mercoledì 29 giugno 2011

(don) Di Capitani sulla nomina del Card. Scola ad Arcivescovo di Milano.

AGGIORNAMENTO: la Curia di Milano, per tramite del Vicario Generale, Mons. Redaelli (tramite lettera via mail) ha intimato, ai sensi dei canoni 49-50 CDC, a De Capitani di togliere il suo "articolo" osceno e offensivo nei confronti del Card. Scola e dellla Santa Sede, sotto pena di procedimenti penali, previsti dal Diritto Canonico.
(Dalla lettera si apprende che la Curia già precedentemente aveva richiesto al De Capitani di moderare i toni).




Sulla pagina iniziale del sito dell'Arcidiocesi di Milano (chiesadimilano.it) si legge un gentile (un po' lezioso, ma diplomaticamente dovuto) saluto di benvenuto al nuovo Arcivescovo: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore - Il Card. Angelo Scola è il nuovo Arcivescovo di Milano".

Sul sito di don (?) De Capitani , si legge quanto segue (e chiediamo perdono a Dio per lui -vergognandocene-). E' superfluo, per ora, ogni commento. Per quanto si conoscano Giorgio De Capitani e le sue farneticazioni deliranti, lo sdegno e l'incredulità per ora ci tolgono le parole.

L'autore ha rimosso l'articolo offensivo (che noi riproduciano qui sotto) su intimazione della Curia Ambrosiana, ma l'ha sostituito con un altro scritto, non meno delirante e ribelle.

La Diocesi di Milano è in lutto
"
Benedetto colui che viene nel nome del Signore”:
così il sito della Chiesadimilano.it
dà il benvenuto al neo cardinale. [caso mai al neo arcivescovo di Milano, n.d.r.]
“Benedetto colui che viene nel nome del…”
Ho letto bene? In nome di quale dio?
Non può essere benedetto dal Signore
colui che viene nel nome
- di un vaticano che si è fatto finora inculare
dal Porco maledetto,
sostenuto anche dalla mafia ciellina
- di un gioco politico di poteri occulti
- di quella oscena diplomazia gerarchica
che riesce comunque, col solito metodo machiavellico,
a risistemare gli squilibri…
il tutto per rimettere la Diocesi più grande del mondo,
quella che ultimamente ha ricevuto un’impronta particolare
da Martini e da Tettamanzi,
sul binario morto di una religione
ermeticamente chiusa all’Umanesimo.
È vero che Tettamanzi ha “scherzato col fuoco”,
ma a pagarla adesso è l’intera Diocesi.
Ma noi non lo permetteremo!
E che dire di tutte le fughe di notizie
dettagliatissime e puntuali
sul nome di un nomina che doveva rimanere segreta
fino alla data del 26 giugno,
giorno di festa per la beatificazione dei tre milanesi,
per rispetto di una promessa fatta a Tettamanzi?
Il nome di Angelo Scola
- già bruciato precedentemente per diverse ragioni,
tra cui l’età e la sua appartenenza ciellina –
è uscito prepotentemente dopo la vittoria di Pisapia.
Che il vaticano sia pieno di talpe lo sappiamo,
e sappiamo anche quanto sia inaccessibile
quando si tratta di coprire scandali, affari loschi,
quel turpidume che da secoli alberga nella casa di Dio.
Mi fermo per ora.
Riprenderò il discorso e non risparmierò nessuno.
Angelo Scola, patriarca di Venezia,
a Milano non sei molto gradito.
Rinuncia,
sei ancora in tempo.
Non ti vogliamo come nostro pastore!
D’ora in poi faremo capire alla Chiesa vaticana
che non scherzeremo più col fioretto:
Cristo dovrà pur tornare sulla terra, con la frusta in mano,
e buttar fuori dal tempio ladri, farabutti ed escort!
Saremo decisi:
sorgeranno ovunque comunità di base,
le parrocchie si auto-gestiranno,
non ci faremo più condizionare da una pastorale cimiteriale.
Saremo decisi:
non ci lasceremo commuovere da parole quali:
eucaristia, comunione, obbedienza…
Saremo decisi:
apriremo finalmente le porte sull’Umanità
e renderemo le nostre comunità cristiane
vivamente partecipi di quelle realtà problematiche
che stanno letteralmente facendo abortire
ogni speranza per un futuro diverso.
Qualcuno mi ha invitato a darti una chance:
cambierò idea se già nel tuo primo discorso ai milanesi
farai pubblicamente un atto di abiura
della tua fede ciellina.
Un primo passo, anche se non basterà.

NotaBene. ATTENZIONE
1. Fra poco la Curia sarà invasa dalle cavallette cielline.
2. Si deve vigilare sui beni immobili della diocesi e delle parrocchie: c’è il rischio che siano preda dei tentacoli della piovra Cdo.
3. Ora i preti ciellini diocesani potranno respirare, e godersi la possibilità di qualche privilegio e di posti speciali di responsabilità pastorali.
4. Attenzione ai seminari: potranno accedervi vocazioni portate all’integralismo.
[o mamma, che pericolo! l' "integralismo" cattolico: retta dottrina, santa liturgia e rifiuto di relativismo. Che pericolosi integralismi, vero? da evitare a tutti i costi! n.d.r.]

192 commenti:

  1. Il cristianesimo cattolico o è integrale o è pantofolaio, Tertium non datur

    RispondiElimina
  2. Seminarista affranto29 giugno 2011 19:15

    Chiedo, ma questo signore è un sacerdote?

    RispondiElimina
  3. "sorgeranno ovunque comunità di base, etc, etc..."

    Benissimo, un po' di feccia si leva fuori dalle... ehm, di mezzo volevo dire!
    Scusata ma son tentato di replicare con lo stesso dolce stile

    RispondiElimina
  4. <span><span>non ci lasceremo commuovere da parole quali:
    eucaristia, comunione, obbedienza…...</span></span>

    eehh.... ?!?
    ma anch'io dicevo tra me....ma questo sarebbe un prete?.... ma per caso è matto ?

    RispondiElimina
  5. Seminarista affranto29 giugno 2011 19:22

    Mi pare di aver capito che si tratta di un ministro di Dio... vorrei postare quindi questa bella preghiera affinchè il Signore ci liberi da questi tipi che tanto fanno male alla Chiesa e al Sacro Cuore di Gesù...
    Gloriosissimo Principe della Milizia Celeste, Arcangelo San Michele, difendeteci in questa ardente battaglia contro tutte le potenze delle tenebre e la loro spirituale malizia. Venite in soccorso degli uomini creati da Dio a sua immagine e somiglianza e riscattati a gran prezzo dalla tirannia del demonio. Combattete oggi le battaglie del Signore con tutta l’armata degli Angeli beati, come gia’ avete combattuto contro il principe dell’orgoglio lucifero ed i suoi angeli apostati; e questi ultimi non potettero trionfare e ormai non v’e’ piu’ posto per essi nei cieli. Ma e’ caduto questo grande dragone, questo antico serpente che si chiama lo spirito del mondo, che tende trappole a tutti. Si, e’ caduto sulla terra ed i suoi angeli sono stati respinti con lui. Ora ecco che, questo antico nemico, questo vecchio omicida, si erge di nuovo con una rinnovata rabbia. Trasfiguratosi in angelo di luce, egli nascostamente invase e circuì la terra con tutta l’orda degli spiriti maligni, per distruggere in essa il nome di Dio e del suo Cristo e per manovrare e rubarvi le anime destinate alla corona della gloria eterna, per trascinarle nell’ eterna morte.
    <span>Il veleno delle sue perversioni, come un immenso fiume d’immondizia, cola da questo dragone malefico e si trasfonde in uomini di mente e spirito depravato e dal cuore corrotto; egli versa su di loro il suo spirito di menzogna, di empieta’ e di bestemmia ed invia loro il mortifero alito di lussuria, di tutti i vizi e di tutte le iniquità la Chiesa, questa Sposa dell’Agnello Immacolato, è ubriacata da nemici scaltrissimi che la colmano di amarezze e che posano le loro sacrileghe mani su tutte le sue cose più desiderabili. Laddove c’è la sede del beatissimo Pietro posta a cattedra di verità per illuminare i popoli, lì hanno stabilito il trono abominevole della loro empietà, affinché colpendo il pastore, si disperda il gregge.</span>
    Pertanto, omai sconfitto Duce, venite incontro al popolo di Dio contro questa irruzione di perversità spirituali e sconfiggetele. Voi siete venerato dalla Santa Chiesa quale suo custode e patrono ed a Voi il Signore ha affidato le anime che un giorno occuperanno le sedi celesti. Pregate, dunque, il Dio della pace a tenere schiacciato satana sotto i nostri piedi, affinché non possa continuare a tenere schiavi gli uomini e a danneggiare la Chiesa. Presentate all’Altissimo, con le Vostre, le nostre preghiere, perché scendano presto su di noi le Sue Divine Misericordie e Voi possiate incatenare il dragone, il serpente antico satana ed incatenarlo negli abissi. Solo così non sedurrà più le anime.

    RispondiElimina
  6. matteo minetti29 giugno 2011 19:29

    Mi sembra che 'sto don De Capitani sia rimasto un po' indietro coi tempi... Il '68 è fallito miseramente ma non credo se ne sia accorto. Che vergogna che un prete parli così... Oremus pro ecclesia, pro pontifice et pro Scola!!!

    RispondiElimina
  7. Scusate se vi annoio con la domanda che ho già fatto altre volte su questo personaggio:

    "CHI E' IL VESCOVO DI QUESTO PRETE???????" E adesso mi arrabbio: quando metteranno un sigillo sulla bocca di questo sventurato? Fin quando dovremo sopportare queste uscite infelici? Quando vedremo il suo vescovo fare il vescovo? NON SE NE PUO' PIU'!!!!!

    RispondiElimina
  8. A Milano il card. Scola non è ben visto...lo salutano i ciellini e molti ancora se ne andranno dalla chiesa cattalica ridotta a teatro in latino

    RispondiElimina
  9. Lo stile e la 'solidità' degli argomenti qualificano da soli questo 'prete'.
    Grazie al Papa per il mio nuovo Metropolita!

    RispondiElimina
  10. Se questa capra di capitani bela così tanto, vuol dire che mai nomina di pastore fu più azzeccata. Speriamo che il nuovo pastore non ci metta molto a depurare il gregge dagli animali infetti. Tradotto, spero vivamente che la prima cosa che faccia sia dimetterlo dallo stato clericale, visto che il vaticano gli fa così schifo.

    RispondiElimina
  11. MA CHI E' QUESTO MALATO DI NERVI?

