Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

domenica 15 maggio 2011

Qualche immagine significativa dal convegno sul motu proprio


Card. Canizares


Mons. Aillet

Card. Koch

Mons. Schneider


Mons. Pozzo


Don Bux


Suor Maria Grazia


Prof. de Mattei


Card. Castrillòn Hoyos

Ed ora qualche immagine dello storico pontificale all'altare della Cattedra:





































Il Regina caeli

Per motivi contingenti (browser, connessioni wi fi, compatibilità, bluetooth ecc.) solo ora siamo in grado di proporvi qualche immagine da noi scattata durante il Convegno sul Motu Proprio Summorum Pontificum e nella S. Messa Pontificale all'altare della Cattedra di stamattina in San Pietro. Ce ne scusiamo .

Una cosa che ci ha emozionato profondamente è la luce solare del tutto particolare che si è sprigionata dall'Altare al momento della Consacrazione.

Un'esperienza indimenticabile.

Grazie Santo Padre

61 commenti:

  1. Luis Moscardò15 maggio 2011 23:27

    E' stato bello ritrovarsi: dal 17/10/2009 è successo molto! E dopo quel cui ho avuto la grazia di partecipare stamattina in San Pietro direi che è successo davvero moooolto! [Padre Nuara ha chiosato ogni intervento del Convegno con la parola "Grazie"... credo che un grande "Grazie" vada tributato proprio a lui...].

    RispondiElimina
  2. Luis Moscardò15 maggio 2011 23:28

    <span>E' stato bello ritrovarsi: dal 17/10/2009 è successo molto! E considerando ciò cui ho avuto la grazia di partecipare stamattina in San Pietro direi che è successo davvero moooolto! [Padre Nuara ha chiosato ogni intervento del Convegno con la parola "Grazie"... credo che un grande "Grazie" vada tributato proprio a lui...].</span>

    RispondiElimina
  3. Enzo G. Castellari15 maggio 2011 23:33

    Potevano anche fare uno sforzo in più, e mettere l'altare dove era sempre stato.

    RispondiElimina
  4. Enzo G. Castellari15 maggio 2011 23:42

    Ma gli omini in frak con i baffi da Poirot che ci sono a tutti i pontificali, non c'erano?

    RispondiElimina
  5. Ai vari criticoni apocalittici15 maggio 2011 23:58

    A questo punto mi chiedo perchè non criticare anche gli eventuali spettinati. Bah.

    RispondiElimina
  6. Il noto elegante signore c'era: era (sempre elegantissimo) tra i fedeli...

    RispondiElimina
  7. c'ero anch'io...15 maggio 2011 23:59

    Il noto elegante signore era presente: era (come sempre elegantissimo) tra i fedeli...

    RispondiElimina
  8. Enzo G. Castellari16 maggio 2011 00:34

    Effettivamente i piccoli chirichetti gricigliani hanno delle righe brillantinate che farebbero impallidire un legionario di Cristo anni '50.

    RispondiElimina
  9. comunque si scrive FRAC e non frak

    RispondiElimina
  10. W la Chiesa Cattolica Apostolica Romana!

    RispondiElimina
  11. ....implosione nella chiesa......16 maggio 2011 07:52

    che tristezza !!!!!

    RispondiElimina
  12. Se una messa celebrata come i cattolici l´hanno celebrata per centinaia di anni in tutto il mondo ti pone tristezza, forse dovresti inginocchiarti e pregare!

    RispondiElimina
  13. Chi erano i Cardinali presenti alla Santa Messa di ieri, oltre al Celebrante e al Cardinale Bartolucci?

    RispondiElimina
  14. Uno dei momenti più commoventi, oltre naturalmente al Pontificale in se, è stato per me vedere l'ultra novantenne Card Bartolucci tornare a dirigere durante una messa in Vaticano (e non in un concerto) il Credo della Missa Papae Marcelli di Palestrina: il coro, galvanizzato dalla sua presenza, ha anche cambiato timbro... KANTOR

    RispondiElimina
  15. UN grande GRAZIE a te Enrico, e a Luigi, avete fatto un lavoro magnifico che ci ha permesso di seguire il convegno quasi come se fossimo presenti.
    Quelle foto mi danno dei brividi di emozione, le lacrime non sono lontane, esprimono quella gioia che immagino tutti i presenti hanno sentito. Ancora GRAZIE a tutti coloro che hanno permesso che ciò avvenga, nella speranza che non sia che il primo passo a cui ne seguiranno altri.

