  
    E se vi è per noi GIUBILO per le ammissioni di Bianchi perchè sottolineano UNA DISFATTA palese di certo catto-modernismo, è altrettanto vero che abbiamo poco da giubilare, perchè ciò che dice essendo vero non fa altro che confermare la gravissima CONFUSIONE, AMBIGUITA' in cui viviamo perchè, parlando di SINCRETISMO, questo non si esplica solo nel mondo interreligioso, ma anche DENTRO LA CHIESA quando si fa comprendere ai fedeli, come scrive Bianchi, una via CHE POI RISULTA ESSERE SBAGLIATA... quando mai infatti la Chiesa avrebbe insegnato che NON E' NECESSARIO CONVERTIRSI ALLA CHIESA? eppure non è solo Bianchi ad aver capito che questo la Gerarchia insegnava, ma migliaia di cattolici lo hanno creduto..</span></span>
    <span><span><span>Bianchi ha ragione da vendere..... ma poichè le sue considerazioni NON sono quello che insegna la Chiesa e che provengono da una IDEA ERRATA CHE LUI SI ERA FATTA DELLA CHIESA, PUO' UN CIECO GUIDARE UN'ALTRO CIECO?</span></span></span>
    <span><span><span>e come fa il Bianchi che solo due mesi fa scriveva QUESTO SFOGO a fare OGGI affermazioni diverse riproponendo L'ERRORE?</span></span></span>
    <span><span><span> ;) </span></span></span>

    RispondiElimina
  99. Cara ova, prima di criticare i commenti altrui, cerca di fare tu lo sforzo di partorire un commento, una riflessione che abbiano un contenuto, un senso, un costrutto, non c`è bisogno che siano lunghi, complessi o complicati, ma solo che siano leggermente consistenti, non potrebebro che essere un progresso rispetto a ciò che hai, fino ad oggi, lasciato come traccia su questo blog.

    RispondiElimina
  100. 56 anni...tutti denti miei...divroziato...ingegnere...catechista

    RispondiElimina
  101. Effettivamente da anni, otto credo, ha luogo a Bosè un Convegno liturgico, molto gettonato.

    RispondiElimina
  102. micapizza&fichi18 giugno 2011 09:38

    dall'OMELIA DI PASQUA  2011 di Enzo Bianchi

    "Gesù è morto, è realmente morto, morto come muore un uomo, morto come muore una vita animale. Ma Dio lo ha rialzato dalla morte e gli ha dato la sua vita divina, la vita eterna. Non ha rianimato un cadavere, non ha fatto tornare in vita un morto – facciamo attenzione – ma gli ha dato la sua stessa vita, la vita divina, la vita eterna".

    Nella mia semplicità io credo che Gesù è risorto, che è stato toccato (da Tommaso) e che ha mangiato il pesce con gli apostoli ...
    Sempre nella mia semplicità credo che Gesù è vero uomo e VERO DIO, UNICO SALVATORE DEL MONDO.
    Nella mia semplicità credo che quello che afferma Enzo Bianchi durante l'omelia di Pasqua sia oggettivamente un problema.

    Dopo di che si apre tutto l'immenso discorso ben descritto da LDCaterina63.
    Questi (i bevitori del bianchino) credono di aver capito tutto  ed accusano chi si sta riprendendo dalla sbornia postconciliare di voler tradire gli amici del bar, preferendo far colazione in casa, con la moglie ed i figli... 

    RispondiElimina
  103. <span>56 anni...tutti denti miei...divroziato...ammiratore di T.Merton e Van Deer Meer...ingegnere...catechista</span>

    RispondiElimina
  104. micapizza&fichi18 giugno 2011 09:44

    Nota di merito per Enzo Bianchi di non nascondersi ed essere esplicito ed a LDCaterina63 di aver colto il particolare: Bose è un problema perchè molti vescovi guardano lì con "innocenza". Il problema non è la libertà di Enzo Bianchi di dire quel che gli pare, ma l'incapacità di non assolutizzarne le (talora strampalate) tesi. Il Papa lo ha chiamato a Roma durante il Sinodo sulla Parola. Un riconoscimento all'onestà di un cammino, un'occasione per respirare la vera realtà della Chiesa intera, i suoi tormenti e la sua lucidità: Bianchi, in umiltà, e gratificato da tanto onore, avrebbe potuto tornare convertito ed aiutare chi si fida di lui. Invece pare essersi accreditato istruttore del sinodo intero, che in effetti ha concluso i lavori dicendo cose molto diverse da quelle che credeva di aver capito lui... Ma tornato a Bose, Roma che vuoi che sia, una cittadina abitata da innamorati del passato....

    RispondiElimina
  105. <span><span>"Non è questione di carismi è questione di ortodossia</span>. Le poesie commuoventi le scrivono in tanti, ma non per questo entrano a far parte della dottrina cattolica.<span> E' invece palese il tentativo di usare i sentimenti e l'emotività per scardinare la dottrina e la fede. "</span></span>

    Grazie Labronicus per queste parole da incorniciare.

    RispondiElimina
  106. <span> "Ma lo sa Marco quante interpretazioni sono state date del primo versetto della Genesi, e tutte accettabili?"</span>

    A me basta leggere questa frase per passare oltre, siamo fuori dalla Chiesa cattolica, partendo da questa evidenza il Bosiano può dir quel che vuole.

    RispondiElimina
  107. <span> "E' una delle forme più subdole di errore, perchè sembra(SEMBRA) quasi (QUASI) tutto giusto." </span>

    Concordo, purtroppo Bianchi non ha l`esclusività di quel tipo di insegnamento dove, fra cose apparentemente ortodosse, anche se sovente approssimative, si intrufola l`errore, se non l`eresia.

    RispondiElimina
  108. scusate ma che cavolo di "omelia" può tenere Bianchi che non è un prete? Non esageriamo adesso... la prossima volta diremo che scrive encicliche e proclama dogmi...
    Il signor Enzo Bianchi mi risulta non essere canonicamente nulla... E' ricnonsciuta la sua comunità come società di vita apostolica? e da chi?

    RispondiElimina
  109. <span><span><span>"Perché ci sono presenze nella chiesa che vorrebbero spingerci a essere con il papa contro i vescovi oppure con i vescovi contro il papa, persino quando si tratta di celebrare l’eucaristiA"? </span></span></span>
    Basterebbe che i vescovi fossero concordi con il Papa.... Ma ci sono quelli che sono contro il Papa (e con Bianchi) e ci sono i fedeli che sono con il Papa, odiati dai Vescovi (e da Bianchi).....

    RispondiElimina
  110. Finalmente qualche argomentazione al posto degli insulti. Per concludere due precisazioni
    1. Tommaso non ha affatto toccato il Risorto (Giovanni 20, 27-28)
    2. Le diverse interpretazioni del versetto 'In principio creavit Deus caelum et terram' sono esposte, tutte come cattoliche, nel dodicesimo libro delle Confessioni (Agostino a sua volta ne fornisce una sua personale)

    RispondiElimina
  111. e poi è vero che chiunque può essere 'onesto cercatore di DIo', ma se nel cercare Dio e esporre agli altri le sue conclusioni si spaccia per monaco ( e lo si volgia o no la gente oggi ancora pensa - stranamente...- che un monaco vada in giro a predicare la fede della Chiesa e non le proprie tesi personali) inganna il prossimo: e allora diventa un "disonesto" cercatore di Dio, falso profeta, lupo in veste di agnello.

    RispondiElimina
  112. f. Marie des Anges18 giugno 2011 11:20

    PER BOSIANO:
    caro bosiano vorrei che mi dessi una risposta chiara (sono ancora affezionato a quella vecchia storia del "si si no no".
    A me Enzio Bianchi fa venire il latte alle ginocchia.
    Spegne ogni entusiasmo per la fede e le cose di Dio.
    Catalizza persone che la pensano in modo radicalmente opposto da me.
    Mi viene imposto come maitre a penser incriticabile in ogni incontro di lettura del vangelo che frequento, e quando si cita Bianchi è per zittire l'interlocutore con il peso della sua auctoritas: se io dico che a Bianchi prefrerisco ril Vescovo, chiunque esso sia, come maestro di interpretazione della "Parola" (non mi piace questa espressione perchè il Logos non è solo parola ma anche pensiero, ragione, logica, e si rischia di far passsare un concetto limitativo: che il messaggio di Dio all'uomo si riduca alla comunicazione verbale), e che a BIanchi preferisco il catachismo della chiesa cattolica , vengo preso per i fondelli.
    Lo trovo umanamente e fisicamente sgradevole.
    Torvo assurdo che i monasteri dove vado in ritiro mi ricevano gratis e a Bose invece si paghi, e non poco.
    Mi stupisco che a Bose nessuno chieda conto con procedimenti inquisitoriali di tutti i dettagli del suo credo e che invece la FSSPX sia sottoposta da tre anni a un minuziosissimo "processo galileo".
    De mattei mi può lasciare in cetti casi perplesso, ma espone idee che ritrovo nel magistero della Chiesa: quiando lo leggo penso, e non mi straccio le vesti.
    Bianchi ha scritto contro la liberalizzazione della Messa antica, che ha deterimanto la mia conversione e alcuni dei momenti più feridi della mia vita spirituale.
    LA DOMANDA E': se Bianchi è chiamato dal Papa al sinodo, IO SONO CATTOLICO? ( o posso sperare di essere accolto a Bose solo perchè è una comunità interconfessionale?)

