venerdì 10 settembre 2010

Sul tavolo del pub il programma top secret del Papa




Una notizia tanto curiosa quanto preoccupante. I piani riservati, anzi segreti, degli esatti movimenti del Papa prima e dopo la Messa di beatificazione del cardinale Newman, a Cofton Park, sono stati ritrovati dimenticati sul tavolo di un pub.

Il documento, di cinque pagine, descrive dettagliatamente i punti precisi dove l'automobile del Papa arriverà, in quale locale si vestirà e la strada che seguirà. Vi è anche la posizione precisa dei posti riservati agli uomini delle istituzioni.

Il gestore del locale, nel Warwickshire, si è reso conto che nelle mani di potenziali terroristi un simile documento sarebbe estremamente pericoloso. Così, dopo aver atteso inutilmente che tornassero a reclamarlo i due eleganti signori che l'avevano dimenticato, lo ha consegnato alla Polizia.

Fonte: Catholic Herald

34 commenti:

  1. Andrea Carradori10 settembre 2010 08:57

    io ogni volta che il Papa va all'estero, tremo... e raddoppio le mie preghiere !

    RispondiElimina
  2. ...son sempre i soliti; e poi ci hanno da ridire degli italiani....

    RispondiElimina
  3. temo che il viaggio venga annullato.
    Se ciò fosse vero è davvero grave!

    RispondiElimina
  4. Da anni mi sono appassionato alle vicende che riguardano i papi, i conclavi, etc...
    Ho come l'impressione che dal 1970 siano scomparse figure autorevoli della diplomazia e ahimè, anche dei servizi segreti. Questa ne è la prova, una delle tante..
    And

    RispondiElimina
  5. seminarista affranto10 settembre 2010 09:44

    io spero proprio di si... questo viaggio è più pericoloso di quello fatto in Turchia.... 'Sua Altezza il Principe Filippo Di Edimburgo è il capo della massoneria inglese posto che aspetta di diritto ai sovrani illuminati del Regno unito... posto che in teoria non aspetterebbe a sua altezza ma bensì alla consorte... ma hoimè l'augusta regina è donna... comunque mi fiderei in questo caso più degli islamici che dei massoni anticlericali-antipapisti e satanisti che hanno un viscerale odio contro il Nostro Dolce Cristo in Terra... voi che ne dite? GOD SAVE THE POPE!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. annullare il viaggio? Ma siamo matti? La Regina s'è già messa il cappellino in testa e ha già la borsetta al braccio!   Deve solo indossare le scarpe, ma quelle le mette sempre all'ultimo momento. Per il resto è già pronta. Non si può quindi annullare nulla!

    RispondiElimina
  7. ....il Papa non si fermerà davanti a nulla, andrà a "rendere la verità e la testimonianza" che lo stesso cardinale Newman riconobbe e per la quale si convertì....
    Perfino una udienza del mercoledì in piazza, risulta essere pericolosa per il Pontefice....troppo esposto e per entrare nella piazza, non ci sono severi controlli.... due anni fa andammo a san Pietro e ci recammo sulla Cupola, nello zaino avevo dei panini e due coltelli da cucina, passarono i controlli senza alcun allarme... quando aprii lo zaino nella sosta sul cupolone, mi resi conto dei coltelli e pensai davvero che come ero passata io, chiunque avrebbe potuto dentro un arma...

    La gravità sta nel fatto di comprendere come questi signori siano entrati in possesso di materiale top-secret sulla persona del Pontefice!
    la storia ci insegna che quando si decide per la morte di qualche persona di grande prestigio, l'organizzazione ha sempre ramificazioni INTERNE all'ambiente che egli vive....
    e ci consola un pò il fatto che quando se ne parla, solitamente NON avviene...così fu per il viaggio in Turchia...se è vero che nel mondo islamico moderato e di maggioranza, non c'era motivo di addossarsi una simile responsabilità dopo i fatti dell'11 settembre... è anche vero che l'uccisione di don Santoro e del vescovo dopo la visita del Papa, ci fanno comprendere che se "qualcuno" ha decisio, solo Gesù Cristo può proteggere il suo Vicario...

    Affidiamolo alla Vergine Maria.....facciamo sacrifici e rinuncie e fioretti affinchè il viaggia vada bene...e il cardinale Newman interceda!

    RispondiElimina
  8. Gli anglo-sassoni hanno sempre avuto un odio viscerale verso i papi, non mi stupirei che i documenti riservati siano stati lasciati lì a bella posta. Mi ricordo che durante il viaggio pastorale che Giovanni Paolo II compì negli Stati Uniti nel 1987, alcuni antipapisti manifestarono contro il Pontefice esponendo cartelloni con scritto: usurpatore di Cristo!