    RispondiElimina
  12. <span>Iniziando a leggere questo testo demenziale mi sono detto che chi lo scrive non puo essere un saerdote e che "don Di Capitani" è solo uno pseudonimo.</span>
    <span>Non mi impressiono facilmente mi sconvolge il fatto che un ministro di Dio possa srivere</span>
    <span>  </span>
    <span>"Non può essere benedetto dal Signore
     colui che viene nel nome
     - di un vaticano che si è fatto finora inculare
     dal Porco maledetto".</span>
    <span></span>
    <span>Questa persona va fermata </span>

    RispondiElimina
  13. Pietro Adilardi29 giugno 2011 19:56

    Quos Deus vult perdere demendat!!!!!!

    RispondiElimina
  14. mi domando se sia propio necessario dare importanza a simili parole.  

    RispondiElimina
  15. <span>giorgio de capitani
    viale brianza 7
    rovagnate
    23888</span>

    guardate che lavori fa http://www.dongiorgio.it/pagine.php?id=2518

    RispondiElimina
  16. Premesso che disapprovo i concetti espressi da questo sacerdote, oltre che il modo di manifestarli, scusate la mia voce fuori dal coro.
    E' vero che come ci ricorda un vecchio detto siciliano... a muru vasciu ugnuno si cci appoja, ma chiedo: sono i don De Capitani (che per inciso quando parlano di scandali, affari loschi, turpidume in Vaticano non è che se li inventino) il maggior pericolo per la Chiesa Cattolica oggi o non piuttosto tantissimi suoi superiori nella scala gerarchica che ormai, a meno di non fare come gli struzzi, in qualsiasi modo li si può considerare tranne che cattolici?  Chi è che può produrre più danno?

    RispondiElimina
  17. <span>Io accuso Tettamanzi e Martini della follia di questo prete...loro l'hanno allevato e loro l'hanno cresciuto. </span>

    RispondiElimina
  18. Certo, in piena comunione con Roma...  :'(

    RispondiElimina
  19. ma il problema è sempre lo stesso: CHI  lo fermerà, in una Chiesa dove da mezzo secolo è permesso  di tutto e di più, e dove errori, deviazioni, eresie e  peccati non vengono mai sanzionati ? il vietato vietare continua....

    RispondiElimina
  20. corregga:   demen <span>t</span> at 

    RispondiElimina
  21. Seminarista affranto29 giugno 2011 20:25

    caspiterina....

    RispondiElimina
  22. spero vivamente che il cardinale scola  scomunichi il pretaccio   e lo cacci dalla diocesi

    RispondiElimina
  23. Non giriamoci intorno. Siamo di fronte al delirio di uno psicopatico con manie di onnipotenza. Una volta, per una persona così non si sarebbero aperte altre porte che quelle del manicomio. Ora invece li prendiamo in seminario e li ordiniamo pure!

    RispondiElimina
  24. Credo che questo individuo non sia un prete, in quanto per ricevere il Sacramento dell'Ordine bisogna appartenere al genere umano, e costui e' solo un accolito del demonio, e comunque tutto meno che un nostro simile e certamente un essere privo di anima . Comunque, a parte le mie cosiderazioni di zoologia, consiglio al vescovo Scola il miglior modo di cominciare questa sua nuova missione: riduzione immediata allo stato laicale e scomunica maggiore a quello stregone !!

    RispondiElimina
  25. Il problema è che se il nuovo Cardinale sospendesse a divinis questa sottospecie di prete, lo farebbe passare per "martire dell'istituzione". Non bisogna dargli importanza poiché è uno psicopatico in crisi di affetto. E' stato viceparroco per decenni, gli han mai dato una parrocchia decente (perché non la merita, si intende!) e allora si sfoga dicendo parolacce. Un adolescente immaturo, che non maturerà mai (perché ha più di settant'anni) credete che meriti importanza?

    RispondiElimina
  26. Ho verificato, consultando l'elenco "I ministri ordinati" della diocesi di Milano.

    costui è davvero un sacerdote diocesano, nato nel 1938 e oridinato nel 1963.
    Fortunatamente non è parroco, ma solo "residente con incarichi pastorali" nel suo paese di origine: Rovagnate  

    RispondiElimina
  27. Don Giorgio de Capitani fa parte dell'eredità che Martini e Tettamanzi lasciano al Card. Scola..... c'è da meravigliarci ???? 
    Così vanno le cose e così andranno finchè tornerà Nostro Signore e comincerà a far piazza pulita nella sua casa cominciando dai piani alti e da chi ha e aveva responbsabilità più in alto....... anche questo è uno dei frutti della mitica primavera conciliare...... la Chiesa sessantottina  che, messi a tecere i profeti di sventura, guidata dal Papa BBBBUono Giovanni XXIII e poi dall' amletico Paolo VI ha iniziato a dialogare col mondo, con ebrei, omosessuali, cattocomunisti, protestanti, donne e massoni.......
    et voilà ecco il gran casino in cui oggi si nuota .......

    RispondiElimina
  28. Per quanto possa comprendere lo sdegno ed anche la buona fede della Redazione, non condivido la scelta di dare eco a tale delirio.

    RispondiElimina
  29. Per certe esternazioni ritengo auspicabile e preferibile l'oblio.

    RispondiElimina
  30. Resta il fatto.....29 giugno 2011 21:03

    ...che i rumori intestinali di questo personaggio sono la migliore dimostrazione della bontà della scelta di Scola. Vi immaginate che razza di Vescovo dorebbe essere quello che si meritasse il suo plauso? E' andata bene. Molto, molto bene!

    RispondiElimina
  31. Esattamente! Se questa specie di prete strilla cosi' tanto in preda al terrore, vuol dire che siamo sulla strada buona!

    RispondiElimina
  32. AAAGHHHH! Nosferatu?

    RispondiElimina
  33. Il problema è il danno che fa con le sue parole! E dal web il danno si moltiplica!

    RispondiElimina
  34. Scomettiamo che entro un anno Scola lo fa fuori questo psicopatico?

    RispondiElimina
  35. e magari tipi alla De Capitani li chiamiamo a parlare ai preti (qualche decanato 'aperto' lo si trova sempre) oppure ai seminaristi; forse avrà già espresso le sue idee a molte signore/signorine cattoliche, rigorosamente di AC... ecc. ecc.
    Del resto se il sig. De Capitani non è parroco, con che cosa e dove vive? che incarichi pastorali ha in quel povero paese di rovagnate che già ha avuto l'avventura di dargli i natali?
    Detto in altre parole chi lo foraggia, chi gli paga gli hobbies? Ma!!!

    RispondiElimina
  36. Comincio a crederlo anch'io!

    RispondiElimina
  37. per quanto non mi piaccia questo prete, il vescovo non può far nulla...

    RispondiElimina
  38. Cattolico Tradizionalista29 giugno 2011 21:52

    Se questi vaneggiamenti orribili venissero da un'altra diocesi darei la colpa al caldo. Ma visto che si tratta di Milano, una delle culle del cattoprogressismo, tutto è tristemente spiegato. Speriamo che Scola faccia piazza pulita.

    RispondiElimina
  39. Queste frasi deliranti mostrano la "consistenza" e la "nobiltà" dell'opposizione alla Tradizione; e alla fin fine, paradossalmente, rendono un prezioso servizio proprio a quella Tradizione che combattono...

    RispondiElimina
  40. Cattolico Tradizionalista29 giugno 2011 21:54

    <span>Se questi vaneggiamenti orribili venissero da un'altra diocesi darei la colpa ad un attacco di follia. Ma visto che si tratta di Milano, una delle culle del cattoprogressismo, tutto è tristemente spiegato. Speriamo che Scola faccia piazza pulita.</span>

    RispondiElimina
  41. nonsolorapallo29 giugno 2011 22:00

    ogni regione ha un suo rappresentante degno del peggiore degrado del clero conciliare: Don Gallo in Liguria, Don (') de Capitani in Lombardia. Che ci volete FARE? Una rondine non fa primavera

    RispondiElimina
  42. Il punto è che (don)giorgio non è MAI stato smentito né, men che meno, sanzionato dalla curia di mons. Tettamanzi

    RispondiElimina
  43. Filippo Burighel29 giugno 2011 22:37

    Chi lo fermerà? Il TSO: Trattamento Sanitario Obbligatorio. E con una certa urgenza, quest'uomo è pericoloso per sé, ma soprattutto per gli altri (=i suoi fedeli traviati).

    RispondiElimina
  44. non servono tanti commenti, c'é una sola cosa da dire :   Mgr Lefebvre é morto scomunicato per essere FUORI,  don Capitani é DENTRO...

    RispondiElimina
  45. Filippo Burighel29 giugno 2011 22:39

    Belzebù ha mai smentito Mefistofele?

    RispondiElimina
  46. <span>non servono tanti commenti, c'é una sola cosa da dire :   Mgr Lefebvre l'hanno lasciato crepare scomunicato e condannato per essere FUORI,  don Capitani é felicemente DENTRO...</span>

    stranamente a nessuno in Curia viene in mente che il deCapitani possa ... ma no ... magari .. qualche volta ... di striscio ... anche DISUBBIDIRE!
    questa parola desueta e fortemente anticonciliare é DA SEMPRE a solo appannaggio dei lefebvriani.

    Allora grazie, grazie don Giorgio, grazie di esistere, sei il nostro lasciapassare! E' per quelli come te che non temiamo di essere fuori ... e che se si deve steremmo fuori altri 2 secoli

    RispondiElimina
  47. Fate intervenire il Servizio di Igiene Mentale.....!

    RispondiElimina
  48. <span><span>non servono tanti commenti, c'é una sola cosa da dire :   Mgr Lefebvre l'hanno lasciato crepare scomunicato per essere FUORI per disubbidienza,  don Capitani é felicemente DENTRO ...</span>  </span><span><span>per disubbidire</span></span>
    <span>  
    Stranamente a nessuno in Curia viene in mente che il deCapitani possa ... ma no ... magari .. qualche volta ... di striscio ... anche DISUBBIDIRE!  
    Questa parola desueta e fortemente anticonciliare é DA SEMPRE a solo appannaggio dei lefebvriani.  
     
    Allora grazie, grazie don Giorgio, grazie di esistere! Sei il nostro lasciapassare! E' per quelli come te che non temiamo di essere fuori ... </span>
    <span>Finché tu sei dentro non temiamo se la provvidenza ce lo chiede di stare fuori altri 2 secoli....</span>

    RispondiElimina
  49. <span><span><span>Non servono tanti commenti, c'é una sola cosa da dire :   Mgr Lefebvre l'hanno lasciato crepare scomunicato reo di essere FUORI per disubbidienza,  don Capitani é felicemente DENTRO ...</span>  solo </span><span><span>per disubbidire</span></span>  
    <span>    
    Stranamente a nessuno in Curia viene in mente che il deCapitani possa ... magari , qualche volta ... anche solo di di striscio ... non essere nell'OBBEDIENZA !    
    Questa parola desueta e fortemente anticonciliare é DA SEMPRE a solo appannaggio dei lefebvriani.    
       