    RispondiElimina
  16. anche io grazie a Dio ero presente...........ringraziamo sempre il Signore per il grande dono che ci ha fatto, rimaniamo tutti uniti nella preghiera affinchè il nostro amore per la tradizione cresca sempre di più nell'umiltà e nella testimonianza di ogni giorno. Un abbraccio a tutti....

    RispondiElimina
  17. Su questo sono d'accordissimo. Ci voleva tanto a prenderlo e ad appoggiarlo contro il muro sotto la Cattedra?? Ma molto probabilmente è colpa di qualcuno a cui il pontificale non andava molto a genio,ovvero: va bene, se proprio deve esservi questa messa in latino almeno facciamogli qualche piccolo sabotaggio. Criterio che è stato applicato anche con l'orario, mi pare!

    RispondiElimina
  18. E' il loro bello!!!!

    RispondiElimina
  19. Rodè e Levada.

    RispondiElimina
  20. @Enzo G. Castellari: si vede che non ha niente di meglioda fare che criticare

    RispondiElimina
  21. @Enzo G. Castellari: si vede che non ha niente di meglioda fare che criticare

    RispondiElimina
  22. si, il solito omino c'era. Confermo :)

    RispondiElimina
  23. Va bene, voglio fare la comare e criticare anch'io come un pignolo pedante: Possibile che a parte il Cardinale Burke, nessun prelato quando pontifica in forma exraordinaria usi i sandali e i calzari?? Guardate che sono espressamente prescritti, ed è un abuso tralasciarli! Lo so che costano qualcosa come 500 euro a paio, ma anche solo con tutti i prelati diversi che invita l'istituto di Cristo Re, bisognerebbe che quelli di gricigliano(sempre presenti a questi eventi) ne avessero una bella scorta di numeri diversi, almeno bianchi!! (e non mi sembra che l' ICRSS sia in ristrettezze economiche....)

    RispondiElimina
  24. L'esercito della Tradizione...!16 maggio 2011 11:01

    Un vero esercito di giovani e giovanissimi sacerdoti ieri ha pacificamente invaso l'altare della Cattedra di San Pietro con il solo desiderio di dare gloria a Dio e di trarre giovamento spirituale dalla lode a Lui.
    Questa è SPERANZA PER LA CHIESA, è segno che lo Spirito del Signore continua a soffiare sulla Chiesa. Il "nuovo" oggi è la Tradizione, la riscoperta del suo valore spirituale che consente di riprendere in mano quella sapienza plurisecolare della Chiesa che dai tempi apostolici ha progredito sempre nella comprensione della Rivelazione (senza salti)!!! Tradizione liturgica, ma soprattutto dottrinale!!!
    In San Pietro abbiamo potuto constatare lo Splendore della Verità, come sottolineato da Enrico, con un raggio di sole che ha illuminato l'altare!!!

    Grazie P. Vincenzo, grazie em.mi Signori Cardinali, grazie ecc.mi Vescovi (pochi ma coraggiosi e profetici pionieri, che hanno saputo leggere i segni dei tempi), grazie "Giovani e Tradizione", cui mi sono associato con grande gioia.

    Alessandro (dalla "afflitta" Chiesa di Milano)

    p.s. Caro Enrico, eravamo a pochi passi, ma non abbiamo avuto modo di conoscerci.
    Spero che ci saranno altre occasioni.

    RispondiElimina
  25. una domanda impertinente16 maggio 2011 12:45

    Il Santo Padre ha pensato atutti, salutato tutti al Regina Coelei...tranne i partecipanti al convegno. Come mai?

