martedì 30 novembre 2010

In 400 per la Santa Messa a Mirano (Venezia)











Gli organizzatori si aspettavano poche decine di fedeli, sabato scorso, in occasione della prima Messa in rito romano antico a Mirano, piccola città in provincia di Venezia. Ma anche le più rosee previsioni sono state superate e all'inizio della funzione erano presenti circa 400 fedeli, tutti del luogo. Merito va senza dubbio all'attività promozionale dell'infaticabile Francesco Boato, parrocchiano della chiesa di San Leopoldo Mandic. Don Konrad zu Loewenstein, cappellano della chiesa di San Simon Piccolo a Venezia, ha celebrato di fronte a un'assemblea raccolta e commossa. Unica nota stonata la lugubre architettura razionalista dell'edificio, che, come tutte le chiede moderne, non invita certo al sacro. Superba, come consuetudine, l'esecuzione musicale da parte del maestro Nicola Lamon e di Antonio Furlan.

41 commenti:

  1. Complimenti agli organizzatori. Avete portato la liturgia cattolica in una chiesa che di cattolico sembra aver poco, a partire dal corcifisso che sembra un pupazzo.

    RispondiElimina
  2. :-[  qui la Chiesa apparentemente brutta, ha però trovato un nutrito gruppo di fedeli.... a san Simonin Piccolo la cui Chiesa è davvero splendida, non riesce a trovare però "tanti" Fedeli....
    Approfitto per fare l'appello a chi è di Venezia o a quanti leggono a far girare la voce.... con sommo dispiacere, io che sono appena giunta a Venezia, ho scoperto che alcuni della città non sapevano ancora la presenza di questa Messa antica....e qui di "pubblicità" per l'attività di questa Chiesa, non se ne fa molta a quanto pare....

    Un grazie al maestro e al cantore, che allietano la Messa la Domenica con canti davvero sublimi.....e con tanto sacrificio visto che vengono ogni volta da fuori....

    RispondiElimina
  3. Se questa è lugubre architettura razionalista, dovevate vedere cos'era San Luis de Los Franceses in uso alla FSSP a Madrid, o in che garage celebra la FSSPX a Torino (grazie alla calda ospitalità episcopale che ha un cantuccio per scismatici ed eretici di ogni risma, ma non per chi è orgoglioso di essere cattolico).
    Quel che conta, oggi è il rito, e qui ci siamo. Avanti così e beati quelli di Mirano!

    RispondiElimina
  4. Ahahah! Venezia... Sono una manica di rossi bolscevichi, e ti aspetti che vengono alla messa tradizionale?
    Naturalmente sto parlando dei preti, e se vuoi ti faccio anche l'elenco. Leggetevi la Pravda, cioè Gente Veneta, e capirete.
    Mi fanno solo pietà.

    RispondiElimina
  5. é il tipo di notizie che scaldano il cuore come un buon grappino in inverno ;)   
    ... ad majorem gloria dei !

    RispondiElimina
  6. Peccato però, con tutte le splendide chiese che ci sono in Veneto.

    RispondiElimina
  7. Io non sarei tanto "cattivo" verso la chiesa di Mirano. Semplice e spoglia fin che si vuole (e con un brutto tabernacolo) ma:
    1) con un'intelligente pianta luongitudinale che aiuta a dirigere lo sguardo verso l'altare (impietoso il confronto con tante strombazzate conchiglie che ammorbano l'Italia).
    2) in bella vista sopra l'altare il Crocifisso (e non un'astratta nave spaziale) che "orienta" la preghiera come scrisse a suo tempo Benedetto XVI,
    3) con l'altare che permette la celebrazione in entrambe le forme del rito romano
    4) con panche dotate di inginocchiatoi

    Ce ne fossero di chiese così...

    RispondiElimina
  8. Approfitto per fare l'appello30 novembre 2010 19:41

    "Approfitto per fare l'appello" quanti assenti? Devono portare la giustificazione firmata dai genitori o sono maggiorenni e se la firmano loro?
    Siora Caterina, impari a scrivere. Altrimenti faccia come la sua patrona, che non sapeva né leggere né scrivere,  e detti i suoi commenti a qualche segretario. Certo ne avrà bisogno di molti, visto il suo desiderio di onnipresenza in tutti i blog.
    A tutte l'ore.