    RispondiElimina
  113. Enzo Bianchi è la corazzata potemkin della teologia moderna!
    http://www.youtube.com/watch?v=Ib_qqj6Pc2Q

    RispondiElimina
  114. Ma il laico Enzo Bianchi può dire un`omelia?

    RispondiElimina
  115. Caro don Bernardo, vai a leggerti quest'altra catechesi con cui sono state deformate generazioni di diversamente-credenti (e continuano ad esserlo) e poi, ti prego, ricordaci nella tua Santa Messa!

    RispondiElimina
  116. f. Marie des anges18 giugno 2011 11:58

    ..ovviamente no answer... tipica tattica del progressismo al potere: il problema tradizionalista non esiste...

    RispondiElimina
  117. ...voi avete le vostre opinioni io ho la mia chiarita dal mio Vescovo e quindi mi sento tranquillo di essere in linea con la Chiesa di Roma e con il Papa...... questo blog sempre molto interessante a volte però , come in questo caso, è simile alla Santa Inquisizione.... e questo non è bello.....

    RispondiElimina
  118. Esimia Caterina, l'ospite di cui sopra sono io.
    Il tuo commento mi pare allucinato: non parlo del Santo Padre, parlo del tuo intervento precedente: sei TU a scrivere "come rammenta la stessa Lettera di Pietro: In esse (Lettere di Paolo) come rammenta la stessa Lettera di Pietro: In esse (Lettere di Paolo) "

    RispondiElimina
  119. Redazione di Messainlatino.it18 giugno 2011 12:13

    Così al riguardo la Redemptionis Sacramentum:

    [161.] Come è stato già detto, l’omelia è per la sua importanza e natura riservata al Sacerdote o al Diacono durante la Messa.[260] Per quanto attiene ad altre forme di predicazione, se in particolari circostanze la necessità lo richiede o in specifici casi l’utilità lo esige, si possono a norma del diritto ammettere a predicare in chiesa o in un oratorio al di fuori della Messa, i fedeli laici.[261] Ciò può avvenire soltanto per l’esiguità del numero di ministri sacri in alcuni luoghi al fine di supplire ad essi e non lo si può mutare da caso di assoluta eccezionalità a fatto ordinario, né deve essere inteso come autentica promozione del laicato.[262] Va, inoltre, ricordato che la facoltà di permettere ciò, sempre ad actum, spetta agli Ordinari del luogo e non ad altri, neppure Sacerdoti o Diaconi.

    RispondiElimina
  120. <span>Esimia Caterina, l'ospite di cui sopra sono io.  
    Il tuo commento mi pare allucinato: non parlo del Santo Padre, parlo del tuo intervento precedente: sei TU a scrivere "come rammenta la stessa Lettera di Pietro: In esse (Lettere di Paolo) ".</span>
    <span>Se il papa continua a dare del santo ai grandi del cattolicesimo, direi che ti smentisci da sola.</span>
    <span>Prima di attaccare gratuitamente, capisci i rilievi che ti vengono mossi. E parlo di rilievi, non di polemiche.</span>

    RispondiElimina
  121. f. Marie des anges18 giugno 2011 12:17

    cosa dice il suo Vescovo?

    RispondiElimina
  122. Tra l'altro, attraverso la loro casa editrice Qyqajon (ebraico per amicizia, mi pare) hanno propagato in Italia le spiritualità ebraica e ortodossa, mentre quella cattolica medievale -pur presente nelle loro collane- non interessa a nessuno.

    RispondiElimina
  123. Ah, dunque, uno che si è permesso di negare le apparizioni mariane a Fatima con relativo messaggio perché non avrebbero avvertito il Popolo Eletto del futuro Olocausto è cattolico?
    Siamo sicuri che con "cattolico" intendiamo lo stesso concetto?

    RispondiElimina
  124. Bosiano lei è pentecostale n'è vero? :-D  e si perchè uno che mi va a dire che san Tommaso non ha toccato il Cristo è uno che legge la Bibbia con il metodo protestante del SOLA SCRIPTURA.... ;)
    Vede, al CATTOLICO è sufficiente che Gesù abbia detto: "METTI QUI IL TUO DITO...." se poi Tommaso l'abbia toccato o meno, NON CI INTERESSA, non ci cambia la vita, non ci cambia la dottrina, ma per voi, per Bose, per Lutero e company si....non è importante ciò che ha detto Gesù, ma se ciò che è scritto è avvenuto LETTERALMENTE....
    ecco perchè Gesù ha affidato L'INTERPRETAZIONE ALLA CHIESA e non alle opinioni personali, o ai sondaggi: l'ha tooccato si o no?
    :-D
    le Confessioni di sant'Agostino NON sono mai state ufficializzate come DOGMI.... ;)
    le Confessioni AIUTANO per un PERCORSO PERSONALE E COMUNITARIO a comprendere come sant'Agostino riuscì a trovare IL VERO DIO... e non è certo il metodo che intende lei caro Bosiano, nè il metodo di Bose...

    argomenti ancora, fino a qui non ha risposto alle probblematiche suscitate da Bianchi e dalle sue condivisioni a lui....

    RispondiElimina
  125. Redazione di Messainlatino.it18 giugno 2011 12:31

    Non mi pare che da Gv. 20, 27-28 si possa concludere che S. Tommaso non abbia affatto toccato il Risorto.

    FZ

    RispondiElimina
  126. Da quanto ricordo, non potrebbe senza permesso episcopale.

    RispondiElimina
  127. <span>Bosiano lei è pentecostale n'è vero? :-D  e si perchè uno che mi va a dire che san Tommaso non ha toccato il Cristo è uno che legge la Bibbia con il metodo protestante del SOLA SCRIPTURA.... ;)  
    Vede, al CATTOLICO è sufficiente che Gesù abbia detto: "METTI QUI IL TUO DITO...." se poi Tommaso l'abbia toccato o meno, NON CI INTERESSA, non ci cambia la vita, non ci cambia la dottrina, ma per voi, per Bose, per Lutero e company si....non è importante ciò che ha detto Gesù, ma se ciò che è scritto è avvenuto LETTERALMENTE....  
    ecco perchè Gesù ha affidato L'INTERPRETAZIONE ALLA CHIESA e non alle opinioni personali, o ai sondaggi: l'ha tooccato si o no?  
    :-D  
    le Confessioni di sant'Agostino NON sono mai state ufficializzate come DOGMI.... ;)  
    le Confessioni AIUTANO per un PERCORSO PERSONALE E COMUNITARIO a comprendere come sant'Agostino riuscì a trovare IL VERO DIO... e non è certo il metodo che intende lei caro Bosiano, nè il metodo di Bose...  
     
    argomenti ancora, fino a qui non ha risposto alle probblematiche suscitate da Bianchi e dalle sue condivisioni a lui....</span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  128. Monaco deriva dal greco monos=solo. Erano i solitari (eremiti) che lontani da tutto e da tutti nell'Egitto del IV-V secolo fuggivano nel deserto per cercare Dio. I loro nemici erano le donne e i vescovi: le prime per ovvi motivi carnali; i secondi perché volevano costringerli ad uscire dai monasteri per portare le ricchezze del Cielo ai fedeli ordinari.
    Mi pare invece che Bianchi non possa essere considerato monaco né nel senso storico del termine né in quello canonico-cattolico (religioso che vive tutta la sua vita all'interno del monastero pregando e lavorando).
    Cercatore di Dio? Solo Dio lo può sapere; ma è certo che se uno gira l'Italia (e non solo) per conferenziare tutto il tempo non ha molto tempo da dedicare all'Assoluto. Oppure cerca nei ritagli di tempo, come hobby rilassante?