    Allora grazie, grazie don Giorgio, grazie di esistere! Sei il nostro lasciapassare! E' per quelli come te che non temiamo di essere fuori ... </span>  
    <span>Finché tu sei dentro non temiamo (se la provvidenza dovesse chiedercelo) stare fuori altri 2 secoli....</span></span>

    RispondiElimina
  50. Andrea Carradori29 giugno 2011 22:54

    @ Redazione
    Non sta bene che in un sito cattolico vengano riprodotte tante parolacce ed espressioni oscene.
    Per cortesia censurate le parolacce !

    RispondiElimina
  51. un degno figlio del CVII

    RispondiElimina
  52. <span>"Chi è che può produrre più danno?"</span>

    E' una bella domanda...facciamo una graduatoria?

    RispondiElimina
  53. <span>un degno figlio di una delle tante interpretazioni del CVII (e probailmente anche della peggiore)
    </span>

    RispondiElimina
  54. impossibile, a meno che non cambi all'anagrafe da deCapitani a Lefebvre la scomunica non se la becca neanche se ammazza il papa

    RispondiElimina
  55. sarebbe proprio il minimo minimo sindacale...  e in più siamo in ritardo di qualche lustro !

    RispondiElimina
  56. <span>sarebbe proprio il minimo minimo sindacale...  e in più siamo in ritardo di qualche lustro !</span>

    non  é che adesso mi fate Scola santo-beato perché caccia via uno che in tempi normali non avrebbe neanche fatto le pulizie in parrocchia ...

    RispondiElimina
  57. Il mio suggerimento è scrivere alla diocesi di Milano e, per conoscenza, al card. Scola a Venezia mandando il link e facendo un taglia/incolla, ricordando che questo pazzo e demente ha ancora cura d'anime in Diocesi e non è mai stato sospeso.

    RispondiElimina
  58. <span><span>"Chi è che può produrre più danno?"</span>  
     
    E' una bella domanda...facciamo una graduatoria?</span>

    RispondiElimina
  59. esprimo il mio dissenso a chi gestisce il blog,è un sito cattolico,non ci servono sapere "le sparate" di questa persona,ha già avuto la sua fama,lo conosciamo,probabilmente le spara grosse anche per narcisismo e vedere quanto rimbalzano sul web e quanti insulti si becca......esprimo il mio dissenso anche a chi lo insulta qui sopra,non è cirstiano,non è cattolico questo comportamento.
    si può solo ignorare e fare silenzio.questa è materia del vescovo ,della spichiatria e della misericordia di Dio.
    è stato sbagliatissimo postare queste cose e dare il"la"ai massimalismi delle comari che qui si stracciano le vesti.............
    sono molto deluso dalla gestione del sito.
    molto deluso signor Enrico,molto deluso.............massimo (massimosandrolini@libero.it)

    RispondiElimina
  60. De Capitani deve pensare che molti anni fa, uno come lui, per un dissenso molto più soft, l'avrebbero arrostito! Come può lamentarsi dell'odierna Chiesa di Roma che lo lascia parlare in siffatto modo senza prendere provvedimenti?

    RispondiElimina
  61. Luis Moscardò29 giugno 2011 23:35

    Pur essendo eccessivamente drastico e perciò spreciso, Cesare non ha tutt'i torti: Decapitato è solo l'epifenomeno da baraccone di una gerarchia pericolosa. Non sarà mica stato ordinato con queste mattane per la testa nel '63: voglio dire un percorso d'intorcinamento mentale l'avrà pur dovuto fare. In questo stato s'è ridotto pian pianino: chi doveva vigilare e aver cura soprattutto della salute di questo povero "ghiozzo di bùa" (mi si conceda il labronicismo) se n'è infischiato nel migliore dei casi o l'ha incoraggiato nel peggiore....

    RispondiElimina
  62. Caro hpoirot sono completamente daccordo con te.......
    Persone come de Capitani ci rendono ancor più edotti del marcio che c'è in certi settori della Chiesa e di come la battaglia di Mons. Lefevre era sacrosanta.......
    Chi ha permesso che il fumo di Satana entrasse nella Chiesa?
    Chi ha manovrato e pilotato il Concilio Vat. II ?????
    Chi infine lo ha applicato con la riforma della Curia Romana, il Novus Ordo Missae, ecc. ????
    E noi siamo qui a prendercela con un pesce piccolo piccolo come il sig. de Capitani?????
    e non osiamo forse dire chiaro e tondo che ci sono persone molto, molto più colpevoli di lui......
    Arriverà l'ora della verità e della giustizia di Dio, preghiamo per la conversione e il rinsavimento fintanto che la giustizia di Dio ci darà tempo.
    Vieni Signore Gesù......

    RispondiElimina
  63. Luis Moscardò29 giugno 2011 23:43

    ...moralismo da treppàllensoldo: è evidente che un blog cattolico sia l'ultima spiaggia per denunciare un tale pubblico scandalo e l'azione pericolosissima per la salus aniumarum che tal chierico (mi ripugna associare tale qualifica a quella persona) tanto sgangheratamente conduce. Chi lo deve fare? la curia, sì, ma non l'ha fatto; è opportuno che gli scandali vengano a galla. Con buona pace delle anime candide.

    RispondiElimina
  64. Luis Moscardò29 giugno 2011 23:45

    <span>...moralismo da treppàllensoldo: è evidente che un blog cattolico sia l'ultima spiaggia per denunciare il grave e pubblico scandalo legato all'azione pericolosissima per la salus aniumarum che tal chierico (mi ripugna associare questa qualifica a quella persona) tanto sgangheratamente conduce. </span>
    <span>Chi lo deve agire? la curia, sì, ma non l'ha fatto; le autorità sanitarie? Sì ma non l'hanno fatto... è opportuno che gli scandali vengano a galla. Con buona pace delle anime candide.</span>

    RispondiElimina
  65. Caro Massimo penso che tu abbia qualche ragione, anche se non devi drammatizzare troppo la cosa........
    A mio modesto parere conoscere le sparate del povero de Capitani ci aiuta a capire il terreno di coltura e l'umus cattocomunista e sessantottino e modernista in cui sono maturate.
    Poi è ovvio che il soggetto lo affidiamo alla misericordia di Dio (non potendolo affidare al braccio secolare per una salutare sculacciata - il rogo con questo caldo lo sconsigliamo non vorremmo bruciare immondizia come i napoletani).
    Il problema torno a dirlo non è de Capitani, ma i falsi maestri i teologastri alla page quelli che ancora diffondono dottrine eretiche nei seminari e nelle università pontifice, insomma i modernisti .......
    I nemici da epurare sono Rahner, Kung, Congar...... i teologi della Nouvelle teologhie.........
    La purificazione la dobbiamo fare anche dentro di noi perchè senza accorgercene siamo tutti infettati dal modernismo.....
    Questo lo esige proprio la carità cristiana a cui tu, caro Massimo, giustamente ti appelli.....
    Io prego per de Capitani perchè lui postrebbe pentirsi e fare penitenza ed andare in Paradiso, mentre magari io potrei pervertirmi e meritare l'inferno......
    perciò non ti scandalizzare quì non ce l'abbiamo con le persone, ma con le dottrine eretiche......
    don bernardo

    RispondiElimina
  66. Bravo Luis, concordo con la Sua analisi.
    Tutto sommato questi esagitati e psicopatici progressisti con la bava alla bcca rendono un miglior servizio alla Tradizione, che tanti conservatori che cercano pacatamente attraverso il sillogismo di dimostrare la valenza e le ragioni della stessa.

    RispondiElimina
  67. Ma questo imbecille, questo pallone gonfiato, chi gli ha messo le mani sulla testa per farlo prete? Certo che se questi sono i preti della Chiesa Cattolica ed in particolare della "alma" Archidiocesi di Milano, c'è davvero da essere in lutto!

    RispondiElimina
  68. In pratica condannare l'errore, non l'errante, come diceva qualche decennio fa Giovanni XXIII, a proposito della dottrina comunista.
    Ma l'errore lo si combatte anche rimuovendo dal proprio status l'errante.

    RispondiElimina
  69. Caro "Don" Giorgio di Capitani, personalmente ho sempre evitato un filo diretto con lei pur leggendo delle sue "imprese" abbastanza note nel web....ma questa volta mi lasci dire che lei è uscito allo scoperto...e non è colpa sua...
    Lei ha avuto uno scatto d'IRA, lei è iracondo e non perchè si è sfogato, ora, contro il cardinale Scola, lei è iracondo da sempre, usando semmai internet come la sua valvola di sfogo....e trovando ora finalmente, nel cardinale Scola, il suo prezioso capro espiatorio...

    Il punto non è se Scola piace o non piace, questi sentimenti sono legittimi, ma non si addice ad un laico, men che meno ad un Prete, l'iracondia... ma esiste anche il peccato di INDUZIONE, ossia di chi l'ha condotta a questi estremi e qui il cardinale Tettamanzi e lo stesso Vicario che ora le chiede di ritirare il suo sfogo, hanno una gravissima responsabilità.... lei è stato un pessimo maestro seppur, glielo dico con franchezza, in alcune discussioni avrebbe potuto avere o avrebbe tutt'ora alcune ragioni, il danno maggiore lo hanno fatto i suoi Superiori che per anni l'hanno sopportata nonostante le centinaia di segnalazioni di fedeli che lei ha scandalizzato e continua ad ingannare con i suoi metodi sessantottini.... avrebbero dovuto sospenderla da molti anni, un Prete come lei è ciò che santa Caterina da Siena chiamava il "puzzo della Chiesa", "che fa imputridire il giardino".....
    O forse lei crede che lo scandalo sia solo di natura sessuale o politico?
    Senza dubbio che il coraggio non le manca, ma forse non ha ben chiara quale sia la vera BATTAGLIA che siamo chiamati a combattere.....
    la sua immagine di Cristo e della stessa Chiesa non è certo quella di sant'Ambrogio o di san Carlo Borromeo i quali non si sarebbero mai rivolti ad un loro superiore con l'ira che la contraddistingue....L'ira infatti, non è l'occasionale esplosione di rabbia:  diventa un vizio in presenza di un'estrema suscettibilità che fa sì che anche la più trascurabile delle inezie sia capace di scatenare una furia selvaggia. Nell'iracondo infatti vi è l'impossibilità a dialogare, a saper ascoltare l'altro, non c'è in lui la pazienza e non è in grado di amare il prossimo.... lei ama se stesso e le sue opinioni e con "coraggio" le difende dandosi forza parlando perfino al plurale PER COINVOLGERE I FEDELI CHE LA SEGUONO.... lei istiga all'odio e tutto questo gli è stato permesso dai suoi Superiori....

