martedì 28 settembre 2010

Dopo il vescovo pedofilo, il vescovo latitante

Il vescovo emerito (mai aggettivo fu così inappropriato) di Bruges, Roger Vanghelhuwe (nella foto, quando era ancora in carica - anche se non si direbbe), grande amico del cardinale Danneels e pluriennale stupratore di ragazzini, si è dato alla macchia.

Dopo le dimissioni, per un certo tempo è rimasto nella sua ex diocesi, passando di convento in monastero. Ora, ha lasciato la sua ultima residenza, l'abbazia di Westmalle, e si è volatilizzato.

Un ulteriore colpo alla reputazione, già sottozero, dell'episcopato belga, che in tutta risposta pensa... all'ordinazione femminile e magari ai "grandi temi dell'ecologia", come abbiamo riportato qui.

A questo link potete ascoltare l'inverosimile notizia riportata dalla televisione belga.

36 commenti:

  1. A quando qualche notizia di gossip?
    Pubblicate anche le vostre foto. Così anche noi possiamo fare dei bei commenti.

    RispondiElimina
  2. E le scomuniche come mai non partono? Siamo invasi da vescovi che fanno cadere le braccia e dal Vaticano non parte mai una bella scomunica, la quale sarebbe molto educativa. Ma il bastone della misericordia (perchè le punizioni sono atto misericordioso) dove l'hanno lasciato?

    RispondiElimina
  3. seminarista affranto28 settembre 2010 11:07

    Carissima signora Annarita, so io dove lo tengono, lo tengono caldo per essere utilizzato solo contro i buoni padri della fraternità di San Pio X.... Se ad un Vescovo stupratore e latitante non fanno niente come credere ancora all'operato della Santa sede? 

    RispondiElimina
  4. Cara Signora Annarita l'unico delitto che fa scattare la scomunica è quello di "Leso Concilio"!

    RispondiElimina
  5. D'accordissimo con Annarita e seminarista affranto.
    Tuttavia meglio sapere l'emerito presule come "missing" piuttosto che vederlo furoreggiare in trasmissioni televisive a propalare le sue tesi moderniste e/o pseoudoeretiche. Magari con tanto di giustificazione teologica ai propri schifosi comportamenti, in nome dell'amore (nell'accezione ributtante e melensa che questo termine assume sulla bocca dei vativcanosecondisti). 

    Non dimentichiamoci una cosa su questo elemento: la pedofilia è un comportamento privato, ripugnante finchè si vuole, legalmente perseguito com'è giusto e sacrosanto, ma non riveste neppure lontamente carattere magisteriale. Le cose che dice un vescovo, invece, possono essere interpretate come atti magisteriali: non tutte le persone hanno la capacità di discernere se un vescovo sta dicendo idiozie o -peggio- eresie. Se la gente avesse questa capacità, 3/4 dei vescovi sarebbero già state cacciati a sonore pedate nelle terga. E invece sono sempre lì a fare i mantenuti, ossequiati e riveriti. In primis da chi dovebbe prendere seri provvedimenti canonici a loro carico (S. Sede).

    Personalmente mi fa meno paura un vescovo dalla vita privata indegna di un ministro di Dio che un vescovo eretico e modernista.
    Se il mio arcivescovo fosse un puttaniere, ma almeno un puttaniere cattolico, sarei capace di rispettarlo. Invece no. Il mio arcivescovo (notissimo candidato alla carica di imam di qualche erigenda moschea metropilitana) è uomo dalla condotta privata davvero santa ed irreprensibile. Peccato sia uno da annoverare fra i peggiori modernisti e sincretististi dell'orbe cattolico. E probabilmente me lo dovrò sorbire fino al 2012, anno in cui B16 ha già in programma una capatina da queste parti.

    Meglio quindi che mr. Vanghelhuwe si sia dato alla macchia e non faccia più parlare di se. Troppi sarebbero gli stupidi che, nonostante tutto, gli darebbero retta.

