venerdì 6 novembre 2009

Il RAPPORTO UNA VOCE


Lo scorso 28 ottobre la Federazione Internazionale Una Voce ha consegnato al Papa un rapporto confidenziale di un centinaio di pagine sul secondo anno di applicazione del motu proprio. Il grosso del documento è rappresentato dall'analitica raccolta, paese per paese, di testimonianze, fatti e documenti. Data la natura di tale materiale, esso non è stato reso pubblico ma posto a disposizione del Papa e dei dicasteri competenti. Tuttavia una parte della relazione, quella più generale ed introduttiva, è apparsa sul sito della benemerita associazione e, per l'importanza delle considerazioni svolte, abbiamo sostenuto la fatica di tradurne un ampio stralcio che offre un quadro generale e sovranazionale, anzi mondiale, dello stato della questione. Trovate l'originale in PDF a questo link.





Summorum Pontificum: secondo anno - Analisi e Sintesi.

Introduzione.

I membri della Federazione Internazionale Una Voce in tutto il mondo hanno fornito, una volta ancora, le loro osservazioni su come il motu proprio Summorum Pontificum è in corso di attuazione nei loro paesi nel corso del secondo anno successivo alla promulgazione. Le informazioni, come nel primo anno, sono state fornite con le stesse dieci domande al fine di garantire un certo grado di analisi coerente.

Le relazioni da singoli membri sono contenute nella parte 3 della presente relazione, ma l'analisi e sintesi delle risposte è presentata in questa parte.

Quello che è chiaro da queste nuove relazioni è che vi è stato un grado misto di accoglienza del Summorum Pontificum, che include un grave livello di disapprovazione episcopale in molti paesi. La buona volontà mostrata da molti vescovi è stata compensata dai continui e concertati tentativi di molti altri vescovi di contrastare la volontà del Santo Padre. Le relazioni individuali dei membri della Federazione Internazionale Una Voce indicano chiaramente che il motu proprio, un documento legale emanato con tutta l’autorità del legislatore supremo, Successore di Pietro, nel suo sforzo di sanare divisioni e "arrivare a una riconciliazione interna nel seno della Chiesa", viene ignorato, e, ancor peggio, viene pubblicamente disobbedito su una scala che può essere descritta solo come scandalosa.

Il quadro generale, nonostante i numerosi ambiti di preoccupazione, rivela comunque molti aspetti positivi. Deve essere detto chiaramente che il malessere, concernente l'attuazione riluttante del Summorum Pontificum, esiste principalmente nei ranghi dell'episcopato. Molti vescovi sembrano avere paura che la loro autorità sia inficiata e reagiscono oltre misura in modo difensivo per esercitare un controllo assoluto e rigido. Ma questo atteggiamento autoritario (in chiara contraddizione con il diritto canonico: can. 16.1) sta creando un profondo e ribollente risentimento tra i loro sacerdoti e fedeli. Il pastore ha lo scopo di promuovere e proteggere il suo gregge e la cura d'anime è di primaria importanza, non di infliggere dolore e sofferenza alle anime. In contrasto con questo approccio sterile e negativo, ci sono molti in seno alla Chiesa, clero e laici, che hanno accolto il motu proprio e
stanno lavorando energicamente per il suo successo, nonostante le sanzioni adottate contro di loro.

Particolarmente eroici sono quei sacerdoti che soffrono il disprezzo dei loro confratelli per la loro determinazione a fornire la messa nella forma straordinaria in obbedienza al Santo Padre, e per la loro ricerca instancabile della salvezza delle anime. E questo numero è in crescita, man mano che sempre più persone, sia del clero sia laici, sono esposti alla bellezza, alla riverenza, e alla spiritualità della forma straordinaria della Santa Messa. La celebrazione dei sacri misteri, il sacrificio della Croce, non dovrebbe essere un motivo di controversia e di amarezza, ma, purtroppo, questa è la realtà e la conseguenza inevitabile della linea dura che viene adottata da molti alti prelati.

