lunedì 14 giugno 2010

Liturgia romana



In una cornice artisticamente eccelsa, e storicamente importante come l'arcibasilica lateranense, la cattedrale del Papa in persona, l'abiezione liturgica stride con ancor maggiore evidenza. Forse è per quello che i riformatori si sono affrettati a costruire chiese più brutte l'una dell'altra, e a scempiare, dove hanno potuto, quelle esistenti.

Le immagini qui sopra, e i cacofonici video qui sotto, sono stati ripresi pochi giorni fa a Roma, San Giovanni in Laterano. Non manca nulla: palloncini, complesso rock con batteria, chitarre, tastiere, bonghi, santona che guida le danze, frati e suore (la maggioranza dei presenti) a scalmanarsi in un 'momento liturgico di convivialità e condivisione', come direbbero nel loro gergo.

Per poter documentare l'insania ed accedere alla navata centrale ove la cosa si consumava, gli scandalizzati fedeli che ci hanno scritto hanno dovuto simulare d'essere adepti della strana setta, dal momento che è stato loro chiesto se avessero il pass. Fortunatamente, fuori della chiesa vi erano banchetti di indottrinatori, ed è stato sufficiente mostrare il volantino ivi raccattato.

Sembra si tratti di un rito, o una liturgia, o un sabba... chiamatelo come volete purché non Messa, di Rinnovamento nello Spirito. Spirito alcoolico, a giudicar dalle immagini.





Chi saprebbe decifrare l'inquietante evento che in questo secondo video si verifica al minuto e 18 secondi?

377 commenti:

  1. La canzone è "le mie mani son piene/ mi mano està llena" e, al momento in questione, si canta "io ero tanto triste ma da ora son felice", e si piange, ci si abbassa e poi si salta.. Per fortuna nella mia parrocchia non si fa più.

    RispondiElimina
  2. DANTE PASTORELLI14 giugno 2010 15:32

    I bordelli, almeno quelli seri, mi dicono fossero perfettamente organizzati, ordinati e ben funzionanti.

    RispondiElimina
  3. Guardia Svizzera14 giugno 2010 15:33

    Potrei suggerire che al  repertorio della "Schola cantorum"  sia aggiunta una canzone amatissima dal Dantaccio nostro: " datemi un martello"?

    RispondiElimina
  4. questo è uno dei più acclamati frutti del Concilio,  fin dal 1967  !
    Ne sono entusiasti promoters molti sacerdoti e rteligiosi, tra cui p. Raniero Cantalamessa, mi pare.

    RispondiElimina
  5. Ecco i frutti della nuova dottrina ecclesiale e liturgica del Vaticano II. La crisi della Chiesa non avrà fine fino a quando certi buffoni avranno ancora diritto di tribuna.

    RispondiElimina
  6.  Salvo sterzate vigorose, al momento impensabili, questa è la direzione della liturgia romana: scadere sempre più in basso, essere sempre più rivoltante e amorfa.

    RispondiElimina
  7. mi sa ke siete accecati dalle vostre pseudo dottrine e non riuscite a capire ke quella non è una liturgia (come dite) ma un momento di preghiera.

    RispondiElimina
  8. e adesso, amici,
    vi invito a guardare due cerimonie di preghiera di tipo "carismatico":

    la prima, una riunione di preghiera di un gruppo carismatico cattolico  : il RnS, che comprende una Messa di "liberazione e guarigione", qui sotto:
    http://www.youtube.com/watch?v=ddgF2uDRlR0

    http://www.youtube.com/v/ddgF2uDRlR0" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140


    (la Redazione, se vuole, potrebbe cortesemente reinserire il filmato, visto che il mio browser 
    non è idoneo)

    RispondiElimina
  9. che differenza c'è con i pentecostali?
    Tuttavia è potuto e potrà continuare ad accadere perché si è selvaggiamente riformato il Rito Latino e la Santa e Divina Liturgia Gregoriana/S.Pio V è stata sostituita dalla Cena

    RispondiElimina
  10. ....e questa è la seconda (due filmati sottostanti)
    una riunione di preghiera dei PENTECOSTALI CARISMATICI, gruppo protestante dal quale i carismatici cattolici hanno tratto la loro ORIGINE, nel 1967
    http://www.youtube.com/watch?v=KAelFtKvwJ0&NR=1

    http://www.youtube.com/v/vobcLW5bdYQ&feature" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140


    (sono riunioni di pentecostali carismatici....)

    RispondiElimina
  11. Meno male! Dai filmati si vedono quattro gatti. Sarà il calo delle vocazioni?

    RispondiElimina
  12. per finire: una riunione (con Messa? non so....)
    di Cattolici Carismatici in Brasile:

    gruppo presentato cos dall'entusiasta didascalia:
    <span>"Attraverso il gruppo di preghiera Carismatico Brasiliano di Cancao NovaCancao Nova,che hanno costituito in questi anni una televisione carismtica cristiana cattolica, e' possibile assistere in diretta alle meraviglie che compie il Signore Misericordioso.Davvero un grande esempio di Chiesa Rinnovata e viva! Gesu' e' il Signore!"</span>
    <span> Gesu' e vivo !</span>

    http://www.youtube.com/watch?v=KU_wdtCrUkk&NR=1


    http://www.youtube.com/v/KU_wdtCrUkk&NR" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140

    --------
    Confronto tra i carismatici cattolici e quelli pentecostali:  che dire ?
    Le differenze ci sono.... (ci sono ??...)
    ma le somiglianze sono molte....
    :(

    RispondiElimina
  13. Alla faccia della preghiera...allora a Woodstock erano tutti santi!

    RispondiElimina
  14. E dai... sempre lì a recriminare col muso lungo siete....
    L'anno scorso al Laterano il Card, Canizares ci aveva fatto un bel pontificalotto Tridentino, e un'annetto prima anche l'ineffabille Castrillon....
    Avranno diritto alle loro kermesses anche i vari gruppi di spiritati, catecumeanali e compagnia, no?
    =-X

    Il Laterano è la chiesa madre della della cristianità e, come ogni buona mamma, accoglie tutti.
    Anche loro. Finché papà glielo permette....

    RispondiElimina
  15. Perché innanzitutto non ti sforzi di scrivere in italiano?
    Pseudo dottrine, ma che maleducato. Bisogna mettersi d'accordo su cosa significa pregare: tu non c'eri e non hai nemmeno idea dello scempio che c'è stato in quel tempio. Pregare significa suonare la batteria, agitare le mani come degli assatanati e rendere una basilica patriarcale un parco giochi, o meglio un circo?
    Ma fammi il piacere, per cortesia... Abbi rispetto invece.

    RispondiElimina
  16. Si canta?? Ma quello è un guaito, un urlo, un rigurgito... Ma per cortesia, che non mi vengano a dire, questi quattro pagliacci (niente contro di te, ci mancherebbe, solo contro di loro)

    RispondiElimina
  17. Alla prossima occasione, se non saprò dove organizzare la festa di nozze, chiederò alla curia di riservarmi una basilica.

    RispondiElimina
  18. skrivere in italiano? ma oooh! c'è stato il Council, ke vekkio ke sei... ( deve essere lo spirito di Jerry Calà...)

    RispondiElimina
  19. hai ragione, Mic: la mia domanda era retorica...
    tutt'al più nella riunione col prete cattolico si può constatare un andamento più soft delle esortazioni-incitamenti al canto e al sentire Gesù "che passa e tocca" per guarire ciascuno:
    Il mantra ricorrente: "Gesù è vivo! Gesù passa qui tra noi! ti sta toccando, ti sta guarendo..."
    ecc. ecc.
    Ovvero: la grande scoperta del sensazionalismo di un GESU' GUARITORE ISTANTANEO, del quale abbiamo la voglia di gridare -col microfono o megafono: "Gesù è vivo!"
    (.....dal momento che da tanti anni si è persa (o raarefatta) la devozione di adorarlo nel SS.mo Sacramento dell'altare, dove sta giorno e notte, invisibile, nel silenzio, nascosto ai sensi interni ed esterni,
    più "visibile" solo nella esposizione con l'ìOstensorio, sempre velato nel Mistero silenzioso, che chiede raccoglimento e....ridurre pensieri e parole a nulla, affinchè Lui occupi tutti gli spazi dell'anima e della mente: perso tutto questo, si corre alla ricerca delle SENSAZIONI, sempre più forti, sempre più...
    TRAVOLGENTI!....)
    ...e la preghiera, ossessiva, incalzante, suggestionante, che sollecita la fame di gratificazioni sensibili (il sottobosco della psiche, che è ancora <span>carnalità</span>), si trasforma in "mantra"....
    :(
    in un certo modo è il ritorno all'elemento dionisiaco !

    RispondiElimina
  20. è un rito pagano che mi da tanta consolazione ........ mi stupisce solo che si celebri in un luogo venerabile come la B. DI S. GIOVANNI ......

    ma oh .. c' è chi puo' e chi non puo' !!!!! 

    '' Non è un inezia a contrapporci . Non è sufficiente che ci venga detto ''Potete dire la vecchia Messa, ma dovete accettarlo ( il Concilio ) ,, . No , non è solo questo ( la Messa) , che ci divide , è la Dottrina . E' chiaro ,, . MONS . LEFEBVRE ...... 

    RispondiElimina
  21. ma se ci stanno convincendo da 45 anni che lo Spirito Santo ha voluto suscitare nella Chiesa questi frutti di una "nuova Pentecoste", e se tutti sono stati lodati e approvati dalle Gerarchie, di che cosa ci possiamo lamentare ?
    Una mia conoscente, che è anche ministro straordinario dell'Eucaristia, di età piuttosto matura, mi ha detto convinta che questi movimenti (il RnS) in particolare, li ha fondati lo Spirito Santo, per intervento diretto: dobbiamo dunque fidarci che in essi si producono solo cose buone, preghiera, spiritualità, conversioni e vocazioni ! 
    (altrimenti, tutti dicono, i Papi non li avrebbero approvati, e mandati ad espandersi al fine della "Nuova evangelizzazione" compreso il CNC....)

    RispondiElimina
  22. <span>ma se ci stanno convincendo da 45 anni che lo Spirito Santo ha voluto suscitare nella Chiesa questi frutti di una "nuova Pentecoste", e se tutti sono stati lodati e approvati dalle Gerarchie, di che cosa ci possiamo lamentare ? 
    Una mia conoscente, che è anche ministro straordinario dell'Eucaristia, di età piuttosto matura, mi ha detto convinta che questi movimenti (il RnS) in particolare, li ha fondati lo Spirito Santo, per intervento diretto: dobbiamo dunque fidarci che in essi si producono solo cose buone, preghiera, spiritualità, conversioni e vocazioni !  
    (altrimenti, tutti dicono, i Papi non li avrebbero approvati, e mandati ad espandersi, ai fini della "Nuova evangelizzazione", compreso il CNC....)</span>

    RispondiElimina
  23. <span>ma se ci stanno convincendo da 45 anni che lo Spirito Santo ha voluto suscitare nella Chiesa questi frutti di una "nuova Pentecoste", e se tutti sono stati lodati e approvati dalle Gerarchie, di che cosa ci possiamo lamentare ? 
    Una mia conoscente, che è anche ministro straordinario dell'Eucaristia, di età piuttosto matura, mi ha detto convinta che questi movimenti (il RnS) in particolare, li ha fondati lo Spirito Santo, per intervento diretto: dobbiamo dunque fidarci che in essi si producono solo cose buone, preghiera, spiritualità, conversioni e vocazioni !  
    (altrimenti, tutti dicono, i Papi non li avrebbero approvati, e mandati ad espandersi, ai fini della "Nuova evangelizzazione", compreso il CNC....)</span>

    RispondiElimina
  24. in un prossimo futuro , ci saranno le VESTALI a custodire il FUOCO SACRO datoci dallo SPIRITO SANTO ........ tempo al tempo ..... l' appetito vien mangiando ..........

    RispondiElimina
  25. Fortemente critico14 giugno 2010 16:47

    Ho visto, mio malgrado, una preghiera del gruppo Gesù Risorto in cui c'erano 4 laici che imponevano le mani su di una ragazza che piangeva e che dopo la preghiera diceva di star meglio per l'effusione dei carismi e dello Spirito Santo (sono fissati, sfiorano l'eresia montanista)...amano dire di loro che riescono ad "animare" le Messe infatti nelle loro celebrazioni il raccoglimento va a farsi benedire...sono strenui difensori della figura del Laico onnipresente che può fare tanto anche senza il Sacerdote, infatti molti di loro fanno percorsi detti di "crescita" nei carismi (ma dico: i carismi non li abbiano ricevuti tutti con la Cresima?)...no, loro si sentono carismatici alla San Paolo (non è infrequente durante le loro preghiere sentirli blaterare strane parole).
    A mio modo di vedere (l'ho visti di persona e li conosco) tendono in molte cose al Pentecostalismo e quindi al protestantesimo alla Benny Hynn (il pastore americano).
    Il punto è però un altro, l'altro giorno uno di loro mi ha sventolato in faccia il decreto vaticano controfirmato dal Papa in persona, in cui sono riconosciuti a tutti gli effetti come i neocat. e quindi mi domando e dico: il Papa lo sà? Perchè firma e non fa niente?
    Le solite domande senza risposta...tranne ovviamente quelle che si leggono su questo blog per cui il Papa è ostaggio dei soliti noti perchè altrimenti ci sarebbe vera restaurazione...bla...bla...bla.
    La verità è che il nostro B.XVI è un estimatore scatenato del CVII e l'ermeneutica della continuità non esiste ovvero esiste per far star zitti i tradizionalisti.
    Come può esserci continuità in Nostra Aetate?
    Kyrie Eleison.

