mercoledì 8 dicembre 2010

Le prime foto del pontificale del card. Bartolucci a Trinità dei Pellegrini

Dal blog Letturine:



60 commenti:

  1. Complimenti al card. Bartolucci per il giusto riconoscimento ricevuto per decenni di servizio alla Chiesa. Ma una mitria più bella non si poteva trovare per la bisogna?

    RispondiElimina
  2. Una mitria moderna, un pò stonata rispetto alla bella pianeta...

    RispondiElimina
  3. Il maestro Card. Bartolucci è il più grande musicista del xx secolo. Ad multos annos!

    RispondiElimina
  4. MOLTO STONATA anche perchè dovrebbe essere senza fregi.

    RispondiElimina
  5. <span>MOLTO STONATA anche perchè dovrebbe essere senza fregi.</span>

    RispondiElimina
  6. 93 anni... quale aura di santità aleggia attorno a questo principe della chiesa...

    RispondiElimina
  7. Andrea Carradori8 dicembre 2010 14:16

    Apprezziamo l'ampiezza ecclesiale dell'evento odierno : il grande Card. Bartolucci che ha celebrato la Santa Messa Prelatizia nella "nostra" Parrocchia romana.
    Che ce ne importa della mitria ? Un  novantenne, non abituato alla mitria, ha dei problemi che non possiamo immaginare...

    RispondiElimina
  8. Musicus Philologus8 dicembre 2010 14:35

    Grazie a Sua Em.za il Card. Bartolucci; grazie a tutti coloro che si sono prodigati per l'organizzazione e la riuscita di questa S. Messa.
    Tutti abbiamo riconosciuto il Sacerdote alla destra del Cardinale: è uno dei migliori cerimonieri "tridentini" del mondo, una garanzia...
    Grazie ancora!
    Ora stasera tutti alla processione in Via del Corso!

    RispondiElimina
  9. La soddisfazione di Bartolucci Cardinale! XD

    RispondiElimina
  10. conosco un altro ottimo cerimoniere, sempre nella FSSP...

    RispondiElimina
  11. Musicus Philologus8 dicembre 2010 15:47

    Infatti è uno dei migliori, assieme a quello dell'ICRSP e a quello della FSSP...

    RispondiElimina
  12. Musicus Philologus8 dicembre 2010 15:49

    Infatti, il primo assistente alla S. Messa di questa mattina alla Trinità dei Pellegrini è uno dei migliori cerimonieri, assieme a quello dell'ICRSP e a quello della FSSP...

    RispondiElimina
  13. Vietiamo a quelli di Cattolici Romani di infestare questo blog di commenti esteticamente INUTILI!

    RispondiElimina
  14. Il Card.Bartolucci non ha mai celebrato la Messa NO, onore al merito!
    Spiace che il Coro ora e' diretto da un prete salesiano, ed e' risaputo che i salesiani sono convinti sostenitori del canzonettismo sacro piu' deleterio...

    RispondiElimina
  15. redazione forse sarebbe da cambiare il titolo

    RispondiElimina
  16. Lorenzo Levantino8 dicembre 2010 19:48

    Innanzitutto vanno i miei omaggi all'eminentissimo cardinale bartolucci, un grandissimo maestro e musicista. Per quanto riguarda la messa l'unica pecca è la mitra anche perchè dovrebbe prevalere l'oro e non dovrebbe avere fregi.

    RispondiElimina
  17. ......dall'altra parte8 dicembre 2010 19:48

    che pena !! :'( ........ la piu' grande stonatura di una vita alla ricerca del bello!

    RispondiElimina
  18. me lo hai tolto di bocca .....

    RispondiElimina
  19. si può sperare di avere anche qualche pezzo sonoro dell'Evento ? magari qualche filmato ...
    Complimenti agli organizzatori e ... grazie !

    RispondiElimina
  20. troppa imprecisione, non per colpa certo di Sua Eminenza Reverendissima

    RispondiElimina
  21. ma chi è sto cretino di alaki che scrive stupidaggini una dietro l'altra?

    RispondiElimina
  22. sicuramente uno che non da titoli offensivi come fa ospite anonimo.
     Se sbaglio correggimi, altrimenti studia, oltre la liturgia, anche le buone maniere

    RispondiElimina
  23. pazienza se era una messa per un giorno normale , ma proprio il giorno dell' IMMACOLATA  !!!!!!!! ..........

    RispondiElimina
  24. ero presente all'evento, e se, oltre alla scelta della mitria, vogliamo mettere proprio i puntini sulle i, il Card. Bartolucci ha recitato il Canone a voce alta...