    RispondiElimina
  26. Redazione di Messainlatino.it16 maggio 2011 13:00

    NOTA BENE:
    volevamo ricordare che le foto si riferiscono alla "storica" (la prima dopo anni e anni) celebrazione (e non mera rappresentazione) di una S. Messa all'altare della Cattedra, nella basilica di San Pietro in Vaticano. non di una sfilata o di un corteo storico.
    Notevoli sono stati gli sforzi di diversi membri della "redazione" per poter tenere informati i lettori con scritti e foto.
    Ci duole vedere alcuni commenti (inopportuni) ad un così alto e importante avvenimento sacro; commenti che si soffermano su aspetti estetici e superficiali (neanche fossero riferiti ad una sfilata di moda prêt-à-porter), e che, gravemente, ironizzano sulla persona dei chierichetti e addirittura sui fedeli (persone che si prodigano e si son sempre prodigati -in tempo ed energie- per la santa causa della difesa della Tradizione a maggior Gloria di Dio.
    Ci auguriamo che i lettori veramente interessati alla sacralità della liturgia (pur con difetti o sbavature nei suoi aspetti umani e fallibili) si astengano, almeno in questo post, di suscitare ironia (che svilisce il senso sacro e teologico della S. Messa a cui le foto si riferiscono) e  scrivere commenti puerili e superficiali.
    Ci scusiamo pertanto per aver cancellato alcuni commenti che abbiamo ritenuto a nostro personale giudizio, inopportuni in questa sede, e ringraziamo tutti per i complimenti e l'affetto che ci hanno dimostrato in questi giorni di duro lavoro.
    Roberto.

    RispondiElimina
  27. l'anno scorso lo aveva fatto!

    RispondiElimina
  28. Mi stavo accingendo a porre la stessa domanda. Sono arrivato secondo!
    Una bonaria battuta sulle critiche "estetiche": meglio curarla l'estetica, visto che tutti hanno paura a nominare i tradizionalisti. Se cerchiamo di curare il nostro aspetto, forse agli occhi degli altri sembreremo meno "brutti, sporchi e cattivi"...e magari si spaventeranno di meno...!!!

    RispondiElimina
  29. io purtroppo non ero presente al Pontificale, mentre sono stata felice di partecipare al convegno e di salutare Enrico Gabriele, Luigi C. :)

    ricordo però che l'anno scorso il Papa ci aveva salutati. Davvero quest'anno non lo ha fatto?

    RispondiElimina
  30. <span>io purtroppo non ero presente al Pontificale, mentre sono stata felice di partecipare al convegno e di soffermarmi con Enrico, Gabriele, Luigi C.  :)   
     
    ricordo però che l'anno scorso il Papa ci aveva salutati. Davvero quest'anno non lo ha fatto?</span>

    RispondiElimina
  31. data importante 31 ottobre 1517!!!!

    RispondiElimina
  32. Nobis quoque peccatoribus16 maggio 2011 14:58

    data infausta!

    Exurge Domine

    RispondiElimina
  33. condivido pienamente il commento della redazione

    RispondiElimina
  34. Enrico carissimo e Gentile Redazione: Grazie. E' andato tutto benissimo. Che musica stupenda! Per ora meglio non poteva andare. Sia lode al Signore Gesù e alla B.ma Vergine Maria. Bisognerà ogni giorno rafforzare le tre virtù teologali e ... combattere, senza mai rassegnarsi (perchè ancora  -se non sbaglio- è pur sempre l'ora di satana) e intensificare l'orazione che più piace alla Madre nostra. Di nuovo Grazie a tutti di Messainlatino. Alleluja! 

    RispondiElimina
  35. Luis Moscardò16 maggio 2011 16:42

    Essere davanti all'imponente cattedra petrina mi ha scosso; mi ha commosso la liturgia, la musica, il numero dei presenti in presbiterio e dei presenti nell'amplissimo spazio absidale.
    Il Convegno m'ha di nuovo fatto percepire fortemente che mi trovavo (indegnamente) nel punto in cui s'è concentrata la forza più vitale della Chiesa cattolica!

    RispondiElimina
  36. Io c'ero e la commozione mi ha vinto  più volte. Da oltre 40 anni attendevo questo momento! Per me è stato un ritorno al futuro; e sì, chè il futuro della Chiesa risiede nella tradizione della Chiesa.
    Quanto al convegno, è stato semplicemente grandioso. Grazie  Padre Nuara!  Grazie Pulvirenti e amici tutti dell'associazione Giovani & Tradizione.
    Per il quarto convegno occorrerà prenotare l'Aula Magna dell'Angelicum

    RispondiElimina
  37. Sono contento di aver conosciuto finalmente Mic, che è stata molto gentile e simpatica. Spero che ci potranno essere altre occasioni.

    RispondiElimina
  38. Urliamo al mondo il nostro orgoglio di essere Cattolici. Uniti alla nostra bimillenaria Fede e alla sua eterna litugia !! Gloria a Dio che ci ha concesso di assistere a questo santo rito e un grazie al nostro caro Papa. 

