venerdì 4 febbraio 2011

Sensus fidei e spirito di Assisi


La supplica di alcuni cattolici italiani a Benedetto XVI, perché non si rechi ad Assisi nel prossimo ottobre, ha suscitato un vivace dibattito in cui, accanto ad apprezzamenti anche autorevoli, non sono mancate, come era prevedibile, critiche e perplessità. Mi sembra inutile rispondere alle accuse di parte progressista, che vedono in questo evento l’occasione del rilancio di un ecumenismo sincretista: queste critiche costituiscono infatti la migliore conferma dell’opportunità del nostro appello. Credo necessario invece rispondere alle critiche di parte conservatrice, mosse da fratelli nella fede che hanno presumibilmente il nostro medesimo amore alla Chiesa.

Tali critiche potrebbero essere riassunte in questi termini: l’incontro di Assisi annunciato da Benedetto XVI potrà anche non piacerci; tuttavia non si può criticare un Papa per ciò che ha fatto (Giovanni Paolo II nel 1986) o per ciò che ha intenzione di fare (Benedetto XVI nel 2011), pretendendo di spiegargli ciò che è bene per la Chiesa. Dai fedeli, soprattutto se laici, si esige un religioso assenso ad ogni iniziativa e decisione del Sommo Pontefice.

La risposta a questa critica ci viene dal Catechismo, dalla tradizione teologica, dalla storia della Chiesa e dall’Insegnamento pontificio. Il Catechismo ci insegna che il sacramento del Battesimo ci incorpora alla Chiesa, facendoci partecipi della sua missione (n. 1213) e quello della Confermazione obbliga tutti i battezzati "a diffondere e a difendere con la parola e con l’opera la fede come veri testimoni di Cristo" (n. 1285). La promessa della divina assistenza dello Spirito Santo, più volte ripetuta dal Signore agli Apostoli (Gv. 14, 16-17; 26-26); non si manifesta solo attraverso il Magistero, ma anche attraverso il consenso dell’universitas fidelium, come hanno spiegato, contro i protestanti, il grande teologo domenicano Melchior Cano nel De Locis theologicis e san Roberto Bellarmino nel De ecclesia militante. I teologi successivi hanno distinto tra la infallibilitas in docendo e la infallibilitas in credendo della Chiesa, quest’ultima basata sul senso della fede, cioè sulla capacità del credente di discernere quello che è conforme con la fede da quello che non lo è, non per via di ragionamento teologico, ma per una sorta di conoscenza per connaturalità. La virtù della fede (habitus fidei), ricevuta con il Battesimo, spiega infatti san Tommaso d’Aquino, produce una connaturalità dello spirito umano con i misteri rivelati, che fa in modo che l’intelletto di ogni battezzato sia, come per istinto, attirato dalle verità soprannaturali e aderisce ad esse.

Nel corso della storia della Chiesa il sensus fidei dei semplici fedeli è stato talvolta più conforme alla Tradizione apostolica di quello dei Pastori, come accadde durante la crisi ariana del IV secolo, quando la fede fu mantenuta da una minoranza di santi e indomiti vescovi, come Atanasio, Ilario di Poitiers, Eusebio di Vercelli e soprattutto dal popolo fedele, che non accompagnava le diatribe teologiche ma conservava, per semplice istinto soprannaturale, la buona dottrina. Il Beato Newman scrive che "in quel tempo di immensa confusione il divino dogma della divinità di Nostro Signore fu proclamato, inculcato, mantenuto e (umanamente parlando) preservato molto più dalla Ecclesia docta che dalla Ecclesia docens".

Il ruolo di ogni battezzato nella storia della Chiesa è stato ricordato da Benedetto XVI nel suo discorso del 26 gennaio 2011, in cui il Papa ha ricordato la missione di "due giovani donne del popolo, laiche e consacrate nella verginità; due mistiche impegnate, non nel chiostro, ma in mezzo alle realtà più drammatiche della Chiesa e del mondo del loro tempo". Sono santa Caterina da Siena e santa Giovanna d’Arco, "forse le figure più caratteristiche di quelle "donne forti" che, alla fine del Medioevo, portarono senza paura la grande luce del Vangelo nelle complesse vicende della storia. Potremmo accostarle alle sante donne che rimasero sul Calvario, vicino a Gesù crocifisso e a Maria sua Madre, mentre gli Apostoli erano fuggiti e lo stesso Pietro lo aveva rinnegato tre volte". La Chiesa, in quel periodo, viveva la profonda crisi del grande scisma d'Occidente, durato quasi 40 anni. In quest’epoca altrettanto drammatica che la crisi ariana, le due sante furono guidate dalla luce della fede più di quanto non accadde ai teologi e agli ecclesiastici del tempo e il Papa applica alle due laiche le parole di Gesù secondo le quali i misteri di Dio sono rivelati a chi ha il cuore dei piccoli, mentre rimangono nascosti ai dotti e sapienti che non hanno l'umiltà (cfr. Lc. 10, 21).

E’ in questo spirito che abbiamo espresso tutte le nostre perplessità e riserve di fronte a quell’incontro interconfessionale di Assisi del 27 ottobre 1986, che non fu un atto magisteriale, ma un gesto simbolico, il cui messaggio venne affidato non a scritti o a parole, ma al fatto stesso e alla sua immagine. Un settimanale italiano ne riassumeva allora il significato con le parole del padre Marie-Dominique Chenu: "E’ il rigetto ufficiale dell’assioma che un tempo veniva insegnato: fuori della Chiesa non c’è salvezza" ("Panorama", 2 novembre 1986). Ero ad Assisi quel giorno ed ho una documentazione fotografica di quanto accadde, ad esempio nella chiesa di San Pietro, dove alla presenza del Santissimo Sacramento, una piccola statua di Budda fu intronizzata sopra l’altare che custodisce le reliquie del martire Vittorino, mentre su uno stendardo posto davanti allo stesso altare si leggeva "Mi dedico alla legge del Budda". Come cattolico provai e continuo a provare ripugnanza per quell’evento, che non merita a mio avviso di essere riportato alla memoria se non per prenderne le distanze. Sono certo che Benedetto XVI non ha nessuna intenzione che si ripetano gli abusi di allora, ma viviamo in una società mediatica e il nuovo incontro di Assisi rischia di avere lo stesso significato che fu attribuito al primo dai mezzi di comunicazione e di conseguenza dall’opinione pubblica mondiale, come già sta accadendo.

Oggi viviamo un’epoca drammatica in cui ogni battezzato deve avere il coraggio soprannaturale e la franchezza apostolica di difendere a voce alta la propria fede, seguendo l’esempio dei santi e senza lasciarsi condizionare dalla "ragion politica", come troppo spesso accade anche in campo ecclesiastico. E’ la consapevolezza della nostra fede e nessun altra considerazione, che ci ha spinto a respingere Assisi I e ad esprimere al Santo Padre, con reverente rispetto, tutte le nostre preoccupazioni davanti all’annuncio di un prossimo Assisi II.


Roberto de Mattei


Ringraziamo sentitamente il prof. de Mattei per questo intervento che ci dedica.
Enrico

131 commenti:

  1. Assisi III, non Assisi II

    RispondiElimina
  2. Che ci si dimentichi così facilmente di Assisi II (la riunione correttiva, quella che dovrebbe esprimere il "vero" spirito di Assisi) dimostra che la realtà mediatica si sovrappone e prevale sulla realtà storica: il che rende plausibile il timore di quanti sono preoccupati dall'evento-Assisi, a prescindere dal numero che lo accompagni.
    Cordialità,
    Ms

    RispondiElimina
  3. Grazie al Prof. de Mattei per queste parole così limpide e sensate.
    don Bernardo.
    P. S. a proposito si sensum fidelium nel mio ministero sacerdotale vado costatando continuamente che sono tanti i fedeli laici che in modo garbato e a volte anche più forte mi vanno manifestando le loro perplessità e il loro disaccordo da questa iniziativa inutile e controproducente.

    RispondiElimina
  4. Aggiungo che sono soprattutto le persone più cattoliche che mi hanno manifestato la loro contrarietà, mentre le persone più tiepide sono totalmente indifferenti e non gliene cale per niente...... Qualche buon padre di famiglia ha liquidato il tutto con una battuta....

    RispondiElimina
  5. bellissimo articolo, grazia prof. de Mattei

    RispondiElimina
  6. bellissimo articolo, grazia prof. de Mattei

    RispondiElimina
  7. Grazie, a Lei e agli altri firmatari! Coraggiosi e ortodossi

    RispondiElimina
  8. Assisi III. Assisi II, Assisi I, Assisi 0, ...... (sembra un conto alla rovescia.... per il lancio di un missile) 
    sarà forse un razzo vaticano che deve portare in orbità geostazionaria un manipolo di teologi progressisti? Ma forse "nel pallone" molti teologi e pastori lo sono gia...... mentre nel mondo aumenta la persecuzione anticristiana.

    RispondiElimina
  9. sono perfettamente sicuro ,  il SANTO PADRE NON PERMETTERA'  le atrocita' commesse col primo meeting .........
    insanguinare gli altari con quello di animai ,  dove si compie l' UNICO  ed il VERO  SACRIFICIO ..........
    o mettere la statua di BUDDA sopra il TABERNACOLO ..
    e che i NOSTRI SANTI MARTIRI siano lasciati riposare in pace e nel rispetto ...... hanno dato la vita per la VERITA ...... UNICA  e RIVELATA  .......... 

    RispondiElimina
  10. don BERNARDO

    ......... rendiamoci ben conto di quanta immondizia c' è nella CHIESA !!!!!!! ....... 

    RispondiElimina
  11. Speriamo comunque che ci si fermi a Assisi 3 come Pietro aveva rinnegato il signore 3 volte prima di ...riconfermare i fratelli nella fede.  

    Per cancallare il triplice peccato di Pietro, Gesu' gli chiederà per 3 volte "Pietro, mi ami tu ?".
    Dopo Assisi tempo di apostasia, servirà un tempo di riparazione, di grande amore della Santa Chiesa per Gesu'.  
    Dio insisterà di nuovo tre volte per essere sicuro della fedeltà del suo vicario ?

    RispondiElimina
  12. non basta pero' non fare più niente di grave: servono messe di riparazione PUBBLICHE fatte su quegli stessi altari ...

    RispondiElimina
  13. Capisco i dubbi, anche io avevo dubbi sulle richieste di perdono di GPII, perchè rischiavano di significare l'esatto contrario di ciò che intendeva il papa.
    Nell'appello contro Assisi, l'unica nota è per me aver citato documenti del magistero precedente. Cioè, ma pretendevano che il papa non li conoscesse? Ovvio, nessuno dice che il papa deve conoscere a memoria ogni documento dei suoi predeccesori, sarebbe impossibile. Ma l'evoluzione del pensiero della Chiesa nei rapporti ta cristiani separati e altre religioni, be, credo che quella la conosca.
    Tuttavia io non credo che il papa tornerà indietro e allora, non bisogna esprimere solo dubbi, ma lavorare  per spiegare quale senso il papa intenda dare a questo avvenimento.
    In un periodo come questo, dove molti hanno pure la fede ma scarsa conoscenza dottrinale, limitarsi a dire 'il papa sbaglia' serve solo ad aumentare la confusione. Che ne sa infatti l'uomo di strada di ecclesia docta ed ecclesia docens?
    Si dica pure di non essere d'accordo, aggiungendovi però perchè il papa lo fa.

    RispondiElimina
  14. non basta pero' non fare più niente di grave: la Tradizione insegna che poiché lo scandalo é stato PUBBLICO servono
    atti di riparazione PUBBLICHE fatte su quegli stessi altari ... per esempio delle belle messe VO il più solenni possibile.

    RispondiElimina
  15. Perchè il Papa lo fa?

    RispondiElimina
  16. <span>Rappresentazione simbolica della massoneria, tratta dal libro “ la Franc-Maconnerie ” del Lenoir. La setta è rappresentata come sintesi di tutte le religioni, all’insegna dell’ebraismo esoterico. Campeggia, al centro, un sacerdote di Israele con candelabro ebraico (menorah) a sette braccia. Tutta la figura, poi, è sovrastata dalla rappresentazione della "visione del carro" di Ezechiele (Ezech. 1, 4 e segg.) cui si ricollega lo gnosticismo ebraico dei primi secoli dopo Cristo. Al di sopra ancora, a sinistra, sfumati, segni zodiacali informa di arcobaleno, simboleggiano le religioni astrologiche e naturaliste. </span>
    <p><span>Sullo sfondo, il bue Api (il "vitello d'oro" adorato nel deserto) e le piramidi d'Egitto richiamano la magia egizia, che tanta parte riveste nella massoneria e nell'ebraismo talmudico. In primo piano, un bassorilievo esprime il culto solare del dio Mitra, che uccide il toro primordiale dal cui sangue avrebbe avuto origine il mondo. Il culto di Mitra fu favorito da Giuliano l'Apostata per combattere il cristianesimo. Si noti, sul capo di Mitra, il berretto frigio che sarebbe poi diventato uno dei principali simboli della Repubblica francese. L'uovo, trafitto dalle corna del toro, è l'uovo cosmico da cui, secondo alcune religioni pagane, avrebbero avuto origine l'universo; mentre il turco, in primissimo piano, rappresenta l'Islam che brandisce in una mano la spada con cui quella religione combatté - e a tutt'oggi aspramente combatte – il cristianesimo. </span>
    </p><p><span>A sinistra, a fianco del toro alato della visione di Ezechiele, il dio Pan con le corna di capro, simboleggia il panteismo massonico. Nella letteratura iniziatica, Pan - collegato agli antichi culti misteriosofici è spesso considerato l'equivalente di Lucifero. </span>
    </p><p><span>Ora, sulle ali dei nuovi tempi, Pan sta ritornando. Ci si domanda, invero, se questa vecchia figura non potrebbe essere assunta, con qualche aggiornamento, a simbolo dell'incontro interreligioso di Assisi, del 27 ottobre 1986, convocato - sulla scia della gran novità dell'"ecumenismo" proclamato dal Concilio Vaticano II e da Giovanni Paolo II. A quell'incontro, come è noto, convennero rappresentanti di quasi tutte le religioni della terra, comprese quelle atee (buddismo e giainismo), per innalzare una "preghiera" comune, chiara espressione di quel medesimo sincretismo religioso che costituisce la principale premessa della “spiritualità" massonica, e che, tutto relativizzando, esclude il concetto stesso di "verità" e con esso anche quello di "bene". </span></p>

    RispondiElimina
  17. Conosco una coppia di sposi che si dichiarano "cattobuddisti". E' da notare che hanno frequentato per anni il gruppo giovanile di una parrocchia affidata a una importante congregazione religiosa, il cui fondatore nell'800 si segnalava per la fedeltà al papato e il rigore dottrinale.
    Credo che i sacerdoti ( o almeno un numero consistente di essi ) debba essere preparato a presentare le differenze tra il Cattolicesimo e le altre religioni in mdo rigoroso e sintetico. Un dialogo non esteriore si basa sulla conoscenza non solo di ciò che ci unisce, ma anche di ciò che ci divide.