    RispondiElimina
  25. brutta la mitria...

    RispondiElimina
  26. Io per anni sono stato organista e maestro di cappella presso una parrocchia salesiana. Non appena è andato via il vecchio parroco, sono stato cacciato via. Il nuovo parroco mi ha detto (testuali parole) "a me del coro non importa nulla, mi basta che ci sia qualcuno che intona qualche canto alla Messa".

    Non ci sono parole...

    Quel che è peggio è che il nuovo parroco è stato ordinato 3 anni fa. E' sconfortante appurare che le cose non cambieranno ancora per molti anni.

    RispondiElimina
  27. ......dall'altra parte8 dicembre 2010 22:33

    ....... mi sembra uscito dal film il marchese del grillo.....interpretato da alberto sordi.....almeno quello faceva ridere qui c'è solo da piangere.......peggio sono i vostro commenti risibili....................andate in missione che certe stupidaggini vi passano.... >:o

    RispondiElimina
  28. Tu da quale missione scrivi?

    RispondiElimina
  29. @dall'altra parte ...quando tu indossi un abito, stai attento al paio di scarpe che vi abbini, o metti il primo infradito scollato che ti cade giù dallo scaffale? Perché sarebbe risibile fare osservare che la mitria stonava con la pianeta? Sono commenti dettati dal buon senso, che avremmo anche per altre cose. Ciò non significa che siamo degli alienati o degli stupidi...

    RispondiElimina
  30. puoi fornirci una breve cronaca della celebrazione?
    Oggi il coro della mia parrocchia ha solennizzato la messa dell'Immacolata (celebrata novus ordo) cantando la messa in onore di S. Pio X ed il Tota pulchra di D. Bartolucci

    RispondiElimina
  31. E' stata una messa con canti, ma non "cantata" (Bartolucci non ha cantato l'Ordo Missae, e mancavano il diacono e il suddiacono). C'erano solo alcuni chierichetti, e due sacerdoti-cerimonieri, ma non assistenti (senza piviale). Le letture e i canti interlezionali sono stati letti. Bartolucci ha quindi tenuto l'omelia, nella quale ha parlato della musica sacra, come culla della musica occidentale, come veicolo per trasmettere la fede e la Parola stessa di Dio, citando più volte anche Benedetto XVI. Ha recitato il canone a voce alta, al punto che era perfettamente udibile, anche senza microfono, da chi stava in fondo. Per il resto, tutto è proceduto secondo il rito. Il programma dei canti previsti, già segnalato in questo blog, è stato rispettato, benché i cantori fossero pochi. In ogni caso, all'"Ave Maria" di De Victoria, all'offertorio, hanno aggiunto un altro canto, di cui ignoro l'autore, che sembrava più che un mottetto un madrigale rinascimentale. Questo è tutto.

    RispondiElimina
  32. Statua di Sant'Elena9 dicembre 2010 01:43

    Eppure dall'alto della mia nicchia... mi pare di averlo visto concelebrare nel giorno in cui egli ha ricevuto l'anello cardinalizio.
    E la S. Messa era N.O.
    O forse vidi male?
    Con tutto il rispetto per la Santa Tradizioe...: non è certo un gran merito quello eventualmente di non aver mai celebrato col N.O.
    Casomai sarà un demerito.
    Ad ogni modo: ad multos annos Cardinale e Maestro!