    RispondiElimina
  9. I fedeli della fsspx in Italia non hanno superato il migliaio per quasi 20 anni.
    Ora ci sono 400 persone alle messa di sempre in un paesino e di sabato!  
    Deo gratias !

    RispondiElimina
  10. I fedeli, dopo molto, (erano state raccolte le firme un paio d'anni fa e non se ne fece nulla) sono stati felicissimi di avere la Ss. Messa tridentina. Taluni al termine della Messa sono stati estremamenti colpiti dall'ars celebrandi di P. Konrad. "....sembrava di vedere una madre che culla il proprio bambino....". La predica poi, piccolo sunto di catechismo, ha sottolineato il valore sacrificale della Messa cosa che, nelle omelie moderniste odierne non capita pressochè mai di sentire. Ringraziamo il parroco e speriamo non si opponga a tale iniziativa che vedrebbe, per cominciare, la celebrazione della Messa almeno una volta al mese.

    RispondiElimina
  11. Miranese autentico30 novembre 2010 20:33

    Vorrei precisare che Mirano non è un paesino, ma un' importante e storica cittadina (anzi, Città decretata recentemente dal Presidente della Repubblica) di 26.000 abitanti, sede di una delle 22 ASL venete, dotata di tutti gli istitui superiori, della Compagnia della Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, ufficio di collocamente, ecc... Inoltre, la chiesa di S. Leopoldo non è la principale della città, ma soltanto una parrocchia minore e di recente istituzione.
    Il secentesco Duomo di S. Michele Arcangelo, invece (che costituisce la parrocchia più popolosa della Diocesi di Treviso), è un vero monumento architettonico, prezioso scrigno di opere d'arte tra cui una pala autografa di Giambattista Tiepolo. In più, tanto per essere precisi, Mirano è una delle poche città venete ad essere state munite, da parte della Repubblica Serenissima, della celebre colonna con il leone alato di S. Marco (che tuttora campeggia nella piazza principale), segno della sua importanza e della sua prosperità economica già in epoca antica e che attualmente caratterizza essenzialmente le città capoluogo di provincia.
    Scusate l'O.T., ma sentire definire "paesino" una delle più importanti città della provincia veneta è veramente offensivo. Se non si conoscono le cose, ci si informi!

    RispondiElimina
  12. Su Sacris Solemniis sono state pubblicate altre foto. "Contrasti liturgici", giustamente. http://sacrissolemniis.blogspot.com/2010/11/contrasti-liturgici-qualche-immagine-da.html

    RispondiElimina
  13. La notizia è incoraggiante e molto indicativa del fatto che tale rito possa essere per l'oggi dei cristiani una novità attraente ed edificante. Se fosse possibile, sfruttando le realtà parrocchiali, celebrare molte messe  del genere i successi sarebbero ovunque in Italia. La gente che va in chiesa tutte le domeniche ha diritto a qualcosadi diverso e di migliore.

    RispondiElimina
  14. Che bello il caro vecchio cattolico Veneto.
    Da noi in Toscana c'è molta sensibilità per la liturgia antica (lo prova il numero delle celebrazioni), ma numeri così ce li sogniamo.

    RispondiElimina
  15. Ma c'è la Messa feriale a S. Simon? Dalla stazione questa mattina ho visto che la Chiesa era chiusa alle 8.20...

    RispondiElimina
  16. Anche questo vorrà dire qualcosa. I cattolici italiani voglio stare CON IL PAPA.

    RispondiElimina
  17. No, quel che conta non è solo il rito. In stato di necessità qualsiasi luogo va bene, ma se esistono alternative disponibili e ne viene negato l'uso per ragioni inconsistenti, bisogna insistere. Il rito antico deve  essere officiato in contesto appropriato.

    RispondiElimina
  18. .............versus DEUM............!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  19. Totalmente d'accordo!

    RispondiElimina
  20. SURSUM CORDA! SIAMO SULLA STRADA GIUSTA!

    RispondiElimina
  21. Caterina, lascia perdere il commento di questa persona. Non risponderle neanche! Tu hai diritto di partecipare a tutti i blog che vuoi e a tutte le ore che vuoi!  ;)

    RispondiElimina
  22. La FSSPX è diventata sedevacantista, quindi non sta più con il Papa? Mi son forse perso qualcosa, in tutto questo tempo?