    RispondiElimina
  18. ....... aspetta e spera !!!!!!

    RispondiElimina
  19. Il 18 .mo grado massonico dei Rosacroce ha come ministero l'eliminazione della Messa Sacrificio della Chiesa Cattolica. Nei gradi successivi la giudaizzazione del Cattolicesimo e l'introduzione della Messa quale cena ebraica.......a qualcuno fischiano le orecchie? Basta analizzare la struttura massonica per fare dei confronti storici e ricordarsi della Lista Pecorelli sulla massoneria ecclesiastica, lista che gli costo' la vita. Come pure altri fatti di quel periodo!

    RispondiElimina
  20. ...e comunque Assisi resta un'atto apostatico perché il 98% della Chiesa lo intende (al meglio) come l'entourage di Cavalcoli.  Ecco cosa risponde un collaboratore di Padre Cavalcoli alla domanda esplicita
    <span>Quale Dio si é pregato ad Assisi 1 e 2 ? quale Dio dovrebbe esaudire tali preghiere elargendo la pace che si chiede ?</span>

    "Riguardo ad Assisi, mi sembra che lo scopo di tutti coloro che sono andati ad Assisi, convocati dal Papa, era pregare per la pace. A me sembra una formidabile affermazione della fede cattolica. Se la preghiera è rivolta a Dio e non alle armi o a qualche potenza umana, non può che giungere a Dio stesso. Esiste un solo Dio. Noi cristiani conosciamo quanto Lui ci ha rivelato, ma molti uomini Lo conoscono nella modalità a loro consentita in base alla religione dei loro padri e in base al cammino personale compiuto. Se ogni singola persona, di qualunque religione, è in buona fede e prega, la sua preghiera sale all'unico Dio " (il nostro, la Santa Trinità!)
     
    Cioé se capisco bene quando si legge un testo di una preghiera buddhista questa invocazione sale alla Santa Trinità, basta che si preghi in buona fede.
    Questa é una posizione assolutamente a-cattolica, magistralmente contraria al magistero di sempre. S.PioX l'avrebbe scomunicata senza esitazione !

    "Se poi si ritiene che vi possa essere confusione, nel senso che qualcuno nella preghiera si rivolga a forze soprannaturali che non siano Dio, noi cristiani sappiamo che non esistono gli idoli e che quindi possono essere eventualmente o gli angeli buoni o quelli ribelli. Se sono gli angeli di Dio, loro stessi porteranno le preghiere (buddhiste !!!!!!!) a Dio, loro Signore. Se sono i demoni, sappiamo che questi vorrebbero essere adorati e pregati, ma non certo per la pace e per l'unità."

    E' falso! Certo che il demonio vorrebbe essere pregato dalle false religioni per la pace e l'unità ! Ormai la confusione dottrinale é abissale rispetto alla Tradizione!

    Eppure Padre Cavalcoli é uno che ha capito che il CVII pone gravi problemi, se lui pensa cosi' non oso immagianre cosa pensano a S.Egidio... 

    RispondiElimina
  21. ".. nel corso della storia della Chiesa il sensus fidei dei semplici fedeli è stato talvolta più conforme alla Tradizione apostolica di quello dei Pastori..."
    Quando gli argomenti scarseggiano si ricorre al sensus fidei dei semplici...ma chi dice che ai semplici l'evento di Assisi creo' e creerà sgomento o imbarazzo? Al mio paese, una parrocchia di contadini, operari e piccoli imprenditori, mi ricordo che il primo evento di Assisi fu commentato con molto entusiasmo e molta speranza...esistono statistiche diverse?

    RispondiElimina
  22. ... e vai che torniamo ancora al sentimento!!! dubbioso, chi se ne frega se un piccolo villaggio o il mondo intero sente entusiamo e speranza per Assisi ?
    se Assisi é contro il magistero di sempre é sbagliato, anche se il 99.9999% degli uomini sentisse in se stesso una forte impressione che sia giusto.
    La fede non é un sentimento soggettivo...    ma il discernimento degli spiriti sapete cos'é, o no ?

    RispondiElimina
  23. Anche dietro le azioni sbagliate ci sono dei motivi. Pure dei buoni motivi (che comunque non rendono giusta una cosa in se sbagliata. Il vecchio adagio 'la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni' lo conosco bene).

    RispondiElimina
  24. Ringrazio il prof. De Mattei soprattutto per l'approfondimento del "sensum fidei" del Cattolico e del contesto in cui si svolse quell'ASSIS-E (più che Assisi... )  ossia: UN SIMBOLO.... ;)

    Io voglio solo sperare che l'allora Ratzinger che disse queste parole che riporto... le rammenti anche oggi che è Benedetto XVI....

    <span>segnalammo a suo tempo anche questi passi tratti dalle parole dell'allora card. Ratzinger </span><span><span>e riportate dal blog unafides </span></span><span>e per le quali vi riporto il seguente passo:  
     
    "In riferimento ad Assisi – tanto nel 1986 quanto nel 2002 – ci si è chiesti ripetutamente e in termini molto seri se questo sia legittimo. La maggior parte della gente non penserà che si finge una comunanza che in realtà non esiste? Non si favorisce così il relativismo, l’opinione che in fondo siano solo differenze secondarie quelle che si frappongono tra le “religioni”? Non si indebolisce così la serietà della fede, non si allontana ulteriormente Dio da noi, non si consolida la nostra condizione di abbandono? Non si possono accantonare con leggerezza tali interrogativi. I pericoli sono innegabili, e non si può negare che Assisi, particolarmente nel 1986, da molti sia stato interpretato in modo errato. Sarebbe però altrettanto sbagliato rifiutare in blocco e incondizionatamente la preghiera multireligiosa così come l’abbiamo descritta. A me sembra giusto legarla a condizioni che corrispondano alle esigenze intrinseche della verità della responsabilità di fronte ad una cosa così grande come è l’implorazione rivolta a Dio davanti a tutto il mondo. Ne individuo due:  
     
    1. Tale preghiera multireligiosa non può essere la norma della vita religiosa, ma deve restare solo come un segno in situazioni straordinarie, in cui, per così dire, si leva un comune grido d’angoscia che dovrebbe riscuotere i cuori degli uomini e al tempo stesso scuotere il cuore di Dio.  
     
    2. Un tale avvenimento porta quasi necessariamente ad interpretazioni sbagliate, all’indifferenza rispetto al contenuto da credere o da non credere e in tal modo al dissolvimento della fede reale. Perciò avvenimenti del genere devono restare eccezionali, e dunque è della massima importanza chiarire accuratamente in che cosa consistano.  "</span>

    RispondiElimina
  25. SI si NO no ..

    ........... togli la foto e questo commento se NON vuoi essere tacciato di visionario ..

    ma che hai le traveggole  ,,,,,,,,,,,,, vedi la MASSONERIA dappertutto come un incubo . e abbi paziensa !!!!!!......... AH AH AH AH .........

    RispondiElimina
  26. SI si NO no .....

     togli la foto e questo commento se NON vuoi essere tacciato di essere un visionario ..... ma che hai le traveggole ??????? ........

    .......vedi la MASSONERIA dappertutto !!!!!!!

    .......e abbi pazienza !!!!!!!!! .......... AH AH AH AH AH !!!!!!!!!!! ...........

    RispondiElimina
  27. le citazioni del Magistero precedente non erano certamente un richiamo per "ricordare" qualcosa al Santo Padre e leggendo il testo non mi pare nemmeno che vi fosse una richiesta a non andare ad Assisi, questa semmai è l'interpretazione che molti hanno voluto dare all'appello per far passare i firmatari come se volessero fare da contraltare al Papa. Cosa ridicola, eppure utile ai vari giochini di "potere".
    Per me il senso dell'appello è quello di una PREOCCUPAZIONE che certamente non è da intendersi come paura, ma come sano REALISMO di fronte ad una situazione di relativismo culturale diffuso (proprio Bendetto XVI non fa che richiamarlo).

    RispondiElimina
  28. meditazione del giorno  (sul modello degli esercizi di S.Ignazio)
     
    Vishaka, era un bambino sveglio ma un po' pigro che spesso dimenticava  il culto che doveva al suo Dio.
    Quella mattina invece apri' il suo libro di preghiere buddhiste e le recito' per ben 15 minuti mediando profondamente.
    Finita la preghiera il suo angelo custode Machael ne raccolse i frutti inaspettati e si incammino' felice verso il cielo.

    Composizione di luogo
    Immaginiamo qui l'angelo Machael passare sopra tutta la chiesa purgante mostando loro quale tesoro porta con sé, contento che tanto labor serva presto a attenuare le loro grandi sofferenze
    Affetti e preghiere
    Comprendere qui come la preghiere di ogni religione serva, sebbene parzialmente e in modo incompleto, al bene della Chiesa che soffre. A.M.G.D.

    Composizione di luogo
    Immaginiamo ora l'angelo Machael passare in mezzo alla parte umana della Chiea trionfante. Vedere tutti i santi e dottori della chiesa che hanno predicato "Fuori dalla Chiesa non c'é salvezza", 
    attardarsi sui martiri del buddhismo  
    Affetti e preghiere
    Comprendere qui la gioia di Machael nel spiegare che le cose sono cambiate, che quello che era ieri eresia é ora un tesoro inestimabile, il grande dono dell'unità

    Composizione di luogo
    Immaginiamolo ora  attraversare il coro degli angeli e arcangeli fino a arrivare davanti a San Michele. "Quis ut deus?" "Il santo pancione di Buddha" risponde Machael 
    Affetti e preghiere
    Comprendere qui come San Michele abbia un momento di solitudine che sconfinerebbe nel dubbio se Dio non lo sostenesse con la sua grazia

    Composizione di luogo
    Immaginiamo ora Machael presentarsi ai piedi della Regina degli Angeli e del Paradiso e non capire perché piange come non l'ha mai vista piangere prima...
    Affetti e preghiere
    Comprendere qui come ai 7 dolori di Maria se ne debba aggiungere uno

    Composizione di luogo
    Immaginiamo infine Machael offrire il capo chino il suo tesoro di preghiere buddhiste alla Santa Trinità
    Affetti e preghiere
    Comprendere qui come la Rivoluzione nella Chiesa sia totale, definitiva e inaudita.

    Collegare in frutti della meditazione ai vangeli di Matteo e Giovanni
    "Quando dunque vedrete l'abominio della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, stare nel luogo santo dove non conviene chi legge comprenda –, allora quelli che sono in Giudea fuggano ai monti, chi si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa, e chi si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello ...Poiché vi sarà allora una tribolazione grande, quale mai avvenne dall'inizio del mondo fino a ora, né mai più ci sarà. E se quei giorni non fossero abbreviati, nessun vivente si salverebbe; ma a causa degli eletti quei giorni saranno abbreviati.” (Matt. 24,15-24  Giovanni 13, 4-23)

    RispondiElimina
  29. <span>


    </span>



    <span>

    Meditazione del giorno (sul modello degli esercizi di S.Ignazio)
    </span>

    Vishaka, era un bambino sveglio ma un po' pigro che spesso dimenticava il culto che doveva al suo Dio.
    Quella mattina invece apri' il suo libro di preghiere buddhiste e le recito' per ben 15 minuti mediando profondamente.
    Finita la preghiera il suo angelo custode Machael ne raccolse i frutti inaspettati e si incammino' felice verso il cielo.

    ----------------------------------------------------------------------
    Composizione di luogo Immaginiamo qui l'angelo Machael passare sopra tutta la chiesa purgante mostando loro quale tesoro porta con sé, contento che tanto labor serva presto a attenuare le loro grandi sofferenze
    Affetti e preghiere Comprendere qui come la preghiere di ogni religione serva, sebbene parzialmente e in modo incompleto, al bene della Chiesa che soffre. A.M.G.D.
    ----------------------------------------------------------------------
    Composizione di luogo Immaginiamo ora l'angelo Machael passare in mezzo alla parte umana della Chiea trionfante. Vedere tutti i santi e dottori della chiesa che hanno predicato "Fuori dalla Chiesa non c'é salvezza". Attardarsi sui martiri del buddhismo
    Affetti e preghiere Comprendere qui la gioia di Machael nel spiegare che le cose sono cambiate, che quello che era ieri eresia é ora un tesoro inestimabile, il grande dono dell'unità
    ----------------------------------------------------------------------
    Composizione di luogo Immaginiamolo ora attraversare il coro degli angeli e arcangeli fino a arrivare davanti a San Michele. "Quis ut deus?" "Il santo pancione di Buddha" risponde Machael
    Affetti e preghiere Comprendere qui come San Michele abbia un momento di solitudine che sconfinerebbe nel dubbio se Dio non lo sostenesse con la sua grazia
    ----------------------------------------------------------------------
    Composizione di luogo Immaginiamo ora Machael presentarsi ai piedi della Regina degli Angeli e del Paradiso e non capire perché piange come non l'ha mai vista piangere prima...
    Affetti e preghiere Comprendere qui come ai 7 dolori di Maria se ne debba aggiungere uno
    ----------------------------------------------------------------------
    Composizione di luogo Immaginiamo infine Machael offrire il capo chino il suo tesoro di preghiere buddhiste alla Santa Trinità
    Affetti e preghiere Comprendere qui come la Rivoluzione nella Chiesa sia totale, definitiva e inaudita.
    ----------------------------------------------------------------------
    Collegare in frutti della meditazione ai vangeli di Matteo e Giovanni :
    "Quando dunque vedrete l'abominio della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, stare nel luogo santo dove non conviene chi legge comprenda –, allora quelli che sono in Giudea fuggano ai monti, chi si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa, e chi si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello ...Poiché vi sarà allora una tribolazione grande, quale mai avvenne dall'inizio del mondo fino a ora, né mai più ci sarà. E se quei giorni non fossero abbreviati, nessun vivente si salverebbe; ma a causa degli eletti quei giorni saranno abbreviati." (Matt. 24,15-24 Giovanni 13, 4-23)
    <span><span><span></span></span><span></span></span><span></span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  30. <span>Meditazione del giorno (sul modello degli esercizi di S.Ignazio)  
    </span> 
    Vishaka, era un bambino sveglio ma un po' pigro che spesso dimenticava il culto che doveva al suo Dio.  
    Quella mattina invece apri' il suo libro di preghiere buddhiste e le recito' per ben 15 minuti mediando profondamente.  
    Finita la preghiera il suo angelo custode Machael ne raccolse i frutti inaspettati e si incammino' felice verso il cielo.  
     