    RispondiElimina
  6. <span>D'accordissimo con Annarita, seminarista affranto e Daniele.  
    Tuttavia meglio sapere l'emerito presule come "missing" piuttosto che vederlo furoreggiare in trasmissioni televisive a propalare le sue tesi moderniste e/o pseoudoeretiche. Magari con tanto di giustificazione teologica ai propri schifosi comportamenti, in nome dell'amore (nell'accezione ributtante e melensa che questo termine assume sulla bocca dei vativcanosecondisti).   
     
    Non dimentichiamoci una cosa su questo soggetto: la pedofilia è un comportamento privato, ripugnante finchè si vuole, legalmente perseguito com'è giusto e sacrosanto, ma non riveste neppure lontamente carattere magisteriale. Le cose che dice un vescovo, invece, possono essere interpretate come atti magisteriali: non tutte le persone hanno la capacità di discernere se un vescovo sta dicendo idiozie o -peggio- eresie. Se la gente avesse questa capacità, 3/4 dei vescovi sarebbero già state cacciati a sonore pedate nelle terga. E invece sono sempre lì a fare i mantenuti, ossequiati e riveriti. In primis da chi dovebbe prendere seri provvedimenti canonici a loro carico (S. Sede).  
     
    Personalmente mi fa meno paura un vescovo dalla vita privata indegna di un ministro di Dio che un vescovo eretico e modernista.  
    Se il mio arcivescovo fosse un puttaniere, ma almeno un puttaniere cattolico, sarei capace di rispettarlo. Invece no. Il mio arcivescovo (notissimo candidato alla carica di imam di qualche erigenda moschea metropolitana) è uomo dalla condotta privata davvero santa ed irreprensibile. Peccato sia uno da annoverare fra i peggiori modernisti e sincretististi dell'orbe cattolico. E probabilmente me lo dovrò sorbire fino al 2012, anno in cui B16 ha già in programma una capatina da queste parti.  
     
    Meglio quindi che mr. Vanghelhuwe si sia dato alla macchia e non faccia più parlare di se. Troppi sarebbero gli stupidi che, nonostante tutto, gli darebbero retta.</span>

    RispondiElimina
  7. ...le scomuniche e gli anatemi partono solo contro i cattolici legati alla Tradizione, non l'avete ancora capito? Cmq, complimenti ai frutti della benemerita congregazione dei vescovi, che ci ha regalato non "defensores fidei", ma buffoni, massoni, atei, omosessuali, pedofili, satanisti... viva il "Re", lunga vita al "Re"!!!

    RispondiElimina
  8. Mi stupisco di come un puttaniere di professione possa essere considerato allo stesso tempo come cristiano cattolico....evitiamo di non ridurre la fede a mera ideologia

    RispondiElimina
  9. <span>Mi stupisco di come un puttaniere di professione possa essere considerato allo stesso tempo come cristiano cattolico....evitiamo di  ridurre la fede a mera ideologia</span>

    RispondiElimina
  10. <span>...le scomuniche e gli anatemi partono solo contro i cattolici legati alla Tradizione, non l'avete ancora capito? Cmq, complimenti ai frutti della benemerita congregazione dei vescovi, che ci ha regalato non "defensores fidei", ma buffoni, massoni, atei, omosessuali, pedofili, satanisti... viva il "Re", lunga vita al "Re"!!!</span>

    RispondiElimina
  11. seminarista affranto28 settembre 2010 12:19

    Quando Re era sostituto della segreteria di stato circolava una battuta, quando Papa Giovanni Paolo II usciva dalle Sacre mura, che faceva così: QUANDO IL PAPA SE NE VA VIA IL VATICANO DIVENTA UNA MONARCHIA.... immaginate un pò che potere ha spudoratamente detenuto quell'eminetissimo signore... ma prima o poi tutti noi saremo nudi al cospetto di Dio e verremo premiati solo per le nostre opere e non per i nostri altisonanti titoli... CAPITO EMINENZA!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Da un lato è meglio che non si faccia più vedere. Inoltre nessuno potrebbe legittimamente costringerlo a stare in un luogo contro la sua volontà. Tecnicamente infatti non è un latitante dal momento che nei suoi confronti non pende alcun ordine di cattura essendo il reato prescritto.