Nonostante questa diffusa disapprovazione non vi è dubbio che vi sia stata una crescente consapevolezza tra i laici e alcuni sacerdoti. La mancanza di informazioni dalle conferenze episcopali crea una comprensibile frustrazione, ma non ha alcuna conseguenza concreta perché è internet che è la strada con la quale molti cattolici stanno diventando consapevoli del Motu Proprio. Internet sta diventando il predominante mezzo di informare i laici sull’iniziativa di Papa Benedetto XVI per mettere nuovamente la messa tradizionale a disposizione di sacerdoti e fedeli laici. I fedeli che ricordano l'antica forma di massa, e le persone più giovani che stanno scoprendo la bellezza e la spiritualità dell’antica liturgia, si uniscono a formare gruppi e presentare una petizione ai loro sacerdoti e vescovi per la Messa nella forma straordinaria. Nella maggior parte, in generale, sono i più giovani, laici e sacerdoti, che mostrano il maggiore interesse. E per converso, in linea generale, è il clero anziano che è più contrario al ripristino della liturgia antica. La domanda per la liturgia tradizionale è un movimento che sta crescendo e che non può essere arrestato, nonostante i migliori sforzi di vescovi e clero per farlo. La forma della Messa descritta da Sua Santità Papa Benedetto XVI come straordinaria ha un pedigree di più di 1.500 anni e un imprimatur, non solo del Papa attuale, ma anche, si può dire con piena giustificazione, dello Spirito Santo. Con un tale grado di appoggio la resistenza di alcuni vescovi è destinata inevitabilmente a fallire.

Ubi caritas et amor, Deus ibi est

1. La situazione è migliorata dal 14 settembre 2008?
Considerando che in alcuni luoghi la situazione ha dimostrato un graduale miglioramento, non si può negare che in molti luoghi non vi è stato alcun progresso e vi è addirittura stato un deterioramento. In alcuni paesi, in particolare la Polonia, Sud Africa, e gli Stati Uniti, vi è stato un notevole miglioramento con più messe celebrate e in luoghi diversi. In alcuni luoghi, come la Nigeria, la situazione è peggiorata, e nella maggior parte degli altri la situazione è relativamente invariata. Vi è la prova evidente che molti nell'episcopato sono stati colti alla sprovvista dalla promulgazione del Summorum Pontificum e presi di sorpresa dall'interesse per la forma straordinaria, in particolare tra i loro sacerdoti e per il numero delle Messe che si celebra. Purtroppo, questa sorpresa è ora stata sostituita da una volontà di esercitare un controllo che non sarebbe in loro potere di fare. Non è esagerato dire che molti sacerdoti sono minacciati dai loro Ordinari e dai colleghi per non celebrare la forma straordinaria della Messa. In quei luoghi in cui i vescovi hanno accolto il motu proprio e in cui entrambe le forme coesistono c'è armonia e crescita nelle loro diocesi. Questa è stata la chiara intenzione del Santo Padre ed i risultati sono stati una rinascita della fede e la rigenerazione della vita parrocchiale.

2. Avete più messe - e in luoghi diversi?
Negli Stati Uniti, le messe tradizionali sono ora celebrate in 151 diocesi su 178 e vi è stato un aumento della località e il numero delle Messe. In Polonia si è registrato un notevole aumento delle celebrazioni. In Italia, Germania, Austria, Svizzera, Francia, Inghilterra e Galles c'è stato un certo aumento nelle Messe e nei luoghi interessati, ma questo è spesso dovuto alla persistenza dei laici e al coraggio dei singoli sacerdoti, piuttosto che alla preoccupazione pastorale dei loro vescovi.

3. Quali vescovi hanno risposto positivamente al motu proprio di Papa Benedetto XVI?
Ci sono molti vescovi in tutto il mondo che hanno risposto positivamente e, forse, troppi per nominarli. Comunque, , in Australia gli Arcivescovi Hart e Hickey, e il vescovo Jarrett hanno abbracciato il motu proprio. In Canada ci sono gli Arcivescovi Miller, Collins, e Currie, e i vescovi Legatt e Daniels. In Francia ci sono i vescovi Rey e Centene. In Nuova Zelanda, il vescovo Jones. In Sud Africa, Thlagale Arcivescovo di Johannesburg ha dato piena attuazione alla motu proprio. Negli Stati Uniti numerosi vescovi hanno mostrato il loro sostegno, con il cardinale George e Vescovi Bruskewitz e Finn i sostenitori più importanti.