    RispondiElimina
  33. Cose incredibili?9 dicembre 2010 02:54

    Mons. Léon Gromier, Commentaire du Caeremoniale Episcoporum, I 29 (Paris, 1959, p. 231 s.): "Le chapelains ni ne doivent ni ne peuvent porter l'étole. Les idées sont tellement déviées sur ce point qu'on voit des choses incroyables: un chapelain avec étole au cou, agenouillé au pied de l'autel pour répondre au commencement de la messe, puis servant ainsi l'év<span>êque pour qu'il se lave les mains; un cardinal ou év<span>êque disant la messe encadré de deux chapelains, tous deux avec l'étole. Or le rite romain, qui ne conna<span>ît pas la concélébration, n'admet jamais à l'autel, opérant simultanément, deux pr<span>êtres en cette qualité, en habit sacerdotal. Un pr<span>être ne met jamais l'étole à seule fin de servir le célébrant. Le r<span>ôle des chapelains ne comporte nullement l'étole".</span></span></span></span></span></span>
    <span><span><span><span><span><span>Meno male che il Sacerdote con la stola alla destra del Cardinale è uno dei migliori cerimonieri tridentini del mondo, e qualcuno potrebbe chiedersi se i libri da leggere li ha letti o li ha capiti o ...</span></span></span></span></span></span>
    <span><span><span><span><span><span>Forse qualche estetista rubricista ritualista che pensa che le cose si devono fare come sono altrimenti non sono più quelle ma sono altre potrebbe pensare che la concelebrazione se non è conosciuta nel rito romano antico lo è invece nel messale nuovo. Come è del resto del messale nuovo la messa mezza letta e mezza cantata: trasferita al messale vecchio sembra una specie di messa modernizzata.</span></span></span></span></span></span>
    <span><span><span><span><span><span>Ma domando e dico: questi pensieri in libertà, ovvero la libertà di pensare questi pensieri, o anche la libertà di pensare non hanno ancora uno scopo? questi qui sono i migliori del mondo, una "GARANZIA", e buon pro gli faccia.</span></span></span></span></span></span>

    RispondiElimina
  34. Mi sembra che da ieri abbiano attivato alla SS Trinità un piccolo microfono che il sacerdote indossa per far sentire meglio la propria voce (scelta, a mio modesto avviso, abbastanza discutibile perchè non favorisce l'intimità della preghiera).
    Forse al momento del  Canone il Cardinale non lo aveva spento e per questo si è avuta l'impressione che recitasse a voce alta 

    RispondiElimina
  35. Redazione di Messainlatino.it9 dicembre 2010 09:38

    Non è forse la vita cristiana una missione? e non è la S.Messa il centro della vita cristiana? dunque se ne deduce che la missione di ognuno sia la partecipazione alla migliore S.Messa possibile ( anche, con moderazione e sincero amore, criticando chi tale non la rende).

    Sebastiano P.

    RispondiElimina
  36. Musicus Philologus9 dicembre 2010 09:43

    Anch'io ho preso visione del Gromier, a suo tempo, e ho notato che vi è scritto che i cappellani non dovrebbero portare la stola. Di fatto, però, in tutte le Messe prelatizie che ho visto (sia in foto, che dal vivo) i cappellani ce l'avevano: il fatto che il Gromier si esprima così è evidentemente indice del fatto che si tratta di un uso invalso da tempo. A parte questo, il Sacerdote in questione è veramente molto bravo: basti pensare ai Pontificali di cui è stato cerimoniere... Quanto all'Ordinario, anch'io sarei dell'avviso che sarebbe meglio leggerlo alla Messa prelatizia (che è la Messa letta propria dei Prelati), ma se si è fatta questa scelta...  

    RispondiElimina
  37. Musicus Philologus9 dicembre 2010 10:16

    Qui altre foto della S. Messa:  http://www.orbiscatholicussecundus.blogspot.com/
    Qui l'omelia del Card. Bartolucci:  http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2010/12/08/anche-da-cardinale-il-maestro-bartolucci-le-suona-ai-duri-dorecchio/

    RispondiElimina
  38. Anche io ti chiedo da quale missione scrivi.
    E anche: chi ha fondato e creato le missioni di cui tu scrivi che messa ha celebrato?

    RispondiElimina
  39. Andrea mi puoi dire dove è questa Parrocchia? Dalla diocesi di Torino la tua sembra il Paradiso terrestre...

    RispondiElimina
  40. Mah! Ho qualche dubbio!
    il centro della vita di un Cristiano ( Cattolico) è l'Eucarestia non la Messa! Altrimenti si confonde la causa con l'effetto/evento.
    MD 

    RispondiElimina
  41. semmai il cappellano che sta alla destra! Si veda qualsiasi autore...

    RispondiElimina
  42. In questo pontificato il cardinalato a Bertolucci è secondo per importanza probabilmente soltanto al Motu Proprio, perché dimostra in modo inequivocabile cosa comanda Benedetto XVI sulla liturgia e sulla musica sacra.

    Ma -ahinoi!- Benedetto XVI non comanda completamente e liberamente, a causa della pressoché incoercibile anarchia dei lupi che ancora lo circondano e contro i quali chiese preghiera fin dai primissimi minuti del suo pontificato.

    Infatti è altrettanto significativo, come rovescio della medaglia, il cardinalato a loschi figuri come Ravasi o Romeo, tanto per fare un paio di nomi.