    RispondiElimina
  13. «Non chiunque mi dice: Signore, Signore! entrerà nel Regno dei Cieli, ma chi fa la Volontà del Padre Mio che è nei cieli.  - < Matteo 7 : 21 >  

    RispondiElimina
  14. Si...come don Vitaliano della Sala,Leonardo Boff o don Primo Mazzolari...

    RispondiElimina
  15. ...Se sarebbero questi i successori dei Santi Apostoli, non ho idea di cosa stiano pensando in questo momento Ignazio di Antiochia o Policarpo di Smirne in Paradiso! Loro non hanno esitato a dare la vita per l'Ortodossia di Fede...Preghiamo per la conversione dei nostri pastori, soprattutto per la limpidezza del loro pensiero teologico: personaggi come il vescovo Zollitsch fanno ottima concorrenza ad Ario! 

    RispondiElimina
  16. <span>
    <p><span><span>Tolleranza zero? Pene disciplinari/medicinali canoniche? </span></span>
    </p><p><span><span>Le meritano solo i preti! Quelli sì, a torto o a ragione! Non possono ordinare vescovi così provocare uno scisma. </span></span>
    </p><p><span><span>I Vescovi, invece, <span> </span>bisogna punirli … ma non troppo … ! Cane non morde cane …….</span></span>

    </p></span>

    RispondiElimina
  17. perché, secondo te Re ci crede in Dio?
    Mah....

    RispondiElimina
  18. e Roma sta a guardare ......... Madre e matrigna , chi figlio e chi figliastro .

    RispondiElimina
  19. Non ce la si dovrebbe prendere con loro ma con chi, ritenutili idonei alla guida, ha dato loro la 'patente' !

    RispondiElimina
  20. Perché, secondo te un peccatore -quale che sia il genere e la gravità della colpa commessa- non è più un cattolico???
    Papa Alessandro VI° (per citarne uno) era un autentico mostro. Ma non mi risulta abbia mai detto una virgola contro la fede.
    Sfido chiunque a dire che non era più un cattolico perchè durante il pontificato gradiva la compagnia di Giulia Farnese! 

    RispondiElimina
  21. Rutilio Namaziano28 settembre 2010 13:36

    Che nesso c'è tra il terzo e gli altri due (sui quali posso concordare)? Spero non si tratti di politica...

    RispondiElimina
  22. E c'è ancora chi si pone il problema dell'obbedienza, cioè quanti sacerdoti ho ormai sentito dire: "si, ma bisogna obbedire"! Il vescovo dice eresie? " SI MA BISOGNA OBBEDIRE". Il vescovo impedisce ai seminaristi di portare la talare? "SI, MA BISOGNA OBBEDIRE". Il vescovo impedisce di dire la Messa Tridentina ai sacerdoti che vorrebbero dirla? "SI, MA BISOGNA OBBEDIRE". Nel seminario fanno vedere per 6 mesi di seguito film sulla shoa e mettono al bando i libri di S.Tommaso d'Aquino e dei padri della Chiesa? "Si ma bisogna obbedire"
    Poi un giorno ci ritroveremo dinnanzi a Dio che ci chiederà: "perchè non mi avete obbedito per obbedire agli uomini iniqui?Vi avevo affidato le anime perchè si salvassero, invece le avete perse! E sarà un cader di sacerdoti "obbedienti" nell'inferno.