    ----------------------------------------------------------------------  
    Composizione di luogo Immaginiamo qui l'angelo Machael passare sopra tutta la chiesa purgante mostando loro quale tesoro porta con sé, contento che tanto labor serva presto a attenuare le loro grandi sofferenze  
    Affetti e preghiere Comprendere qui come la preghiere di ogni religione serva, sebbene parzialmente e in modo incompleto, al bene della Chiesa che soffre. A.M.G.D.  
    ----------------------------------------------------------------------  
    Composizione di luogo Immaginiamo ora l'angelo Machael passare in mezzo alla parte umana della Chiea trionfante. Vedere tutti i santi e dottori della chiesa che hanno predicato "Fuori dalla Chiesa non c'é salvezza". Attardarsi sui martiri del buddhismo  
    Affetti e preghiere Comprendere qui la gioia di Machael nel spiegare che le cose sono cambiate, che quello che era ieri eresia é ora un tesoro inestimabile, il grande dono dell'unità  
    ----------------------------------------------------------------------  
    Composizione di luogo Immaginiamolo ora attraversare il coro degli angeli e arcangeli fino a arrivare davanti a San Michele. "Quis ut deus?" "Il santo pancione di Buddha" risponde Machael  
    Affetti e preghiere Comprendere qui come San Michele abbia un momento di solitudine che sconfinerebbe nel dubbio se Dio non lo sostenesse con la sua grazia  
    ----------------------------------------------------------------------  
    Composizione di luogo Immaginiamo ora Machael presentarsi ai piedi della Regina degli Angeli e del Paradiso e non capire perché piange come non l'ha mai vista piangere prima...  
    Affetti e preghiere Comprendere qui come ai 7 dolori di Maria se ne debba aggiungere uno  
    ----------------------------------------------------------------------  
    Composizione di luogo Immaginiamo infine Machael offrire il capo chino il suo tesoro di preghiere buddhiste alla Santa Trinità  
    Affetti e preghiere Comprendere qui come la Rivoluzione nella Chiesa sia totale, definitiva e inaudita.  
    ----------------------------------------------------------------------  
    Collegare in frutti della meditazione ai vangeli di Matteo e Giovanni :  
    "Quando dunque vedrete l'abominio della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, stare nel luogo santo dove non conviene chi legge comprenda –, allora quelli che sono in Giudea fuggano ai monti, chi si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa, e chi si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello ...Poiché vi sarà allora una tribolazione grande, quale mai avvenne dall'inizio del mondo fino a ora, né mai più ci sarà. E se quei giorni non fossero abbreviati, nessun vivente si salverebbe; ma a causa degli eletti quei giorni saranno abbreviati." (Matt. 24,15-24 Giovanni 13, 4-23)  

    RispondiElimina
  31. Probabilmente tre papi martiri?

    RispondiElimina
  32. Grazie prof. De Mattei, concordo in pieno.
    CVCRCI

    RispondiElimina
  33. secondo me dovresti fare qualche piccola e sana riflessione non sul cos'è la fede e soprattutto sul come la si cerca e si nutre quotidianamente . Codesto tuo mettere il magistero come oggetto teologico contro un evento "semplice" come Assisi è un po'  "patristico".Perchè contro il magistero? Allora il pontefice che l'ha accettata la prima volta è contro il magistero? Inoltre il "magistero" quando non è magistero sulla fede non necessariamente è un magistero di sempre:quanti e quanti documenti romani hanno avuto un grande valore solo (e giustamente) per un periodo? Ora vivo in un "grande villaggio" come parrocchia e i sentimenti di moltissimi (e credimi che la gente ne parla fuori della chiesa, in sacrestia, nelle riunioni parrocchiali e coi catechisti) su Assisi sono quelli del "piccolo villaggio": non si sta parlando della defizione di un altro (speriamo di no per carità) dogma di fede ma di un incontro di fedi...sicuramente folkloristico ma sempre meno ad esempio di quegli eventi in cui   alcuni prelati si ostinano a sventolare quei cenci rossi detti pomposamente cappe magne...

    RispondiElimina
  34. :-[  ehm...hpoirot.... non ho compreso il tuo intervento... dico sul serio, senza ironia....

    potresti spiegarmi tale "meditazione del giorno" sul modello del santo citato?

    RispondiElimina
  35. ...forse con un nuovo terremoto...lo capiranno????

    RispondiElimina
  36. Io non tolgo un fico secco e tu non sei nessuno per chiederlo. Poi non e' farina del mio sacco ma il risultato di documentazione sulla Massoneria di cui anche la Chiesa e' in possesso da secoli...per cui abbi pazienza  tu , taci e ridi su tua sorella!

    RispondiElimina
  37. Sua Santità Pio XI - enciclica Mortalius Animos


    Ma dove, sotto l’apparenza di bene, si cela più facilmente l’inganno, è quando si tratta di promuovere l’unità fra tutti i cristiani.



    A) Non è forse giusto — si va ripetendo — anzi non è forse dovere che quanti invocano il nome di Cristo si uniscano nella carità?
    B) Volesse il Cielo - soggiungono - che tutti quanti i cristiani fossero « una cosa sola »; sarebbero assai più forti nell’allontanare la peste dell’empietà che minaccia di sconfiggere il Vangelo.

    Questi ed altri simili argomenti esaltano coloro che si chiamano pancristiani, i quali, anziché restringersi in piccoli gruppi, sono invece largamente diffusi, per lo più sotto la direzione di uomini acattolici.
    E intanto si cercano adesioni con l’allettante speranza di riuscire quell’unione che risponderebbe secondo loro ai desideri di Santa Madre Chiesa.

    <span></span>
    <span>Sotto queste parole si nasconde un errore assai grave che varrebbe a scalzare totalmente i fondamenti della fede cattolica (!)</span>


    <span></span>

    <span></span>
    <span>Non possiamo permettere che il gregge del Signore venga sedotto da queste dannose illusioni</span>, quindi richiamiamo il vostro zelo contro così grave pericolo.
    <span>

    Così i cattolici sapranno come regolarsi di fronte ad iniziative intese a procurare in qualsivoglia maniera l’unione in un corpo solo di quanti si dicono cristiani.
    </span>

    <span></span>

    RispondiElimina
  38. <span></span>



    Sua Santità Pio XI - enciclica Mortalius Animos (1928)   

    Questi ed altri simili argomenti esaltano coloro che si chiamano pancristiani, i quali, anziché restringersi in piccoli gruppi, sono invece largamente diffusi, per lo più sotto la direzione di uomini acattolici.
    E intanto si cercano adesioni con l’allettante speranza di riuscire quell’unione che risponderebbe secondo loro ai desideri di Santa Madre Chiesa.

    <span>Sotto queste parole si nasconde un errore assai grave che varrebbe a scalzare totalmente i fondamenti della fede cattolica (!)</span>  Noi non possiamo permettere che il gregge del Signore venga sedotto da queste dannose illusioni, quindi richiamiamo il vostro zelo contro così grave pericolo. Così i cattolici sapranno come regolarsi di fronte ad iniziative intese a procurare in qualsivoglia maniera l’unione in un corpo solo di quanti si dicono cristiani. "

    " Ma dove, sotto l’apparenza di bene, si cela più facilmente l’inganno, è quando si tratta di promuovere l’unità fra tutti i cristiani.

    A) Non è forse giusto — si va ripetendo — anzi non è forse dovere che quanti invocano il nome di Cristo si uniscano nella carità?
    B) Volesse il Cielo - soggiungono - che tutti quanti i cristiani fossero « una cosa sola »; sarebbero assai più forti nell’allontanare la peste dell’empietà che minaccia di sconfiggere il Vangelo.

    RispondiElimina
  39. Sua Santità Pio XI - enciclica Mortalius Animos (1928)   <<   Ma dove, sotto l’apparenza di bene, si cela più facilmente l’inganno, è quando si tratta di promuovere l’unità fra tutti i cristianiCosì i cattolici sapranno come regolarsi di fronte ad iniziative intese a procurare in qualsivoglia maniera l’unione in un corpo solo di quanti si dicono cristiani.  >>

    A) Non è forse giusto — si va ripetendo — anzi non è forse dovere che quanti invocano il nome di Cristo si uniscano nella carità?
    B) Volesse il Cielo — soggiungono — che tutti quanti i cristiani fossero « una cosa sola »; sarebbero assai più forti nell’allontanare la peste dell’empietà che minaccia di sconfiggere il Vangelo.

    Questi ed altri simili argomenti esaltano coloro che si chiamano pancristiani, i quali, anziché restringersi in piccoli gruppi, sono invece largamente diffusi, per lo più sotto la direzione di uomini acattolici.  
    E intanto si cercano adesioni con l’allettante speranza di riuscire quell’unione che risponderebbe secondo loro ai desideri di Santa Madre Chiesa.  
     
    <span>Sotto queste parole si nasconde un errore assai grave che varrebbe a scalzare totalmente i fondamenti della fede cattolica (!)</span>  Noi non possiamo permettere che il gregge del Signore venga sedotto da queste dannose illusioni, quindi richiamiamo il vostro zelo contro così grave pericolo.

    RispondiElimina
  40. Sua Santità Pio XI - enciclica Mortalius Animos (1928)   <<   Ma dove, sotto l’apparenza di bene, si cela più facilmente l’inganno, è quando si tratta di promuovere l’unità fra tutti i cristianiCosì i cattolici sapranno come regolarsi di fronte ad iniziative intese a procurare in qualsivoglia maniera l’unione in un corpo solo di quanti si dicono cristiani.  >>


    A) Non è forse giusto — si va ripetendo — anzi non è forse dovere che quanti invocano il nome di Cristo si uniscano nella carità?
    B) Volesse il Cielo — soggiungono — che tutti quanti i cristiani fossero « una cosa sola »; sarebbero assai più forti nell’allontanare la peste dell’empietà che minaccia di sconfiggere il Vangelo.

    Questi ed altri simili argomenti esaltano coloro che si chiamano pancristiani, i quali, anziché restringersi in piccoli gruppi, sono invece largamente diffusi, per lo più sotto la direzione di uomini acattolici.  
    E intanto si cercano adesioni con l’allettante speranza di riuscire quell’unione che risponderebbe secondo loro ai desideri di Santa Madre Chiesa.  
     
    <span>Sotto queste parole si nasconde un errore assai grave che varrebbe a scalzare totalmente i fondamenti della fede cattolica (!)</span>  Noi non possiamo permettere che il gregge del Signore venga sedotto da queste dannose illusioni, quindi richiamiamo il vostro zelo contro così grave pericolo.

    RispondiElimina
  41. Sua Santità Pio XI - enciclica Mortalius Animos (1928)   <<   Ma dove, sotto l’apparenza di bene, si cela più facilmente l’inganno, è quando si tratta di promuovere l’unità fra tutti i cristiani

    A) Non è forse giusto — si va ripetendo — anzi non è forse dovere che quanti invocano il nome di Cristo si uniscano nella carità?
    B) Volesse il Cielo — soggiungono — che tutti quanti i cristiani fossero « una cosa sola »; sarebbero assai più forti nell’allontanare la peste dell’empietà che minaccia di sconfiggere il Vangelo.

    Questi ed altri simili argomenti esaltano coloro che si chiamano pancristiani, i quali sono largamente diffusi, per lo più sotto la direzione di uomini acattolici. 
    E intanto si cercano adesioni con l’allettante speranza di riuscire quell’unione che risponderebbe secondo loro ai desideri di Santa Madre Chiesa. 
     
    Sotto queste parole si nasconde un errore assai grave che varrebbe a scalzare totalmente i fondamenti della fede cattolica (!) 
    Noi non possiamo permettere che il gregge del Signore venga sedotto da queste dannose illusioni, quindi richiamiamo il vostro zelo contro così grave pericolo.

    Così i cattolici sapranno come regolarsi di fronte ad iniziative intese a procurare in qualsivoglia maniera l’unione in un corpo solo di quanti si dicono cristiani.  >>

    RispondiElimina
  42. Perchè contro il magistero ? le pongo una domanda la Mortalius Animos (veda mio post qui sotto) é per lei magistero?

    RispondiElimina
  43. cara Caterina forse non sai che negli esercizi spirituali di S.Ignazio di Loyola le meditazioni si dividono in

    1) composizione di luogo: per immaginare qualcosa che fissi la mente sulla meditazione (per esempio quando si medita l'inferno si immagina lo stagno di fuoco...)
    2) la meditazione vera e propria seguita dalle le grazie che ne scaturiscono

    ho inventato questa storiella di un angelo Machael che porta a Dio le preghiere buddhiste per mostrare l'assurdità di voler piacere a Dio con preghiere di altre religioni
    cio' mi é venuto in mente dopo la risposta che ho avuto da assistenti di Padre Cavalcoli (veda sopra) che mi hanno detto che <span>quando un buddhista legge il testo di una </span>
    <span>sua preghiera questa invocazione sale alla Santa Trinità, portata degli angeli buoni.   </span>

    ma forse lei é d'accordo con Cavalcoli ...