    RispondiElimina
  9. DANTE PASTORELLI10 settembre 2010 10:17

    A pensar male... diceva Andreotti.
    Lascerei perder lo svampito Filippo che non è in grado di far niente, e non credo che la massoneria inglese abbia alcun vantaggio a farsi trascinar in avventure di tal fatta, perché in quegli ambienti sann'agir in modo più sottile e ingegnoso
    Ed anche i nemici interni mai s'esporrebbero così vistosamente. Assai più congeniale vedrei una tazza di the con qualche zuccherino speciale, meglio se a Roma. Nessuna autopsia, nessun colpevole.
    Ma non accadrà, né in Gran Bretagna né nei Sacri Palazzi. Durante la visita potrann'esserci delle manifestazioni ostili, anche rumorose, non molto di più.

    RispondiElimina
  10. che ubriaconi gli inglesi!

    RispondiElimina
  11. Speriamo sia così e che il Santo Padre ritorni in terra italica sano e salvo. ...e non si ripeta la vicenda di papa Luciani.

    E se fosse giunto il tempo del vescovo vestito di bianco...?

    RispondiElimina
  12. Queste cose succedono sempre nei thriller degli scrittori inglesi di best-sellers. 
    Riderei, se non fosse un sintomo del livello di approssimazione e nullafacenza che caratterizza l'odierno apparato organizzativo ecclesiastico.

    RispondiElimina
  13. Veramente, l'Imperatore ereditario di diritto della Massoneria del Rito Scozzese Antico ed Acettato, ovvero il "SOVRANO GRAN COMMENDATORE", non è il Re (in questo caso la regina) d'Inghilterra, ma suo cugino il duca di Kent.

    RispondiElimina
  14. DANTE PASTORELLI10 settembre 2010 12:14

    Ce ne saranno altri, via|

    RispondiElimina
  15. Non è del tutto esatto, alla morte di Re Giorgio, essendo Elisabetta una donna - in quanto tale, impossibilitata ad accedere alla massoneria - la Gran Maestranza di tutte le Logge simboliche britanniche - che, secondo gli statuti muratori, spetta al sovrano di quel Paese - fu affidata al duca di Kent.

    Altra cosa sono i Riti: mentre l' "ordine" è composto dai membri che rivestono i primi tre gradi massonici, i quali si riuniscono nella Loggia (ed ogni massone, per essere tale, è obbligato ad essere iscritto quale membro attivo al piedilista di una Loggia) e, quindi, rappresenta nel suo insieme, tutti i "liberi muratori" di una comunione nazionale, i cosiddetti "riti" rappresentano, invece, delle ulteriori specificazioni dell'iniziazione massonica basilare che, in ogni caso, si considera già completa al terzo grado di "maestro muratore". In questo senso, dopo il conseguimento del terzo grado, il massone che lo voglia può ulteriormente aderire ad un rito, accedendo alle relative "camere superiori", ma rimanendo comunque sempre tenuto a frequentare regolarmente l'originaria Loggia simbolica di appartenenza.  

    Mi suona strana, comunque, la carica di Sovrano Gran Commendatore (capo nazionale del Rito Scozzese Antico ed Accettato) del duca di Kent, atteso il fatto che in Gran Bretagna, il rito di gran lunga più praticato ed influente è d'altronde quello dell' "Arco Reale di York".

    RispondiElimina
  16. ... soprattutto quello britannico di segno neoterico ...

    RispondiElimina
  17. Una notizia simile sarebbe da prima pagina o da telegiornale nazionale se invece del santo padre si parlasse di qualche politicuccio di media fama.Invece nulla, silenzio totale e minuti interminabili per un poveraccio in cerca di notorietà  inventore di una setta pseudo cristiana che vuol bruciare un libro ,un banale libro fomentatore di odio nonostante alcune sure sembrano dire il contrario e che vengono messe a tacere da un fiume di concetti nevrotici, disumani, frutto della sapienza di banditi del deserto che imposero la loro dottrina solamente ed esclusivamente mediante la violenza.(mi permetto di  consigliare la lettura del libro del professor Meschini,"il jihad e la crociata")Speriamo che il caso sia la banale sbadataggine di qualcuno .e non la precisa volontà di molti nemici interni ed esterni del Santo padre

    RispondiElimina
  18. Per le scarpe sembra che ne abbia trovato un paio con i buchi prescritti per l'occasione.

    RispondiElimina
  19. speriamo che NON si avveri 
    quel sogno (o visione) che si racconta ebbe Il Papa San Pio X, nel 1909: 
    nel corso di un’udienza cadde improvvisamente in uno stato molto simile alla trance. Ridestandosi da questo stato disse profondamente turbato:
    "Ciò che ho veduto è terribile! Sarò io o un mio successore? Ho visto il Papa fuggire dal Vaticano camminando tra i cadaveri dei suoi preti. Si rifugerà da qualche parte, in incognito, e dopo una breve pausa morrà di morte violenta".
    Tutto ciò dovrebbe accadere in una Roma in preda ad una grande tribolazione.
    ----------------------------
    (si affianca ad altre profezie simili, soprattutto quella di Fatima).

