domenica 10 ottobre 2010

Nuove frontiere dell'architettura chiesastica: il Palacattedrale



Nove milioni di euro costerà all'esangue e decadente Chiesa francese l'ultimo progetto di cattedrale nel deserto (è il caso di dirlo): deserto religioso della banlieu parigina, dove le moschee attirano ben più fedeli delle semivuote chiese. E forse proprio l'emulazione dei maomettani è la ragione per cui il campanile di quest'orrida, costruenda cattedrale di Créteil, somiglia tanto ad un minareto: sarà più facile rivenderla agli islamici quando verrà il momento del mutamento di destinazione.

Potete ammirare in queste due foto di computer grafica l'aspetto futuro dell'esterno e dell'interno. Più che l'impressione angosciante da tritaprezzemolo delle pareti, colpisce la disposizione della 'aula liturgica' (si dice così) con le gradinate intorno, degna di un palazzetto dello sport. La struttura ideale per invitare al raccoglimento e alla preghiera.

Enrico

Fonte: La Croix, che naturalmente dedica al monstruum un articolo entusiastico

102 commenti:

  1. Ragazzi,

    i pugni nello stomaco fanno male assai!

    Scusate l' OT che segue, ma ho da sfogarmi con qualcuno.
    Stamani, nella chiesa succursale dietro casa mia, nella periferia torinese, alla Comunione il celebrante ha appoggiato l' Ostia sulla mano di un' anziana signora; questa, nel prenderla con l' altra mano, le è sfuggita ed è caduta a terra, così lei si è chinata a raccoglierla e l' ha messa in bocca, con nonchalance, tutto di fronte al prete, che le ha fatto un bel sorriso. E pazienza se qualche frammento è rimasto a terra, tanto poi passano l' aspirapolvere, in fondo è solo corpo, sangue, anima e divinità del nodtro Dio, Signore e Salvatore.
    Stop con l' OT, e perdonatrmi per il secondo pugno nello stomaco.

    Guido

    RispondiElimina
  2. ...rivenderla?? se la prenderanno e senza tanti compromessi.....
    mi consola la profezia del Cristo: NON RESTERA' PIETRA SU PIETRA....
    al fatto che ci stiamo pensando noi ad avverare la profezia eliminando e distruggendo le Chiese più belle....che almeno a queste ci pensi Nostro Signore, qualcosa da Lassù dovranno pur fare no?

    RispondiElimina
  3. sacerdote orgoglioso di essere tradizionale10 ottobre 2010 18:36

    questa cattedrale, ammesso che si possa dare questo nobile nome ad un tale sgorbio, è solo di poco meno orrenda della 'chiesa' che la CEI (ahinoi, che l'abbiamo pagata con l'8 per mille) ha fatto costruire a Foligno, deturpando il mistico profilo umbro! MA LA SOPRINTENDENZA DELL'UMBRIA DOV'ERA??? ITALIA NOSTRA, WWF, ECC. ECC. DOV'ERANO: IL LORO CERVEL, DIO LO RIPOSI, IN TUTT'ALTRE FACCENDE AFFACENDATO A QUESTE COSE è MORTO E SOTTERRATO!!
    Signore pietà di noi!

    RispondiElimina
  4. <p>Mais, cher Henri, vous n`avez rien compris! ;)
    </p><p>Il campanile, alto 35m, si ispira alla scala di Giacobbe....e poi la costruzione ha la forma di uno scafo(coque) a forma di mani giunte!
    </p><p>Mais enfin, ça c`est de l`art, art apprécié par la Croix e les cathos adultes.
    </p><p>All`orrore sembra non esserci una fine.</p>

    RispondiElimina
  5. <span>

    Mais, cher Henri, vous n`avez rien compris!  ;)
    Il campanile, alto 35m, si ispira alla scala di Giacobbe....e poi la costruzione ha la forma di uno scafo(coque) a forma di mani giunte!
    Mais enfin, ça c`est de l`art, art apprécié par la Croix e les cathos adultes.
    All`orrore sembra non esserci una fine.
    </span>

    RispondiElimina
  6. Davanti a questi scempi dobbiamo solo pregare ilSignore sempre di piu', affinche' preservi la fede della sua Chiesa sempre piu' nel mirino dei suoi nemici. 

    RispondiElimina
  7. mani giunte? a me ricorda la forma delle conchiglie barilla :-D

    RispondiElimina
  8. .........stupidi..quelli che ci andranno dentro li'....!!!!

    RispondiElimina
  9. Rafminimi13@libero.it10 ottobre 2010 18:56

    <span>(ahinoi, che l'abbiamo pagata con l'8 per mille)</span>
    IO NO! IO, quando leggo cio', sono più che mai "felize und soddosfatten" (Sturmtruppen DIXIT!), di non aver MAI dato, nè io, nè alcuno della mia tribù familiare, (quasi tutti gli stessi che, con me e come me si curano con l'omeopatia) l'8 per mille alla CEI!

    RispondiElimina
  10. Da tempo si parla di 'palestra spirituale', embè, non poteva mancare quella vera e propria per accogliere! Tutto 'normale' nella logica dello 'sport' spirituale!

    RispondiElimina
  11. giovanni schinaia10 ottobre 2010 19:05

    mamma mia che tristezza :(

    così a prima vista da dentro mi ricorda un po' il nuovo santuario di San Francesco di Paola nella sua città natale...

    RispondiElimina
  12. Ma all'interno parleranno tutti la stessa lingua?

    RispondiElimina
  13. singolare! esprime  bene la personalità del francese medio-...
    ma scusa Enrico, ma stai rubando il mestire di Colafemmina?