    RispondiElimina
  44. SI si NO no ...

    ........ non hai senso dell' umorismo !!!!!!! ........ sono il primo a sostenere le tue tesi .......... 

    RispondiElimina
  45. e daje .. guardate che abito ad ASSISI ........... mi devo grattare ?????????  .........

    RispondiElimina
  46. Caro Vittorio ... "fugga ai monti, se si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa, e se si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello..." 
    ma soprattutto TRALSOCHI DOMANI !

    RispondiElimina
  47. <span>Caro Vittorio ... "fugga ai monti, se si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa, e se si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello..."   
    ma soprattutto TRALSOCHI, grattarsi non sevirà a niente... </span>

    RispondiElimina
  48. Caro Franco lei dimentica il motto di Giovanni XXIII che era anche il suo programma: « valorizziamo ciò che ci unisce e trascuriamo ciò che ci divide »

     

    RispondiElimina
  49. moltissimi nella Chiesa sono pronti a dimenticare quella frase di Gesù:
        NESSUNO viene al Padre se non per ME

    e Assisi3, così come è stato annunciato, soprattutto per celebrare/commemorare Assisi 1  e 2, IN ONORE del papa precedente, sarà esattamente il via libera perchè tutti i cattolici comincino, col silenzio (NON testimoniandoLO più come Unico signore e Salvatore) a dimenticare il Vero Dio, rivelato   da/in Gesù Cristo Suo Figlio Unigenito, come la Voce stessa del Padre Celeste Lo testimoniò al Battesimo presso il fiume Giordano, mandando su di Lui mandando lo spirito Santo in forma di colomba, e poi quando sul monte Tabor, nel momento della Trasfigurazione avvenne questo, come ricordiamo:
    <span>" Mentre egli parlava ancora, una nuvola luminosa li coprì con la sua ombra, ed ecco una voce dalla nuvola che diceva: </span>
    <span>   Questo è il Mio Figlio diletto, nel quale mi sono compiaciuto: ASCOLTATELO !</span>
    <span> I discepoli, udito ciò, caddero con la faccia a terra e furono presi da gran timore".</span>
    ---------------
    e i cristiani cattolici -e con loro tutti quielli che POTEVANO CERCARE IL VOLTO DEL VERO DIO, i pagani e ipo-credenti di tutto il mondo. dopo aver dimenticato questi momenti del Vangelo, nei quali Gesù Cristo viene testimoniato dal Padre Onnipotente, Creatore e Signore dell'universo, del mondo visibile e di quello invisibile, 1a perrsona della SS.ma TRINITA', per far luce nel buio dell'umanità prigioniera del peccato di Adamo fino a quell'anno 33, potranno dimenticare tutte le parole di Gesù, ricordandole solo come quelle di un grande personaggio storico del PASSATO, che un po' alla volta si dimentica, per poterlo AFFIANCARE  ai  maestri umani di filosofia e saggezza: saranno dimenticate le parole e la Persona di Colui che ha detto: 
    "IO SONO L'ALFA E L'OMEGA".
    Sarà un grande esempio che viene dato DALL'ALTO, per di più diffuso dalla potenza dei media che in tempo reale, vincendo qualsiasi GARA DI PAROLE, per quanto ben intenzionate e sapienti, diffondono qualuque immagine su tutto il pianeta; e QUELLA scena di silenzio affiancato ad altri silenzi (o sussurri e grida volte al dio-qualsiasi del buio peccaminoso delle menti umane) opererà così una potente, efficace funzione di catechesi visuale; di che cosa ?
       di NON ANNUNCIO,
            di NON-TESTIMONIANZA di Nostro Signore Geù, che ha patito, è morto Crocifisso per i nostri peccati ed è Risorto per la salvzza del mondo !
    Grazie ad Assisi3, tutto questo si avvierà ufficialmente a diventare un pallido ricordo, e a tramontare COME tramonta il Sole, all'orizzonte della storia umana  !

    RispondiElimina
  50. <span>moltissimi nella Chiesa sono pronti a dimenticare quella frase di Gesù:  
        NESSUNO viene al Padre se non per ME  
     
    e Assisi3, così come è stato annunciato, soprattutto per celebrare/commemorare Assisi 1  e 2, IN ONORE del papa precedente, sarà esattamente il via libera ufficiale affinchè tutti i cattolici comincino, col silenzio (NON testimoniandoLO più come Unico Signore e Salvatore) a dimenticare il Vero Dio, rivelato   da/in Gesù Cristo Suo Figlio Unigenito, come la Voce stessa del Padre Celeste Lo testimoniò al Battesimo presso il fiume Giordano, mandando su di Lui lo spirito Santo in forma di colomba, e poi quando sul monte Tabor, nel momento della Trasfigurazione avvenne questo, come ricordiamo:  
    <span>" Mentre Egli parlava ancora, una nuvola luminosa li coprì con la sua ombra, ed ecco una voce dalla nuvola che diceva: </span> 
    <span>   Questo è il Mio Figlio diletto, nel quale mi sono compiaciuto: ASCOLTATELO !</span>  
    <span> I discepoli, udito ciò, caddero con la faccia a terra e furono presi da gran timore".</span>  
    ---------------  
    e ispirati da quel grande meeting folk- mediatico in poi, i cristiani cattolici -e con loro tutti quelli che eventualmente POTEVANO CERCARE IL VOLTO DEL VERO DIO, i pagani e ipo-credenti di tutto il mondo,  dopo aver naturalmente dimenticato questi momenti del Vangelo, nei quali Gesù Cristo viene testimoniato dal Padre Onnipotente, Creatore e Signore dell'universo, del mondo visibile e di quello invisibile, 1a Persona della SS.ma TRINITA', per far Luce nel buio dell'umanità prigioniera del peccato di Adamo fino a quell'anno 33, potranno anche dimenticare tutte le parole di Gesù, ricordandole solo come discorsi "memorabili" di un grande personaggio storico del PASSATO, che un po' alla volta si dimentica, per poterlo AFFIANCARE  (=catalogare in par condicio !) ai  maestri umani di filosofia e saggezza: saranno dimenticate tutte le parole e la Persona di Colui che ha detto:   </span>
    <span>"IO SONO L'ALFA E L'OMEGA".  
    Sarà un grande esempio che viene dato DALL'ALTO, per di più diffuso dalla potenza dei media che in tempo reale, vincendo qualsiasi GARA DI PAROLE, per quanto ben intenzionate e sapienti, diffondono qualuque immagine su tutto il pianeta; e QUELLA scena di silenzio affiancato ad altri silenzi (o sussurri e grida volte al dio-qualsiasi del buio peccaminoso delle menti umane opererà così una potente, efficace funzione di catechesi visuale : dimostrativa di che cosa ?  
       di NON ANNUNCIO,  
            di NON-TESTIMONIANZA di Nostro Signore Geù, che ha patito, è morto Crocifisso per i nostri peccati ed è Risorto per la salvzza del mondo !  
    Grazie ad Assisi3, tutto questo che noi da 2011 anni crediamo (comprendendo in questi anni la Fede di Maria SS.ma nel suo Fiat, e di S. Giuseppe suo Sposo) si avvierà ufficialmente a diventare un pallido ricordo, e a tramontare COME tramonta il Sole, all'orizzonte della storia umana  !</span>

    RispondiElimina
  51. <span><span>moltissimi nella Chiesa sono pronti a dimenticare quella frase di Gesù:    
        NESSUNO viene al Padre se non per ME    
       
    e Assisi3, così come è stato annunciato, soprattutto per celebrare/commemorare Assisi 1  e 2, IN ONORE del papa precedente, sarà esattamente il via libera ufficiale affinchè tutti i cattolici comincino, col silenzio (NON testimoniandoLO più come Unico Signore e Salvatore) a dimenticare il Vero Dio, rivelato   da/in Gesù Cristo Suo Figlio Unigenito, come la Voce stessa del Padre Celeste Lo testimoniò al Battesimo presso il fiume Giordano, mandando su di Lui lo spirito Santo in forma di colomba, e poi quando sul monte Tabor, nel momento della Trasfigurazione avvenne questo, come ricordiamo:    
    <span>" Mentre Egli parlava ancora, una nuvola luminosa li coprì con la sua ombra, ed ecco una voce dalla nuvola che diceva: </span>   
    <span>   Questo è il Mio Figlio diletto, nel quale mi sono compiaciuto: ASCOLTATELO !</span>    
    <span> I discepoli, udito ciò, caddero con la faccia a terra e furono presi da gran timore".</span>    
    ---------------    
    e ispirati da quel grande meeting folk- mediatico in poi, i cristiani cattolici -e con loro tutti quelli che eventualmente POTEVANO CERCARE IL VOLTO DEL VERO DIO, i pagani e ipo-credenti di tutto il mondo,  dopo aver naturalmente dimenticato questi momenti del Vangelo, nei quali Gesù Cristo viene testimoniato dal Padre Onnipotente, Creatore e Signore dell'universo, del mondo visibile e di quello invisibile, 1a Persona della SS.ma TRINITA', per far Luce nel buio dell'umanità prigioniera del peccato di Adamo fino a quell'anno 33, potranno anche dimenticare tutte le parole di Gesù, ricordandole solo come discorsi "memorabili" di un grande personaggio storico del PASSATO, che un po' alla volta si dimentica, per poterlo AFFIANCARE  (=catalogare in par condicio !) ai  maestri umani di filosofia e saggezza: saranno dimenticate tutte le parole e la Persona di Colui che ha detto:   </span>  
    <span>"IO SONO L'ALFA E L'OMEGA".    
    Sarà un grande esempio che viene dato DALL'ALTO, dalla Cattedra di Pietro, per di più diffuso dalla potenza dei media che in tempo reale, vincendo qualsiasi GARA DI PAROLE, per quanto ben intenzionate e sapienti, diffondono qualuque immagine su tutto il pianeta; e QUELLA scena di silenzio affiancato ad altri silenzi  - o sussurri e grida volte al dio-qualsiasi del buio peccaminoso delle menti umane - opererà così una potente, efficace funzione di catechesi visuale :     dimostrativa di che cosa ?    
       di NON ANNUNCIO,    
            di NON-TESTIMONIANZA di Nostro Signore Geù, che ha patito, è morto Crocifisso per i nostri peccati ed è Risorto per la salvzza del mondo !    
    Grazie ad Assisi3, tutto questo che noi da 2011 anni crediamo (comprendendo in questi anni la Fede di Maria SS.ma nel suo Fiat, e di S. Giuseppe suo Sposo) si avvierà ufficialmente a diventare un pallido ricordo, e a tramontare COME [...]

    RispondiElimina
  52. <span><span><span>moltissimi nella Chiesa sono pronti a dimenticare quella frase di Gesù:      
        NESSUNO viene al Padre se non per ME      
         
    e Assisi3, così come è stato annunciato, soprattutto per celebrare/commemorare Assisi 1  e 2, IN ONORE del papa precedente, sarà esattamente il via libera ufficiale affinchè tutti i cattolici comincino, col silenzio (NON testimoniandoLO più come Unico Signore e Salvatore) a dimenticare il Vero Dio, rivelato   da/in Gesù Cristo Suo Figlio Unigenito, come la Voce stessa del Padre Celeste Lo testimoniò al Battesimo presso il fiume Giordano, mandando su di Lui lo spirito Santo in forma di colomba, e poi quando sul monte Tabor, nel momento della Trasfigurazione avvenne questo, come ricordiamo:      
    <span>" Mentre Egli parlava ancora, una nuvola luminosa li coprì con la sua ombra, ed ecco una voce dalla nuvola che diceva: </span>     
    <span>   Questo è il Mio Figlio diletto, nel quale mi sono compiaciuto: ASCOLTATELO !</span>      
    <span> I discepoli, udito ciò, caddero con la faccia a terra e furono presi da gran timore".</span>      
    ---------------      
    e ispirati da quel grande meeting folk- mediatico in poi, i cristiani cattolici -e con loro tutti quelli che eventualmente POTEVANO CERCARE IL VOLTO DEL VERO DIO, i pagani e ipo-credenti di tutto il mondo,  dopo aver naturalmente dimenticato questi momenti del Vangelo, nei quali Gesù Cristo viene testimoniato dal Padre Onnipotente, Creatore e Signore dell'universo, del mondo visibile e di quello invisibile, 1a Persona della SS.ma TRINITA', per far Luce nel buio dell'umanità prigioniera del peccato di Adamo fino a quell'anno 33, potranno anche dimenticare tutte le parole di Gesù, ricordandole solo come discorsi "memorabili" di un grande personaggio storico del PASSATO, che un po' alla volta si dimentica, per poterlo AFFIANCARE  (=catalogare in par condicio !) ai  maestri umani di filosofia e saggezza: saranno dimenticate tutte le parole e la Persona di Colui che ha detto:   </span>    
    <span>"IO SONO L'ALFA E L'OMEGA".      
    Sarà un grande esempio che viene dato DALL'ALTO, dalla Cattedra di Pietro, per di più diffuso dalla potenza dei media che in tempo reale, vincendo qualsiasi GARA DI PAROLE, per quanto ben intenzionate e sapienti, diffondono qualuque immagine su tutto il pianeta; e QUELLA scena di silenzio affiancato ad altri silenzi  - o sussurri e grida volte al dio-qualsiasi del buio peccaminoso delle menti umane - opererà così una potente, efficace funzione di catechesi visuale :     dimostrativa di che cosa ?      
       di NON ANNUNCIO,      
            di NON-TESTIMONIANZA di Nostro Signore Gesù, che ha patito, è morto Crocifisso per i nostri peccati ed è Risorto per la salvzza del mondo !      
    Grazie ad Assisi3, tutto questo che noi da 2011 anni crediamo (comprendendo in questi anni la Fede di Maria SS.ma nel suo Fiat, [...]