    RispondiElimina
  23. Chiariamo una volta per tutte. Mgr Lefebvre ERA col papa, aveva detto  né modernisti né sedevacantisti e aveva lascato alla sua morte un pretre, don Smidtberger, a capo della FFSPX (e non uno de i 4 vescovi) proprio per mostrare che non aveva alcuna intenzione di creare un nuovo Papa. La chiesa si divide in chiesa insegnate e insegnata (passatemi l'espressione). Laici e pretri sono insegnati, a partire dai Vescovi si é insegnanti. Padre Pio aveva detto la nuova messa per obbedienza e questo esempio viene spesso opposto alla "disobbedienza" di Mgr Lefebvre. Ma c'é una differenza: Padre Pio era insegnato, Mgr Lefebvre era insegnate e aveva il compito e la responsabilità davanti a Dio di trasmettere la fede di sempre.

    RispondiElimina
  24. robdealb91 hai ragione,  figuratevi che sono su dei forum francesi dove i sedevac accusano pesantemente la FSSPX di fare troppe concessioni a Roma, di aver tradito la causa ?!?!? E qui in italia Guest tira fuori che la FSSPX non sta col papa !! Non credo ai miei occhi.  In medio stat veritas.

    RispondiElimina
  25. E invece secondo me il contrasto che nasce da queste immagini ha qualcosa di poetico, esattamente come le foto di S. Messe celebrate tra le rovine delle cattedrali tedesche nel 1945. In qualche modo rappresenta sinotticamente le macerie spirituali in cui viviamo e il germe di rinascita da cui si partirà a ricostruire.

    RispondiElimina
  26. Guest se cerchi qualcuno che non é con il papa, vai a rileggerti il guiramento antimodernista qui http://blog.messainlatino.it/2010/09/centanni-fa-il-giuramento.html
    tutti i preti ordinati prima del 1966 che hanno aderito agli errori del concilio vat II hanno DISUBBIDITO al papa PioX (ultimo papa santo) e infranto il giuramento che avevano solennemente fatto prima dell'ordinazione. 

    Ultime parole del del giuramento  -> <span>"... Mantengo pertanto e fino all'ultimo respiro manterrò la fede dei padri nel carisma certo della verità, che è stato, è e sempre sarà nella successione dell'episcopato agli apostoli, non perché si assuma quel che sembra migliore e più consono alla cultura propria e particolare di ogni epoca, ma perché la verità assoluta e immutabile predicata in principio dagli apostoli non sia mai creduta in modo diverso né in altro modo intesa. Mi impegno ad osservare tutto questo fedelmente, integralmente e sinceramente e di custodirlo inviolabilmente senza mai discostarmene né nell'insegnamento né in nessun genere di discorsi o di scritti. Così prometto, così giuro, così mi aiutino Dio e questi santi Vangeli di Dio." </span>
    <span></span>
    <span>TUTTI i prelati hanno obbligatoriamente firmato poi praticamente TUTTI hanno fatto IL CONTARIO di quello che avavano giurato! </span>
    <span>Mgr Lefebvre ha giurato al papa PioX di mai discostarsi dall'insegnamento di sempre e poi lo mantenuto il suo dire come fa un vero uomo cha ha una sola parola davanti a Dio e davanti agli uomini.</span>

    RispondiElimina
  27. Chiariamo una volta per tutte: Lefebvre è un conto, la Fsspx un altro, i don Camilli vari un altro ancora. La gente lo ha capito molto bene.

    RispondiElimina
  28. non capisco la tua logica: i secondo te i cattolici italiani voglio stare CON IL PAPA e non con la fsspx quindi papa e fsspx sono due cose diverse,
    ma sempre secondo te la fsspx e Mgr Lefebvre sono ancora due cose diverse.  Non riesco a afferarre...
    ma per te Mgr Lefebvre era col papa o no ?