    RispondiElimina
  14. eh eh modera i termini. se sarà realizzata ci andrà Nostro Signore..
    e come dice Savonarola dobbiamo solo pregare ilSignore sempre di piu', affinche' preservi la fede della sua Chiesa

    RispondiElimina
  15. NO, Nostro Signore ce lo portano, così come una volta lo portarono davanti al Sinedrio. E neanche stavolta credo ci vada tanto volentieri. Però, come disse il Santo Carato d'Ars, Dio ubbidisce al prete, qualunque prete!

    RispondiElimina
  16. <span>se sarà realizzata ci andrà Nostro Signore..</span>

    Certo, ma solo perchè<span> Dio è in cielo, in terra e in ogni luogo. Quella non è una chiesa. </span>

    RispondiElimina
  17. Più che un palazzetto dello sport sembra un teatro anatomico.

    RispondiElimina
  18. E' solo uno dei tanti frutti bacati della 'Chiesa conciliare', ossia di quell'istituzione ibrida nata col Vaticano II dall'abbraccio tra la Religione del Dio che si fa uomo con quella dell'uomo che si fa Dio (Paolo VI dixit).      

    RispondiElimina
  19. Sono d'accordo con Cantore! E' proprio, internamente un teatro anatomico..Satvo pensando cosa mi suggeriva la visione ed arrischiavo ad immaginare  messe nere con l'altare cui sacrificare qualche vittima umana od animale.Intorno gli astanti a gridare eccitati. Ai tempi dei tanto ricordati Maya facevano invece templi alti da cui far rotolare giù le teste ed i corpi dei sacrificati a Quetzacoatl, il dio serpente. Ora l'altare è sotto, ma così vedono meglio tutti come ad uno stadio di calcio. Non è possibile solo trasformare in moschea (anzi secondo me gli islamici la boicotterebbero perchè non in stile classico, cui tengono molto più dei "cristiani")ma in teatro sì, dove tenere rappresentazioni di ogni genere, come quelle accennate sopra. Non vi è alcun dubbio,comunque che una bella rappresentazione simil-messa con tamburelli, nacchere e danza circum-altare da parte di neocatecati ci sta proprio bene l' dentro! Anzi, siete sicuri che non sia stata fatta apposta per loro ? :( :( I tamburelli e chiarre risuonano meglio in quel tipo di acustica "conchigliare"...

    RispondiElimina
  20. oggi si è aperto in Vaticano, presieduto dal Santo Padre, il sinodo dei vescovi del Medio Oriente: per la prima volta parteciperanno come ospiti ayatollah ...
    cara redazione tienici informati circa gli sviluppi
    <span></span>

    RispondiElimina
  21. Nella grafica giustamente c'è un omino con le gambe accavallate, non poteva esseci un orante inginocchiato con la corona del rosario in mano.

    RispondiElimina
  22. La costruzione di tali "chiese" è un attentato alla Mistagogia. Ma dai, consoliamoci che qui in Italia c'è addirittura di molto peggio! Andate a vedere la parrocchia "Dio Padre Misericordioso" della zona Tor Tre Teste a Roma, realizzata dall'architetto Meier e consacrata qualche anno fa! Nella migliore delle ipotesi, la forma che richiama è quella di una...mela!

    RispondiElimina
  23. Vorrei piangere, poi mi fermo e ricordo un bellissimo filmato su gloria.tv che mostra la costruzione, da parte della FSSPX, di un convento secondo i canoni della tradizione. Per ogni mela marcia ce ne è una sana, speriamo nel Signore.
    A proposito di FSPPX, qualcuno sa nulla circa loro domenicani, se esistono e hanno qualche risorsa su Internet?

    RispondiElimina
  24. come direbbe fantozzi è una cacata pazzesca ,mi scuso

    RispondiElimina
  25. <span>ma in teatro sì, dove tenere rappresentazioni di ogni genere</span>

    Con, al termine, passerella (catwalk) dei celebranti tra gli scroscianti applausi del pubblico.

    RispondiElimina
  26. Se in Vaticano leggono, prendano questi messaggi, li mettano in bottiglia e li facciano avere al Santo Padre, prima che ci venga ammannito un iso-Nosiglia a concludere l'opera nel torinese.

    Nella mia parrocchia, stamattina, vangelo letto da una donna con la parte di Gesù interpretata dal sacerdote. Canone semi-inventato a domanda e risposta.  Inserti e didascalie verbali ogni cinque minuti.

    Di cattolico dalle nostre parti resta davvero molto, molto, molto poco.

    RispondiElimina
  27. <span>Per ogni mela marcia ce ne è una sana  </span>
         ma che dici ? ! ....forse volevi dire una sana per ogni cento marce !
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  28. E in Vaticano si ricordino anche che non tutti possono permettersi di rinchiudersi nelle gabbie dorate dei ghetti tradizionalisti/indultisti. Non si può lasciare in pasto ai lupi quel poco che resta del popolo cristiano, e che domenica dopo domenica viene allontanato dalla fede nonostante la pazienza dimostrata nel continuare ad assistere a queste...robe.

    Santità, non ci abbandoni.

    RispondiElimina
  29. Santa Mela nia?

    RispondiElimina
  30. Santa Mela nia?
    dai paragonare la chiesa di "Dio Padre misericordioso" ad una mela... ce ne vuole... ammenochè dalle tue parti la mela non sia a fogli o a vele...
    a volte si fanno ragionamenti a "pera"

    RispondiElimina
  31. Magari interpretassero l'altare come un luogo su cui sacrificare...

    RispondiElimina
  32. Come non detto.
    Il Giornale di Vicenza dà ormai per certa la nomina.
    Mi ritiro in silenzio.

    RispondiElimina
  33. chi cerca trova...