    RispondiElimina
  26. Ma il Prefetto per il culto divino è in sonno?? nOn mi risulta che nelle sinagoghe ebraiche o nelle moschee musulmane si "Festeggi" in simile modo?? Ora i cattolici  VERI debbono uscire dall'anonimato e senza fronzoli PRONUNCIARE FORTISSIMO il loro BASTA NON CI STIAMO. QUesta pagina fa il paio con la pagina del SECOLO XIX di OGGI dove è ripreso il  Giovane Parroco di Arenzano che si agita con la statuetta della VERGINE in MAno ma per favore !! Sto meditando seriamente di abbracciare il CREDO ortodosso.

    RispondiElimina
  27. Questi video non mi stupiscono: vi ho partecipato (e ahimé ho animato) per anni. Vi dirò di più: ho riconosciuto alcuni volti di conoscenti. Ogni messa e ogni preghiera del Rinnovamento sono così, si tratti del Rinnovamento nello Spirito, della Comunità Emmanuele e della Comunità Maria che dir si voglia. L'indottrinamento è forte e sottile: si viene invitati a non resistere allo Spirito...
    che dire? infantilismo e superficialità scambiate per doni dello Spirito!

    RispondiElimina
  28. E' il cosiddetto fenomeno del canto in lingue o glossolalia (da distinguere dalla xenoglossia). Per il Rinnovamento è il dono delle lingue; tuttavia, avendolo praticato, credo piuttosto che dentro ci sia molta psicologia della persona che lo produce.

    RispondiElimina
  29. Riformato? Riforma? Io direi rivoluzione! 

    RispondiElimina
  30. S. Giovanni in laterano purtroppo non è nuova a scempi del genere: ogni anno fino a due anni fa, per l'ordinazione dei diaconi neocat da parte di Ruini (chiedo scusa a Cajetan, ma non è colpa mia se sono costretta a citarli, è la verità) accoglieva l'allestimento dell'ipertrofica mensa (come se non ci fossero Altari!) con danza finale intorno e frammenti di pane aucaristico calpestato (tanto avviene la 'transifinalizzazione': lo diceva Lutero, ma lo dice anche Kiko Arguello)... Ora Vallini non fa più allestire la terribile mensa, dopo che abbiamo fatto anche circolare le foto degli abusi, ma le ordinazioni diaconali avvengono tuttora separate (neocat e diocesane normali, intendo) con celebrazioni diverse... chissà perché?

    RispondiElimina
  31. <span>S. Giovanni in laterano purtroppo non è nuova a scempi del genere: ogni anno fino a due anni fa, per l'ordinazione dei diaconi neocat da parte di Ruini (chiedo scusa a Cajetan, ma non è colpa mia se sono costretta a citarli, è la verita') accoglieva l'allestimento dell'ipertrofica mensa (come se non ci fossero Altari!) con danza finale intorno e frammenti di pane aucaristico calpestato (tanto avviene la 'transifinalizzazione': lo diceva Lutero, ma lo dice anche Kiko Arguello)... Ora Vallini non fa più allestire la terribile mensa, dopo che abbiamo fatto anche circolare le foto degli abusi, ma le ordinazioni diaconali avvengono tuttora separate (neocat e diocesane normali, intendo) con celebrazioni diverse... chissà perché?</span>

    RispondiElimina
  32. <span>S. Giovanni in laterano purtroppo non è nuova a scempi del genere: ogni anno fino a due anni fa, per l'ordinazione dei diaconi neocat da parte di Ruini (chiedo scusa a Cajetan, ma non è colpa mia se sono costretta a citarli, è la verita') accoglieva l'allestimento dell'ipertrofica mensa (come se non ci fossero Altari!) con danza finale intorno e frammenti di pane eucaristico calpestato (tanto avviene la 'transfinalizzazione': lo diceva Lutero, ma lo dice anche Kiko Arguello)... Ora Vallini non fa più allestire la terribile mensa, dopo che abbiamo fatto anche circolare le foto degli abusi, ma le ordinazioni diaconali avvengono tuttora separate (neocat e diocesane normali, intendo) con celebrazioni diverse... chissà perché?</span>

    RispondiElimina
  33. Le vestali?
    No, troppo conservatrici!
    Magari le praticanti della wikka che fa tanto trend :-D

    RispondiElimina
  34. <span>Le vestali? 
    No, troppo conservatrici! 
    Magari le adepte della wikka, che fa tanto trend :-D </span>
    <span>Si sa, la chiesa ci tiene ad essere all'avanguardia! </span>

    RispondiElimina
  35. http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/7184

    RispondiElimina
  36. I palloncini variopinti che salgono in alto trasmettono e ispirano una spiritualità che neppure san Giovanni della Croce ha mai provato.

    la ragazzina animatrice che sculetta mentre canta ed agita le braccia dando il cinque agli ultimi arrivati manifesta molto bene la profondità spirituale raggiunta in questo momento di preghiera; santa Teresa d'Avila, in confronto, era una dilettante allo sbaraglio. 

    Non ringrazieremo mai abbastanza il Grande Concilio Vaticano II per aver messo a disposizione di tutti tanta e tale spiritualità prima tenuta gelosamente nascosta in qualche cella di qualche monastero.

    Gemma Galgani avrebbe abbandonato le lunghe gonne e si sarebbe infilata un paio di jeans attillati e sarebbe corsa al fianco della ragazzina animatrice.
    Povera Gemma, quanto starà soffrendo per non aver potuto mai sperimentare una tale ebrezza spirituale.

    Noi, noi si che siamo fortunati ad avere a disposizione simili supermercati all'ingrosso della spiritualità. Tra l'altro è pure a buon mercato!

    RispondiElimina
  37. quando un fedele sobrio e riservato viene invitato a quelle riunioni, rimane subito sconcertato e turbato da quelle manifestazioni esteriori di "preghiera" fatta di acclamazioni, gemiti, esaltazioni collettive laudatorie, commozioni lacrimevoli contagiose, "testimonianze" fluviali di incontri "toccanti" col Signore che "ha fatto meraviglie nella mia vita....";
    se allora si permette di criticare tutto  l'apparato emotivo-canoro che fomenta l'esaltazione e suggestione collettiva -quella di essere "invasi" (=forse invasati) dallo Spirito-che-soffia-dove-vuole, dicendo magari sommessamente: "Ma...tutto questo mi sembra esagerato: pianti, gestualità vistosa, si perde il RACCOGLIMENTO, il silenzio interiore, che una volta era imprescindibile per accogliere il Signore, adorarlo e ringraziarlo anche nella S. Comunione", beh....
    è subito pronta la risposta da parte dei "rinnovati nello Spirito":
    "Ma vedi....il silenzio è segno di chiusura: devi sapere che<span> il Signore vuole essere lodato anche con tutto il corpo, </span>con gesti e voci di giubilo ! " (da cui l'invito-invocazione a "sciogliere la lingua", che è legata, e "le lingue"....che non si capisce bene da dove vengano....)

    RispondiElimina
  38. In realtà il mondo "carismatico" non è monolitico come sembrerebbe. L'attenzione si sposta inevitabilmente nel gruppo maggiore di riferimento, RNS. Ci sono però realtà "periferiche" che cambiano a seconda della Guida che le gestisce. Ad esempio i carismatici vicini a Padre Amorth.

    E' forse una fortuna che alcuni gruppi carismatici siano molto poco dipendenti da un centro assoluto. Per questo si possono trovare diversificazioni dipendenti dal Parroco, o dal Sacerdote che li segue. Anche se il fanomeno delle diversificazioni non è certamente esteso ed è numericamente irrilevante, rispetto ai gruppi più "famosi".

    RispondiElimina
  39. Mi viene in mente il profeta Elia...doveva aspettare il rumore della batteria e i gemiti della sacerdotessa RnS invece del vento leggero? E' che al tempo non esistevano, ma, se ci fossero stati, penso (io) che forse nel primo libro dei Re li avrebbero scritti al posto del terremoto, del fuoco e del vento impetuoso da spaccare i monti. Ma, mi rendo conto, stiamo parlando di Antico Testamento, noi invece siamo dopo il Concilio dei Concili, a chi l'andiamo a raccontare?

    RispondiElimina
  40. <span>"E´ di nuovo negli Stati Uniti che il pentecostalismo diventa anche fenomeno cattolico. Nasce dalla frequentazione di riunioni carismatiche protestanti da parte di studenti e insegnanti di due università cattoliche: la Duquesne a Pittsburgh in Pennsylvania e la Notre Dame a South Bend nell´Indiana. </span>
    <span>I primi battesimi nello Spirito con i relativi carismi, il parlare in lingue e le guarigioni, avvengono all´inizio del 1967. E molto rapidamente le conversioni si propagano. Specie tra i religiosi. Gesuiti, francescani, domenicani, benedettini ne sono conquistati a frotte. Tra le suore, interi conventi si fanno carismatici. David Wilkerson, uno dei pentecostali protestanti all´origine delle prime conversioni, aveva tentato di strappare i neofiti cattolici dall´obbedienza alla Chiesa romana. Ma senza successo. </span>
    <span>Il pentecostalismo cattolico nasce obbediente. Salvatore Martinez, attuale coordinatore del Rinnovamento nello Spirito italiano, tende a sminuire anche l´influenza iniziale delle correnti protestanti: </span>
    <span>«Più importanti sono le radici interne alla Chiesa cattolica: dal risveglio della devozione allo Spirito Santo con papa Leone XIII e la beata Elena Guerra, alla nuova Pentecoste di Giovanni XXIII e del Concilio Vaticano II».</span>
    (dall'art.cit di S. Magister:
    http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/7184)

    RispondiElimina
  41. Non mi pare si tratti di una messa.
    Comunque, aldilà del gusto personale di ognuno, continuare ad attaccare dei fratelli non è certo il modo migliore di testimoniare il Vangelo e la dottrina cristiana nella sua interezza a chi fratello invece non è.
    Anche a me non piace quella musica, preferisco, rimanendo nel genere, la musica che, professionalmente, producono molti gruppi pentecostali per lodare Dio.

    Anch' io, fino a poco tempo fa, passavo il tempo puntando il dito, ho frequentato addirittura la fsspx fino a due mesi fa ma, pur rimanendo rispettoso di una scelta e di un modo altrui di intendere la fede, mi sono semplicemente reso conto che non è quello il modo migliore.

    Un saluto

    RispondiElimina
  42. <span>"Un altro gesuita della Gregoriana, Carlo Maria Martini, il futuro arcivescovo di Milano, frequenta anche lui le prime riunioni carismatiche. Ma non si fa battezzare. Anche Paolo VI mostra forte simpatia per il nascente movimento. Delega il cardinale belga Leo Suenens, leader dell´ala progressista nel Concilio Vaticano II, a fargli da patrono.
    Il seguito del pentecostalismo cattolico è tutto in crescendo. Anche nel disordine. Come san Paolo con la sua turbolenta comunità di Corinto, il Vaticano e i vescovi cercano di frenare, troncare, sopire gli eccessi. Favoriscono il nascere di una federazione dei gruppi più obbedienti e moderati, con il nome di Rinnovamento nello Spirito. Il risultato è che i gruppi più vivacemente carismatici, con leader e guaritori, si mettono in proprio. In pace con la Chiesa, ma rifiutando lacci e lacciuoli. Padre Emiliano Tardif, canadese, missionario del sacro Cuore, morto lo scorso giugno, era il leader di spicco di quest´ala spontaneista, guaritore di fama mondiale, popolarissimo anche in Italia. Padre Raniero Cantalamessa, francescano, è invece tuttora il più autorevole e ascoltato predicatore dell´ala più disciplinata."</span>
    [....] P. Raniero: "<span>Sì, ha detto, anch´io mi sono fatto battezzare nello Spirito, anch´io ho parlato in lingue." «C´è dunque aperta anche per noi la possibilità di attingere lo Spirito per questa via nuova. Anzi, da venticinque anni nella Chiesa ciò sta avvenendo. Sono milioni e milioni coloro che attestano di aver vissuto, nel loro piccolo, questa Pentecoste». E Giovanni Paolo II? Non risulta si sia fatto anche lui battezzare nello Spirito."
    (l'art. cit..è del 1999)</span>
    Magister continua:
    <span>E se dietro avessero Gioacchino da Fiore? ....
    Dice padre Raniero Cantalamessa, predicatore della casa pontificia e carismatico fervente: «La storia sacra ha tre fasi. Nella prima, l´Antico Testamento, si è rivelato il Padre. Nella seconda, il Nuovo Testamento, si è rivelato il Cristo. Ora siamo nella terza fase, quando lo Spirito Santo brilla in tutta la sua luce e anima l´esperienza della Chiesa». Gioacchino da Fiore proprio questo profetizzò: la venuta di una terza e ultima età del mondo, quella dello Spirito Santo. Con una nuova Chiesa spirituale, tollerante, libera, ecumenica. Che prende il posto della vecchia Chiesa carnale, dogmatica, gerarchica, tutta lettera materiale invece che spirito."</span>

    RispondiElimina
  43. da tutti i segni e gli eventi a cui assistiamo -da 45 anni- dobbiamo dedurre, <span>e accettare, </span>dunque
    che siamo in quella   "terza fase":
    .... <span>una nuova Chiesa spirituale, tollerante, libera, ecumenica....?</span>
    :(

    RispondiElimina
  44. Sarà questo il modo migliore...