    Lei parla di un Tettamanzi che faceva "da arbitro" mentre veniva richiamato una volta dal Vicario.... ARBITRO? spero che si renda conto di qual pessimo servizio e pessima pubblicità sta facendo al cardinale uscente.... avrebbero dovuto sospenderla da molto tempo, ora si raccolgono i cocci e il guaio è che, come rammenta san Paolo, li paghiamo TUTTI, TUTTA LA CHIESA SOFFRE e non certo per la scelta del Papa che seppur non piacendo è sempre una scelta legittima e sacrosanta, ma per la grave zizzania che lei ha seminato  e per lo SCANDALO, e non solo oggi... ma da sempre a quanto pare, visto che le sue idee non sono cambiate....
    c'è infatti da chiedersi perchè il Vicario le ha scritto solo oggi per rimuovere questo testo vergognoso quando in passato ne aveva scritti altri non meno gravi....

    Caro Di Capitani, usi il coraggio che crede di avere per ben altre battaglie.... il suo fallimento è anche il fallimento e la riprova di un grave problema interno alla Chiesa che è fatto di volgarità, di sorprusi, di clericalismo, ossia, quello che a lei piace DI FARE IL PRETE dimenticandosi che lei non comanda nulla.... - le risparmio la battuta nel film del Marchese del Grillo - dimenticando che lei non è stato [...]

    RispondiElimina
  70. Redazione di Messainlatino.it30 giugno 2011 00:23

    Confesso candidamente che non riesco a reprimere una certa simpatia per don de Capitani. Ciascuno ha le sue perversioni, e a me, evidentemente, è toccata questa. Ma non è (solo) per tale simpatia innaturale - dopo aver preso delle belle botte di insulti dal reverendo - che vi prego di essere non troppo pesanti nei commenti. In primo luogo, per regola generale, evitiamo gli insulti, anche a chi se li merita. In secondo luogo, per gratitudine: quando ho letto questo post qui sopra, la mia soddisfazione per la nomina di Scola si è trasformata quasi in entusiasmo.
    Enrico

    RispondiElimina
  71. Dwegno figlio di una...

    RispondiElimina
  72. Degno figlio di una...

    RispondiElimina
  73. ma che sta dicendo..... la notizia è già in giro per il web e non vedo perchè questo Blog non avrebbe dovuto DENUNCIARE una schifezza di questa portata.....davanti allo scandalo non si tace.... e lo stesso di Capitani dissentirebbe dalla sua richiesta di silenzio....
    delude non la notizia pubblicata dalla Redazione, ma il prete che ha scritto quelle schifezze ed altre che in passato, pur denunciate alla Curia milanese, sono state troppo e lungamente sopportate.... e questi sono i frutti di una certa gestione malamente interpretata sempre dello spirito maledetto del Concilio DELLA MEDICINA DELLA MISERICORDIA, DEL TACERE, DEL VOLEMOSE BENE, DEL VA TUTTO BENE PURCHE' SE MAGNA...
    quando un prete comincia a dare segnali di disobbedienza, occorre agire come insegna il Vangelo: un richiamo in privato, un ulteriore richiamo con testimoni, se ancora persistente, lo si richiami davanti alla comunità, se recidivo LO SI BUTTA FUORI....

    altro che tacere!

    RispondiElimina
  74. Si va bene rimuoviamo don Giorgio...... ma poi? Non sarebbe stato meglio scrivere una condanna di Rahner e della sua teologia? Una condanna delle dottrine eretiche del Card. Martini che insegnano al Biblico e che dicono che Gesù non è realmente risorto, l'annunciazione è inventata, i miracoli non sono storici ma inventati dalla comunità? 
    De Capitani è un pesce piccolo, i mandanti sono altrove..... è questi che bisogna colpire....... inesorabilmente.
    P. S. Il Card. Policarpo di Lisbona che vuole le donne prete.......

    RispondiElimina
  75. f. Marie des anges30 giugno 2011 00:40

    ovvio che a don capitani nessuno chiederà ritrattazioni e precisazioni di ortodossia... solo Econe deve avere il processo Galileo...

    RispondiElimina
  76. E' ora di far rientrare subito e senza condizioni la Fraternità San Pio X, con la più ampia facoltà di movimento e la più ampia indipendenza dai vescovi locali, solo in questo modo il Papa potrà davvero cominciare a purificare la vigna del Signore...... dai modernisti,
    La battaglia non è solo contro i personaggi come don Gallo, de Capitani, ecc.... ma contro gli eretici modernisti che vanno cacciati fuori dai seminari, dalle università, dalle diocesi e questo sarà possibile solo con le forze sane e sante che verranno accolte nella Chiesa.....
    PREGHIAMO PER QUESTE INTENZIONI.

    RispondiElimina
  77. ;)  caro Areki, le tue parole mi hanno dato una immagine alla Don Camillo e Peppone e che è la seguente: una partita, modernisti contro i tradizionali.. - non "isti" - .. siamo nel pieno della partita, c'è una sorta di stallo, un arbitro - la Chiesa? -  non venduta, ma CONCILIARISTA, ora sta con una, ora con l'altra parte... non fischia i falli, chiude un'occhio per  gli errori e qui immagino E SPERO un atto di coraggio dell'arbitro con la RISERVA tradizionalista, visto che i modernisti hanno messo in campo praticamente di tutto...., ergo la FSSPX :-D :-D  e cominciamo a chiederci: MA QUAND'E' CHE METTERANNO IN CAMPO LA PREZIOSA RISERVA? l'asso nascosto nella manica?
    Chissà..... ;)

    RispondiElimina
  78. Non dimentichiamoci anche di don Paolo Farinella, se ne potrebbe avere a male! i progressisti sono tipi permalosi!

    RispondiElimina
  79. Tipi alla De Capitani però sono solo l'epifenomeno dei problemi che affollano la Chiesa. Se sotto non ci fosse un consenso più o meno vasto non tanto per il suo modo di agire, ma per il suo modo di  vedere la Chiesa, la reazione all'interno del clero e dei fedeli non si sarebbe fatta attendere e già da tempo. Ma purtroppo non è così.  Se non altro, quelli comen lui, hanno il pregio di ricordarci qual'è il vero ghigno della Rivoluzione ogni volta che questa getta via la maschera curiale  e sorridente. Per quanto lo riguarda personalmente il suo non è nè sacro furore, nè indignazione ma odio allo stato puro. Assolutamente indegno non solo di far parte del clero, ma anche e soprattutto della Chiesa cattolica. E poi leggere che ha cura d'anime ....!!!! Ma uno così non dovrebbe curare neanche i corpi!!!

    RispondiElimina
  80. Cara caterina sono daccordo con te, facendo una precisazione veloce: la Chiesa conciliarista è un malato agonizzante al cui capezzale accorrono i medici della Tradizione con l'antidoto per guarirlo e i medici modernisti con il veleno per la buona morte........ :)

    RispondiElimina
  81. ......... questi " preti" dovrebbero essere richiamati e puniti...ad esempio un'altro prete don Farinella ha scritto cose irripetibili sul fatto che il Cardinale Mauro Piacenza è ritornato nella sua genova per la festa del 24 giugno patrono della lanterna san giovanni battista......
    basta siamo peggio della cloaca della politica italiana

    RispondiElimina
  82. ...ripeto se non ti chiami Lefebvre il Vaticano non ti da nessuna punizione : sei immune A VITA !

    RispondiElimina
  83. Alla fine che cosa toglie il sonno a mr. De Capitani? Che gli odiati "ciellini" mettano le mani sui beni delle parrocchie, Deus avertat! Ma la Chiesa non doveva essere povera, semplice e stracciona? Mi sono perso una puntata?

    RispondiElimina
  84. Purtroppo, fino a settembre, il vescovo di questo "prete" è Tettamanzi

    RispondiElimina
  85. Grazie per i tuoi nterventi intelligenti, Enrico. Sono d'accordo al 100% con te. Inoltre diciamocelo: meglio De Capitani, che è dalla parte opposta della barricata, ma ci crede  e ci mette la faccia in prima persona, che la massa degli ignavi che sta da una parte o dall'altra secondo convenienza.

    RispondiElimina
  86. Scusate... non rendiamoci ridicoli con toni da Giudizio Universale. Come dicevo sopra a Enrico, anche a me d. Giorgio non riesce a essere antipatico. Ovviamente la pensiamo in modo diametralmente opposto su quasi tutto, però credetemi, meglio uno come lui che "ci crede" e ci mette la faccia che le migliaia di ignavi che si allineano secondo il vento. Dico sempre che il momento della prima rivoluzione postconciliare in un certo modo poteva avere la spinta positiva di chi credeva davverodi fare qualcosa di positivo; il peggio è stata la palude seguente, lo sprofondare in un conformismo "conciliarista" grigio e squallido. Lo stesso con De Capitani: posso fare a cazzotti con lui perché "ci crediamo" entrambi, mentre con molti suoi confratelli puoi solo giocare sui compromessi.

    RispondiElimina
  87. don giorgio de capitani30 giugno 2011 11:04

    Ringrazio la Redazione di Messainlatino.it per dare la possibilità di leggere il mio articolo, dal momento che da stamattina ho dovuto toglierlo dal mio sito su ordine della Curia di Milano. Qualcosa di buono fate anche voi.

    RispondiElimina
  88. Oh! Ma la ribelione all'oppressione meschina dei fasciopreti, dove è andata a finire? Era il momento giusto per fondare una nuova comunità in barba alla nazigerarchia! Ma forse così non arrivano i soldini a fine mese...

    RispondiElimina
  89. Ecco vedete che avevo ragione?! Siamo su opposte barricate, ma si discute a viso aperto.

    RispondiElimina
  90. Non condivido per nulla il tono e il linguaggio dei questo sacerdote. Ma se non altro dice quel che pensa. Meglioc erto di rpeti che fino a ieri hanno sparato su CL e stamattina alal messa hanno celebrato in ringraziamento per la nomina...mentre tornati in sacrestia hanno proseguito a lamentarsi. Da parte mia spero che questo nuovo arcivescovo, della cui nomina sono felice, portiuna ventata d'aria nuova in questa chiesa agonizzante di Milano. Per il sacerdote di cui sopra prego perchè ritrovi la gioia e la bellezza del sacerdozio cattolico...e se proprio questa Chiesa non la sente più sua...la porta è sempre aperta.

    RispondiElimina
  91. un effetto DE CAPITANI lo ha raggiutno ... prima consideravo antipatici i ciellini .... ora non più !!!
    Grazie, CAPITANI !!!

    RispondiElimina
  92. Caro Don Giorgio collabori anche lei alla difesa della Santa Madre Chiesa!!!

    RispondiElimina
  93. vista la richiesta della curia e visto anche che mantenendolo si persegue lo scopo di don Capitani, suggerirei alla redazione di oscurare il suo delirante messaggio.