    RispondiElimina
  34. Multi ... mi sto spellando le mani dagli applausi!
    Ma cosa vuoi! Qui ci sono i supertradizionalisti che manco sanno cosa significhi tradizione!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  35. Sembra che i domenicani vicini alla Fraternità siano molto riservati dal punto di vista informatico. L'unico sito che ho trovato è quello di una loro casa editrice.

    RispondiElimina
  36. Un luogo eterodosso, come i culti che celebreranno al suo interno. Grazie al cielo, le Chiese che vengono costruite (ancora oggi) per il culto cattolico non hanno niente a che vedere con questi orrori.

    RispondiElimina
  37. <span><span>Un luogo eterodosso, come i culti che celebreranno al suo interno. Grazie al Cielo, le chiese che vengono costruite (ancora oggi) per il culto cattolico non hanno niente a che vedere con questi orrori.</span><span>
    </span></span>

    RispondiElimina
  38. Andrea Carradori10 ottobre 2010 21:59

    Il link per favore !
    Notizia interessante !

    RispondiElimina
  39. Non ho altri commenti se non: ORRORE!!!

    RispondiElimina
  40. Perdonate l'OT importante....
    il Papa ha tirato fuori LA TIARA SUL SUO STEMMA OGGI ALL'ANGELUS!!!
    http://i202.photobucket.com/albums/aa260/paparatzifan3/benedetto2/benedetto53959.jpg

    a dimostrazione che quando dicevamo che il cardinale Montezemolo gli fece un "regalo" dal fatto compiuto a sua insaputa AVEVAMO RAGIONE!!!
    Il Papa MITE ED UMILE accettò quel dono che penalizzava il suo stemma rendendolo simile ed alla pari AD UN VESCOVO come tutti, oggi lo ha cambiato!

    RispondiElimina
  41. http://seldelaterre.fr/

    RispondiElimina
  42. non è necessario scusarsi quando si dice la verità

    RispondiElimina
  43. Hai ragione multinick....infatti portarono Gesù SULLA CROCE....
    lo portarono al Sinedrio, lo portarono ALLA GOGNA... ancora una volta la storia si ripete attraverso queste Chiese che rispecchiano semplicemente la scristianizzazione del nostro tempo.... ;)

    RispondiElimina
  44. <span>Hai ragione multinick..quando dici</span>
    <span>se sarà realizzata ci andrà Nostro Signore..  </span>
    <span>
    ..infatti portarono Gesù SULLA CROCE....  
    lo portarono al Sinedrio, lo portarono ALLA GOGNA... ancora una volta la storia si ripete attraverso queste Chiese che rispecchiano semplicemente la scristianizzazione del nostro tempo.... ;) </span>

    RispondiElimina
  45. Andrea Carradori10 ottobre 2010 22:39

    Un fedele ne ha fatto dono al Papa per il 5 anniversario dell'elezione a Sommo Pontefice ( v.mia pagina di fb )

    RispondiElimina
  46. e già, proprio così, e a te dispiace che Cristo obbedisca...?

    RispondiElimina
  47. ma se è in cielo in erra e in ogni luogo che bisogno c'è di cosgtrire chiese e che prpoblema è se chi celebra la messa da le spalle al Tabernacolo? Dio è ovunque, avanti, dietro, sopra e sotto!

    RispondiElimina
  48. <span>ma se è in cielo, in terra e in ogni luogo che bisogno c'è di costrire chiese? e che prpoblema c'è se chi celebra la messa da le spalle al Tabernacolo? Dio è ovunque, avanti, dietro, sopra e sotto!</span>
    <span>deciditi Cesare fai un po' di confusione</span>

    RispondiElimina
  49. A fronte di progetti congeneri, mi sorge un grave dubbio: che anche nel sistema urbanistico della Chiesa esistano quegli stessi meccanismi vigenti presso la Pubblica Amministrazione nostrana? Ovvero, quegli stessi meccanismi che determinano sempre il sorgere un interesse individuale di carattere venale a far sì che si vadano ad edificare strutture assolutamente inutili e paesaggisticamente deturpanti?

    RispondiElimina
  50. <span>A fronte di progetti congeneri, mi sorge un grave dubbio: che anche nel sistema urbanistico della Chiesa esistano quegli stessi meccanismi vigenti presso la Pubblica Amministrazione nostrana? Ovvero, quegli stessi meccanismi che determinano sempre il sorgere un interesse - assolutamente privato ed individuale agli amministratori - di carattere venale a far sì che si vadano ad edificare strutture assolutamente inutili e paesaggisticamente deturpanti?</span>

    RispondiElimina
  51. dai Bartimeo su non essere così negativo. E' normale che alcuni abbiano le idee confuse visti i tempi. il problema è un altro: c'è qualcuno, meno male pochi, che credono di saperne più del Papa e di tutta la Chiesa (peregrinante, purgante e trionfante) e pontificano soluzioni a ciò che per loro apapre errato ma ancor peggio è che vogliono insegnare ai dubbiosi

    RispondiElimina
  52. Scrivi qui il tuo nome...10 ottobre 2010 23:01

    Caro Andrea, certo che, se si potesse regalargli una tiara vera, mi prenoterei certamente come primo sottoscrittore.

    RispondiElimina
  53. teofilo non piangere... il cristiano non è un musone ma un o pieno di gioia!
    Cristo è risorto, alleluja

    RispondiElimina
  54. :)  Ottimo Andrea!! ho visto anche su Rinascimento Sacro....