    RispondiElimina
  39. Non ho visto il Regina Coeli ma immagino che avevate un bello striscione...visibile anche dalla finestra del Papa, forse il Papa non vi ha visti, invece chi gli ha preparato il testo dei saluti non è probailmente estraneo a tale oblio. *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  40. Il Papa ha salutato la banda di Niscemi e la protezione civile di Roccamonfina, rispettabilissime e benemerite istituzioni, tuttavia non accomunabili ad un evento (convegno + pontificale) al quale hanno partecipato diversi cardinali e vescovi. Meglio non mischiare capre e cavoli, no?

    RispondiElimina
  41. Ma alle 10.30 non celebra il capitolo cattedrale sull'altare della Cattedra? Così mi pare, ecco forse il perchè dell'altare in quel modo. A parte l'orario è stato magnifico... ma un sacrificio si può fare! :-)

    RispondiElimina
  42. Potrei affermare il contrario, tu forse parli così perchè sei cresciuto con il rito attuale, scopri cosa c'era prima... poi giudica, se proprio non riesci a contenerti nel giudizio! ;-)

    RispondiElimina
  43. Ottimo! Un'altra pietra miliare nella riconquista della tradizione cattolica! W il Papa!

    RispondiElimina
  44. ..... w il concilio VAT II17 maggio 2011 07:49

    siete la rovina della chiesa, la gente è confusa siete disobbedienti ve ne fregate del concilio e dei dettami del Papa , vergogantevi!!!!
    intanto la vera chiesa cattolica è quella dei movimenti come i neocatecumenali, rinnovamento dello spirito, CL  ecc.....loro sono il futuro NO voi!!!! il Papa che verrà vi spazzerà via ......la vera chiesa è quella del CONCILIO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "il Papa che verrà vi spazzerà via ......"
      Oh infausta profezia! Signore, salva la Tua Chiesa!

      Elimina
  45. =-O :) :-D 8-) :* :*

    RispondiElimina
  46. don andrea gallo17 maggio 2011 09:54

     I miei vangeli non sono quattro... Noi seguiamo da anni e anni il vangelo secondo De Andrè, un cammino cioè in direzione ostinata e contraria. E possiamo confermarlo, constatarlo: dai diamanti non nasce niente, dal letame sbocciano i fiori.
    * Chi riconosce l'appartenenza alla famiglia umana, come fa a non aprire le porte? Poi io, come cristiano, come faccio a non essere accogliente? E io ti accolgo come sei, come persona, perché ancora prima di essere maschio, femmina, omosessuale o straniero, uno è persona, cioè un soggetto di autonomia.
    * Io vedo che, quando allargo le braccia, i muri cadono. Accoglienza vuol dire costruire dei ponti e non dei muri.
    * È difficile tener sempre la porta aperta, non è facile. C'è anche la paura, ma noi non rimuoviamo la paura, la affrontiamo. Quante volte in questo ufficio mi han puntato una rivoltella... Ma solo attraverso l'accoglienza, attraverso l'ascolto, attraverso la disponibilit?nbsp;, la generosit?nbsp;, si supera la paura.
    * A me l'unico titolo che piace è: "prete di strada". Tanto è vero che quando vado ai dibattiti e si presentano i relatori delle universit?nbsp; di Bologna, Genova, Palo Alto, Cambridge... A me piace quando dicono: "don Andrea Gallo dell'universit?nbsp; della strada".
    * La strada mi arricchisce, continuamente. Lì avvengono gli incontri più significativi, l'incontro della vera sofferenza, l'incontro di chi però ha ancora tanta speranza e allora guarda, attende. Per la strada nascono le alternative, nasce il voler conquistare dei diritti.
    * L'unico mio rimpianto è che sono stato a volte troppo dolce con tutte le istituzioni, con tutti i poteri.