    RispondiElimina
  94. don giorgio de capitani30 giugno 2011 12:22

    Se è osceno, perché lasciate sul vostro casto sito il mio articolo censurato? Perché non obbedite anche voi alla Curia di Milano?

    RispondiElimina
  95. Quest'uomo -questo indegno sacerdote ahimè- che dà scandalo coi sui lucidi delirii, non fa altro purtroppo che dar voce a quella conventicola di loschi individui che la Curia Milanese ha sempre tollerato, incoraggiato, cui ha permesso di penetare nei consigli pastorali e presbiterali della Diocesi.
    Essi ormai sono ricolmi di quello spirito scismatico nei confronti della Chiesa Romana, incoraggato dalle autorità diocesane, che sta devastando Milano e la sua Diocesi.
    Primo e più evidente indizio di questo atteggiamento è stato il rifiuto di applicare il Motu Proprio "Summorum Pontificum" al Rito Ambrosiano, in nome di una diversità rituale che va amata e salvaguardata finché non diviene una bandiera antiromana e antipapale.
    Ee è contro tali deviazioni che il nuovo Arcivescovo dovrà innanzitutto combattere se vuole salvare il popolo cristiano della sua Diocesi dal baratro finale.

    RispondiElimina
  96. Non mi piace la CENSURA.
    De Capitani ha manifestato apertamente (e coraggiosamente, visto che dalla curia dipende) il suo pensiero. La Redazione di MIL ha ritenuto opportuno pubblicare il suo articolo. Perchè si dovrebbero seguire i desiderata della Curia di Milano?

    RispondiElimina
  97. <span>Non mi piace la CENSURA delle opinioni.  
    De Capitani ha manifestato apertamente (e coraggiosamente, visto che dalla curia dipende) il suo pensiero. La Redazione di MIL ha ritenuto opportuno pubblicare il suo articolo. Perchè si dovrebbero seguire i desiderata della Curia di Milano?</span>

    RispondiElimina
  98. Ma siamo così sicuri che Scola sia l'integralista che si aspetta di Capitani?

    RispondiElimina
  99. Caro don Giorgio, anche se siamo su posizioni diametralmente opposte,  ti assicuro la mia misera e povera preghiera affinchè il Signore possa realizzare in te i suoi disegni di santificazione......... alla fine quello che conta è la salvezza dell'anima, ti raccomanderò nella Santa Messa e spero tu faccia così per noi e per tutti gli amici di Messainlatino......
    don Bernardo

    RispondiElimina
  100. cara redazione ma lasciate solo questo poveretto di don giorgio ,gli date troppo importanza ,

    RispondiElimina
  101. <span>don giorgio de capitani</span>
    <span>Se è osceno, perché lasciate sul vostro casto sito il mio articolo censurato? Perché non obbedite anche voi alla Curia di Milano?</span>


    Per la stessa ragione per la quale i tralicci dell'alta tensione hanno il cartello con teschio e la scritta "pericolo di morte", cioè per mettere in guardia e/o fungere da monito.

    RispondiElimina
  102. Beh, don Giorgio, l'articolo osceno lo è certamente, ed a mio parere anche svilente della dignità sacerdotale. Ad ogno modo la Curia milanese non ha ordinato nulla alla redazione di Mil (né lo potrebbe), quindi sarà la stessa redazione a decidere che fare, ma non cerchiamo di preparare il terreno a surrettizie accuse di servilismo fine a se stesso.

    RispondiElimina
  103. Ecco la copia cache dell'articolo di questo qui:
    http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:WktshTMlB8UJ:www.dongiorgio.it/pagine.php%3Fid%3D2522%26nome%3Dprima+LA+DIOCESI+DI+MILANO+%C3%88+IN+LUTTO!+-+DonGiorgio.it&cd=2&hl=it&ct=clnk&gl=it&client=firefox-a&source=www.google.it

    RispondiElimina
  104. Ecco la copia cache dell'articolo di questo qui:
    http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:WktshTMlB8UJ:www.dongiorgio.it/pagine.php%3Fid%3D2522%26nome%3Dprima+LA+DIOCESI+DI+MILANO+%C3%88+IN+LUTTO!+-+DonGiorgio.it&cd=2&hl=it&ct=clnk&gl=it&client=firefox-a&source=www.google.it

    RispondiElimina
  105. Ecco la copia cache dell'articolo di questo qui:
    http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:WktshTMlB8UJ:www.dongiorgio.it/pagine.php%3Fid%3D2522%26nome%3Dprima+LA+DIOCESI+DI+MILANO+%C3%88+IN+LUTTO!+-+DonGiorgio.it&cd=2&hl=it&ct=clnk&gl=it&client=firefox-a&source=www.google.it

    RispondiElimina
  106. Ecco la copia cache dell'articolo di questo qui:
    http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:WktshTMlB8UJ:www.dongiorgio.it/pagine.php%3Fid%3D2522%26nome%3Dprima+LA+DIOCESI+DI+MILANO+%C3%88+IN+LUTTO!+-+DonGiorgio.it&cd=2&hl=it&ct=clnk&gl=it&client=firefox-a&source=www.google.it

    RispondiElimina
  107. Mai io non capisco questi preti...Se a loro fa tanto schifo la Chiesa perchè continuano a farne parte? Forse per narcisismo? Perchè vogliono far vedere che sono dei ribelli e liberi pensatori (ahahahaha)?

    RispondiElimina
  108. No perché li pagano lo stipendio da parroco è di 900euro al mese + bonus dei fedeli per Battesimi,Comunioni Cresime ed anche funerali. Il mio parroco si è cuccato ben 400euro di mancia per le esequie al caro estinto due giorni fa. Infatti da poco ha cambiato macchina e gira con un Monovolume Mercedez. Fare il prete non è poi così male lavori un ora al giorno e il resto della giornata la gestisci tu. Logico quindi che si può fare fare ma senza dimisssioni e se no poi la pensione ecclesiastica non la cucchi più.
       

    RispondiElimina
  109. <span>
    Comunque Don Giorgio De Capitani avrà molti difetti ma non certo quello della codardia. Quindi solo per questo merita rispetto. In un paese che ha fatto del servilismo la sua essenza. Del Francia Spagna purchè se mangia lui non è le ha mai mandate a dire e sapete quanti sono parroci a Milano che la pensano come lui su Scola ma non vogliono o non possono dirlo. Don Giorgio io pur non condividendo la sua battaglia, la spingo ad andare avanti. Un vera dialettica aq questa chiesa serve. Se ne è convinto continui fino in fondo la sua battaglia. Credo che lei meriti rispetto perché riconosce il proprio nemico ed ha deciso di affrontarlo. Non facendo magari come qualche altro prete che magari con l'arrivo di Scola cambierà semplicemente casacca. Chissà quanti preti ambrosiani vigorosamente anti CL rimarranno duri e puri, o invece scenderanno a più miti consigli con il nuovo arcivescovo anzi avanzeranno impreviste simpatie per CL.</span>
    <span>Magari per avere un incarico in diocesi? </span><span>Vada avanti Don Giorgio se è quello che crede. </span>
    <span></span><span>E si ricordi quello che diceva Hegel " Nessuno è un eroe agli occhi del proprio servo"</span>
    <span>Buon Battaglia</span>

    RispondiElimina
  110. ma caro don Giorgio dov'è tutto il suo splendido coraggio, il suo <span>esemplare</span> senso di responsabilità?
    Non mi dirà che vuole obbedire alla curia di Milano? Ma dov'è andato a finire il suo proverbiale 'afflato profetico'?
    Mi consénta (sì voglio usare proprio questo verbo che rimane nel vocabolario italiano, anche se lo usa Berlusconi!), mi consénta una domanda impertinente: non è che Ella ha paura di essere "sollevato dai diritti e dai doveri" come si dice in ecclesialese per intendere l'arrivederci e grazie'?
    Mi creda, stia zitto per un po' e preghi se si ricorda come si fa.

    RispondiElimina
  111. Pregeheremo perchè si ravveda  e torni cattolico.

    RispondiElimina
  112. Lei non è affatto coraggioso è semplicemente sfrontato e arrogante e anche calcolatore perché tanto - questi anni lo hanno dimostrato - la lasciano tranquillamente stare lì dove è, a fare danni alle anime. Il fatto di crederci è un aggravante, così come è un aggravante per tutti quegli impomatati maneggioni curiali, uomini per tutte le stagioni, i quali non credendo in nulla sono disponibili a tutto, con quel sorriso falso e farisaico. Ma non si può dialettizzare in positivo nè lui nè loro. La direzione in entrambe i casi è sempre la stessa: la distruzione della fede.

    RispondiElimina
  113. Comunque Don Giorgio De Capitani avrà molti difetti ma non certo quello della codardia. Quindi solo per questo merita rispetto. In un paese che ha fatto del servilismo la sua essenza. Del Francia Spagna purchè se mangia, del tengo famiglia. Lui non è le ha mai mandate a dire e sapete quanti sono parroci a Milano che la pensano come lui su Scola ma, non vogliono o non possono dirlo. Don Giorgio io pur non condividendo la sua battaglia, la spingo ad andare avanti. Un vera dialettica aq questa chiesa serve. Se ne è convinto continui fino in fondo la sua battaglia. Credo che lei meriti rispetto perché riconosce il proprio nemico ed ha deciso di affrontarlo. Non facendo magari come qualche altro prete che magari con l'arrivo di Scola cambierà semplicemente casacca. Chissà quanti preti ambrosiani vigorosamente anti CL rimarranno duri e puri, o invece scenderanno a più miti consigli con il nuovo arcivescovo anzi avanzeranno impreviste simpatie per CL.  
    <span>Magari per avere un incarico in diocesi? </span>
    <span></span><span>Vada avanti Don Giorgio se è quello che crede. Le faccio i miei aguri. </span><span>E si ricordi quello che diceva Hegel " Nessuno è un eroe agli occhi del proprio servo"</span>  
    <span>Buon Battaglia</span>
    <span><span><span>– </span></span><span>Flag</span></span><span><span><span> – </span></span><span>Mi </span></span>

    RispondiElimina
  114. @ospite
    anch'io suggerirei...

    RispondiElimina
  115. Infatti se si allarma per Scola figuriamoci come avrebbe reagito se si fosse trovato un mons. Olivieri.