    RispondiElimina
  55. Il Cardinale Giuseppe Ratzinger aveva nel suo stemma arcivescovile e cardinalizio il motto: "Cooperatores Veritatis".
    Un simbolo del tutto nuovo nello stemma del Papa Benedetto XVI è invece la presenza del "pallio".
    L’elemento di rottura è l’abbandono della tiara Pontificia, sostituita da una
    mitria di nuovo tipo; una certa perplessità creano poi l’inserimento di armi di
    pertinenza di una diocesi e del pallio.
    La mitra d’argento, novità nello stemma del pontefice, ricorda però in molti particolari la precedente tiara (5): riporta anch’essa tre fasce d’oro, collegate però da un braccio verticale così da farle assomigliare ad una croce patriarcale: indicano che i tre poteri (Ordine Sacro, Giurisdizione, Magistero) sono collegati nelle stessa persona del papa.
    Papa Benedetto XVI si è, da subito, definito come “vescovo di Roma” e mai come “Pastore della Chiesa Universale”: una definizione gravida di potenzialità ecumeniche soprattutto nei confronti della Chiesa Orientale, che ha sempre riconosciuto al papa di Roma un “primato” esclusivamente onorifico (analogamente alla relazione esistente tra i patriarchi orientali e il Patriarca Ecumenico di Costantinopoli).
    il cambiamento è dovuto al semplice fatto che era identico allo stemma della <span>Diocesi di Monaco e Frisinga.  Così, come era stato evidenzaito anni addietro, non solo il superiore porta l'arma dell'inferiore, ma porta lo stemma che compete a colui che è l'effettivo titolare della Diocesi; portando tutti e due il medesimo stemma, viene ulteriormente a cadere l'aspetto identificativo dell'arma stessa. daltra parte <span><span>né Paolo VI né Giovanni Paolo II hanno mai rinunciato a portare il triregno sulle loro armi.</span></span></span>
    <span><span><span> Si ricordi che uno splendido triregno è stato donato a Giovanni Paolo II dagli Ungheresi. Papa Bendetto potrebbe anche utilizzarlo anzichè tenerlo nelle vetrine del tesoro.</span></span></span>

    RispondiElimina
  56. Ma che c... ci vai a fare in un posto del genere? Vai alla Misericordia o dalla benemerita FSSPX; non credo che a Torino manchino le alternative. Frequentare una "messa" del genere è più utile a dannarsi l'anima che a salvarsela: solamente l'incazzatura che prendi.....

    RispondiElimina
  57. DANTE PASTORELLI10 ottobre 2010 23:57

    No, ma si capiranno ugualmente. L'unità della lingua la farà, in questo caso, l'inquilino del piano sottinterrato.

    RispondiElimina
  58. DANTE PASTORELLI10 ottobre 2010 23:59

    Terribilis est locus iste...

    RispondiElimina
  59. DANTE PASTORELLI11 ottobre 2010 00:01

    Io abbatterei Notre Dame, Chartes che evidentemente son per una élite.

    RispondiElimina
  60. <span><span>e</span><span> si, ma non solo, a me per esempio capita di portarlo in galera, in ospedale, negli ospizi, nelle baracche e nei campi di zingari e ti posso assicurare che ci va ben volentieri come volentieri  andò sul calvario per tutti noi!</span></span>
    <p><span><span>Ed egli disse loro: «Sciocchi e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti! Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?».</span><span></span></span>
    </p><p><span><span>Il gesto di Gesù dello spezzare il pane alla mensa di Emmaus non causa il riconoscimento di Gesù da parte dei discepoli, ma ne è l’occasione. Essi, che avevano seguito Gesù, avrebbero potuto riconoscerlo da molti altri segni. Se i loro occhi si aprono proprio in quel momento, allo spezzare del pane, è perché Gesù ha voluto così, egli ha deciso dove, quando, come manifestarsi. Quel gesto è uno degli atti più semplici, anche banali, certamente comuni. Eppure ogni volta che il vangelo ne parla, quell’atto provoca un grande risultato, una eccezionale trasformazione. A questo punto “si aprono i loro occhi e lo riconoscono”. Non si dice che lo vedono, ma che lo riconoscono. È l’evento della loro fede piena. Ma in quell’istante Gesù scompare dalla loro vista. Venendo meno la visione terrena, si apre una visione spirituale che fa riconoscere il Signore per quello che veramente è e attua con lui un incontro di amore e di unità. <span>“Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi…?</span></span></span>
    </p><p><span><span>I discepoli passano così dalla disperazione alla speranza, dalla delusione a una nuova attesa, dal buio alla luce, da un cuore indurito e sfiduciato a un cuore che incomincia ad ardere, e diventano annunciatori del Risorto.</span></span>
    </p><p><span><span>E’ quello che dobbiamo fare noi!</span></span>
    </p>

    RispondiElimina
  61. Primo,
    ma ti sei messo daccordo con Caterina per dire le stesse cose o è lei che ti ha copiato?

    RispondiElimina
  62. Era ora. Nella chiesa che frequento io lo stemma papale ornato della tiara c'è dal 2005.

    RispondiElimina
  63. DANTE PASTORELLI11 ottobre 2010 00:18

    Il primato universale, il ministero petrino, derivan dall'esser vescovo di Roma. Non credo proprio che Benedetto XVI si consideri il primus inter pares, e ritenga la sua funzione di Vicario di Cristo un semplice primato d'onore. Sarebbe la fine della Chiesa come Dio l'ha costituita ed il Papa sarebbe il più grande eresiarca della storia.