    RispondiElimina
  23. Faccio bene allora a rendere conto unicamente a Dio.....ma come si sa...appena qualcuno sgarr viene richiamato alla santa obbedienza.
    C'e' voluto un Don Milani che dicesse le cose come stanno...."L'obbedienza non e' piu' una virtu'"....parliamo allora della Santa disobbedienza

    RispondiElimina
  24. L'obbedienza è una grande virtù, ma non è lecito obbedire all'errore. Dunque siamo saldi nell'obbedienza innanzi tutto a Dio, cioè alla rivelazione, ai comandamenti e alla dottrina immutabile della Chiesa, a ciò che i Papi hanno sempre insegnato e con il sigillo dell'infallibilità. Alle chiacchiere e alle vanità non si obbedisce, tantomeno alle eresie, nè agli apostati o sacrileghi.

    RispondiElimina
  25. Mi sembra che il signore effigiato in fotografia in bicicletta in giacca e cravatta, del quale la didascalia della fotografia dice essere vescovo di Bruges, non sia lo stesso di quello che compare sia in fotografia sia in un filmato della tv belga, al link. O mi sbaglio?

    RispondiElimina
  26. Mi avete cancellato il commento...effettivamente, era un po' esagerato...chiedo venia del tono e della parola, ma è stata la prima reazione che mi è venuta al leggere la notizia...

    RispondiElimina
  27. Rafminimi13@libero.it28 settembre 2010 17:22

    sentite, forse vi sembrerà strano che io, proprio io scriva questo, ma è davvero così importante sdare questa notizia?

    RispondiElimina
  28. A quando notizie di gossip?
    Pubblicate qualche vostra foto e... via con i commenti!
    Basta!

    RispondiElimina
  29. Sottotitolo al blog:
    PER IL RINNOVAMENTO LITURGICO DELLA CHIESA, NEL SOLCO DELLA TRADIZIONE.

    Questa notizia a quale rinnovamento liturgico si riferisce?

    RispondiElimina
  30. Perchè le procura tanto fastidio che il blog riporti la notizia della 'sparizione' di questo individuo? A me non fastidio, ma dolore, comporta il doverlo considerare, malgrado tutto, un vescovo della Chiesa Cattolica alla quale appartengo, un successore degli Apostoli.

    RispondiElimina
  31. pur comprendendo in maniera chiara  tutta la questione della FFSPX circa le scomuniche e la revoca delle scomuniche  e la legittimita e la validita' dei SACRAMENTI e bla bla bla bla bla bla ...........
    mi rendo sempre piu' conto che tutto cio è SOLO E SOLTANTO tutta una sporca ridicola ........  '' MESSA ............ IN SCENA ,, .........

    abbiamo una  CHIESA che è MADRE E MATRIGNA ..............

    RispondiElimina
  32. ahahahahah ...........  questa è bella OSPITE .....RE e COMPAGNIA BELLA , CI CREDONO  DIO ??????????? ............ Ma che bella domandina da un milione di dollari

    !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  33. Redazione di Messainlatino.it28 settembre 2010 23:55

    Perché secondo te il rinnovamento liturgico (nel solco della Tradizione) non deve necessariamente passare attraverso i vescovi o, nel peggiore dei casi, sul loro cadavere? Ecco perché ci interessiamo tanto a quel che combinano i "successori degli Apostoli".
    O preferisci che scriviamo soltanto articoli sul colore della borsa del corporale e sul ruolo dei pivialisti nei pontificali?
    Enrico

    RispondiElimina
  34. Rafminimi13@libero.it29 settembre 2010 00:20

    <span>O preferisci che scriviamo soltanto articoli sul colore della borsa del corporale e sul ruolo dei pivialisti nei pontificali?  </span>
    sE siete un sito di liturgisti...

    RispondiElimina
  35. Redazione di Messainlatino.it29 settembre 2010 10:32

    Non siamo liturgisti. Questo blog tratta principalmente di liturgia, ma più in generale della situazione odierna della Chiesa.

    Francesco

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.