    RispondiElimina
  116. <span>Comunque Don Giorgio De Capitani avrà molti difetti ma non certo quello della codardia. Quindi solo per questo merita rispetto. In un paese che ha fatto del servilismo la sua essenza. Del Francia Spagna purchè se mangia, del tengo famiglia. Lui non è le ha mai mandate a dire e sapete quanti sono parroci a Milano che la pensano come lui su Scola ma, non vogliono o non possono dirlo. Don Giorgio io pur non condividendo la sua battaglia, la spingo ad andare avanti. Un vera dialettica a questa chiesa serve. Se ne è convinto continui fino in fondo la sua battaglia. Credo che lei meriti rispetto perché riconosce il proprio nemico ed ha deciso di affrontarlo. Non facendo magari come qualche altro prete che magari con l'arrivo di Scola cambierà semplicemente casacca. Chissà quanti preti ambrosiani vigorosamente anti CL rimarranno duri e puri, o invece scenderanno a più miti consigli con il nuovo arcivescovo ed anzi avanzeranno impreviste simpatie per CL.    
    <span>Magari per avere un incarico in diocesi? </span>  
    <span></span><span>Vada avanti Don Giorgio se è quello che crede. Le faccio i miei aguri. </span><span>E si ricordi quello che diceva Hegel " Nessuno è un eroe agli occhi del proprio servo"</span>    
    <span>Buon Battaglia</span>  
    </span>

    RispondiElimina
  117. Poccolo fuori tema.

    Io non gioisco. Non per la nomina dell'ottimo Scola, sia chiaro. Ma per lo sgarbo ad un Patriarcato che a quanto pare vale meno di una Arcidiocesi.
    In questo modo si "politicizza" la gestione delle province ecclesiastiche, trattandole come il mondo le tratterebbe, il mase al nomero, all'importanza politica etc... ma la tradizione dove entra in questo?
    A questo punto nella chiesa modernizzata dei prossimi secoli temo seriamente che qualche Papa di Roma possa esser "promosso" Arcivescovo di New York.
    Ma dovrebbe funzionar cosi'? Mi chiedo se Scola conservera' almeno il titolo di Patriarca e mi chiedo se per la Chiesa moderna tal titolo abbia piu' un senso. Un tempo la sede veneta era rampa di lancio al Papato non perche' Venezia era piu' importante di Milano o Napoli ma perche' il Patriarca era un titolo di alto prestigio ed autorevolezza

    A questo punto si potrebbero far le cose seriamente... e per farlo le vie potrebbero essere tre:

    1) Abolire il Patriarcato di Venezia (e magari quello di Lisbona) e ridurlo ad Arcidiocesi metropolitana
    2) Spostarte il Patriarcato a Milano e rendere arcidiocesi Venezia. Ha anche un senso visto che Milano ha un suo rito
    3) La soluzione piu' seria, tenendo conto della tradizione, che risale ad Aquileia, sarebbe un Patriarcato di Aquileia, Venezia e Milano con sede a Milano e due Arcivescovi ad Aquileia e Venezia.

    RispondiElimina
  118. Certe idee essendo dannose DEVONO essere censurate. Io poi sarei per piantarla con il politically correct!

    RispondiElimina
  119. Sì, ma questo è un guerrigliero da tastiera. E poi di integrale questo ha solo la perdità del senno

    RispondiElimina
  120. @cesare
    'ooraggiosamente'? ne è proprio sicuro?
    Non appena la Curia di Milano ha detto che forse avrebbe mostrato i muscoli, de capitani, con un grande coraggio, ha tolto l'articolo e cominciato a fare il martire.
    intendiamoci non che io desideri che don de capitani ocntinui ad avvelenare il web con le sue stupidaggini, ma almeno non si dica che, prima, facendolo, era coraggioso!
    era coraggioso perché sapeva bene che nessuno gli avrebbe detto niente! o per lo meno era convinto di questo! Forse davvero il vento sta cambiando anche a mIlano! e credo che il card. scola non abbia nemmeno parlato, eppure...
    il coraggio poi, merce rara, spendiamolo per cose serie... e attribuiamolo a persone serie!

    Il Signore ci benedica e ci chiami a conversione (me per primo)

    RispondiElimina
  121. <span>per cesare  
    'coraggiosamente'? ne è proprio sicuro?  
    Non appena la Curia di Milano ha detto che forse avrebbe mostrato i muscoli, de capitani, con un grande coraggio, ha tolto l'articolo e cominciato a fare il martire.  
    intendiamoci non che io desideri che don de capitani continui ad avvelenare il web con le sue stupidaggini, ma almeno non si dica che, prima, facendolo, era coraggioso!  
    era coraggioso perché sapeva bene che nessuno gli avrebbe detto niente! o per lo meno era convinto di questo! Forse davvero il vento sta cambiando anche a mIlano! e credo che il card. scola non abbia nemmeno parlato, eppure...  
    il coraggio poi, merce rara, spendiamolo per cose serie... e attribuiamolo a persone serie!  
     
    Il Signore ci benedica e ci chiami a conversione (me per primo)</span>

    RispondiElimina
  122. Anche il Signore ha detto di lasciar crescere insieme il buon grano e la zizzania. Con quel che segue....

    RispondiElimina
  123. Redazione di Messainlatino.it30 giugno 2011 16:08

    Prego, don Giorgio, prego. Personalmente, non avrei pubblicato questo post che riprende il tuo sproloquio. Più che altro per farti un favore: non è che ne esci bene, dalla lettura di quella prosa, in primo luogo perché non c'è un argomento che sia uno: è solo uno sfogo atrabiliare, un insalatone russo con tutti i tuoi ritornelli consueti (a cominciare da Berlusconi, come se l'avesse nominato lui il nuovo arcivescovo).

    Ma ora che è on line, sai che sono allergico alla censura quanto al polline di graminacee. Voce dal sen fuggita, poi richiamar non vale.

    Però, se accetti un consiglio, dovresti scusarti col card. Scola. Non per opportunismo, ma proprio perché sei in torto. Salvi i toni che usiamo (certe parole, sulla bocca di un prete, fanno veramente ribrezzo, don Giorgio, cerca di capirlo: un sacerdote dovrebbe usare la bocca per pregare e benedire, non per inveire), nemmeno noi siamo teneri con i vescovi (vedi la lista nella colonna a destra, La trahison des clercs: naturalmente, c'è anche il tuo mentore Tettamanzi), ma sempre per fatti specifici e documentati. La tua invece è un'invettiva gratuita, basata sull'unico crimine di appartenenza a C.L. Non c'è niente di concreto, niente di ponderato, niente di argomentato nelle tue accuse. Per questo dovresti scusarti; c'è una notevole dose di 'razzismo ecclesiale' nelle tue parole: se appartiene a un movimento anziché a un altro, allora è un Untermensch. Noi, nemmeno per i neocatecumenali che fan girotondo intorno agli altari, arriviamo a tanto...

    Enrico

    RispondiElimina
  124. De don Capitani vuole andare avanti, come lei gli augura, che ci vada, ma spretandosi. Non si può restare fedeli alla chiesa e criticarla in quel modo sconcio e volgare pieno di superbia (che per la chiesa dovrebbe essere ancora un peccato capitale). L'umiltà e la pazienza, invece se non sbaglio, dovrebbero essere le caratteristiche fondamentali di un buon cristiano, e non mi pare che di queste caratteristiche Don Capitani ne possiede molte. Se lui non si sente a suo agio nella chiesa cattolica, in spirito di coerenza al suo modo di pensare, può tranquillamente uscirne e passare ad esempio alla chiesa valdese, dove ciò che è proibito nella chiesa cattolica invece lì è permesso (vedi i matrimoni gay della chiesa valdese, che don capitani propaganda nel suo sito). Ma se vuole restare nella chiesa cattolica deve accettare le regole di questa e non sovvertirle.

    RispondiElimina
  125. De don Capitani vuole andare avanti, come lei gli augura, che ci vada, ma spretandosi. Non si può restare fedeli alla chiesa e criticarla in quel modo sconcio e volgare pieno di superbia (che per la chiesa dovrebbe essere ancora un peccato capitale). L'umiltà e la pazienza, invece se non sbaglio, dovrebbero essere le caratteristiche fondamentali di un buon cristiano, e non mi pare che di queste caratteristiche Don Capitani ne possiede molte. Se lui non si sente a suo agio nella chiesa cattolica, in spirito di coerenza al suo modo di pensare, può tranquillamente uscirne e passare ad esempio alla chiesa valdese, dove ciò che è proibito nella chiesa cattolica invece lì è permesso (vedi i matrimoni gay della chiesa valdese, che don capitani propaganda nel suo sito). Ma se vuole restare nella chiesa cattolica deve accettare le regole di questa e non sovvertirle.

    RispondiElimina
  126. Penso che l'attuale condizione della diocesi milanese (dai frutti si vede l'alberto: quest'anno 17 ordinazioni nella diocesi più grande del mondo) giustifichi della scelte che possono apparire per certi aspetti problematiche.

    RispondiElimina
  127. <span>Penso che l'attuale condizione della diocesi milanese (dai frutti si vede l'albero: quest'anno 17 ordinazioni nella diocesi più grande del mondo) giustifichi della scelte che possono apparire per certi aspetti problematiche.</span>

    RispondiElimina
  128. In effetti la rimozione dell'articolo è stata, a dir poco, precipitosa.

    Era Pound che scriveva: se un uomo non è disponibile a correre qualche rischio per le proprie idee, o le sue idee non valgono nulla o è lui che non vale nulla?

    Ma non credo che don De Capitani abbia istantaneamente rimosso il suo scritto per timore di eventuali (certe?) ritorsioni, ma perchè quale sacerdote soggetto all' "obbedienza", in quanto tale, obbedisce.

    RispondiElimina
  129. Su alcune cose posso anche essere d'accordo ma lei mi ricorda i Travaglio e i Saviano: siete bravi a sfondare le porte già aperte.

    Sui clienti di Pisapia, ad esempio, niente da osservare?



    PS: la battuta sull'Eucaristia non l'ho capita io o lei non è  più cattolico?

    RispondiElimina
  130. <span>La curia di Milano fa oscurare gli insulti a Scola e Benedetto XVI, che peró dovrebbero procurare a loro perfetta letizia, e non fa oscuraro tutto il sito di questo prete eretico? Non gli insulti ma si la difesa del matrimonio gay? Ragazzi, dov´é l´inquisizione?</span>

    RispondiElimina
  131. Fare scelte coraggiose. Meno sociologia e più fede, meno cratività e più obbedienza, tornando a Cristo, alla Chiesa, alla sana teologia e alla sana liturgia; e poi tornando al popolo che in gran parte è rimasto cattolico ed è schifato, dicasi nauseato, da tanto cambiamento da tanta confusione e da tanta ribellione. mio padre per decenni non andò più a Messa disorientato com'era, poi prevalse la ... fede: vado in chiesa per il Signore, anche senon capisco questa Messa (in italiano!), capivo di più quella di prima (in latino!), ghé pusé Signur! diceva

    RispondiElimina
  132. Te lucis ante terminum30 giugno 2011 19:11

    Caro don Giorgio, conti fino a dieci prima di scrivere insulti e boiate varie, se la Chiesa le fa schifo, se non crede nei suoi dogmi e insegnamenti tolga il disturbo e vada ad unirsi al suo amico ex don Franzoni...nessuno la tratterrà e noi cattolici sopravviveremo anche senza le sue esaltanti sparate dal pulpito!