    RispondiElimina
  53. è pazzesco, Poirot, che p,. Cavalcoli abbia detto questo !  ma ormai  dobbiamo abituarci alla tremenda realtà dell'apostasia che procede al galoppo, e sarà per noi amarissimo pane quotidiano doverla constatare in tanti pastori, piccoli e grandi, che uno dopo l'altro cominceranno così, in modo SOFT a rinneganre Nostro Signore e il vero Dio Trinitario che in Gesù Cristo si è rivelato, nella pienezza dei tempi.
    Se qualcuno credeva che Nostra Signora di Fatima stesse raccontando frottole, nel 1917, quando parlò ben chiaramente di "apostasia che inizia DAI VERTICI", adesso è servito: e non gli resta che continuare a negare l'evidenza, in fieri davanti ai nostri occhi inorriditi, ma quasi assuefatti, purtroppo.

    RispondiElimina
  54. caro memory, come dicevo la risposta l'ho avuta da assistenti di Padre Cavalcoli, ma credo che questa sia anche la sua posizione

    comunque se vuoi seguire tutto il discorso, é qui   http://it.gloria.tv/?media=122762

    RispondiElimina
  55. Sant'Egidio è apostata da sempre, il suo Vescovo Paglia non crede che la Bibbia è Parola di Dio

    RispondiElimina
  56. Anche i neocatecumenali mirano a questo

    RispondiElimina
  57. E si parlava di cristiani, pensa oggi cosa scriverebbe

    RispondiElimina
  58. siamo in piena apostasia e le masse li seguono. Signore Gesù, donaci discernimento per non conformarci al falso vangelo

    RispondiElimina
  59. "Vidi che molti pastori si erano fatti coinvolgere in idee che erano pericolose per la Chiesa. Stavano costruendo una Chiesa grande, strana, e stravagante. Tutti dovevano essere ammessi in essa per essere uniti ed avere uguali diritti: evangelici, cattolici e sette di ogni denominazione. Così doveva essere la nuova Chiesa... Ma Dio aveva altri progetti!"

    (Beata Anna Caterina Emmerich)

    RispondiElimina
  60. ho sentito suonare da sole le campane di notte e piu' volte ...... so cosa fare ..... ehehehe ..........

    RispondiElimina
  61. Assisi sarebbe un evento "semplice" ???

    se i papi ante 1960 avessero saputo un decimo di quello che abbiamo fatto a Assisi ci avrebbero scomunicati tutti ante-tempo !

    RispondiElimina
  62. <span><span>«Vidi una strana chiesa che veniva costruita contro ogni regola: </span><span>non c’erano angeli a vigilare sulle operazioni di costruzione. In quella chiesa non c’era niente che venisse dall’alto...</span>C’erano solo divisioni e caos<span>. Si tratta probabilmente di una chiesa di umana creazione, che segue l’ultima moda, così come la nuova chiesa eterodossa di Roma, che sembra dello stesso tipo...»</span>    
    <span>[...]</span></span>
    <span><span>Vidi ancora una volta che la Chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla setta segreta, mentre le bufere la stavano danneggiando. Ma vidi anche che l’aiuto sarebbe arrivato quando le afflizioni avrebbero raggiunto il loro culmine. "</span></span>

    RispondiElimina
  63. che ci piaccia o no, il Santo Padre andrà ad Assisi. Lui sa quello che fa per il bene della Chiesa!
    sarebbe bello se iniziassimo a capire ciò e magari a fidarci del Papa!

    RispondiElimina
  64. " l'unione dei cristiani non si può procurare in altro modo che favorendo il ritorno dei dissidenti all’unica vera Chiesa di Cristo, dalla quale, precisamente, un giorno ebbero l’infelice idea di staccarsi "
    [ Pio XI, Mortalium animos 1928 ]

    RispondiElimina
  65. Che buffonata!4 febbraio 2011 18:33

    Io sono assolutamente contrario al sincretismo e penso che ognuno debba starsene a casa sua. Ma l'intervento di hpoirot è frutto di un pensiero rozzo, volgare. 

    RispondiElimina
  66. Che buffonata!4 febbraio 2011 18:33

    Io sono assolutamente contrario al sincretismo e penso che ognuno debba starsene a casa sua. Ma l'intervento di hpoirot è frutto di un pensiero rozzo, volgare. 

    RispondiElimina
  67. Ve la suonate e cantate da soli........

    RispondiElimina
  68. io mi fido del Santo Padre, ma penso che lanciare un allarme all'interno del mondo mass-mediatico sia stato un fatto positivo

    RispondiElimina
  69. NO, non quelle parole....

    RispondiElimina
  70. deve esserci davvero poca fede a giro se nascono cotanti e cotali difensori quotidianamente...ognuno deve lavorare secondo i doni che ha ricevuta da Dio per realizzare il Suo Regno (nell'aldiqua'...).
    Vanno bene anche i "Savonarola" ma nel lavoro di tutti...

    RispondiElimina
  71. ....e per forza! Se vogliamo della buona musica non possiamo far altro! ;)

    RispondiElimina
  72. per chi è duro a capire la situazione:
    l'ipotesi di hpoirot è una iperbole (immagine esagerata, amplificata, a mo' di caricatura) adatta a rendere esattamente l'idea di quella realtà rozza,. volgare, ma molto di più : empia, oltraggiosa e blasfema e satanica, di dimensioni cosmiche che sarebbe una religione sincretistica, con annesso rinnegamento di Cristo da parte dei cristiani cattolici, quale purtroppo si avvererà, secondo la profezia di Nostro Signore, visto che gli abomini nei luoghi santi sono già diventati frequenti e normalissimi, e nessuno nelle chiese e nella Chiesa si sogna più di condannarli e sanzionarli !
    se l'osppite buffonata volesse andarsi a guardare sul web quanti oltraggi orripilanti i cattolicio hanno già commesso nel 20,mo sec. e stanno intesnificando, forse si scandalizzerebbe di meno e mediterebbe di più sull'apostasia che ci sta travolgendo in un buio tunnel, di cui non vediamo l'uscita !
    provi a dire "buffonata" se la Madonna è contenta che sia stato tolta la sua statua per mettere una statua di Buddha ad Assisi1 !
    <span>e ripensi che, più tardi:.....</span>
    <span>"poi la volta della basilica di Assisi CROLLO' per il  terremoto, <span>proprio sull'altare dove, tolta la statua </span> 
    <span>di Maria, si é messa quella del Buddha</span>. Ma non si preoccupi non é di certo un segno divino di disaccordo.  
    Chi oserebbe pensare che Dio é in disaccordo col papa ?"</span>
    e Nostro Signore è contento di tutto questo scempio che avanza e si sta per commemorare ?

    RispondiElimina
  73. Autrement dit, croire en Dieu (quel Dieu?) "qui nous unit", c'est plus important que croire en la Sainte Trinité "qui nous sépare"! Donc laissons tomber la Sainte Trinité qui emm… tout le monde. Et embrassons-nous, Folleville!

    RispondiElimina
  74. <span>per chi è duro a capire la situazione, certe immagini sono un po' troppo "forti", e scuotono :  
    ma l'ipotesi di hpoirot è una iperbole (immagine esagerata, amplificata, a mo' di caricatura) adatta a rendere esattamente l'idea di quella realtà rozza,. volgare, ma molto di più : empia, oltraggiosa e blasfema e satanica, di dimensioni cosmiche che sarebbe una religione sincretistica, con annesso rinnegamento di Cristo da parte dei cristiani cattolici, quale purtroppo si avvererà, secondo la profezia di Nostro Signore, visto che gli abomini nei luoghi santi sono già diventati frequenti e normalissimi, e nessuno nelle chiese e nella Chiesa si sogna più di condannarli e sanzionarli !  
    se l'osppite buffonata volesse andarsi a guardare sul web quanti oltraggi orripilanti i cattolicio hanno già commesso nel 20,mo sec. e stanno intesnificando, forse si scandalizzerebbe di meno e mediterebbe di più sull'apostasia che ci sta travolgendo in un buio tunnel, di cui non vediamo l'uscita !  
    provi a dire "buffonata" se la Madonna è contenta che sia stato tolta la sua statua per mettere una statua di Buddha ad Assisi1 !  
    <span>e ripensi che, più tardi:.....</span>  
    <span>"poi la volta della basilica di Assisi CROLLO' per il  terremoto, <span>proprio sull'altare dove, tolta la statua </span>   
    <span>di Maria, si é messa quella del Buddha</span>. Ma non si preoccupi non é di certo un segno divino di disaccordo.    
    Chi oserebbe pensare che Dio é in disaccordo col papa ?"</span>  
    e Nostro Signore è contento di tutto questo scempio che avanza e si sta per commemorare ?</span>

    RispondiElimina
  75. <span>per chi è duro a capire la situazione, certe immagini sono un po' troppo "forti", e scuotono :    
    ma l'ipotesi di hpoirot è una iperbole (immagine esagerata, amplificata, a mo' di caricatura) adatta a rendere esattamente l'idea di quella realtà rozza,. volgare, ma molto di più : empia, oltraggiosa e blasfema e satanica, di dimensioni cosmiche che sarebbe una religione sincretistica, con annesso rinnegamento di Cristo da parte dei cristiani cattolici, quale purtroppo si avvererà, secondo la profezia di Nostro Signore, visto che gli abomini nei luoghi santi sono già diventati frequenti e normalissimi, e nessuno nelle chiese e nella Chiesa si sogna più di condannarli e sanzionarli !    
    se l'ospite "buffonata" volesse andarsi a guardare sul web quanti oltraggi orripilanti i cattolici hanno già commesso nel 20.mo sec. e stanno intensificando, dentro le chiese del mondo, forse si scandalizzerebbe di meno e mediterebbe di più sull'apostasia che ci sta travolgendo in un buio tunnel, di cui non vediamo l'uscita !    
    provi a dire "buffonata" se la Madonna è contenta che sia stata tolta la sua statua per mettere una statua di Buddha ad Assisi1 !    
    <span>e ripensi che, più tardi:.....</span>    
    <span>"poi la volta della basilica di Assisi CROLLO' per il  terremoto, <span>proprio sull'altare dove, tolta la statua </span>     
    <span>di Maria, si é messa quella del Buddha</span>. Ma non si preoccupi non é di certo un segno divino di disaccordo.      
    Chi oserebbe pensare che Dio é in disaccordo col papa ?"</span>    
    e Nostro Signore è contento di tutto questo scempio che avanza e si sta per commemorare ?</span>

    RispondiElimina
  76. A bas l'Église pré-conciliaire! Vive le kikisme!

    RispondiElimina
  77. Possiamo fare tutti i discorsi che vogliamo alla fine il Papa andrà ugualmente ad Assisi, sicuramente difenderà l'unica vera Fede e se qualcuno fraintenderà qualcosa la colpa sarà solo nostra che invece di sbracciarci con le opere di misericordia spirituali stiamo qua a fare discorsi persi come se veramente potessero fermare il Papa e come se una sua non partecipazione sarebbe automaticamente una cosa positiva. Ma per favore, non possiamo vedere il futuro e siamo troppo "limitati" per sapere qual è la cosa giusta da fare. Fidiamo del Papa e diamoci da fare con gli idioti che fraintenderanno le sue parole. Insomma se il blog vuole continuare a esulare dagli aspetti legati alla Messa tradizionale allora che si postino più articoli dottrinali e meno appelli e opinioni varie che in fondo sono solo discorsi persi, nonostante pronunciati da ottime persone come il prof De Mattei.

    RispondiElimina
  78. ...quello che suggerisco di fare è di "prepararsi e preparare il nostro prossimo ad Assisi" non tentare di far ravvedere il Papa!

    RispondiElimina
  79. prepararsi ad Assisi: che cos'è.... un nuovo dogma cattolico ?
       un nuovo tipo di Messa, forse ? dove è abolito il Crocifisso  ?
         invece di prepararsi alla SS.ma Eucaristia celebrata come Nostro Signore ha istituito nell'anno 33 e comanda da allora,
    dobbiamo preparare noi e il nostro prossimo....A   CHE COSA   esattamente  ?   ?

    RispondiElimina
  80. yum !!!!!! yum !!!!!! .... ma che bella notiz...... i ...... u .... o ...la !!!!!!!!!!!!!  .............

    RispondiElimina
  81. Ripeto Benedetto XVI non ha il coraggio, di prendere una decisone. E' sotto minaccia di Comunità di Sant'Egidio, neo catecumenali ecc. Poi il suo pensiero è lungi da definizioni chiare. Il card. Ratzinger non er era il card. Ottaviani. Lo stesso Mons. M. Lefebvre lo aveva capito, basta leggere i suoi resoconti dei suoi incontri avuti con lui.

    RispondiElimina
  82. <span> sicuramente difenderà l'unica vera Fede</span>
    quale sarebbe l' unica vera fede che difenderà, secondo lei, dal momento che va per pregare in comune riunione con gli adoratori di demoni ?
    COME la difenderà la vera fede, se dovrà PER FORZA TACERE il Nome di Gesù Salvatore, esattamente come ha fatto il predecessore ?
    e lei che GIA' è consapevole della giusta interpretazione di questo evento, ce la vuole offrire, per favore ?
    QUALE SIGNIFICATO e scopo ha questa riunione, oltre quella che  il papa ha già detto ESPLICITAMENTE,  cioè ripetere, rievocare e celebrare il gesto del suo predecessore ?