    RispondiElimina
  129. <span>dall'OMELIA DI PASQUA  2011 di Enzo Bianchi postata più sopra, leggo 
     
    "Gesù è morto, è realmente morto, morto come muore un uomo, morto come muore una vita animale. Ma Dio lo ha rialzato dalla morte e gli ha dato la sua vita divina, la vita eterna. Non ha rianimato un cadavere, non ha fatto tornare in vita un morto – facciamo attenzione – ma gli ha dato la sua stessa vita, la vita divina, la vita eterna".  
    </span>
    <span>*****</span>
    <span> =-O *DONT_KNOW*  questo modo di parlare è ambiguo e tende a negare LA RISURREZIONE DEI CORPI.... certo che se concentro l'attenzione sul CADAVERE RIANIMATO, rischio di farmi sfuggire LA RISURREZIONE DEL CORPO.... Dio LO HA RESUSCITATO DAI MORTI E IL SUO CORPO E' DIVENTATO GLORIOSO, SI E' TRASFORMATO COME AVVERRA' ANCHE PER NOI...come è avvenuto già per Maria Santissima con l'Assunzione al Cielo...</span>
    <span>ergo si, DIO HA RIANIMATO IL CADAVERE DEL CRISTO..anche se il termine "cadavere non è del tutto corretto essendo stato solo tre giorni nel sepolcro...ma Dio lo ha RISUSCITATO DAI MORTI...il SUO CORPO HA SUBITO LA TRASFORMAZIONE, LE SUE PIAGHE DA RISORTO ATTESTANTO CHE QUELLO E' ANCORA IL SUO CORPO TRASFORMATO...</span>
    <span>chi nega la RISURREZIONE DEI CORPI- DEI CADAVERI.... E' ERETICO!</span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  130. P.S.
    faccio notare che a Bose NON si venerano reliquie nè CADAVERI.....
    al contrario la Chiesa VENERA I CORPI DI TUTTI I DEFUNTI specialmente dei Beati e dei Santi i quali, nelle teche ATTENDONO LA RISURREZIONE DEL PROPRIO CORPO.....
    il termine cadavere è scorretto nella dottrina cattolica perchè noi abbiamo IL CULTO DEI DEFUNTI.... e suonerebbe con dispregio...come di un essere ABBANDONATO DA DIO E CIBO PER GLI AVVOLTOI...

    RispondiElimina
  131. può fornirmi il nome del "suo" vescovo e un recapito dal quale contattarlo?
    lo sapeva che neppure un vescovo, in tema dottrinale, può rispondere con le proprie opinioni?
    ci può allora citare quale Magistero il Vescovo le ha dato per tranquillizzarla?
    ;)
    bè sa...un Bianchi che nega LA RISURREZIONE DEI CORPI e sostiene che Gesù NON è risorto CON IL SUO CORPO la dice lunga sull'eresia, qui si nega ciò che si professa NEL CREDO...
    se lei è tranquillo, rimanga tale, ma non imputi atti da inquisizione a chi fa emergere problemi di comprensione con dottrine staccate dalla Chiesa...
    Grazie!

    RispondiElimina
  132. Eppure Enzo Bianchi è una delle più gettonate presente "formative" nelle facoltà teologiche pontificie! :(

    RispondiElimina
  133. :-[  ne prendo atto e chiedo venia...grazie per la correzione....

    RispondiElimina
  134. Vi invito a leggere questa riflessione su un articolo di E. Bianchi, pubblicato da Jesus, dal titolo: "Chiesa 'affaticata' o 'disorientata'?"
    E, eventualmente, l'orientamento pretenderebbe darcelo Lui?

    RispondiElimina
  135. Vi invito a leggere questa riflessione su un articolo di E. Bianchi, pubblicato da Jesus, dal titolo: "Chiesa 'affaticata' o 'disorientata'?"
    E, eventualmente, l'orientamento pretenderebbe darcelo Lui?

    RispondiElimina
  136. Noto alcune incongruenze: divorziato (spero non per causa tua, spero che tu non sia risposato nè che tu conviva) e soprattutto catechista. Se hai dubbi sulla fede lascia stare la catechesi, faresti solo danni. Ma soprattutto il pronblemi di quelli come te è che dubbiosi sono e dubbiosi vogliono restare.

    RispondiElimina
  137. Sì, è cattolico perché oggi per essere cattolici basta autodefinirsi come tali. L'adesione alla dottrina non agli articoli di fede, alla morale conta meno di zero. Dunque cattolico è Bianchi, ma anche Lutero, ma anche Calvino, ma anche Moana Pozzi, ma anche il Dalai Lama, ma anche Vendola, ma anche Luxuria, ma anche Veltroni alla cui concezione inclusiva-assolutistica del am anche anche la odierna Chiesa cattolica sembra ispirarsi.

    RispondiElimina
  138. Lo scontro è tra l'oggettico e il soggettivo: lo si vede nella liturgia. L'aspetto soggettivistico, anche quando ha la faccia mite e ascetica, poetica e pacifica ha sempre una cifra di superbia.

    RispondiElimina
  139. Ma che è pure ariano Bianchi? p.s. Non intendo seguace del III Reich, ovviamente!

    RispondiElimina
  140. ah ah ah!!!!!! fantastica ed elegante similitudine di fantozziana memoria!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  141. Per Caterina: non sono un pentecostale, né niente di simile. Da quaranta anni, anche per ragioni professionali  studio la Patristica, la Scolastica e la storia della Chiesa, studio cioè la Tradizione con la T maiuscola, che è ben più antica e fondata delle tradizioni di cui ci si riempie la bocca in questo blog. E a chi studia non ci vuole molto per vedere quanti mutamenti si siano avuti nei secoli nel rapporto con la Scrittura, che non è il Corano eterno e increato, ma parola insieme ispirata e umana che deve sempre essere reinterpretata da e nella Chiesa. E questa è dottrina comune dei Padri e dei grandi teologi medievali. Un solo esempio, e non marginale: la dottrina della redenzione come sostenuta da Anselmo (il Figlio che solo, con la sua morte, può soddisfare vicariamente il debito contratto dall'uomo con Dio a causa della sua disobbedienza) è assai diversa da quella di Agostino e della teologia del primo medioevo(facendo condannare Gesù e ignorando che egli era insieme uomo e Dio, il demonio ha perso il potere che legittimamente aveva su di noi.) Opinioni diverse, ed entrambe legittime, dato che la Chiesa non ha mai scelto. E dunque, allargate un po' gli orizzonti e il respiro
    Per la Redazione: nel testo di Giovanni, davanti all'invito di Cristo Tommaso risponde con una professione di fede, non mette il dito nel costato. E il rimprovero del Risorto è che egli ha creduto perché ha veduto, non perché ha toccato. Comunque ecco qui, nel piccolo, un caso di esegesi diverse e entrambe valide (o è un dogma di fede che l'Apostolo ha infilato il dito nella ferita?)

    RispondiElimina
  142. "Reinterpretata" ? mica tanto. E comunque sempre alla luce della Tradizione, che è l'unica, vera, perenne "pietra di paragone". E il sig. Bianchi non passa lo scrutinio, come hanno ben dimostrato l'analisi e gli esempi riportati qui sopra da micapizza&fichi. P.S. Il mio orizzonte e il mio respiro travano amplissimo spazio nell'infinito metastorico, teologico e metafisico della Tradizione. Ciò mi basta. 

    RispondiElimina
  143. f. Marie des anges18 giugno 2011 15:38

    per me nessuna risposta?

    RispondiElimina
  144. caro Bosiano l'unica VERA SAPIENZA non ci è data dai libri.... immagino che questo lei l'avrà ben imparato dai Padri che appunto legge... e le rammento che anche Lutero leggeva i Padri ed era un'appassionato di sant'Agostino, era  AGOSTINIANO eppure ha dato il via alla peggior apostasia della storia della Chiesa USANDO SANT'AGOSTINO.... ;)

    E' ambiguo affermare questo che lei dice: E a chi studia non ci vuole molto per vedere quanti mutamenti si siano avuti nei secoli nel rapporto con la Scrittura, ..... ma parola insieme ispirata e umana che deve sempre essere reinterpretata da e nella Chiesa.

    *****
    i mutamenti NON sono NELL'INTERPRETAZIONE DELLA SCRITTURA MA NEI MODI DI PORTARLA NEL PROPRIO TEMPO....
    ED E' FALSO CHE DEBBA ESSERE REINTERPRETATA..... =-O =-O =-O
    Si REINTERPRETANO I MODI E LE MODALITA' DEL  PASTURARE MA NON DEL SIGNIFICATO GIA' RAGGIUNTO...la Chiesa VA AVANTI E NON INDIETRO...
    Ciò che venne deciso dogmaticamente al Concilio di Nicea, di Efeso, di Trento, Lateranense ecc... E' DEFINITIVO NON PIU' INTERPRETABILE... quando Trento decise ufficialmente il Canone, fu DEFINITIVO... quanto decise sull'Eucarestia E' DEFINITVO...
    NON TUTTE LE OPINIONI SONO ENTRAMBE LEGITTIME NON ABBIAMO TANTE VERITA' MA UNA SOLA....

    I contrasti fra i Padri e alcuni Santi non sono quelli che lei vorrebbe addossargli o nel contesto di una REINTERPRETAZIONE DELLE SCRITTURE.... si legga Benedetto XVI mentre spiega i Padri e i Dottori e nel periodo del Medioevo e comprenderà...

    Lei continua a portare LE SUE OPINIONI senza suffragarle di PROVE MAGISTERIALI ECCLESIALI.... ;)
    legittime nel rispetto del dialogo, ma inaccettabili sul piano DOTTRINALE CATTOLICO....