    RispondiElimina
  29. Il fatto che i fedeli della fsspx in Italia non abbiano superato il migliaio per quasi 20 anni non deriva assolutamente dall'attaccamanto che i cattolici italiani (che nel frattempo tra l'altro svuotavano le chiese) hanno per il papa, ma piuttosto dalla vergognosa campagna di ostracizzazione che ha fattto seguito alle scomuniche. Chi é stato fedele alla chiesa di sempre é stato preso a calci nel didietro per 20 anni dalle aurorità romane! E questa é un'ingiustizia che chiede riparazione, invece di ringraziare Guest continua a prendere a calci chi lo aiutato oggi a ritrovare la messa di sempre.

    Ma porca miseria ! Siamo di fronte al 99.99% dei prelati prima del 1966 che hanno buttato nel fango un giuramento fatto a un papa santo! Subiamo da 20 anni disobbedienze di ogni tipo da parte di vescovi cardinali, sacerdoti che si alzano la mattina e pensano bene di negare dogmi millenari. E' gravissimo, cose mai viste nella Santa Chiesa! E siamo ancora qui fare le pulci alla disobbedianza di Mgr Lefebvre che allontana ancora molti cattolici che credendo di restare fedeli a non ho capito bene quale precetto, pensano ancora che se si va nella fsspx non si é col papa! Preoccupiamoci prima di tutto di essere con la fede di sempre. Se potessimo riportare in vita San PioX pensate veramente che non andrebbe a una messa fsspx?  Io penso che correrebbe a questa messa, non dopo aver dato una bella tirata d'orecchie ai papi che l'hanno bandita!

    RispondiElimina
  30. Mah, a me questo signore sembra soprattutto maleducato. Primo: a una signora non ci si rivolge con questi toni. Secondo: il blog non è un'esercitazione dell'Accademia della Crusca. I commenti dei blog sono caratterizzati da un linguaggio molto informale. Terzo: mi sembra ci siano argomenti più importanti. Quarto: Caterina, de minimis non curat praetor

    RispondiElimina
  31. Il fatto che i fedeli della fsspx in Italia non abbiano superato il migliaio per quasi 20 anni, non é dovuto all'attaccamento che i cattolici (che tra l'altro nel frattempo svuotavano le chiese)  avevano per il papa, ma alla vergognosa campagna di ostracizzazione che ha seguito le scomuniche. Chi é restato fedele alla liturgia di sempre é stato preso a calci nel didietro per decenni dalle autorità romane. Questa é un'ingiustizia che chiede riparazione. Guest invece di essere riconoscente verso chi ha fatto molto per libearare le messa di sempre (la fsspx) la denigra e la considera fuori dalla Chiesa! Immaginiamo di riavere per un giorno tra noi San Pio X, credete anche solo un attimo che non andrebbe a una messa della fsspx ? Io credo che correrebbe a questa messa, non prima di aver aver dato una bella tirata di oracchie a chi l'ha bandita per anni. 

    Ma porca miseria! Siamo dinnanzi al 99,99% di prelati ordinati prima del 1966 che hanno rinnegato e buttato nel fango un giuramento fatto a un papa santo, a vescovi, cardinali e sacerdoti che si alzano la mattina e pensano bene di negare dogmi millenari e/o proporre nuove strampalatezze contro il dire di Roma e siamo ancora qui a fare le pulci alla disobbedienza di Mgr Lefebvre del 1988!  Mgr ha fatto quello che credeva giusto in coscienza. Ricordiamoci della famosa di don Bosco "Il migliore consiglio è di fare bene quanto possiamo e poi non aspettarci la ricompensa dal mondo ma da Dio solo."

    Vedremo presto quale posto avra Mgr in Paradiso e quale avremo noi, se ci andiamo...

    RispondiElimina
  32. ma alla vergognosa campagna di ostracizzazione che ha seguito le scomuniche ....

    Egregia Redazione,
    possiamo dire finalmente, dopo migliaia e migliaia di parole, che la scomunica non fu tale ma una autoscomunica? Altrimenti non ce la caviamo più! Se c'è il cartello di divieto di sosta ed io parcheggio lo stesso non è il vigile che mi fa la multa ma io che la cerco e prendo!
    Sintesi delle parole del Papa, direi ...
    MD
    PS Monsignor Lefebvr, probabilmente, non ha tenuto conto delle conseguenze ( di tutte evidentemente>)  della sua azione ...ma questa è un'altra questione!

    RispondiElimina
  33. si solo che per quel posto di parcheggio ...