    RispondiElimina
  83. Evidentemente dare del "rincoglionito" al Papa, burattino nelle mani di neocat ed altri, è in linea con il pensiero della redazione!
    Non lo avevo ancora capito! Si vede che il Signor FZ ( ma chi è un rapper? non ha un nome cristiano?) approva queste posizioni! Evidentemente non sedevacantiste. perchè il tradizionalista: è in rapporto di devozione filiale con il Papa ... fa niente se poi gli fa fare la figura del deficiente urbi et orbi!
    Coerenza, va da sè!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  84. Bartimeo ... per el sor Trippa4 febbraio 2011 21:32

    Egregio trippa!
    ho ricevuto questa mail ... se mi contatti qui ( bartimeo624@vodafone.it) ti metto in contatto diretto con le persone in qiestione ( Santi uomini) che avrebbero il piacere di conoscerti di persona.
    MD

    Carissimo Matteo,
    siamo i curatori di XXXXXX.it ( premiato come miglior sito cattolico . Aggiungo io).
    Abbiamo copiato il tuo indirizzo email da un tuo commento su messainlatino.
    Condividiamo e ringraziamo per i tuoi molteplici interventi insieme a quelli di "er tripparolo" !!!!!
    Cari saluti,
    XXXX XXXXX

    RispondiElimina
  85. se il Papa volesse fare un incontro di tipo diplomatico, per un colloquio sulla tolleranza reciproca mondiale,  con quei capi di varie religioni, dovrebbe farlo in altra sede idonea ad incontri politici, non in una Chiesa, ripetendo esattamente l'errore che già aveva disapprovato nel 1986.
    Allora io vorrei qui che chunque (Giorgio o altri)  si sente di insegnare ai futuri idioti (che saranno tanti, come me) che non riusciranno a capire quell'evento, e dovranno aspettare chissà quali interpreti geniali per capire l'incomprensibile, ce lo spieghi da adesso: come interpretare questa decisione che già è stata chiaramente annunciata ai tg, nel suo scopo principale ? c'è altro da aggiungere all'annuncio già dato dal papa ?
    e devo ancora  ripetere:
    è tanto difficile capire che tutto è programmato nella sua agenda, cominciando dalla beatificazione lampo di GPII, che fa da ottima preparazione psicologica e mass-mediatica per convincere tutto l'orbe -cattolico e non- che quel meeting Assisi3 sarà cosa buona e santa solo perchè l'ha fatta a suo tempo un Santo e quindi VA RIPETUTA pari pari come quel Santo l'ha fatta ?
    possibile che non si riesca più a vedere queste realtà così semplice e lampante e bisogna andare a caccia di esegeti circa i criptici e mitici "segni dei tempi" che ormai per quello che realmente sono -trascinamento emotivo di masse mediante immagini- le capisce anche un bambino ?

    RispondiElimina
  86. <span>se il Papa volesse fare un incontro di tipo diplomatico, per un colloquio sulla tolleranza reciproca mondiale,  con quei capi di varie religioni, dovrebbe farlo in altra sede, idonea ad incontri politici, non in una Chiesa, ripetendo esattamente l'errore che già aveva disapprovato nel 1986.  
    Allora io vorrei qui che chiunque (Giorgio o altri)  si sente di insegnare ai futuri idioti (che saranno tanti, come me) che non riusciranno a capire quell'evento, e dovranno aspettare chissà quali interpreti geniali per capire l'incomprensibile, ce lo spieghi da adesso: <span>come interpretare questa decisione</span> che già è stata chiaramente annunciata ai tg, nel suo scopo principale ? c'è altro da aggiungere all'annuncio già dato dal papa ?  
    e devo ancora  ripetere:  
    è tanto difficile capire che tutto è programmato nella sua agenda, cominciando dalla beatificazione-lampo di GPII, che fa da ottima preparazione psicologica e mass-mediatica per convincere tutto l'orbe -cattolico e non- che quel meeting Assisi3 sarà cosa buona e santa solo perchè l'ha fatta a suo tempo un Santo e quindi VA RIPETUTA pari pari come quel Santo l'ha fatta ?  
    possibile che non si riesca più a vedere queste realtà così semplice e lampante, e bisogna andare a caccia di esegeti circa i criptici e mitici "segni dei tempi" che ormai per quello che realmente sono -trascinamento emotivo di masse mediante immagini persuasive, usate a fini di potere- le capisce anche un bambino ?</span>

    RispondiElimina
  87. si postino " articoli più dottrinali"  :...
    e invece cos'è questo argomento ?  ECCOME se è dottrinale, caro Girogio !
    lei purtroppo non riesce più a vedere, essendo come tanti, indottrinato da 45 anni di regime modernista che ha spento la nostra Fede,
    che con questo evento Assisi si mette a rischio il DOGMA CENTRALE della nostra Fede: Divinità di Gesù gli articoli principali della nostra professione di FEDE CATTOLICA, così enunciati nel Catechismop di S. Pio X:
    <span>I misteri principali della Fede professati nel Credo sono due: l'UNITA' E TRINITA' DI DIO;</span><span>l'Incarnazione, Passione e Morte del Nostro Signore Gesù Cristo.</span> <span><span>si tratta del cuore della nostra Fede, pensi un po': quello che la Madre di Dio, nel suo monito di Fatima, rivolto a tutta l'umanità, e specie alla Chiesa, chiamò</span></span>IL DOGMA DELLA FEDE, quando disse "In Portogallo si conserverà il dogma della Fede"(mentre, chissà nelle altre nazioni....) ed è un presagio di apostasia mai avvenuto prima, che deve ora cominciare a svolgersi, mediante questi bei meeting, dove il Dogma della nostra Fede deve essere taciuto  !

    RispondiElimina
  88. <span>si postino " articoli più dottrinali"  :...  
    e invece cos'è questo argomento ?  ECCOME se è dottrinale, caro Girogio !  
    lei purtroppo non riesce più a vedere, essendo come tanti, indottrinato da 45 anni di regime modernista che ha spento la nostra Fede,  
    che con questo evento Assisi si mette a rischio il DOGMA CENTRALE della nostra Fede: Divinità di Gesù gli articoli principali della nostra professione di FEDE CATTOLICA, così enunciati nel Catechismo di S. Pio X:  
    <span>"I misteri principali della Fede professati nel Credo sono due: </span></span>
    <span><span>l'UNITA' E TRINITA' DI DIO; L</span><span>'Incarnazione, Passione e Morte del Nostro Signore Gesù Cristo.</span> </span>
    <span><span><span>Si tratta del cuore della nostra Fede, pensi un po': quello che la Madre di Dio, nel suo monito pronunciato a Fatima, rivolto a tutta l'umanità, e specie alla Chiesa, chiamò proprio IL</span></span> DOGMA DELLA FEDE, quando disse : "In Portogallo si conserverà il dogma della Fede" (mentre, chissà nelle altre nazioni....ed è la parte del 3. segreto che ci hanno tenuta nascosta);</span>
    <span> e ci siamo: è qui un presagio di apostasia mai avvenuto prima, che deve ora cominciare a svolgersi, mediante questi bei meeting, dove il Dogma della nostra Fede deve essere taciuto  ! </span>

    RispondiElimina
  89. <span><span>si postino " articoli più dottrinali"  :...    
    e invece cos'è questo argomento ?  ECCOME se è dottrinale, caro Giorgio !    
    lei purtroppo non riesce più a vedere, essendo come tanti, indottrinato da 45 anni di regime modernista che ha spento la nostra Fede,    
    che con questo evento Assisi si mette a rischio il DOGMA CENTRALE della nostra Fede: Divinità di Gesù gli articoli principali della nostra professione di FEDE CATTOLICA, così enunciati nel Catechismo di S. Pio X:    
    <span>"I misteri principali della Fede professati nel Credo sono due: </span></span> 
    <span><span>l'UNITA' E TRINITA' DI DIO; L</span><span>'Incarnazione, Passione e Morte del Nostro Signore Gesù Cristo.</span> </span>  
    <span><span><span>Si tratta del cuore della nostra Fede, pensi un po': quello che la Madre di Dio, nel suo monito pronunciato a Fatima, rivolto a tutta l'umanità, e specie alla Chiesa, chiamò proprio IL</span></span> DOGMA DELLA FEDE, quando disse : "In Portogallo si conserverà il dogma della Fede" (mentre, chissà nelle altre nazioni....ed è la parte del 3. segreto che ci hanno tenuta nascosta);</span>  
    <span>e ci siamo: è qui un presagio di apostasia mai avvenuto prima, che deve ora cominciare a svolgersi, mediante questi bei meeting, dove il Dogma della nostra Fede deve essere taciuto  ! </span></span>

    RispondiElimina
  90. <span><span>si postino " articoli più dottrinali"  :...      
    e invece cos'è questo argomento ?  ECCOME se è dottrinale, caro Giorgio !      
    lei purtroppo non riesce più a vedere, essendo come tanti, indottrinato da 45 anni di regime modernista che ha spento la nostra Fede,      
    che con questo evento Assisi si mette a rischio il DOGMA CENTRALE della nostra Fede, ovvero gli articoli principali della nostra professione di FEDE CATTOLICA, così enunciati nel Catechismo di S. Pio X:      
    <span>"I misteri principali della Fede professati nel Credo sono due: </span></span>   
    <span><span>l'UNITA' E TRINITA' DI DIO; L</span><span>'Incarnazione, Passione e Morte del Nostro Signore Gesù Cristo.</span> </span>    
    <span><span><span>Si tratta del cuore della nostra Fede, pensi un po': quello che la Madre di Dio, nel suo monito pronunciato a Fatima, rivolto a tutta l'umanità, e specie alla Chiesa, chiamò proprio IL</span></span> DOGMA DELLA FEDE, quando disse : "In Portogallo si conserverà il dogma della Fede" (mentre, chissà nelle altre nazioni....ed è la parte del 3. segreto che ci hanno tenuta nascosta);</span>    
    <span>e ci siamo: è qui un presagio di apostasia mai avvenuto prima, che deve ora cominciare a svolgersi, mediante questi bei meeting, dove il Dogma della nostra Fede deve essere taciuto  ! </span></span>

    RispondiElimina
  91. <span><span>si postino " articoli più dottrinali"  :...        
    e invece cos'è questo argomento ?  ECCOME se è dottrinale, caro Giorgio !        
    lei purtroppo non riesce più a vedere, essendo come tanti, indottrinato da 45 anni di regime modernista che ha spento la nostra Fede,        
    che con questo evento Assisi si mette a rischio il DOGMA CENTRALE della nostra Fede, ovvero gli articoli principali della nostra professione di FEDE CATTOLICA, così enunciati nel Catechismo di S. Pio X:        
    <span>"I misteri principali della Fede professati nel Credo sono due: </span></span>     
    <span><span>l'UNITA' E TRINITA' DI DIO; L</span><span>'Incarnazione, Passione e Morte del Nostro Signore Gesù Cristo.</span> </span>      
    <span><span><span>Si tratta del cuore della nostra Fede, pensi un po': quello che la Madre di Dio, nel suo monito pronunciato a Fatima, rivolto a tutta l'umanità, e specie alla Chiesa, chiamò proprio IL</span></span> DOGMA DELLA FEDE, quando disse : "In Portogallo si conserverà il dogma della Fede" (mentre, chissà nelle altre nazioni....ed è la parte del 3. segreto che ci hanno tenuta nascosta);</span>      
    <span>e ci siamo: è qui un presagio di grande apostasia di dimensioni mai viste prima, che deve ora cominciare a svolgersi, mediante questi bei meeting, dove il Dogma della nostra Fede deve essere taciuto  ! </span></span>

    RispondiElimina
  92. dobbiamo continuare a ricordare, per noi, per tutti, pregando costantemente per il Papa e per tutta la Chiesa, TUTTE LE PAROLE di Gesù Nostro Salvatore, dalla A alla Z del suo Vangelo, comprese quelle:


    <span><span>Chi dunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch'io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; <span><span><span>chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch'io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». </span></span><span><span>      </span></span></span></span></span>
    <span> <span>-------      </span></span>
    <span><span> <span><span><span>sono parole chiare e forti, inequivocabili,</span></span><span><span> </span></span><span><span>ineludibili , che ci riguardano e interpellano senza posa, oggi più che mai:</span></span><span><span> </span></span><span><span>   </span></span></span></span></span>
    <span> <span>valide e imprescindibili per tutti gli uomini, dal più grande al più piccolo, per tutti i secoli della storia, fino alla fine del mondo.</span></span>

    RispondiElimina
  93. <span>dobbiamo continuare a ricordare, per noi, per tutti, pregando costantemente per il Papa e per tutta la Chiesa, TUTTE LE PAROLE di Gesù Nostro Salvatore, dalla A alla Z del suo Vangelo, comprese quelle:  
    <span><span>Chi dunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch'io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; <span><span><span>chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch'io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». </span></span><span><span>      </span></span></span></span></span>  
    <span><span>-------      </span></span>  
    <span><span> <span><span><span>sono parole chiare e forti, inequivocabili,</span></span><span><span> </span></span><span><span>ineludibili , che ci riguardano e interpellano senza posa, oggi più che mai:</span></span><span><span> </span></span><span><span>   </span></span></span></span></span>  
    <span><span>valide e imprescindibili per tutti gli uomini, dal più grande al più piccolo, per tutti i secoli della storia, fino alla fine del mondo.</span></span>  </span>

    RispondiElimina
  94. visto che è il "miglior sito cattolico" potresti indicarcelo, faresti un'opera di carità...

    RispondiElimina
  95. Tralasciando il dettaglio dell'offesa al Vicario di Cristo, scelto a capo dell'unica Chiesa da Cristo stesso. Penso che sei abbastanza intelligente da capire quello che intendevo dire, capisco che non tutti vogliono combattere la Buona Battaglia, ma invece di scegliere i mulini a vento (o il Papa che molto tradizionalmente è tra i bersagli preferiti) come bersagli, io nel mio piccolo cercò di combattere nel modo giusto e trovandoci in epoca di post-concilio dove i più non conoscono neanche più i fondamenti della Fede ma sempre per colpa di pessimi cattolici (e non del Papa!!!) che hanno educato il prossimo a una nuova dottrina, che ha deviato troppi, mi pare giusto che quindi bisogna darsi da fare per riportare la situazione sui binari e il Papa non potendolo fare da solo a bisogno del nostro aiuto, visto che inevitabilmente ci saranno idioti che assileranno con le loro stupidate su Assisi e quindi è bene ripassarsi (o studiare, per chi nella foga di andare contro i mulini a vento non l'avesse mai fatto) un po' quegli argomenti dottrinali che possono venire tirati in ballo ad Assisi e quindi controbattere a testa bassa i suddetti idioti che parleranno del "volemose bene". E lasciare sbattere qualunque discorso perso su Assisi in sé, anche perché De Mattei nel post non dice cose sbagliate e per certi versi è quello che ho detto io adesso semplicemente sbaglia nelle conclusioni che appunto come ho detto vanno evitate, ma per il resto dice semplicemente che bisogna scendere sul campo di battaglia, quello vero, e che è nostro dovere non starcene con le mani in mano!!!