4. Avete informazioni circa la mancanza di cooperazione e le risposte negative?
I membri della Federazione Internazionale Una Voce hanno fornito una grande quantità di informazioni concrete circa la mancanza di cooperazione e queste informazioni saranno fornite alla Pontificia Commissione Ecclesia Dei.

5. Ci potete fornire informazioni, sia positive che negative, da vescovi e sacerdoti sul Summorum Pontificum?
Ci sono novità molto positive da riportare da parte del clero, ma questo è meglio documentato al punto 10 con testimonianze di corsi di formazione per i sacerdoti.
In Sud Africa, il settimanale cattolico nazionale 'The Southern Cross' ha pubblicato un articolo e un editoriale positivi.
D'altra parte, ci sono molte prove di fatto ora disponibili sull’atteggiamento negativo e ostile di molti vescovi nei confronti dei loro sacerdoti e fedeli. Molti vescovi e sacerdoti semplicemente respingono le richieste dei fedeli o semplicemente le ignorano e non rispondono. Vescovi hanno rimosso sacerdoti dalle loro parrocchie per il fatto di celebrare, o aver palesato il loro desiderio di celebrare la forma straordinaria, ma di solito è sufficiente per l'ordinario far conoscere la sua ostilità alla Messa tradizionale per scoraggiare i sacerdoti. Ci sono anche prove circa l'atteggiamento ostile dei sacerdoti, in particolare del clero più anziano, nei confronti dei loro confratelli, ossia il dissuadere i sacerdoti più giovani a celebrare o a imparare la forma straordinaria. Per questo motivo, molti sacerdoti stanno ora imparando e celebrando la messa tradizionale in segreto.

6. Potete fornire i nomi dei sacerdoti che sono stati particolarmente utili per celebrare la Messa in forma straordinaria per i membri di Una Voce e per i parrocchiani?
Ci sono molti preti che hanno risposto caritatevolmente alle richieste del loro laicato, o hanno abbracciato l'opportunità offerta da papa Benedetto XVI per celebrare la messa tradizionale, ma molti di questi hanno chiesto che i loro nomi non siano resi pubblici. E' veramente un triste stato di cose nella Chiesa cattolica, quando un sacerdote ha paura di essere nominato per il fatto di celebrare la Messa di sempre, la forma di messa che ha sostenuto la Chiesa attraverso i secoli e ha formato innumerevoli santi. E’ una reminiscenza dei tempi delle persecuzioni.

7. Avete avuto più richieste dai laici per informazioni sul motu proprio e sulla vostra associazione?
Il problema con il Summorum Pontificum, come con molti documenti provenienti da Roma in questi ultimi anni, è che non è stato portato all'attenzione della grande massa dei fedeli. Mentre ha prodotto un ampio dibattito tra il clero e all'interno del movimento tradizionale, è un fatto che, a livello parrocchiale di tutto il mondo, la maggior parte dei fedeli non è consapevole del Motu Proprio. In molti paesi vi è stata una politica deliberata di silenzio e di contenimento che si è dimostrata un’efficace strategia. Sono le fraternità sacerdotali tradizionali e la Federazione Internazionale Una Voce che stanno rispondendo con obbedienza alla volontà del Santo Padre. Oltre a fornire cura pastorale per coloro che bramano la liturgia tradizionale, il motu proprio fornisce anche mezzi per attrarre la gente nuovamente in chiesa. Nei paesi più grandi come gli Stati Uniti e Canada vi è una crescita costante di interesse e nuovi capitoli Una Voce locali e regionali vanno costituendosi nell’alveo delle loro strutture nazionali. In Inghilterra e Galles la Latin Mass Society è in grado di sostenere pubblicità e continua a ricevere un numero significativo di richieste. In alcuni nuovi paesi si formano associazioni nazionali che chiedono di essere ammesse alla Federazione Internazionale.