    RispondiElimina
  43. Questi ragionamenti (?) secondo  i quali quando il pontefice fa qualcosa che è giusto (perché ci piace) è libero e agisce di sua iniziativa e quando fa qualcosa di storto (perché non ci piace) è "prigioniero" suscitano ilarità oppure disperazione. 

    RispondiElimina
  44. Anche perchè non dovrebbe esserci proprio!

    RispondiElimina
  45. Bastava poco per fare una cerimonia decente. 
    1) Ridurre il programma musicale a solo mottetti e brani d'organo.
    2) Fare una messa prelatizia senza infiorettature assurde (mitria)
    Come corollario evitare cappellani in stola...alla faccia dei massimi conoscitori della liturgia...

    RispondiElimina
  46. Ma si vergogni quel tizio che definisce "loschi figuri" i cardinali Ravasi e Romeo. Vada a confessarsi, diciamo al mio paese con una prete sordo, altrimenti la penitenza sarà pesantissima, per la mancanza di carità; e inoltre per l'offesa di inettitudine nei riguardi del Sommo Pontefice.

    RispondiElimina
  47. f. MARIE DES ANGES9 dicembre 2010 21:45

    scusa francesco ma cosa dicono i libri liturgici? Basta seguirli e di assurdo non c'è niente. Altra cosa se non sono stati seguiti. Nessuno ha diritto di dire: meglio così, o così o così: si fa quello che è scritto in rosso, si dice - o canta- quello che è scritto in nero. Il resto è energia sprecata, sottratta alla devozione, al raccolgimento, alla preghiera.

    RispondiElimina
  48. Il sito del distretto tedesco della FSSPX elogia e saluta il Cardinale Bartolucci

    RispondiElimina
  49. Redazione di Messainlatino.it10 dicembre 2010 00:42

    Non sbagli.
    Ma quod scripsi scripsi.
    Enrico

    RispondiElimina
  50. quello appunto affermai, ma probabilmente l'invito a osservare le norme liturgiche e il parere degli autori suona fastidioso ed ecco abbattersi la scure della censura...una censura che "fa le pentole e non i roperchi" tanto da rimuovere il "post" eretico e blasfemo del sottoscritto colpevole di lesa maestà ma di lasciare la risposta di f. Marie che, orbata dalle frasi che l'avevano mossa, si trova isolata. Mi viene immediatamente da pensare ai giornali stampati con le pezze bianche. Tutto ciò fa sorridere davvero e sprona alla meditazione da cui non possono che discendere delle considerazioni assai ovvie ed evidenti. Noto che un altro post ove si richiamano le norme liturgiche è stato eliminato...Nell'attesa di un'atro colpo di scure ripeto quello che scrissi ovvero che era opportuno attenersi alle norme per la messa prelatizia, scegliere un programma di mottetti e brani d'organo, evitare infarciture come la mitria a questa tipologia di messa (usi riprovati), evitare di indossare entrambi la stola (per i cappellani assistenti). Ma evidentemente bisogna solamente dire tutti in coro: "bella pianeta ma si poteva mettere una mitria più bella"...Ora qualcuno di nuovo griderà: "Blasphemavit: quid adhuc egemus testibus? Ecce, nunc audistis blasphemiam: quid vobis videtur?"...e ora aspettiamo di vedere il taglio di accetta su questo post reo dei più orribili delitti e dei peggiori crimini, ma prima non dimentichiamo di fare una stampa della schermata a memoria imperitura! Evviva la censura!

    RispondiElimina
  51. Santa Teresina di Gesù Bambino, mnaca carmelitana: patrona dei missionari...

    RispondiElimina
  52. Francesco, la tua ingenuità, la tua ignoranza e la tua malafede purtroppo non sono rare eccezioni.

    All'ABC del Catechismo avresti già dovuto imparare che il Papa non è banalmente un governante tenuto a rispettare dei regolamenti, ma è il garante del depositum fidei.

    Perciò, piaccia o non piaccia, quando non agisce in favore di quel depositum, o è uno stupido, o è stato costretto a scegliere un "male minore": tertium non datur.

    Le berrette rosse a Romeo e Ravasi che senso hanno? Forse che la disobbedienza, la vanità e l'ambizione secolare siano motivo per elevare alla porpora?

    RispondiElimina
  53. Carità sì, ma nella verità.

    Si vergogni chi finge di non accorgersi dell'ambizione del cardinal ''Meforio'' Ravasi.

    RispondiElimina
  54. Carità si, ma nella verità, quanti innocenti mandati al rogo con questa affermazione!

    RispondiElimina
  55. Bummmmm! E Lorenzo Perosi?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.