    RispondiElimina
  64. Caro multinick non fare confusione da "figlio dei fiori"...il 68 è finito da tempo e non mi risulta che la Chiesa prima del Concilio abbia tenuto MAI prigioniero Cristo DENTRO IL TABERNACOLO, ma che SEMPRE lo ha PORTATO NEL MONDO andandolo a trovare fra i più disperati della terra....non a caso gli Ospedali, gli Istituti per l'Infanzia abbandonata, i Collegi, gli Orfanatrofi i Villaggi, LE MISSIONI, nascono tutti grazie alla CHIESA CATTOLICA....
    ora, cosa c'entra questo, del portare il Cristo con la costruzione di TEMPLI scristianizzati e adattati alla moda del tempo? ;)

    Non è propriamente come dici quanto affermi sui Discepoli di Emmaus....il Cristo semmai NON si fece riconoscere mentre spiegava ad essi le Scritture che lo riguardavano, ma attese il momento della CONVITO.... qui, leggiamo, SI FECE RICONOSCERE, ALLO SPEZZARE DEL PANE, NELL'EUCARESTIA....
    i Padri della Chiesa già spiegavano il fatto che leggere la Scrittura NON bastava, alla fine della Parola occorre ricevere quella Eucarestia per RICONOSCERE veramente il Cristo.....
    L'episodio in questione NON è semplicemente una occasione, ma è IL MOMENTO SCELTO DAL CRISTO! è lì nell'Eucarestia che vuole che noi lo riconosciamo!

    Sul resto concordo....passare dalla disperazione alla speranza, alla gioia...., ma ancora di più, MAI ARRIVARE alla disperazione... ;)
    e ad ogni modo il brano non c'azzecca nulla con la legittima riprovazione di queste chiese moderne....
    Il Tempio di Dio ha delle caratteristiche che devono sempre e in ogni epoca sorpassare "l'idea" del momento....il successo delle grandi Basiliche, del Duomo o delle semplici Chiese gli veniva dal fatto che erano concepite per essere TESTIMONIANZA CONCRETA DELLA DOTTRINA DISPIEGATA DALLA CHIESA, uno entrava e sapeva immediatamente - ma già dall'esterno - di trovarsi in una Chiesa CATTOLICA.... basti pensare anche alle Chiese in Oriente...lo stile seppur diverso è alla base sempre il medesimo... e durare così NEL TEMPO, accompagnare i fedeli fino al ritorno di Cristo...
    è ovvio che un edificio non è eterno, ma nella costruzione "moderna" non dovrebbe mai prevalere - per un Tempio - l'ideologia del momento.... perfino i non cattolici ci hanno superato in questo... che trattano i loro templi meglio di come li trattiamo noi oggi...

    Una settimana fa sono andata a Roma e sono ricapitata in una mia vecchia parrocchia costruita negli anni '70.... non è cambiata e avrebbe necessità di restauri... il cemento si è tutto arruginito...le screpolature sono vistosissime, le parti in legno stanno cadendo a pezzi.... la Chiesa di domenica era gremita, ho notato che hanno tolto gli inginocchiatoi così durante la Consacrazione metà della gente ERA SEDUTA... ad alcuni mancava la sigaretta e il giornale, poi eravamo a posto....l'idea in quel momento era una bella tela sull'altare e magari proiettare un bel film perchè quello che davano a quanto pare annoiava a molti....
    Senza dubbio mi ha consolato il fatto che c'era Gesù... così ci siamo tenuti un pò di compagnia quando appena finita la Messa la Chiesa si è svuotata in 3 minuti....ma non potevo inginocchiarmi, l'ho fatto per terra, sul cemento, effettivamente è scomodo...e chissà perchè è stata l'unica parte che mi ha strappato un sorriso in mezzo a tanto grigiore....grigiore vero visto il cemento e il legno quasi marcio....
    Questa chiesa poi è ROTONDA...dentro sembra la piattaforma di Stratreck, stile anni '70 quando andavano di moda quei primi telefim sullo Spazio....le finestre sono come degli oblo tutte attorno al rotondo della costruzione in alto....e si! siamo in ROTTA DI COLLISIONE ma non con gli asteroidi... ;)
    Insomma,più che andarci Gesù già ci sta in galera, non c'è forse una Cappella anche li.....??
    Che Cristo debba [...]

    RispondiElimina
  65. Non dormitabit11 ottobre 2010 07:42

    Che bello! Finalmente una chiesa multifunzionale. Da luogo di celebrazioni sacre, a oratorio festivo. Finita la Messa, ci si potrà trattenere con una bella partitella a pallacanestro o tennis. Poi potrà essere proiettato un bel film, di quelli di grido, possibilmente anticattolico, facendo scendere il telone di proiezione davanti alla "riserva eucaristica". E se, durante l'estate, come prevedibile, la gente non andrà a Messa (solo d'estate?), si potrebbe anche collocare al centro una bella piscina!
    Come siete tutti noiosi a non vedere che risparmio economico produrrà questa costruzione multifacciale! Tuttti lì a parlare di Dio, Messa, Sacrificio, Adorazione.... ! Ma quando vi aggiornate?
    A proposito: non si potrebbe anche rendere Foligno la novella capitale della moda? Un paio di volte l'anno la cosiddetta aula liturgica potrebbe servire per una stupenda sfilata, collocando la passerella a spirale, proprio intorno intorno alle gradinate. E non dimentichiamo i giovani: che ne dite di una bella pista da discoteca?
    Ger 1,8:
    Neppure i sacerdoti si domandarono:
    Dov'è il Signore?
    I detentori della legge non mi hanno conosciuto,
    i pastori mi si sono ribellati,
    i profeti hanno predetto nel nome di Baal
    e hanno seguito esseri inutili.

    RispondiElimina
  66. Tu ironizzi, ma già più di dieci anni fa, in una chiesa di un paese vicino a Milano (non ricordo più quale) assistei ad una rappresentazione della filodrammatica della mia parrocchia...effettuata nella "chiesa" stessa. Si trattava di Natale in casa Cupiello (!). La "chiesa" era grandissima, ma i fedeli evidentemente pochi...occupato un po' di spazio con le panche a semicerchio attorno alla "mensa", tutto il resto del capiente locale poteva ospitare palco, quinte e platea...