    RispondiElimina
  133. @Salvo: congratulazioni per la proposta. Chissà se 'qualcuno che conta' leggerà questo commento! Io lo spero!

    RispondiElimina
  134. Guardi che Galileo ha avuto un processo molto più equo di quello che viene raccontato anche a scuola.

    La morale alla Chiesa, su Galileo, per decenni è stata fatta da coloro che oltre cortina  avevano processato Florenskij!

    RispondiElimina
  135. Caro don Giorgio,
    non la conoscevo, anche se tempo fa avevo letto  - credo sul Corriere della Sera - un articolo che raccontava di un richiamo che le era stato fatto dalla curia di Milano per una sua presa di posizione (non mi ricordo a proposito di cosa). 
    Ieri sera ho leto il suo articolo delirante.
    Beninteso, mi piacciono le persone che hanno il coraggio di mettersi in gioco e di combattere per le loro idee a viso aperto: ma un conto sono le idee e un conto è l'odio che mai deve attecchire  nel cuore di un sacerdote. Come si fa a scrivere che "il Vaticano si è fatto inculare dal Porco maledetto"? Misembra una cosa da matti! E mi chiedo come sia possibile che i suoi sproloqui abbiano raccolto dei consensi (ho letto i commenti sul suo sito). Vivo forse in una società parallela? Non credo.
    Suo malgrado lei ha comunque fatto un grande piacere agli amici della Tradizione, scrivendo (nel suo sito) che "il card. Tettamanzi è l'unica persona ad avermi capito". I giudizi - certo non teneri - sull'operato del card. Tettamanzi sono pressoché unanimi in questo blog e lei ci aiuta a consolidare il nostro pensiero negativo su di lui.        

    RispondiElimina
  136. Claudio Sinclair30 giugno 2011 19:44

    Eccettuato il linguaggio crudo e non adatto ad un Sacerdote - che disapprovo in pieno - Don Giorgio dice anche un sacco di cose totalmente condivisibili ed in linea con il Vangelo. D'altra parte il buon Dionigi, dopo averlo convocato ed averne ascoltate le valide ragioni non ha preso alcun provvedimento contro di lui.
    Ora il Vicario Generale, forse in cerca di captatio benevolentae assume una posizione iper rigida. Mah!

    RispondiElimina
  137. Claudio Sinclair30 giugno 2011 19:45

    Intendevo scrivere: <span>Captatio benevolentiae</span>

    RispondiElimina
  138. ovosodo trippato con simone alla sinclair30 giugno 2011 19:51

    peccato, mi piace così tanto il de Capitani ! rappresenta l'emersione dal dogmatismo postfascista della chiesa tradizionalcapitalista rappresentata da una parte ora emergente del Vaticano lefevrian-vacantista... ;)  

    RispondiElimina
  139. Claudio Sinclair30 giugno 2011 19:52

    Ti basta veramente poco per cambiare idea, vero?

    RispondiElimina
  140. neocateco trippato30 giugno 2011 20:05

    no, vi sbagliate, è quello che cercherà di fa fuori lo Scola

    RispondiElimina
  141. E' ora di rifondare il Sodalitum Pianum. Siete d'accordo?

    RispondiElimina
  142. don giorgio de capitani30 giugno 2011 20:45

    Se vi interessa leggete il mio ultimo articolo che interessa questo sito e altri:
    http://www.dongiorgio.it/index.php

    RispondiElimina
  143. A modo suo anche Don Giorgio De Capitani è obbediente. Forse per questo piace alla Redazione.

    RispondiElimina
  144. @cesare: sarà, sarà, sarà ma non cicredo!

    RispondiElimina
  145. <p><span><span>Non di trasgressione all'obbedienza si tratta, ma di offesa l’impegno preso con la curia il 28 aprile di evitare, sul blog e spero anche dal pulpito, frasi ingiuriose, ecc. ecc; si tratta anche di offesa al neo arcivescovo e ad un gruppo ecclesiale... </span></span>
    </p><p><span><span>che poi don de capitani ottemperi a quanto imposto 'per obbedienza', mi fa ridere; per paura delle conseguenze minacciate (sarebbero prese poi, ma?) mi sembra più credibile; penso che anche lo stesso don de capitani, se gli è rimasta un po' di coerenza almeno con se stesso, non dovrebbe accettare una tale interpretazione (obbedire è un verbo che aborrisce: del resto non si dice, anche ai massimi livelli, che l’obbedienza non è più una virtù?) </span></span>
    </p>

    RispondiElimina
  146. cattolico adulto30 giugno 2011 21:44

    don Giorgio la smetta!

    RispondiElimina
  147. Non capisco proprio questi attacchi a Don De Capitani. Costui è un Sacerdote in perfetta comunione con la Chiesa (non come quelli della FSSPX, che sono "eretici" e "scismatici"...). La sua attività pastorale è perfettamente legittima (non come quella dei Sacerdoti della FSSPX, che sono "sospesi a divinis"...). I Sacramenti da lui amministrati sono pienamente leciti e validi (non come quelli amministrati dalla FSSPX, che sono "illeciti" e "invalidi"). Poi la sua dottrina, il suo pensiero e persino il suo linguaggio sono assolutamente in linea con il concilio, l'Unico, il Vero, l'Assoluto, l'Infallibile, il Dogmatico, l'Incancellabile, l'Irreformabile, il Clemente, il Misericordioso, sia Gloria al Suo Nome, quello rispetto al quale "non si può tornare indietro", col quale "la chiesa è rinata in una nuova primavera dello spirito", che ha riempito le chiese e i seminari, che ha sconfitto l'irreligiosità e il materialismo. Di più, il suo (di De Capitani) pensiero è perfettamente, logicamente conseguente (non come possibilità, ma come stringente necessità) a quello del concilio e del suo Santo Spirito, al di fuori del quale, contro il quale non vi è verità. Anche il suo linguaggio, così vero, popolare, anticonvenzionale, vicino ai bisogni degli ultimi, è così vicino a quello così chiaro, lineare, non ambiguo, sillogistico del concilio. In altri termini: dato il concilio, non può aversi che Don De Capitani e solo Don De Capitani, che del concilio rappresenta il più bel segno, simbolo, perfetta incarnazione e testimonianza, magnifica epitome. Pertanto, chi approva il concilio, non può che approvare anche Don De Capitani, pena l'incoerenza, la caduta in palese contraddizione e quindi l'errore.
    P.S. Poichè, purtroppo, anche in questo sito non mancano i partecipanti poveri di spirito, raccomando loro la lettura delle voci "ironia" e "paradosso" in un buon manuale di retorica. I testi, ad esempio, della Professoressa Bice Mortara Garavelli sono, a questo proposito, ottimi.
    P.P.S. Se qualcuno crede che Scola "metta le cose a posto", è un povero illuso. Riepiloghiamo: "Uomo del concilio" (così definito in questo blog) co-fondatore di "Communio", fondatore di "Oasi", fautore del "meticciato culturale" e del "dialogo ecumenico", apprezzato da Cacciari...Piuttosto, mi stupisco della reazione di Don De Capitani, dovrebbe esultare e non insultare. Questi preti conciliaristi sono un po' complicati da capire.

    RispondiElimina
  148. <span>Non capisco proprio questi attacchi a Don De Capitani. Costui è un Sacerdote in perfetta comunione con la Chiesa (non come quelli della FSSPX, che sono "eretici" e "scismatici"...). La sua attività pastorale è perfettamente legittima (non come quella dei Sacerdoti della FSSPX, che sono "sospesi a divinis"...). I Sacramenti da lui amministrati sono pienamente leciti e validi (non come quelli amministrati dalla FSSPX, che sono "illeciti" e "invalidi"). Poi la sua dottrina, il suo pensiero e persino il suo linguaggio sono assolutamente in linea con il concilio, l'Unico, il Vero, l'Assoluto, l'Infallibile, il Dogmatico, l'Incancellabile, l'Irreformabile, il Clemente, il Misericordioso, sia Gloria al Suo Nome, quello rispetto al quale "non si può tornare indietro", col quale "la chiesa è rinata in una nuova primavera dello spirito", che ha riempito le chiese e i seminari, che ha sconfitto l'irreligiosità e il materialismo. Di più, il suo (di De Capitani) pensiero è perfettamente, logicamente conseguente (non come possibilità, ma come stringente necessità) a quello del concilio e del suo Santo Spirito, al di fuori del quale, contro il quale non vi è verità. Anche il suo linguaggio, così vero, popolare, anticonvenzionale, vicino ai bisogni degli ultimi, è così vicino a quello così chiaro, lineare, non ambiguo, sillogistico del concilio. In altri termini: dato il concilio, non può aversi che Don De Capitani e solo Don De Capitani, che del concilio rappresenta il più bel segno, simbolo, perfetta incarnazione e testimonianza, magnifica epitome. Pertanto, chi approva il concilio, non può che approvare anche Don De Capitani, pena l'incoerenza, la caduta in palese contraddizione e quindi l'errore.  
    P.S. Poichè, purtroppo, anche in questo sito non mancano i partecipanti poveri di spirito, raccomando loro la lettura delle voci "ironia" e "paradosso" in un buon manuale di retorica. I testi, ad esempio, della Professoressa Bice Mortara Garavelli sono, a questo proposito, ottimi.  
    P.P.S. Se qualcuno crede che Scola "metta le cose a posto", è un povero illuso. Riepiloghiamo: "Uomo del concilio" (così definito in questo blog) co-fondatore di "Communio", fondatore di "Oasis", fautore del "meticciato culturale" e del "dialogo ecumenico", apprezzato da Cacciari...Piuttosto, mi stupisco della reazione di Don De Capitani, dovrebbe esultare e non insultare. Questi preti conciliaristi sono un po' complicati da capire.</span>

    RispondiElimina
  149. Don Giorgio, se le interessa ho unn amico che è un ottimo psichiatra. Credo farebbe il caso suo.

    RispondiElimina
  150. Per fortuna che Scola non è come me..io questo qua lo prenderei a pedate nel sedere.

    RispondiElimina
  151. Prego la Madonna per te don Giorgio, che cambi il tuo cuore.

    RispondiElimina
  152. Andrea da Milano1 luglio 2011 00:30

    Scusa Silente ma forse tu vivi su un altro pianeta!!!!!!!!!!! Tutte le statistiche sono concordi nel dire che dopo il Concilio la praticanza religiosa e precipitata e i seminari si sono svuotati, mi dici dove è la rinascita religiosa????? dove stanno le Chiese Gremite????? e poi perdonami gli aggettivi che hai usato per definire il Vaticano II sono in'appropiati non stiamo mica parlando di Dio, ma di un concilio come ce ne sono stati tanti nella storia della Chiesa (sento puzza di idolatria)
    In riferimento ai Sacerdoti dell FSSPX essi sono ordinati illecitamente, ma la loro ordinazione è valida al 100% e quando celebrano Messa il pane e il vino diventano il Corpo e il Sangue di Cristo.
    Don Capitani sarà stato ordinato lecitamente, ma le sue idee non sono propio in comunione con la Chiesa e il Papa!!!!!!! detto che parliamo della stessa Chiesa.