    Ritorna sulla scena di san Tommaso che non avrebbe toccato la ferita del Costato aperto...ma non risponde alla osservazione che le ho fatto e che proviene dal CATECHISMO:
    al CATTOLICO è sufficiente che Gesù abbia detto: "METTI QUI IL TUO DITO...." se poi Tommaso l'abbia toccato o meno, NON CI INTERESSA, non ci cambia la vita, non ci cambia la dottrina, ma per voi, per Bose, per Lutero e company si....non è importante ciò che ha detto Gesù, ma se ciò che è scritto è avvenuto LETTERALMENTE....    
    ecco perchè Gesù ha affidato L'INTERPRETAZIONE ALLA CHIESA e non alle opinioni personali, o ai sondaggi: l'ha tooccato si o no?

    Noi con la Chiesa risponderemo: SI, L'HA TOCCATO!! perchè Gesù ha anche risposto: beati coloro che crederanno pur non avendo visto...Tommaso voleva VEDERE E TOCCARE, Gesù SI FA VEDERE E LO INVITA A METTERE IL DITO NELLA PIAGA....punto! stop!
    e il quadro è stato immortalato NELLA TRADIZIONE dagli artisti, e dalla PIETA' POPOLARE della quale la invito a leggersi IL DIRETTORIO del 2002....

    Stia attento ad usare sant'Agostino al di fuori del MAGISTERO PONTIFICIO.... Lutero dovrebbe averle insegnato la lezione... ;)
    se vuol essere più convincente, mi porti il Magistero dei Papi sulle sue affermazioni, diversamente lei potrebbe essere tranquillimante un non cattolico, di tutto rispetto, ma non cattolico!

    RispondiElimina
  145. f. Marie des anges18 giugno 2011 15:43

    visto che BOSIANO non mi risponde gli faccio un'altra domanda.
    QUante vocazioni alla vita sacerdotale ha prodotto Bose dalla fondazione (canonica o di mero fatto o di diritto civile?) ad oggi?

    RispondiElimina
  146. f. Marie des anges18 giugno 2011 15:44

    io ho un parente bosiano: per lui Lutero è un grande della fede... quindi inutile metterli in guardia sugliu errori luterani, anzi, controproducente...

    RispondiElimina
  147. Ma quali errori luterani ma Grazie a Dio Lutero ci ha liberato la Tirannide di questa chiesa piena di preti pedofili e simonaici.


    <p><span>Il CRISTIANO E’ LIBERO SIGNORE SOPRA OGNI COSA E NON E’ SOGGETTO A NESSUNO</span>
    </p><p><span></span>
    Martin Lutero della libertà del cristiano

    Cosa volete c'è chi ama libertà e chi la tirannide ad oguno il suo

    grazie Martin</p>

    RispondiElimina
  148. <span>Ma quali errori luterani fatela finita, se parliamo degli errori della Chiesa cattolica stiamo qui fino a domani, ma non avete proprio vergogna. Grazie a Dio Lutero ci ha liberato dalla Tirannide di questa chiesa piena di preti pedofili e simoniaci. 
     
     <span>Il CRISTIANO E’ LIBERO SIGNORE SOPRA OGNI COSA E NON E’ SOGGETTO A NESSUNO</span>  


    <span></span> 
    Martin Lutero della libertà del cristiano  
     
    Cosa volete c'è chi ama libertà e chi la tirannide ad oguno il suo  
     
    grazie Martin
    </span>

    RispondiElimina
  149. Andrea Carradori18 giugno 2011 16:22

    Un laico che si è presentato davanti al PAPA rivestito della cocolla benedettina e con una grande croce pettorale, bellissima non quella dell'immagine che ho frettolosamente trovato  e postato.
    Per me il Dott.Bianchi può far quel che vuole ma trovo inquietante che debba solo lui parlare su Radio3, emittente pubblica, come se fosse un vescovo.

    RispondiElimina
  150. dal sito:
    Nel corso dei quarant'anni della sua storia, la comunità di Bose si è arricchita di volti nuovi provenienti da numerose regioni italiane e anche dall’estero. Essa è composta attualmente da circa ottanta membri, tra fratelli e sorelle, di sette nazionalità differenti.

    ***********

    ciò che colpisce non sono i numeri, ma ciò che dice dopo:

    Sono praticamente tutti laici, nel solco della tradizione del monachesimo primitivo e a riprova della semplicità e della poca visibilità e rilevanza che Bose vuole assumere in seno alla chiesa

    ****
    :-D  stando al suo priore Bianchi forse I SUOI MONACI NON DEVONO AVERE VISIBILITA', ma lui si....

    Bosiano....non è che lei è uno della comunità di Bose e che sta trasgredendo la REGOLA ? quardi che la rilevanza, la vendita di libri e la visibilità spetta solo al suo priore.... :-D

    RispondiElimina
  151. Grazie a Dio Lutero ci ha liberato dalla Tirannide di questa chiesa piena di preti pedofili e simoniaci

    :-D  guardi che le sfugge un piccolo particolare...il Papa c'è ancora, LUTERO NO! :-D
    quanto ai preti pedofili si vada a leggere le statistiche dei pastori protestanti, sono superiori a quelle cattoliche solo che le vostre non fanno notizia perchè NON SIETE LA CHIESA....anche i Media lo sanno.... contento lei di giocare con le statistiche sulla pelle degli innocenti.... almeno nella Chiesa si denunciano questi preti, da voi li si coprono...

    RispondiElimina
  152. Se non è troppo impegnato a leggere o ad ascoltare il suo guru (e/o ad adorarlo), vada a leggersi oltre ai documenti che le ha egregiamente suggerito LDCaterina63, anche quelli emessi dalla Pontificia Commissione Biblica e confermati dai Pontefici in merito alla storicità ed alla interpretazione dei primi undici capitoli del libro della Genesi.
    Le suggerisco inoltre il n. 458 del Catechismo di S. Pio X (mai abrogato): La Chiesa sola può con autorità farci conoscere interamente e nel vero senso le verità contenute nella Scrittura e nella Tradizione, perchè a lei sola Dio ha affidato il deposito della Fede e mandato lo Spirito Santo, che continuamente l'assite affinchè non erri.
    Ed anche il n. 460: Gli insegnamenti della Tradizione si devono tenere in quel medesimo conto in cui si tiene la parola di Dio rivelata, contenuta nella Sacra Scrittura.
    Quindi, le chiedo: Dio ha affidato il deposito della Fede alla Chiesa (l'unica Chiesa di Cristo) o al sig. Enzo Bianchi per il quale Gesù era un taumaturgo ed un guaritore ?

    Io questa sera andrò alla S. Messa tridentina e pregherò per lei e per tutti quelli che sono ipnotizzati da falsi profeti e dai cattivi maestri.

    RispondiElimina
  153. sono anceh convivente...pero' entro fine anno mi risposo...

    RispondiElimina
  154. sono anche convivente e entro fine anno mi risposo...se il parroco, gli altri catechisti  e la comunità accettano che io faccia il catechista suppongo sia sufficiente: stai tranquillo che non vado fuori del seminato e mi attengo rigorosamente ai testi di riferimento

    RispondiElimina
  155. <span>L'amore per Cristo e verso Dio è POESIA...per l'ortodossia si puo' avere solo rispetto intellettuale...</span>

    RispondiElimina
  156. le apparizioni non sono oggetto di fede "vincolante" (se vogliamo usare questa canonica parola)

    RispondiElimina
  157. micapizza&fichi18 giugno 2011 17:52

    Detto che Bose è un punto di riferimento per molti parroci e sacerdoti cattolici che ci vanno a "ritemprarsi" dalle proprie fatiche pastorali; detto che gli stessi ben difficilmente citano le parole del Papa nelle loro omelie e catechesi ed informatori parrocchiali; detto che Enzo Bianchi è presente sulle riviste diocesane, del clero (oltre ai mass media nazionali) con una frequenza che nessun ingegnere commercialista ha mai rasentato nell'orbe terracqueo; detto che la chiesa che ha in mente Enzo Bianchi fa molto piacere a tutti i poteri forti che detestano quella che amo io e questo Papa in particolare;
    detto tutto ciò, rimane il fatto che oggi c'è un problema di chiarezza: la libertà interpretativa sulle Sacre scritture non può arrivare a storpiarle (l'esempio di Tommaso e del suo dito non è a beneficio dell'introduzione del polpastrello nella ferita aperta di Gesù risorto, ma a testimonianza che Gesù risorto fu visto non come un fantasma, ma come una persona in carne ed ossa, che mangia e consegna gli avanzi Lc 24,42-43);
    non si può continuare a parlare di "simbologie" come i bosiani (e purtroppo non solo loro) amano fare, ficcandole ovunque;
    non si possono deprezzare i sacramenti (altra specialità della campagna piemontese) a beneficio della Parola, ed in più interpretare questa Parola con le proprie parole... in effetti se due che si amano, sposati o no è uguale... un ingegnere ed un sacerdote è uguale... l'eucaristia è solo una delle mense -naturalmente simbolica- perchè ci nutriamo maggiormente all'altra, quella dell'ambone, ma non secondo il menu di chi l'ha scritta, ma del predicatore... beh, gh'è un quai cos che va minga ben.         