    RispondiElimina
  67. E non ti dico le girls ... anzi lo sai già da te!
    MD

    RispondiElimina
  68. Filippo Burighel11 ottobre 2010 09:42

    Ospite, di 'sti tempi è già tanto che la vecchietta non abbia accampato la scusa dell'ernia del disco per lasciarla direttamente per terra l'Ostia.

    RispondiElimina
  69. Filippo Burighel11 ottobre 2010 09:43

    Mi hanno accennato all'esistenza di una chiesa-auditorio di foggia simile a quella qui proposto tra il Veneto e il Friuli. Non ricordo bene dove, ma se lo scopro ve la segnalo.

    RispondiElimina
  70. Dai, non siate troppo severi con questa architettura: secondo me è bella ed elegante; di per sè è piacevole alla vista con le sue linee definite e quasi eteree ( sembra uscita da quei film di fantascienza anni '50 che mi piacciono tanto 8-) ).
    Quando la sconsacreranno per inutilizzo diverrà un luogo piacevole ed elegante per un caffè alla moda dove si incontreranno artisti e intellettuali parigini per discutere; oppure diverrà un museo visitato da giapponesi e americani che gireranno con le fotocamere a fissare questi strani e mistici decori :-D .

    Come ha detto il 'simpatico' Odifreddi: " le chiese cattoliche cono tutte o musei o circhi"; opinione comprensibile per uno che è stato in seminario negli anni '70. ;)

    RispondiElimina
  71. L'idea di Gesù condotto a forza mi è venuta spontanea quando ho letto la tua affermazione che il Signore ci sarebbe andato. Non capivo cosa c'entrasse Caterina ma ora, passando in rassegna i vari interventi, ho visto che uno analogo al mio l'ha fatto Caterina alle 22,16, quindi posteriore al mio. La cosa tuttavia mi fa piacere, vuol dire che l'idea non è poi tanto peregrina. 

    RispondiElimina
  72. Ho trovato qsa di interessante alla voce "Friary of la haye aux bonshommes"

    RispondiElimina
  73. <span><span>
    <p><span>Lo “stratum” di velluto della finestra papale del Palazzo Apostolico  che reca, da domenica 10 ottobre, il nuovo artistico stemma del Papa è stato donato da un fedele  in occasione del 5° anniversario della sua elezione</span><span>. </span><span>Benedetto XVI</span><span> aveva voluto mantenere nel suo stemma i simboli che utilizzava sia da vescovo che da cardinale. Aveva deciso di non mettere più la tiara nel suo stemma ufficiale personale, ma di porre solo una semplice mitra. </span>
    </p><p><span>Bisogna precisare che lo stemma papale con la tiara non è una novità, infatti tutti i paramenti indossati da Benedetto XVI sin dall’Avvento del 2007 e tutto il parato pontificale che fu usato per l’inaugurazione dell’Anno Paolino ha tutte le vesti liturgiche con lo stemma papale ornato di tiara.</span>
    </p><p> 
    </p></span></span>
    <p> 

    </p><p> </p>

    RispondiElimina
  74. <p><span><span>Lo “stratum” di velluto della finestra papale del Palazzo Apostolico,  che reca, da domenica 10 ottobre, il nuovo artistico stemma del Papa, è stato donato da un fedele  in occasione del 5° anniversario della sua elezione</span><span>. </span><span>Benedetto XVI</span><span> aveva voluto mantenere nel suo stemma i simboli che utilizzava sia da vescovo che da cardinale. Aveva deciso di non mettere più la tiara nel suo stemma ufficiale personale, ma di porre solo una semplice mitra. </span></span>
    <span>Bisogna precisare che lo stemma papale con la tiara non è una novità, infatti tutti i paramenti indossati da Benedetto XVI sin dall’Avvento del 2007 e tutto il parato pontificale che fu usato per l’inaugurazione dell’Anno Paolino ha tutte le vesti liturgiche con lo stemma papale ornato di tiara</span></p>

    RispondiElimina
  75. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 17:14

    Sì ma a volte esistono anche cervelli a pera...vero Muiltnick?

    RispondiElimina
  76. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 17:21

    Ecclesiaste 7:5 Il cuore de' savi è dove sta il lutto, e il cuor degli stolti, dove l'allegria.

    RispondiElimina
  77. Ecclesiaste ... in fatti poi è arrivato Cristo che ci ha dato la certa speranza della resurrezione ... roba da piangere, per piacere!
    MD

    RispondiElimina
  78. Offensivo e rissaiolo! redazione cancellare!
    MD

    RispondiElimina
  79. Allora!
    Con la morte di Cristo Dio ri-porta l'uomo ad essere di Lui partecipe. Questo già è deificare l'uomo! Quindi non ci vedo nessuna eresia. E' Dio stesso che ri-dona all'uomo la sua possibilità di essere infinito e non più schiavo del finito attraverso il Mistero dell'incarnazione. Ergo l'uomo è deificato, è resa Sacra la sua esistenza, resa inviolabile cosa che prima era impensabile. Quello che mi stupisce è che accusi gli altri di eresia e di ignoranza, di scrivere idiozie e poi rinunci a riflettere su ciò che si dice!
    Siamo Figli di Dio, siamo della sua stessa natura, fatti a sua immagine e somiglianza, siamo deificati da Dio stesso. Non fare confusione con l'uomo che si fa dio/faraone dell'uomo.
    A volte sembri proprio caifa! Ti stracci le vesti e poi fai la figura del Marchese del Grillo!
    Ragiona e non ripetere a memoria! Ai tutto da guadagnarci!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  80. @ Multinick e Bartimeo:
    leggo solo ora le vostre repliche al mio commento.  Guardate che la citazione, anche se non virgolettata, è presa dall'omelia di Paolo VI del 7 dicembre 1965, a conclusione del Vaticano II, dove Papa Montini identifica la 'religione dell'uomo che si fa Dio' con quella dell' "umanesimo laico profano", e dunque anticattolico.  La "Chiesa conciliare" con tutti i suoi frutti marci, orrori architettonici compresi, è esattamente l'ibrido prodotto dall'abbraccio tra la Chiesa e la religione dell'umanesimo laico profano, abbraccio avvenuto col Concilio Vaticano II.  