    RispondiElimina
  96. <span>Tralasciando il dettaglio dell'offesa al Vicario di Cristo, scelto a capo dell'unica Chiesa da Cristo stesso. Penso che sei abbastanza intelligente da capire quello che intendevo dire, capisco che non tutti vogliono combattere la Buona Battaglia, ma invece di scegliere i mulini a vento (o il Papa che molto tradizionalmente è tra i bersagli preferiti) come bersagli, io nel mio piccolo cercò di combattere nel modo giusto e trovandoci in epoca di post-concilio dove i più non conoscono neanche più i fondamenti della Fede ma sempre per colpa di pessimi cattolici (e non del Papa!!!) che hanno educato il prossimo a una nuova dottrina, che ha deviato troppi, mi pare giusto che quindi bisogna darsi da fare per riportare la situazione sui binari e il Papa non potendolo fare da solo a bisogno del nostro aiuto, visto che inevitabilmente ci saranno idioti che assileranno con le loro stupidate su Assisi e quindi è bene ripassarsi (o studiare, per chi nella foga di andare contro i mulini a vento non l'avesse mai fatto) un po' quegli argomenti dottrinali che possono venire tirati in ballo ad Assisi e quindi controbattere a testa bassa i suddetti idioti che parleranno del "volemose bene". E lasciare sbattere qualunque discorso perso su Assisi in sé, anche perché De Mattei nel post non dice cose sbagliate e per certi versi è quello che ho detto io adesso semplicemente sbaglia nelle conclusioni che appunto come ho detto vanno evitate, ma per il resto dice semplicemente che bisogna scendere sul campo di battaglia, quello vero, e che è nostro dovere non starcene con le mani in mano!!!</span>

    RispondiElimina
  97. <span><span>Tralasciando il dettaglio dell'offesa al Vicario di Cristo, scelto a capo dell'unica Chiesa da Cristo stesso. Penso che sei abbastanza intelligente da capire quello che intendevo dire, capisco che non tutti vogliono combattere la Buona Battaglia, ma invece di scegliere i mulini a vento (o il Papa che molto "tradizionalmente" è tra i bersagli preferiti) come bersagli, io nel mio piccolo cercò di combattere nel modo giusto e trovandoci in epoca di post-concilio dove i più non conoscono neanche più i fondamenti della Fede -ma sempre per colpa di pessimi cattolici (e non del Papa!!!) che hanno educato il prossimo a una nuova dottrina, che ha deviato troppi- mi pare giusto che quindi bisogna darsi da fare per riportare la situazione sui binari e il Papa, non potendolo fare tutto da solo, ha bisogno del nostro aiuto, visto che inevitabilmente ci saranno idioti che ci assileranno con le loro stupidate su Assisi, per cui è bene ripassarsi (o studiare, per chi nella foga di andare contro i mulini a vento non l'avesse mai fatto) un po' quegli argomenti dottrinali che possono venire tirati in ballo ad Assisi e quindi controbattere a testa bassa i suddetti idioti che parleranno del "volemose bene". E lasciamo sbattere qualunque discorso perso su Assisi in sé, anche perché De Mattei nel post non dice cose sbagliate e per certi versi è quello che ho detto io adesso, semplicemente sbaglia nelle conclusioni che appunto come ho detto vanno evitate, ma per il resto dice semplicemente che bisogna scendere nel campo di battaglia, quello vero, ed è nostro dovere non starcene con le mani in mano!!!</span></span>

    RispondiElimina
  98. Pio XI era un papa della Chiesa Cattolica Romana. Questo pronunciamento magisteriale non è vincolante per la Chiesa Conciliare illuminata dal Concilio V. II, la  Nuova Pentecoste che ha purificato la Chiesa dal trionfalismo e dal romanocentrismo del passato. Il punto di riferimento dottrinale, per cristiani di oggi, è rappresentato dal Magistero dell'attuale Pontefice, felicemente regnante, che  in continuità con gli insegnamenti del Vaticano II e dei suoi predecessori, Paolo VI e Giovanni Paolo II, attua i principi del vero ecumenismo. Ovviamente, anche Paolo VI e Giovanni Paolo II applicavano autorevolmente i principi del vero ecumenismo.  Il vero ecumenismo è solo quello messo in atto dal pontefice regnante, pertanto, chi critica Assisi I, Assisi II, Assisi III................o Assisi n, critica e criticherà il Magistero del Pontefice, peccando gravemente e suscitando grande scandalo.

    RispondiElimina
  99. Caro Matteo, ti ringrazio moltissimo.
    Sono lieto di quello che mi riporti.
    Scusami però, devo purtroppo rimanere nell'anonimato.
    Mi auguro capirai le ragione senza dovertene spiegare dettagliatamente il motivo.
    Rimaniamo dunque in contatto nella Preghiera, e in Comunione nel nostro Credo.
    Ci incontreremo tutti nel Regno dei Cieli, a Dio piacendo.
    I miei saluti.

    RispondiElimina
  100. guardi che se per lei la Mortalius Animos non é magistero lei é fuori dalla chiesa...

    RispondiElimina
  101. questa perseverante battaglia, che il presente blog conduce è esattamente la BUONA BATTAGLIA di S. Paolo:
    quella che tutti i cattolici, dal primo all'ultimo, come singoli e come membra vive del CORPO MISTICO DI CRISTO, che è la Chiesa, DEVONO condurre per conservare la Fede, prima di- e per- poter annunciare la salvezza mediante la Croce Redentrice di Nostro Signore, secondo qulle parole di perenne ttestimonianza dell'Apostolo delle genti, che egli disse prima di andare al martirio in conformazione alla Santa Croce di Gesù Salvatore, parole consegnate ai secoli mediante il Magistero della CHIESA   APOSTOLICA:
    "<span>
    <p><span><span><span>“Quanto a me, il mio sangue sta per essere sparso in libagione ed è giunto il momento di sciogliere le vele.</span></span></span>
    </p><p> 
    </p><p><span><span><span> Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede. Ora mi resta solo la corona di giustizia che il Signore, Giusto Giudice, mi consegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti coloro che attendono con amore la sua manifestazione</span><span> “.</span></span></span>
    </p>
    </span>

    RispondiElimina
  102. <span>questa perseverante battaglia, che lei a sproposito accusa alcuni blogger di non voler fare, e che INVECE<span> proprio il presente blog sta conducendo,</span> sotto la protezione di Maria SS.ma, alla quale ha dedicato dall'inizio il suo faticoso compito di testimonianza e recupero della Dottrina e Liturgia perenne della Santa Chiesa di Cristo, tutto l'iter di informazioni, documentazioni e dialoghi,  teso al fine di <span>riaccendere la vera Fede che si va spegnendo tra il clero e i laici</span>, E' esattamente la BUONA BATTAGLIA di S. Paolo (che lei forse non riesce a vedere in questi sforzi congiunti di redattori e lettori dialoganti):  
    quella battaglia sacrosanta e indispensabile che tutti i cattolici, dal primo all'ultimo, come singoli e come membra vive del CORPO MISTICO DI CRISTO, che è la Chiesa, DEVONO condurre per poter conservare la Fede, prima di- e per- poter annunciare la salvezza mediante la Croce Redentrice di Nostro Signore, secondo qulle parole di perenne testimonianza dell'Apostolo delle genti, che egli disse prima di andare al martirio in conformazione alla Santa Croce di Gesù Salvatore, parole consegnate ai secoli mediante il Magistero della CHIESA   APOSTOLICA:  <span>


    <span><span><span>“Quanto a me, il mio sangue sta per essere sparso in libagione ed è giunto il momento di sciogliere le vele.</span></span></span>  <span>
    <p> 
    </p>
    </span>
    <span><span><span>Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede. </span></span></span>
    <span><span><span>Ora mi resta solo la corona di giustizia che il Signore, Giusto Giudice, mi consegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti coloro che attendono con amore la sua manifestazione</span><span> “.</span></span></span>  
    </span></span>

    RispondiElimina
  103. questa fiera dichiarazione e consegna della propria missione compiuta, proclamata così da San Paolo E' CIO' che la Chiesa Apostolica ha sempre fatto, e che ogni laico, come ogni sacerdote, è chiamato a fare, ognuno nell'ordine delle proprie possibilità, competenze e responsabilità:  apostolato (si chiamava una volta) unito alla preghiera: altro che stare con le mani in mano  !
    E lei dovrebbe cercare di aprire gli occhi per capire che l'evento Assisi3 -copia conforme di Assisi1-  E' (se si farà come annunciato, copia e celebrazione di Assisi1)  esattamente una auto-negazione epocale, MAI vista prima: una rinuncia COI FATTI concreti e visibili davanti ai poteri del mondo e ai <span>piccoli spettatori del mondo, milioni o miliardi </span>di OSSERVATORI-
    rinuncia della Chiesa alla sua funzione APOSTOLICA  ! provi a dire se è roba da poco....
    Dice infatti ancora S. Paolo:
    <span><span><span><span>     "Guai a me se non evangelizzassi !"</span></span></span></span>

    RispondiElimina
  104. <span>e ancora dice San Paolo:</span>
    <span>    "Noi predichiamo Cristo crocifisso, </span><span>scandalo</span><span> </span><span>per</span><span> i </span><span>Giudei</span><span>, </span><span>stoltezza</span><span> </span><span>per</span><span> i pagani "</span><span></span>
    <span>"Io ritenni infatti di non sapere altro in mezzo a voi se non Gesù Cristo, e questi crocifisso"</span><span></span>
    <span>     "</span><span> </span><span>Quanto a me invece</span><span> </span><span>non ci sia altro vanto che nella Croce del Signore Nostro Gesù Cristo, </span><span>per</span><span> mezzo della quale il mondo </span><span>per</span><span> me è stato crocifisso, come io </span><span>per</span><span> il mondo."</span><span></span>

    RispondiElimina
  105. <span><span>e ancora dice San Paolo:</span>  
    <span>    "Noi predichiamo Cristo crocifisso, </span><span>scandalo</span><span> </span><span>per</span><span> i </span><span>Giudei</span><span>, </span><span>stoltezza</span><span> </span><span>per</span><span> i pagani "</span><span></span>  
    <span>"Io ritenni infatti di non sapere altro in mezzo a voi se non Gesù Cristo, e questi crocifisso"</span><span></span>  
    <span>     "</span><span> </span><span>Quanto a me invece</span><span> </span><span>non ci sia altro vanto che nella Croce del Signore Nostro Gesù Cristo, </span><span>per</span><span> mezzo della quale il mondo </span><span>per</span><span> me è stato crocifisso, come io </span><span>per</span><span> il mondo."</span></span>


    <span>-------------</span>
    <span>L'evento Assisi, nella sua stessa IDEA, è la  negazione di tutto questo: E' il NON volersi gloriare di Cristo Crocifisso, ma il vergognarsene di fronte agli uomini, rinunciare allo scandalo della Croce del Signore.</span>
    <span>E allora i casi sono solo due:</span>
    <span>- o si accetta lo scandalo della Croce,</span><span> per il quale la Chiesa ha dato il sangue dei suoi Martiri per la Gloria di Nostro Signore e la sua, come Corpo Mistico unito a Lui nella Croce e nella Resurreziione,</span>
    <span>- oppure si accetterà, per forza di cose e di IMMAGINI,  l'ALTRO scandalo, che si offrirà agli sguardi stupefatti di cristiani e pagani sparsi nel mondo, quello di rinunciare alla testimonianza a Gesù Cristo, per fare onore allo spirito del mondo (che è sotto il dominio di satana), dare spazio e voce, e predominio sulle anime, ai poteri del mondo, a tutti quelli che sono assoggettati al  mondo, alla carne e al regno delle tenebre !</span>
    <span>Sarà inevitabile lo scandalo di una Chiesa che non vuol essere  più Apostolica: infatti non è possibile rimanere tra il SI' e il NO di fronte a Nostro Signore  che si è rivelato Unico vero Dio, Figlio di Dio nella SS.ma Trinità, ed ha versato il Suo Sangue per noi e per QUESTO FINE ha fondato la Sua Chiesa, perchè annunciasse la Sua salvezza a tutti i popoli, avvenuta mediante la Sua Croce; non è concesso ai cattolici di nessun secolo, cominciando dal Papa, Vicario di Cristo, -e così per tutti i [...]

    RispondiElimina
  106. Bartimeo ... per el sor Trippa5 febbraio 2011 11:29

    Sor trippa ...
    Comprendo ed con amore filiale ... ubbidisco!
    Ut in omnibus glorificetur deus
    Matteo

    RispondiElimina
  107. Mio Dio, perché sei verità infallibile, credo tutto quello che tu hai rivelato e la Santa Chiesa ci propone a credere. Credo in te, unico vero Dio in tre persone uguali e distinte, Padre e Figlio e Spirito Santo.
    Credo in Gesù Cristo, Figlio di Dio incarnato, morto e risorto per noi, il quale darà a ciascuno, secondo i meriti, il premio o la pena eterna. Conforme a questa fede voglio sempre vivere. Signore, accresci la mia fede. Amen.

    RispondiElimina
  108. Bartimeo ...io sto con il Papa!5 febbraio 2011 11:58

    Santo Padre,
    Grazie! Prosegua con ferma decisione ed amorevole passione nel cammino intrapreso.
    Grazie! Non ascolti i vaqui e vaniloquenti schiamazzi delle repubbliche degli eruditi; siano questi provenienti dalla sinistra Bologna o dalla destra Econe!
    Grazie! Lasci che questi due mondi trasudanti saccenza storica, teologica, filosofica proseguono nella loro fratricida competizione fatta di urla, strilla, burla ed odio personale.
    Grazie! Santo Padre lasci che arrivino in cima al colle senza fiato, bianchi di polvere, per poi solamente guardarsi in faccia e rincasare.
    Grazie! Li lasci fare! solo così quando arriveranno in cima dopo aver cercato di scuotersi la polvere di dosso, la filistea polvere della città, si scopriranno , cosparsi e coperti dalla stessa polvere.
    Santo Padre! Io sto con Lei, toto corde, sordo, cieco di fronte alle tentazioni delle cittadelle della "volontà di potenza" certo che la Chiesa nelle salde mani dei Papi porterà i molti alla selvezza! Ed i pochi altri? ... che stiano sulla collina a battibeccare! come diceva il Beato Escrivà ( più volte censurato su questo ondivago blog):"Non aver spirito provinciale ( bolognese o econiano!!!). - Dilata il tuo cuore fino a farlo diventare universale, "cattolico" ( ad Assisi). Non volare come le galline quando puoi elevarti come un aquila".
    Santo padre mi consideri un aquilotto al suo servizio ... lasciamo le galline a razzolare per un tozzo di pane ... sto con Lei nell'"incendiare tutti i cammini della terra con il fuoco di Cristo che porti nel cuore" ( Escrivà).
    ut in omnibus glorificetur Deus.
    Suo
    Matteo Dellanoce
    Citazioni
    Escrivà "Cammino n°1 e n° 7"
    Kierkeegard ( Diario n° 53) ( libera reinterpretazione)

    RispondiElimina
  109. un cattolico non va a recitare il Credo o il Padre Nostro insieme agli sciamani, o maomettani, davanti al buddha o a visnù e simili. Tutti i santi e martiri di 2000 anni si rivoltano nelle tombe per l'obbrobrio, dopo che hanno sopportato morti atroci per non versare neanche UN GRANO d'incenso al dio imperatore del loro tempo e per aver confessato a voce alta la loro Fede in Gesù Cristo, non nascondendo il Crocifisso per paura di offendere i pagani, come tanti cattolici oggi usano fare !