    RispondiElimina
  45. Purtroppo ho avuto anch'io la sfortuna di capitare accidentalmente in una messa (si può chiamarla ancora così?) di questi pseudo-movimenti. A parte la fascia di età dai 60 in su, questi incontri sono ricettacoli di eresie inconcepibili anche dal più fantasioso protestante, tanto che mi ricordo il celebrante (che non era del movimento) allibito per l'assurdità di certe sparate durante la preghiera dei fedeli, fatta ovviamente in maniera "comunitaria", cioè a turno ognuno dice quello che più gli pare e piace ("preghiamo per la signora maria che oggi compie gli anni e anche per suo figlio scapolo perchè trovi la morosa")

    RispondiElimina
  46. che tristezza infinita ... nella Cattedrale del Papa e del mondo ... secondo me queste cose in chiesa non dovrebbero avvenire.

    RispondiElimina
  47. ..boh! è il Mc Donald's della mistica.. ma credono di esser tutti dei Santa Teresa d'Avila e San Giovanni della Croce? Mah.. che manica di invasati, quelli si!
    "Lo sentoooo! Lo sentoooo!..aaaaaH".. Eccolo lì, l'elemento estatico-dionisiaco.. Probabilmente li troveremo di notte tra i boschi della garfagnana, nudi, a squartare cinghiali per propiziare riti orgiastici in lode a dio(niso) (..e questo ERA un rito dionisiaco..).

    Prof. Pastorelli, imbracci la doppietta a grani di sale grosso! Se non le riuscirà di difender la Fede, almeno proteggerà la Garfagnana!

    RispondiElimina
  48. Basilica Ss. Salvatoris Mater omnium ecclesiarum! da prendere a pedate, quei matti!

    RispondiElimina
  49. Ceci n'est que le commencement de la fin…

    RispondiElimina
  50. Ceci n'est que le commencement de la Fin… Vous en verrez bien d'autres…

    RispondiElimina
  51. Il problema in generale della Chiesa di oggi è la mancanza del silenzio interiore; purtroppo il Popolo di Dio, che ne sente la mancanza, privo di guida, si affida a supporti esteriori derivati dalla "simia Dei". le persone vengono tenute sotto un tallone di ferro, giusto per fare numero, solo pochi eletti -figli di qualcuno- vengono fatti avanzare ai piani alti, i soliti preti vagantes che per sentirsi importanti viaggiano per l'Italia da un gruppo all'altro ricerca sfrenata del miracolo... e poi? giovani che appena usciti dal gruppo si comportano come i figli di questo mondo!
    tanta attenzione ai gemiti inesprimibili e ben poca ad altri gemiti...

    RispondiElimina
  52. Sinceramente un mio caro amico mi diceva che aveva abbandonato il RnS perché altre comunità erano molto più carismatiche! il RnS è orgoglioso del plauso e dell'amicizia del fu Giovanni Paolo II, di svariati cardinali e vescovi, e praticamente di tutta la CEI. Rimini in primavera, ovvero l'incontro nazionale, è una passerella clericale degna del festival di Sanremo o di quello di Venezia. Ciò fa sì che nel RnS i "carismi" estremi vengano tenuti nascosti, chi esagera viene espulso o messo in un angolo, per piacere a loro.

    RispondiElimina
  53. Mi ha sempre stupito che, se lo Spirito Santo agisce nei pentecostali, li lasciava tranquillamente essere protestanti e non li avvicinava ai cattolici. la risposta che le alte sfere del RnS mi hanno sempre dato è stata: a) il silenzio; b) verrà il tempo. Naturalmente chi vuole le grandi conversioni alla Ratisbonne, non le troverà nel pentecostalismo americano.

    RispondiElimina
  54. bravissimo. è lì che si arriva, all'eresia del Da Fiore, fatta propria e propagandata, non scordiamocelo, dai Massoni.

    A Padre Ballalamassa sfugge un particolare: l'antica Alleanza ha dei segni e delle rivelazioni DIRETTE e inequivocabili: Dio ha voluto, e Dio si è fatto sentire; la Nuova Alleanza è l'Incarnazione, Passione e Resurrezione di NSGC, manifestazioen più chiara di così..
    Orbene: se un'altra alleanza deve venire, o caro padre Ballalamassa, io aspetterei almeno una rivelazione diretta, chiara e inequivocabile. Mi vorrà scusare se non mi fido delle umane conventicole, che vorrebbero sciogliere e ricreare ex novo la Chiesa fondata personalmente da Cristo.
    L'era dello Spirito, oh Ballalamassa, è cominciata il giorno di Pentecoste, ha guidato la Chiesa tra Gerusalemme, Nicea, Costantinopoli, Efeso.. Cartagine.. Trento.... Non ne arriverà una nuova. Arriverà solo la Grande Apostasia, come predisse l'Apostolo San Paolo ai Tessalonicesi.. sa, caro Ballalamassa, anche la Parola di S. Paolo è Parola di Dio.. è RIVELAZIONE.

    RispondiElimina
  55. ospite delle 20,3814 giugno 2010 20:38

    Scusate, ma il cardinale Vallini si infuria solo se è celebrata la S. Messa con rito Tridentino? Chissà s ne è a conoscenza di tali celebrazioni nella Cattedrale del Papa!!!!1

    RispondiElimina
  56. Già regolarmente la Basilica di S. Giovanni è liturgico-musicalmente profanata dal "maestro" Frisina... se ora ci si mettono pure quelli di RnS, allora è proprio vero: S. Giovanni in LUTERANO...

    RispondiElimina
  57. DANTE PASTORELLI14 giugno 2010 20:47

    Non ho mai amato le armi né mai le ho volute in casa. Ricordo mitragliatrici e cannoni, oltre a fucili e revolver, quando la mia casa in campagna presso l'aeroporto di Manduria fu requisita con la forza e negli oliveti circostanti fu installato un ospedale da campo. Mi son bastate le poche bombe e le incursioni dei marocchini per cui si dovevan nascondere le donne sui tetti coperte da tegole.
    Se il Papa  non usa il Pastorale, ci penserà S. Michele Arcangelo. O Satana col forcone.
    Non m'è mai capitato di veder nudo chicchessia in Garfagnana, anche perché il freddo molto spesso non lo consente. Inoltre i cinghiali, come peraltro volpi, daini e caprioli, passeggian ormai per strada anche nella mediavalle ed entran anche nel mio giardino mentre si sta a chiacchiera, a veglia. E i cacciatori se li dividono a caccia aperta, ma sopra ci posson bere un fiasco di vino e basta. In genere non credon più neppure a Dioniso, che riterranno  sia un tronista.

    RispondiElimina
  58. oooh! "<span>addirittura </span>la fsspx"!.. Ti sei lavato bene poi con l'acido muriatico? Grattato via bene con la spazzola per cavalli?

    io rispetto tutto e tutti, a casa loro, caro cattolico.
    Peccato a Chiesa cattolica abbia sempre, infallibilmente condannato certe dottrine, scelte e modi di intendere la Fede: la Fede non è mica il Cubo di Rubik.. e la Dottrina non è come una moltiplicazione, dove cambiando l'ordine dei fattori, il prodotto non cambia; il prodotto è cambiato drammaticamente, eccome, da quarant'anni a questa parte.

    RispondiElimina
  59. DANTE PASTORELLI14 giugno 2010 20:48

    Sempre che non gli faccia la prova del dna

    RispondiElimina
  60. DANTE PASTORELLI14 giugno 2010 20:53

    Ma Gioacchino da Fiore era più serio.

    RispondiElimina
  61. <span>oooh! "<span>addirittura </span>la fsspx"!.. Ti sei lavato bene poi con l'acido muriatico? Grattato via bene con la spazzola per cavalli? Chissà che shock deve esser stato assistere ad una Santa Messa, magari con un sacerdote che non prendeva il microfono per predicare tra i banchi raccontando storielle per babbei socialisti, ma faceva il segno della Croce prima di iniziare!!!
     
    Io rispetto tutto e tutti, caro cattolico. Ma il rispetto è una cosa, il credere che queste manifestazioni circensi siano "cattoliche" è un'altra.
    Peccato a Chiesa cattolica abbia sempre, infallibilmente condannato certe dottrine, scelte e modi di intendere la Fede: la Fede non è mica il Cubo di Rubik.. e la Dottrina non è come una moltiplicazione, dove cambiando l'ordine dei fattori, il prodotto non cambia; il prodotto è cambiato drammaticamente, eccome, da quarant'anni a questa parte.</span>

    RispondiElimina
  62. Guardia Svizzera14 giugno 2010 20:55

    E, mi dicono, pulitissimi.

    RispondiElimina
  63. il bello è che p. Raniero è <span><span>predicatore della casa pontificia, ricco di vasta dottrina....!</span></span>
    ma com'è possibile che tanti illustri uomini di Chiesa si siano fatti incantare da pifferai magici di ogni sorta, vecchi e nuovi, con tanta ingenuità ?
    e tocca a noi,  ora, piccole pecore sparse nell'orbe, tenere gli occhi aperti e la memoria ancorata al Depositum,
    INCATENATA, inattaccabile da tanti slogan melliflui,
    a NOI laici di piccola fede,
    ridotti ormai come Ulisse a sopportare il canto infido delle sirene.....
    ci tocca far di tutto per aprire gli occhi or a questo or a quello, a preti, vescovi e prelati, gruppi e movimenti:
    a spronarli perchè si sveglino, insistendo<span><span> "in ogni occasione opportuna e inopportuna" (2 Tm 4,2)....</span></span>
    mentre la navigazione in questo banco di SMOG MEFITICO sembra non finire mai   ??
    :(

    RispondiElimina
  64. <span>il bello è che p. Raniero è <span><span>predicatore della casa pontificia, ricco di vasta dottrina....!</span></span>  
    ma com'è possibile che tanti illustri uomini di Chiesa si siano fatti incantare da pifferai magici di ogni sorta, vecchi e nuovi, con tanta ingenuità ?  
    e tocca a noi,  ora, piccole pecore sparse nell'orbe, tenere gli occhi aperti e la memoria ancorata al Depositum,  
    INCATENATA, inattaccabile da tanti slogan melliflui,  
    a NOI laici di piccola fede,  
    ridotti ormai come Ulisse a sopportare il canto infido delle sirene.....  tappandoci con forza le orecchie!
    ....ci tocca far di tutto per aprire gli occhi or a questo or a quello, a preti, vescovi e prelati, gruppi e movimenti:  
    a spronarli perchè si sveglino, insistendo<span><span> "in ogni occasione opportuna e inopportuna" (2 Tm 4,2)....</span></span>  
    mentre la navigazione in questo banco di SMOG MEFITICO sembra non finire mai   ??  
    :( </span>

    RispondiElimina
  65. <span>tendono in molte cose al Pentecostalismo e quindi al protestantesimo alla Benny Hynn</span>
    ..in molte altre, tendono al ridicolo alla Benny HILL.

    RispondiElimina
  66. Ho frequentato per alcuni anni il RnS (negli anni 80), e me ne sono andato dopo aver notato che i cosidetti 'carismi' non sono altro che dei mezzi per appagare il protagonismo di alcuni. Con la frequenza alla Messa Tridentina, sono tornato a un buon rapporto con la spiritualita' e la giusta devozione cattolica. Qualche mese fa sono tornato alla messa del gruppo Rns 'Gesu Risorto' che mensilmente si tiene nella chiesa di S.Ignazio: davanti a tanti abusi liturgici son dovuto andare via per stare in pace con la mia coscienza prima che finisse la Messa.  