    RispondiElimina
  81. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 18:19

    <span>Ai tutto da guadagnarci!</span>
    Anche tu hai da guadagnarci a riprendere in mano i libri di grammatica... 8-)

    Il fatto che siamo figli di Dio non significa che tendiamo a deificarci (principio tutto naturalistico e massonico)...
    «… Tanta è l’audacia e l’ira con cui si perseguita dappertutto la religione, si combattono i dogmi della Fede e si adopera sfrontatamente a estirpare, ad annientare ogni rapporto dell’uomo con la divinità! In quella vece, ciò che appunto, secondo il dire del medesimo Apostolo (S. Paolo), è il carattere proprio dell’Anticristo, l’uomo stesso, con infinita temerità, si è posto in luogo di Dio, sollevandosi, soprattutto, contro ciò che chiamasi Iddio, per modo che, quantunque non possa spegnere in se stesso ogni notizia di Dio, pure, manomessa la maestà di Lui, ha fatto dell’universo quasi un tempio a sé medesimo per esservi adorato… Dal che consegue che, instaurare tutte le cose in Cristo e ricondurre
    gli uomini alla soggezione a Dio
    , è uno stesso e identico scopo. Perché, però, tutto questo si ottenga
    conforme al desiderio, fa d’uopo che, con ogni mezzo e fatica, facciamo sparire radicalmente
    l’enorme detestabile scelleratezza, tutta proprietà del nostro tempo: la sostituzione, cioè, dell’uomo a Dio». (San Pio X - E supremi apostolatus)

    Il problema è che sei imbevuto di modernismo sfrenato e non ti rendi conto nemmeno delle cose che scrivi e anzi, ti firmi pure.

    «Vade retro, Satana! Perché è scritto: Adorerai il Signore Dio tuo, e per Lui solo avrai un culto!»
    Mt 4, 10.
    Con questa deificazione dell'uomo e della sua sacralità viene meno il culto e l'adorazione che si devono a Dio.

    Ora invece, prova a indovinare che disse queste parole il 13 luglio 1969:

    «L’uomo ci si rivela gigante. Ci si rivela divino. Ci si rivela divino non in sé, ma nel suo principio e nel suo destino. Onore all’uomo, onore alla sua dignità, al suo spirito, alla sua vita»!
    «Il primo termine nella ascesa verso il fine supremo e trascendente verso il principio e la causa di ogni amore… Il Nostro Umanesimo diventa Cristianesimo e il Nostro Cristianesimo diventa teocentrico, tanto che possiamo ugualmente affermare: per conoscere Dio, bisogna conoscere l’uomo»!

    Noti differenze tra la Tradizione di sempre e queste ultime parole??
    Se ne vuoi ancora, leggi bene la Gaudium et Spes perchè troverai tutto un culto dedicato all'uomo e ti sfido a trovare un documento precedente al Vaticano II in cui si deifica l'uomo.
    Riflettere prima di scrivere.

    RispondiElimina
  82. Infatti io non ho detto che l'uomo si deifica ma che Dio deifica l'uomo! E lo deifica ogni volta che l'uomo può essere partecipe di Dio! L'eucarestia è questo momento! Certo che se leggeste un po' di più i documenti, i testi dei Papi ( mai letto GPII ed il suo pensiero filosofico teologico?) forse capiresti che la tradizione avanza e non sta ferma! Ade sempio basterebbe legger ilconcetto di aprtecipazione in Cornelio Fabro.
    Accusate gli altri di modernismo ma non vi accorgete di quanto massificate la persona! La verità è in ogni singolo e non al di fuori del singolo! Questo sta a significare l'incarnazione! La Riconosci e la accogli per donarla in quanto non è possesso ma dono!
    Vai avanti a fare le tue guerrette di religione, vai che vai bene! Hai tutto da guadagnarci! Convertiti!
    Tu semplicemente non stai ascoltando l'appello di GPII nel 78 " Permettete a Cristo di parlare all'uomo!" tu non lo fai!
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  83. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 18:56

    <span>Infatti io non ho detto che l'uomo si deifica ma che Dio deifica l'uomo!</span>
    E non capisce...

    RispondiElimina
  84. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 18:58

    Ok, buttiamo via il Vecchio Testamento...
    Non sono venuto per abolire ma per portare a compimento...

    RispondiElimina
  85. tu no l'avrai dato l'8x1000 ma tranquillo che la tua parte gliela da' lo Stato. la Chiesa non perde nulla che tu firmi il 740 o che non lo firmi. Informati meglio e magari dallo a qualche associazione.

    RispondiElimina
  86. <p><span><span>Per Rafminimi13@libero.it</span></span><span><span></span></span>
    </p><p><span><span>tu no l'avrai dato l'8x1000 ma puoi stare tranquillo che la tua parte gliela da' lo Stato. <span>l</span>a Chiesa, per un perverso meccanismo, non perde nulla che tu firmi il 740 o che non lo firmi. Informati meglio e magari la prossima volta dallo a qualche associazione.</span></span></p>

    RispondiElimina
  87. Ma dove c'è Barilla c'è casa... ops chiesa!