    1) tutti hanno sempre parcheggiato
    2) tutti erano d'accordo sul fatto che era un dovere far parcheggiare in quel posto per il bene di tutti (é sempre un grande bene consacrare dei vescovi cattolici, com'é possibile che sia diventato un errore ?)
    2) la polizia aveva garantito che chiunque avrebbe potuto parcheggiare li' nei secoli a venire
    3) tutti i poliziotti avevano giurato prima di divertare poliziotto che mai avrebbero messo un divieto di sosta in quel posto !!!!!

    RispondiElimina
  34. Bartimeo, sono d'accordo con te : la sintesi del papa é in sostanza "Mgr Lefebvre sapeva a cosa andava in contro e l'ha fatto lo stesso", ma non credi che per amore del vero il papa dovrebbe aggiungere le parole "...ma é anche stato anche spinto a quel gesto dai gravi errori dottrinali che intravvedeva e che hanno effettivamente poi fatto tanto male alla Chiesa. ? Preciso che dico questo con grande amore per la Chiesa di Roma e gran rispetto per il Sommo Pontefice.

    RispondiElimina
  35. Bartimeo io (come ben  altri) mi sono sposato in poco più di un garage, perché nessuno dava una chiesa alla fsspx, che deve ancora oggi celebrare sante messe (cio' che sorregge il mondo) in posti da catacombe. Alla fine ricordo di aver detto a mia moglie   ...se Dio ci va e ci va ogni domenica, chi siamo noi per non accattarlo. Se tu non hai visto nessuna ostracizzazione é forse anche perché non l'hai subita. Non dico cio' per polemizzare inutilmente o peggio fare la vittima ma solo per far capire a chi trova adesso la messa di sempre che c'é un passato dietro al motu proprio e che almeno un po' lo si deve anche alla fsspx.

    RispondiElimina
  36. Bartimeo io (come ben  altri) mi sono sposato in poco più di un garage, perché nessuno dava una chiesa alla fsspx, che deve ancora oggi celebrare sante messe (cio' che sorregge il mondo) in posti da catacombe. Alla fine ricordo di aver detto a mia moglie   ...se Dio ci va e ci va ogni domenica, chi siamo noi per non accattarlo. Se tu non hai visto nessuna ostracizzazione é forse anche perché non l'hai subita. Non dico cio' per polemizzare inutilmente o peggio fare la vittima ma solo per far capire a chi trova adesso la messa di sempre che c'é un passato dietro al motu proprio e che sarebbe ingiusto non riconoscere che lo si deve anche alla fsspx.

    RispondiElimina
  37. La chiesa della FSSPX del Priorato di Spadarolo è ricavata, penso, da un capannone industriale, almeno a quanto ho potuto vedere...non è certo esternamente una bellazza, eppure, quando quest'estate ero in vacanza in Riviera e sono andato a Rimini per la Messa della Domenica, ho trovato una chiesa internamente meravigliosa, una Messa stupenda (ed era una semplicissima Messa cantata Domenicale, manco a dire una Messa Solenne o un Pontificale), un numero di fedeli nutrito, devoto, disponibilissimo...
    E che dire, comunque, anche delle realtà che non hanno problemi con la situazione canonica, come la FSSP o l'IBP? La chiesa della prima, a Venezia, come testimonia Caterina, è praticamente ignorata e fatta ignorare, una vera e propria congiura del silenzio...l'IBP, invece, per quanto sia un istituto di diritto pontificio, a Parigi si trova a celebrare in un fondoscala e in un'altra città non può avere una struttura propria per il seminario, data invece dal solerte (e indegno) Vescovo del luogo a musulmani ed ebrei...
    Che dire, allora? Penso che Sant'Atanasio sia più che esaustivo: "Gli ariani hanno le chiese, noi abbiamo la Fede"

    RispondiElimina
  38. bravo robdealba91: a loro le chiese, a noi la Fede. E vorrei anche dire che una messa bassa detta come si deve anche se in un "garage" da grazie all'anima sempre e comunque.
    E' solo che é un' offesa a Dio riceverlo in posti dove i Manganini vari non riceverebbero un sindaco qualunque!

    RispondiElimina
  39. In questo periodo si accede alla porta della sagrestia che si trova a destra della chiesa, oltre la facciata.
    La Santa Messa viene letta ogni mattina alle 8.00.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.