8. Quali risposte sono state ricevute da persone che hanno partecipato ad una messa nella forma straordinaria ?
Per molti anni è stata la generazione più anziana che desiderava la liberazione della Messa tradizionale della loro gioventù. Non era nostalgia, era dottrinale e spirituale. Coloro che ricordano la Messa della loro giovinezza sono spesso emozionati quando partecipano nuovamente. Mentre le generazioni più anziane
esprimono un appagamento interiore dopo aver frequentato la messa tradizionale, è la reazione dei più giovani che è davvero sconvolgente. Sono stupiti che una tale bella liturgia sia stata sostituita e emarginata. Sono i giovani che stanno formando nuove associazioni, sono i giovani che stanno entrando negli istituti sacerdotali tradizionali, sono i giovani che entrano in monasteri e conventi tradizionali.
Questa forma di liturgia guadagna anche un parere favorevole da parte di persone che non sono cattolici, ma ne fanno esperienza in occasione di matrimoni e funerali. Non capiscono la lingua, o la cerimonia, ma sentono qualcosa che li muove, qualcosa di 'straordinario'.

9. Avete avuto richieste da parte di sacerdoti che desiderano informazioni o assistenza per celebrare la forma straordinaria della Messa?
La maggior parte delle nostre associazioni membri hanno ricevuto richieste; il maggior numero sono state in USA, Inghilterra e Galles, Germania e Canada, dove i sacerdoti non hanno così paura a chiedere aiuto e formazione. Il quadro in altre parti del mondo è più complesso. Molti sacerdoti che hanno espresso interesse per la liturgia tradizionale ai membri del FIUV hanno chiesto assoluta riservatezza. La maggior parte sono coraggiosi giovani preti, che hanno paura di ritorsioni da parte dei loro vescovi, dei colleghi sacerdoti, e anche dei loro parrocchiani, se il loro interesse diventasse pubblico. Alcuni stanno celebrando la forma straordinaria in privato fino a quando non saranno in grado di farlo pubblicamente. Video / DVD didattici sono distribuiti ma in base a termini di rigorosa riservatezza. Altri sacerdoti stanno avvicinando gli ordini sacerdotali tradizionali in cerca di aiuto e di formazione. Nonostante gli ostacoli frapposti è un fatto innegabile che il numero dei sacerdoti (e seminaristi) che esprimono un interesse per la liturgia tradizionale stia crescendo inesorabilmente.

10. Avete organizzato corsi di formazione per sacerdoti / chierichetti / cori per imparare la forma straordinaria della Messa?
Corsi di formazione su larga scala sono stati condotti da Una Voce America (in collaborazione con la FSSP), dalla Latin Mass Society in Inghilterra e Galles, e da Pro Missa Tridentina in Germania.
La Fraternità Sacerdotale San Pietro, in collaborazione con Una Voce America e la William C. Meier Foundation, ha istituito un programma di formazione sacerdotale nel giugno 2007. Da allora, essa ha fornito personale di formazione per oltre 130 sacerdoti in 72 diocesi diverse in Nord America. Oltre l'80% dei partecipanti a questo programma sta ora dicendo la forma straordinaria su base regolare.
Nel 2009 la Latin Mass Society ha organizzato due corsi di formazione importante per oltre 40 sacerdoti. Questi corsi sono stati condotti all’Ushaw College, un seminario nel nord dell'Inghilterra, e all’All Saints Pastoral Centre (il centro pastorale per la Arcidiocesi di Westminster). La Latin Mass Society paga per questi corsi con fondi propri. Se altre associazioni aderenti FIUV non hanno le risorse per organizzare la formazione inoltrano le richieste a sacerdoti simpatizzanti che sono in grado di fornire aiuto.

Rispondere alle richieste da parte dei laici nei vari paesi.

In aggiunta alle informazioni fornite dai membri della Federazione, la relazione contiene anche materiale raccolto da vari individui e gruppi in varie parti del mondo. È stato incluso per presentare un quadro più ampio del desiderio di molti fedeli di diversi paesi a sperimentare una liturgia più tradizionale, più spirituale e più rispettosa di quella che si sta celebrando in molte chiese parrocchiali. Ciò che è evidente è che molte di queste richieste di aiuto provengono da giovani che non hanno esperienza della Messa tradizionale prima che fosse accantonata nel 1970.
Alcuni hanno partecipato ad una Messa nella forma tradizionale, o la hanno vista in televisione o in video, e non riescono a capire perché la Chiesa abbia sostituito una così bella liturgia con il rito moderno in vernacolo. Poiché molti di questi fedeli cattolici non ricevono alcuna assistenza o incoraggiamento da parte dei loro sacerdoti o vescovi, essi si rivolgono alla Federazione Internazionale Una Voce per l'aiuto.