    RispondiElimina
  67. sicuramente lo saprà! ma se odia la Messa VO, è chiaro che preferisce questa, anche la più "estrosa" che ci sia: non bisogna metter limiti allo spiritodelconcilio !
    Invece, la Tradizione stia pure....dietro le sbarre, a guardare lo show; lei sì che è pericolosa, perchè sovvertirebbe l'"ordine costituito"! (infatti: "Nessuno può servire due padroni"....)
    the show must go on....
    (finchè Qualcuno non calerà il sipario!)

    RispondiElimina
  68. Che dire? Il Papa continua a ridere e a sorridere contento e felice. Abbraccia tutti, approva e controfirma tutto. Tutto gli va bene, non fa una piega. Entra nelle moschee, prega con i rabbini, bacia i pastori luterani, saluta con amore e fervore i neocatecumenali che accorrono ai suoi Angelus. Evoca il concilio e lo elogia ad ogni piè sospinto. Ubbidisce mansueto ai diktat anti-tradizionalisti provenienti dal suo entourage, tanto da accettare di non elevare a patrono dei preti cattolici il santo curato d'Ars, sfidando perfino il ridicolo e facendo retromarcia rispetto alle decisioni del giorno prima. Ma siamo sicuri che lo Spirito Santo non si sia sbagliato nello scegliere questo Papa? O forse Benedetto XVI e Joseph Ratzinger non sono la stessa persona! Pare impossibile che si tratti dello stesso individuo, perchè l'uno fa e dice cose che il secondo non avrebbe mai detto e mai fatto. Continua a fabbricare santi e beati come San Tosubito. Più passa il tempo e più aumentano di numero i viaggi apostolici in ogni parte del mondo. Tutto ciò che di deteriore faceva Woytjla, Ratzinger continua a farlo più ancora, disilludendo quanti speravano in un cambio di rotta radicale.
    A questo punto, le possibilità sono due: se abbiamo ragione noi tradizionalisti a ritenere la Chiesa post-conciliare fuori dalla Grazia di Dio, allora vuol dire che non è Ratzinger il Papa da noi auspicato, sperato e creduto. Se, invece, lo Spirito Santo ha fatto con Ratzinger un' ottima scelta, allora dovremmo credere che la Chiesa post-conciliare è la vera Chiesa di Cristo e pienamente cattolica e fonte di salvezza e che il concilio è stata la vera Pentecoste della Chiesa che giustamente ha ispirato i Papi del Concilio e del dopo Concilio. In tal caso, ad essere nell'errore dovremmo essere noi tradizionalisti e dovremmo cominciare a rassegnarci ad accettare questo tipo di Chiesa, che ci piaccia o no.
    Di una cosa, tuttavia, sono assolutamente certo: la "restaurazione" cattolica di Benedetto XVI si è ormai conclusa. Quel poco che ha fatto rappresenta tutto ciò che aveva intenzione di fare o che egli ha ritenuto di poter fare o che gli hanno consentito di fare a favore della Tradizione. Più di così non dovremmo verosimilmente aspettarci nient'altro. Credo che le frecce del suo arco siano già esaurite. Staremo a vedere cosa farà il suo successore, ma se il buon giorno si vede dal mattino, si staglia già all'orizzonte un lunghissimo inverno. Anche perchè, la pulizia che egli aveva promesso non è mai stata fatta e ai posti di comando, in Curia come nell'episcopato internazionale, si prospettano e prevedono, in larghissima parte, personaggi per nulla diversi dai predecessori. Basti pensare al caso Pell. E vedrete, ne sono certo, che lo stesso accadrà con i successori di Poletto e Tettamanzi. Segno, questo, che la Tradizione non sta particolarmente a cuore del nostro tanto decantato Pontefice, come noi, invece, ci eravamo persuasi. Il sogno di restaurazione si allontana e svanisce come una bolla di sapone. La fama conservatrice del "grande inquisitore" si sta svelando, ogni giorno di più, come una leggenda metropolitana, un fantasma di cartapesta che ci ha fatti sognare e che ora si sta manifestando in tutta la sua vera portata: un grande bluff.

    RispondiElimina
  69. ..esatto. Alquanto strano che il Papa abbia scelto Vallini come Cardinal Vicario.
    Uno che invita noi universitari ad essere "protagonisti" della nostra vita (Eminenza.. quello lo sappiamo già da soli, siamo tutti protagonisti credenti e praticanti .. ci dica altro, cribbio! Ci presenti un Altro Protagonista della nostra vita!.. macché..).. Uno che celebra le Messe etnicheggianti per "costruire insieme Roma come casa di tutti"..
    Oltre ad aver ostacolato in tutti i modi e minacciato di chiusura chi so io.. ma lasciamo stare.

    RispondiElimina
  70. Esatto.. Vallini è un prudente, silenzioso ma laborioso e accanito oppositore della Santa Messa VO (..e di tutta "tradiland", come dicono i fratelli francesi, per definire il mondo della Tradizione.)
    Anzi: siamo sicuri che non sia stato proprio Vallini a suggerire i palloncini colorati?!

    RispondiElimina
  71. <span><span> la Fede non è mica il Cubo di Rubik.</span></span>
    ma questo, ahimè, ce lo hanno fatto credere anche dall'alto e con l'esempio, che siccome le vie di Dio non sono le nostre... lo Spirito si manifesta in modi impensabili, e foss'anche in contraddizione con le verità "del passato" !
    (in realtà si preparava il primato della fantasia sulla ragione, con la sovversione del Logos: inquietante premonizione della "immaginazione al potere"!....)
    fin dal 1962, si è iniziato lo sganciamento dalla Roccia: Stat Veritas.
    Era giunta l'ora di muoversi!.....muoversi verso magnifiche sorti e progressive: di fare un grande balzo in avanti, rileggendo quelle parole:
    "Giovanni XXIII credeva fermamente che i nostri tempi fossero particolarmente favorevoli ad una nuova “primavera della Chiesa”, ad un “balzo innanzi”, ad una rinascita senza precedenti.
    Parlava apertamente di un “giorno foriero di luce splendidissima” di cui il Concilio rappresentava l’ “aurora”. Si distaccava, in questo, dalla visione che avevano avuto Pio X e Pio XII, più inclini a scorgere nella contemporaneità un’epoca di progressivo e terribile allontanamento da Dio.
    Scriveva Giovanni XXII l’8 dicembre 1962, a chiusura della prima sessione del Concilio:
    “sarà veramente la nuova Pentecoste che farà fiorire la Chiesa nella sua interiore ricchezza…sarà un nuovo balzo in avanti del Regno di Cristo nel mondo, un riaffermare in modo sempre più alto e suadente la lieta novella della Redenzione, l’annuncio luminoso della sovranità di Dio, della fratellanza umana nella carità…”.
    (da Concilio libero, di F. Agnoli)
    Eccolo, il balzo in avanti: la tigre fu scatenata e nessuno ora sa più cavalcarla!
    :(
    (si diceva una volta: <span><span>“natura nihil persaltum”....)</span></span>

    RispondiElimina
  72. ah ........ gia' non c' ero arrivato ..........

    RispondiElimina
  73. ho fatto vedere il video ad una mia amica di famiglia atea da generazioni .......

    se prima non aveva simpatie per i lefrebviani ... adesso comincia a capire .......

    questi in mezzo i piedi  n' ce li vojono manco i protestanti ..... manco CALVINO E LUTERO ......... ma 'ndo vanno oh ............

    e avete notato i due fraticelli , nel video,  che non sanno che fare ... non sanno come prendere il volo ......... dello SPIRITO SANTO !!!!!!!! 

    RispondiElimina
  74. Vedere poi queste cose in casa Sua, mi fa proprio temere che sia vero :'( :'( :'( :'(
    Condivido lo sconforto..

    RispondiElimina
  75. E che dire di Brandolini che veglia nell'ombra??? ;-)

    RispondiElimina
  76. Carissimi fratelli,
    il Rinnovamento nello Spirito è un movimento CATTOLICO riconosciuto dalla Chiesa. Nel RnS così come in tutti i movimenti Post-Conciliari ci sono numerose conversioni, donne e uomini che erano lontani da Gesù e dalla Chiesa che hanno cambiato la loro vita. Come potete criticare solo perché ci sono manifestazioni esteriori che non sono secondo i vostri canoni?
    Dai vostri discorsi mi sembra di sentire i primi Apostoli quando si scandalizzavano se Paolo predicava ai pagani o se lo Spirito Santo scendeva nella casa di Cornelio. Anche loro criticavano Pietro, eppure se lo Spirito Santo non avesse suggerito a Pietro di battezzare anche i pagani noi non saremmo qui a discutere di questi "problemi".
    Li riconoscevano da come si amavano, certo che se un lontano o qaualcuno che si avvicinasse appena alla fede entrasse in questo sito rimarrebbe scandalizzato da come ci divoriamo tra cattolici! Come volete fare conoscere Gesù? Con le preghiere in Latino?
    Ha ragione Benedetto XVI quando parla degli attacchi che vengono dall'interno della Chiesa. Il Signore abbia misericordia di noi.
    Vi voglio bene.

    RispondiElimina
  77. come si fa a non concordare con quest'amara analisi ?
    Il Papa ha lanciato una specie di "contrordine-compagni" nel 2007 che ha suscitato tante speranze, ma non potrà mai far applicare il MP con mezzi d'imperio, di questo ce ne siamo convinti in 3 anni, e soprattutto con l'ultimo increscioso evento sul curato d'Ars.
    La continuità c'è ma soprattutto con la linea del Concilio (del quale però non si è ancora dimostrata la continuità con la Tradizione): a parte le ottime petizioni di principio riguardanti la Tradizione immutabile, esso ora (<span>per</span> ora....salvo illuminazioni maggiori future dall'Alto) appare come la pietra miliare che segna l'inizio di una Nuova Chiesa, diversa da quella dei 1930 anni precedenti: è uno ktema irrinunciabile, pare che la Chiesa non possa farne a meno, (mitica questione: "ACCETTARE/O NON- IL CONCILIO"....), pur non avendo mai finora definito in che cosa consista -essenzialmente- quel contenuto imprescindibile a cui sempre fare riferimento ( e non avendo portato nessuna nuova dottrina a cui doversi riferire, come diceva Pastorelli).
    C'è nebbia fitta, e altro non si vede.

    RispondiElimina
  78. Che tristezza!! la mia cara basilica... dove passavo tutti i giorni quando andavo in PUL (università lateranense)...

    RispondiElimina
  79. ma neanche per idea !!!!!!!

    ........ sono sempre piu' convinto DELLE MIE POSIZIONI ........ QUELLO  che ho ricevuto da piccolo , da giovane ......... che piu' si va avanti e piu' sono chiare dentro di me

    ........ ringrazio il BUON DIO di avermi fatto SUA creatura anche se indegna ........ lo ringrazio per le cose che ho capito nell' arco vissuto fin' ora della mia vita , ma -----------  SOPRATUTTO .............  LO RINGRAZIO per le cose che NON CAPIRO' MAI !!!!!!!!!! .............

    RispondiElimina
  80. aveva ragione Pilato...

    RispondiElimina
  81. Mi sa che sapete troppe cose sui ..bordelli ;)

    RispondiElimina
  82. qui si cita spesso lo "spirito del Concilio"

    ma da questo post  viene fuori tutto quello che è lo spirito "tradizionalista"

    RispondiElimina
  83. e ridaie, ci risiamo col solito refrain del volemose bene....
    ma si è capito che al punto in cui siamo, ormai, parlare a questi fratelli "RINNOVATI" del problema che la Chiesa ha perso l'aggancio con la Verità, è solo tempo perso....perchè si sa:
    il Signore ci ama come siamo, e tutto il resto non conta, peccato, eresia, collaborazione o rifiuto della Grazia,
    ASCESI, soprattutto! e la Liturgia perenne e divina, che sarà?,
    tutta roba da rigattieri, sì, sì...caro amico, lo sappiamo, quello che conta è la civiltà dell'amore, ci siamo ...
    ci siamo dentro tutti, ed essere cattolici ha ben poca importanza....
    Il Signore salva tutti, perdona tutti, ha fatto tutto Lui....noi non dobbiamo far niente....solo lasciarci andare....
    non pensare, dormire....forse sognare.....farci cullare dal suo Amore....
    La vita è sogno, e anche la Chiesa: un sogno senza confini di spazio, di tempo, di Verità o non-verità!
    Amiamoci tutti, senza badare agli errori,  alla linea dritta, alla storta....
    e così sia !

    RispondiElimina
  84. I nostri canoni sono quelli della Tradizione (intesa come il plenum di tutto quello che la Chiesa ha detto nei secoli) e che (udite udite) dice anche il Concilio Vaticano II (grazie a personaggi come il bistrattato card Ottaviani). E' il Concilio che dice che la lingua latina e il canto gregoriano devono essere tenuti in grande considerazione; è il Concilio che "concede" qualche passo in lingua volgare. Che poi i vescovi e i preti ti abbiano fatto credere che il Concilio dica tutt'altro me ne dispiaccio, e non è colpa tua. Però una cosa è certa: nessuno, nemmeno il Concilio, ha mai fatto cenno ai palloncini colorati in Chiesa.