    RispondiElimina
  153. Caro Andrea,

    Silente scriveva:

    <span><span>P.S. Poichè, purtroppo, anche in questo sito non mancano i partecipanti poveri di spirito, raccomando loro la lettura delle voci "ironia" e "paradosso" in un buon manuale di retorica. I testi, ad esempio, della Professoressa Bice Mortara Garavelli sono, a questo proposito, ottimi.</span></span>

    ;)

    RispondiElimina
  154. Ma questo don de Capitani (lo chiamerei più esattamente de av-ventura) crede di essere l'antipapa?

    RispondiElimina
  155. et alios ad- dormentat!

    RispondiElimina
  156. Caro don Giorgio, non la conoscevo ed ero felice....

    RispondiElimina
  157. Ogni sua offesa è una medaglia per chi la riceve.

    RispondiElimina
  158. Te lucis ante terminum1 luglio 2011 11:30

    <p><span>Don Giorgio dice anche un sacco di cose totalmente condivisibili ed in linea con il Vangelo (by Claudio Sinclair) </span>
    </p><p><span></span><span>di un vaticano che si è fatto finora inculare
    dal Porco maledetto (by don Giorgio</span>

    </p><p><span></span><span><span>sorgeranno ovunque comunità di base,</span><span>le parrocchie si auto-gestiranno (by don Giorgio) </span></span>
    </p><p><span><span> </span></span>non ci lasceremo commuovere da parole quali:
    <span><span>eucaristia, comunione, obbedienza…(by don Giorgio)
    </span></span>

    <span><span></span></span>Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e su di essa non prevarranno le porte dell'Inferno. Ti darò le chiavi del Regno dei cieli... (Matteo 16, 18-19)
    Se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno (Giovanni 6, 55)
    A chi rimetterete i peccati saranno rimessi, ma a chi non li rimetterete resteranno non rimessi (Giovanni 20, 23) naturalmente lo dice agli Apostoli.

    Certo Claudio, le parole di don Giorgio denotano grande attinenza al Vangelo e alla Fede Cattolica che notoriamente non è Una e Santa, non riconosce il Successore di Pietro come il "dolce Cristo in terra" come diceva s. Caterina da Siena e i vescovi come successori degli Apostoli e non si lascia commuovere dall'Eucarestia che è notoriamente secondaria rispetto alla dittatura del proletariato auspicata da don Giorgio. Le consiglio la lettura della "Libertatis Nuncius" di J. Ratzinger e vedrà la perfetta coerenza di ciò che scrive don Giorgio con il Vangelo e la Fede Cattolica.
    </p>

    RispondiElimina
  159. In un ottica Hegliana la dialettica può essere fatta solo all'interno quindi se Don Giorgio si spretasse non saremmo più in un ottica dialettica ma in un ottica dualistica, ovvero ad uno scontro tra soggetto e soggetto. La battaglia che Don Giorgio vuole fare è un battaglia all'interno di un soggetto per modificarne la propria storia e deve essere dialettica.

    Il movimento dialettico come diceva Platone nel Fedro viene assimilato a due procedimenti contrapposti ma complementari. Il primo è «abbracciare in uno sguardo d'insieme e ricondurre ad un'unica forma ciò che è molteplice e disseminato affinché, definendo ciascun aspetto, si attinga chiarezza intorno a ciò di cui si intenda ogni volta insegnare»; l'altro «consiste nella capacità di smembrare l'oggetto in specie, seguendo le nervature naturali, guardandosi dal lacerarne alcuna parte come potrebbe fare un cattivo macellaio» (Platone, Fedro 265 d-e).

    Buon smembramento

    RispondiElimina
  160.  un ottica Hegliana la dialettica può essere fatta solo all'interno quindi se Don Giorgio si spretasse non saremmo più in un ottica dialettica ma in un ottica dualistica, ovvero ad uno scontro tra soggetto e soggetto. La battaglia che Don Giorgio vuole fare è un battaglia all'interno di un soggetto per modificarne la propria storia.
     
    Il movimento dialettico come diceva Platone nel Fedro viene assimilato a due procedimenti contrapposti ma complementari. Il primo è «abbracciare in uno sguardo d'insieme e ricondurre ad un'unica forma ciò che è molteplice e disseminato affinché, definendo ciascun aspetto, si attinga chiarezza intorno a ciò di cui si intenda ogni volta insegnare»; l'altro «consiste nella capacità di smembrare l'oggetto in specie, seguendo le nervature naturali, guardandosi dal lacerarne alcuna parte come potrebbe fare un cattivo macellaio» (Platone, Fedro 265 d-e).  
     
    Don Giorgio Buon smembramento

    RispondiElimina
  161. In un ottica Hegliana la dialettica può essere fatta solo all'interno quindi se Don Giorgio si spretasse non saremmo più in un ottica dialettica ma in un ottica dualistica, ovvero ad uno scontro tra soggetto e soggetto. La battaglia che Don Giorgio vuole fare è un battaglia all'interno di un soggetto per modificarne la propria storia.  
       
    Il movimento dialettico come diceva Platone nel Fedro viene assimilato a due procedimenti contrapposti ma complementari. Il primo è «abbracciare in uno sguardo d'insieme e ricondurre ad un'unica forma ciò che è molteplice e disseminato affinché, definendo ciascun aspetto, si attinga chiarezza intorno a ciò di cui si intenda ogni volta insegnare»; l'altro «consiste nella capacità di smembrare l'oggetto in specie, seguendo le nervature naturali, guardandosi dal lacerarne alcuna parte come potrebbe fare un cattivo macellaio» (Platone, Fedro 265 d-e).    
       
    Don Giorgio Buon smembramento

    RispondiElimina
  162. L'hanno chiusa alla fine del 700 vuoi riaprirla tu?

    RispondiElimina
  163. Magari chiamiamo anche Romolo Murri?

    RispondiElimina
  164. Luis Moscardò1 luglio 2011 16:29

    Concordo pienamente con Don Bernardo/Areki... anche se mette le "h" un po' a caso :-D !

    RispondiElimina
  165. Luis Moscardò1 luglio 2011 16:36

    Dall'intervento del Giorgino non sembrerebbe così pentito... mentre sarebbe sarebbe bene che si pentisse o almeno si mostrasse pentito delle zozze stupidaggini che ha scritto; ora non faccia la vittima sbruffona. Chieda scusa, si cheti e preghi.

    RispondiElimina
  166. Luis Moscardò1 luglio 2011 16:45

    ...per farle del male lavorando dall'interno: è tragicamente molto più facile, efficace e lo si può fare "a tempo pieno e indeterminato".

    RispondiElimina
  167. Luis Moscardò1 luglio 2011 16:50

    ...e già che c'è anche il cervello!

    RispondiElimina
  168. Mi riconosco pienamente nella risposta della Redazione - Enrico - in questo contesto specifico....

    Don Giorgio.... non si rallegri di questa "pubblicità" si preoccupi dello scandalo dato, ognuno pagherà per il proprio scandalo, lei pensi al suo.... testimoni invece quella pedina conciliare del MEA CULPA, accolga il consiglio che le è stato dato....

    RispondiElimina
  169. ;)  FINALMENTE!!!! UN'OTTIMA OSSERVAZIONE ED UN OTTIMA DOMANDA......

    RispondiElimina
  170. @ don de capitani: Non mi interessa affatto leggere le sue 'cose', molte grazie, ma no!

    RispondiElimina
  171. Caro Salvo, non credo che mi leggerà, dato il tempo trascorso, ma grazie lo stesso. In effetti, certe incomprensioni sono sconfortanti. Ma è colpa mia. Il buon Montanelli diceva: "se tu scrivi, e qualcuno non ti capisce, il cretino sei tu, non lui."

    RispondiElimina
  172. Luis Moscardò2 luglio 2011 00:15

    ...i suoi link ci hanno un virus; non informatico....

    RispondiElimina
  173. Andrea da Milano2 luglio 2011 00:43

    Perdonami Silente, ma dopo aver visto ciò che scriveva questo sacerdote mi sono assai alterato e leggendo il  tuo intervento non ho colto che in fondo stavi solo ironizzando!!!!

    RispondiElimina
  174. che schifo ,leggere e pensare a queste cose .scritte da un sacerdote , confermiamo il marcio e la sporcizia dentro e fuori la chiesa . Sua Santità è sempre più solo .Preghiamo e sosteniamolo è la sola strada .

    RispondiElimina
  175. Una domanda: come mai il vicario generale di Milano (auguri alla diocesi che se lo beccherà come vescovo!!!  Il mio parroco ha salutato la nomina del nuovo arcivescovo solo perchè con ogni probabilità il vicario sarà spedito altrove...) richiama così blandamente il sopra citato..."prete" (mi riesce difficile definirlo così dopo le frasi assurde sull'eucarestia e sulle comunità di base...) ma, nell'ambito dell'augsta diocesi di Milano, s eun rpete usa la talare è spedito in aprrocchi dimenticate da Dio o se un seminarista presenta sintomi di tradizionalismo 8e non dico simpatia per la messa di una volta, ma amore per l'abitop che dovrebbe (ma non può!) portare, o per certi aprameti, o per il decoro dell'altare o per pratiche di pietà gudicate fuori moda, vien fermato per uno, due o tre anni di verifica o esperienza pastorale che, il più delle volte, hanno un'unica conseguenza...lasciare il seminario e cercarsi un lavoro?

    RispondiElimina
  176. Penso che mons. Redaelli potrebbe tranquillamente succedere a mons. Corti (in scadenza) a guida della diocesi di Novara.

    RispondiElimina
  177. Fra le cavolate che scrive don Giorgio e quelle che scrivi tu c'è poca differnza  

    RispondiElimina
  178. sacerdote in eterno per l'imposizione della mani consacratorie

    RispondiElimina
  179. così è se vi pare!

    RispondiElimina
  180. hahahaha Areki ogni vlta che ti leggo mi fai ridere

    RispondiElimina
  181. la bocca della verità

    RispondiElimina
  182. ahahahahahahah caterina sei un genio!

    RispondiElimina
  183. si Areki concordo con te.... ti occorre una tanica di benzina per purificare? chiedi e sarai servito a te che tutto sai e puoi non posso negarti obbedienza. Sei perfetto

    RispondiElimina
  184. e questo a te dispiace tanto vero?

    RispondiElimina
  185. La Chiesa sua madre?!?!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.