16 commenti:

  1. Matteo Castagna6 novembre 2009 08:56

    Egregi Signori,
    mi limito a un breve commento.
    La potenza dell'unica vera Messa Cattolica può esplicitarsi concretamente e ovunque non solo attraverso la Grazia santificante che Le è propria ma anche dopo una completa restaurazione della dottrina. Aver proceduto in maniera inversa è stato un errore che ha determinato la disobbedienza di molti episcopati. Ma il vero grande errore è stato quello di non abolire il N.O.M. sostenendo che alla sua radice c'è la stessa Fede della Messa Cattolica. Cordialità.

    RispondiElimina
  2. In effetti, se Paolo VI abolì o almeno tentò di farlo, la Messa di sempre, perché un nuovo Papa non potrebbe ripristinarla quale forma ORDINARIA (senza l'EXTRA) della Chiesa Cattolica?

    Nessuno potrebbe neppure appellarsi al CVII (del quale peraltro alcuni documenti (altro che "continuità") andrebbero rivisti e corretti alla luce della VERA dottrina cattolica, quella cioè tramandata nei millenovecento e passa anni precedenti) che certamente non aveva dato alcun mandato a Paolo VI di stravolgere così come fece la celebrazione della S.Messa.

    RispondiElimina
  3. Fermatela là, con queste farneticazioni.

    Qui non si riesce manco a far celebrare una Messa VO per milione di abitanti, e voi immaginate irrealistiche abrogazioni per le quali occorrerebbe passare sul cadavere di, appunto milioni di cattolici!

    Simili massimalismi e rodomontate sono usati con gran gioia dai nostri nemici proprio per continuare a ostacolarci e ghettizzarci.

    RispondiElimina
  4. Voi Redazione le definite farneticazioni, massimalismi, rodomontate.

    Può darsi che, coi tempi che corrono, possano in effetti essere considerate tali. Certamente in avvenire, essendo ospite, mi adeguerò astenendomi da cpmmenti non in linea con la "politica" di questo sito, ma sottopongo alla vostra riflessione una considerazione di Amerio che l'altra sera, leggendo "Iota unum", mi ha colpito: "...E' infatti diritto dei fedeli confrontare l'insegnamento di un ministro particolare con l'insegnamento degli altri ministri e in ultima analisi con quello del Magistero supremo. Questo diritto discende dalla partecipazione all'officio didattico del Cristo prodotta dal battesimo, e importa l'obbligazione di rigettare l'insegnamento erroneo in foro interno e, dato il caso, di impugnarlo anche in foro pubblico...".

    RispondiElimina
  5. Paolo VI ed alcun altro Papa non potevano e non possono abrogare il V.O. perchè sussistevae sussiste una obiezione giuridica insormontabile: il V.O. gode della immemorabilità. Cfr. C.J.C.. Alessandro

    RispondiElimina
  6. Mah: la 'politica' semmai è espressa negli articoli. I commenti sono liberi e non devono necessariamente conformarsi a quelli. Nondimeno, un po' di sano realismo non guasta mai.

    Iniziamo tutti ad agire per una Messa aggiuntiva vetus ordo in parrocchia, ch'è più produttivo!

    RispondiElimina
  7. State attenti ai Vescovi che abbracciano fedelmente il motu proprio perchO non è detto che l'intenzione sia retta. L'attuale Nunzio a Parigi si era recentemente (quando era in Canada) mostrato favorevole alla Messa Vetus Ordo...poi è arrivata la nomina a Parigi. Certo, mi è venuto spontaneo dire: Parigi val bene una Messa!