    RispondiElimina
  85. E' evidente come Cajetan non sa neppure con chi sta parlando e di cosa sta parlando.
    Non è molto cattolico giudicare l' altro senza conoscerlo.
    Non so se la Chiesa lo abbia mai condannato questo atteggiamento ma credo sia comunque poco cattolico.

    Detto questo, mi sento semplicemente di ribadire come non credo assolutamente si sia trattata di una messa, quindi non vedo assolutamente il problema.
    Ripeto. E' legittimo che non piaccia. Non piace neanche a me.
    Meno legittimo è che dei cattolici attacchino gratuitamente dei fratelli.

    RispondiElimina
  86. Non mi è piaciuta la battuta sul latino, che rimane la lingua ufficiale non solo dello stato vaticano, bensì anche delle rubriche liturgiche, tuttavia quoto il pensiero di Silvio, per quanto io non appartenza al Rns nè ami particolarmente la loro musica.

    RispondiElimina
  87. PERO' CI SONO I PALLONCINI E VANNO DI MODA I PALLONCINI E SONO LITURGICI I PALLONCINI !!!!!!!!!!! ....

    COSA IMPENSABILE PRIMA DEL CVII -----------

    DUNQUE QUALCOSA DI MARCIO IL CVII C' E'L'HA SI O NO !?!?!?! .............. 

    RispondiElimina
  88. Buon Silvio, vede, grazie alle preghiere in latino il Cristianesimo si è diffuso in tutto il mondo e ha prodotto migliaia di santi e martiri della fede nei secoli dei secoli. Di contro, grazie alla babele linguistica prodotta dal post-concilio (e NON dal Concilio, il quale aveva a buon diritto raccomandato la conservazione della lingua latina nella liturgia), la Chiesa Cattolica ha assistito, in pochissimi anni, al crollo clamoroso della pratica religiosa, al crollo clamoroso delle vocazioni sacerdotali e religiose, al crollo senza precedenti della liturgia. In poche parole, al crollo...della fede. Evidentemente, il latino attraeva moltissimo i fedeli.
    Carissimo Silvio, è principalmente questo il punto sul quale noi fedeli "classici" e voi fedeli "momentanei" saremo sempre in disaccordo. E' un vero peccato, perchè le prime osservazioni che lei aveva fatto mi erano parse anche condivisibili, ma poi, quando è  scaduto nelle idiozie sulla lingua liturgica, ha dimostrato tutta la debolezza e l'inconsistenza delle sue personali persuasioni. E, purtroppo, a quel punto a noi cadono le braccia e restiamo senza parole di fronte a tanta banalità...
    Le vogliamo bene.

    RispondiElimina
  89. Guardia Svizzera14 giugno 2010 22:48

    <span>Ho capito che cosa e' accaduto al minuto 1:18 del secondo filmato.</span>

    RispondiElimina
  90. La fede non sarà un cubo di Rubik... ma l'altro giorno ero nella Chiesa del Gesù, e ho visto un cubo ruggine che credo rappresentasse l'altare. Che meraviglia... si metteranno a ballare sul cubo i gesuiti.

    RispondiElimina
  91. Guardia Svizzera14 giugno 2010 22:49

    Sei dell' Opus Dei allora.

    RispondiElimina
  92. MA CEEERTOOOO!! E' TUTTO CHIARO! E' BRANDOLINI!!.. IL VESCOVO "FIGLIO SPIRITUALE" DI BUGNINI!!!!
    IL VESCOVO CHE TIENE AL DITO L'ANELLO DI BUGNINI, COME FOSSE UNA RELIQUIA!!!
    QUELLO CHE DEFINI' IL "MOTU PROPRIO" IL GIORNO PEGGIORE DI TUTTA LA SUA VITA!!!!

    E' LUI!!!

    LUI E' VICARIO DELL'ARCIPRETE DELLA <span>BASILICA DI SAN GIOVANNI IN LATERANO</span>!!!

    RispondiElimina
  93. Tra poco orineranno in chiesa come segno di festa e di gioia, per segnare il territorio dei cristiani... E tu sarai qui a ricordarci che siamo degli stolti perché ci scandalizziamo.

    RispondiElimina
  94. No, anche se conosco qualcuno di loro.

    RispondiElimina
  95. non credo che valga la pena di sprecare inchiostro per rispondere .............

    RispondiElimina
  96. Sempre con sti paragoni... mi pare che Pietro e Paolo, sulla crescita della Chiesa, abbian sortito un'effetto opposto al postconcilio...

    Ma finché non si capisce che tutta la Chiesa è in crisi, non si riesce a vedere il fondamento delle nostre critiche.

    RispondiElimina
  97. @Cantore

    La tradizione si forma ogni giorno, non è statica, non è un Libro.
    Non si può neppure dire che la tradizione sia un insieme di libri da 2000 anni a questa parte.

    Per il cattolico di ogni tempo c' è il Papa in unione coi vescovi affinchè la propria fede non sia fondata sull' opinione da trarre da un testo letterario, ma su esperienza giornaliera.
    Sono loro, Papa in unione coi Vescovi, la regola prossima della fede.
    Così insegna la chiesa(Pio XII se non erro).

    RispondiElimina
  98. Grazie a Kyrieeleison ho avuto una folgorazione!!

    Sapete che è il GURU della Liturgia a San Giovanni in Laterano???


    E' il delfino di Bugnini!! Il Vescovo che porta al dito il suo anello!!!!


    e' Brandolini!!!!

    Pensare che è pure nella Commissione Cei per la Liturgia!!... a lavorare!!

    RispondiElimina
  99. Per quel genere di spettacolo esistono sale apposite. Concedere la cattedrale del Papa è semplicemente scioccante, almeno dovrebbe esserlo.

    RispondiElimina
  100. Attaccare la sciatteria è un dovere per un cattolico. Non si onora così il Signore.

    RispondiElimina
  101. Non vedo il problema. Erano lì a lodare il Signore. Gesù Cristo.
    L basilica sarà stata semplicemente richiesta ed è stata concessa, credo regolarmente.

    RispondiElimina
  102. E dove sarebbe la negligenza e la pigrizia in quelle manifestazioni?...
    A me non piacciono, a lei non piacciono, lo abbiamo capito.

    Ma quelle canzoni non sono rivolte a me o a lei.

    RispondiElimina
  103. <span>Come potete criticare solo perché </span><span>ci sono manifestazioni esteriori che non sono secondo i vostri canoni?</span>

    Eh già, ragazzi.. lo sanno tutti che l'Enciclica Mirari Vos l'ho scritta io.. e la Pascendi? L'ha scritta Nike! e che dire della Mortalium Animos scritta da Francesco!...

    Ma non fermiamoci al di quà dello spartiacque, dell'Acheronte conciliare: ...sono nostri canoni pure la Sacrosanctum Concilium?.. Sono nostri canoni pure la Redemptionis Sacramentum?

    Già, ma a voi che ve ne frega del Magistero.. voi ormai viaggiate sulla wave dell'holy ghost.. le vibes dell'afterhour peace and love for a better world.

    RispondiElimina
  104. DANTE PASTORELLI14 giugno 2010 23:13

    Furono chiusi nel 58, avevo compiuto 19 anni da poco e non c'era stata né occasione né possibilità dove vivevo, neanche se ne avessi avuto voglia.. Quando a Guardia a occhio e croce deve esser di 30 anni almeno più giovane di me.

    RispondiElimina
  105. Ma cosa c' entrano tutte quelle encicliche con quanto sopra?

    RispondiElimina
  106. Guardia Svizzera14 giugno 2010 23:17

    La Chiesa non e' luogo di gazzarra o di comizio. Lei non vede negligenza nell'osservanza della sempiterna regola della Lex orandi in quelle tristi immagini? Allora, ripeto,  e'  dell'Opus Dei o a suddetto  "cammino"  contiguo.

    RispondiElimina
  107. Guardia Svizzera14 giugno 2010 23:18

    Ospitiamolo a Castel Sant'Angelo.

    RispondiElimina
  108. Ero a Roma a inizio maggio.. e l'ho visto anch'io. Non solo: nella cappelletta di sinistra c'era un "bel" momento young di adoration, una happy schitarrata con tanto di canzonette "bevo-e-sono-felice", cantate da un'impegnatissima figliola.. peccato l'impegno fosse inversamente proporzionale al risultato...

    RispondiElimina
  109. la TRADIZIONE è il magistero della CHIESA ,

    le tradizioni sono i costumi che si sono introdotti nella CHIESA ...... QUESTE si possono eventualmente cambiare è possibile , ma non la TRADIZIONE ........

    IL CREDO  E' QUALCOSA DI DEFINITIVO ....... NON si puo' cambiare il CREDO ........ MONS LEFEBVRE 

    RispondiElimina
  110. Certo che la Tradizione è statica. Né il Papa né chicchessia possono contraddirla o modificarla, al massimo si può spiegarla meglio e applicarla ai nostri tempi. Almeno che tu non parli della famosa "tradizione vivente"...

    RispondiElimina
  111. Se le leggessi forse ti daresti una risposta (onesta)... ad ogni modo saresti capace di spiegare perchè NON c'entrano? forse ne capiremmo di più.

    RispondiElimina
  112. e cmq non sono tutte encicliche... (pignoleria mia)

    RispondiElimina
  113. Scusate, ma le persone che ho conosciuto io vicine all'Opus Dei non si sognerebbero mai di pregare in tal guisa... oppure qcosa è cambiato?

    RispondiElimina
  114. E a Nostro Signore piacciono?

    RispondiElimina
  115. PASTOR AETERNUS PP PIO IX 

    LO SPIRITO SANTO in effetti non è stato promesso ai successori di PIETRO per permettere loro di divulgare in seguito alle sue rivelazioni una dottrina nuova , ma di custodire santamente e di esporre fedelmente con la sua assistenza le rivelazioni trasmesse agli APOSTOLI , cioe' il DEPOSITO DELLA FEDE .....

    RispondiElimina
  116. cosa c'entrano tutte quelle Encicliche?.. <span>è evidente come Cattolico non sa neppure con chi sta parlando e di cosa sta parlando. </span>
    Giusto Kyrieeleison (Dinoscopus docet!).. una è un'istruzione, un'altra è una costituzione dogmatica.. quisquiglie, pinzillacchere..

    RispondiElimina
  117. EHEHEH .......... magari funzionasse a dovere .............

    RispondiElimina
  118. DANTE PASTORELLI14 giugno 2010 23:37

    Io ho assistito per una mezzoretta a una loro massiccia manifestazione parecchi anni fa a Firenze: una fiera di canti, balli, grida, con gente che si rotolava in terra, altri che si correvano incontro, ululati ecc. Non seppi trattenermi dal ridere.
    Un'altra volta, in una chiesa fiorentina centrale, il gruppo dell'Emmanuele organizzò un'esposizione eucaristica: vicino alla balaustra c'era un cesto con dei bigliettini arrotolati: la gente andava e veniva rumorosamente da quel punto, sceglieva  e apriva i bigliettini: c'era scritta la grazia che ci era stata donata. Non ricordo con precisione cosa  mi prometteva quel bigliettino ma il contenuto era che avrei avuto degli incontri o delle visioni che mi avrebbero a breve cambiato gioiosamente la vita. E non m'è cambiato un bel niente. E' chiaro che lo Spirito ha soffiato da qualche altra parte.

    RispondiElimina
  119. DANTE PASTORELLI14 giugno 2010 23:39

    Ovvìa, a Dio piacciono. Parola di cattolico.

    RispondiElimina
  120. No, no.. Kyrie.. l'Opus è ben lontano da questi canes Domini.. che dei canes hanno salvato solo latrati e canili..

    RispondiElimina
  121. <span>No, no.. Kyrie.. l'Opus è ben lontano da questi canes Domini.. che dei canes hanno salvato solo latrati e canili.. Sono ancora un'ottima scuola, ringraziando Iddio.
    </span>

    RispondiElimina
  122. E il magistero vivente della Chiesa è il Papa con i vescovi a lui uniti...
    Altrimenti l' autorità è autorità morta e la tradizione è mera giustificazione di fini personali di auto-realizzazione.

    RispondiElimina
  123. Parlo della Tradizione Cattolica così come è sempre stata intesa. Ossia qualcosa la cui causa prossima è l' azione Papale e dei vescovi a lui uniti(Magistero Vivente) e la causa remota lo Spirito Santo di Dio.

    RispondiElimina
  124. AH !!!!!!! ........ dunque un po' come i bigliettini dei BACI PERUGINA !!!!!!!!!

    RispondiElimina
  125. Vittorio!!.. basta criticare gli altri coi nostri canoni!! Pio IX è morto o no di malattia? Stai a vedere che, fosse stato presente un bel laico carismatico, sarebbe non solo guarito, ma pure ringiovanito!!