    RispondiElimina
  158. Bianchi non è cattolico?...non mi pare che sia stato "multato" o ridotto allo stato laicale da nessuno di Roma dove di solito sono molto solerti a intervenire sulla vera o presunta NON ortodossia delle persone

    RispondiElimina
  159. mai sentito parlare di ESEGESI BIBLICA?...un esempiuccio: quanto tempo c'è voluto nei secoli per arrivare ad accettare che nel Vecchio Testamento si parla spesso per simboli...il diluvio universale è stato considerato un evento storico fino  a quando?
    Si rischia di far passare in secondo piano il valore delle Scritture come luogo dove ogni uomo puo' cercare la via per camminare verso Dio.
    Tutte le domeniche quando sento dire (dopo le Letture) "Parola di Dio" sobbalzo sempre un po'......preferei "parola di uomini" che hanno cercato Dio (almeno per le letture dell'Antico Testamento)

    RispondiElimina
  160. micapizza&fichi18 giugno 2011 18:08

    Nei miei esempi avevo fin qui evitato un tema assai delicato, specie per chi con il mondo ha solo visioni positive e caso mai se ne tiene di negative solo sulla Chiesa cattolica, specie se critica con certe derive postconciliari (unico dogma di Bose).  

    Invito a leggere:
    http://www.monasterodibose.it/content/view/232/114/lang,it/

    La presente citazione è per spiegare un'altra specialità del priorato di Bose: lunga lista di riferimenti evangelici, in linea con il dato rivelato. Poi, inattesa, ma seminascosta, la stoccatina:


    <p><span>"Il linguaggio di queste pagine bibliche è certamente da decodificare con intelligenza, per non trasformare l’azione di Gesù in opere magiche o in “diavolerie”: se non si coglie l’intento degli evangelisti, che è quello di affermare la vittoria definitiva riportata da Gesù su queste forze demoniache, si finisce per fare dei demoni una presenza ossessiva che oscura la signoria di Dio e di Cristo. Nella conclusione “apocrifa” – cioè recepita come non autentica dalla chiesa dei primi secoli – del Vangelo di Marco, Gesù risorto avrebbe detto ai suoi discepoli “questo mondo di iniquità e di incredulità è sotto il dominio di Satana, il quale non permette che chi sta sotto il giogo degli spiriti impuri concepisca la verità e la potenza di Dio”. Abbiamo qui un’eco degli ambienti in cui è fiorita la letteratura apocrifa, permeata di idee gnostiche che radicalizzavano il dualismo tra bene e male, tra mondo della luce e mondo delle tenebre, finendo per demonizzare il cosmo intero in una sorta di nichilismo ante litteram".</span>
    </p><p><span></span>
    </p><p><span>Ed eccoci al dunque: il diavolo non esiste. Lo dice il priore. E il vangelo che dice un'altra cosa? Signore e signori, ma non ce l'avete il decoder? Decodificate! Se no il cosmo, il mondo, finirete con il vederlo con qualche sospetto. Ed invece è con il mondo che dobbiamo aprirci. Ed il suo "principe" così pernicioso, il cui rischio di plagio è ben descritto soprattutto dal vangelo di Giovanni? Suvvia, dove i vangeli parlano così c'è "un'eco apocrifa" (!!!!), un nichilismo ante litteram... </span>
    </p><p><span></span>
    </p><p><span>Alla fine, dice Enzo Bianchi, perchè preoccuparci? Tanto si sa già come finisce la partita. Tutto quello che avviene durante (la storia) che volete che sia? Godiamoci il mondo. Apriamoci. Tanto va tutto bene.</span>
    </p><p><span>(ci sarà mica ancora qualcuno che crede che l'inferno non è vuoto eh? ignoranti!)</span>
    </p><p><span>   </span></p>

    RispondiElimina
  161. Gesù Cristo ha detto : Chi mi ama osserva i miei comandamenti

    RispondiElimina
  162. f.Marie des anges... che t'ho da di? l'avrai spaventato! :-D :-D :-D
    magari è solo SABBATICO e dopo l'ora di pranzo non risponde fino alla domenica o al lunedì.... abbi fede suvvia! :-D :-D

    P.S.
    speriamo che il Bosiano sia anche ironico....

    RispondiElimina
  163. Nel qual caso credo che qualche preghiera particolare per te sia necessaria. Però non sentire che il passo che fai va gravemente contro una legge della Chiesa divinamente istituita e al tempo stesso sentirti a posto come cattolico e come catechista, mi lascia - quantomeno - perplesso.

    RispondiElimina
  164. f. Marie des anges18 giugno 2011 19:09

    vuol dire che dalla spiritualità bosiana non è mai uscito neanche un prete?

    RispondiElimina
  165. f. Marie des anges18 giugno 2011 19:12

    come? ci sarà mica qualcuno che crede ancora che l'inferno c'è?

    RispondiElimina
  166. Questo lo afferma anche il "mio" "parroco-teologo": dunque confermo che sono cattolico io, è cattolico Lutero, è cattolico il mio "parroco-teologo" e se vuole una doppia tessera di appartenenza religiosa (con tanti buoni-scusa da parte della Chiesa ufficiale) lo è anche il nostro amico Pietro Valdo. Sai quanti "fratelli separati" ci sono nella Chiesa Cattolica che non sanno di essere separati approverebbero con entusiasmo quello che dici?

    RispondiElimina
  167. f. Marie des anges18 giugno 2011 19:15

    comunque a me bosiano continua a non rispondere...
    forse è per carità evangelica: non vuole addolorarmi rivelandomi che sono fuori dalla CHiesa.
    O forse perchè non ha ancora fatto la lezione di "Dialogo" del Gran Priore....

    RispondiElimina
  168. :-[ ehm...francamente ho letto tutta la predica, ma non mi sembra che qui arrivi a negare l'Inferno o l'azione di Satana....
    la tua conclusione mi appare un pò forzata....

    mi pare piuttosto che egli, usando il brano apocrifo di san Marco, tenti di ALLEGGERIRE l'azione di Satana nel mondo, infatti ammonisce il Bianchi:

     per non trasformare l’azione di Gesù in opere magiche o in “diavolerie”: se non si coglie l’intento degli evangelisti, che è quello di affermare la vittoria definitiva riportata da Gesù su queste forze demoniache, si finisce per fare dei demoni una presenza ossessiva che oscura la signoria di Dio e di Cristo. Nella conclusione “apocrifa” , ecc.....

    ************

    Ma questa PRESENZA C'è ECCOME, lo dice anche lui, seppur è vero che non dobbiamo catechizzarla in modo OSSESSIVO infatti, Satana, non può fare nulla contro la nostra volontà, a meno che Dio non decida diversamente ;)  ma per il Bianchi Dio NON PERMETTE NULLA DI MALE, NON CASTIGA, non punisce... insomma, la sua spiegazione del Vangelo è assai RIDUTTIVA è quell'acqua di rose che si attende sempre da Dio la soluzione AI DANNI FATTI DA NOI STESSI.... salvo poi rinunciare a tutto ed entrare magari nella Comunità di Bose per espiare le proprie colpe e attendere il trionfale finale..... :-D

    GRAVE TROVO INVECE ALL'INIZIO QUANDO DICE CHE LA BIBBIA NON PARLA DELLA CREAZIONE DI SATANA...E CHE LA SUA ORIGINE RESTA OSCURA.... *DONT_KNOW*

    a parte che nell'elenco dei "nomi" attribuiti a Satana dimentica LUCIFERO del quale invece abbiamo la Scrittura che ne parla Isaia 14, 12-14 e Ezecchiele 28, 12,19 "ERI UN CHERUBINO DALLE ALI DISTESE, UN PROTETTORE"....
    e lo spiega san Tommaso d'Aquino nella Q.61 alla Creazione degli Angeli dove parla appunto di coloro che si ribellarono a Dio....e spiega:
    "il primo peccato degli angeli fu di affetto non ai beni corporali, ma ai beni spirituali...(..) il diavolo peccò subito dopo il primo istante della sua creazione" (q.63 )

    Non è un caso che TUTTI i Papi stanno implorando che san Tommaso d'Aquino RITORNI NEI SEMINARI.... ma dovrebbero cominciare ad imporlo altrimenti qui Bose comincerà a dire che non sappiamo COME è nata Maria perchè dal momento che i nomi Gioacchino ed Anna vengono dai vangeli apocrifi, potrebbe essere che la sua nascita SIA OSCURA.... :-D

    RispondiElimina
  169. appunto... I SUOI COMANDAMENTI

    RispondiElimina
  170. <span> :-[ ehm...francamente ho letto tutta la predica, ma non mi sembra che qui arrivi a negare l'Inferno o l'azione di Satana....  
    la tua conclusione mi appare un pò forzata....  
     
    mi pare piuttosto che egli, usando il brano apocrifo di san Marco, tenti di ALLEGGERIRE l'azione di Satana nel mondo, infatti ammonisce il Bianchi:  
     
     per non trasformare l’azione di Gesù in opere magiche o in “diavolerie”: se non si coglie l’intento degli evangelisti, che è quello di affermare la vittoria definitiva riportata da Gesù su queste forze demoniache, si finisce per fare dei demoni una presenza ossessiva che oscura la signoria di Dio e di Cristo. Nella conclusione “apocrifa” , ecc.....  
     