    RispondiElimina
  8. DANTE PASTORELLI6 novembre 2009 15:17

    E una Messa vale Parigi.
    La posizione della redazione, che condivido, si muove su una linea di realistica prudenza.
    Se con la bacchetta magica si potesse dall'oggi al domani tornare indietro e sostituire il rito antico al NO, lo farei. Ma non è possibile.
    La via, da perseguire con celerità - e sottolineo celerità - da parte del Papa è quella dell'eliminazione di abusi e carenze insite nel NO per prima cosa, ed obbligare i vescovi a formare sacerdoti che celebrino il rito antico per venire incontro alle necessità dei fedeli.
    Ma stiamo anche attenti: non basta che i saceroti apprendano un po' di latino per celebrar la Messa di S. Pio V: è necessaria una formazione dottrinale adeguata. Senza il suo naturale retroterra la conquista sarebbe poca cosa.
    E qui è il centro del problema: riforma dei seminari ed imposizione della sana dottrina.
    Dunque, non chiediamo l'imposibile sulla base delle nostre legittime, peraltro, aspirazioni. Con realismo manteniamo i rapporti con l'autorità diocesana, cerchiamo di ottener la Messa, rivgliamoci all'Ecclesia Dei in caso di episcopale rifiuto.
    Inoltre opportune et importune
    facciamo sentire la nostra voce al Papa.
    La funzione di UNA VOCE in quest'ultimo cinquantennio è stata questa ed ha ottenuto risultati.

    RispondiElimina
  9. Dal 1980 ho perso in tutto, per cause generalmente di salute, non più di cinque messe e non più di una negli ultimi 5 anni. Non ho mai e ripeto mai sentito alcun sacerdote fare un accenno dall'altare al MP. E sì che sto attento! Ho scoperto casualmente ai primi di agosto ,via Internet, che a 17 km da casa mia veniva celebrata la Santa Messa V.O. tutte le domeniche. Secondo Voi dovrei fare un monumento ad Internet?

    RispondiElimina
  10. Gentile redazione, in merito all'applicazione di Summorum Pontificum in giro per il mondo, vi segnalo -assolutamente da tradurre e pubblicare almeno qui!- :

    http://www.newliturgicalmovement.org/2009/11/one-priest-shares-his-impressions-of.html

    ...che contiene una fantastica testimonianza di un parroco canadese, circa il ritorno della celebrazione dei Vespri (more antiquo) nella sua parrocchia.

    RispondiElimina
  11. DANTE PASTORELLI6 novembre 2009 18:17

    WELCOME
    Nessun monumento ad internet, ma un ringraziamento a chi ne sa fare buon uso.

    RispondiElimina
  12. Resta un fatto...a volte ( e dò merito alla redazione di tenere decisamente duro) certo tradizionalismo nega la speranza! Cacchio! Ma la pazienza è del cattolico!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  13. Alessandro scrive:

    "Paolo VI ed alcun altro Papa non potevano e non possono abrogare il V.O. perchè sussistevae sussiste una obiezione giuridica insormontabile: il V.O. gode della immemorabilità. Cfr. C.J.C.."

    Teoria. In PRATICA è stato , ABUSIVAMENTE, abrogato per oltre quarant'anni e a tutt'oggi, molti vescovi FELLONI, strafregandosene del CJC continuano ad osteggiarne la celebrazione o comunque, a rendere difficoltosa la partecipazione ad esso di chi è ancora cattolico.
    Il Papa sia CHIARO. ORDINI, usufruendo delle Sue prerogative la celebrazione della S.Messa di sempre in tutte le parrocchie, ogni giorno e in orari decenti.
    Ciò comporterà adeguata preparazione dei celebranti? ci vorrà tempo? D'accordo. Ma si cominci da subito.
    Cosa si aspetta ancora?
    Cosa si teme? cosa di peggio di quanto si verifica da anni si può paventare?
    Uno scisma? Un possibile scisma di eretici conclamati fa paura?
    Cosa sono tutte queste "prudenze"? A meno che non ci si foderino gli occhi di prosciutto si può affermare che quella attualmente definita cattolica è la stessa Chiesa fondata da Gesù Cristo?

    RispondiElimina
  14. Lode al Signore per i larghi squarci di luce nel cielo della Chiesa (bravi cattolici USA!)...
    mentre nuvole dense e nebbia fitta permangono sulla Chiesa italiana.