    RispondiElimina
  20. Renato Degnipatri10 settembre 2010 18:17

    Vedasi anche il "sogno delle due colonne" di San Giovanni Bosco.

    RispondiElimina
  21. e fino al '70 quali erano le figure autorevoli della diplomazia? e quali quelle dei servizi segreti? così che conoscendole possiamo rifarci ad esse?

    RispondiElimina
  22. che belle le profezie!

    RispondiElimina
  23. c'è da pregare molto, per la Chiesa e per il Papa, più che in tutti i secoli passati.

    RispondiElimina
  24. DANTE PASTORELLI10 settembre 2010 19:30

    Tutti profeti di sverntura, già.

    RispondiElimina
  25. Non credo ci sia da preoccuparsi.
    Certo, il gesto di qualche squilibrato è sempre da mettere nel conto, ma l'attuale Chiesa Cattolica, quella gerarchica intendo, non rappresenta più un ostacolo né un fastidio, per coloro che contano, quelli capaci - all'occorrenza - di attrezzare e 'guidare' gli squilibrati...

    RispondiElimina
  26. <span>Speriamo sia così e che il Santo Padre ritorni in terra italica sano e salvo. ...e non si ripeta la vicenda di papa Luciani. 
    </span>

    Ma... Papa Luciani a Roma mori!... in Vaticano... Nel suo letto... :(

    Scrive Dante: "<span>Assai più congeniale vedrei una tazza di the con qualche zuccherino speciale, meglio se a Roma". </span>
    "<span>Ma non accadrà" aggiunge, e io sono d'accordo.</span>
    Parò... nel caso... "<span>Nessuna autopsia, nessun colpevole". </span>
    <span>Altro che attentato a Londra!

    </span>

    RispondiElimina
  27. Se il papa non deve esporsi al rischio di attentati, allora deve starsene chiuso nei sacri palazzi ! Che dobbiamo fare ?? Tutti i grandi leaders e capi di stato sono più a rischio quando escono, soprattutto all'estero. Non credo che alla regina ed al governo inglese convenga che un papa venga ammazzato o ferito sul suolo britannico.  Fin'ora  quelli che sono stati ad un passo dal riuscire ad uccidere ( negli ultimi decenni ) un papa  sono stati un killer turco islamico ed un prete ex-lefebvriano malato di mente. Tutto potrebbe accadere. Se il reverendo Jones bruciasse il Corano, allora,  forse Benedetto XVI potrebbe essere costretto a rinviare la sua visita in Inghilterra.

    RispondiElimina
  28. <span>Mi suona strana, comunque, la carica di Sovrano Gran Commendatore (capo nazionale del Rito Scozzese Antico ed Accettato) del duca di Kent, atteso il fatto che in Gran Bretagna, il rito di gran lunga più praticato ed influente è d'altronde quello dell' "Arco Reale di York".</span>
    IN effetti il titolo completo è "SUPREMO SOVRANO GRAN COMMENDATORE". E, comunque, da lui dipende la Gran Loggia Madre del Mondo, l'unica in grado di rilasciare la "patente" di "Regolarità". Patente che è stata ritirata alcuni anni fa al Grande Oriente di Palazzo Giustiniani e concessa alla Gran Loggia Regolare d'Italia, fondata dall'amico del defunto Presidente Cossiga, Giuliano di Bernardo.

    RispondiElimina
  29. <span><span>"Demetrio</span> 
    <span>Una notizia simile sarebbe da prima pagina o da telegiornale nazionale se invece del santo padre si parlasse di qualche politicuccio di media fama.Invece nulla, silenzio totale".</span></span>
    Tanto assordante, silenzio, mi fa sorgere un dubbio (o, forse, una speranza). Ma vuoi vedere che si tratta di una bufala?

    RispondiElimina
  30. Filippo Burighel11 settembre 2010 13:28

    Mah, tirar in ballo i massoni inglesi mi sembra inutile: hanno smesso da parecchio di preoccuparsi della Chiesa, vista la qualità media dei successori che gli apostoli possono vantare di questi tempi... I predecessori del Pontefice regnante dal CV2 hanno avuto altro a cui pensare e hanno, purtroppo, sottovalutando la massoneria moderna, certamente meno occulta e complottista e anti-clericale di un tempo, ma non meno convinta delle proprie idee.
    Inoltre non dimentichiamoci che attualmente sia il Gran Maestro della United Grand Lodge Of England che quello della Mark Masonry (uno dei molti percorsi di perfezionamento massonico) sono membri della Famiglia Reale e sugli affari di stato è la Regina che comanda e lei vuole la normalizzazione dei rapporti con la Chiesa Cattolica.
    E' bene infatti notare che anche se la Regina è dottrinalmente vicina alla "Low Church" è noto che non abbia per niente apprezzato l'evoluzione morale, etica e dottrinale della Chiesa d'Inghilterra di cui è giuridicamente Supremo Governatore (ma praticamente non conta nulla).

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.