    RispondiElimina
  110. Roberto Martelli5 febbraio 2011 17:53

    Sunt lacrimae rerum .....

    RispondiElimina
  111. buffon bartileccoso5 febbraio 2011 18:27

    è rozzo, rozzo e volgare il pensiero di Hpoirot, son d'accordo con buffonante e bartimeo insieme con trippa. Siam sempre d'accordo..

    RispondiElimina
  112. Ma no, ma via Memory ...perchè fare queste supposizioni ? Non sa che ai moderni catto-social-papali non piacciono queste concatenazioni di fatti? Le considerano "eventi casuali" senza significato. =-X

    RispondiElimina
  113. Ohhh, Multinickio, finalmente ti sei rifatto sentire! ci sentivamo soli io,Bartimeo,Tripparolo,Buffonante  Dubbioso e Neocatecumenizzato. (no forse ho agiunto di troppo! )

    RispondiElimina
  114. Ma che, Bartimeo sei impazzito? Smascherare così Tripparolo e gli altri che intervengono nei siti cattolici per scompigliare? Hai bisogno di altre lezioni di managing...Torna subito al circolo !

    RispondiElimina
  115. Ad Assisi il papa verrà e continuerà l'opera del predecessore che ha concesso onorificenze  a nostri confratelli. Ormai tutto si volge verso la gran Chiesa Universale.State pronti, "estote parati"

    RispondiElimina
  116. Bravo Giorgio, bravi Bartimeo, Tripparolo e gli altri. Vedo che ora siete rientrati nei ranghi.

    RispondiElimina
  117. Proprio così, Anteo!

    RispondiElimina
  118. Perfetto, Tripparolo! va benissimo così! Un po' di spruzzata di fede salmodiante e proseguire con ostinazione nell'ecumenismo universalista. Vedrete che infine si stancheranno questi cattolici che vogliono pensare con la loro testa! Pecorelle sono e pecorelle devono restare !Noi gestiamo, loro devono obbedire a papa e gerarchia controllata da noi.

    RispondiElimina
  119. La insensatezza della posizione del Prof. De Mattei - valente storico, ma in materia teologica e religiosa ideologo a tutto tonto di scuola criptoereticale lefebvrianbrasilera - si afferra subito, al solo considerare il contenuto da lui percepito della critica di parte "conservatrice" (?!) al suo appello: una chiamata autoritaria alla 'obbedienza'. Secolarismo della più bell'acqua, che lo affratella ai suoi amici bolognesi.

    Neanche il sospetto di non aver capito? Neanche la curiosità di leggere quel che il Papa insegna e, tanto meno di comprendere le ragioni dell'ora presente, che per il Papa rendono necessaria una inziativa. Archeologismo sotto mentite spoglie.

    Cieco che guida altri ciechi. Pochi per fortuna, e perciò innocui.

    RispondiElimina
  120. ahimè, ho paura che ciò stia già accadendo ! basta leggere qui sotto, dove qualcuno mi accusa di voler "dare lezioni al Papa", dimostrando l'ignoranza crassa riversata dal regime sulle masse dei cattolici, docili e inermi, da 45 anni n qua, per potervi  agevolmente seminare vaste piantagioni di menzogne, affinchè potessero chiamare vero il falso, e viceversa, tutti pronti a contraddire il Magistero perenne, credendo di fare cosa gradita a Nostro Signore: e lo chiamano "magistero vivente", tutti abboccati alla trappola delle parole mistificatorie !

    RispondiElimina
  121. egr. gigi, necessaria.... ?
    certo: fatale, perchè si deve avverare ormai la profezia di Gesù Cristo sull'apostasia generalizzata dei cattolici, fino all'avvento dell'anticristo: è Parola sua e si sta avverando, a passi da gigante, iniziata dai tempi di Pio X, che già vedeva l'avanzata minacciosa del modernismo, ed ecumenismo RELATIVISTA, soffocatore della vera Fede in Cristo, col suo bieco influsso sulle menti dei cattolici, vero fumo di satana che assediava la Chiesa fin da allora, e dilagato con successo NEL ConcilioVII, e stabilizzato ormai da 50 anni, come è evidente nel rovesciamento del Vero col falso, ANCHE in questo blog !
    questa SCIAGURATA iniziativa -che VIENE IMPSOTA al Papa da poteri occulti più forti di lui- è "necessaria" quanto un cancro ad un corpo sano !
    NECDESSARIA SOLO nel senso in cui Gesù Cristo ha detto:
    "E' necessario che gli scandali avvengano!" cioè è INEVITABILE, ed ha aggiunto :
     "Ma guai a coloro PER I QUALI avvengono!", cioè "per colpa dei quali " avvengono: e Assisi3 sarebbe causa di grave scandalo per la fede dei piccoli, che ne rimarrebbero gravemente confusi e fuorviati esattamente COME è accaduto con Assisi3: nè più nè meno !

    RispondiElimina
  122. <span>egr. gigi, necessaria.... ?  
    ma certo: fatale, perchè si deve avverare ormai la profezia di Gesù Cristo sull'apostasia generalizzata dei cattolici, fino all'avvento dell'anticristo: è Parola sua e si sta avverando, a passi da gigante, iniziata dai tempi di Pio X, che già vedeva l'avanzata minacciosa del modernismo, ed ecumenismo RELATIVISTA, soffocatore della vera Fede in Cristo, col suo bieco influsso sulle menti dei cattolici, vero fumo di satana che assediava la Chiesa fin da allora, e dilagato con successo NEL ConcilioVII, e stabilizzato ormai da 50 anni, come è evidente nel rovesciamento del Vero col falso, ANCHE in questo blog !  
    questa SCIAGURATA iniziativa -che VIENE IMPSOTA al Papa da poteri occulti più forti di lui- è "necessaria" quanto un cancro ad un corpo sano !  
    NECDESSARIA SOLO nel senso in cui Gesù Cristo ha detto:  
    "E' necessario che gli scandali avvengano!" cioè è INEVITABILE, ed ha aggiunto :  
     "Ma guai a coloro PER I QUALI avvengono!", cioè "per colpa dei quali " avvengono: e Assisi3 sarebbe causa di grave scandalo per la fede dei piccoli, che ne rimarrebbero gravemente confusi e fuorviati esattamente COME è accaduto con Assisi1 : nè più nè meno !</span>

    RispondiElimina
  123. <span>egr. gigi, necessaria.... ?  
    ma certo: fatale, perchè si deve avverare ormai la profezia di Gesù Cristo sull'apostasia generalizzata dei cattolici, fino all'avvento dell'anticristo: è Parola sua e si sta avverando, a passi da gigante, iniziata dai tempi di Pio X, che già vedeva l'avanzata minacciosa del modernismo, ed ecumenismo RELATIVISTA, soffocatore della vera Fede in Cristo, col suo bieco influsso sulle menti dei cattolici, vero fumo di satana che assediava la Chiesa fin da allora, e dilagato con successo NEL ConcilioVII, e stabilizzato ormai da 50 anni, come è evidente nel rovesciamento del Vero col falso, ANCHE in questo blog !  
    questa SCIAGURATA iniziativa -che VIENE IMPSOTA al Papa da poteri occulti più forti di lui- è "necessaria" quanto un cancro ad un corpo sano !  
    NECESSARIA SOLO nel senso in cui Gesù Cristo ha detto:  
    "E' necessario che gli scandali avvengano!" cioè è INEVITABILE, ed ha aggiunto :  
     "Ma guai a coloro PER I QUALI avvengono!", cioè "per colpa dei quali " avvengono: e Assisi3 sarebbe causa di grave scandalo per la fede dei piccoli, che ne rimarrebbero gravemente confusi e fuorviati esattamente COME è accaduto con Assisi1 : nè più nè meno !</span>

    RispondiElimina
  124. correggo: sarebbe molto PEGGIO, perchè rappresenterebbe una conferma definitiva (come a SANCIRE) della bontà di un atto di indifferentismo e di rinuncia alla propria Fede in modo visibile, come un marchio di garanzia di "qualità", dovuto al fatto che fu compiuto da un papa prossimo beato !
    come una firma apposta dal papa attuale sotto quell'atto esemplare di apstasia pratica (=distanziamento dalla Fede) mostrato al mondo dai media nella presenza -lì paritaria e indifferente- della persona "carismatica" e "convincente" del suo predecessore, già fin d'ora detto "venerabile" !

    RispondiElimina
  125. correggo: sarebbe molto PEGGIO, perchè rappresenterebbe una conferma della bontà di un atto di indifferentismo e di rinuncia alla propria Fede in modo visibile, come un marchio di garanzia di "qualità", dovuto al fatto che fu compiuto da un papa prossimo beato !
    come una firma apposta dal papa attuale sotto quell'atto esemplare di apostasia pratica (=distanziamento dalla Fede) mostrato al mondo dai media nella presenza -lì paritaria e indifferente- della persona "carismatica" e "convincente" del suo predecessore, già fin d'ora detto "venerabile" !

    RispondiElimina
  126. e correggo anche: necessaria NON "quanto un cancro ad un corpo sano", bensì quanto un'iniezione letale ad un corpo gravemente malato, già in agonia: il "colpo di grazia" al malato, illudendo tutti che sia una nuova e diversa "terapia" , che forse i medici di 2000 anni non avevano scoperto e non avrebbero potuto capire, come dimostra Papa Pio XI nella "Mortalium animos" !
    sono evidentemente i misteri della mitica "continuità", che non c'è ma che tutti c'impongono di vedere, come i vestiti dell'imperatore....e sono misteri insegnati con successo -nella Chiesa ormai in preda all'oblio da coma profondo- dai maestri di tenebra.

    RispondiElimina
  127. uno degli ideatori dell’opera, l’ha definito «porta» al Catechismo della Chiesa Cattolica, perché dovrebbe suscitare il desiderio di un’adesione adulta alla Chiesa e alla fede che in essa viene professata.
    Si tratta di una porta invitante,

    su queste convinzioni mi permetto di esprimere forti riserve e scetticismo circa i punti:
    * dovrebbe suscitare il desiderio => e chi dice che quella "porta" porti al CCC, come per magia ?

    * adesione adulta => che vuol dire "adulta" ? la solita ambiguità, che si enuncia come ADULTISMO, QUASI  che la Fedei di 2000 anni fosse stata quella di bambini stupidi o ingenui ?) contrariamente alle parole di Nostro Signore: "Se non diventere come questi PICCOLI...."
    * e alla fede che in essa viene professata.
    su questo punto ci sarebbe da aprire un thread infinito, dedicato al dolente tema di   QUALE FEDE (e sotto quante species.....) si professa nella Chiesa PLURALISTA post-CVII !
    * Si tratta di una porta invitante,
    certo, invitante, ma....a che cosa, a quante mete più o meno allettanti, per allettare la CARNE o lo SPIRITO dei giovani ?
    e si ripiomba nei soliti dilemmi:
    -per 2000 anni la Chiesa non era stata abbastanza "invitante", con Gesù che nella Sua Parola eterna di Vita Vera dice:
    VENITE A ME VOI TUTTI CHE SIETE AFFATICATI E STANCHI E DIO VI RISTOERO' ?
    o anche:
    <span><span> «Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e Io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero».</span></span>
    ? non bastava dire questo, trasmettere l'invito stesso del Nostro Salvatore, con le sue semplici e Divine Parole ?
    sembra pirtroppo di intravedere quello stesso miraggio che ispirò il concilio, di invitare il mondo moderno al Vangelo con un linguaggio "più gradito" ai tempi, più adatto ai "nuovi bisogni", come se il linguaggio stesso di Gesù non fosse più sufficiente, perchè "troppo duro" e ostico alle voglie e ai gusti CXOSI' NUOVI E COMPLESSI del mondo moderno !
    e si può ricadere inesorabilmente nel fatale miraggio/sirena dello spirito del mondo che -attraverso i gusti (MANOVRATI) dei giovani- vorrebbe di nuovo dettare lui, IL MONDO, le condizioni a Gesù Cristo su come parlargli:
    "Signore, ti dirò io ciò che mi piace sentirmi dire da TE, non mi devi imporre nulla, ma solo ciò che IO ti dirò che mi ALLETTA del tuo Vangelo!", perchè liberamente voglio scegliere con lamia intelligenza ciò che mi serve  e ciò che mi limita del tuo Vangelo: vosglio usare lamia AUTODETERMINAZIONE, secondo i DIRITTI UNIVERSALI DELL'UOMO !

    RispondiElimina
  128. Assai ispirato questo pensiero! Ha colto nel segno!

    RispondiElimina
  129. si può avere questa immagine un po' più grande?

    RispondiElimina
  130. ¨L´oportunitá di parlare a tutto il mondo, ciascuno della propia fede, del piü intimo del cuore, perche vengono tutti mossi dalla veritá, questo sará senza dubbio la giustificazione migliore che si puó dare a tale avvenimento religioso, tutto sotto lo spirito di pace e bene francescano.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.