    Faccio eco alle accorate domande di Cesare: che Chiesa è mai questa, dove i Vescovi si ribellano al Papa, intento a restaurare la Casa del Signore nel suo pieno splendore, cercano di demolirlo, zittirlo, sordi alle sue richieste e (miti) disposizioni, e perseguitano i fedeli che vogliono seguire il Vicario di Cristo, ascoltando in lui la voce del Buon Pastore?
    Non trovo risposta se non nel prendere atto che si stanno avverando i tremendi castighi (in particolare destinati all'Italia), preannunciati a Fatima come "apostasia silenziosa che viene dai vertici", e ripetuti dalla stessa Ss.ma Vergine apparsa più volte alla famiglia Gregori di Civitavecchia nel 1995 (dopo le lacrimazioni di sangue della statuina anche davanti al Vescovo), con le seguenti parole:

    “Figli miei, le tenebre di Satana stanno oscurando ormai tutto il mondo e stanno oscurando anche la Chiesa di Dio. Preparatevi a vivere quanto io avevo svelato alle mie piccole figlie di Fatima [...]
    Cari figli, dopo i dolorosi anni di tenebre di Satana, ora sono imminenti gli anni del trionfo del mio Cuore Immacolato.
    La vostra Nazione è in grave pericolo.
    A Roma le tenebre stanno scendendo sempre di più sulla Roccia che mio Figlio Gesù vi ha lasciato per edificare, educare e far crescere spiritualmente i suoi figli.
    Vescovi, il vostro compito è di continuare la crescita della Chiesa di Dio, essendo voi gli eredi di Dio.
    [...]
    Consacratevi tutti a me, al mio Cuore Immacolato, e Io proteggerò la vostra Nazione sotto il mio manto ora pieno di grazie.
    Ascoltatemi vi prego, vi supplico! Io sono la vostra Madre Celeste, vi prego non mi fate piangere ancora nel vedere tanti miei figli morire per le vostre colpe non accettandomi e permettendo che Satana agisca.
    Vi amo, aiutatemi, abbiamo bisogno di tutti voi, dolci figli.”
    .....
    Il mio mantello ora è aperto a tutti voi tutto pieno di grazie, per mettervi tutti vicino al mio Cuore Immacolato. (Esso) si sta per chiudere, poi il mio Figlio Gesù sferrerà la sua giustizia divina.
    Incombe sul Santo Padre, mio figlio, un pericolo, un attacco feroce di Satana, poiché lui, vero e santo mio figlio, sta aprendo le porte dei cuori della vera Chiesa di Dio e Satana non vuole [...]”

    http://profezie3m.altervista.org/mes_civitavecchia.htm
    ******

    Non si può disattendere questo pressante invito: la Madre di Dio supplica -supplica- tutti di consacrarsi al Suo Cuore Immacolato, per affrettarne il Trionfo, come voluto dal Disegno della Divina Provvidenza e annunciato nel 1917 a Fatima. Se i vertici della Chiesa sembrano temporeggiare in un'ora così grave, non perdiamo tempo noi, nel nostro personale angolo di preghiera: che altro possiamo, in mezzo alle incomprensioni e persecuzioni dei potenti?....

    (PS Magari il Papa potesse fare per il prossimo 8 dicembre una consacrazione al Cuore Immacolato di Maria di tutta la Chiesa, e specialmente della Russia, nel modo in cui la Madonna esplicitamente chiese: credo che allora liberati dalle angosce presenti e passate, vedremmo vicinissimo il compimento della promessa di salvezza sicura, alla quale il Signore con mano potente vuole condurrre la Sua Chiesa !)

    RispondiElimina
  15. ultimaspes scrive:

    "PS Magari il Papa potesse fare per il prossimo 8 dicembre una consacrazione al Cuore Immacolato di Maria di tutta la Chiesa, e specialmente della Russia, nel modo in cui la Madonna esplicitamente chiese..."

    Credo,non vorrei sbagliare, che la consacrazione della Russia sia già stata fatta, ma dal solo Papa (Pio XII) e non come richiesto dalla S.S. Vergine dal Papa con TUTTI i Vescovi.
    Francamente, vista l'apostasia quasi generale, dubito che oggigiorno ciò possa avvenire.
    In uno dei post sopra Matteo Dellanoce, si rammarica della perdita di speranza (tralasciando di specificare i motivi che indurrebbero invece a ben sperare) da parte di "alcuni" tradizionalisti (meglio dire: cattolici). Confermo, ma riguarda, basta guardare le facce di certi esponenti di spicco del clero, soltanto l'attuale "andazzo" terreno, non certo quella nella vita eterna

    RispondiElimina
  16. sono totalmente d'accordo con Matteo Castagna

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.