    ************  
     
    Ma questa PRESENZA C'è ECCOME, lo dice anche lui, seppur è vero che non dobbiamo catechizzarla in modo OSSESSIVO infatti, Satana, non può fare nulla contro la nostra volontà, a meno che Dio non decida diversamente ;)  ma per il Bianchi Dio NON PERMETTE NULLA DI MALE, NON CASTIGA, non punisce... insomma, la sua spiegazione del Vangelo è assai RIDUTTIVA è quell'acqua di rose che si attende sempre da Dio la soluzione AI DANNI FATTI DA NOI STESSI.... salvo poi rinunciare a tutto ed entrare magari nella Comunità di Bose per espiare le proprie colpe e attendere il trionfale finale..... :-D  
     
    GRAVE TROVO INVECE ALL'INIZIO QUANDO DICE CHE LA BIBBIA NON PARLA DELLA CREAZIONE DI SATANA...E CHE LA SUA ORIGINE RESTA OSCURA.... *DONT_KNOW*   
     
    invece abbiamo la Scrittura che ne parla Isaia 14, 12-14 e Ezecchiele 28, 12,19 "ERI UN CHERUBINO DALLE ALI DISTESE, UN PROTETTORE"....  
    e lo spiega san Tommaso d'Aquino nella Q.61 alla Creazione degli Angeli dove parla appunto di coloro che si ribellarono a Dio....e spiega:  
    "il primo peccato degli angeli fu di affetto non ai beni corporali, ma ai beni spirituali...(..) il diavolo peccò subito dopo il primo istante della sua creazione" (q.63 )  
     
    Non è un caso che TUTTI i Papi stanno implorando che san Tommaso d'Aquino RITORNI NEI SEMINARI.... ma dovrebbero cominciare ad imporlo altrimenti qui Bose comincerà a dire che non sappiamo COME è nata Maria perchè dal momento che i nomi Gioacchino ed Anna vengono dai vangeli apocrifi, potrebbe essere che la sua nascita SIA OSCURA.... :-D   
     
    </span>

    RispondiElimina
  171. E' il dramma del cattolicesimo odierno. Questa robaccia è insegnata nelle facoltà teologiche, negli istituti di scienze religiose, filtra in parrocchia attraverso le discussioni tra "cattolici impegnati" o "teologi di quint'ordine" sfornati da queste scuole. Tra l'altro quando va bene a loro ti citano il versetto alla Testimone di Genova, quando invece non gli va bene allora si procurano il Decoder. Gesù dialoga con una realtà personale, ma come si fa nel terzo millennio a credere al diavolo! E allora col decoder si parla di forze, si rimane il più possibile nel vago, nello psicologico.  Il "teologo"medio sembra partire dal presupposto fondamentale che tutto ciò su cui Tradizione e magistero si sono pronunciati, qui in ambito esegetico, non è più sostenibile. Tutto deve essere riletto ed essere sostanzialmente rovesciato. La Verità tra l'altro è spesso semplice, chiara e trasparente: ma loro riescono a spaccare il capello in quattro: il decoder, la cultura ebraica, le "reali" intenzioni degli evangelisti rispetto a ciò che hanno scritto, i condizionamenti dell'epoca, le acquisizioni del metodo storico-critico e bla bla bla. Col risultato che il diavolo, senza scomodarsi, lascia fare a loro il lavoro che per definizione spetterebbe a lui.

    RispondiElimina
  172. Ma lei é poi così sicuro che il diluvio non ci sia mai stato? Non parlo dal punto di vista religioso, ma storico. Facciamo attenzione. Spesso quando vogliamo infangare la Scrittura involontariamente creiamo un nuovo idolo: la scienza o la tecnologia. Non voglio dilungarmi oltre, perché la discussione potrebbe portar lontano, comunque l'attualismo é oramai da un po' di tempo che é sotto tiro, quindi sarei un po' più prudente prima di negare il diluvio.
    L'uomo nell'ultimo secolo o due si é messo al centro di tutto e pensa di poter giudicare di tutto. I risultati più eclatanti sono state delle ideologie materialiste che tutto sapevano e di fatto hanno ridotto l'uomo al rango di un animale da macello.
    Se non sarete come bambini non entrerete mai...

    RispondiElimina
  173. Gentile e stimata Caterina, dissento.
    Satana è diventato un oggetto non identificato ("le forze demoniache").
    La "intelligente decodifica" proposta ai lettori di Repubblica (notoriamente molto competenti sul catechismo ed istruiti dal loro papa Scalfari) mira a non identificare l'azione del diavolo, creatura principe del mondo, in opposizione a Dio, bensì a cercare nell'uomo l'ambiguità di fondo che ci impedisce di dialogare e fidarci gli uni degli altri, per il progresso di cui Dio è garante e che l'uomo conseguirà con le proprie forze. Satana è fuori dal gioco: se non vinciamo, pareggeremo. E siccome l'arbitro è un tipo misericordioso, ci darà un rigore a favore a un minuto dalla fine e vinceremo.
    Si gioca senza avversario... Da calcio scommesse. Partite truccate! E portieri che sedano (non la verdura) i difensori...  

    RispondiElimina
  174. micapizza&fichi18 giugno 2011 20:40

    <span>Gentile e stimata Caterina, dissento.  
    Satana è diventato un oggetto non identificato ("le forze demoniache").  
    La "intelligente decodifica" proposta ai lettori di Repubblica (notoriamente molto competenti sul catechismo ed istruiti dal loro papa Scalfari) mira a non identificare l'azione del diavolo, creatura principe del mondo, in opposizione a Dio, bensì a cercare nell'uomo l'ambiguità di fondo che ci impedisce di dialogare e fidarci gli uni degli altri, per il progresso di cui Dio è garante e che l'uomo conseguirà con le proprie forze. Satana è fuori dal gioco: se non vinciamo, pareggeremo. E siccome l'arbitro è un tipo misericordioso, ci darà un rigore a favore a un minuto dalla fine e vinceremo.  
    Si gioca senza avversario... Da calcio scommesse. Partite truccate! E portieri che sedano (non la verdura) i difensori... </span>

    RispondiElimina
  175. non facciamo fatica a immaginare di quali testi si stratti. Di quelli un un altro profeta...
    ne abbiamo giusto qui un esempio che fa il paio con l'omelia di Pasqua di E. Bianchi.
    Generazioni di diversamente-credenti sono state addottrinate e continuano ad esserlo con questi insegnamenti... Davvero c'è da chiedersi dove stiamo andando?

    RispondiElimina
  176. Dunque ogni poesia è amore per Cristo! Bravo, bel sillogismo!!!!!

    RispondiElimina
  177. micapizza&fichi18 giugno 2011 21:31

    Ottimo labronicus!
    Dimenticavo un altro cavallo di battaglia della "biancheria": la lotta sfrenata contro ogni dogmatismo.
    Guai a dire che Maria è l'Immacolata Concezione o l'Assunta.
    Cadrebbe ogni possibilità di dialogo con "il mondo". Intanto cade il rosario. Due a zero per il cornuto... O nella ripresa c'è il miracolo, o la vedo male...

    RispondiElimina
  178. Grandissima Caterina ... non ti conosco ma la tua è una lezione magistrale. Congratulazioni.

    RispondiElimina
  179. micapizza&fichi18 giugno 2011 22:15

    <p><span><span>A proposito del fair play di certi giocatori del calcio moderno…</span></span>
    </p><p><span><span>Ecco al supermoviolone un episodio scandalosamente scorretto: è sempre l’omelia del giorno di pasqua. Ad un certo punto il priore dice a proposito della risurrezione:<span>  </span></span></span>
    </p><p><span><span> </span></span>
    </p><p><span><span>“Attenzione, nella Prima lettera ai Corinti l’Apostolo lo dice chiaramente: «Se noi non risorgiamo, neanche Cristo è risorto» (cf. </span><span>1Cor 15,16</span><span>). Non afferma solo: «<span>Se Cristo non è risorto, neanche noi risorgiamo</span>» (cf. </span><span>1Cor 15,14.17</span><span>), ma anche: «Se noi non risorgiamo, neanche Cristo è risorto». Affermazione scandalosa, ma Paolo la conferma dicendo:</span></span><span> Se non esiste risurrezione dai morti, neanche Cristo è risuscitato!”