    RispondiElimina
  126. DANTE PASTORELLI14 giugno 2010 23:50

    Papa in unione coi vescovi? Non so cosa tu voglia esattamente dire. Così come l'hai scritto siamo al conciliarismo. Il Papa non ha bisogno di questa unione per essere regola prossima della Fede. Può proclamare un dogma anche contro il parere dei vescovi se lo ritiene, ouò wesplicitare verità contenute nella crittura anche se osteggiato dai vescovi, perché impegna la sua autorità apostolica per cui è necessariamente assistito dallo Spirito Santo.
    Per esser nella Verità devono esser i vescovi in comunione col Papa. E' la dottrina fallace della Lumen Gentium dei due primi poteri che la Nota Praevia ha corretto purtroppo dopo l'errore firmato da Paolo VI. Il Papa detiene il supremo potere magisteriale che esercita da solo o assieme ai vescovi in concilio, il quale è valido solo se da lui approvato.
    Cerchiamo di non confonder le acque.

    RispondiElimina
  127. DANTE PASTORELLI14 giugno 2010 23:51

    Infatti lavora contro la Chiesa.

    RispondiElimina
  128. Prof. Pastorelli.. Suvvia.. ancora a domandarsi se è nato prima l'uovo o la gallina!.. Nebbia ha detto bene:
    <span>.."il Signore ci ama come siamo, e tutto il resto non conta, peccato, eresia, collaborazione o rifiuto della Grazia, ASCESI, soprattutto! e la Liturgia perenne e divina, che sarà?,tutta roba da rigattieri, sì, sì...caro amico, lo sappiamo, quello che conta è la civiltà dell'amore, ci siamo ...ci siamo dentro tutti, ed essere cattolici ha ben poca importanza....Il Signore salva tutti, perdona tutti, ha fatto tutto Lui....noi non dobbiamo far niente....solo lasciarci andare....non pensare, dormire....forse sognare.....farci cullare dal suo Amore....La vita è sogno, e anche la Chiesa: un sogno senza confini di spazio, di tempo, di Verità o non-verità! Amiamoci tutti, senza badare agli errori,  alla linea dritta, alla storta...."</span>

    RispondiElimina
  129. Perchè sono encicliche, soprattutto la Mirari Vos, che non trattano il modo con il quale una persona può rivolgersi a Dio dal suo intimo.

    Non vedo dunque la correlazione, se non quella di andare contro a tutti i costi.

    Per quanto riguarda gli altri due documenti in materia liturgica non c' entrano nulla, non essendo quella in video una liturgia.

    RispondiElimina
  130. E' Pio XII a parlare nella Humani Generis in maniera magistrale di Magistero Vivente.
    Contrapporre il Magistero Vivente, ossia il Papa e i vescovi al Papa uniti, alla Tradizione esclude a priori una qualsiasi possibilità di seria riflessione teologica. Almeno cattolicamente parlando.

    RispondiElimina
  131. Guardia, e tu di dove sei di San Michele o di Sant'elia?

    RispondiElimina
  132. Ecco un'altro che ha bisogno di studiare.

    http://www.maranatha.it/news/Gherardini.htm

    RispondiElimina
  133. A parte che si tratta di una preghiera non intima ma pubblica... se c'è bisogno di un'enciclica per far capire che l'abitazione di Dio merita il giusto rispetto e decoro, siamo messi male.

    RispondiElimina
  134. <span><span>@ Lore “Non si onora così il Signore”. (1di2)</span></span>
    <span><span>Questa mi è piaciuta tmolto. E ci puoi dire, secondo il tuo punto di vista, in che modo lo si deve onorare? E a quale manuale ti riferisci?</span></span>
    <span><span>Sarei lieto di saperlo così che anche io possa meglio onorare, lodare e glorificare il Signore. Grazie.</span></span>

    <span><span>Il Signore degli eserciti preparerà su questo monte un banchetto di grasse vivande, per tutti i popoli, un banchetto di vini eccellenti, di cibi succulenti, di vini raffinati. (cfr Is 26, 6)</span></span>
     <span><span>...</span></span><span><span>è giunto il momento, ed è questo, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; perché il Padre cerca tali adoratori. (Gv 4,23)</span></span>
     <span><span>Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. (Mt 7,21)</span></span>
     <span><span>Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, </span></span><span><span><span><span>( ebreo, neocatecumenale., focolarino, lefevriano, tradzionalista, modernista, luterano, cinese, senegalese, ecc.)</span></span></span></span><span><span> e neppure come questo pubblicano. (Lc 18,11)</span></span>
     <span><span>La via della nostra preghiera è Cristo, perché essa si rivolge a Dio nostro Padre, ma giunge fino a lui solo se, almeno implicitamente, noi preghiamo nel Nome di Gesù. La sua umanità è, in effetti, l’unica via per la quale lo Spirito Santo ci insegna a pregare il nostro Padre. Perciò le preghiere liturgiche si concludono con la formula: «Per il nostro Signore Gesù Cristo». (Comp CCC 560)</span></span>

    RispondiElimina
  135. <p><span><span>Lore “Non si onora così il Signore”. (2di2)</span></span>
    <span><span>Che la preghiera si faccia anche con il corpo è un dato antropologico universalmente acquisito. Infatti, l’uomo intero è coinvolto in questa attività particolarissima e totalizzante, che si esprime e passa proprio attraverso la sua corporeità.</span></span>
    <span><span>Si prega con le diverse posizioni che l’orante assume, con le mani, con gli occhi, con la bocca, con le braccia, con le ginocchia… con tutto il nostro corpo che ci permette di manifestare e di realizzare in qualche modo il nostro desiderio di entrare in rapporto con Dio.</span></span>
     <span><span>Il corpo, come dice San Paolo, non è per l'impudicizia, ma per il Signore, e il Signore è per il corpo. (cfr 1Cor ,13)</span></span>
    <span>“<span><span>il mio cuore e la mia carne esultano nel Dio vivente” (Sal 83).</span></span></span>
    <span><span>Ecco la nostra preghiera, la sintesi di tutto il Vangelo:</span></span>
     <span><span>Voi dunque pregate così:
    Padre </span></span><span><span><span>nostro</span></span></span><span><span> che sei nei cieli,
    sia santificato il tuo nome; (Mt 6,9)</span></span>
    <span><span>Buona preghiera a tutti!</span></span></p>

    RispondiElimina
  136. <p><span><span>Lore “Non si onora così il Signore”. (2di2)</span></span>
    <span><span>Che la preghiera si faccia anche con il corpo è un dato antropologico universalmente acquisito. Infatti, l’uomo intero è coinvolto in questa attività particolarissima e totalizzante, che si esprime e passa proprio attraverso la sua corporeità.</span></span>
    <span><span>Si prega con le diverse posizioni che l’orante assume, con le mani, con gli occhi, con la bocca, con le braccia, con le ginocchia… con tutto il nostro corpo che ci permette di manifestare e di realizzare in qualche modo il nostro desiderio di entrare in rapporto con Dio.</span></span>
     <span><span>Il corpo, come dice San Paolo, non è per l'impudicizia, ma per il Signore, e il Signore è per il corpo. (cfr 1Cor ,13)</span></span>
    <span>“<span><span>il mio cuore e la mia carne esultano nel Dio vivente” (Sal 83).</span></span></span>
    <span><span>Ecco la nostra preghiera, la sintesi di tutto il Vangelo:</span></span>
     <span><span>Voi dunque pregate così:
    Padre </span></span><span><span><span>nostro</span></span></span><span><span> che sei nei cieli,
    sia santificato il tuo nome; (Mt 6,9)</span></span>
    <span><span>Buona preghiera a tutti!</span></span></p>

    RispondiElimina
  137. professiamo un credo diverso da quello nicenocostantinopolitano?

    RispondiElimina
  138. camomillaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  139. Mi riferisco a quello che ha fatto la Chiesa per 2000 anni... non so se basta.

    RispondiElimina
  140. A regola serviva il RnS per scoprirlo.

    RispondiElimina
  141. Sarò pedante e ripetitivo...però..."La Chiesa postConciliare è fuori la Grazia di Dio", "Lo Spirito Santo ha forse sbagliato nello scegliere questo Papa?"...a me, paiono affermazioni sedevacantiste, o cripto-sedevacantiste...

    RispondiElimina
  142. Nobis quoque peccatoribus15 giugno 2010 03:31

    Preferisco ricordare il solenne Pontificale del Cardinale Canizares il 7 gennaio scorso, non a caso organizzato da tradizionalisti anglofoni. Anche l'omelia fu in inglese.

    Per Mons. Brandolini ed altri si sara' trattato di un "abuso". Il bene viene ora chiamato male e viceversa e pochi possiedono ancora il giusto codice di lettura.

    FdS

    RispondiElimina
  143. Lo ammetto, non ho avuto la pazienza di leggere tutti e 136 i commenti, forse qualcuno avrà già risposto.... Ma si può sapere chi erano questi disperati? E' intollerabile che a distanza di quasi cinquant'anni dal Concilio queste oscenità siano ancora diffuse e applicate. La Chiesa si interroga sull'abbandono dei fedeli alla partecipazione rituale. Forse non si è accorta che un rito non esiste più. Grazie a loro stessi. Questo blog è magnifico! Continuerò a leggerlo con grandissimo interesse!
    :)  

    RispondiElimina
  144. il sogno di Gesù15 giugno 2010 07:32

    <span>guardate tutti questo video, molto istruttivo:  
    si tratta di una trasmissione (doppiata in italiano) dove alcune persone, tra le quali  il <span>pastore Benny Hinn,</span>   sono riunite a parlare della grande unione dei cristiani di tutte le confessioni, auspicato sotto il patrocinio e il pontificato di Papa Giovanni Paolo II;  
    ascoltate il prete che elogia la grandezza di Papa GPII, che ha "influenzato il mondo intero, e che ha agito sotto l’opera dello Spirito Santo", in vista della futura unità di tutti i cristiani;  
    ascoltate la dichiarazione entusiasta di quella signora che dice: "Tutti nel mondo lo ammirano per la sua fermezza e la sua santita’...";  
    Infine ascoltate la preghiera di lode conclusiva (simile a tutte quelle carismatiche sia protestanti che cattoliche):  
    "Signore, ti ringraziamo per questa riunione (ecumenica), e per questo pastore Benny Hinn!  
    Aiutaci Signore ad essere pieni di rispetto e amore per tutti,  per quelli di tutte le confessioni....."  
    e alla fine dice che QUESTO E' IL SOGNO DI GESU' CHE SI DEVE REALIZZARE  !  
    -------------  
    http://www.youtube.com/watch?v=OmLAAfeKQMI&feature=related  
     

    http://www.youtube.com/v/OmLAAfeKQMI&feature" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140

    Titolo:  
    La Chiesa cattolica rinnovata attira tutti a se n.2   
    Il prete dunque chiama questa riunione futura di tutti i cristiani<span> "il sogno di Gesu’"!....</span>  
    <span>d'accordo, capisco che si vuole riferire a quella frase di Gesù:</span>   
    <span>"saranno </span><span>un solo ovile sotto un solo pastore", </span><span>ma il problema è COME saranno riuniti, DOVE e sotto QUALE pastore! e su questo problema c'è un caos di dottrina e coscienze indescrivibile nei credenti di ogni fede, ma anche nei cattolici !</span>  
    :(  ...  :(  ...  :( </span>

    RispondiElimina
  145. DANTE PASTORELLI15 giugno 2010 07:39

    Felicemente sposati, semmai possono mancare ai preti anticelibatari, di cui forse sei un esponente.

    RispondiElimina
  146. il sogno di Gesù15 giugno 2010 07:40

    ma se volete avere un'idea di quale sia la consapevolezza che oggi regna tra i cattolici, soprattutto gli appartenenti ai movimenti, come i fans sfegatati del RnS, leggete la ma leggete la didascalia apposta al video dal suo autore del video, scomandro70, ovviamente un carismatico:

    <span>"</span><span> <span></span></span><span><span>Adesso e' il tempo in cui lo Spirito Santo sta rinnovando la faccia della terra e personaggi come Giovanni Paolo II hanno lasciato davvero il segno,al punto che le religioni cristiane anche protestanti stanno cercando un punto d'incontro per l'unita'. Il chiamare * dei Sacerdoti cattolici Salesiani dell'ordine di Don Bosco significa che la Chiesa Evangelica vuole un dialogo una apertura....Sempre stando nell'obbedienza della Chiesa universale l'incontro con questi fratelli potra' creare un punto di dialogo e nuove prospettive religiose. Questi Sacerdoti cattolici hanno pregato con i fratelli protestanti ed erano in accordo davanti a DIO.</span></span>
    <span><span>E' davvero incredibile quello che e' successo in questa trasmissione del Pastore Benny Hinn!</span></span>
    -----------
    *cattivo italiano:
    il chiamare = il fatto che un sacerdote salesiano sia chiamato (o invitato da....)
    ....e se  poi leggete il tenore dei commenti seguenti, con il carsiamtico che dialoga con i protestatni ....
    (aiuto!....sì, è davvero incredibile, ma ci faremo il callo, a questi dialoghi ecumenici....)
    :'(

    RispondiElimina
  147. Quindi, purché non si celebri messa, si può anche, mi si passi il termine, "cagare" in basilica?
    Si vede che hai le idee alquanto appannate.