    RispondiElimina
  47. Contento tu, caro w il vat 2, contenti tutti! Gòditela fin che puoi, il tuo concilio non te lo porta via nessuno, dal momento che è onnipresente in ogni liturgia, omelia e catechesi di questa povera chiesa afflitta. Ma, lentamente, il piccolo torrente della tradizione si ingrossa e sta diventando un vero fiume in piena! La forza della verità non può arrestarla nessuno e deve riemergere dalle sue ceneri come l'araba fenice. Questo concetto è stato chiaramente espresso anche dai relatori del convegno. Il deserto dei tartari e la desolazione lasciati dalla bufera conciliare lascerà il posto ad una corretta ermeneutica che ne ridimensionerà la portata falsamente rivoluzionaria.
    Personalmente, ho gioìto come tutti per la possibilità di partecipare a questo importante convegno. Non ho avuto modo di conoscere personalmente il buon Enrico, tuttavia ho potuto parlare di persona con mons. guido Pozzo sul caso "Mirano" (del quale gli erano giunte vaghe voci) e con don Nicola Bux, oltre che con il responsabile del blog Rinascimento Sacro.
    Per quanto riguarda il Pontificale in S. Pietro, il lunghissimo corteo di chierici in cotta e tricorno durante la processione iniziale (segno della grande vitalità anche vocazionale della Tradizione) è stata a cosa che più mi ha colpito e commosso. Avrei certamente preferito che sull'altare della cattedra campeggiassero un crocifisso e dei candelieri molto più alti rispetto a quelli effettivamente utilizzati (un pò striminziti). Comunque è stato indubbiamente un buon successo di numeri e di immagine.

    RispondiElimina
  48. Domenica tutti, dalla castigata signora col velo alla scollacciata turista nord europea, dal più disincantato sampietrino al più esaltato frequentatore di movimenti, hanno visto la Chiesa di ieri, hanno scoperto che è anche quella di oggi e capito che sarà quella di domani.

    RispondiElimina
  49. "Come mai?" Credo possa aiutare a capire il "labiale" del cerimoniere durante la processione di rientro in sacrestia. "Troppa grazia, MAMMA MIA, troppa grazia." Approvazione di popolo. Tanti giovani sacerdoti, vescovi, cardinali al massimo livello. E' successo qualcosa di cui anche noi presenti probabilmente non riusciamo ancora a cogliere la portata. In questi casi nella Chiesa Cattolica scatta l'automatico: SILENZIO.

    RispondiElimina
  50. Redazione di Messainlatino.it17 maggio 2011 10:58

    Il che spiega reazioni scomposte come quella sopra ("<span>il Papa che verrà vi spazzerà via...": profezia o auspicio?)</span>

    FZ

    RispondiElimina
  51. Da cattolico e prete, fedele al Papa e alla Chiesa, sono felice della cosa in se, ma quando vedo le immagini, mi cadono le braccia.
    A parte i personaggi, su molti dei quali il Lombroso sciverebbe romanzi, la disomogeneità dei paramenti , l'improbalità di certi abiti religiosi? i pizzi da mercatino delle pulci. Sinceramente si sono viste immagini molto più dignitose ai tempi del veteromarini, non fatecelo rimpiangere, vi prego...
    Per carità tralasciamo i tristi trascorsi, noti, di alcuni personaggi che senza pudore si mascherano sotto i merletti della tradizione, questa gente non è rappresentativa,  parlo di certi preti e laici di vita e fama molto equivoca, c'è il rischio che il nostro impegno sia svilito da portabandiera autoreferenziati che non hanno trovato altri palcoscenici

    RispondiElimina
  52. io e le mie consorelle notiamo con sorpresa e con un certo sgomento che don Francesco Ramella non sia stato immortalato nelle foto del sacro rito, come si è soliti vedere in qualsiasi celebrazione in forma straordinaria.. gli è forse successo qualcosa?.. attendiamo trepidanti notizie.

    RispondiElimina
  53. che sia stato assunto in cielo in anima e corpo?

    RispondiElimina
  54. Magari era solo uo dei "nostri" che voleva fare ironia... dai, chi scriverebbe quelle cose?? (ah, già, Grillo...)

    RispondiElimina
  55. ....siete la rovina della chiesa!!!! vi spazzeranno via.....immondizia!!!!

    pervertiti

    RispondiElimina
  56. Infatti, la Chiesa, fino al 1962 era pervertita, non è vero?

    RispondiElimina
  57. Redazione di Messainlatino.it18 maggio 2011 10:17

    Ecco un'altra con il dono della profezia.

    FZ

    RispondiElimina
  58. Da alcuni giorni che la web TV dell'Immacolata dei Francescani dell'Immacolata sta trasmettendo le conferenze del 3o Convegno "Summorum Pontificum". Sono fruibili anche nella sezione on-demand http://www.tvimmacolata.net/         Molto interessante ... invito a seguire

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.