    </span>
    </p><p><span>Non mi quadrava tanto, malgrado i virgolettati esibiti in quel di Bose. E sono andato a leggermi la Bibbia, quella vera, non quella dei TdG o dei TdB (o è un “dogmatismo” anche questo? In fondo non stiamo lì a spaccare il versetto in quattro…). Lo stesso passo paolino allora diventa: </span>
    </p><p>
    <span>[14] Ma se Cristo non è risuscitato, allora è vana la nostra predicazione ed è vana anche la vostra fede. [15] Noi, poi, risultiamo falsi testimoni di Dio, perché contro Dio abbiamo testimoniato che egli ha risuscitato Cristo, mentre non lo ha risuscitato, se è vero che i morti non risorgono. [16] Se infatti i morti non risorgono, neanche Cristo è risorto; [17] ma se Cristo non è risorto, è vana la vostra fede e voi siete ancora nei vostri peccati. [18] E anche quelli che sono morti in Cristo sono perduti. [19] Se poi noi abbiamo avuto speranza in Cristo soltanto in questa vita, siamo da compiangere più di tutti gli uomini.

    Ebbene: NON è la stessa cosa. Il povero San Paolo esce da Bose dopo uno shampoo, bello impomatato, barba e capelli e fiocco sul pizzetto. Un conto è scrivere (versetto 16) “se infatti i morti non risorgono” (ovvero credere, in forza della resurrezione di Gesù, alla nostra vita eterna, con la resurrezione della carne., dogma catolico, recitato nel Credo) e un altro buttar lì un “se noi non risorgiamo -cioè non decidiamo di risorgere- neanche Cristo è risorto”. </span>
    </p><p><span>E Paolo non è affatto scandaloso, con la frase di cui al versetto 16. Forse lo</span><span> è il Bianchi, che gli fa dire quel che fa comodo alla sua “fede creativa”.</span>
    </p><p><span><span></span></span>
    </p><p><span><span>Per favore, qualche bosiano (o anche non di parte) mi dica che mi sono sbagliato, oppure inizi a preoccuparsi di quanto il postconciliarismo possa intaccare l'integrità della Parola che si dice così importante...</span><span> </span></span></p>

    RispondiElimina
  180. Enzo Bianchi ... una presenza inquietante per la Cattolicità. Cito due aspetti:
    a) Spesso Bianchi cita il card. Pellegrino, arcivescovo di Torino (1965 - 1977), come il protettore di Bose, colui che sdoganò la comunità bosiana e che lì celebro una Messa, dopo aver telefonato al vescovo di Biella del tempo che non ebbe il coraggio di opporsi al metropolita. Pellegrino è colui che maggiormente ha contribuito alla devastazione della chiesa torinese ed ancor oggi se ne sentono gli effetti.
    b) la Madonna. A Bose vi è una piccola statua (e qui non è il problema) che è collocata all'ingresso della chiesa, a sinistra, quasi appiccicata alla parete di fondo e se non ci si gira quasi non la si vede. Il tutto ovviamente nel pensiero del politicamente e teologicamente corretto del Bianchi per non urtare i protestanti che fanno parte della comunità.
    Bianchi scrive talvolta su La Stampa. Articoli lunghi, pagine intere di inchiostro per dire cosa? Nulla. La vacuità elevata all'ennesima potenza.

    RispondiElimina
  181. ????? l'amore e poesia (ho scritto)...non è che fai un uso eccessivo di ponci alla livornese al bar civili?...o fai il chirichetto stizzzito per la cotta sgualcita?...buon domenica e che il Signore ci ilumini

    RispondiElimina
  182. ...anche Sodoma e Gomorra o quella melaccia nel paradaiso terrestre...o la balena...non si tratta di criticare la veridicità (storica) di quei racconti ma di dar loro il grande significato simbolico che hanno (quei racconti appartengono a tutte le culture)

    RispondiElimina
  183. <span>...anche Sodoma e Gomorra o quella melaccia nel paradaiso terrestre...o la balena...non si tratta di criticare la veridicità (storica) di quei racconti ma di dar loro il grande significato simbolico che hanno (quei racconti appartengono a tutte le culture). In quanto a sapere tutto mi sembra che certe polemiche recenti sui castighi divini siano la prova che c'è il rigurgito di una cultura che prente di sapere tutto su Dio anche se a colazione prende il thè o il caffe'...e sinceramente non si capiscie donde derivi tale sicurezza (a parte le argomentazioni umane dei filosofi)</span>

    RispondiElimina
  184. o forse frequenti troppo quel vescovo (emerito addirittura...diocesi un po' più giu' di Livorno) che rilascia spesso interviste al sito di Pontifex...interviste che definirle diaboliche sarebbe troppo onore...diciamo citrulle e si accontenta tutti

    RispondiElimina
  185. Elisa sei andata in confusione! a parte i tuoi gusti personali sadomaso affermi che sceglieresti "<span>un prete serio, ortodosso, aperto ai poveri, cattolico romano e buono d'animo.</span>" Bianchi non è un prete, De Capitani lo è solo di nome, entrambi più che seri sono seriosi; aperti ai poveri lo sono tutti quelli che non li devono nè mantenere nè offrirgli un posto di lavoro; cattolici romani entrambi lo sono solo all'anagrafe; buoni d'animo ce lo auguriamo per loro, ma che siano ortodossi non ce la fai a sostenerlo nemmeno te tanto che dichiari "<span>non si ritengono autentici depositari della verità</span>".In effetti loro vanno a giro a racconatre le loro personalossime opinioni su politica, Scrittura, Chiesa, problemi sociali ecc. Dell'ortodossia non gliene importa assolutamente niente.

    RispondiElimina
  186. Mai fatto il chierichetto e per stizzirmi, ma vorrei usare una parola ben più pesante, mi basta pensare a uno che divorziato si risposa, insegna il catechismo (con l'unico scrupolo di chiedere se al parroco e alla comunità va bene così) che si firma dubbioso e che quando c'è la poesia e l'amore ... c'è tutto (ma quale amore? quello alla Beautiful?! o quello alla lady Gaga?) mentre l'ortodossia è solo un optional intellettuale. Niente di personale, ma il cattolicesimo è un altra cosa.

    RispondiElimina
  187. :-[ è magistrale la Chiesa....peccato che ogni tanto si alza qualcuno, decide di fare il MONACO e invece di ritirarsi nel silenzio di un chiostro, decide di usare i media e libri a fiumi per dire alla Chiesa come deve essere reinterpretata la Scrittura...ma è questa la strada scelta dal Signore....per questo ci ha messo in guardia dai FALSI MAESTRI... basterebbe riportare il Magistero DI SEMPRE, ACCETTARLO, OBBEDIRGLI e applicarlo e cesserebbero le divisioni....
    e invece oggi son tutti MAESTRI poi si incavolano pure perchè gli rispondi CON IL MAGISTERO e ti accusano di fare l'inquisizione....quell'altro si firma "dubbioso" e si lamenta di ascoltare "PAROLA DI DIO" al termine delle letture BIBLICHE perchè è convinto che è parola di uomini....però pretendono di dichiararsi CATTOLICI...sic!

    perdoni lo sfogo....è la CHIESA CHE E' GRANDE perchè riesce a stare ancora in piedi nonostante i FALSI MAESTRI l'abbiano riempita di opinioni proprie e in parte sovvertita...è la promessa del Cristo che la tiene salda: non prevarranno! ;)
    Coraggio! e avanti tutta....

    RispondiElimina
  188. I signori che si riempiono la bocca con la parola amore dimenticano che Dio deve essere amato per primo e per amarlo e fare la sua volontà occorre l'umiltà di accettare i suoi comandamenti e ciò che la Chiesa insegna (obbligando in coscienza) in suo nome. Dunque primo difetto da eliminare è la superbia del proprio io che pretende di stabilre, su ciò che è la Chiesa si è definitivamente pronunciata, cosa accettare e cosa no. Fatto proprio e dato l'assenso a questo patrimonio di verità necessarie per pensare e vivere da cristiani allora l'amore per il prossimo diventa veramente un incendio spirituale, qui veramente si può dire "ama e fa ciò che vuoi". Invertendo quest'ordine - e la realtà lo testimonia ampiamente - c'è solo un incendio delle passioni che lascia sul terreno cadaveri reali e anime.

    RispondiElimina
  189. :-D effettivamente una volta Togliatti disse: anche noi COMUNISTI SIAMO CATTOLICI, ossia UNIVERSALI....
    mica aveva torto....

    RispondiElimina
  190. E' lo stile progressista: fiumi di inchiostro, giochi di parole, rimandi infiniti,interpretazioni quanto più temerarie e ardite tanto più lontane dal buon senso e dal magistero, magari anche tanta erudizione. Ma tutto ciò serve solo per annacquare la parola di Dio e l'insegnamento della Chiesa abbassandolo al proprio io coltivato narcisisticamente. Cioé dovremmo sostituire alla fede della Chiesa, alla fede di sempre, la fede o almeno il consenso alle loro fantasie esegetiche.