    RispondiElimina
  88. allora è lei che ti ha copiato. No l'idea non è pellegrina... ma forse lo siamo noi

    RispondiElimina
  89. Christus Spes Mea, fammi una cortesia: informa il Santo Padre che ciò che dice è eresia. magari ti darà ascolto se no eleggiamo subito te al Soglio pontificio.

    RispondiElimina
  90. ti ho fatto le citazioni, prendi i testi leggili.

    RispondiElimina
  91. <span>Sì ma a volte esistono anche cervelli a pera...vero Muiltnick?</span>
    <span></span>beh, Christus Spes Mea se lo dici, sarà vero. ne prendo atto.

    RispondiElimina
  92. quell'omelia va letta bene, compresa e  meditata profondamente prima di essere di citarne una sola parola...
    "L’umanesimo laico profano alla fine è apparso nella terribile statura ed ha, in un certo senso, sfidato il Concilio. <span>La religione del Dio che si è fatto Uomo s’è incontrata con la religione (perché tale è) dell’uomo che si fa Dio.</span> Che cosa è avvenuto? uno scontro, una lotta, un anatema? poteva essere; ma non è avvenuto. <span>L’antica storia del Samaritano è stata il paradigma della spiritualità del Concilio.</span> Una simpatia immensa lo ha tutto pervaso. La scoperta dei bisogni umani (e tanto maggiori sono, quanto più grande si fa il figlio della terra) ha assorbito l’attenzione del nostro Sinodo. Dategli merito di questo almeno, voi umanisti moderni, rinunciatari alla trascendenza delle cose supreme, e riconoscerete il nostro nuovo umanesimo: anche noi, noi più di tutti, siamo i cultori dell’uomo".
    Mi pare che il pensiero di Paolo VI non sia proprio quello che hai voluto intendere tu

    RispondiElimina
  93. <p><span>Quell’omelia va letta attentamente e meditata per bene, prima di citarne una sola parola e addomesticarla a proprio uso.</span>
    </p><p><span><span>“<span>L’umanesimo laico profano</span> alla fine è apparso nella terribile statura ed ha, <span>in un certo senso, sfidato il Concilio</span>. <span>La religione del Dio che si è fatto Uomo s’è incontrata con la religione (perché tale è) dell’uomo che si fa Dio.</span> Che <span>cosa è avvenuto? uno scontro, una lotta, un anatema? poteva essere; ma non è avvenuto. L’antica storia del Samaritano è stata il paradigma della spiritualità del Concilio.</span> Una simpatia immensa lo ha tutto pervaso. La scoperta dei bisogni umani (e tanto maggiori sono, quanto più grande si fa il figlio della terra) ha assorbito l’attenzione del nostro Sinodo. Dategli merito di questo almeno, voi umanisti moderni, rinunciatari alla trascendenza delle cose supreme, e riconoscerete il nostro nuovo umanesimo: anche noi, noi più di tutti, siamo i cultori dell’uomo”.</span></span>
    </p><p><span>Mi pare che il pensiero di Paolo VI sia un pochino diverso da come lo hai voluto intendere tu…</span></p>

    RispondiElimina
  94. Ma non siamo mica in un blog di tradizionalisti? Mah! Metodo protestante a quanto vedo!
    MD

    RispondiElimina
  95. E che cosa avrei 'addomesticato'? Paolo VI afferma chiaramente che, di fronte all'umanesimo laico profano che professa la religione dell'uomo che si fa Dio, la Gerarchia del Vaticano II non ha lanciato anatemi, come invece la Chiesa aveva sempre fatto in passato, ma l'ha abbracciato con 'simpatia iimmensa'.  Ora, la religione dell'uomo che si fa Dio è esattamente quella dell'Anticristo, di colui cioè che San Paolo chiama 'Figlio di perdizione' e che additerà "se stesso come Dio" (cfr. 2Tess 2, 3ss).  Ci si china come il "buon Samaritano" sulle persone in carne ed ossa, come appunto era il ferito da lui soccorso; non ci si può chinare, invece, sulla religione anticristiana dell'uomo che si fa Dio con l'illusione di redimerla ed integrarla nella Chiesa. Si soccorre il malato, non la malattia. O no?  

    RispondiElimina
  96. "sooportare pazientemente le persone moleste... e pregare che periscano presto" parafrasava un tizio

    RispondiElimina
  97. dai Matteo, è divertente solleticare la cultura e la conoscenza...

    RispondiElimina
  98. Credo sia la chiesa di Longarone (BL)...

    RispondiElimina
  99. Simpatia non è empatia.
    La simpatia serve per avvicinare. L'empatia per correggere, la testimonianza per convertire.
    Se mancano i primi due te saluto!
    MD

    RispondiElimina
  100. Ch sperco di risorse finanziarie! Risorse che potrebbero essere investita in un operazione di rievangelizzazione massiccia dell'area...perchè, scusate, a che serve una chiesa se non sarà utilizzata dai fedeli? Lasciando perdere l'antiestetico aspetto dell'edificio che sembra una grande sauna finlandese, la prima cosa che ho notato (e presumo sia così) è il fatto che non ci sono inginocchiatoi ! Non c'è una convergenza verso l'elemento più importante, cioè Nostro Signore Gesù Cristo.
    Questa non è un tempio per Dio, ma un tempio per l'uomo! Purtroppo questi templi antropocentrici si stanno moltiplicando, sono i templi della Nuova Chiesa nata negli anni '60, che ha operato il colpo di "stato" più grande e riuscito della storia, che ha rasato al suolo la vera Chiesa Cattolica e Apostolica.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.