    RispondiElimina
  148. DANTE PASTORELLI15 giugno 2010 07:44

    Ma io non mai scritto un'enciclica? Perché mi dimentichi? Non sono anch'io un aspirante papa multinickiano?

    RispondiElimina
  149. DANTE PASTORELLI15 giugno 2010 07:48

    <span>"E' evidente come Cajetan non sa neppure con chi sta parlando" scrive CATTOLICO..</span>
    Bene scrivi con nome e cognome, titoli ecc. e così sapremo tutti con chi stiamo parlando.

    RispondiElimina
  150. DANTE PASTORELLI15 giugno 2010 07:57

    Intanto vedo che hai cambiato la disposizione dei soggetti, in modo corretto. Inoltre Pio XII sapeva cosa diceva. Oggi questa tradizione vivente è tutto e il contrario di tutto. Pio IX diceva: la Tradizione sono io. Leggiti il bel libro di Gheradini sul Concilio V. II.

    La Tradizione si concentra nel Papa, e nei vescovi a lui uniti se lui li vuol render patecipi di suoi atti magisteriali, quando il suo Magistero mantiene intatto il Deposito o esplicita in modo infallibile il contenuto della Rivelazione, la quale si è conclusa con la morte dell'ultimo Apostolo. Neppure i Papi possono altro rivelare.

    RispondiElimina
  151. D'accordo su gran parte delle cose che si son dette... ma trovo di pessimo, pessimo, pessimo gusto accostare la parola "bordello" al nome della prima cattedrale del mondo. Ne sono veramente scandalizzato.

    RispondiElimina
  152. Guardia Svizzera15 giugno 2010 09:08

    Parrocchie eretiche.

    RispondiElimina
  153. Guardia Svizzera15 giugno 2010 09:12

    Infatti nella mia citta'gli Operai  sono contigui al Cammino Kikiano. Credetemi l'Opera e' un bluff. Ed io so giocare a poker... Anche  perche' il catechismo di San Pio X quale mezzo sicuro di discernimento di scempiaggini e' proibito.

    RispondiElimina
  154. Letto. Ce l' ho qui in camera.

    RispondiElimina
  155. Per quanto sia io uno che tende a scandalizzarsi molto poco, purtroppo ha ragione lei padre.
    Ma questo è ahimè un modo di parlare che ho potuto tristemente appurare e non raramente in alcuni ambienti tradizionalisti. Grazie a Dio invece ci sono tante realtà, "tradizionaliste" e non, che evitano questo tipo di termini associati a delle chiese.

    Non di minore gravità il fatto di un ragazzo vicino alla fsspx che non si inginocchiò al Pantheon, essendo quella Chiesa modernista(il che in gergo significa "laddove celebra un prete modernista").
    Questa è una cosa che mi fu raccontata da un caro amico che segue la messa dell' indulto in quel di Roma,

    RispondiElimina
  156. Non è assolutamente vero che le varie confessioni cristiane siano oggi più vicine tra loro di un tempo, tutt'altro. Protestanti e ortodossi non accetteranno mai di autodissolversi per confluire nella Chiesa di Roma, anzi, essi sperano l'esatto contrario: essi sperano che la Chiesa di Roma si autoannienti e perda la propria identità originaria per avvicinarsi alle loro eresie. L'ecumenismo è soltanto una grandissima illusione, un enorme bluff a cui solo gli ebeti potrebbero credere. Mons. Maggiolini, vescovo di Como, sosteneva che l'ottimismo è la virtù degli imbecilli.

    RispondiElimina
  157. ha fatto BENISSIMO !!!!!!!!! .. il CARDINALE PELL ha rinunciare alla candidatura per '' motivi di salute ,, e a rimanere in AUSTRALIA a coltivare e ANIME ......

    MA CHI GLIELO FA FARE DI ABITARE I PALAZZI APOSTOLICI NIDO DI SERPENTI E CORTE DI EUNUCHI !!!!!!!!!! .........

    ...... lo ha capito in pieno ...........  e POVERO PAPA ......... tutto intorno hanno fatto muro .........

     TUTTO ....... grazie sempre al democratico cristiano di PAOLO VI ....... 

    RispondiElimina
  158. se mai è stata proposta la CANDIDATURA !!!!!!!! .....

    RispondiElimina
  159. E non si scandalizza invece per quello che vi succede dentro? Sa cosa le dico io invece? Che mi sono vergognato che in una basilica patriarcale stesse accadendo quel "bordello", e lo rivendico con fierezza, dato che, le confido, sono stato io a scegliere quella parola.
    D'altra parte Dante (il Sommo) aveva usato ben altre parole per definire la Chiesa, ed effettivamente, vedendo i guai che sta passando, devo dire che quelle parole sono certamente folgoranti per la loro attualità. Non le dico quali parole, perché sono certo che lei le ricorderà.

    Tralascio invece di giudicare i fatti "per sentito dire" che suggerisce Cattolico.

    Propongo invece (ed era mia intenzione fin dall'inizio) a quanti ne avranno voglia di inviare il materiale qui pubblicato agli Uffici di Curia competenti: almeno si rendano conto di quello che accade in casa loro. E non sono l'unico ad esserne angustiato, dato che, quel giorno, trovando un monsignore, ne ho percepito lo sgomento e tutto il senso di impotenza.

    RispondiElimina
  160. Se non fossimo ottimisti non avremmo nè fede (fiducia) nè speranza(di salvezza in seguito a pentimento).
    Sicuramente Sua Eccellenza sarà stato frainteso.

    Il concetto di ecumenismo, inteso in maniera corretta, nulla ha a che vedere con quello di sincretismo e dunque è tutt' altro che un enorme Bluff.
    Anche perchè, se così fosse, la Chiesa tutta sarebbe un enorme bluff, dato che la Chiesa è da sempre ecumenica.

    Sul fatto che le professioni cristiane oggi siano più unite bisogna capire che cosa vogliamo intendere con il termine unione. Se intendiamo unione di fini certamente sono unite.
    Il protestantesimo odierno, formato al 99% dalle chiese evangeliche pentecostali, pur non avendo la comunione con la Chiesa Romana, è pieno di persone ammirevoli per il loro zelo che, in non rari casi, va nella medesima direzione dello sforzo cattolico.
    Stessa cosa riguarda la Chiesa Ortodossa con la quale, non a caso, il Papa Benedetto e i suoi successori, hanno iniziato in maniera proficua una collaborazione contro alcune insidie comuni che vengono dal mondo.

    RispondiElimina
  161. <span>Se non fossimo ottimisti non avremmo nè fede (fiducia) nè speranza(di salvezza in seguito a pentimento).  
    Sicuramente Sua Eccellenza sarà stato frainteso.  
     
    Il concetto di ecumenismo, inteso in maniera corretta, nulla ha a che vedere con quello di sincretismo e dunque è tutt' altro che un enorme Bluff.  
    Anche perchè, se così fosse, la Chiesa tutta sarebbe un enorme bluff, dato che la Chiesa è da sempre ecumenica.  
     
    Sul fatto che le professioni cristiane oggi siano più unite bisogna capire che cosa vogliamo intendere con il termine unione. Se intendiamo unione di fini certamente sono unite.  
    Il protestantesimo odierno, formato al 99% dalle chiese evangeliche pentecostali, pur non avendo la comunione con la Chiesa Romana, è pieno di persone ammirevoli per il loro zelo che, in non rari casi, va nella medesima direzione dello sforzo cattolico.  
    Stessa cosa riguarda la Chiesa Ortodossa con la quale, non a caso, il Papa Benedetto e i suoi predecessori, hanno iniziato in maniera proficua una collaborazione contro alcune insidie comuni che vengono dal mondo.</span>

    RispondiElimina
  162. Luis Moscardò15 giugno 2010 10:35

    Il filmato? Giochi deficienti per bambini intelligenti o giochi intelligenti per bambini deficienti? Questa è la gran questione.
    Amareggiato e schifato chiedo una moratoria per queste cose ributtanti nei luoghi di culto: che prendano tendoni e maxischermi e si sfoghino a dovere. Quelle che abbiamo visto sono immagini dell'offerta di Caìno.

    RispondiElimina
  163. Guardia Svizzera15 giugno 2010 10:35

    <span>Lo scandalo e' in chi l' ha ridotta siffatto luogo. l'espressione e' stata forte  , verissimo, ma mossa dallo zelo divorante per la Sua Casa. Lei guarda il dito o la Luna?</span>

    RispondiElimina
  164. Mah... Io sono stato agli incontri di Padre Gabriele a San Camillo in Roma, zona centro. L'incontro si apriva con una preghiera (normale), proseguiva con l'Adorazione Eucaristica meditata, con alcune illuminanti catechesi di Padre Gabriele, e si chiudeva con la Santa Messa. Ma una Messa normale (anche se NOM). Sicuramente devota e assolutamente opposta a queste immagini. Anzi, i canti erano accompagnati dal violino e dall'Organo. Se qualcune è di Roma potrà andare e vedere. Quindi, il discorso di queste realtà periferiche e della impronta che possono ricevere a secondo di chi le guida è un discorso concreto. Certamente numericamente poco rilevante.

    RispondiElimina
  165. in quale negozio vendono questi occhiali rosa? ;-)

    RispondiElimina
  166. <span>in quale negozio vendono questi occhiali rosa? ;) </span>

    RispondiElimina
  167. Beh, appena si libera il posto di Nunzio Apostolico a Teheran, senz'altro.
    Sempre sperando che pure a Teheran vi sia un bel Tempio del GADU.. Non vorrei privare Brandolini delle sue pie devozioni e pratiche di culto.

    RispondiElimina
  168. Mea culpa!.. Come non ricordare l' Ad extirpanda (de medio Populi Christiani haereticae pravitatis zizania) del Prof. Pastorelli!!
    Ovvio, sono canoni nostri..

    RispondiElimina
  169. Guardi, lasci perdere.. A febbraio mi sono trovato a fare una "catechesi" per 'gggggiovani capi scout, e la meditazione che verteva sul Padre Nostro diceva così (tenetevi forte!):
    " Apparteniamo tutti a un'unica famiglia: quella dei figli di Dio. Eppure il cristianesimo reale, quello concretamente espresso nella storia e presente tuttora nella religiosità quotidiana, non sembra volersi preoccupare troppo d'insistere su questa motivazione radicale. In fondo è strano constatare che ai cristiani, come segno di appartenenza,<span> viene chiesto di pronunciare un Credo secondo formule che per molti hanno scarso significato</span>, mentre non viene effettuata alcuna verifica sul modo di intendere il Padre Nostro.." (Maggi, Thellung, La conversione dei buoni- editrice Cittadella)

    Questa era la meditazione propostaci dall'AE, Assistente Ecclesiastico, come si è soliti chiamare il sacerdote.. Tipo gli ASA, gli Assistenti Sanitari degli ospedali, insomma.. Va beh, che vorrai.. era milanese, nato alla scuola di Martini (che non mancava mai di esaltare).
    C'est ça qu'on appelle: avvelenatori di pozzi.

    Poi.. Bisognerebbe chiedere a molti se è vero che "per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal Cielo".. Mi sembra che ormai qualcuno lo neghi apertamente. A meno che non confonda "salvezza" con "solidarietà".
    E che dire del resurrexit tertia die, secundum Scripturas..et ascendit in coelum: sedet ad dexteram Patris? Bah.. tuttalpiù "simboli" da interpretare "teologicamente"..
    Non parliamo poi del Credo Atanasiano!!! O del Credo Tridentino!.. Su quelli, cadono tutti. Peccato che siano versioni validissime dell'Unico Credo, dell'Unica Fede.

    RispondiElimina
  170. Poi certo, il Vicario dell'Arciprete di quella Basilica è Bugnini Junior!.. Ma come, in casa di Benedetto XVI mettere uno come lui? Non è un caso che poi gli si organizzi quel "bordello".

    RispondiElimina
  171. Guardia Svizzera15 giugno 2010 12:03

    <span>In effetti Egli impartisce la Comunione in ginocchio ed in bocca a San Pietro ,  mentre nello medesimo istante  due metri piu' in la' i Suoi preti la distribuiscono come dei croupiers.</span>

    RispondiElimina
  172. Ammetto che sono stata anch`io sorpresa da quel termine. anche se in francese "quel bordel" vuol dire "che disordine"...e non è forse disordine, sintomo di un grande e grave disordine permettere che quel genere di manifesattione, spettacolo, avvenga nella cattedrale del Papa?
    Trovo poi di particolare cattivo gusto appoffittarne per screditare i tradizionalisti, cattolico,lei mi aveva abituato a ben altro livello di commenti, ...quando scriveva con un altro nick.