    RispondiElimina
  191. Sia ringraziato il Signore!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  192. "mica pizzi efichi" al tempo.... ho detto che nel testo Bianchi NON negava l'inferno ed è così....per rendere un buon servizio non possiamo fare noi il processo alle intenzioni e ANTICIPARE quello che direbbe Bianchi sull'Inferno specificatamente.... ;)
    io mi riferisco direttamente al testo integrale e non ho detto che dissento sulla tua riflessione, ma che è un pò FORZATA perchè Bianchi li non parla dell'inferno... tutto qui... piuttosto in quel testo, strumentalizzando il passo apocrifo di Marco egli tende ad ALLEGGERIRE L'AZIONE DI SATANA.... e il fatto che egli sia diventato un "oggetto NON identificato" l'ho risottolineato definendolo appunto, un passo GRAVE perchè grazie alla SCRITTURA ai Padri della Chiesa e all'aquinate l'identità di Satana SOGGETTO E NON OGGETTO è reale e provata.... ;)

    Bianchi è più subdolo, caro amico.... NON nega affatto l'azione di Satana, ma la mimetizza.... Enzo Bianchi, in quel testo specifico, riporta chiaramente L'IDENTITA' DELL'AZIONE DI SATANA, ma si rifugia sul finale trascurando LA BATTAGLIA da combattere.
    Si, dice Bianchi, certo che Satana c'è e sovverte, ma  - saltando appunto i secoli del combattimento - finisce per diventare innocuo prima ancora del ritorno del Cristo.... ed è ancora peggio dello stare "fuori dal gioco" ;)  "Satana c'è, ma è innocuo".... e furbamente NON ha parlato dell'inferno, ergo non me la sento di dire che abbia detto che questo è vuoto, tutto qui....quando lo sentirò dire da lui allora ne riparleremo...

    RispondiElimina
  193. Non lo frequento solo perché non ne ho occasione. Ma a proposito di emeriti non sarà mica che ti sei abbeverato alle trovate genialoidi dell'emerito della mia città da poco chiamato a sè dal grande Architetto dell'Universo?

    RispondiElimina
  194. ed è importante sottolineare che la comunità di Bose, pur riconosciuta canonicamente dal vescovo della diocesi perchè potesse operare con la chiesa locale.... non può essere considerata un ordine religioso cattolico, e questo perché è composta anche da alcuni evangelici non in comunione con Pietro, altro aspetto è che lo stesso Enzo Bianchi NON VUOLE RICONOSCIMENTI UFFICIALI DAL PAPA NON VUOLE ESSERE "CONFERMATO DA PIETRO" ;) .... e questo lo disse Bianchi stesso in una intervista qualche anno fa....
    specificando che la SUA OPERA è semplicemente un RICOVERO per "viandanti" CRISTIANI e separati, in cerca della verità e di un posto dove PREGARE INSIEME DALL'UNICA COSA CHE LI UNISCE, LA BIBBIA... un riconoscimento, spiegava Bianchi, sarebbe per lui CONTROPRODUCENTE perchè lo obbligherebbe  a modificare alcune regole come il definirsi "monastero" - cattolico - e avere al suo interno protestanti NON intenzionati a riconoscere l'autorità petrina... LA LORO AUTORITA' E' LA BIBBIA INTERPRETATA DA LORO, meglio se da Bianchi che non a caso regge la comunità da 40 anni... morto Bianchi credo che non sentiremo più parlare di questa comunità anche se continuerà a sopravvivere.... come Taizè....da quando è morto il fondatore, ha abbassato i toni.....

    Taizè e Bose sono due comunità che si somigliano FRUTTO DELL'INTERPRETAZIONE SBAGLIATA DEL CONCILIO.... "riconosciute" si ma per L'ECUMENISMO ma non come comunità "cattoliche".... essi si rifanno al CLIMA ED ALLA VITA dei Monaci di prima di Costantino che secondo molti avrebbe cambiato la Chiesa togliendole parte della sua primitiva identità....
    con parte del Concilio che sta tentando di RIPRENDERSI questa "prima parte", sono nate queste situazioni ECUMENICHE....che il Papa oggi cerca di rindirazzare non tanto direttamente quanto indirettamente sostenendo da una parte la fase ecumenica, dall'altra NON dando ulteriori riconoscimenti.....

    Su questa scia è indispensabile pensare al fatto che è anche inutile parlare o CONFRONTARSI CON LORO... infatti è quella la vita che hanno scelto...ciò che invece infastidisce è la prepotenza di Enzo Bianchi che da laico che è con una definizione monastica NON riconosciuta canonicamente, finisce invece per IMPORSI NELLE CHIESE LOCALI e di farsi MAESTRO CHE INSEGNA AI VESCOVI E AL PAPA...
    questo è il dramma....

    RispondiElimina
  195. P.S.
    a riguardo del fondatore di Taizè sembra che da luterano che era appunto, alla fine riconobbe la dottrina cattolica, tanto che ricevette la comunione (alla bocca) anche dal Papa, il suo successore è infatti un cattolico....
    la situazione di Taizè è diversa da quella di Bose, avendoli messi insieme sopra, per la questione ecumenica, ci tenevo a precisarlo qui sotto... :-D

    RispondiElimina
  196. :-D oserei dire che vive già nella città di UTOPIA.....

    RispondiElimina
  197. :-[  si perchè Bianchi è definito il "serio CONTRADDITTORIO" di una Chiesa che vive di VERITA' E CERTEZZE...

    RispondiElimina
  198. Leggo solo ora un commento di "dubbioso" molto, molto grave.... dicendosi divorziato, convivente e che satrebbe per risposarsi, starebbe per PRETENDERE  di farsi nominare CATECHISTA IN PARROCCHIA....

    ****
    caro "dubbioso", non entro in merito alla lacerazione di ciò che avrebbe dovuto essere la sua unità coniugale, ma senza dubbio si avverte che le spaccature lei se le porta dietro...

    Non so se lei stia sfottendo sul fatto che si risposerà, magari in Chiesa come lascerebbe intendere, e chiedendo con SUPERBIA di fare perfino da catechista... se le è rimasto un briciolo di ONESTA' rinunci perchè in teoria nè il parroco, nè i catechisti possono decidere il suo ruolo da catechista....a meno che lei non ha sciolto il precedente con la Sacra Rota, lei non è CANONICAMENTE AUTORIZZATO A FARE IL CATECHISTA.... e sta inducendo nel peccato la sua comunità se li condurrà a sceglierla come Catechista....

    Inoltre lei sarebbe un disonesto nei confronti dei figli che le verrebbero affidati da coniugi serenamente sposati ... e che a fatica mandano avanti L'UNITA' FAMILIARE...e quando dovrà spiegare loro L'INDISSOLUBILITA' DEL SACRAMENTO  DEL MATRIMONIO LEI SARA' UNA PESSIMA TESTIMONIANZA, SARA' LA MENZOGNA.... e quando li preparerà alla Prima Comunione lei MENTIRA'  ancora una volta poichè suppongo che lei faccia anche la comunione senza un briciole di timor di Dio....un'altro dei sette DONI dello Spirito Santo che non saprebbe come spiegare...

    Sarebbe così onesto da desistere da questa sua VANAGLORIA per rispettare L'INNOCENZA DI FIGLI CHE NON GLI APPARTENGONO?
    se questi sono i frutti delle catechesi del Bianchi che vanta di ascoltare, allora si comprende bene perchè siamo COSì DIVISI....e che non ci sarà mai questa unità...non prima dell'avvento dell'Anticristo al quale lei sta contribuendo benissimo per il suo arrivo.....

    E non si dica "dubbioso" non faccia il finto modesto, lei ha le idee molto chiare sul come SOVVERTIRE IL DIRITTO CANONICO....sul come sovvertire la dottrina Cattolica....lei non sta servendo la Chiesa, ma incarna  il perfetto servo di Satana!
    sarebbe interessante avere un colloquio con il Vescovo della sua diocesi e il suo Parroco.... se sarà così gentile di mettermi in contatto avrei raccolto molte delle sue risposte da alcuni thread e sarebbe interessante pensare cosa risponderebbe il Vescovo...

    RispondiElimina
  199. Luis Moscardò19 giugno 2011 01:23

    "<span>sono anche convivente e entro fine anno mi risposo...se il parroco, gli altri catechisti  e la comunità accettano che io faccia il catechista suppongo sia sufficiente: stai tranquillo che non vado fuori del seminato e mi attengo rigorosamente ai testi di riferimento"</span>
    <span></span>
    <span></span>Credo che "Dubbioso" farebbe bene a scioglierli i sacrosanti dubbi sulle questioni fondamentali, sempre che non conviva in castità senza dar pubblico scandalo, che si risposi dopo aver ottenuto dalla competente autorità ecclesiastica l'annullamento del precedente matrimonio,sempre che il parroco, gli altri catechisti e la comunità professino correttamente la Fede cattolica e che i "testi di riferimento" siano ortodossi.... Ma è "ganzo" fare i "dubbiosi" a proprio uso e consumo: si dubita delle regole certe e chiare valide ovunque e da sempre ma che purtroppo ci possono far vacillare.

    Quanto agli inginepramenti mentali, notando il titolo di studio declinato, direi che sono assolutamente normali quanto la familiarità che ci dimostra avere con la lettura del Vernacoliere e l'assunzione di ponci del Civili!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.