    RispondiElimina
  173. <span>
    <span>Ammetto che sono stata anch`io sorpresa da quel termine, anche se in francese "quel bordel" vuol dire "che disordine"...e non è forse disordine, sintomo di un grande e grave disordine permettere che quel genere di manifestazione, spettacolo, avvenga nella cattedrale del Papa? 
    Trovo poi di particolare cattivo gusto appoffittarne per screditare i tradizionalisti, cattolico, lei mi aveva abituato a ben altro livello di commenti, ...quando scriveva con un altro nick.</span></span>

    RispondiElimina
  174. Guardia Svizzera15 giugno 2010 12:14

    <span>Primo : il 99% degli eretici protestanti sono Pentecostali? Non ' vero. Forse in Brasile e USA. </span>
    <span>Secondo: e' falso che i fini Dell' Una e Santa siano i medesimi degli eretici. La Prima infatti mira alla Verita' ed alla Salvezza . I secondi all' Eresia e dunque alla Perdizione.</span>
    <span>Torni all'Opera..</span>

    RispondiElimina
  175. ...Boh!.. allora sono scissionisti, come i clan della camorra..
    E' grazie a dei giovani numerari se ho imparato le lauretane in latino..

    RispondiElimina
  176. Tradurrò questo commento ai miei vicini evangelici, che, dopo aver tentato in mille modi e con grande costanza, hanno rinunciato a convertirmi! 
    Ah, senza dubbio persone pieno di zelo proselita che, dopo aver ampiamente espresso il loro poco rispetto per il Papa e la Chiesa cattolica, passano alla tappa seguente e cioè: ma MALGRADO tutto dobbiamo unirci contro le insidie del mondo = voi cattolici dovete rinunciare a tutto ciò che ci separa, la lotta è molto più importante che i vostri dogmi !

    RispondiElimina
  177. <span>
    <span>Leggendo il commento di cattolico mi sono  venuti in mente i miei vicini evangelici che, dopo aver tentato in mille modi e con grande costanza, hanno rinunciato a convertirmi!  
    Ah, senza dubbio persone pieno di zelo proselita che, dopo aver ampiamente espresso il loro poco rispetto per il Papa e la Chiesa cattolica, passano alla tappa seguente e cioè: ma MALGRADO tutto dobbiamo unirci contro le insidie del mondo = voi cattolici dovete rinunciare a tutto ciò che ci separa, la lotta è molto più importante che i vostri dogmi ! </span></span>

    RispondiElimina
  178. Guardia Svizzera15 giugno 2010 12:27

    <span><span>Primo : il 99% degli eretici protestanti sono Pentecostali? Non ' vero. Forse in Brasile e  Messico , gia' Nazioni   Cattoliche          prima del CVII                 . </span> 
    <span>Secondo: e' falso che i fini Dell' Una e Santa siano i medesimi degli eretici. La Prima infatti mira alla Verita' ed alla Salvezza . I secondi all' Eresia e dunque alla Perdizione.</span> 
    <span>Torni all'Opera..</span></span>

    RispondiElimina
  179. Guardia Svizzera15 giugno 2010 12:29

    Caro Cattolico  ,   debbo contraddirla.
    <span><span><span>Primo : il 99% degli eretici protestanti sono Pentecostali? Non ' vero. Forse in Brasile e  Messico , gia' Nazioni   Cattoliche          prima del CVII                 . </span>  
    <span>Secondo: e' falso che i fini Dell' Una e Santa siano i medesimi degli eretici. La Prima infatti mira alla Verita' ed alla Salvezza . I secondi all' Eresia e dunque alla Perdizione.</span>  
    <span>Torni all'Opera..</span></span></span>

    RispondiElimina
  180. ..perché invece é un tripudio di inchini ogni giorno, vero, tra le migliaia di turisti in maglietta, infradito e shorts!.. Ma mi faccia il piacere, mi faccia!
    Sa per uno della Fsspx che non si genuflette a Santa Maria ad Martyres quanti <span>NON si GENUFLETTONO MAI DURANTE LA COMUNIONE</span>?!?!?.. DIREI PROPRIO LA STRAGRANDE MAGGIORANZA!!!..e ora ci viene a dire che "uno non s'è inginocchiato"?!?!? Ma va' a ciapà l'aria!!

    ..in ogni caso, i "modernisti" non possono "schifare" la tradizione, e poi pretendere pure di vedere i fedeli tradizionali giulivi e contenti di fronte a queste malefatte.

    RispondiElimina
  181. Esatto. Perché allora difendi la gente che fa quello che il papa dice di non fare?

    RispondiElimina
  182. A proposito di Tradizione "vivente" o meno (stralcio da una mia relazione sul Convengo "Summorum Pontificum" del settembre 2009)

    <span>Con cristallina chiarezza e profondità teologica, mons. Gherardini ha mostrato l’antitesi tra la “tradizione vivente” – di conio modernista, storicista e soggettivistico, che esclude la continuità e sancisce una rottura sempre nuova, perché “vivente” non è la tradizione, ma il principio che la neutralizza – e la “ermeneutica teologica evolutiva”, perché Tradizione e fissità non stanno insieme. Infatti chiunque voglia dare un nome ai criteri interpretativi di cui si avvale deve farlosecundum normas teologicae interpretationis; il che esclude tutti i criteri immanentistici antropocentrici e storicisti post illuministi che si ispirano al sentimentalismo, al romanticismo e forniscono di volta in volta unicamente risposte a domande contingenti, pretendendo di conformare il dogma e la dottrina alle molteplici variazioni del fragile pensiero umano, anziché ancorarli alla Divina Rivelazione. <span>L’ermeneutica teologica definita della “continuità evolutiva”, esclude tutti quei criteri immanentistici che si sono imposti, dall’Illuminismo ad oggi, sia alla filosofia che alla teologia.</span> Gli Apostoli ci hanno lasciato quanto da Cristo avevano ricevutoratione ecclesiae, non i carismi personali ma le verità riguardanti la Fede e la Chiesa.Successio et Traditio: al successor viene trasmesso un deposito di cui diventa custos et traditor, ossia custode e trasmettitore di quod semper, quod ubique, quod ab omnibus creditum est. Tradizione da tradere: trasmettere, consegnare, comunicare; il che implica l’atto, il contenuto, l’Autorità che trasmette la sapienza metabolizzata dalle più lontane generazioni consegnata alla presente da consegnare alle future. Paolo a Timoteo afferma che la grazia ricevuta con l'imposizione delle mani lo abilita a trasmettere la verità ricevuta a uomini 'sicuri'. Ecco già in atto la catena della successione apostolica. Tertulliano parla di trasmissione della 'semente apostolica'. I Padri la chiamano Traditio Dominica Traditio Apostolica “lo Spirito Santo vi ricorderà tutte le cose che vi ho insegnato io” (Gv 14, 26). L’insufflatio dello Spirito non ha per oggetto una o più, ma “quaecumque dixero vobis”: tutte le cose, acquisizioni sempre più approfondite, nova et vetera (Gv 16,13). </span>

    RispondiElimina
  183. ho inserito più su un post su cos'è la Tradizione, distinguendo la Tradizione VIVA da quella cosiddetta "vivente" che muta secondo le mode del tempo...

    RispondiElimina
  184. Guardia Svizzera15 giugno 2010 12:40

    <span>La solita spia.</span>

    RispondiElimina
  185. Guardia Svizzera15 giugno 2010 12:46

    O la  pertinentissima Lettera Enciclica Musicae Sacrae disciplina del Sommo Pontefice Pio XII

    RispondiElimina
  186. Guardia Svizzera15 giugno 2010 13:11

    A casa mia i giovani numerarii e soprannumerarii latinamente oranti definiscono la Santa Messa di sempre un "mio pallino" disertandoLa puntualmente e  ricevono la Comunione  in mano ! Ma ai ritiri di Castel Romano tutti giu' in ginocchio!!!! Ecco che significa la Tradizione esteriore....  Oremus.

    RispondiElimina
  187. Prendo atto di come lei ami più la polemica della Verità.
    Oltretutto mi rattrista il fatto che lei attacchi l' unica prelatura personale di Santa Roma Ecclesia, fondata oltretutto da un Santo della Chiesa stessa.

    Per l' amor del Cielo, ognuno è libero di pensarla come vuole, ma l' obbedienza al Papa presuppone cose ben diverse da quelle da lei espresse sopra.
    Libero di ricredermi, laddove il Papa(o il mio Vescovo) mi ordinerà diversamente.

    RispondiElimina
  188. Il Papa va seguito, non invocato. Anzi, citando Sant' Ignazio, va obbedito come cadaveri.
    E chi segue il Papa non è certo certo(scusate il gioco di parole) "tradizionalismo" estremista.
    Lei evidentemente Luisa, che difende così strenuamente il Papa, fa benissimo a meno di lui dato che ne schifa le attività di dialogo con le altre confessioni cristiane e non.
    Venendo invece ai dogmi sacrificati in nome della lotta, questa non è certo prerogativa del Papa e di chi prova a seguirlo.
    E' piuttosto prerogativa di chi trasforma la chiesa cattolica in un insieme di partiti politici che lottano alla morte tra di loro in perpetuo. Siano questi alcuni tradizionalisti oppure ultra-progressisti.
    L' errore di fondo modernista è il medesimo.

    RispondiElimina
  189. DANTE PASTORELLI15 giugno 2010 13:32

    Magari se ne avesse il potere.

    RispondiElimina
  190. DANTE PASTORELLI15 giugno 2010 13:33

    Hanno i pannoloni.

    RispondiElimina
  191. DANTE PASTORELLI15 giugno 2010 13:39

    Anch'io in camera ho il letto. Matrimoniale.

    RispondiElimina
  192. Mi meraviglio di quanto siate abili a GIUDICARE dei fratelli in preghiera. Capisco che non è il vostro modo di pregare ma la Chiesa è bellla perchè è varia e in mezzo ci siamo anche noi.
    Io non critico il modo di pèregare contempletivo, poichè ognuno ha i suoi modi di pregare, che dire, non è il mio stile ma non vengo a sbandierarlo a voi, il Signore mette nel cuore di ognuno di noi il modo di rivolgersi a Lui.
    Davide ballava davanti all'Arca del Santo dei Santi, lodava, salmeggiava e usava ogni sorta di strumento e nessuno si lamentava... a differenza di voi che sbraitate a destra e a sinistra contro un movimento che ha dato alla Chiesa tante conversioni e ha riportato dal pentecostalismo tanti fedeli che erano perduti.
    Nella Chiesa c'è tanto spazio da entrarci tutti quanti.

    Pregate di più e GIUDICATE meno.

    Dio vi benedica

    RispondiElimina
  193. Insomma, seguendo lei, morto un papa finisce la validità del Suo Magistero.
    Quello che conta è solo la Volontà del Pontefice Regnante, quand'anche si discosti dalle indicazioni, dagli anatemi dei Pontefici precedenti.
    ..vale però sempre la stessa obiezione: che autorità può chiedere e pretendere un Papa che smentisce i Predecessori, facendo e dicendo cose che i Suoi Predecessori hanno sempre, pubblicamente condannato e proibito?.. Non gli si riserverà un domani forse lo stesso trattamento?

    Possibile che un'anima, essenzialmente eterna, sotto Benedetto XV si salvi in un modo.. Poi sotto Giovanni XXIII in un altro.. Poi con Paolo VI in un altro ancora, poi con Giovanni Paolo II partono gli sconti di fine stagione e si salvano tutti.. Ora? Mah.. Ora probabilmente in una diocesi si salvano i tradizionali accolti dal Vescovo, rifiutati da un'altra Diocesi dove invece di salvano i modernisti chitarre-e-palloncini?..

    RispondiElimina
  194. DANTE PASTORELLI15 giugno 2010 13:42

    Chi parlava di spelonca di ladroni?

    RispondiElimina
  195. Guardia Svizzera15 giugno 2010 13:45

    Siete simpatici , carucci, intonati ( a volte) ma non ahime' Cattolici.  Oremus pro vobis.
    P.S. Davide era Ebreo e l'Arca non e' il Tabernacolo cui ballare innanzi come dei Baluba.

    RispondiElimina
  196. Guardia Svizzera15 giugno 2010 13:52

    No , lei ha affermato delle cose non vere ,  da me indegno sono state incontestabilmente  trafitte .
    Rileggasi  piano ed a voce alta il Suo post in cui magnifica i "novissimi" fini della Chiesa e dei protestanti. Ora vi sarebbe una doppia via salvifica ?
    Torni all'Opera..... Come vede, possiedo doti divinatorie.

    RispondiElimina

I commenti, tranne alcune occasioni, non sono sottoposti a previo controllo ed il loro contenuto è nella esclusiva responsabilità dei loro autori.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.